calcio mercato
William Hill Casino

IL TORINO PAGA GLI ERRORI DI MERCATO


Allarmante inizio di campionato dei granata
Sabato, 18 Novembre 2017
Il mio calcio.    Leggi
Giovedì, 16 Novembre 2017
Il teatrino dei pupi del pallone    Leggi
Mercoledì, 15 Novembre 2017
Tavecchio non si è dimesso    Leggi
Martedì, 14 Novembre 2017
Tavecchio, dimettiti    Leggi
Martedì, 14 Novembre 2017
Insigne, fulgido talento relegato in panchina.    Leggi



RSS
Torino, Stadio Olimpico, 22/09/2014 -


Forse parlare di crisi è ancora prematuro, ma vedere il Toro alla terza giornata di campionatorelegato in fondo alla classifica con un solo striminzito punto, beh fa proprio impressione. Le colpe? Certamente attribuibili a una campagna trasferimenti sbagliata, almeno per quanto riguarda l’assetto tattico creato da Ventura che l’anno scorso ha dato ottimi risultati. Ma c’è un piccolo particolare: quest’anno non c’è più né Immobile e neanche Cerci, ovvero l’ossatura portante di un Toro che ha saputo dare ai suoi tifosi il capocannoniere del campionato e, soprattutto, l’opportunità di entrare in Europa League. Ma era la qualità del gioco che aveva creato i presupposti per un futuro carico di speranza verso una continuità di calcio e di risultati ad alto livello. C’era un bel giocattolo che non solo non è stato migliorato, ma con acquisti e vendite sbagliate, sembra che qualcuno l’abbia rotto. Ok l’acquisto di Quagliarella al posto di un Immobile che non era di proprietà granata. Errato invece l’acquisto di Amauri, che nulla ha a che fare con la figura di esterno alto rappresentato da Cerci, capace di ripartire, dribblare l’avversario, accentrarsi, fare gol o crearne i presupposti. E, in questa confusione tattica che si è creata, persino Darmian ha perso lo smalto iniziale, dando la sensazione di non sapere cosa fare con la palla al piede. Il Toro visto contro l’Hellas Verona ha dato la sensazione di ritornare ad essere in cantiere, cioè una squadra da reinventare quando invece avrebbe potuto e forse dovuto, ripartire da ciò che è stato costruito l’anno scorso. Magari migliorando il livello tecnico della squadra, non certo indebolendolo come invece è stato fatto. E poi, perché Ventura non crede su Quagliarella titolare per 90 minuti? Che significato ha sostituirlo con un Larrondo che sembra essere un giocatore di livello inferiore? Non sappiamo davvero come questo Toro potrà sbrogliare una matassa che troppo presto si è ingarbugliata. Nelle tre partite di campionato, partendo dal primo match casalingo contro l’Inter, l’esterna contro la Sampdoria, e quella interna contro il Verona, si è evidenziato uno stato confusionale da parte dei giocatori di Ventura. Timida foga agonistica, poco movimento senza palla, incapacità di gioco sugli esterni che, nel 3-5-2 espresso dai granata, deve rappresentare la base dalla quale partire. Ma c’è un altro handicap che si evidenzia nel gioco del Tor la mancanza assoluta di profondità. Quasi sempre vediamo le due punte, Quagliarella e Amauri con le spalle alla porta, quasi volessero far da sponda: ma a chi? A che cosa? Se sono proprio loro due a dovere essere messi in condizione di tirare in porta e far gol?. Questo pregiudica, come dicevamo pocanzi, non solo l’incapacità di costruire da parte di un centrocampo imbottito di incontristi, ma anche una marcata insufficienza di gioco sugli esterni. E così il gioco langue, diventa farraginoso e si accentra in quell’imbuto di fuori are avversaria, dove sempre si spengono le timide velleità granata che, inconsapevolmente, con questo gioco favoriscono gli avversari. E così, pochissimi tiri in porta e quasi nulle occasioni da gol. C’è poi un altro punto da chiarire: i calci di rigore. Ci sembra che Ventura abbia sbagliato a scegliere prima Larrondo e poi El Kaddouri a far tirare dal dischetto due rigori che, se fossero stati realizzati, avrebbero in qualche modo potuto cambiare, non certo la sostanza di questo Toro, ma certamente la sua posizione in classifica. A nostro parere bisogna dare a Quagliarella l’opportunità di essere il rigorista del Torino, così come è stato per Cerci. Certo, si può sbagliare, ma è nella forma mentale che si deve costruire e responsabilizzare un giocatore che deve acquisire carisma a beneficio della squadra stessa. Apprezzabile il tentativo del Toro di volere vincere la partita contro il Verona, ma è stata poca cosa. Sì, perché quando mancano le idee, nel calcio manca tutto. E dire che sarebbe bastato poco per migliorare la spettacolare stagione del Toro dell’anno scorso. Si doveva crescere e invece siamo sempre al punto di partenza. Vero presidente Cairo?

Salvino Cavallaro



Salvino Cavallaro

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013