calcio mercato
William Hill Casino

CENTO VOLTE TOUR DE FRANCE, VENTUNO GIORNI IN GIALLO


Al via dalla Corsica la Grande Boucle, grande attesa per Froome: riuscirà ad eguagliare il successo di Wiggins?
Giovedì, 20 Settembre 2018
Il lato umano di Cristiano Ronaldo.    Leggi
Venerdì, 14 Settembre 2018
Inter, grande voglia di essere la vera anti Juve.    Leggi
Giovedì, 13 Settembre 2018
Toro, gestisci bene Simone Zaza    Leggi
Giovedì, 06 Settembre 2018
La superficialità del calcio.    Leggi



RSS
Porto Vecchio, 29/06/2013 -

Eravamo rimasti al colonnello Wiggins che attraversava trionfante gli Champs-Elysées, al fedele scudiero (che quest'anno ricoprirà il ruolo di comandante della truppa) Chris Froome e ad uno squalo particolarmente affamato chiamato Vincenzo Nibali. L'edizione numero novantanove della Grande Boucle si era chiusa con il dominio Sky e la testa già alle Olimpiadi, dove di lì a poco i dominatori britannici della corsa francese avrebbero portato a casa una medaglia a testa; oro per Wiggo, bronzo per Froome. Il Tour che parte oggi è inedito in tutti i sensi. Mancano due dei grandi protagonisti della corsa dell'anno scorso: oltre a Wiggins, bloccato dai guai fisici che gli hanno rovinato il Giro d'Italia, anche il messinese dell'Astana. L'unico che sembra poter contrastare il grande favorito del Team Sky è Alberto Contador, in forza al Team Saxo Bank.

Gli organizzatori si sono dati da fare per mettere su uno spettacolo memorabile e suggestivo, in occasione della centesima edizione di una delle corse a tappe più prestigiose al mondo. Si comincia oggi in Corsica, dal pittoresco paese di Porto Vecchio. Poi 213 km fino a Bastia e da lì dritto verso Ajaccio. A Calvi termina il tracciato isolano della corsa, che sbarca sul vecchio continente. Ed è a Nizza che comincia lo spettacolo, con il ritorno della cronosquadre dopo un anno di assenza. Il tragitto prevede l'attraversamento di tutte le maggiori città della Francia, da Marsiglia e Montpellier, fino a Tours e Lione, per giungere al tradizionale (ed investito di una particolare sacralità sportiva) ultimo atto a Parigi. In totale i partecipanti ricopriranno 3403,5 km in ventuno giorni (in media 162 a tappa), escludendo le due giornate di riposo fissate per l'8 e il 15 luglio. Oltre alla cronometro a squadre di Nizza, ve ne saranno anche due individuali: una il 10 luglio, 33 chilometri tra Avranches e Mont-Saint-Michel, l'ultima sette giorni dopo da Embrun a Chorges. Nella speranza che non si avverino le parole nefaste di Armstrong ("Impossibile vincere il Tour senza doparsi"), aspettiamo il Grand Départ. Gli Champs-Elysées sono lì che aspettano.

Samuel Boscarello

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013