calcio mercato
William Hill Casino

ITALIA SVEZIA, L’IMPORTANTE È AVER VINTO, MA…


L`Italia che non convince, entra agli ottavi di finale di Euro 2016.
RSS
Tolosa, 17/06/2016 -


Com’è strano questo calcio che ti annoia per 87 minuti e poi sprigiona in un attimo le emozioni che hai atteso per tutta la partita. E’ la sintesi di un match che ha visto l’Italia giocare male e la Svezia essere più in palla ma carente in attacco. Avevamo ancora negli occhi la bellissima partita di carattere che gli azzurri hanno giocato contro il Belgio, mentre contro la squadra di Ibrahimovic si sono evidenziate lacune in tutti i settori. Il gol di Eder è arrivato come una specie di liberazione, non solo per il successo acquisito ma, soprattutto, perché questo gol ci spalanca le porte degli ottavi di finale. E possiamo pure dire che quel famoso e amaro biscotto che avevamo dovuto ingoiare 12 anni fa in cui fummo mandati a casa dal tacito accordo tra Svezia e Danimarca, è stato “vendicato”. Ma a parte queste considerazioni che riguardano un passato troppo lontano, l’Italia vista oggi ha palesato lunghi momenti di ansia da stress fisico e mentale. Per tutto il primo tempo abbiamo visto gli svedesi arrivare primi sul pallone, mentre la nostra azione si spegneva praticamente a centrocampo, lasciandoci pericolosamente troppo bassi e arroccati nella nostra trequarti campo. Per fortuna, come dicevamo prima, la Svezia pur sovrastando l’Italia dal punto di vista fisico, hanno mostrato grandi carenze tecniche e di convinzione in fase di conclusione in area di rigore. “Dobbiamo guardare in faccia la realtà” dice Antonio Conte: “All’inizio nessuno avrebbe scommesso su un’Italia che dopo le prime due partite dell’europeo, sarebbe entrata agli ottavi di finale. Oggi, soprattutto nel primo tempo, ho visto i ragazzi un po’ contratti, ansiosi, forse perché volevano togliere in fretta qualche scheletro dall’armadio. Tuttavia, non mi sembra che in tutta la partita, Buffon abbia rischiato il gol. La Svezia ha avuto il pallino del gioco, ma noi siamo stati bravi a contenere la loro spinta che, ripeto, non ci ha mai creato grandi problemi.” Lucida l’analisi del C.T. azzurro che si stringe attorno alla sua squadra, anche dopo una partita insufficiente dal punto di vista del gioco. Certo, siamo all’inizio, tuttavia è assolutamente necessario riprendere il bandolo del gioco, degli schemi, del giusto approccio mentale alla partita. Tutte cose che questa Italia di Conte ci ha abituati, per carattere e per voglia di superare l’ostacolo attraverso l’unione di gruppo, capace di enfatizzare il senso di squadra. Certe carenze di poca qualità a centrocampo, non si possono certamente inventare. Ma la grinta e la determinazione della squadra nell’intendere il gioco sugli esterni d’attacco che, contro la Svezia non si è praticamente mai visto, è necessario ritrovarlo presto. Insomma, tutto è bene ciò che finisce bene, ma l’entusiasmo su una vittoria acquisita negli ultimi due minuti del tempo regolamentare,non deve nascondere i problemi che la Svezia di Ibrahimovic ha messo a nudo.

Salvino Cavallaro

      

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013