IL TORINO F.C. CHIUDE IL PROPRIO RAPPORTO DI LAVORO CON ANTONIO COMI E MASSIMO BAVA


I cambiamenti di casa granata
tempo: 32ms
RSS
Torino, 05/07/2021 -

«Il Torino Football Club comunica che Antonio Comi non è più il Direttore Generale della Società. Il Presidente Urbano Cairo lo ringrazia per il suo leale contributo di questi anni, dapprima come Responsabile del Settore Giovanile e poi come Direttore Generale. Tutto il Torino Football Club saluta Comi e gli augura ogni bene».

«Il Torino Football Club comunica che Massimo Bava non è più il Responsabile del Settore Giovanile del Club. La Società saluta e ringrazia Massimo Bava per il buon lavoro svolto nella sua esperienza in granata, nove stagioni dove grazie al contributo di tutti si sono anche raggiunti ottimi risultati, e gli augura il meglio nel proseguimento della sua carriera».

Abbiamo riportato testualmente i due comunicati emessi dal Torino Football Club in cui si dice ufficialmente che due storici rappresentanti della società granata hanno concluso il loro rapporto di lavoro con il Torino. Non sappiamo dire quanto Antonio Comi e Massimo Bava si aspettassero questa scelta della società di sostituirli con figure nuove, ma si sa che ogni nuovo responsabile porta sempre i suoi, quelli di cui si fida perchè li conosce, avendo lavorato insieme a loro per un certo periodo di tempo. E' la legge del nuovo corso del Direttore Sportivo Vagnati che si trova alla corte del Presidente Cairo già dall'anno scorso. Ebbene, da lui nasce l'idea di suggerire al presidente del Toro l'affidabile profilo del 35enne Roberto Ludergnani, affidandogli il ruolo di Responsabile del Settore Giovanile del Torino. Insieme hanno percorso un periodo lavorativo nella Spal e, in base al curriculum, ha convinto il presidente Cairo a procedere verso il nuovo corso granata. .Oggi non possiamo prevedere quel che sarà, tuttavia dobbiamo rimarcare ciò che negli anni hanno saputo fare per il Toro sia Antonio Comi che Massimo Bava per l'impegno, il senso di appartenenza e la capacità di ottenere nel Settore Giovanile Granata ciò che negli anni nessuno era riuscito nell'imitare la gloria di ciò che ha rappresentato il Torino dei giovani calciatori negli anni d'oro. Un settore orgogliosamente primo in Italia fin da quando si investiva e si dava spazio ad una organizzazione in grado di raggiungere grandi risultati. Eppure Comi e Bava, nonostante il Toro non abbia ancora una casa propria ed è sempre costretto a chiedere ospitalità alle varie Società di calcio dilettantistiche di Torino, hanno saputo raggiungere traguardi forse neanche immaginati. Ricordiamo che Massimo Bava era stato voluto proprio da Antonio Comi, il quale passato dall'incarico di responsabile del settore giovanile del Toro a Direttore Generale, non ha esitato neppure un attimo a segnalarlo in società come un affidabile personaggio che bene aveva lavorato precedentemente. Ebbene, Comi non sbagliò, perchè Massimo Bava in nove anni ha saputo organizzare un calcio giovanile granata di prim'ordine. Uno Scudetto Primavera nel 2014/15 più una finale scudetto persa contro il Chievo ai rigori nel 2013/14 - Due Supercoppe Primavera ottenute nel 2015 e nel 2018 - Una Coppa Italia Primavera nel 2017/18 - Due Titoli Berretti 2013/14 e 2018/19. Davvero niente male, soprattutto se teniamo conto di quanto detto pocanzi.. Ogni vittoria ottenuta nel calcio è sempre figlia di un lavoro costante con obiettivi da raggiungere. Nulla è affidato al caso, ma tutto si identifica nel lavoro e nell'organizzazione. Sono pagine di storia che sono entrate a far parte dei successi giovanili del recente passato del Toro e nessuno potrà mai disconoscerli. Adesso si cambia, forse anche perchè nulla è per sempre. Tuttavia, soltanto il futuro saprà dirci se lasciare la strada vecchia per la nuova è sempre un vantaggio.

Salvino Cavallaro




    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.555 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210918' or (data='20210918' and ora<='011407'))
    and id_arg = 1013803
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013803NewsEditorialeIl Torino F.C. chiude il proprio rapporto di lavoro con Antonio Comi e Massimo Bava 2021070515:57I cambiamenti di casa granata<p><strong>&#171;Il Torino Football Club comunica che Antonio Comi non &#232; pi&#249; il Direttore Generale della Societ&#224;. Il Presidente Urbano Cairo lo ringrazia per il suo leale contributo di questi anni, dapprima come Responsabile del Settore Giovanile e poi come Direttore Generale. Tutto il Torino Football Club saluta Comi e gli augura ogni bene&#187;.</strong></p><p><strong>&#171;Il Torino Football Club comunica che Massimo Bava non &#232; pi&#249; il Responsabile del Settore Giovanile del Club. La Societ&#224; saluta e ringrazia Massimo Bava per il buon lavoro svolto nella sua esperienza in granata, nove stagioni dove grazie al contributo di tutti si sono anche raggiunti ottimi risultati, e gli augura il meglio nel proseguimento della sua carriera&#187;.</strong></p><p>Abbiamo riportato testualmente i due comunicati emessi dal Torino Football Club in cui si dice ufficialmente che due storici rappresentanti della societ&#224; granata hanno concluso il loro rapporto di lavoro con il Torino. Non sappiamo dire quanto <strong>Antonio Comi e Massimo Bava</strong> si aspettassero questa scelta della societ&#224; di sostituirli con figure nuove, ma si sa che ogni nuovo responsabile porta sempre i suoi, quelli di cui si fida perch&#232; li conosce, avendo lavorato insieme a loro per un certo periodo di tempo. E' la legge del nuovo corso del <strong>Direttore Sportivo Vagnati</strong> che si trova alla corte del Presidente Cairo gi&#224; dall'anno scorso. Ebbene, da lui nasce l'idea di suggerire al presidente del Toro l'affidabile profilo del <strong>35enne Roberto</strong> <strong>Ludergnani,</strong> affidandogli il ruolo di Responsabile del Settore Giovanile del Torino. Insieme hanno percorso un periodo lavorativo nella Spal e, in base al curriculum, ha convinto il presidente Cairo a procedere verso il nuovo corso granata. .Oggi non possiamo prevedere quel che sar&#224;, tuttavia dobbiamo rimarcare ci&#242; che negli anni hanno saputo fare per il Toro sia <strong>Antonio Comi che Massimo Bava</strong> per l'impegno, il senso di appartenenza e la capacit&#224; di ottenere nel Settore Giovanile Granata ci&#242; che negli anni nessuno era riuscito nell'imitare la gloria di ci&#242; che ha rappresentato il Torino dei giovani calciatori negli anni d'oro. Un settore orgogliosamente primo in Italia fin da quando si investiva e si dava spazio ad una organizzazione in grado di raggiungere grandi risultati. Eppure <strong>Comi e Bava,</strong> nonostante il Toro non abbia ancora una casa propria ed &#232; sempre costretto a chiedere ospitalit&#224; alle varie Societ&#224; di calcio dilettantistiche di Torino, hanno saputo raggiungere traguardi forse neanche immaginati. Ricordiamo che Massimo Bava era stato voluto proprio da Antonio Comi, il quale passato dall'incarico di responsabile del settore giovanile del Toro a Direttore Generale, non ha esitato neppure un attimo a segnalarlo in societ&#224; come un affidabile personaggio che bene aveva lavorato precedentemente. Ebbene, Comi non sbagli&#242;, perch&#232; Massimo Bava in nove anni ha saputo organizzare un calcio giovanile granata di prim'ordine. <strong>Uno Scudetto Primavera nel 2014/15 pi&#249; una finale scudetto persa contro il Chievo ai rigori nel 2013/14 - Due Supercoppe Primavera ottenute nel 2015 e nel 2018 - Una Coppa Italia Primavera nel 2017/18 - Due Titoli Berretti 2013/14 e 2018/19.</strong> Davvero niente male, soprattutto se teniamo conto di quanto detto pocanzi.. Ogni vittoria ottenuta nel calcio &#232; sempre figlia di un lavoro costante con obiettivi da raggiungere. Nulla &#232; affidato al caso, ma tutto si identifica nel lavoro e nell'organizzazione. Sono pagine di storia che sono entrate a far parte dei successi giovanili del recente passato del Toro e nessuno potr&#224; mai disconoscerli. Adesso si cambia, forse anche perch&#232; nulla &#232; per sempre. Tuttavia, soltanto il futuro sapr&#224; dirci se lasciare la strada vecchia per la nuova &#232; sempre un vantaggio.</p><p><strong>Salvino Cavallaro</strong></p>Torinofl0711fl0711comi.jpgSIncalcio-1013803.htmSI0101047n

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013