calcio mercato
William Hill Casino

E` UN MILAN DALLE GRANDI MOTIVAZIONI, MA SENZA DIFESA


Il Milan del nuovo corso è ancora in cantiere.
RSS
Empoli, 24/09/2014 -

Il Milan visto a Empoli è stato per lunghi tratti della partita davvero poca cosa. Difesa imbarazzante, centrocampo incapace di fare filtro e contenere l’agonismo indiavolato degli avversari e punte confuse nella ricerca di dare una mano a metà campo. I padroni di casa sono andati in vantaggio dopo 20 minuti, grazie alle reti di Tonelli e Pucciarelli. La rimonta rossonera è stata aperta da Torres che sigla così il suo primo gol nel campionato italiano, cui segue la rete di Honda. Poi, anche una traversa di Menez fa sperare in una vittoria del diavolo rossonero, ma il pareggio di 2 a 2 è in fondo il risultato più giusto. Arrembante l’Empoli fin dai primi minuti, capace di esprimere un calcio atleticamente valido con ottime trame di gioco. Al contrario, la squadra di Pippo Inzaghi è sembrata fuori condizione e con una difesa inguardabile, soprattutto nei suoi due centrali Bonera e Zapata. Fin dall’inizio di questo campionato, abbiamo sostenuto che il Milan fosse da podio per le grandi motivazioni che lo accompagnano. Abbiamo visto molte similitudini con la Juve di Conte, quella di tre anni fa. Voglia di riscatto da un precedente campionato fallimentare, desiderio di riappacificarsi con i propri tifosi e, soprattutto, l’obiettivo da centrare che è il ritorno all’Europa che conta. La squadra sembra bene assortita davanti e non è neanche male a centrocampo. Ma è la difesa che naviga in acque burrascose. Bonera e Zapata sono complici di disattenzioni e spesso li vediamo in netto ritardo sull’avversario, specie se questi è dotato di ottima corsa. Così anche De Sciglio si trova in difficoltà e non sembra essere più l’esterno che abbiamo apprezzato l’anno scorso. Abate è volenteroso, ma spesso la sua foga agonistica è priva di razionalità e si perde tra corse affannose e cross che vanno a vuoto. L’esordio di Van Ginkel è durato solo mezz’ora per problemi ad un ginocchio, ma il giocatore è da rivedere per dare una giusta valutazione. A prima vista, comunque, non ci sembra un giocatore di grandi doti tecniche. Le uniche noti liete arrivano da Menez, Torres, Honda e Bonaventura, un giocatore che non si risparmia mai nell’impegno. Per quanto riguarda invece Muntari e De Jong, restiamo perplessi per i continui falli che ne determinano una forma ancora precaria. Insomma, a nostro avviso, continuiamo ad assegnare il podio finale a questo Milan che ci piace per le sue grandi motivazioni, per il gruppo che appare compatto e per un Inzaghi che oltre a tentare di consolidare la sua carriera di allenatore, s’impegna con anima e corpo in un’avventura forse più grande di lui. Ma c’è un punto determinante da rivedere con assoluta urgenza: la difesa. Spesso sentiamo dire in conferenza stampa da Inzaghi: “Noi siamo il Milan”. Sì, è vero. Ma bisogna dimostrarlo con i fatti! Il calcio si gioca in campo e non a parole durante le conferenze stampa.










Salvino Cavallaro            









Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013