BONUCCI, VERO LEADER DELLA JUVENTUS DI ALLEGRI


E' il vero capitano della squadra di Allegri
tempo: 31ms
RSS
Torino, 21/11/2021 -

A vederlo giocare nella partita contro la Lazio, sembrava proprio che Leo Bonucci portasse sulle spalle la sua Juventus, dando in più occasioni la sensazione di avere raggiunto appieno il ruolo di vero capitano. Un carisma sfoderato con grinta e determinazione, anche quando in occasione dei due rigori concessi dall'arbitro a favore della Juventus, non ha esitato neppure un attimo a prendere il pallone e metterlo sul dischetto per tirare il penalty. Con sicurezza e senza il timore di sbagliare, ma mettendoci faccia e responsabilità nella decisione presa. Ed in entrambe le volte Leo è stato sicuro di far gol e trascinare la squadra verso una vittoria importante, che i tifosi si augurano dia una definitiva svolta ad una stagione che per la Juve è cominciata nel peggiore dei modi. Una doppietta da leader, ma soprattutto qualcosa che ne determina la riappacificazione con Max Allegri. Piccoli grandi screzi risalenti alla prima gestione del mister di Livorno, quando fu mandato in tribuna in una gara di Champions per questioni personali. E dopo essere andato via per un anno a vestire la maglia rossonera del Milan, l'anno dopo tornò dicendo: «Adesso ho capito qual è la mia vera casa». Ma il bello è che quella frase non ha rappresentato una sorta di sviolinata per la società e i tifosi bianconeri, perchè quelle parole con il tempo Leo le ha tradotte sul campo crescendo di partita in partita. Dallo spogliatoio al campo, sempre lì a fare da chioccia ai suoi compagni. Che ci sia Chiellini o no, lui si veste sempre da capitano anche quando la fascia la indossa un altro suo compagno. Evidente è il suo stile, il suo senso di appartenenza, la serietà professionale, il carisma e la leadership che lo contraddistinguono in diverse circostanze. Poi, è chiaro che anche lui sbaglia come tutti i comuni mortali. Ci sta, perchè il suo ruolo in campo è molto delicato, soprattutto quando gli si chiede di lasciare momentaneamente il ruolo di centrale per aiutare il centrocampo. E grazie ai suoi piedi «buoni» (ricordiamo che Bonucci ha cominciato la sua carriera da centrocampista) Leo è spesso autore di assist vincenti per i compagni di squadra. Adesso, con le sue 457 presenze con la Juventus è a meno due presenze da Giampiero Boniperti. Una scalata nella top ten all time che lo vede sulla scia di Chiellini, Del Piero e Buffon oltre che Furino e Scirea, tutti grandi capitani della Juventus che hanno scritto pagine importanti della lunga e gloriosa storia della Vecchia Signora d'Italia. Dunque, è giusto dare merito a Bonucci per quello che ha saputo fare in tutti questi anni alla Juventus, raggiungendo proprio in questo periodo tra Nazionale e Club l'apice di una carriera da imitare, pur con tutti gli errori fatti. Tuttavia, è giusto ricononoscergli la forza interiore di avere sbagliato più volte a livello tecnico e anche comportamentale, ma di avere saputo riconoscere i suoi errori dimostrando sul campo tutto l'impegno a riparare ogni errore fatto. E' il destino dei grandi giocatori e la forza dei veri uomini che sanno rivedersi con i fatti e non a parole. Così come fa oggi con i suoi compagni nello spogliatoio e in campo, là dove, come a Roma contro la Lazio, ha saputo essere l'esempio eclatante di incoraggiamento a spendere fino all'ultimo tutte le proprie energie per la vittoria di squadra. Ed è chiaro che quando nel calcio i compagni di squadra vedono simili atteggiamenti propositivi, ecco che si sentono autorizzati a dare una mano per il bene comune. Questi sono i veri valori sportivi che incarnano il senso di crederci anche quando sembra tutto perduto. E se il c.t. Mancini avesse dato a Leo l'incarico di battere quel fatidico rigore in Nazionale contro la Svizzera, molto probabilmente adesso saremmo stati qualificati per il campionato del mondo in Qatar. Ma questo è un altro discorso, perchè col senno di poi mai nessuno potrà dirci che quella sarebbe stata la scelta giusta.

Salvino Cavallaro




    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.691 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20211207' or (data='20211207' and ora<='152119'))
    and id_arg = 1013839
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013839NewsEditorialeBonucci, vero leader della Juventus di Allegri2021112116:47E' il vero capitano della squadra di Allegri<p>A vederlo giocare nella partita contro la Lazio, sembrava proprio che <strong>Leo Bonucci</strong> portasse sulle spalle la sua Juventus, dando in pi&#249; occasioni la sensazione di avere raggiunto appieno il ruolo di vero capitano. Un carisma sfoderato con grinta e determinazione, anche quando in occasione dei due rigori concessi dall'arbitro a favore della Juventus, non ha esitato neppure un attimo a prendere il pallone e metterlo sul dischetto per tirare il penalty. Con sicurezza e senza il timore di sbagliare, ma mettendoci faccia e responsabilit&#224; nella decisione presa. Ed in entrambe le volte Leo &#232; stato sicuro di far gol e trascinare la squadra verso una vittoria importante, che i tifosi si augurano dia una definitiva svolta ad una stagione che per la Juve &#232; cominciata nel peggiore dei modi. Una doppietta da leader, ma soprattutto qualcosa che ne determina la riappacificazione con Max Allegri. Piccoli grandi screzi risalenti alla prima gestione del mister di Livorno, quando fu mandato in tribuna in una gara di Champions per questioni personali. E dopo essere andato via per un anno a vestire la maglia rossonera del Milan, l'anno dopo torn&#242; dicendo: <strong>&#171;Adesso ho capito qual &#232; la mia vera casa&#187;.</strong> Ma il bello &#232; che quella frase non ha rappresentato una sorta di sviolinata per la societ&#224; e i tifosi bianconeri, perch&#232; quelle parole con il tempo Leo le ha tradotte sul campo crescendo di partita in partita. Dallo spogliatoio al campo, sempre l&#236; a fare da chioccia ai suoi compagni. Che ci sia Chiellini o no, lui si veste sempre da capitano anche quando la fascia la indossa un altro suo compagno. Evidente &#232; il suo stile, il suo senso di appartenenza, la seriet&#224; professionale, il carisma e la leadership che lo contraddistinguono in diverse circostanze. Poi, &#232; chiaro che anche lui sbaglia come tutti i comuni mortali. Ci sta, perch&#232; il suo ruolo in campo &#232; molto delicato, soprattutto quando gli si chiede di lasciare momentaneamente il ruolo di centrale per aiutare il centrocampo. E grazie ai suoi piedi &#171;buoni&#187; (ricordiamo che Bonucci ha cominciato la sua carriera da centrocampista) Leo &#232; spesso autore di assist vincenti per i compagni di squadra. Adesso, con le sue 457 presenze con la Juventus &#232; a meno due presenze da Giampiero Boniperti. Una scalata nella top ten all time che lo vede sulla scia di Chiellini, Del Piero e Buffon oltre che Furino e Scirea, tutti grandi capitani della Juventus che hanno scritto pagine importanti della lunga e gloriosa storia della Vecchia Signora d'Italia. Dunque, &#232; giusto dare merito a Bonucci per quello che ha saputo fare in tutti questi anni alla Juventus, raggiungendo proprio in questo periodo tra Nazionale e Club l'apice di una carriera da imitare, pur con tutti gli errori fatti. Tuttavia, &#232; giusto ricononoscergli la forza interiore di avere sbagliato pi&#249; volte a livello tecnico e anche comportamentale, ma di avere saputo riconoscere i suoi errori dimostrando sul campo tutto l'impegno a riparare ogni errore fatto. E' il destino dei grandi giocatori e la forza dei veri uomini che sanno rivedersi con i fatti e non a parole. Cos&#236; come fa oggi con i suoi compagni nello spogliatoio e in campo, l&#224; dove, come a Roma contro la Lazio, ha saputo essere l'esempio eclatante di incoraggiamento a spendere fino all'ultimo tutte le proprie energie per la vittoria di squadra. Ed &#232; chiaro che quando nel calcio i compagni di squadra vedono simili atteggiamenti propositivi, ecco che si sentono autorizzati a dare una mano per il bene comune. Questi sono i veri valori sportivi che incarnano il senso di crederci anche quando sembra tutto perduto. E se il c.t. Mancini avesse dato a Leo l'incarico di battere quel fatidico rigore in Nazionale contro la Svizzera, molto probabilmente adesso saremmo stati qualificati per il campionato del mondo in Qatar. Ma questo &#232; un altro discorso, perch&#232; col senno di poi mai nessuno potr&#224; dirci che quella sarebbe stata la scelta giusta.</p><p><strong>Salvino Cavallaro</strong></p>Torinofl0711fl0711bonucci.jpgSIncalcio-1013839.htmSI0101012n

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013