calcio mercato
William Hill Casino

IL NAPOLI TRITA UN TORO IRRICONOSCIBILE


I partenopei dilagano e si portano a un solo punto dalla Roma.
RSS
Napoli Stadio San Paolo, 18/12/2016 -


E adesso, per piacere, non si esageri con commenti pesanti che, se formalizzati come  vecchia maniera, l’ambiente granata va subito in depressione. Certo, non fa piacere perdere con il risultato pesante di 5 a 3, ma questo non significa che i ragazzi di Sinisa Mihajlovic, prima erano dei fenomeni e adesso sono dei brocchi. Occorre equilibrio e cercare di fare un’analisi costruttiva proprio su partite come quella di Napoli, in cui si evidenziano alcune lacune ancora da colmare per proseguire la fase di crescita e quindi di quella maturazione che ancora non c’è. Partendo dal presupposto che il Napoli di Sarri è la più bella espressione di calcio moderno in Italia, c’è da dire che forse, per la prima volta quest’anno, abbiamo notato un senso di eccessiva riverenza del Toro nei confronti degli avversari. Da qui il mancato approccio corretto alla gara, che ha poi determinato la sintesi di una disfatta evidente. Siamo sempre stati d’accordo con il mister del Toro che ha apportato una mentalità nuova nell’impostare una squadra granata dalle caratteristiche offensive. Tuttavia, questa volta, non capiamo perché nel primo tempo ha rinunciato al suo naturale 4-3-3 con Iago Falque in campo e non in panchina. L’inserimento di Zappacosta in avanti con De Silvestri a difendere sulla stessa fascia, ha dato la sensazione di volere coprirsi maggiormente al cospetto di un avversario che fa delle ripartenze improvvise e delle verticalizzazioni, la sua forza. Ecco, forse su questo non siamo tanto d’accordo, tenuto conto che la squadra di Mihajlovic non ha più il senso logico del “primo non prenderle”. Ma il mister granata ai microfoni di Mediaset sostiene proprio il contrario di questa nostra tesi, e dice che la maggiore corsa di Zappacosta rispetto a Iago Falque, lo ha consigliato a scegliere questa soluzione. Questioni di vedute tattiche che non vanno a inficiare minimamente ciò che pensiamo di positivo su questo allenatore sanguigno e coraggioso nelle scelte. “Come prima cosa” dice Mihajlovic “ faccio i complimenti al Napoli per aver meritato ampiamente la vittoria. Sono fortissimi, poi se gli lasci spazio ti fanno a pezzi. In quei nove minuti del primo tempo abbiamo dormito e la partita è finita lì. Nel secondo tempo abbiamo provato a riaprirla ma la sconfitta stavolta è meritata. A volte occorre “rompersi” per capire di che materiale si è fatti e ricomporsi più forti di prima. Ora dobbiamo pensare al Genoa e cercare di vincere a tutti i costi”. L’allenatore del Toro è un saggio signore del calcio moderno che non guarda in faccia nessuno, che non conosce l’ipocrisia e, più volte, in sede di conferenza stampa, ha dato cenni di riflessione che sono ben lontani dalla pochezza espressa dalle solite banalità pallonare che siamo soliti ascoltare. Ecco, diremmo proprio che è giusto ripartire da questo messaggio di Mihajlovic, facendo tesoro degli errori commessi da parte di tutti, ricompattandosi in maniera da ritrovarsi con l’autostima dimostrata prima dei tre tonfi di Genova con La Sampdoria, poi nel derby e quindi contro questo Napoli che ha trovato un Mertens strepitoso. Ma il Toro deve proseguire la sua strada senza ricadere in antiche polemiche che fanno sempre tornare indietro per poi ricominciare. E’inevitabile che Cairo debba potenziare questa squadra, che già ha alzato l’asticella tecnica in maniera notevole rispetto allo scorso anno. Tuttavia, è necessario coprire bene i ruoli dei due centrali di difesa, con calciatori che siano almeno al livello degli altri componenti la squadra. Quelli di adesso, non lo sono. E poi è necessario continuare su questa strada, dando alla squadra quella convinzione che è già propria del sentire del centrocampo e dell’attacco, ma che non lo è ancora a livello di difesa. I tifosi del Toro stiano tranquilli, certe ferite si rimargineranno presto. Perché questo Torino è già andato molto avanti rispetto al recente passato, almeno nella mentalità e nella voglia di fare. Ritornare indietro sarebbe davvero un gravissimo errore!

Salvino Cavallaro      

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013