ERMANNO EANDI, LA PASSIONE GRANATA ESPRESSA ATTRAVERSO L’ANIMA.


La passione per il Toro e il concetto filosofico di sentirsi granata.
tempo: 34ms
RSS
Torino, 21/05/2020 -


Fa male raccontare la morte. Duole maledettamente parlare di ferite dell’anima, di dolore verso amici che hai conosciuto, frequentato e poi improvvisamente scompaiono senza neanche darti modo di un ultimo saluto. E allora ti chiedi come sia possibile riflettere sempre sul senso della vita, scavando l’intrinseco sentimento nascosto in ognuno di noi, senza mai rilassarsi per condividerne la spensieratezza, le gioie, che sono tante e altrettanto importanti. Non abbiamo fatto in tempo a ricordare la figura del maestro Bruno Bernardi, deceduto in questi giorni, che già ci arriva la tremenda notizia di un altro lutto: la morte dell’amico Ermanno Eandi, il poeta granata. Aveva 56 anni, era colto e raffinato, etereo nel suo manifestare versi e sentimenti legati alla sua fede calcistica per il Toro. Ermanno Eandi era un personaggio particolare, difficile da accostare a qualsiasi altro tifoso o persona che in qualche modo possa avere la sua stessa connotazione nei tratti filosofici di vita, siano essi riflessi sul calcio in genere, o più propriamente verso quel suo Toro per il quale si definiva “malato”. Un amore grande per i colori granata, che egli tramutava sempre in versi, poesie dal respiro letterario che lasciavano dentro qualcosa di indefinibile, di magicamente impalpabile, ma così fortemente penetrante che non potevi non ascoltare in religioso silenzio. Poesie di un calcio visto in maniera delicata, culturalmente forbita, che non ha nulla di simile alle ripicche, ai toni accesi, agli odi tra fedi calcistiche di opposte fazioni, cui ci hanno abituato a vedere i tanti anni in cui seguiamo un pallone che è l’emblema materialistico dell’opinabilità. Per questo colpiva sempre il messaggio del poeta Eandi, proprio per il suo modo di entrare elegantemente nell’anima attraverso quella sua fede granata espressa in letteratura. Nei suoi articoli non c’era nulla di opinione tecnica su quanto succedeva in campo, c’era invece marcato il sentimento profondo e mai sopito, verso quella maglia granata che è storia, che è passione, che è sapere accettare e addentrarsi senza mai rimpianti a ciò che significa essere del Toro.

Sarò granata

Lascio la vittoria facile a coloro che hanno vinto tutto.

Lascio a chi non sa soffrire il semplice gioco di chi si accontenta.

Sarò Granata!

Respirerò aria irraggiungibile,

non mi nasconderò nella muffa,

libero di perdere

orgoglioso delle vittorie.

Sarò Granata!

Il rimbombo delle porte sbattute

risuona nella vita di chi non si abbassa

l’unica sconfitta è il non vivere.

Sarò Granata!

Anche quando il sole del tempo

offuscherà il mio volto

e il grande vuoto aspetterà,

io, solo in naufragio di ricordi

mi aggrapperò alla fierezza

di un’esistenza sbagliata ma

lontana dall’incubo apatico e inutile

di chi vince sempre.

(Ermanno Eandi)

C’era cuore in questo personaggio, c’era passione, c’era la visione di un mondo sognante e volutamente proiettato verso tutto ciò che non è realtà. Come fosse qualcosa da sfuggire per vivere meglio in una dimensione aulica. Era ed è Ermanno Eandi, un amico che ci ha lasciato in eredità tanti motivi per vivere la sconfitta come qualcosa dalla quale farne tesoro per crescere. Così nella vita, così nella passione per il Toro.

Ho solo le ali,

per portarti con me

nel limpido cielo

dove la luce splende

e il brutto non esiste

(Ermanno Eandi)

Salvino Cavallaro

 



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013