calcio mercato
William Hill Casino

LA JUVE VINCE CONTRO LO SPORTING LISBONA, MA QUANTO AFFANNO


In Champions una prestazione non convincente della Juventus.
RSS
Torino Allianz Stadium, 19/10/2017 -


“Conta il risultato” (Allegri dixit). Dopo la sofferta vittoria della Juventus in Champions League contro lo Sporting Lisbona, i tifosi della Juventus si dividono in chi è d’accordo con Allegri e chi invece vorrebbe una Juventus capace di esprimere un gioco e avere una vera identità di squadra. Aleggia un velato nervosismo nell’ambito della squadra, tipico di un ambiente che è consapevole di attraversare un momento difficile. Khedira che protesta chiaramente contro Allegri per la sostituzione, si antepone a un rebus difesa che la Juve di Champions si trova a dover risolvere, improvvisando addirittura Cuadrado come terzino sul finire della gara. Lichtsteiner che non è stato inserito volutamente nella lista UEFA e De Sciglio infortunato come Howedes, Daniele Rugani che non sembra godere delle simpatie di Allegri, sono i punti su cui ci si dovrebbe soffermare per riflettere, visto che il mister si trova a improvvisare il mediocre Sturaro in un ruolo non suo, dando fiducia a Chiellini, Benatia e Barzagli (in sostituzione del franco –marocchino che si è infortunato). Capiamo l’indisponibilità di certi giocatori scelti per partecipare alla competizione europea, tuttavia viene da chiedersi come mai una società che ambisce ad arrivare in fondo alla Champions per l’ennesima volta, non abbia messo in preventivo un reparto difensivo più qualitativamente numerico e consono agli obiettivi da raggiungere. E poi, se pensiamo che sono stati spesi 40 milioni di euro per Bernardesci + 40 per Douglas Costa che nell’assetto tattico voluto da Allegri sembrerebbero l’uno il doppione dell’altro, facciamo fatica a pensare che questa volta Marotta, Paratici e crediamo anche Allegri, non abbiano sbagliato nel costruire una squadra in grado di sviluppare un gioco brillante e di alto livello, nel competere con le più forti corazzate europee. Eppure Allegri, nella conferenza stampa post partita con lo Sporting Lisbona (uscito a testa alta dall’Allianz Stadium) dice: Non c’erano alternative: vincere era l’unica opzione. Con il cuore e con la testa. Abbiamo centrato l’obiettivo, perché la strada è questa”. Sarà, ma noi abbiamo dei seri dubbi sul prosieguo di questa squadra che vede un Dybala da recuperare perché chiaramente fuori forma, un Mandzukic che sputa l’anima ogni partita, un Higuain che continua a non segnare ma che corre, si dà da fare e confeziona preziosi suggerimenti, e (per fortuna) un ritrovato Pjanic che è risultato il cecchino della partita. Per il resto, pensiamo che Matuidi (entrato a partita in corso) sia stato volutamente lasciato in panchina per farlo riposare, visto che almeno lui rappresenta l’acquisto azzeccato del centrocampo bianconero. Ma il leitmotiv della Juventus resta sempre la noia di un gioco che non c’è e l’improvvisazione tattica che fa emergere confusione e stress da insicurezza. Esattamente al contrario di quello che negli anni la Vecchia Signora d’Italia ci ha abituato, e cioè una squadra forte, sicura, cinica, bella da vedersi. Tutte cose che dall’inizio di campionato stentiamo di vedere. Ma, forse sarà il confronto e il gusto che ci dà nel vedere giocare le partite del Napoli di Sarri, fatto è che il calcio senza spettacolo diventa noia. E’ vero, vincere è l’unica cosa che conta, ma non sempre si vince senza una reale superiorità di gioco e chiarezza di idee. I fantasmi visti a Bergamo e contro la Lazio, sono l’emblema di una Juve che è ancora alla ricerca di se stessa. Vedremo cosa accadrà quando rientreranno i Marchisio, i De Sciglio, gli Howedes (che non abbiamo mai visto all’opera) e, soprattutto, quando si troverà un ruolo preciso a Bernardeschi e Douglas Costa che, così gestiti, rappresentano un vero e proprio spreco economico della società.

Salvino Cavallaro            

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013