calcio mercato
William Hill Casino

LA JUVENTUS CONQUISTA CON MERITO LA FINALE DI COPPA ITALIA


Al San Paolo di Napoli si è giocata una partita ad alto contenuto agonistico e tecnico.
Mercoledì, 13 Dicembre 2017
Gigio Donnarumma. Il caso.    Leggi
Martedì, 12 Dicembre 2017
Tenebra Var e luci di speranza    Leggi
Domenica, 10 Dicembre 2017
Derby d’Italia: tanta attesa, molta delusione    Leggi
Mercoledì, 06 Dicembre 2017
Davide Nicola lascia il Crotone    Leggi



RSS
Napoli Stadio San Paolo, 06/04/2017 -


Insomma, questo doppio confronto tra Napoli e Juventus è finito col diventare “Napoli contro Higuain”. Una storia che sta diventando esagerata, stucchevole e persino noiosa, visto che non si riesce nemmeno a parlare e scrivere di calcio ma soltanto di corna e presunti tradimenti. Francamente, a noi non interessa più di tanto questa assurda storia che pare restringersi soltanto ad un dualismo tra Higuain e il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Dunque, parliamo di calcio giocato e diciamo che contrariamente a quanto abbiamo visto nel primo match di campionato, la Juventus ha rispolverato quell’orgoglio e quella personalità che gli sono consoni. In questa partita valevole per la conquista della finale di Coppa Italia, i bianconeri di Max Allegri pur dominando la prima parte della gara, hanno subito il ritorno del Napoli con la partecipazione del portiere Neto, il quale ha favorito la quasi riapertura del match, a causa di un memorabile liscio che ha regalato il gol a Mertens. Ma andiamo per ordine. Al San Paolo si sono vissuti momenti di emozione e rovesciamenti di fronte. I bianconeri, forti del 3 a 1 dell’andata, sono andati in vantaggio al 32’ con Gonzalo Higuain che da fuori area lascia partire un tiro di destro che supera il portiere Reina, colpevole di non avere agito con la solita prontezza. La reazione del Napoli non sembra essere convincente e il primo tempo si chiude con il vantaggio della Juventus. Nella ripresa è stata subito prevedibile la riscossa della squadra di Sarri che all’8’ pareggia i conti con Hamsik. Ma è ancora la Juve a mordere con Higuain, il quale approfitta di un invitante passaggio di Cuadrado per siglare la sua doppietta personale. A questo punto, come dicevamo pocanzi, la Juventus si dimostra autolesionista a causa di un errore di Neto che svirgola un banalissimo pallone e regala il gol del 2 a 2 all’appena entrato Mertens. Grazie a questo momento di assoluta disattenzione, il Napoli prende vigore e per lunghi tratti del secondo tempo mette alle corde la squadra di Allegri. Da qui in poi il Napoli dimostra grande cuore e spera nella remuntada, grazie anche a Insigne che al 22’ porta a 3 i gol per gli azzurri. E mentre l’arbitro Banti decide di dare 6 minuti di recupero, continua fino alla fine l’attacco ormai disordinato ma veemente di un Napoli che non ha deposto le armi fino al fischio finale. La Juventus si aggiudica dunque l’accesso alla Finale di Coppa Italia che si disputerà il 2 giugno all’Olimpico di Roma contro la Lazio. A conti fatti, dobbiamo dire che la Vecchia Signora ha meritato di accedere alla terza finale consecutiva per la sua capacità di essere cinica. In fondo, il calcio champagne della squadra di Sarri è sì bello da vedersi, piacevole nelle sue trame di gioco, ma alla fine dei conti tutto questo non ha portato a nessuna vera conquista, se non la speranza e l’ambizione di qualificarsi per la Champions League in maniera diretta (secondo posto in campionato). La Juve, invece, pur non esaltando il gusto dei palati fini del calcio spettacolo, produce un gioco redditizio legato anche a un’esperienza che il Napoli, ad oggi, non ha ancora. Riteniamo che il gap tra le due squadre si stia effettivamente riducendo, anche se resta ancora un piccolo vantaggio da parte di questa Juve dalle grandi ambizioni da triplete. Immenso Cuadrado e grande il Pipita, che si assicurano un 8 in pagella. Per il Napoli i migliori ci sono sembrati, Hamsik, Insigne e Mertens, che sono stati fino all’ultimo ispiratori di un sogno che non si è realizzato.

Salvino Cavallaro           



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013