tempo: 36ms
RSS
Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 31.7 ms
Record Count: 33
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210411' or (data='20210411' and ora<='113222'))
and area like '%motomondiale%'
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11012725NewsMotoMondialeMotomondiale: Frattura del perone per Marquez salterà i test in Malesia20140220214931Motomondiale,Honda Repsol team,Mark MarquezIl pilota iridato cade durante un allenamento dirt-trac a Barcellona. La prognosi è di 3-4 settimane, il rientro èprevisto per la gara del Qatar della MotoGP il 23 marzo<div>Il campione del Mondo di MotoGP, Marc Marquez, si è fratturato il perone durante una sessione di allenamento dirt-track in Lleida, a ovest di Barcellona, ieri pomeriggio.&nbsp;</div><div>Marc è stato immediatamente portato all'Ospedale Universitario Quirón Dexeus dove il dottor Xavier Mir ha trattato la frattura a spirale del terzo distale del perone destro. Dopo aver effettuato una TAC e raggi X, il dottor Mir ha confermato che gli esami non hanno mostrato lesioni ai legamenti nè lussazioni e quindi no è necessario procedere con un intervento chirurgico. La progonsi prevista è di &nbsp;3-4 settimane per riprendersi completamente, il che significa che salterà i test di Sepang della prossima settimana e forse la settimana successiva a Phillip Island, in Australia. Il recupero completo è previsto per la gara del Qatar della MotoGP il 23 marzo. Marc intanto ha già iniziato la riabilitazione con terapia magnetica.&nbsp;</div><div>"E' stato un incidente davvero sfortunato che poteva capitare a chiunque in qualsiasi momento. Sono stato ricoverato in ospedale e il dottor Mir mi ha curato, per fortuna non ci sono danni ai legamenti e sembra come una frattura netta".</div>BarcellonaWM01MSWM01MSmark-marquez-honda-repsol.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-honda-repsol-team-marquez-cade-rottura-del-perone-1012725.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09010815
21012691NewsMotoMondialeMarquez e Pedrosa festeggiano il 20 ° anniversario del Repsol Honda Team20140210214555honda repsol team,honda,repsol,pedrosa,marquezIl Team Campione del mondo ha festeggiato la ventesima stagione in partnership con Repsol.<div>Il Campus Repsol di Madrid &nbsp;ha ospitato oggi la celebrazione del 20° anniversario della collaborazione tra Repsol e Honda nella classe regina del Motomondiale. Negli ultimi 20 anni, questa alleanza ha festeggiato 10 titoli mondiali , 124 vittorie e 338 podi in 500cc e MotoGP.</div><div>La lunga collaborazione corsa tra sponsor e fornitore nella storia del Motomondiale ha goduto di molti successi sportivi e anche molto lo sviluppo tecnologico. Repsol e Honda hanno iniziato la loro collaborazione nel febbraio del 1995, a partire da un perfetto mix di moto, carburante e lubrificante.</div><div>A festeggiare insieme ai piloti Repsol Honda Team, Marc Marquez e Dani Pedrosa, anche Alex Crivillé, pilota leggendario del Team, Begoña Elices Direttore Generale della Comunicazione, Milagros Vior vicedirettore Repsol delegato alle sponsorizzazioni, ed il Team Principal Repsol Honda, Livio Suppo.</div><div>Present all'evnto anche il ministro della Sport spagnolo, Miguel Cardenal, il CEO di Dorna, Carmelo Ezpeleta e il presidente di RFME, Angelo Viladoms, mentre non ha potuto presenziare il Vice Presidente Esecutivo di Honda Racing Corporation, Shuhei Nakamoto, bloccato in Giappone dal maltempo.</div><div>All'evento sono stata esposte 6 delle moto che in questi vent'anni hanno vinto il titolo omndiale: sono quelle di di Mick Doohan (1997), Alex Criville (1999), Valentino Rossi (2003), Nicky Hayden (2006), Casey Stoner (2011) e quella del campione iridato in carica Marc Marquez (2013).</div><div>La solida collaborazione tra il laboratorio Honda a Saitama, in Giappone, e il Technology Centre Repsol in Mostoles, Spagna ha permesso di sviluppare prodotti in grado di competere con l'elevata concorrenza nel Motomondiale e di ribaltare le tecnologie ai prodotti venduti nelle oltre 4000 stazioni di servizio che commercializzano i lubrificanti ed i prodotti Repsol.</div><div>La ricerca Repsol Technology Centre realizzata sul motore monocilindrico che utilizzano le moto di Marc Marquez e Dani Pedrosa, quest'anno deve rispondere alla sfida dellla quantità di carburante MotoGP limitato a 20 litri - uno in meno rispetto al 2013.</div><div>In questo ventennio oltre ai 10 titoli iridati, il team ha collezionato be 128 vittorie (fra cui spiccano le 35 di Doohan e le 25 di Pedrosa), 128 pole position e 144 giri veloci in gara, con un totale di 338 podi.</div><div>"E ' difficile spiegare cosa si prova a vedere la mia moto qui con altre macchine titolo vincente. - ha commentato Marc Marquez - E' un onore far parte del Repsol Honda Team e di essere parte della storia della squadra con il mio titolo iridato. Vedere la mia moto accanto a quelli di Rossi, Criville &nbsp;Doohan, Stoner e Hayden mi riempie di orgoglio e mi dà una motivazione in più per questa stagione. Far parte di questa squadra l'anno scorso è stato un sogno che si è avverato. Tutti i miei idoli sono passati attraverso il Repsol Honda Team. E' stata un'opportunità che mi obbliga a dare il meglio, e questo è quello che sto facendo. Mi piace ogni giorno al massimo"</div><div>"L'alleanza di Repsol e Honda è molto significativa - ha dichiarato Dani Pedrosa - è qualcosa di cui molte persone sono a conoscenza. Se si parla di questa squadra, si sa che è una delle livree di maggior successo degli ultimi anni. La cosa più bella è che questa unione di dura da 20 anni. Questa continuità è qualcosa che non si vede troppo spesso e io, personalmente, sono molto contento di questo aspetto"</div><div>"Siamo molto fortunati ad essere in grado di celebrare i 20 anni di partnership con Repsol. - ha dichiarato Livio Suppo Team Principal - Questa non è una partnership commerciale normale, ma anche una partnership tecnologica con gli ingegneri di HRC e Repsol che lavorano insieme per produrre carburante specifico, olio motore e lubrificanti per le corse. Abbiamo condiviso un grande successo nel corso degli anni e molti titoli. spero che otterremo ancora di più in futuro"</div><div>"In 20 anni di alleanza tra Repsol e Honda, basata sullo sviluppo tecnologico e il supporto per lo sport, - ha concluso Milagros Vior Repsol Vice Direttore di sponsorizzazione - abbiamo condiviso valori che includono innovazione, responsabilità e impegno. La condivisione di questi valori ci permette di migliorare e ad aspirare all'eccellenza dentro e fuori i circuiti"</div>MadridWM01MSWM01MSmarquez-pedrosa-20-anniversario-repsol-honda-team.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-repsol-honda-team-20-anni-partnership-1012691.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09,400101059
31012673NewsMotoMondialeLa Honda presenta i suoi programmi per gli sport motoristici nel 201420140207220045honda,motorsports,2014<br>Nel suo annuale discorso motoristici mondiali oggi dagli uffici Aoyama testa a Tokyo , Honda Presidente Takanobu Ito ha delineato i programmi di fabbrica motorsport Honda per il 2014 .<br><br>Fin dai tempi della sua fondazione , la Honda ha sempre considerato le competizioni come uno degli elementi trainanti , affrontando le sfide motoristiche in tutto il mondo e raggiungendo un gran numero di vittorie lungo la strada, contestualmente le competizioni sono utilizzate come un campo sperimentale per lo sviluppo delle tecnologie. <br><br><br>In MotoGP , la classe regina del FIM Road Racing World Championship Grand Prix Series, la Honda ha preso la triple crown, conquistando tutti e tre i titoli la scorsa stagione: piloti, team e costruttori. <br>Per il 2014, HRC con il team ufficale il Repsol Honda Team, cercherà di conquistare nuovamente il mondiale con Marc Marquez, che lo scorso anno è entrato negli annali come il campione più giovane alla sua prima stagione in MotoGP, in coppia con Dani Pedrosa che ha preso il 3 ° posto. <br>In aggiunta al team ufficiale, due squadre satelliti saranno equipaggiate con moto forniti da Honda.<br><br>WM01MSWM01MShonda-motorsports-2014.jpgSiNmotomondiale-honda motorsports 2014-1012673.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09010703
41012670NewsMotoMondialeMotomondiale - Test Sepang - Marquez da record20140206214414motomondiale,test sepang,honda,yamaha,ducati,mar marquezIl campione iridato infrange il record della pista, ma Valentino è subito dietro a poco più di un decimo di secondo.<div>Il primo test del 2014 si è concluso con il campione del mondo della Repsol Honda Marc Marquez, sempre il più veloce in tutte e tre le giornate, che ha infranto oggi il record del circuito di Sepang con il tempo di 1'59.533 battendo il precedente record segnato da Casey Stoner nel 2012 di 1'59.607. Marc ha trascorso la sua ultima giornata a Sepang lavorando sull'elettronica ed ha effettuato una simulazione di gara di 20 giri. Nei tre giorni di questo primo test ha compiuto in totale 167 giri.</div><div>Il suo compagno di squadra ha lavorato sulle impostazioni della geometria della moto cercando di migliorare il grip al posteriore ed ha trovato alcune soluzioni positive facendo segnare il suo miglior giro in 2'00.223, corrispondente al sesto tempo assoluto, ma nella mattinata è stato disturbato da alcuni problemi con i freni anteriori. Nel corso dei tre giorni ha completato 192 giri.</div><div>In casa Yamaha Valentino Rossi e Jorge Lorenzo hanno completato oggi la terza e ultima giornata di test con risultati soddisfacenti. In particolare Valentino Rossi ha trovato un ottimo feeling con la moto ed è riuscito a scendere sotto il muro dei 2 minuti fermando il cronometro a meno di 2 decimi dietro a Marquez segnando così il secondo tempo assoluto.</div><div>Jorge Lorenzo,con l'altra yamaha, ha compiuto buoni progressi, completando l'ultimo giorno in terza posizione, a soli 0,333 secondi dalla vetta. Entrambi i piloti hanno compiuto una simulazione gara e si sono mostrati molto felici al termine delle prove.</div><div>Anche il Ducati Team ha concluso i test con un bilancio positivo. Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow, hanno continuato il lavoro di sviluppo delle loro Desmosedici &nbsp;con molti chilometri percorsi con la nuova moto e tanti dati utili raccolti.&nbsp;</div><div>Andrea Dovizioso ha fatto un bel passo avanti abbassando di otto decimi il suo miglior tempo di ieri, concludendo la giornata in anticipo a metà pomeriggio dopo aver completato il suo programma di lavoro. Il suo crono, 2’00.370, è stato il miglior tempo registrato finora da Dovizioso sulla pista di Sepang, con qualsiasi moto.&nbsp;</div><div>Cal Crutchlow invece ha continuato a girare fino alle 18.00, cercando di macinare più chilometri possibile sulla nuova moto, con cui affronterà la sua prima stagione per i colori del team di Borgo Panigale.</div><div>Ottimo anche il contributo del collaudatore del Ducati Test Team Michele Pirro, che ha concluso la terza giornata percorrendo altri 57 giri e ottenendo il suo miglior crono in 2’01.782.</div><div><br></div><div>Queste le dichiarazioni dei piloti a fine test:</div><div><b>Marc Marquez</b>: "Sono abbastanza contento di come sono andati i tre giorni qui a Sepang e abbiamo iniziato bene la pre-season. Vero che &nbsp;questo è solo il primo test e abbiamo ancora del lavoro da fare, ma abbiamo già potuto fare una simulazione di gara ed è andato tutto &nbsp;bene. Abbiamo provato molte configurazioni e abbiamo raccolto molti dati, quindi dovremo essere ben preparati per il prossimo test qui. Abbiamo ancora alcune cose da provare"</div><div><b>Dani Pedrosa</b>: "In questo terzo giorno ci siamo concentrati sul telaio, cercando di guadagnare più grip posteriore e credo che abbiamo fatto un sacco di progressi qui. Questa mattina abbiamo avuto un problema con i freni su entrambe le moto e ho perso un sacco di tempo, proprio nella parte della giornata in cui si può segnare il giro veloce. Comunque, sono contento che siamo riusciti a migliorare la messa a punto e, in generale, oggi è stata una giornata positiva. Al prossimo test, spero che possiamo continuare da dove avevamo lasciato oggi, e continuare a migliorare prima di passare a Phillip Island"</div><div><b>Valentino Rossi</b>: "Il test è stato molto positivo, sono molto felice, soprattutto per la seconda posizione e di più per il tempo sul giro che è il migliore della mia carriera a Sepang. E'la prima volta sotto 2'00 per me a solo un decimo di Marc e dal record assoluto della pista. Ho trovato un buon feeling con la moto, abbiamo trovato alcune buone soluzioni ed è stato molto positivo. Abbiamo provato una simulazione nel pomeriggio molto utile per individuare eventuali problemi. Abbiamo sofferto un pò per tenere un buon ritmo ma non era così male."</div><div><b>Jorge Lorenzo</b>: "Penso che abbiamo migliorato molto il tempo sul giro di ieri ma non ho fatto un giro perfetto. Magari con gomme più morbide potremmo fare un 1'59.5 o un 1'59.6. L'obiettivo non era quello di migliorare il tempo sul giro singolo, ma di migliorare il passo di gara. Quando abbiamo provato una simulazione di gara in condizioni di caldo abbiamo riscontrato alcuni problemi che non ci aspettavamo, quindi il ritmo non era buono come volevamo. Abbiamo provato solo in un tracciato che &nbsp;storicamente non è una pista Yamaha, quindi cerchiamo di vedere cosa succede nei successivi test in Malesia e sulle altre piste. L'evoluzione e il miglioramento è grande quindi sono abbastanza soddisfatto.Avere trovato una sensazione simile allo scorso anno con meno carburante è una grande cosa."</div><div><b>Andrea Dovizioso</b>: “Sono davvero contento di questi tre giorni di test perché siamo riusciti a fare un buon lavoro e a migliorare molto. Possiamo frenare più forte, entrare più facilmente e con più velocità in curva e accelerare un po’ prima e quindi usare più potenza nella prima parte dell’accelerazione. Poi siamo riusciti ad ottenere anche degli ottimi tempi a livello di giro veloce. Infatti ho ottenuto un tempo che non ero mai riuscito a fare qui in Malesia su qualsiasi moto, e quindi questo mi rende felice. Abbiamo migliorato anche il nostro passo e quindi questo test è stato davvero positivo. Non mi aspettavo di poter migliorare così tanto, però dobbiamo restare con i piedi per terra perché il gap rimane ancora alto per gli obiettivi che vogliamo ottenere.”</div><div><b>Cal Crutchlow</b>: “So che la posizione in classifica non è tra le migliori, ma devo ammettere che sono soddisfatto. Sono ancora abbastanza lontano da Dovi, ma tutto sommato oggi sono stato piuttosto costante e più veloce di ieri. Abbiamo trovato alcune cose positive sulla moto, ma purtroppo ho fatto il mio migliore tempo nella parte meno favorevole della giornata – a mezzogiorno quando la temperatura era 15 gradi più calda di quando gli altri hanno segnato i loro migliori tempi. Non sono troppo preoccupato del mio tempo sul giro, perché mi sembra che si possa spingere di più con la GP14, ed è una cosa positiva. I miei tempi non sono tanto lontani da quelli dello scorso anno, ma gli altri hanno davvero migliorato molto.”</div><div><b>Michele Pirro</b>: “Questa ultima giornata è stata difficile perché comunque la stanchezza si è fatta sentire! Ho fatto anche un long-run alle 14.00 per vedere come si comportava la mia GP14 con i consumi. Sono comunque contento del lavoro che abbiamo svolto, abbiamo raccolto molte informazioni utili e speriamo di migliorare ancora nei prossimi test. Abbiamo sempre migliorato ogni giorno, anche il tempo sul giro, e quindi continuerò a svolgere il mio lavoro con impegno per dare più informazioni possibili ai piloti ufficiali e agli ingegneri Ducati.”</div><div>Tutti i protagonisti della MotoGP torneranno a Sepang dal 26 al 28 febbraio per il secondo test ufficiale dell'anno.</div>Sepang (Malesia)WM01MSWM01MStest-sepang-6-febbraio-2014-mark-marquez.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-test-sepang-2014-marquez-e-rossi-da-record-1012670.htmSi101114901,02,03,04,06,07,08,09010898
51012664NewsMotoMondialeMotomondiale seconda giornata di test a Sepang20140205201734motomondiale,test sepang,honda,yamaha,ducati,motogpLe Honda davanti a tutti. Valentino quarto tempo davanti a Expargarò e Lorenzo<DIV>Nel secondo giorno di test pre-stagione organizzati dall'IRTA sulla pista malese di Sepang sono state le Honda le moto più veloci, con il campione del mondo Mark Marquez, che è riuscito a scendere sotto il muro dei 2 minuti fermando il cronometro in 1'59.926 davanti al compagno di squadra Dani Pedrosa (2'00.336) ed alla <SPAN style="WHITE-SPACE: pre" class=Apple-tab-span></SPAN>LCR Honda MotoGP di Stefan Bradl (2'00.339).</DIV> <DIV>Le due Yamaha di Valentino Rossi e orge Lorenzo hanno continuato a lavorare attraverso una serie di componenti ed hanno effettuato alcuni test di gomme per Bridgestone. Il pesarese ha anche preso un pò di tempo per lavorare sul set up della moto per migliorare le prestazioni ed è riuscito ad abbassare il suo tempo di ieri, chiudendo con il quarto tempo appena mezzo secondo dietro la vetta.</DIV> <DIV>Il compagno di squadra Lorenzo ha affinatola messa a punto della regolazione elettronica della sua YZR-M1 per migliorare la stabilità della moto ed il tempo sul giro chiudendo con il sesto tempo a poco più di 0,6 secondi dalla testa.</DIV> <DIV>A sorpresa fra le due yamaha si è inserita Aleix Espargaro (2'00.547) con la moto del team NGM Mobile Forward Racing.</DIV> <DIV>Entrambi i piloti del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow. oggi hanno girato esclusivamente con la Desmosedici GP14 compiendo quasi cinquanta giri a testa riuscendo ad abbassare di oltre un secondo i tempi di ieri. Anche il collaudatore del Ducati Test Team Michele Pirro, che sta contribuendo molto allo sviluppo della GP14, ha espresso un parere positivo sulla moto e sulla direzione intrapresa.</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Queste le dichiarazioni dei piloti a fine giornata:</DIV> <DIV>Valentino Rossi:</DIV> <DIV>"Oggi è un'altra giornata positiva, abbiamo lavorato molto e ho percorso 60 giri. Abbiamo provato un sacco di cose tra cui pneumatici nuovi e vecchi, per cercare di fare un confronto. Abbiamo lavorato sulle regolazioni della moto e provato alcune altre cose, alcune buone e alcune non hanno funzionato come ci aspettavamo. Comunque sono contento perché ho migliorato il mio tempo sul giro rispetto a ieri e sono in quarta posizione e non lontano dal primo."</DIV> <DIV>Jorge Lorenzo:</DIV> <DIV>"Oggi, a parte la posizione che non è l'ideale, penso che abbiamo fatto un passo avanti. Cambiando qualcosa nell'elettronica abbiamo migliorato il comportamento della moto in curva e ora è più simile all'anno scorso. Posso tenere un ritmo più costante e di essere un pò più veloce per un giro. Dobbiamo continuare a lavorare perchè i nostri avversari sono forti in questo momento, ma oggi io sono più contentodi ieri."</DIV> <DIV>Andrea Dovizioso:</DIV> <DIV>“Sono contento dei progressi che abbiamo fatto, non mi aspettavo di provare delle sensazioni così buone nel primo test dell'anno. Siamo riusciti a migliorare in inserimento e anche ad avere un po’ più di velocità in centro curva. Acceleriamo un po’ più forte perché la moto si impenna di meno e quindi possiamo usare più potenza. Ci siamo avvicinati ai primi come tempi, come passo anche, ma c’è ancora tanto lavoro da fare. Però giudico i miglioramenti che abbiamo fatto in questi primi due giorni più che positivi.”</DIV> <DIV>Carl Crutchlow:</DIV> <DIV>“Credo di essere uno dei piloti che ha migliorato di più oggi come tempo sul giro. Ieri ero un po’ arrugginito e non avevo il feeling giusto sulla moto, ma il problema è stato soltanto mio. Oggi abbiamo girato solo con la GP14, testando alcuni assetti che non avevamo avuto tempo di provare ieri. Il risultato è stato positivo e quindi abbiamo fatto un buon passo in avanti. La nuova moto è molto migliorata nell'ingresso in curva, ed è un fatto positivo per la Ducati. In generale direi che sono piuttosto soddisfatto, anche se siamo abbastanza lontani dai primi.”</DIV> <DIV>Domani, giovedì 6 febbraio, sarà il terzo e ultimo giorno di questi primi test della stagione 2014.</DIV><BR><PRE style="BACKGROUND-COLOR: #030303; WIDTH: 616px; OVERFLOW: auto">MotoGP - Sepang - Test Times - Day Two<BR> 1. &nbsp;Marc Marquez (SPA) &nbsp; &nbsp; Repsol Honda Team 1'59.926<BR> 2. &nbsp;Dani Pedrosa (SPA) &nbsp; &nbsp; Repsol Honda Team 2'00.336<BR> 3. &nbsp;Stefan Bradl (GER) &nbsp; &nbsp; LCR Honda MotoGP 2'00.339<BR>4. &nbsp;Valentino Rossi (ITA) &nbsp; &nbsp;Yamaha Factory Racing 2'00.464<BR>5. &nbsp;Aleix Espargaro (SPA) &nbsp; &nbsp;NGM Mobile Forward Racing 2'00.547<BR>6. &nbsp;Jorge Lorenzo (SPA) &nbsp; &nbsp; Yamaha Factory Racing 2'00.573<BR>7. &nbsp;Bradley Smith (GBR) &nbsp; &nbsp; Monster Yamaha Tech3 2'00.603<BR>8. &nbsp;Andrea Iannone (ITA) &nbsp; &nbsp; Pramac Racing 2'00.855<BR>9. &nbsp;Alvaro Bautista (SPA) &nbsp; &nbsp;Go&amp;Fun Honda Gresini 2'00.897<BR>10. Pol Espargarò (SPA) &nbsp; &nbsp; Monster Yamaha Tech3 2'01.061<BR>11. Andrea Dovizioso (ITA) &nbsp; Ducati Team 2'01.146<BR>12. Cal Crutchlow (GBR) &nbsp; &nbsp; Ducati Team 2'01.396<BR>13. Michele Pirro (ITA) &nbsp; &nbsp; &nbsp;Ducati Test Team 2'02.177<BR>14. Nicky Hayden (USA) &nbsp; &nbsp; Drive M7 Aspar 2'02.287<BR>15. Colin Edwards (USA) &nbsp; &nbsp; NGM Mobile Forward Racing 2'02.545<BR>16. Yonny Hernandez (COL) &nbsp; &nbsp;Energy T.I. Pramac Racing 2'02.675<BR>17. Kosuke Akiyoshi (JPN) &nbsp; &nbsp;HRC Test Team 2'02.692<BR>18. Hiroshi Aoyama (JPN) &nbsp; &nbsp; Drive M7 Aspar 2'02.825<BR>19. Katsuyuki Nakasuga (JPN) Yamaha Factory Test Team 2'02.970<BR>20. Randy De Puniet (FRA) &nbsp; &nbsp;Suzuki Test Team 2'03.064<BR>21. Scott Redding (GBR) &nbsp; &nbsp; Go&amp;Fun Honda Gresini 2'03.117<BR>22. Michael Laverty (GBR) &nbsp; &nbsp;Paul Bird Motorsport 2'03.528<BR>23. Hector Barbera (SPA) &nbsp; &nbsp; Avintia Racing 2'04.551<BR>24. Brok Parkes (AUS) &nbsp; &nbsp; Paul Bird Motorsport 2'04.619<BR>25. Karel Abraham (CZE) &nbsp; &nbsp; Cardion AB Motoracing 2'05.261<BR>26. Mike Di Meglio (FRA) &nbsp; &nbsp; Avintia Racing 2'05.355<BR></PRE>Sepang (Malesia)WM01MSWM01MSjorge-lorenzo-test-sepang-2014-febbraio.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-2014-test-sepang-secondo-giorno-1012664.htmSi101114901,02,03,04,06,07,08,09010824
61012663NewsMotoMondialeMotomondiale si riparte con i test a Sepang20140204194015motomondiale,yamaha,honda,ducati,test sepang,valentino rossiNel primo giorno Valentino 2° tempo dietro a Marquez<DIV>Dopo la pausa invernale di due mesi, il motomondiale ritorna in pista sul circuito malese di Sepang per la sessione di test ufficiali precampionato. &nbsp;Nella prima giornata il tempo più veloce è stato fatto segnare dal campione del mondo in carica del Repsol Honda Team, lo spagnolo Marc Marquez che ha girato in 2'00. 286, appena 5 decimi davanti alla migliore delle Yamaha, qualla di Valentino Rossi, che è riuscito a trovare il ritmo più rapidamente del compagno di squadra Jorge Lorenzo facendo fermare il cronometro sul tempo di 2'00. 804. &nbsp;</DIV> <DIV>Le due Yamaha avevano un adesivo speciale che indica ' Yamaha dà una mano alle vittime di Yolanda' per promuovere la campagna del team per sostenere le vittime del tifone nelle Filippine.&nbsp;</DIV> <DIV>La Ducati si è focalizzata sul confronto tra la Desmosedici GP14 e la GP13. &nbsp;Visivamente il nuovo modello presenta un’aerodinamica rivista sia nel cupolino che nel codone, in aggiunta a una migliore ergonomia e con maggiori possibilità nella regolazione del telaio, oltre ad alcune nuove soluzioni di elettronica.</DIV> <DIV>Dovizioso (miglior giro in 2’02. 497) e Crutchlow hanno quindi dedicato la prima giornata prevalentemente al lavoro di comparazione tra le due moto e a quello di messa a punto. &nbsp;In particolare Dovizioso, al suo secondo anno sulla Desmosedici, ha continuato a provare le due versioni, mentre il pilota britannico, che era salito sulla GP13 per la prima volta a Valencia a novembre, ha scelto nel pomeriggio di continuare solo con la moto nuova.&nbsp;</DIV> <DIV>In pista anche il Ducati Test Team, con Michele Pirro ancora una volta nel ruolo di collaudatore,ma nel corso della stagione il pilota pugliese avrà comunque la possibilità di prendere parte ad almeno quattro gare del Mondiale come jolly.&nbsp;</DIV> <DIV>"Sono felice per il primo giorno,è un buon inizio. - ha dichiarato Valentino Rossi alla fine della giornata - &nbsp;Mi sento bene e sono in una buona forma. Sono contento perché siamo stati molto veloci e &nbsp;sono sempre rimasto nelle prime tre posizioni. Abbiamo lavorato molto sulla moto e sul nuovo materiale per cercare di migliorare i miei problemi. Abbiamo già trovato qualcosa."</DIV> <DIV>"Come sempre è difficile tornare ancora in buona forma dopo l'inverno, - ha commentato Jorge Lorenzo - alcuni mesi senza allenamento si cambia parecchio ed il primo giorno è sempre dura! La moto è cambiata un pò rispetto allo scorso anno. Il nuovo regolamento che consente solo 20 litri di carburante ci obbligato a cambiare un bel pò di elettronica per cui la moto non sta funzionando esattamente come vorrei. Sno certo che troveremo una soluzione nei prossimi due giorni."</DIV> <DIV>“Oggi è stata una giornata un po’ particolare - ha dichiarato Andrea Dovizioso - al primo giorno di test in Malesia non va dato troppo significato, perché bisogna comunque riprendere il feeling dopo mesi in cui si è stati fermi. &nbsp;Avevamo una moto diversa da provare, però oggi siamo riusciti a fare solo pochi giri e non abbiamo potuto provare tutto ciò che avevamo in programma. &nbsp;Per fortuna abbiamo altri due giorni qui in Malesia, e quindi non è un grande problema. &nbsp;Era giusto partire con la moto 2013 per riprendere il feeling di fine stagione, poi siamo passati subito alla moto nuova per capire la differenza, ma purtroppo ho fatto solo 27 giri in tutta la giornata. Sono sicuro che domani saremo più a posto.”</DIV> <DIV>“Innanzitutto è stato bello tornare in moto dopo una pausa di due mesi e mezzo. - ha commentato Carl Crutchlow &nbsp;- &nbsp;Abbiamo girato con la GP13 nel mattino e con la GP14 nel pomeriggio, ed è evidente che c’è ancora tanto lavoro da fare perché in effetti le moto non sono poi così diverse. &nbsp;Una buona parte dei cambiamenti riguarda l’aspetto esterno della moto, ma il feeling è simile. Va detto che la GP14 entra meglio in curva, ed è quello che stavamo cercando. Abbiamo usato solo due treni di gomme durante la giornata e adesso l’obiettivo è cercare di andare sempre più veloce con questa moto. &nbsp;Inoltre la squadra ha voluto farmi provare una serie di soluzioni elettroniche e quindi non ho avuto la possibilità di girare costantemente nel pomeriggio. In Ducati stanno lavorando sodo e questo è uno stimolo in più anche per me.”</DIV><BR><BR><PRE style="BACKGROUND-COLOR: #030303; WIDTH: 616px; OVERFLOW: auto">Test Times&nbsp;<BR>1. &nbsp;Marc Marquez (SPA) Repsol Honda Team 2'00. 286<BR>2. &nbsp;Valentino Rossi (ITA) Yamaha Factory Racing 2'00. 804<BR>3. &nbsp;Dani Pedrosa (SPA) Repsol Honda Team 2'00. 906<BR>4. &nbsp;Jorge Lorenzo (SPA) Yamaha Factory Racing 2'01. 082<BR>5. &nbsp;A varo Bautista (SPA) Go&amp;Fun Honda Gresini 2'01. 240<BR>6. &nbsp;Stefan Bradl (GER) LCR Honda MotoGP 2'01. 320<BR>7. &nbsp;Aleix Espargaro (SPA) NGM Mobile Forward Racing 2'01. 419<BR>8. &nbsp;Andrea Iannone (ITA) Pramac Racing 2'01. 538<BR>9. &nbsp;Pol Espargarò (SPA) Monster Yamaha Tech3 2'01.634<BR>10. Bradley Smith (GBR) Monster Yamaha Tech3 2'01. 876<BR>11. Colin Edwards (USA) NGM Mobile Forward Racing 2'02. 483<BR>12. Andrea Dovizioso (ITA) Ducati Team 2'02. 497<BR>13. Michele Pirro (ITA) Ducati Test Team 2'02. 552<BR>14. Cal Crutchlow (GBR) Ducati Team 2'02. 860<BR>15. Yonny Hernandez (COL) Energy T. I. &nbsp;Pramac Racing 2'02. 891<BR>16. Katsuyuki Nakasuga (JPN) Yamaha Factory Test Team 2'03. 126<BR>17. Nicky Hayden (USA) Drive M7 Aspar 2'03. 319<BR>18. Hiroshi Aoyama (JPN) Drive M7 Aspar 2'03. 328<BR>19. Randy De Puniet (FRA) Suzuki Test Team 2'03. 893<BR>20. Kosuke Akiyoshi (JPN) HRC Test Team 2'04. 267<BR>21. Scott Redding (GBR) Go&amp;Fun Honda Gresini 2'04. 431<BR>22. Hector Barbera (SPA) Avintia Racing 2'04. 922<BR>23. Michael Laverty (GBR) Paul Bird Motorsport 2'05. 070<BR>24. Mike Di Meglio (FRA) Avintia Racing 2'05. 825<BR>25. Brok Parkes (AUS) Paul Bird Motorsport 2'05. 889<BR>26. Karel Abraham (CZE) Cardion AB Motoracing 2'06. 755</PRE>SepangWM01MSWM01MSvalentino-rossi-test-sepang-2014-febbraio.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-test-ufficiali-4-febbraio-2014-sepang-1012663.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09010770
71010644NewsMotoMondialeMoto GP - Test Sepang 27 Febbraio 2013. Lorenzo stacca tutti20130227194059motogp,test sepang.2013,valentino rossi,dani pedrosa,jorge lorenzo,yamaha,honda,ducatiSecondo Pedrosa a 3 decimi. Rossi quinto a 7 decimi<div>Nella seconda giornata di test della MotoGP sul circuito di Sepang arriva la Risposta di Jorge Lorenzo che ferma il cronometro sul tempo di 2.00.282 migliorando così il proprio record personale su questo tracciato. Ottima prestazione per la Yamaha se si considera che la moto non dispone del cambio seamless in utilizzato dalla Honda, che permette di guadagnare circa due decimi a giro.</div><div>Il suo connazionale Daniel Pedrosa, fino ad ora imbattuto nei test su questo circuito ha girato ben 3 decimi più lento, mentre dietro di loro solo Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech3) e Marc Marquez (Repsol Honda) sono riusciti ad abbattere il muro di 2'01. Bene anche Valentino Rossi che, nonostante qualche problema elettrico, ha ottenuto il quinto tempo a 783 millesimi dal compagno di squadra. Dietro le Honda di Bautista e Bradl, le Ducati di Hayden e Dovizioso e La Yamaha di Smith.</div><div>Il pilota di Tavullia ha collezionato ben 63 giri ed ha espresso soddisfazione a fine sessione, domani lavorerà ancora sulla ricerca del grip sul posteriore soprattutto con gomme usurate.</div><div>Andrea Iannone (Pramac Racing) ottiene l'undicesima posizione, mentre miglior tempo nella categoria CRT è conquistato da Aleix Espargaró.</div><div><br></div><div><br></div><pre style="background-color: #000000; text-indent: 0px; width: 616px; orphans: 2; overflow: auto;">a</pre>WM01MSWM01MSsepang-2013-valentino-rossi.jpgSiNmotomondiale-test-sepang-2013-moto-gp-secondo-giorno-27-febbraio-1010644.htmSi100075601,02,03,04,05,06,07,08,09040870
81010643NewsMotoMondialeMotoGP - Test Sepang primo giorno disturbato dal maltempo20130226181127motogp,test sepang.2013,valentino rossi,dani pedrosa,jorge lorenzo,yamaha,honda,ducatiMiglior tempo per Pedrosa, seguito da Lorenzo. Rossi quinto<div>Prima giornata di test a Sepang disturbata dal maltempo, al caldo soffocante della mattinata sono seguite nel primo pomeriggio le piogge tropicali, consuete in questa stagione,che hanno impedito ai piloti di abbassare i tempi ottenuti al mattino. Come nei test di due settimane fa il miglior tempo è stato ottenuto dallo spagnolo Daniel Pedrosa, anche se il suo miglior giro ottenuto in 2.01.580 è lontano dal miglior giro dei precedenti test.</div><div>Dietro di lui, a soli 235 millesimi, troviamo il campione in carica Jorge Lorenzo sulla Yamaha M1, bene anche l'altro pilota del team Repsol Honda HRC Marc Marquez, a soli 362 millesimi dal miglior tempo. Quarto Stefan Bradl in 2.01.959 dietro a Valentino Rossi che non è riuscito a scendere sotto al muro del 2.02 facendo fermare il cronometro sul tempo di 2.02.028.</div><div>Il Ducati Team presente con Andrea Dovizioso e Nicky Hayden, e con il collaudatore Michele Pirro il quale ha lavorato allo sviluppo con la moto laboratorio, ha ottenuto l'ottavo tempo con il pilota italiano che ha girato in &nbsp;2.02.801, ed il nono tempo con il pilota americano in 2’03.143, mentre Pirro, ha girato in 2.04.626 con il 16° tempo.</div>WM01MSWM01MStest-sepang-2013-andrea-dovizioso.jpgSiNmotomondiale-test-sepang-2013-moto-gp-primo-giorno-1010643.htmSi100075601,02,03,04,05,06,07,08,09040806
91010333NewsMotoMondialeMOTO GP - Test: A Sepang super Pedrosa 20130208194230honda,ducati,yamaha,rossi,perdosa,lorenzo,doviziosoConclusa la 3 giorni di test: Rossi e Lorenzo vicinissimi al pilota HondaSi è conclusa la tre giorni di test della MotoGP in preparazione alla stagione 2013 tenutasi il 5 6 e 7 febbrario sul cirduito internazionale di Sepang, in Malesia. Questa vera e propria anteprima del Mondiale che si aprirà il 31 marzo 2013 con la gara in notturna in Qatar, ha visto il dominio di Pedrosa su Honda (2.00.100), ma la buona notizia è che Rossi e Lorenzo sono vicini. <BR>Quarto tempo per l'altra Repsol Honda di Marc Márquez che è stato protagonista una caduta, per fortuna senza conseguenze. Quinto posto per Cal Crutchlow con la Monster Yamaha, primo fra i piloti dei team satelliti, seguito da Stefan Bradl su LCR Honda.<BR>Lontano dai primi le Ducati con Nicky Hayden nono e decimo Andrea Dovizioso, al debutto con la Desmosedici. <BR>«Ovviamente non siamo soddisfatti. - ha dichiarato Paolo Ciabatti, Ducati MotoGP Project Director - Sapevamo di partire da una base che necessitava di un lavoro importante di sviluppo, ma non fa mai piacere rendersi conto di essere ancora così lontani dai primi. I nostri ingegneri hanno però raccolto dati importanti e adesso non ci resta che rimboccarci le maniche e proseguire con il programma di sviluppo che è stato impostato in azienda. L’obiettivo è chiaro: riportare al più presto la Ducati nelle parti alte della classifica.»<BR>Il Team italiano dovrà lavorare parecchio per recuperare il distacco dai primi e già ai prossimi test a fime mese a Sepang ed a Jerez a fine marzo&nbsp; saranno provate nuove soluzioni.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>TABELLA DEI TEMPI TEST SEPANG 2013<BR><BR><PRE style="LINE-HEIGHT: 19px; TEXT-TRANSFORM: none; BACKGROUND-COLOR: #030303; FONT-VARIANT: normal; FONT-STYLE: normal; TEXT-INDENT: 0px; WIDTH: 616px; ORPHANS: 2; LETTER-SPACING: normal; COLOR: #fefefe; FONT-SIZE: 12px; OVERFLOW: auto; FONT-WEIGHT: normal; WORD-SPACING: 0px; -webkit-text-size-adjust: auto; -webkit-text-stroke-width: 0px">Pos Pilota Team Tempo Gap 1) PEDROSA Dani Repsol Honda Team 2.00.100 2) LORENZO Jorge Yamaha Factory Racing 2.00.429 +0.329 3) ROSSI Valentino Yamaha Factory Racing 2.00.542 +0.442 4) MARQUEZ Marc Repsol Honda Team 2.00.636 +0.536 5) CRUTCHLOW Cal Monster Yamaha Tech 3 2.00.734 +0.634 6) BRADL Stefan LCR Honda MotoGP 2.01.003 +0.903 7) BAUTISTA Alvaro Go &amp; Fun Honda Gresini 2.01.502 +1.402 8) SMITH Bradley Monster Yamaha Tech 3 2.02.093 +1.993 9) HAYDEN Nicky Ducati Team 2.02.184 +2.084 10) DOVIZIOSO Andrea Ducati Team 2.02.277 +2.177 11) NAKASUGA Katsayuki Yamaha Factory 2.02.616 +2.516 12) ESPARGARO Aleix Power Electronics Aspar 2.02.628 +2.528 13) IANNONE Andrea Energy T.I. Pramac Rac. 2.02.864 +2.764 14) AKIYOSHI Kosuke HRC Test Team 2.03.082 +2.982 15) LAVERTY Michael Paul Bird Motorsport 2.03.874 +3.774 16) DE PUNIET Randy Power Electronics Aspar 2.04.066 +3.966 17) YOSHIKAWA Wataru Yamaha Factory 2.04.137 +4.037 18) BARBERA Hector Avintia Blusens 2.04.211 +4.111 19) TAKAHASHI Takumi HRC Test Team 2.04.288 +4.188 20) PETRUCCI Danilo Came IodaRacing Project 2.04.531 +4.431 21) ABRAHAM Karel Cardion AB Motoracing 2.04.766 +4.666 22) AOYAMA Hiroshi Avintia Blusens 2.04.915 +4.815 23) CORTI Claudio NGM Mobile Forward Racing 2.05.107 +5.007 24) PESEK Lukas Came IodaRacing Project 2.05.321 +5.221 25) HERNANDEZ Yonny Paul Bird Motorsport 2.05.407 +5.307 26) EDWARDS Colin NGM Mobile Forward Racing 2.05.913 +5.813 27) STARING Bryan Go &amp; Fun Honda Gresini 2.05.970 +5.870 </PRE>SepangWM01MSWM01MSdaniel-pedrosa-2013.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-test-sepang-2013-pedrosa-piu-veloce-rossi-lorenzo-vicini-1010333.htmSi100075601,02,03,04,05,06,07,08,09010870
101009400NewsMotoMondialeEros, un cavaliere senza paura in sella a 60 cavalli20121125090531motoMotoDi&nbsp; nome fa Eros, ma ha un solo amore: la moto! Di cognome fa Aricò,&nbsp; milazzese doc con genitori,anche loro milazzesi, suoi tifosissimi. Ogni mattina esce da casa per andare a scuola,come tutti i suoi amici, ma ,a differenza di loro,non vede l’ora che suoni la campanella di fine delle lezioni per mettersi il casco in testa ed indossare la tuta. Se ancora non si è capito,Eros è un bambino di 8 anni,che tre volte la settimana, nelle prime ore del pomeriggio prima che la luce del giorno scompaia,invece di giocare come la maggior parte dei suoi compagni di scuola alla play-station,si fa dare un passaggio da papà Stefano&nbsp; per andare ad allenarsi a Cattafi in una delle poche piste di motocross esistenti in Sicilia. Si,avete capito bene, Eros è un campioncino di uno degli sport più spettacolari,che si conoscano: il motocross.<BR>Vediamo di conoscerlo più da vicino con una chiacchierata alla presenza del papà e del nonno,che non lo&nbsp; lasciano un istante,prima da allenatori e poi da tifosi. Eros è nato il 30-10-2004 e a 4 anni lo portano a Cattafi,dove in una pista ricavata fra gli uliveti corrono le moto da cross. Lui, che sulle due ruote si trova a suo agio perché dall’età di tre anni scorazza sulla&nbsp; bici&nbsp; come un esperto ciclista, si innamora di quello sport e comincia a sognare una moto ad occhi aperti. Cosicchè l’anno dopo papà Stefano si convince e d’accordo con la mamma regala al piccolo Eros la prima moto,che naturalmente non poteva che essere una 50 cc. a&nbsp; presa diretta,come se ne vedono tante circolare per le strade della nostra Milazzo. L’anno dopo però a soli sei anni Eros sale su una moto a 65 cc e mostra di non soffrire i cambi di marcia. Trascorrono altri sei mesi e arriva la grande occasione: a Patti si corre una tappa del campionato regionale di motocross alla presenza del campione del mondo Tony Cairoli,originario proprio di Patti,dove vive la sua famiglia. Eros è letteralmente affascinato da quell’ambiente,dal clima di gara,dalle moto,dai piloti,dalla presenza di Tony e già tutto ciò potrebbe appagare la sua passione. Ma a sorpresa viene chiamato a fare da apripista con la sua moto ai concorrenti in una gara ufficiale. Finisce fra gli applausi il suo giro di pista e questo basta per convincere il papà Stefano ad iscriverlo,seduta stante, al Motoclub Motor Winner Team di Patti.<BR>Il passo successivo avviene a 7 anni con la partecipazione&nbsp; al campionato regionale UISP classe promo 65,dove corre con una moto a sei marce e non essendoci altri concorrenti della sua età,tranne uno a dire il vero, gareggia assieme ai ragazzi più grandi,alcuni anche di 11 anni; il che lo sfavorisce parecchio nella classifica generale a punti,che non tiene conto dell’età, ma soltanto dei piazzamenti nelle singole corse. La prima gara si disputa sulla pista di Patti e il più emozionato è il papà,il cui cuore va a mille in attesa che il cancelletto si abbassi per dare inizio alla corsa. Pronti…via! Il piccolo Eros fa tenerezza su quel mostro a due ruote,ma lui lo domina nelle curve e nei dossi con grande maestria; sembra incollato alla sella,come se la moto e lui fossero un tutt’uno e si capissero con il pensiero. Grande Eros! Alla sua prima non stecca e taglia il traguardo al 5° posto in assoluto. La coppa gliela consegna di persona Tony Cairoli ,che gli fa i complimenti per la gara.Ci prende gusto il piccolo grande Eros e così si spinge fino a Caltagirone,dove arriva al 4° posto e così via disputa ben nove gare,addirittura attraversa lo stretto e giunge nel Mantovano a farsi conoscere. Conclude la stagione,dopo gli ottimi piazzamenti conseguiti nelle corse di Caltagirone e di San Cataldo,al 4°&nbsp; posto&nbsp; in classifica generale a soli due punti dal terzo classificato. Il nonno ci tiene a dire che il nipote è stato un po’ sfortunato,soprattutto nell’ultima corsa ,dove avrebbe potuto mantenere il vantaggio di punti accumulato fino a quel momento e alla fine due punti soltanto lo separeranno&nbsp; in classifica dal terzo classificato più grande di lui di alcuni anni. Eros a guardarlo negli occhi tradisce la sua grande voglia di riscatto;scalpita e vorrebbe subito ritornare a gareggiare. A scuola la maestra&nbsp; e i compagni lo seguono,si informano dei suoi progressi ,visionano i filmati delle gare; insomma lo ammirano non solo per il coraggio e l’abilità dimostrati,ma anche per il senso di disciplina,che si è imposto per poter raggiungere grandi risultati nel motocross e anche negli studi,che non vuole trascurare.<BR>Bravo Eros,cavaliere senza macchia né paura,dal tuo sito di face book “Tutti pazzi per Eros”,ti seguiremo da vicino e chissà che anche a Milazzo non sia nata una stella in uno sport meno conosciuto degli altri,ma non per questo meno amato! Sarà Eros Aricò l’erede di Tony Cairoli ? Noi da oggi faremo il tifo per lui!<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;<BR><BR>&nbsp;ATTILIO ANDRIOLO<BR><BR><BR>adm001adm001andrea-dovizioso-ducati.jpgSiNmotomondiale-eros-un-cavaliere-senza-paura-in-sella-a-60-cavalli-1009400.htmSi100075701,02,03,04030836
111009270NewsMotoMondialeMoto GP: Moto e Piloti già in pista: A Valencia i test per il 201320121114064051Al via i Test: Rossi-Yamaha e Dovizioso-DucatiAppena un giorno di riposo ed il circo delle due ruote è già al lavoro per il campionato del 2013, archiviato il Gran Premio svoltosi domenica sul circuito di Valencia, i piloti sono letteralmente scesi dalle moto con cui hanno gareggiato nel 2012 per salire sulle moto delle scuderie in&nbsp; cui si sono accasati per la prossima stagione.<BR>Così Valentino Rossi, dopo il divorzio dalla Ducati è risalito si su una MotoGp, ma non su una Desmosedici, il dottore ha provato la Yamaha MX1, quella Yamaha che valentino aveva lasciato due annio fa e che in mano a Jorge Lorenzo ha consacrato lo spagnolo nella storia del motomondiale.<BR>Il pilota di Tavullia, con il 46 giallo che spicca sul grigio del cupolino della nuova moto ha effettuato otto giri con il miglior crono di 1'44"158, sesto tempo del giorno ma comunque poco indicativo<BR>&nbsp;viste le avverse condizioni climatiche, e visto che molti piloti (tra cui Lorenzo) hanno preferito prudentemente di&nbsp;non scendere in pista.<BR>Anche per Andrea Dovizioso (nella foto)&nbsp;c'è stato un importante cambio di casacca. Il neo acquisto della Ducati, ansioso di provare la Desmosedici è stato uno dei primi a scendere in pista&nbsp;in mattinata appena si è avuto semaforo verde, ed è riuscito a completare 4&nbsp; giri con gomme&nbsp;da asciutto prima che iniziasse a piovere ottenendo il tempo di 1.39.868.<BR>Nel pomeriggio&nbsp;Dovizioso è stato affiancato dal suo compagno di squadra&nbsp;Nicky Hayden entrambi con assetti da bagnato.<BR>Il neo campione iridato Moto2 Marc Marquez passato in MotoGP in casa Honda ed il suo compagno di squadra Daniel Pedrosa hanno deciso di non scendere in pista per evitare inutili rischi.<br><br>valenciaWM01MSWM01MSandrea-dovizioso-ducati.jpgSiNmotomondiale-test-moto-gp-a-valencia-rossi-prova-yamaha-dovizioso-prova-ducati-1009270.htmSi100075601,02,03,04010955
121009043NewsMotoMondialeIn ricordo del Sic20121023123130simoncelliSimoncelliE' passato un anno da quel tragico Gran Premio della Malesia, ma l'affetto dei tifosi e dei tanti appassionati di sport ha fatto sì che il ricordo del Sic fosse ancora vivo in tutti.<BR><BR>Era un ragazzo che amava correre e avrebbe fatto di tutto per continuare a fare quello che da sempre era la sua passione, la moto.<BR><BR>Adesso che non c'è più, la sua assenza si fa sentire ma la presenza nella mente di tutti resterà sempre viva, soprattutto con le tante belle iniziative che continuano a portare avanti i famigliari e gli amici di chi era un campione sia dentro che fuori la pista. <BR><BR><BR>adm001adm001simoncelli-4.jpgSiNmotomondiale-in-ricordo-del-sic-1009043.htmSi100075501,02,03030807
131007852NewsMotoMondialeMoto GP - Qualifiche Brno: pole position a Lorenzo. Sesto Rossi20120825154004moto gp, brno, lorenzo, rossiMoto GP Qualifiche Brno Lorenzo RossiI piloti della classe MotoGP sono scesi in pista a Brno per la sessione di qualifica del Gran Premio della Repubblica Ceca, dodicesimo appuntamento del motomondiale 2012. Temperatura più bassa rispetto alle prove libere con 22° nell`aria e 29° sull`asfalto e ovviamente diciannove i piloti in pista visti i forzati forfait di Nicky Hayden e Casey Stoner, infortunati al pari di Barberà a Indianapolis, ma che al contrario dello spagnolo non sono stati ancora sostituiti dalle loro squadre. Hayden così come Barberà potrebbe ritornare a Misano, mentre Stoner spera di rientrare una o due gare prima della sua Phillip Island ma una data più precisa si saprà la prossima settimana quando sarà operato alla caviglia destra martoriata nell`high-side delle qualifiche di Indy.<br><br> Questa sessione a differenza dei turni di prove libere non ha visto il dominio di Dani Pedrosa, caduto dopo soli 9 minuti e costretto ad utilizzare la seconda moto, moto con cui non aveva lo stesso feeling della moto 1.<br><br> A dominarla con il nuovo record del circuito ceco (1:55.799) è stato il leader del mondiale Jorge Lorenzo, che centra così la sua quarta pole position del 2012, la ventiduesima nella classe MotoGP. Il maiorchino ha migliorato tantissimo rispetto a questa mattina, quando era sembrato in grande difficoltà.<br><br> Alle sua spalle troviamo un`altra Yamaha, quella SAT del Team Tech 3 di Cal Crutchlow, fresco di rinnovo contrattuale e che è anche caduto senza conseguenze fisiche.<br><br> Pedrosa con un buon ultimo giro ha limitato i danni prendendosi il terzo tempo e la prima fila, cosa sempre importante in ottica gara. Certo il suo distacco da Lorenzo è di oltre mezzo secondo, ma ricordiamo che non ha potuto utilizzare la moto con cui aveva maggior feeling.<br><br> Aprirà invece la seconda fila con il quarto tempo Ben Spies, con la seconda Yamaha Factory. Lo statunitense ha preceduto i nostri Andrea Dovizioso (Yamaha Tech 3) e Valentino Rossi, sesto con la Ducati Desmosedici GP12 a soli 936 millesimi dalla vetta. Un ritardo che però se rapportato con gli altri è più che accettabile e che domani potrebbe consentirgli di fare una bella gara.<br><br> Dietro a al prossimo pilota della Yamaha troviamo le due Honda RC213V di Stefan Bradl (Team LCR) e Alvaro Bautista (Team Gresini) con Karel Abraham e Randy de Puniet (prima CRT) che chiudono la Top Ten.<br><br> (motograndprix.com)<br><br>BRNOadm001adm001lorenzo.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-qualifiche-brno-pole-position-a-lorenzo-sesto-rossi-1007852.htmSi100075701,02,03,04010903
141007746NewsMotoMondialeDucati, ufficiale: arriva Dovizioso20120822184018MotoGP, Andrea Dovizioso, DucatiBiennale per il pilota di Forlimpopoli: con Hayden per dimenticare Rossi.E` stato raggiunto un accordo tra la <STRONG>Ducati</STRONG> e <STRONG>Andrea Dovizioso</STRONG>: per il 2013 e il 2014, il pilota italiano salirà in sella con i colori della scuderia di Borgo Panigale. A fare gli onori di casa al pilota romagnolo è il presidente <STRONG>Gabriele Del Torchio</STRONG>: <EM>Con grande piacere do il benvenuto ad Andrea, ribadendo il nostro massimo impegno nell`affrontare il Campionato Mondiale MotoGP. Insieme a Nicky Hayden, con il quale abbiamo già rinnovato l`accordo di collaborazione, siamo certi che potremmo proseguire con il nostro programma di sviluppo, competere e ottenere risultati e gratificazioni che ripagheranno i nostri sforzi e la fiducia che partner, sponsor e tifosi non hanno mai smesso di dimostrarci. L`accordo siglato con Dovizioso </EM> continua -<EM>, conferma l`interesse prioritario dell`azienda nelle competizioni, parte attiva e strategica del DNA e della tradizione Ducati.</EM> <br><br> Entusiasmo anche da parte del dg Ducati Corse <STRONG>Filippo Preziosi</STRONG>: <EM>Le doti di sensibilità tecnica e di collaudatore che caratterizzano Andrea sono un grande valore, così come il suo talento e la sua determinazione. Averlo in squadra, e sapere di poter contare anche sulla sua collaborazione, rappresenta un ulteriore stimolo per proseguire nella crescita e nello sviluppo del nostro progetto MotoGP. Sono contento che abbia deciso di far parte della nostra squadra, conscio del lavoro da fare ma con entusiasmo e fiducia, requisiti fondamentali per raggiungere il successo e competere in questo impegnativo campionato iridato</EM>.<br><br> <BR>Il ventiseienne, che concluderà il campionato con la <STRONG>Yamaha</STRONG>, attualmente occupa si trova in quarta piazza nella classifica iridata MotoGP, e sarà in squadra con <STRONG>Nicky Hayden</STRONG>. Così la Ducati cercherà di voltare pagina dopo la decisamente non entusiastica esperienza con <STRONG>Valentino Rossi</STRONG>, nonostante le grandi aspettative del 2011. Che Dovizioso possa essere il giusto ingrediente nell`alchimia della rossa?<BR><BR><br><br>Borgo PanigaleFL0435FL0435dovizioso-qp-indy-2012.jpgSiNmotomondiale-ducati-ufficiale-arriva-dovizioso-1007746.htmSi100612201,02,03,04010783
151007505NewsMotoMondialeMoto GP, durissimo attacco di Stoner a Rossi dopo il ritorno in Yamaha: «Si è rimangiato la parola data. La gente non lo perdonerà per questo»20120815114531moto gp, stoner, rossi, yamahaMoto GP Stoner Rossi Yamaha<STRONG>Casey Stoner</STRONG> intervistato da <EM>motorcyclenews</EM> ha criticato il rapido ritorno di <STRONG>Valentino Rossi</STRONG> alla <STRONG>Yamaha</STRONG> dopo solo due anni. Queste le parole del pilota della Honda:<br><br> "Sono dispiaciuto per Ducati che Rossi è andato lì e non ha fatto altro che lamentarsi della moto e, ovviamente, ora hanno una moto che può fare bene perché continua a essere guidata bene da Nicky e Hector Barbera. Con Rossi non ho visto alcun miglioramento negli ultimi due anni e questo è deludente.<br><br> Mi dispiace per le persone che stanno dietro la moto. Valentino, ovviamente, non vuole spingere oltre i limiti e guidare una moto che non è perfetta. <br><br> Ha certamente dimostrato di non essere in grado di guidare la Ducati. Ha bisogno solo di una moto perfetta per vincere.<br><br> E' palesemente evidente che non può vincere con una Ducati e non può renderla competitiva. Ha detto che voleva finire la sua carriera con loro e ora abbandona la nave."<br><br> Stoner ha deriso anche lo slogan "stiamo uniti" utilizzato da Rossi sul casco utilizzato nella gara di casa del Mugello.<br><br> "E lui doveva stare con Ducati, visto che aveva fatto scrivere pure quella frase sul casco. Si è rimangiato la parola ma la gente non lo perdonerà per questo".<br><br>adm001adm001stoner.jpgSiNmotomondiale-moto-durissimo-attacco-di-stoner-a-rossi-dopo-il-ritorno-in-yamaha-si-e-rimangiato-la-parola-la-gente-non-lo-perdonera-per-questo-1007505.htmSi100075501,02,03,040101024
161007495NewsMotoMondialeValentino Rossi si scusa con i tifosi Ducati20120814153813rossiMessaggio su twitter di The DoctorDopo l'ufficializzazione del suo passaggio alla Yamaha, adesso è proprio Valentino Rossi a parlare, tramite twitter, e a scusarsi coi tifosi Ducati:<br><br> <EM>"E' stato un grande peccato non riuscire a essere competitivo con la Ducati. Sarebbe stata una bella soddisfazione per me e per tutti i ragazzi che hanno lavorato con me e ci proveranno fino alla fine. Sarebbe stato divertente per tutti i nostri tifosi. Mi dispiace. Lavoreremo al massimo per fare qualche bella gara".</EM><br><br>FL0141FL0141Valentino-Rossi-prova-la-Ducati.jpgSiNmotomondiale-valentino-rossi-si-scusa-con-i-tifosi-ducati-1007495.htmSi100205001,02,03,04010816
171007281NewsMotoMondialeMoto GP, Rossi torna in Yamaha. La Ducati pensa a Dovizioso20120807131531moto gp, yamaha, ducati, dovizioso, rossiMoto GP Yamaha Ducati Dovizioso RossiManca ancora l`ufficialità ma ormai è cosa fatta. <STRONG>Valentino Rossi</STRONG> ha scelto la<STRONG> Yamaha</STRONG> per chiudere la sua carriera in MotoGp. Al termine di questa stagione chiuderà il biennio in <STRONG>Ducati </STRONG>deluso da un feeling con la moto mai trovato. <br><br> L`ingresso della Audi nel gruppo Ducati aveva riacceso qualche speranza, ma i tempi per un`inversione di tendenza non sono così brevi e Valentino Rossi viaggia sui 33 anni. Non può più permettersi un`annata di test, di ottavi posto. <br><br> Il dualismo con Lorenzo non spaventa Rossi, e nemmeno Jorge, più maturo e stimolato dalla rivalità interna. In Ducati c`è un posto libero, invece, e<STRONG> Dovizioso</STRONG> ci sta pensando. <br><br>adm001adm001rossi.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-rossi-torna-alla-yamaha-la-ducati-pensa-a-dovizioso-1007281.htmSi100075701,02,03,040101180
181006650NewsMotoMondialeAudi AG e Ducati: l`assemblea nomina il nuovo CDA e il comitato esecutivo20120719190131ducatiAudi DucatiE' stata completata l`acquisizione della totalità del pacchetto azionario Ducati Motor Holding da parte di AUDI AG, per tramite della sua controllata Automobili Lamborghini S.p.A.<BR>&nbsp;<BR>L`assemblea di Ducati Motor Holding ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione che è composto dall`Amministratore Delegato di AUDI AG, Rupert Stadler, che è stato nominato Presidente del CDA, e dai consiglieri Gabriele Del Torchio e Claudio Domenicali per quanto riguarda Ducati, Horst Glaser&nbsp; e Axel Strotbek, di provenienza AUDI AG<BR>&nbsp;<BR>Il Consiglio di Amministrazione, che si è riunito subito dopo l`Assemblea, ha nominato Gabriele del Torchio Amministratore Delegato DMH.<BR>&nbsp;<BR>Nella stessa riunione è stato costituito il Comitato Esecutivo di Ducati Motor Holding, di cui Gabriele Del Torchio è stato nominato Presidente. Del comitato esecutivo faranno parte anche componenti del CDA e componenti del management aziendale.<BR>&nbsp;<BR>AUDI AG ha anche deciso di nominare Gabriele Del Torchio nel Consiglio di Amministrazione di Automobili Lamborghini S.p.A. <br><br> (ducati.it)<br><br>adm001adm001rossi.jpgSiNmotomondiale-audi-ag-e-ducati-l-assemblea-nomina-il-nuovo-cda-e-il-comitato-esecutivo-1006650.htmSi100075701,02,03,04010973
191006537NewsMotoMondialeMoto GP, Mugello: vince Lorenzo. Rimonta di Rossi20120715144531moto gp, mugello, lorenzo, rossiMoto GP Mugello Lorenzo Pedrosa Rossi<P>Jorge Lorenzo si aggiudica il Gran Premio d'Italia valido per la classe MotoGp, sul circuito del Mugello. Lo spagnolo della Yamaha ha preceduto al traguardo il connazionale Dani Pedrosa (Honda). Per Lorenzo, leader della classifica generale, si tratta del quinto trionfo stagionale. Terzo posto per Andrea Dovizioso (Yamaha), Valentino Rossi conclude in quinta posizione.</P> <P>Lorenzo consolida il suo dominio sul Mondiale sfruttando una gran partenza, dove riusciva a bruciare subito Pedrosa, scattato in pole position. Davanti a Rossi, al miglior piazzamento stagionale, si classifica il tedesco Stefan Bradl (Honda), protagonista di un gran duello con Dovizioso. In sesta posizione chiude il britannico Cal Crutchlow (Yamaha Tech 3), a seguire la Ducati dell'americano Nicky Hayden. Giornata storta per l'australiano Casey Stoner (Honda), che paga un'uscita di pista a 14 giri dal termine e conclude all'ottavo posto. Completano la top ten gli spagnoli Hector Barbera (Pramac Racing) e Alvaro Bautista. Grazie a questo successo Lorenzo incrementa il bottino nella classifica piloti salendo a 185 punti. Secondo è Pedrosa a 166. Prossimo appuntamento della MotoGp tra due settimane a Laguna Seca.</P> <P>(gqitalia.it)</P>adm001adm001lorenzo.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-mugello-vince-lorenzo-rimonta-rossi-1006537.htmSi100075501,02,03,04010920
201006511NewsMotoMondialeMoto GP, Mugello: Pedrosa partirà in pole. Bene Barbera e Hayden. Lontano Rossi20120714151531moto gp, rossi, ducati, pedrosa, hayden, barbera, lorenzoMoto GP Mugello Pedrosa Lorenza Barbera Hayden Rossi<P><STRONG>Dani Pedrosa</STRONG> mette a segno la pole position del Gran Premio d`Italia 2012. Alle sue spalle, il connazionale della Yamaha,<STRONG> Jorge Lorenzo</STRONG> e la sorpresa della giornata Hector<STRONG> Barbera</STRONG>, che si piazza terzo con la Ducati davanti a quella ufficiale di <STRONG>Nicky Hayden</STRONG>. Lontano <STRONG>Valentino Rossi</STRONG>, in decima posizione con la sua Rossa e in chiara difficoltà.</P> <P>MotoGP Mugello 2012, ordine di partenza:<BR>1&nbsp;26&nbsp;Dani PEDROSA&nbsp;SPA&nbsp;Repsol Honda Team&nbsp;1:47.284&nbsp;1:47.284&nbsp;0.000&nbsp;0.000<BR>2&nbsp;99&nbsp;Jorge LORENZO&nbsp;SPA&nbsp;Yamaha Factory Racing&nbsp;1:47.423&nbsp;1:54.649&nbsp;0.139&nbsp;0.139<BR>3&nbsp;8&nbsp;Hector BARBERA&nbsp;SPA&nbsp;Pramac Racing Team&nbsp;1:47.545&nbsp;1:49.450&nbsp;0.261&nbsp;0.122<BR>4&nbsp;69&nbsp;Nicky HAYDEN&nbsp;USA&nbsp;Ducati Team&nbsp;1:47.671&nbsp;1:47.671&nbsp;0.387&nbsp;0.126<BR>5&nbsp;1&nbsp;Casey STONER&nbsp;AUS&nbsp;Repsol Honda Team&nbsp;1:47.689&nbsp;1:47.875&nbsp;0.405&nbsp;0.018<BR>6&nbsp;35&nbsp;Cal CRUTCHLOW&nbsp;GBR&nbsp;Monster Yamaha Tech 3&nbsp;1:47.749&nbsp;1:47.749&nbsp;0.465<BR>7&nbsp;4&nbsp;Andrea DOVIZIOSO&nbsp;ITA&nbsp;Monster Yamaha Tech 3&nbsp;1:47.751&nbsp;1:56.302<BR>8&nbsp;6&nbsp;Stefan BRADL&nbsp;GER&nbsp;LCR Honda MotoGP&nbsp;1:47.857&nbsp;1:47.901&nbsp;0.573&nbsp;0.106<BR>9&nbsp;11&nbsp;Ben SPIES&nbsp;USA&nbsp;Yamaha Factory Racing&nbsp;1:48.149&nbsp;1:48.294&nbsp;0.865&nbsp;0.292<BR>10&nbsp;46&nbsp;Valentino ROSSI&nbsp;ITA&nbsp;Ducati Team&nbsp;1:48.502&nbsp;1:48.907&nbsp;1.218&nbsp;0.353<BR>11&nbsp;19&nbsp;Alvaro BAUTISTA&nbsp;SPA&nbsp;San Carlo Honda Gresini&nbsp;1:48.894&nbsp;1:49.188&nbsp;1.610&nbsp;0.392<BR>12&nbsp;41&nbsp;Aleix ESPARGARO&nbsp;SPA&nbsp;Power Electronics Aspar&nbsp;1:49.387&nbsp;1:49.387&nbsp;2.103&nbsp;0.493<BR>13&nbsp;14&nbsp;Randy DE PUNIET&nbsp;FRA&nbsp;Power Electronics Aspar&nbsp;1:49.450&nbsp;6:47.657&nbsp;2.166&nbsp;0.063<BR>14&nbsp;51&nbsp;Michele PIRRO&nbsp;ITA&nbsp;San Carlo Honda Gresini&nbsp;1:50.263&nbsp;1:51.243&nbsp;2.979&nbsp;0.813<BR>15&nbsp;68&nbsp;Yonny HERNANDEZ&nbsp;COL&nbsp;Avintia Blusens&nbsp;1:50.610&nbsp;1:51.289&nbsp;3.326&nbsp;0.347<BR>16&nbsp;77&nbsp;James ELLISON&nbsp;GBR&nbsp;Paul Bird Motorsport&nbsp;1:50.812&nbsp;2:12.858&nbsp;3.528&nbsp;0.202<BR>17&nbsp;54&nbsp;Mattia PASINI&nbsp;ITA&nbsp;Speed Master&nbsp;1:50.953&nbsp;1:50.953&nbsp;3.669&nbsp;0.141<BR>18&nbsp;22&nbsp;Ivan SILVA&nbsp;SPA&nbsp;Avintia Blusens&nbsp;1:51.242&nbsp;1:51.804&nbsp;3.958&nbsp;0.289<BR>19&nbsp;5&nbsp;Colin EDWARDS&nbsp;USA&nbsp;NGM Mobile Forward Racing&nbsp;1:51.348&nbsp;1:58.547&nbsp;4.064<BR>20&nbsp;9&nbsp;Danilo PETRUCCI&nbsp;ITA&nbsp;Came IodaRacing Project&nbsp;1:51.473&nbsp;1:52.022&nbsp;4.189&nbsp;0.125</P>adm001adm001pedrosa.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-mugello-pedrosa-partira-in-pole-bene-barbera-e-hayden-lontano-rossi-1006511.htmSi100075701,02,03,040101008
211006435NewsMotoMondialeMoto GP, la Ducati si prepara alla gara di casa del Mugello. Rossi: «Faremo il possibile per i tifosi»20120712111531moto gp, mugello, ducati, rossiMoto GP Mugello Ducati Rossi<P>Il Ducati Team dalla Germania si è spostato verso casa, al Mugello, dove domenica prossima&nbsp; prenderà il via il Gran Premio d`Italia, nono appuntamento su diciotto in calendario.</P> <P>La pista che si snoda sulle colline toscane a nord di Firenze, è una delle preferite di Valentino, che vi ha vinto ben 9 volte in tutte le classi, e piace molto anche a Nicky Hayden che è salito sul podio nel 2006. Al Sachsenring entrambi hanno trovato delle regolazioni promettenti per la&nbsp; messa a punto della GP12 e adesso vogliono verificarne l`efficacia anche sul veloce tracciato italiano.</P> <P>A sostenere il Ducati Team ci saranno come sempre migliaia di ducatisti che si daranno appuntamento alle due bellissime tribune del Correntaio.</P> <P>VALENTINO ROSSI, Ducati Team<BR>"Al Sachsenring domenica scorsa abbiamo usato una messa a punto che ci ha permesso di essere più costanti e di stressare un po` meno la gomma posteriore, arrivando fino a fine gara con un passo discreto. E` stato il nostro miglior risultato complessivo sull`asciutto e quindi adesso dobbiamo partire da questa base per cercare di fare meglio al Mugello. C`è il Gran Premio d`Italia, dobbiamo fare un extra sforzo, io compreso, per fare bene nella nostra gara di casa. E` una delle piste più belle del mondo sia per il disegno del tracciato sia per l`atmosfera, per tutti i tifosi che vengono a vederci e sostenerci. Bisogna davvero cercare di fare tutto il possibile.</P> <P>NICKY HAYDEN, Ducati Team<BR>Ho ancora l`amaro in bocca per il risultato del Sachsenring e non vedo l`ora di tornare in moto al Mugello. E` una delle piste più belle del campionato, ed essendo un pilota Ducati,&nbsp; tutto il fine settimana del Gran Premio è speciale.&nbsp; Sono sicuro che sarà ricco di impegni ma anche di grande supporto da parte dei tifosi&nbsp; e questa è una cosa che fa sempre piacere. Il tracciato non è facile, è molto tecnico e richiede grande precisione. Non si sfrutta ovunque la potenza delle 1000cc ma ci sono alcuni punti molto veloci. Da ducatista qui non ho ottenuto grandi cose ma mi piace comunque tanto. Cercheremo di mettere insieme tutto quello che serve durante il week-end per fare bene domenica, che è quello che conta davvero.</P> <P>VITTORIANO GUARESCHI, Team Manager<BR>Correre in casa, nell`ultima di tre gare di fila è veramente un grande impegno sia per il Team sia per i piloti, ma nello stesso tempo ci da anche una motivazione ulteriore. Da una pista corta e stretta come il Sachsenring ad una vecchio stile con lunghi rettilinei e curvoni veloci come il Mugello c`è una bella differenza, ma dovremo riuscire a ritrovare gli aspetti positivi della messa a punto che avevamo individuato in Germania, per dare a Vale e Nicky la possibilità di fare il meglio possibile, e anche di divertirsi, in una gara che entrambi sentono molto.</P> <P>MUGELLO CIRCUIT RECORDS</P> <P>Record Ufficiale: Dani Pedrosa (Honda  2010), 1`49.531  172.389 Km/h<BR>Best Pole: Casey Stoner (Honda  2011), 1`48.034  174.778 Km/h<BR>Lunghezza circuito: 5.245 km<BR>Gara MotoGP 2012: 23 laps (120.635 km)<BR>Orario Gara MotoGP 2012: 14:00</P> <P>PODIO 2011: 1° Jorge Lorenzo, 2° Andrea Dovizioso, 3° Casey Stoner<BR>POLE 2011: Casey Stoner (Honda) 1`48.034  174.778 km/h</P> <P>RISULTATI DUCATI&nbsp; TEAM AL MUGELLO (MIGLIORE)</P> <P>2011: 6° (Rossi)<BR>2010: 4° (Stoner)<BR>2009: 1° (Stoner)<BR>2008: 2° (Stoner)<BR>2007: 4° (Stoner)<BR>2006: 2° (Capirossi)<BR>2005: 3° (Capirossi)<BR>2004: 4° (Bayliss)<BR>2003: 2° (Capirossi)</P> <P>DUCATI TEAM  RIDER INFO</P> <P>VALENTINO ROSSI</P> <P>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP12<BR>Numero di gara: 46<BR>Età: 33 (nato a Pesaro il 16 febbraio 1979)<BR>Residenza: Tavullia (Pesaro, Italia)<BR>Numero GP: 266 (206XMotoGP, 30X250cc, 30X125cc)<BR>Primo GP: GP della Malesia, 1996 (125cc)<BR>Numero di vittorie 105 (79XMotoGP, 14X250cc, 12X125cc)<BR>Prima vittoria GP: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Pole Position: 59 (49XMotoGP, 5X250cc, 5X125cc)<BR>Prima Pole: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Titoli Mondiali: 9 (6XMotoGP, 1X500cc, 1X250cc, 1X125cc)</P> <P>Risultati Rossi al Mugello in MotoGP<BR>2011: Qualifica 12°; Gara: 6°<BR>2010: Qualifica: DNS; Gara: DNS<BR>2009: Qualifica: 4°; Gara: 3°<BR>2008: Qualifica: 1°; Gara: 1°<BR>2007: Qualifica: 3°; Gara: 1°<BR>2006: Qualifica: 3°; Gara: 1°<BR>2005: Qualifica: 1°; Gara: 1°<BR>2004: Qualifica: 3°; Gara: 1°<BR>2003: Qualifica: 1°; Gara: 1°<BR>2002: Qualifica: 1°; Gara: 1°<BR>2001: Qualifica: 1°; Gara: DNF<BR>2000: Qualifica: 3°; Gara: 12°</P> <P>Risultati Rossi al Mugello in 250<BR>1999: Qualifica: 6°; Gara: 1°<BR>1998: Qualifica: 4°; Gara: 2°</P> <P>Risultati Rossi al Mugello in 125<BR>1997: Qualifica: 3°; Gara: 1°<BR>1996: Qualifica: 8°; Gara: 4°</P> <P>NICKY HAYDEN<BR>Età: 30 (nato il 30 luglio 1981 a Owensboro, Kentucky, USA)<BR>Residenza: Owensboro, USA<BR>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP11<BR>Numero di gara: 69<BR>Numero GP: 159 (159xMotoGP)<BR>Primo GP: GP del Giappone, 2003 (MotoGP)<BR>Numero di vittorie: 3 (3xMotoGP)<BR>Prima vittoria GP: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Pole position: 5 (5xMotoGP)<BR>Prima Pole: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Titoli Mondiali: 1 (MotoGP, 2006)</P> <P>Risultati Hayden al Mugello in MotoGP<BR>2011: Qualifica: 9°; Gara: 10°<BR>2010: Qualifica: 4°; Gara: DNF<BR>2009: Qualifica: 16°; Gara: 12°<BR>2008: Qualifica: 6°; Gara: 13°<BR>2007: Qualifica: 13°; Gara: 10°<BR>2006: Qualifica: 4°; Gara: 3°<BR>2005: Qualifica: 4°; Gara: 6°<BR>2004: Qualifica: 2°; Gara: DNS<BR>2003: Qualifica: 17°; Gara: 12°</P> <P>&nbsp;(ducati.it)</P>adm001adm001rossi.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-la-ducati-prepara-la-gara-di-casa-al-mugello-rossi-faremo-il-possibile-per-i-nostri-tifosi-1006435.htmSi100075501,02,03,04010989
221006334NewsMotoMondialeMoto GP, Sachsenring: vince Pedrosa ma errore clamoroso di Stoner20120708134531moto gp, sachsenring, pedrosa, stoner, lorenzo, rossiMoto GP Sachsenring Pedrosa Stoner Lorenzo Rossi<P>Il <STRONG>Sachsenring </STRONG>ci ha finalmente regalato una gara di MotoGp un po' più movimentata rispetto al solito, anche se i colpi di scena più importanti sono arrivati solamente nel corso dell'ultimo giro. Il Gp di Germania segna la prima vittoria stagionale di <STRONG>Dani Pedrosa</STRONG>, al terzo sigillo consecutivo su questa pista, ma soprattutto l'erroraccio di <STRONG>Casey Stoner</STRONG>, caduto a due curve dal termine nel tentativo di attaccare il compagno di squadra dopo la bella fuga di cui si erano resi protagonisti in tandem.</P> <P>Un regalo veramente clamoroso per Jorge Lorenzo, che oggi non aveva assolutamente il passo per stare con le due Honda ufficiali, ma è ritrovato servita su un piatto d'argento la possibilità di agguantare un secondo posto insperato, dopo una gara condotta in solitaria. Ma quello che conta di più per il pilota della Yamaha sono i 20 punti che riesce a mettere tra sé e l'australiano, che forse potrebbe avere la scusante di qualche goccia di pioggia caduta nel corso dell'ultimo giro, anche se la sensazione è che l'errore in realtà sia tutto suo.</P> <P>Detto dell'errore di Casey, merita qualche parola in più Pedrosa, perchè con questa vittoria si rilancia anche lui pesantemente nella corsa al titolo, scavalcando proprio il compagno di squadra, portandosi in seconda posizione a 14 punti dal "Martillo". </P> <P>L'errore del campione del mondo in carica ha di fatto regalato il terzo podio stagionale ad <STRONG>Andrea Dovizioso</STRONG>, che l'ha spuntata in una volata ricca di significato contro <STRONG>Ben Spies</STRONG>, al quale sta provando a contendere il posto all'interno della squadra ufficiale Yamaha. Un risultato importante, che permette all'alfiere del team Tech 3 di consolidare il suo quarto posto nella classifica iridata.</P> <P>Buono anche il quinto posto nella gara di casa per <STRONG>Stefan Bradl</STRONG>, che per tutta la gara ha condotto un trenino di cui facevano parte le Ducati e al quale si sono agganciati per motivi diversi anche <STRONG>Cal Crutchlow</STRONG> ed <STRONG>Alvaro Bautista</STRONG> nella parte conclusiva della corsa.</P> <P>Alle spalle del tedesco della Honda LCR si è piazzato<STRONG> Valentino Rossi</STRONG>, autore almeno di un bel colpo di reni negli ultimi due giri, che gli ha consentito di scavalcare le altre due GP12 di Nicky Hayden ed Hector Barbera, che gli erano rimaste davanti per buona parte della distanza.</P> <P>Dietro al "Dottore" troviamo Bautista, autore di una grande rimonta dopo essere stato penalizzato ad Assen per l'incidente con Lorenzo. Lo spagnolo dovrebbe mangiarsi le mani perchè probabilmente avrebbe avuto il passo per battagliare per il podio. Segue poi Cal Crutchlow, scivolato indietro a causa di un "dritto" alla prima curva arrivato a cinque giri dal termine, quando era in bagarre con Dovizioso e Spies.</P> <P>Chiudono il gruppetto appunto Barbera ed Hayden, seguiti da Randy De Puniet che con l'undicesimo posto della sua ART-Aprilia è il primo tra le CRT. Va detto però che, a differenza delle previsioni, anche qui il suo ritardo dalle MotoGp vere e proprie è stato piuttosto grande.&nbsp; </P> <P>(omnicorse.it)</P>adm001adm001pedrosa.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-sachsenring-vince-pedrosa-ma-errore-clamoroso-di-stoner-1006334.htmSi100075701,02,03,04010861
231006314NewsMotoMondialeMoto GP, Sachsenring: pole a Stoner. Terza fila per le Ducati20120707153130moto gp, stoner, rossiMoto GP, Stoner, Rossi<P><STRONG>Casey Stoner</STRONG> centra la pole per la prova di Moto Gp del <STRONG>Sachsenring</STRONG>, la quarta stagionale: chiude le qualifiche in 1:31.796 su un tracciato sempre più asciutto, dopo le forti piogge di questa mattina. </P> <P>Negli ultimi giri si sono avvicendati in tanti in testa alla classifica del miglior tempo, ma l'australiano della Honda è riuscito a mettere tutti dietro nei secondi finali. Ottima prova per Ben Spies su Yamaha che è secondo a +0.193, la prima fila domani sarà completata dall'altra Honda ufficiale con Dani Pedrosa che ha fermato il cronometro a +0.285 dal suo compagno di scuderia. Quarta piazza per un'altra Yamaha, ma non è quella ufficiale di Lorenzo (quinto a +0.585), bensì la Tech 3 di un agguerrito Carl Crutchlow (+0.492). La seconda fila sarà chiusa dal pilota di casa Stefan Bradl (+0.714).</P> <P>Settimo e nono posto per le Ducati, rispettivamente con Hayden (+0.999) e Valentino Rossi (+1.421), con in mezzo in ottava posizione Andrea Dovizioso (+1.409). Questa volta la pioggia non ha giovato alle 'rosse'. Negli ultimi giri, con il tracciato sempre più asciutto, Hayden aveva piazzato alcuni buoni tempi, prendendo provvisoriamente la testa della classifica per le qualifiche ufficiali. Subito dietro la Ducati di Rossi c'è la prima delle CRT, guidata da Aleix Espargaro (+2.104).</P>adm001adm001stoner.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-sachsenring-pole-a-stoner-terza-fila-per-le-ducati-1006314.htmSi100075701,02,03,04010831
241006227NewsMotoMondialeMoto GP, la Ducati si prepara alla sfida del Sachsering. Rossi: «Questa pista è diversa dalle ultime due, proveremo a fare meglio»20120704200131ducati, rossi, haydenDucati Rossi Hayden<P><BR>Quella del Sachsenring è una pista particolare: corta,&nbsp; stretta e per la maggior parte lenta e tortuosa, apparentemente poco adatta alla potenza delle MotoGP mentre, al contrario, è spesso teatro di gare combattute e appassionanti.<BR>&nbsp;<BR>L`atmosfera che circonda il circus iridato poi è tra le più apprezzate dai piloti del Motomondiale grazie alla passione e al calore del folto pubblico che riempie le tribune sin dalle prove del venerdì.<BR>&nbsp;<BR>Valentino Rossi in carriera vi ha vinto cinque volte e in altre quattro occasioni è salito sul podio, di cui è stato assiduo frequentatore anche Nicky Hayden con quattro terzi posti .<BR>&nbsp;<BR>VALENTINO ROSSI, Ducati Team<BR>Il Sachsenring è una pista che mi piace abbastanza: è difficile perché è lenta e stretta ma con alcune sezioni molto veloci oltre a grandi dislivelli. E` abbastanza diversa dalle ultime due dove abbiamo corso, Silverstone ed Assen, quindi vedremo come ci troveremo con la nostra moto. L`anno scorso abbiamo vissuto un fine settimana difficile ma, naturalmente, ogni volta che torniamo in pista lo facciamo con l`obiettivo di andare meglio.<BR>&nbsp;<BR>NICKY HAYDEN, Ducati Team<BR>A qualcuno il Sachsenring non piace perché è una pista piccola e stretta ma per me vale il contrario. Magari non usi la sesta ma una delle sue curve potrebbe tranquillamente essere considerata la più bella della MotoGP: la Waterfall, veloce, cieca, in picchiata. Quando la moto è a posto, lì è divertimento puro ma se finisci fuori, e a me è capitato, ti diverti molto meno! Comunque a me piacciono le piste che girano in senso antiorario e poi lì sono salito sul podio diverse volte. E` vero che la nostra moto tende a stressare le gomme e che questo tracciato contribuisce di suo, ma ad Assen abbiamo fatto un piccolo passo che penso ci possa aiutare in questo senso. Sono contento di correre lì, mi piacerebbe fare il miglior risultato della stagione per ripagare la squadra per tutto il duro lavoro che sta facendo.<BR>&nbsp;<BR>VITTORIANO GUARESCHI, Team Manager<BR>Il Sachsenring è la seconda pista più corta del motomondiale e una delle più lente. Con la sua prevalenza di curve a sinistra, tende a stressare molto quel lato della gomma e questa sarà una cosa in più di cui tenere conto anche per quanto riguarda il set-up. Al momento stiamo lavorando per cercare di essere più costanti sulla durata e ad Assen, se escludiamo il problema anomalo che ha penalizzato Valentino, abbiamo visto qualche segnale positivo in tal senso, anche se c`è ancora molto da lavorare.&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>&nbsp;<BR>RECORD SACHSENRING<BR>Record Ufficiale: Dani Pedrosa (Honda  2011), 1`21.846  161.795 Km/h (100.535 mph)<BR>Best Pole: Casey Stoner (Ducati  2008), 1`21.067  163.020 Km/h<BR>Lunghezza pista: 3.671 km<BR>Gara MotoGP 2012: 30 giri (110.130 km)<BR>Orario gara MotoGP 2012: 13:00<BR>&nbsp;<BR>PODIO 2011: 1° Dani Pedrosa, 2° Jorge Lorenzo, 3° Casey Stoner<BR>POLE 2011: Casey Stoner (Honda) 1:21.681  161.795 Km/h<BR>&nbsp;<BR>DUCATI TEAM AL SACHSENRING (MIGLIORE)<BR>2011: 8° (Hayden)<BR>2010: 3° (Stoner)<BR>2009: 4° (Stoner)<BR>2008: 1° (Stoner)<BR>2007: 2° (Capirossi)<BR>2006: 5° (Capirossi)<BR>2005: 6° (Capirossi)<BR>2004: -<BR>2003: 3° (Bayliss)<BR>&nbsp;<BR>DUCATI&nbsp; TEAM - DATI DEI PILOTI<BR>&nbsp;<BR>VALENTINO ROSSI</P> <P>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP12<BR>Numero di gara: 46<BR>Età: 33 (nato a Pesaro il 16 febbraio 1979)<BR>Residenza: Tavullia (Pesaro, Italia)<BR>Numero GP: 265 (205XMotoGP, 30X250cc, 30X125cc)<BR>Primo GP: GP della Malesia, 1996 (125cc)<BR>Numero di vittorie 105 (79XMotoGP, 14X250cc, 12X125cc)<BR>Prima vittoria GP: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Pole Position: 59 (49XMotoGP, 5X250cc, 5X125cc)<BR>Prima Pole: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Titoli Mondiali: 9 (6XMotoGP, 1X500cc, 1X250cc, 1X125cc)<BR>&nbsp;<BR>Risultati Rossi al Sachsenring in MotoGP</P> <P>2011: Qualifica, 16°; Gara, 9°<BR>2010: Qualifica, 5°; Gara, 4°<BR>2009: Qualifica, 1°; Gara, 1°<BR>2008: Qualifica, 7°; Gara, 2°<BR>2007: Qualifica, 6°; Gara, DNF<BR>2006: Qualifica, 11°; Gara, 1°<BR>2005: Qualifica, 4°; Gara, 1°<BR>2004: Qualifica, 2°; Gara, 4°<BR>2003: Qualifica, 4°; Gara, 2°<BR>2002: Qualifica, 6°; Gara, 1°<BR>2001: Qualifica, 11°; Gara, 7°<BR>2000: Qualifica, 6°; Gara, 2°<BR>&nbsp;<BR>Risultati Rossi al Sachsenring in 250cc</P> <P>1999: Qualifica, 1°; Gara, 1°<BR>1998: Qualifica, 4°; Gara, 3°<BR>&nbsp;<BR>NICKY HAYDEN</P> <P>Età: 30 (nato il 30 luglio 1981 a Owensboro, Kentucky, USA)<BR>Residenza: Owensboro, USA<BR>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP11<BR>Numero di gara: 69<BR>Numero GP: 158 (158xMotoGP)<BR>Primo GP: GP del Giappone, 2003 (MotoGP)<BR>Numero di vittorie: 3 (3xMotoGP)<BR>Prima vittoria GP: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Pole position: 5 (5xMotoGP)<BR>Prima Pole: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Titoli Mondiali: 1 (MotoGP, 2006)<BR>&nbsp;<BR>Risultati Hayden al Sachsenring in MotoGP</P> <P>2011: Qualifica, 8°; Gara, 8°<BR>2010: Qualifica: 15°; Gara: 7°<BR>2009: Qualifica: 4°; Gara: 8°<BR>2008: Qualifica: 8°; Gara: 13°<BR>2007: Qualifica: 14°; Gara: 3°<BR>2006: Qualifica: 3°; Gara: 3°<BR>2005: Qualifica: 1°; Gara: 3°<BR>2004: Qualifica: 9°; Gara: 3°<BR>2003: Qualifica: 15°; Gara: 5°<BR>&nbsp;<BR>ducati.it</P>adm001adm001rossi.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-la-ducati-prepara-la-sfida-del-sachsering-rossi-proveremo-a-fare-meglio-1006227.htmSi100075501,02,03,04010748
251006123NewsMotoMondialeMoto GP, Assen: Stoner ringrazia Bautista e torna al comando20120630164531motogp, stonerMoto GP Assen Stoner Pedrosa Lorenzo Bautista Dovizioso Rossi<P>Al TT Circuit Van Drenthe di Assen Jorge Lorenzo, dopo soli 400 metri, saluta la compagnia, travolto in pieno da Alvaro Bautista alla staccata della prima curva. Fuori gioco Porfuera, decisamente il più veloce sul passo-gara nel corso delle prove, l`edizione 2012 del Dutch TT 2012 ha proposto per 2/3 della sua distanza un acceso duello tutto in casa Repsol Honda tra Casey Stoner e Dani Pedrosa con un epilogo ampiamente preannunciato. Il Campione del Mondo in carica, dando vita alla sua solita strategia, ha amministrato le gomme (morbide) nella fase iniziale della contesa sferrando l`attacco decisivo nei confronti del proprio compagno di squadra a 10 giri dall`esposizione della bandiera a scacchi. A leadership acquisita, con un buon margine velocistico, il pre-pensionato di lusso del Motomondiale si è involato verso una vittoria fondamentale per la corsa al personale tris iridato, ritrovandosi ora ad ex-aequo con Lorenzo nella generale a quota 140 punti, 19 lunghezze di vantaggio nei confronti di Pedrosa, 2° in gara e 3° in campionato. Terzo Dovizioso dopo un bel duello con Spies. Solo 13° Rossi, che ha accusato problemi alle gomme.</P> <P>Classifica Gara<BR>01- Casey Stoner  Repsol Honda Team  Honda RC213V  26 giri in 41`19.855<BR>02- Dani Pedrosa  Repsol Honda Team  Honda RC213V  + 4.965<BR>03- Andrea Dovizioso  Monster Yamaha Tech 3  Yamaha YZR M1  + 11.994<BR>04- Ben Spies  Yamaha Factory Racing  Yamaha YZR M1  + 14.775<BR>05- Cal Crutchlow  Monster Yamaha Tech 3  Yamaha YZR M1  + 22.074<BR>06- Nicky Hayden  Ducati Team  Ducati Desmosedici GP12  + 31.660<BR>07- Hector Barbera  Pramac Racing Team  Ducati Desmosedici GP12  + 59.107<BR>08- Randy De Puniet  Power Electronics Aspar  ART GP12  + 1`04.441 (CRT)<BR>09- Michele Pirro  San Carlo Honda Gresini  Honda RC213V  + 1`06.980 (CRT)<BR>10- Mattia Pasini  Speed Master Team  ART GP12  + 1`25.087 (CRT)<BR>11- Danilo Petrucci  CAME Iodaracing Project  Ioda TR003  + 1`32.103 (CRT)<BR>12- Ivan Silva  Avintia Blusens  BQR MotoGP  + 1`33.797 (CRT)<BR>13- Valentino Rossi  Ducati Team  Ducati Desmosedici GP12  a 1 giro<BR>14- James Ellison  Paul Bird Motorsport  ART GP12  a 1 giro (CRT)</P>Assenadm001adm001stoner.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-assen-stoner-ringrazia-bautista-e-torna-al-comando-1006123.htmSi100075701,02,03,04010746
261006107NewsMotoMondialeRossi attacca la Ducati: «Non ci sono idee»20120630103019rossi-ducatiDivorzio in vista?<P>Valentino Rossi, dopo il decimo posto nelle qualifiche, lancia frecciatine che hanno tutta l'intenzione di presagire ad un divorzio tra lui e la Ducati:</P> <P><EM>"L' Honda, che già va forte e in teoria ha meno bisogno di noi, ha comunque portato un nuovo telaio perchè pensa di dover lavorare ancora tanto, perchè vuole sempre migliorare. Alla Ducati invece non esiste un piano in questo senso. È in arrivo un motore dalle caratteristiche diverse, ma per quanto riguarda il vero problema, che io ho già esposto da mesi, non vedo soluzioni all'orizzonte. Ripeto: non c'è un piano. Non è questione di tempo, semplicemente non ci sono idee per risolvere la situazione. Evidentemente quello che diciamo noi piloti non viene preso in considerazione."</EM></P> <P><EM>The Doctor</EM> insomma è molto arrabbiato, ma non perde il sorriso quando si tratta di commentare la nostra nazionale di calcio:<EM> "Contro la Spagna sarà una grande sfida. Sarà ancora piu importante mettercela tutta. Io però preferisco guardarla a casa mia, perché nel paddock ci sono tanti spagnoli... non si sa mai! Penso che abbiamo tutte le carte in regola per giocarcela".</EM></P>FL0141FL0141valentino-rossi-e-ducati-a-madonna-di-campigl-L-gGecyg.pngSiNmotomondiale-rossi-attacca-la-ducati-non-ci-sono-idee-1006107.htmSi100205001,02,03,04010691
271006093NewsMotoMondialeMoto GP, Assen: Stoner partirà davanti a tutti. Lontane le Ducati20120629174531moto gpMoto GP Assen Stoner Pedros Lorenzo Rossi Ducati<P>Ad Assen Stoner è tornato ad essere il solito cannibale. Con un giro straordinario in 1'33"713 ha messo la sua Honda davanti a tutti nella griglia di partenza.</P> <P>All'ultimo giro hanno provato a rispondergli sia Dani Pedrosa che Jorge Lorenzo, ma nessuno dei due è riuscito a migliorare il suo giro mostruoso, dovendosi accontentare del secondo e del terzo tempo. E il deluso di giornata probabilmente è proprio il leader della classifica iridata che con la sua Yamaha era parso quello più a posto, ma poi si è dovuto inchinare alle due Honda.</P> <P>Sotto alla bandiera a scacchi ha invece sorpreso tutti Stefan Bradl, che ha sfoderato un giro che gli è valso il quarto tempo, sua miglior prestazione da quando è sbarcato in MotoGp. Il tedesco della Honda LCR ha fatto perdere una posizione a testa a Cal Crutchlow e Ben Spies, che quindi scatteranno rispettivamente quinto e sesto.</P> <P>Solo settimo, staccato di quasi un secondo, Andrea Dovizioso, che ha preceduto un deludente Alvaro Bautista. Dopo la pole di Silverstone il pilota del Team Gresini si è dovuto accontentare dell'ottavo tempo, ma è anche vero che nel finale è caduto proprio quando tutti i suoi avversari sono riusciti a migliorare le loro prestazioni.</P> <P>Per trovare la prima delle Ducati bisogna quindi scorrere la classifica fino al nono posto, dove troviamo la Desmosedici di Nicky Hayden, che ha chiuso a circa un secondo. L'americano comunque è stato ancora una volta più veloce di Valentino Rossi, che lo segue con un tempo più alto di tre decimi. I segnali positivi di ieri, dunque, sembrano essere completamente svaniti oggi.</P> <P>Guerra in casa Aspar per la "pole" tra le CRT, nella quale alla fine l'ha spuntata Randy De Puniet, piazzando la sua ART-Aprilia in 12esima posizione, precedendo di poco più di un decimo la moto gemella di Aleix Espargaro.</P> <P><BR>Assen, Classifica Qualifiche<BR>01- Casey Stoner  Repsol Honda Team  Honda RC213V  1`33.713<BR>02- Dani Pedrosa  Repsol Honda Team  Honda RC213V  + 0.115<BR>03- Jorge Lorenzo  Yamaha Factory Racing  Yamaha YZR M1  + 0.288<BR>04- Stefan Bradl  LCR Honda MotoGP  Honda RC213V  + 0.322<BR>05- Cal Crutchlow  Monster Yamaha Tech 3  Yamaha YZR M1  + 0.773<BR>06- Ben Spies  Yamaha Factory Racing  Yamaha YZR M1  + 0.931<BR>07- Andrea Dovizioso  Monster Yamaha Tech 3  Yamaha YZR M1  + 0.985<BR>08- Alvaro Bautista  San Carlo Honda Gresini  Honda RC213V  + 1.009<BR>09- Nicky Hayden  Ducati Team  Ducati Desmosedici GP12  + 1.038<BR>10- Valentino Rossi  Ducati Team  Ducati Desmosedici GP12  + 1.344<BR>11- Hector Barbera  Pramac Racing Team  Ducati Desmosedici GP12  + 1.576<BR>12- Randy De Puniet  Power Electronics Aspar  ART GP12  + 2.117 (CRT)<BR>13- Aleix Espargaro  Power Electronics Aspar  ART GP12  + 2.294 (CRT)<BR>14- Michele Pirro  San Carlo Honda Gresini  FTR Honda  + 2.934 (CRT)<BR>15- Mattia Pasini  Speed Master Team  ART GP12  + 3.230 (CRT)<BR>16- Danilo Petrucci  CAME Iodaracing Project  Ioda TR003  + 3.254 (CRT)<BR>17- Karel Abraham  Cardion AB Motoracing  Ducati Desmosedici GP12  + 3.397<BR>18- Yonny Hernandez  Avintia Blusens  BQR MotoGP  + 3.478 (CRT)<BR>19- James Ellison  Paul Bird Motorsport  ART GP12  + 3.568 (CRT)<BR>20- Ivan Silva  Avintia Blusens  BQR MotoGP  + 3.841 (CRT)<BR>21- Colin Edwards  NGM Mobile Forward Racing  Suter BMW  + 4.592 (CRT)</P> <P>&nbsp;</P> <P>&nbsp;</P> <P><BR>&nbsp;</P>Assenadm001adm001stoner.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-assen-stoner-partira-davanti-a-tutti-lontane-le-ducati-1006093.htmSi100075701,02,03,04010768
281006009NewsMotoMondialeTre gare in tre settimane per la Ducati, Si parte da Assen. Rossi: «E` una bellissima pista, mi porta alla mente un sacco di bei ricordi»20120626134531ducati, rossiDucati Rossi Hayden<P>Dal cuore della grande festa della Ducati e dei Ducatisti al WDW di Misano, al tempio delle due ruote: Valentino Rossi, Nicky Hayden ed il Ducati Team si preparano ad un tour de force di tre gare in tre settimane che inizierà sabato prossimo sul circuito di Assen, nel nord dell`Olanda.<BR>&nbsp;<BR>Il tracciato del famoso Dutch TT è stato modificato negli ultimi anni ma resta una pista affascinante e sede di un Gran Premio capace di attirare migliaia di motociclisti e grandi appassionati delle due ruote.<BR>&nbsp;<BR>Sia Valentino Rossi sia Nicky Hayden, che la considerano una tra le loro piste favorite, vi hanno vinto in carriera: un successo per l`americano, ben sette per l`italiano.<BR>&nbsp;<BR>VALENTINO ROSSI, Ducati&nbsp; Team<BR>Assen è una gran pista, mi piace moltissimo e mi porta alla mente un sacco di bei ricordi. Cercheremo di partire da questo buon feeling con il tracciato per migliorare un po` i nostri risultati. Per il momento possiamo solo lavorare sul set-up per mettere a punto al massimo la moto per tornare al livello che avevamo prima di Silverstone, che è stata una gara molto dura. A Barcellona ma anche nei turni asciutti a Le Mans, eravamo invece stati un po` più veloci quindi dobbiamo tornare almeno sui quei ritmi. Se poi invece dovesse piovere sappiamo già che potremmo essere più competitivi.<BR>&nbsp;<BR>NICKY HAYDEN, Ducati&nbsp; Team<BR>Assen è cambiata un po` nel corso degli anni ma è una pista che mi piace sempre molto. Ci sono delle sezioni molto veloci, come l`ultimo split che offre un paio di curve paraboliche davvero divertenti. E` uno di quei posti dove non sai mai che condizioni meteo puoi aspettarti e devi essere pronto a tutto per la gara. Se guardiamo solo al risultato di Silvertsone non possiamo dire che sia stato davvero positivo ma in realtà penso che ci abbia insegnato un paio di cose. Una è senz`altro che dobbiamo cercare una messa&nbsp; punto che metta meno sotto pressione le gomme, che non le consumi troppo velocemente. In Olanda lavoreremo su questo e cercheremo come sempre di fare un buon risultato.<BR>&nbsp;<BR>VITTORIANO GUARESCHI, Team Manager<BR>Con il GP d`Olanda comincia un periodo molto intenso per la squadra e per i piloti perché tre gare in tre settimane, di cui l`ultima al Mugello, saranno impegnative. Assen è un tracciato che piace sia a Valentino sia a Nicky, entrambi lì hanno vinto e guidano forte. Noi dobbiamo rimanere concentrati e lavorare bene per trovare una messa a punto che permetta loro delle prestazioni di buon livello anche sulla durata. In alcune piste ci siamo avvicinati a questo obiettivo in altre abbiamo fatto più fatica quindi adesso dovremo essere più costanti, continuando nel frattempo a lavorare anche sugli altri fronti.<BR>&nbsp;<BR>RECORD DEL CIRCUITO DI ASSEN<BR>Record Ufficiale: Dani Pedrosa (Honda  2010), 1`3<BR>4.525  172.982 Km/h<BR>Best Pole: Jorge Lorenzo (Yamaha - 2010), 1`34.515 - 173.001 Km/h</P> <P>Lunghezza Circuito: 4,542 km<BR>Gara MotoGP 2011: 26 giri (118,092 km)<BR>&nbsp;<BR>PODIO 2011: 1° Ben Spies, 2° Casey Stoner, 3° Andrea Dovizioso<BR>POLE 2011: Marco Simoncelli (Honda), 1`34.718  172.630 Km/h<BR>&nbsp;<BR>RISULTATI DUCATI&nbsp; TEAM AD ASSEN (MIGLIORE)<BR>2011: 4° (Rossi)<BR>2010: 3° (Stoner)<BR>2009: 3° (Stoner)<BR>2008: 1° (Stoner)<BR>2007: 2° (Stoner)<BR>2006: 12° (Hofmann)<BR>2005: 9° (Checa)<BR>2004: 8° (Capirossi)<BR>2003: 6° (Capirossi)<BR>&nbsp;<BR>DUCATI&nbsp; TEAM - DATI DEI PILOTI<BR>&nbsp;<BR>VALENTINO ROSSI<BR>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP12<BR>Numero di gara: 46<BR>Età: 33 (nato a Pesaro il 16 febbraio 1979)<BR>Residenza: Tavullia (Pesaro, Italia)<BR>Numero GP: 264 (204XMotoGP, 30X250cc, 30X125cc)<BR>Primo GP: GP della Malesia, 1996 (125cc)<BR>Numero di vittorie 105 (79XMotoGP, 14X250cc, 12X125cc)<BR>Prima vittoria GP: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Pole Position: 59 (49XMotoGP, 5X250cc, 5X125cc)<BR>Prima Pole: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)<BR>Titoli Mondiali: 9 (6XMotoGP, 1X500cc, 1X250cc, 1X125cc)</P> <P>Risultati Rossi ad Assen in MotoGP<BR>2011: Qualifica: 11°; Gara: 4°<BR>2010: Qualifica: DNS; Gara: DNS<BR>2009: Qualifica: 1°; Gara: 1° <BR>2008: Qualifica: 3°; Gara: 11°<BR>2007: Qualifica: 11°; Gara: 1°<BR>2006: Qualifica: 18°; Gara: 8°<BR>2005: Qualifica: 1°; Gara: 1° <BR>2004: Qualifica: 1°; Gara: 1° <BR>2003: Qualifica: 3°; Gara: 3° <BR>2002: Qualifica: 1°; Gara: 1° <BR>2001: Qualifica: 3°; Gara: 2° <BR>2000: Qualifica: 6°; Gara: 6° <BR>&nbsp;<BR>Risultati Rossi ad Assen in 250<BR>1999: Qualifica: 1°; Gara: 2°<BR>1998: Qualifica: 3°; Gara: 1° <BR>&nbsp;<BR>Risultati Rossi ad Assen in 125<BR>1997: Qualifica: 1°; Race: 1°<BR>1996: Qualifica: 8°; Gara: DNF <BR>&nbsp;<BR>NICKY HAYDEN<BR>Età: 30 (nato il 30 luglio 1981 a Owensboro, Kentucky, USA)<BR>Residenza: Owensboro, USA<BR>Moto: Ducati&nbsp; Team Desmosedici GP11<BR>Numero di gara: 69<BR>Numero GP: 157 (157xMotoGP)<BR>Primo GP: GP del Giappone, 2003 (MotoGP)<BR>Numero di vittorie: 3 (3xMotoGP)<BR>Prima vittoria GP: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Pole position: 5 (5xMotoGP)<BR>Prima Pole: GP degli USA, 2005 (MotoGP)<BR>Titoli Mondiali: 1 (MotoGP, 2006)<BR>&nbsp;<BR>Risultati Hayden ad Assen in MotoGP<BR>2011: Qualifica: 9°; Gara: 5°<BR>2010: Qualifica: 5°; Gara: 7°<BR>2009: Qualifica: 13°; Gara: 8°<BR>2008: Qualifica: 4°; Gara: 4°<BR>2007: Qualifica: 13°; Gara: 3°<BR>2006: Qualifica: 4°; Gara: 1°<BR>2005: Qualifica: 5°; Gara: 4°<BR>2004: Qualifica: 16°; Gara: 5°<BR>2003: Qualifica: 12°; Gara: 11°</P> <P>ducati.it</P>adm001adm001rossi.jpgSiNmotomondiale-tre-gare-in-tre-settimane-per-la-ducati-si-parte-da-assen-rossi-pista-bellissima-tanti-bei-ricordi-1006009.htmSi100075701,02,03,04010760
291005534NewsMotoMondialeMoto GP, a Barcellona vince Lorenzo davanti a Pedrosa. Settimo Rossi20120603151531motomondiale, lorenzoStoner quartoNel Gran Premio di Catalogna a<STRONG> Barcellona</STRONG> nella classe Moto GP vince <STRONG>Lorenzo</STRONG> con la Yamaha dopo una splendida gara, secondo <STRONG>Pedrosa</STRONG> con la Honda, terzo <STRONG>Dovizioso </STRONG>con la Yamaha Tech 3. Quarto <STRONG>Stoner</STRONG> con la Honda, settimo <STRONG>Rossi </STRONG>con la Ducati.adm001adm001lorenzo.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-gran-premio-catalogna-barcellona-vince-lorenzo-pedrosa-stoner-settimo-rossi-1005534.htmSi100075701,02,03,04030699
301005518NewsMotoMondialeMoto GP - Gran Premio Catalogna: pole a Stoner davanti a Lorenzo20120602145931moto gp, stonerSoltanto nono Rossi<P>Nelle qualifiche del Gran Premio di Catalogna a Barcellona, la pole position va a Casey Stoner in 1'41"295 con la Honda che precede Lorenzo 1'41"441 con la Yamaha e Crutchlow&nbsp;1'41"548 con la Yamaha Tech 3. Settima la prima Ducati con Hayden, partirà dalla nona posizione Rossi con l'altra Ducati.</P>adm001adm001stoner.jpgSiNmotomondiale-moto-gp-gran-premio-di-catalogna-barcellona-pole-position-a-stoner-secondo-lorenzo-nono-rossi-1005518.htmSi100075701,02,03,04030729
311005215NewsMotoMondialeGran Premio di Francia, Moto GP: risorge Rossi secondo. Vince Lorenzo20120520145531motomondialeCircuito reso viscido dalla pioggiaIl Gran Premio di Francia a<STRONG> Le Mans</STRONG> nella Moto GP vede il ritorno tra i protagonisti di <STRONG>Valentino Rossi</STRONG>. Il pilota della Ducati dopo una gara fantastica riesce a superare all'ultimo giro <STRONG>Stoner</STRONG> con la Honda piazzandosi secondo dietro a <STRONG>Lorenzo</STRONG>, che con la sua Yamaha&nbsp;è autore di una prestazione in solitaria sino al traguardo. Settimo Dovizioso caduto quando era quarto. Circuito reso viscido dalla pioggia. <BR>adm001adm001rossi valentino.jpgSiNmotomondiale-gran-premio-di-francia-moto-gp-risorge-rossi-secondo-terzo-stoner-vince-lorenzo-1005215.htmSi100075701,02,03,04030713
321005196NewsMotoMondialeGran Premio di Francia, Moto GP: la pole va a Pedrosa. Settimo Rossi 20120519153531moto gpSecondo Stoner<P>Nel Gran Premio di <STRONG>Francia</STRONG> a <STRONG>Le Mans</STRONG> nella <EM>Moto GP</EM> la pole va a <STRONG>Pedrosa</STRONG>, che con il tempo di 1.33.638 precede<STRONG> Casey Stoner</STRONG> di 0.303 decimi, terzo tempo per <STRONG>Andrea Dovizioso</STRONG> staccato di 0.338 da Pedrosa e precede l'altra Yamaha di <STRONG>Jorge Lorenzo</STRONG>. Settimo con la <STRONG>Ducati Valentino Rossi</STRONG> a 1 secondo e 2 decimi da Pedrosa.</P>adm001adm001pedrosa.jpgSiNmotomondiale-gran-premio-francia-motogp-pole-a-pedrosa-secondo-stoner-settimo-rossi-1005196.htmSi100075701,02,03,04030626
331000103NewsMotoMondialeValentino su Twitter: Come regalo vorrei indietro il Sic20111226150000valentino rossi,moto mondiale,marco simoncelli,motomondiale,ROSSI,46,58,twitterBuon Natale a tutti, amici di twitter e grazie per l'affetto e per il supporto. Io come regalo vorrei indietro il SicValentino Rossi, nel fare gli auguri ai tisofi&nbsp;su&nbsp;Twitter, ha voluto ricordare l'amico scomparso: "Buon Natale a tutti, amici di twitter e grazie per l'affetto e per il supporto. Io come regalo vorrei indietro il Sic". Il pesarese, che per&nbsp; tutta la durata dei test invernali continuerà ad utilizzare il casco dedicato a Simoncelli,&nbsp;morto il 23 ottobre scorso in occasione del GP della Malesia, a Sepang, mentre per le gare tornerà al suo casco tradizionale, su cui posizionerà il numero 58&nbsp;in memoria&nbsp;di Marco.WM01MSWM01MSvalentino-rossi-marco-simoncelli.jpgSiNmotomondiale-rossi-come-regalo-vorrei-indietro-sic-1000103.htmNo100075601,04030458

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013