calcio mercato
William Hill Casino

SE QUESTA È LA SQUADRA CHE STA PER VINCERE LO SCUDETTO….


La critica alla Juve di Allegri
RSS
Torino Allianz Stadium , 06/05/2018 -


Nessuno smentisca i meriti a una squadra che sta per entrare nella leggenda per avere vinto sette scudetti di seguito. Ma il calcio giocato è un’altra cosa. Facciamo fatica a ricordare la Juventus di Allegri bella da gustare, da vedere nello spettacolo di trame di gioco limpido e propositivo, con pochi sbagli nel passare la palla, con movimenti sincronizzati e verticalizzazione di gioco. Ma l’impressione costante è sempre quella di una squadra troppo attenta a difendere, puntando all’invenzione dei singoli campioni che la Juve possiede. Ma il gioco di squadra dov’è? Senza essere estremisti dell’estetica calcistica a tutti i costi, tutte le volte che assistiamo a partite della Juventus dimentichiamo la vera chiave del calcio che è anche spettacolo. E anche se siamo sicuri che qualcuno obietterà su quanto stiamo sostenendo, ci sembra innegabile che nella cultura calcistica inculcata da Max Allegri alla Vecchia Signora ci sia quell’essenzialità di soffrire e vincere magari annoiando, capace di tappare la bocca a tutti. Certo, i numeri parlano a favore della Juve di Allegri che nel suo quinquennio ha vinto tutto tranne la Champions, tuttavia, resta innegabile che la squadra che ha più tifosi in Italia, ha perso per strada quell’antica filosofia che fu dell’avvocato Agnelli, in cui il calcio veniva visto anche come supremazia di gioco. E se “vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta”, è altresì vero che si possa essere vincenti anche attraverso quella purezza del gioco del calcio che vuol dire spettacolo che passa attraverso il gioco globale di squadra e non attraverso l’invenzione del singolo campione. In fondo è questa la sintesi del match Juventus – Bologna, in cui è emersa la svolta data da Douglas Costa. Poco, troppo poco per una Juve che nel primo tempo è letteralmente naufragata in un gioco sterile, privo di idee e molti errori che non si addicono a una squadra che sta per vincere lo scudetto. A nostro avviso, Allegri e Landucci (il suo fido secondo che talvolta sembra il primo) mostrano una confusione tattica che si riflette inevitabilmente sul campo. E soltanto grazie al campione tirato fuori dal cilindro per rimediare ai marchiani errori iniziali, salva spesso la Juve da figuracce che non si addicono a chi ha obiettivi sempre grandi da raggiungere. Tutta questa conduzione, a parer nostro, non ha fatto altro che scegliere la strada di vincere in Campionato mostrando sempre il lato meno elegante; e cioè la sostanza che non dà spazio alla bellezza del gioco,anzi lo soffoca. E’ questione di scelte ben precise. Ma questa teoria del vincere per scrivere la propria storia negli annali del calcio, resta pur sempre il senso unico e rispettabile di una Juventus che concede poco, troppo poco alla purezza dello spettacolo nel rettangolo di gioco. I cinque anni di Allegri alla Juve hanno lasciato questo imprinting.

Salvino Cavallaro        

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013