calcio mercato
William Hill Casino

TORINO, EUROPA LEAGUE. GALEOTTO FU QUEL DOPPIO FALLO DI BENASSI


Compromessa la qualificazione per il Toro in Europa League. Tuttavia, nella partita di ritorno il sogno può continuare. Ecco perché.
RSS
San Pietroburgo, 13/03/2015 -


Ingenuità allo stato puro. Inammissibile per chi vuole imporsi nel calcio europeo. I primi venti minuti del Torino in quel di San Pietroburgo, avevano dato l’impressione di una squadra ben messa in campo, pronta a ripartire, ma attenta soprattutto a contenere ordinatamente l’avversario. Non vogliamo certamente buttare la croce addosso al giovane Marco Benassi, tuttavia, ci sembra determinante il suo ingenuo doppio fallo con la conseguente espulsione, che ha lasciato i suoi compagni in dieci per 70 minuti di partita. Passi il primo fallo tattico su Hulk, ma la seconda entrata fuori tempo e in maniera pericolosa su Witsel, è davvero da condannare per lo scriteriato fallo in una zona del campo che non avrebbe creato alcun disagio ai suoi compagni. Comunque, dopo l’uscita di Benassi dal campo, il Torino ha palesato ovvie difficoltà di gioco. Il ragazzo è bravo tecnicamente, ma ha bisogno di maturare con calma e non in una partita di questa portata. E così Ventura cerca di correre ai ripari togliendo Martinez e inserendo Vives, concretizzando così una sorta di 3-5-1 che non ha fatto altro che abbassare notevolmente il Toro nella sua metà campo, inibendo ogni velleità di pungere in attacco. Il solo Quagliarella in avanti non poteva sicuramente fare nulla, se non rendersi utile nella strenua difesa dei suoi compagni. Noi pensiamo che Ventura avrebbe dovuto lasciare le due punte in campo, inserendo un difensore  per potere praticare una difesa a quattro, con tre centrocampisti, attuando un 4-3-2 che, secondo noi, sarebbe stato più concreto nell’alzare il baricentro del centrocampo. Così si poteva in qualche modo contrapporre un gioco più propositivo sugli esterni a beneficio delle punte, alleggerendo allo stesso tempo lo stress della difesa, cui non è bastato l’apporto dei cinque centrocampisti. Abbassarsi così, contro una squadra tecnicamente più forte, è stato secondo noi alquanto deleterio. Comunque, il 2 a 0 subito in casa dello Zenit, lascia a nostro avviso una speranza per il ritorno. Certo, non sarà facile per il Toro ribaltare un risultato che non la favorisce, tuttavia, ci sentiamo di dire che questo Zenit non ci ha impressionato più di tanto. Nonostante la superiorità tecnica e numerica, non ha palesato grande gioco di squadra anche se ha considerevoli individualità. Lo Zenit è apparso lento, con poco movimento senza palla e con occasionale coralità. Al confronto l’Athletic Bilbao ci è sembrato migliore sotto l’aspetto della foga agonistica e dell’assetto di squadra. Comunque, vedremo se in occasione della partita di ritorno queste nostre impressioni saranno suffragate da un match generoso e vincente, che il Toro sa fare quando è in vena. Il catino granata dello Stadio Olimpico è già metaforicamente colmo e pronto a continuare il suo percorso in Europa League. Il sogno continua, anche se è  legato a un filo.  

Salvino Cavallaro              



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013