calcio mercato
William Hill Casino

ACHILLE MUZZARELLI E CAPITAN VALENTINO MAZZOLA.


Il ricordo del capitano del Grande Torino e la promessa mantenuta.
RSS
Torino, 09/05/2017 -


Una bella storia legata al cuore.

Ci sono storie di vita che ci piace ascoltare e raccontare per la loro semplicità, intrisi come siamo di sofisticatezze quotidiane che lasciano talora privi di interesse. Ma la vera storia di Achille Muzzarelli, continuità di un’antica casa artigianale che opera nel settore della pasta fresca di prima qualità, attrae e per alcuni versi è anche emozionante. Già, l’emozione del ricordo di un bambino che nel lontano1949 aveva solo dieci anni, e oggi, 68 anni dopo, racconta la sua storia realmente vissuta. Achille, fin da bambino è un fervente tifoso del Toro e per indole famigliare si è appassionato alla maglia granata del Grande Torino, legandosi specialmente al capitano Valentino Mazzola. Un giorno, di quel fatidico anno, prima che avvenisse la tragedia di Superga, Achille ricevette in omaggio da Mazzola un distintivo del Toro. Fu un momento emozionante per quel bimbo che adorava il capitano che è stato il simbolo, l’emblema di una storia che si è cucita sulla pelle in maniera indelebile. Dopo quel tragico evento dello schianto dell’aereo che riportava a casa il Grande Torino da Lisbona, Achille promise a se stesso e a papà Giuseppe che avrebbe trovato il modo di onorare il ricordo del Capitano di quella invincibile squadra che tanta gente fece innamorare. Ebbene, nell’occasione della rinascita dello stadio Filadelfia che sarà inaugurato il prossimo 25 maggio, Achille ha mantenuto quella sua antica promessa, legando in qualità di sponsor il suo Pastificio Bolognese e tutta la famiglia Muzzarelli, al Pennone dedicato a Valentino Mazzola. Storie di cuore, di promesse mantenute, di inesauribile orgoglio capace di sentirti a posto con la coscienza, mentre ti fa emozionare per i tanti anni trascorsi e per il magnifico ricordo di papà Giuseppe che si lega alla Leggenda di Valentino Mazzola. Una sorta di gratitudine per quel piccolo distintivo del Toro che oggi è pure un po’ arrugginito dal tempo, ma che conserva intatto il gesto affettuoso che quel bimbo dal nome Achille di soli dieci anni, ancora oggi ricorda come fosse stato ieri. E’ la bellezza di un calcio che appare come qualcosa che inorgoglisce per fede sportiva, ma che poi coglie sfumature di vita che vanno oltre ogni cosa. In fondo è questo, è il gusto delle piccole cose, dei piccoli gesti che diventano improvvisamente grandi per la loro semplicità. Storie di vita che ti riconciliano con un mondo spesso banale, arido di sentimenti, sempre più proiettato verso una superficialità che appare inarrestabile e senza freni inibitori. Ma, per fortuna, ci sono storie romantiche come questa di Achille, capaci di strapparci attimi di riflessione sul significato semplice di vivere una vita a misura d’uomo, con la naturalezza che va alla ricerca dei sentimenti, delle relazioni tra le persone che restano alla base di ogni cosa. Da un piccolo pensiero del campione leggendario, la grandezza di un sentimento portato avanti per tanti anni con il segno tangibile della riconoscenza. E sullo sfondo di quel Pennone del nuovo Filadelfia che si erge orgoglioso e imponente sotto il cielo azzurro diventato metaforicamente granata, rivedremo per sempre le sagome nitide di capitan Valentino Mazzola che regala il distintivo del Toro al bimbo Achille, sotto lo sguardo commosso di papà Giuseppe Muzzarelli. Grazie Achille, per averci fatto vivere questa piccola - grande storia personale, che ci rende partecipi di momenti indimenticabili e capaci di intersecarsi tra cuore e anima. Noi non c’eravamo, ma è come se fossimo stati testimoni oculari di tanta emozione.

Salvino Cavallaro               

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013