calcio mercato
William Hill Casino

QUANDO IL CALCIO È SINONIMO DI PSICOLOGIA APPLICATA.


Calcio e concetto di squadra,fra psicologia e comunicazione.
RSS
Torino, 07/08/2016 -


Allenare il pensiero e aiutarlo a vincere attraverso strategie che si fondono perfettamente con le capacità di unire la squadra tramite la comunicazione di gruppo. Nel piccolo parco di capaci comunicatori, di cui purtroppo il mondo del calcio è spesso arido, abbiamo pensato da sempre come dal rettangolo verde di gioco si possano trarre lezioni talora indispensabili di relazioni umane. Pep Guardiola e Josè Mourinho ritenuti giustamente tra i migliori allenatori dell’era moderna, sono presi come un esempio importante da parte delle migliaia di allenatori che frequentano master e studi universitari di settore. Il campo di calcio e lo spogliatoio, sono spesso palcoscenico di brutture sociali come scandali dovuti alle scommesse e gesti di razzismo, ma sono anche luoghi in cui si manifesta leadership di gruppo e coaching, nella consapevolezza di migliorare le proprie risorse nello sviluppo delle energie e delle motivazioni. Tante volte, in questo mondo moderno fatto di personaggi privi di carisma, sia a livello politico che imprenditoriale, abbiamo riscontrato che nel pallone ci sono maggiori spinte e riferimenti portati al ragionamento, all’approfondimento di corsi universitari, strategie di business e relazioni. Già, la relazione. Il pane quotidiano senza il quale il nostro vivere non avrebbe alcun significato, alcun senso logico. C’è un collegamento indicativo nell’essere umano, che parte dalla logica di pensiero che l’uomo non è “un’isola” e come tale ha assoluto bisogno di vivere e confrontarsi con gli altri in maniera ragionevole. E’ come migliorare la propria qualità di vita, intesa in senso generale ma anche come specifico settore professionale. E, in questo senso, particolare attenzione è data dai media agli allenatori di calcio e ai loro metodi di preparazione. Carlo Ancelotti, Antonio Conte, Simeone, Pep Guardiola, Josè Mourinho e altri illustri nomi dei coach più famosi d’Europa, sono seguiti con interesse soprattutto dai giovani allenatori che ambiscono a percorrere la stessa strada vincente. Da qui lo studio approfondito del Mental Coach, una figura capace di interagire con l’allenatore e di sfociare in una logica fatta di motivazioni e comunicativa verso il proprio gruppo di giocatori che devono necessariamente costituire un team coeso per il raggiungimento di obiettivi voluti all’unisono. Insomma, tutti per uno e uno per tutti. Nel calcio non è retorica ma effettiva necessità di costruire un gioco di squadra capace di determinare risultati di positiva continuità. Oggi, come non mai, per giocare bene al pallone occorre la testa oltre ai piedi buoni, anche perché in nessuno sport come nel calcio, un atleta si gioca il presente e il proprio futuro ogni tre giorni. Ed è per questo motivo che i grandi allenatori di calcio come Josè Mourinho e Pep Guardiola sono esemplari su certe filosofie di studio sempre nuove e capaci di primeggiare. Strategie vincenti che inducono allenatori e giocatori ad avere pretese economiche legittime, dando al contempo un segnale di autorevolezza alle società di appartenenza. Di vitale importanza è la comunicazione e, in altre parole, la capacità di parlare al gruppo e anche al singolo giocatore in maniera di farsi capire, creando quell’empatia necessaria per uno scambievole senso dell’autostima. Costruire un team vincente è anche la logica conseguenza e la consapevolezza di appartenere a una grande società di calcio seria e qualificata anche sotto l’aspetto economico, organizzativo e della logistica delle strutture che devono essere sempre in grado di supportare le esigenze di un lavoro quotidiano che, talora, occupa anche una giornata intera. Tre sono dunque gli elementi essenziali per la leadership di un bravo allenatore di calcio: strategia, capacità di fare squadra e abilità nel motivare i singoli e il gruppo. Un po’ come dire che nel calcio nulla s’inventa, ma si costruisce pazientemente giorno dopo giorno attraverso il lavoro e la fatica. D’altra parte il ruolo dell’allenatore di calcio moderno, non si limita più alla sola preparazione tecnico-tattica della squadra, ma va a integrarsi a una logica di psicologia applicata che, davvero, non può più ritenersi superflua ma necessaria. Cambia il calcio, cambiano i sistemi di preparazione e cambiano pure le generazioni. Oggi, il pallone che crea business e interessi economici sempre maggiori, è diventato materia di studi approfonditi anche a livello universitario e, per questo motivo, a chi si chiede ancora oggi se è più importante avere in squadra un bravo allenatore piuttosto che degli ottimi calciatori, diciamo che, da sempre, è essenziale che le due cose si combinino e si fondino perfettamente in un unico “metallo prezioso”: la squadra.

Salvino Cavallaro

 



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013