calcio mercato
William Hill Casino

SPROFONDO GRANATA


Sinisa Mihajlovic e il Toro che non sa più vincere.
RSS
Firenze Stadio Franchi, 26/10/2017 -


Il Torino incassa tre gol in quel di Firenze e torna a casa con le ossa rotte. Un misto di colpevolezza tecnico – tattica e qualche segno di evidente sfortuna, ha caratterizzato la trasferta della squadra di Mihajlovic che già alla decima giornata ha la brutta sensazione di arrivare a fine di questo campionato per ricominciare tutto d’accapo. Già, tutto d’accapo, come se in casa granata fosse un must, una cosa considerata o imposta come indispensabile di una logica che sembra far parte di una squadra che si accontenta della sempiterna mediocrità e che non intende neanche studiare per essere la prima della classe. E’ una questione di mentalità mai aggiornata ai tempi, con promesse fatte soltanto a parole e mai evidenziate dalla concretezza. Doveva essere l’anno del rientro in Europa, almeno questo è stato sbandierato dalla società granata e dal suo allenatore fin dalla preparazione estiva. Con la partenza di Zappacosta, ma con la conferma almeno di un anno di Belotti, il Torino si è illuso di avere sistemato ogni cosa per competere fattivamente per una posizione che potesse garantire l’entrata nel calcio europeo. Peccato che non si sia tenuto conto di alcuni fattori importanti come l’inadeguatezza della difesa, di un centrocampo troppo leggero e di una punta di peso capace di sostituire un Belotti che, come tutti gli umani, da solo non può garantire gol, sfaceli e continue presenze per tutti gli impegni suddivisi tra Campionato, Coppa Italia e convocazione in Nazionale. In tutto questo quadro, non sappiamo se c’è più impreparazione o, piuttosto, l’ennesimo progetto di barcamenarsi in un cosciente stato di assoluta mediocrità. Insomma, è il solito tirare avanti sperando in chi sa quale miracolo di un percorso pallonaro che talora apre inaspettati varchi di luce improvvisa. Ma qui, in casa granata, dopo dieci partite di campionato s’intravvedono soltanto tenebre di crisi, altro che entrare a far parte dell’Europa League del prossimo anno. E poi c’è un grave problema di conduzione tecnica. Mihajlovic non può continuare in questo Toro che ha bisogno di serenità, di idee chiare, di quella calma che significa mettere da parte i toni troppo alti e lavorare con metodi che siano in grado di imprimere un gioco alla squadra. I tre gol subiti a Firenze sono l’emblema della non reattività alle poche chance sprecate per mancanza di precisione e un po’ di sfortuna. Troppo fragile la difesa che si è fatta trafiggere facilmente dal gol dell’ex Benassi e poi da Simeone e Babacar. I granata hanno chiuso la gara in dieci uomini per l’espulsione di Barreca, e così nella prossima partita casalinga contro il Cagliari, oltre al laterale mancherà anche Rincon che era in diffida e torna a casa con una ammonizione. Insomma, il quadro analitico del Torino di Mihajlovic è davvero deprimente, soprattutto in considerazione del fatto che il tecnico serbo continui a dare la sensazione di una conduzione che sa tanto più di una volontà impositiva, che di democratico rapporto. Tatticamente dispone la squadra con il 4-2-3-1, non supportato a sufficienza da un centrocampo che sembra poco propenso a tutelare una già fragile difesa. Iago Falque si dimostra più volenteroso che costruttivo, Ljajic non incide per carisma, né per le sue reali capacità tecniche, Niang sembra immerso nella nebbia del fare, per dimostrare a tutti i costi che non è stato un acquisto sbagliato come si pensa e si dice, ma indovinato (solo per lui, però). E poi Sadiq, un ragazzo buttato nella mischia per risolvere problemi più grossi di lui, tanto è vero che non ricordiamo nulla che potesse in qualche modo ricordarci di fare il vice Belotti. E anche qui; perché il tecnico serbo nella mancanza del “gallo” non si è mai inventato un falso nueve? Perché Ljajic, ad esempio, invece di girovagare a vuoto da trequartista, non lo si inventava da centravanti? Sono tutti esempi che avrebbero dato l’impressione di tentativi che potessero almeno significarci una mentalità più elastica e non sempre così ristretta a insistere su ciò che non ha dato i frutti desiderati. Comunque, vedremo come andrà a finire già domenica prossima contro il Cagliari e il rientro di Belotti. Alzi la mano chi crede ancora che solo lui possa salvare il Toro da questa situazione!

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013