FORMULA 1: SI ALZA IL SIPARIO. LE GOMME PIRELLI PER MELBORUNE.


Scelte mescole con significative differenze di prestazioni
tempo: 32ms
RSS
Albert park, 14/03/2013 -

Il grande circus della Formula 1 apre i battenti a Melbourne in Australia. Dopo i test di 2 settimane fa adesso si fa sul serio con le nuove mescole predisposte quest'anno da Pirelli:  P Zero Red supersoft e P Zero White medium.
Il circuito di Albert Park è un tracciato semipermanente, è lungo 5303 metri e conta 11 curve a destra e 5 a sinistra, noto per i suoi bassi livelli di aderenza, che gradualmente tende a migliorare nel corso del week-end. In gara le monoposto di Formula 1 dovranno compiere 58 giri per un totale di 307,574  km.
Il forte degrado, e il nuovo tipo di mescole che Pirelli ha predisposto per quest'anno, fanno prevedere un gran premio dove le strategie sui pit stop saranno fondamentali. Con le prestazioni delle supersoft che decadranno rapidamente in gara, ma bisognerà sfruttarle con accuratezza anche in qualifica, e con le prime che dovrebbero avere diversi decimi di differenza avendo effettuato la Pirelli una scelta di mescole non contigue.
Paul Hembery ha espresso fiducia sulle prestazioni che i pneumatici saranno in grado di  garantire, specie perchè durante i test pre-campionato il clima freddo non ha permesso di mostrare tutta la potenzialità dei pneumatici.
"Ci aspettiamo una storia diversa a Albert Park, - ha dichiarato il tecnico - con due o tre pit-stop per auto."
"Il divario di prestazioni tra le mescole è più elevato, - ha sottolineato lo stesso Hembery - il che significa che le squadre hanno una maggiore opportunità di usare la strategia a loro vantaggio sfruttando le differenze di velocità che ne derivano."
Jean Alesì, Ambasciatore del marchio Pirelli ha espresso soddisfazione per il nuovo ruolo che ricopre quest'anno per conto della casa italiana unica fornitrice di pneumatici per la F1: "Sono felice di diventare ambasciatore del marchio Pirelli - ha dichiarato il francese - all'inizio di quello che dovrebbe essere una stagione estremamente eccitante."

Michele Scaletta