calcio mercato
William Hill Casino

E ADESSO SI CRITICA IL TORO, CAIRO E MIHAJLOVIC


Tra i tifosi del Toro c`è aria di proteste e delusioni.
RSS
Torino, 24/01/2017 -


Come tutto il Toro, anche Sinisa Mihajlovic è sui carboni ardenti. Storie di un calcio che non dà vittorie e, come tale, è soggetto ad aspre critiche. Certo, in alcuni momenti è difficile mantenere l’equilibrio, tuttavia, lasciarsi andare non è mai cosa positiva. Mihajlovic è un allenatore capace e vede il calcio in maniera propositiva. Ma il suo essere eccessivamente sanguigno e irascibile, fa in modo che egli si accenda come un cerino al minimo insuccesso. Il suo è un carattere difficile, ma questo lo si sapeva anche prima del suo arrivo. E, se è stato preso alla corte del presidente Cairo, evidentemente ci saranno state alcune credenziali che hanno giocato a suo favore. Quali? Ad esempio essere un grande motivatore, capace di instillare nei suoi giocatori quel sacro fuoco che significa spirito di squadra, compattezza e coesione. Poi si può discutere sul suo modo di mettere 4 o anche 5 punte quando vuole raddrizzare un risultato, ma, evidentemente, queste cose sarebbero state apprezzate qualora il Torino, con il serbo in panchina, avesse fatto quel salto di qualità che tutti i tifosi granata speravano. Partito alla grande, il Torino si è perso per strada con un apparente “senza perché”. Ma un perché c’è sempre, e anche in questo caso in cui cerchiamo di dare una spiegazione attraverso la nostra analisi sul momentaccio del Torino, la logica ci suggerisce che ci sono più colpe da ripartire. I giocatori sono qualitativamente di buon livello tecnico ma sono giovani e, come tale, soggetti a sbalzi di rendimento. Mihajlovic, con il suo modo di dire certe verità in conferenza stampa, non agevola l’ammorbidimento di certe sconfitte che, se analizzate a bocce ferme tra le mura dello spogliatoio, avrebbero sicuramente l’effetto dovuto. Ma lui è così, lo è sempre stato, e non per questo è da considerarsi un tecnico negativo. La sua filosofia di essere sempre concentrato e teso come corde di violino, non l’aiuta a somatizzare certe sconfitte che, qualche volta, diciamolo pure, hanno anche il sapore dei suoi sbagli. Ma questo ci sta pure in un calcio che non dà più frutti e vittorie. E allora, come mai all’inizio abbiamo visto un grande Toro dal gioco spumeggiante e gol a grappoli, mentre adesso manca il gioco e i gol di Belotti non garantiscono più la vittoria? Frutto di disattenzioni difensive e di centrocampo che, peraltro, sono emerse anche in tempi non sospetti, quando i granata vincevano ed erano in alto alla classifica. Con tutto il rispetto per Castan e Rossettini, lì in mezzo ci vuole ben altro per essere competitivi in campionato e aspirare all’Europa. E poi a centrocampo manca sempre il ragionatore, l’ispiratore delle azioni, il metronomo capace di dettare i tempi di gioco in fase offensiva e di interdizione. Un giocatore come Giaccherini, che ha grande qualità tecnica, saggezza tattica, intelligenza, correttezza e ottimi piedi in grado di fare anche tanti gol. Peccato, perché questa estate il Toro aveva avanzato un timido interesse per questo giocatore. Ma, evidentemente, invogliato da un alto ingaggio ha preferito accasarsi a Napoli, dove però Sarri lo impiega molto raramente. Sarebbe dunque il caso di bussare a quella porta, ma Cairo dopo avere speso soldi per i vari Iago Falque, Ljajic, Belotti, Valdifiori, e l’anno precedente per Benassi, Zappacosta, Baselli, non crediamo sia disposto a grandi spese, almeno in questo mercato invernale. Si vocifera l’interesse a Lucas Castro e Niang, ma nulla di concreto c’è in questo momento.  Dunque, c’è una spiegazione logica a questo rallentamento improvviso del Torino, che allo stato attuale delle cose non ci sembra soltanto imputabile all’allenatore e al suo essere Dr Jekyll e Mr. Hyde. Sarebbe troppo banale e superficiale. Il presidente Cairo dia al tecnico granata i ritocchi richiesti, senza essere tentato di vendere questa estate il suo pezzo pregiato che si chiama Andrea Belotti. Certo i soldi incassati sarebbero davvero tanti e fanno gola, ma questa è una storia vecchia in casa granata, il focus di una società con grandi limiti e incapace di crescere. Ma se questa svolta mentale, gestionale e organizzatrice di crescita ci deve essere, si ragioni col cervello senza pensare alla tasca. A nostro avviso la squadra c’è già, e manca poco per essere completata. Non si renda vano ciò che si è costruito fino ad oggi, andando a guardare la pagliuzza nell’occhio di Mihajlovic, mentre si ignora la trave che spicca all’interno della squadra.

Salvino Cavallaro      

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013