calcio mercato
William Hill Casino

73 ANNI, AUGURI GGIGGI RRIVVA


Una ricorrenza importante per il mondo del calcio.
RSS
Cagliari, 07/11/2017 -


C’è chi s’intristisce e c’è pure chi capisce che il tempo che passa non cancella i ricordi, anzi li rende ancor più dolci. Ma quando tu sei grande, quando hai inciso profondamente per tutto ciò che hai fatto nella vita, allora il tempo farà sì che il tuo ricordo resti sempre vivido. Gigi Riva, rombo di tuono, compie 73 anni. E’ infatti nato il 7 novembre del 1944 a Leggiuno, ma ha vissuto da sardo, così come un purosangue nato e vissuto in quella meravigliosa Sardegna che lo ha reso popolare e che lui ha ripagato, contribuendo con le sue reti alla conquista del primo e unico scudetto del Cagliari. Da queste parti la gloria del pallone non è proprio continua, usuale, ma il popolo sardo è rimasto ancorato a lui, a quel Gigi Riva che è stato la storia del Cagliari ma anche della Nazionale Italiana, per la quale resta ancora capocannoniere con 35 reti. Ci verrebbe da dire: “Gloria a te, GGIGGI RIVVA – Chent’annos ancora” (cent’anni ancora), così come glielo direbbe qualsiasi sardo di ogni età e appartenente a ogni generazione che fa tramandare il suo nome da padre in figlio. Già, cento anni ancora. E’ l’augurio più beneaugurante che siamo soliti fare a tutte le persone che vogliamo bene e i sardi amano davvero questo grande campione senza tempo che li ha rappresentati in tutto il mondo. E’ l’eterna storia dei campioni di calcio legati alla terra in cui si è vinto poco, ma proprio per questo motivo si è legati indissolubilmente ad un ricordo che fa parte della vita di quei luoghi, dalla cultura, dalle radici, dalla sua storia stessa. Rombo di tuono è il nome che Gianni Brera ha coniato per Gigi Riva, per la sua forza fisica e la potenza di tiro che rappresentava il vero problema di molti portieri di quel tempo. La sua carriera è stata costellata da numerosi infortuni, ma lui è andato avanti con la caparbietà e l’orgoglio che ha attinto dal popolo sardo, da una terra unica, generosa e ospitale. Ed è per questo che il vero e unico numero 11 del Cagliari, non ha voluto più allontanarsi dalla Sardegna, dalla sua isola cui si è legato in maniera indissolubile. Parli di Cagliari e della Sardegna, e subito pensi a Gigi Riva, alla sua maglia rossoblu, ai suoi gol e alle braccia alzate al cielo in segno di gloria. Un binomio perfetto che non viene scalfito mai da nulla. E’ la leggenda che fa grande gli uomini legati a un periodo storico in cui si è vissuto intensamente il calcio umanizzato, il pallone sentimentale che era ancora considerato patto d’onore, aggregazione sociale e momenti di incontro. La Juventus fece di tutto per portarlo a Torino e fargli vestire la maglia bianconera, ma egli rifiutò l’allettante offerta economica perché non poteva togliere le uniche gioie di quel popolo sardo, perché disse: “accettare sarebbe stata una vigliaccata”.  E lui, GGIGGI RRIVVA che è mito, è stato l’emblema di quel calcio che ha descritto la vita e gli uomini veri di quegli anni. 73 anni, auguri e chent’annos ancora a te, ROMBO di TUONO.

Salvino Cavallaro      

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013