A ROMA, IL TORINO PERDE E RECRIMINA PER LA SUA INGENUITÀ.


I granata di Mazzarri alle prese con una ulteriore sconfitta.
tempo: 29ms
RSS
Roma Stadio Olimpico, 20/01/2019 -


C’è chi si piazza in zona Champions e chi resta sempre nel limbo di un’identità sfuocata da altalenanti risultati che la pongono in situazioni mai emergenti. E’ il vero significato emerso dal match di campionato tra Roma e Torino, in cui i giallorossi di Di Francesco si sono imposti sulla squadra di Mazzarri per 3 a 2. Uno dei tanti risultati in cui il Torino, pur falcidiato di assenze importanti, recrimina disattenzioni e, soprattutto, ingenuità di reiterata e inaccettabile mancanza di crescita. Chi ha visto la partita, avrà sicuramente rimarcato oggettivamente che se i granata avessero pareggiato la partita, nessuno avrebbe potuto fare appello all’ingiustizia. Infatti, a un primo tempo davvero disastroso dal punto di vista caratteriale, il Toro si è presentato a inizio secondo tempo con la vigoria e la consapevolezza di avere buttato al vento la prima parte del match, nell’avere acconsentito di realizzare un gol da seduto in terra di Zaniolo (con l’intera difesa granata a guardare passivamente) e di un rigore provocato da Sirigu, nel vano tentativo di neutralizzare la corsa verso la porta di El Shaarawy. E’ vero che la Roma è stata superiore al Torino nel primo tempo, tuttavia, resta innegabile l’oggettiva assenza di concentrazione e voglia di arrivare prima su ogni pallone. Poi, come dicevamo pocanzi, i granata si sono presentati nella ripresa con rinnovato cipiglio e voglia di pareggiare un punteggio che li vedeva soccombere per 2 a 0. Così, prima Rincon e poi Ansaldi (il migliore dei granata anche nell’inedito ruolo di centrocampista) pareggiano i conti con una Roma che non ci sta e giunge presto alla terza rete con El Shaarawy. Una partita che si chiude in modo amaro per il Torino, che dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia ha l’obbligo di continuare a sperare in un buon piazzamento in campionato per l’Europa League. La Roma, dal canto suo, non ha ancora risolto completamente i suoi problemi inerenti soprattutto  Dzeko, un calciatore che ha bisogno di ritrovarsi. Così come urge il ritorno a centrocampo di Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi che per l’occasione è stato assente causa influenza. Ciò che importa alla squadra di Di Francesco è essersi posizionati al quarto posto in classifica e di continuare ad aspirare legittimamente al piazzamento in Champions League. Per quanto riguarda il Toro, invece, emergono sempre i soliti problemi di squadra incompleta e incapace di capire chi è, cosa vuole e, soprattutto, definire una volta per tutte se il suo posto nel campionato italiano è quello di squadra da centro classifica che nulla pretende e niente rischia. Intanto, il prossimo turno vedrà il Torino in casa contro l’Inter e il recupero di alcuni giocatori base assenti a Roma. Mazzarri insista con il riproporre Ansaldi a centrocampo e, soprattutto, viste le precarie condizioni di forma di Iago Falque, ci si decida a far giocare dall’inizio l’accoppiata Belotti – Zaza. E poi basta con le continue lamentele di ingenuità. Sono o non sono calciatori professionisti che vestono la gloriosa maglia del Toro?

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013