calcio mercato
William Hill Casino

NUOVO STADIO FILADELFIA, IL POPOLO GRANATA RITORNA A CASA


Si riaprono le porte. Il Filadelfia comincia una nuova storia.
RSS
Torino Nuovo Stadio Filadelfia, 24/05/2017 -


Rinasce la leggenda, riapre la casa granata che era stata chiusa, rasa al suolo senza cuore né anima. A testimonianza di un incancellabile passato sono rimasti solamente due monconi di curva e un piccolo muretto con la scritta fascista. Il resto è tutto nuovo di sana pianta. Stesso posto, stesso quadrilatero, stessa posizione delle tribune, dei distinti centrali, delle curve. Ci si è sforzati di riproporre quella che fu la leggenda, la cartolina sbiadita nel tempo delle inesauribili vittorie degli Invincibili, di quel Grande Torino che storia è. Quattromila posti a sedere che vogliono significare un piccolo modello per cuori granata, fatta di passione sanguigna e tanto calore. E’ un sentirsi uniti a casa propria, dove sembra quasi di essere stati via per un lungo tempo e adesso ritrovi le tue cose, i tuoi ricordi, i tuoi affetti più cari, i tuoi angoli mai dimenticati. Ma da quegli angoli, da quelle porte rifatte sul moderno, da quegli spogliatoi che sbucano sotto le tribune non usciranno più i giocatori del Grande Torino e neanche quelli dell’ultimo scudetto vinto da capitan “Poeta” e compagni. Ma che importa, bando alla malinconia, perché oggi è festa, riapre lo Stadio Filadelfia, il Tempio, la Leggenda, la casa granata dove anziani, bambini e tante famiglie dai cuori granata si divideranno tra ricordi e soddisfazione di un presente che significa ritornare a respirare quell’aria granata che si cercava altrove, ma che non si è mai trovata. Sempre sbandati a destra e a sinistra con in mezzo persino un fallimento che brucia ancora, con lunghi momenti di sconforto che fanno parte della storia del Toro ma che il granata vero ha sempre respinto con forza senza mai mollare. Contro tutto e contro tutti rinasce il Filadelfia. Il suo cancello d’ingresso rigorosamente granata, il campetto attiguo dove si allenavano i più piccoli calciatori, il piazzale antistante gli spogliatoi dove i tifosi attendevano i calciatori dopo l’allenamento, il chiacchiericcio e il borbottio dei più agitati, ma anche le pacche sulle spalle di chi più bonariamente incoraggiava i calciatori. Era un volergli bene a prescindere, soltanto per il fatto di vestire quella maglia granata che è più sentimento, emozione all’ennesima potenza, anche senza realtà di conquiste, se non l’ingiallimento del passato. Ma che importa, oggi è festa in Via Filadelfia a Torino, le bandiere granata sventolano su tutti i balconi dei palazzi che circondano la nuova casa del Toro. Non c’è tempo per la nostalgia, per gli inevitabili ricordi che affiorano e diventano eterei come icone immortalati dal tempo. Rinasce il Filadelfia e rinasce una nuova storia da scrivere, quella che si affida alle nuove generazioni, ai nuovi granata da legare, appesantiti come sono dalla responsabilità di non disgregare un patrimonio di storia così immenso. Questo è il Filadelfia, questo è il Toro. E a chi si chiede ancora perché si tifa per il Torino troverà la risposta entrando lì, in quel Tempio Granata chiamato Fila, dove il profumo dell’erba si confonde tra ricordi e speranze per il futuro. “Chiedi chi era il Grande Torino, chiedi chi era Meroni, chi era Ferrini, chiedi chi era la grande famiglia granata che è stata più forte delle mille tragedie”. Chiedilo, poi capirai!

Salvino Cavallaro



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013