calcio mercato
William Hill Casino

FILADELFIA, RINASCERE 90 ANNI DOPO


A Torino ci sarà un evento di particolare interesse.
RSS
Torino, 10/10/2016 -


Era il 17 ottobre 1926, quando si teneva il battesimo del caro vecchio Stadio Filadelfia di Torino. Non so perché quando penso al significato che ha assunto quello stadio, non posso fare a meno di emozionarmi. E poi mi piace chiamarla “Casa Granata”, forse perché da sempre la propria dimora sa di calore, ha qualcosa di intimo ed è il luogo dove ognuno di noi si ritrova per stare insieme. E proprio lì, in quella casa, i tifosi del Toro vivevano l’allenamento della propria squadra del cuore come fosse qualcosa che gli apparteneva intimamente. Un incontro che significava anche relazionarsi con i giocatori. Una pacca sulle spalle, uno scambio di vedute, qualche critica che ne giustifica i diversi punti di vista su una materia opinabile come il calcio, e poi niente più, se non il pensiero di darsi appuntamento il giorno dopo; proprio lì, tra le mura intime di quello stadio. Poi, le vicissitudini di quegli anni che sono succeduti alla distruzione di quel tempio chiamato Filadelfia, sono ormai note a tutti per il pentimento di avere calpestato in maniera troppo superficiale una bomboniera colma di irripetibile storia. Ma, per fortuna, finché c’è vita c’è speranza e, come tale, siamo qui a celebrarne la rinascita 90 anni dopo. Infatti, lunedì 17 ottobre alle ore 18 presso il Circolo della Stampa Sporting in Corso Agnelli 45 a Torino, si renderà onore a uno stadio nato per il calcio e dove per la prima volta sullo stesso terreno si vinsero sei scudetti, conquistati dal Toro tra il 1927 e quel fatidico 1949 in cui si consumò la tragedia del Grande Torino. Un evento eccezionale per gli amanti della storia granata, che va oltre il senso minimalista di un pallone che rotola in mezzo a un rettangolo verde. Presenti all’incontro saranno personaggi illustri quali, Cesare Salvadori, presidente della Fondazione Filadelfia, Claudio Sala, Renato Zaccarelli, Sergio Vatta (maestro e allenatore che ha conquistato molti titoli giovanili), Antonio Comi – direttore generale del Torino F.C. – Luciano Nizzola, Gianpaolo Ormezzano, Gianni Romeo, il biografo del compianto Don Aldo Rabino, Beppe Gandolfo, Guido Barosio, e poi ancora Gigi Gabetto e Franco Ossola, figli dei mitici campioni del Grande Torino e tanti altri nomi illustri del mondo del calcio. Per la Città di Torino e in rappresentanza delle Istituzioni, ci sarà l’Assessore allo Sport Roberto Finardi, mentre la scrittrice Sabrina Gonzatto, il regista Giulio Graglia e l’attore Danilo Bruni, si dedicheranno alle letture e ai progetti per il futuro, assieme allo staff del Circolo della Stampa Sporting. Ma questo eccezionale evento non sarà il solo, perché in contemporanea sarà onorata la ricorrenza dei 60 anni del Circolo della Stampa Sporting che si celebrerà nel 2017. Sarà un anno ricco di ricorrenze, a cominciare dalle sue sedi. 130 anni fa, esattamente nel 1887, fu inaugurato Palazzo Ceriana Mayneri di Corso Stati Uniti 27 a Torino, dove attualmente si svolgono attività culturali aperte alla Città e dove operano l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte e l’Associazione Stampa Subalpina. Nel 1942, invece, fu realizzato l’impianto sportivo di Corso Agnelli a Torino, con l’intento di farlo diventare il più bel circolo di tennis d’Europa. Dunque, ci sono molti punti interessanti in questo evento in cui si celebrano ricorrenze e compleanni celebri. Il consiglio? Quello di non perdere l’opportunità di essere presenti.

Salvino Cavallaro                       

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013