tempo: 33ms
RSS
Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 247 ms
Record Count: 520
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210513' or (data='20210513' and ora<='214744'))
and( titolo like '%Liga%' or keywords like '%Liga%' or descrizione like '%Liga%')
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11013776NewsEditorialeAl Milan lo scontro diretto contro la Juve, sempre più in crisi e fuori dalla Champions2021051006:49juve, mila, crisi, pirlo, pioli, ronaldo, diaz,tomori,ibra,rebic,donnarumma, chiellini,morata,championsProva di forza dei rossoneri che sbancano meritatamente l'Allianz e mettono nei guai la Juve<p>Grande impresa da parte del Milan che, a sole tre giornate dalla fine del campionato, vince per tre reti a zero all'Allianz Stadium, portandosi in terza posizione, a +3 dai bianconeri, e proiettandosi verso la tanto desiderata Champions. A sbloccare la situazione ci pensa Brahim Diaz nel corso del recupero del primo tempo, seguono Rebic e Tomori rispettivamente al 78' e al 82'. Vincere questa partita sarebbe stato molto importante per il Milan poich&#233;, trattandosi di uno scontro diretto per la zona Champions, gli avrebbe permesso di guadagnare un vantaggio importante, e cos&#236; &#232; stato. Ma &#232; ancora presto per festeggiare, come afferma lo stesso Pioli e commenta cos&#236; la partita ai microfoni di Sky Sport: «La squadra ci ha creduto, con sacrificio e mentalit&#224;. Ma, soprattutto stasera, non pu&#242; essere la vittoria di un singolo. Abbiamo vinto meritatamente. La prossima partita sar&#224; ancora pi&#249; difficile. Abbiamo fatto una grande partita. &#200; uno scontro diretto, con questa classifica, molto importante da aver vinto. Purtroppo, non &#232; l'ultima gara e non possiamo esultare ancora. La dirigenza ci ha sempre sostenuto, sentivamo tutti l'importanza della gara e ci tenevamo a fare bene. Sono sempre attento alle vostre valutazioni. Spirito, sacrificio e collaborazione. Sotto questi punti di vista siamo stati i migliori per molto tempo. Stanchezza mentale e i tanti impegni ci hanno poi penalizzato. Sapevamo che dovevamo portare in campo una prestazione diversa e lo abbiamo fatto«. Sconforto, invece, in casa Juve, dove Pirlo continua ad essere in discussione e la squadra, adesso fuori dalla Champions, dimostra i suoi limiti partita dopo partita. E quando steccano anche i campioni come Ronaldo, ieri impalpabile, e Morata, fuori dalla manovra, diventa davvero difficile per tutta la squadra. Se poi i cambi li fai quando sei sotto di 2 gol e a 10' minuti dalla fine, diventa impossibile rientrare in partita contro chiunque. A tre turni dalla fine solo un'impresa potrebbe riportare i bianconeri in zona Champions, mentre per il Milan adesso tutto diventa pi&#249; facile, anche se non bisogna mai abbassare la guardia, a cominciare dalla sfida di mercoled&#236; all'Olimpico Grande Torino contro i granata, a caccia di punti salvezza. I bianconeri, invece, sono obbligati a vincere sino alla fine per sperare ancora nella qualificazione Champions, a partire dalla delicatissima partita di mercoled&#236; in casa del Sassuolo.</p><p>Alessandro Vispo</p> ivomesivomesstefano-pioli.jpgSISalmilanloscontrodirettoejuveneiguai-1013776.htmSI01,02,03,04,05,06,07,08,09,10,1101033n
21013765NewsEditorialeTerremoto nel mondo del calcio: nasce la Superlega2021041917:03Superlega, un fulmine in un cielo già nebuloso<p>Con un comunicato stampa urgente, diffuso intorno alla mezzanotte del 19 aprile 2021, nasce la Superlega. Ma che cos'&#232; in realt&#224; questa Superlega e perch&#232; le varie potenze europee del calcio, hanno deciso di comune accordo di unirsi per creare un'organizzazione propria. Cerchiamo di fare chiarezza. La Superlega Europea sar&#224; una competizione che coinvolger&#224; 20 club, di cui 15 fissi composti dai cosidetti Club Fondatori e altri 5 che verranno selezionati ogni anno in base ai risultati ottenuti nella stagione precedente nei rispettivi campionati locali che con ogni probabilit&#224; comprender&#224; la Premier League, Liga, Serie A, Bundesliga e Ligue 1. Questo sembra essere il disegno degli organizzatori. Lo schema della competizione prevede due gironi da 10 squadre che si sfideranno in gare di andata e ritorno nel corso della settimana e al termine delle diciotto giornate le prime tre classificate di ogni girone si qualificheranno automaticamente ai quarti di finale. Le quarte e quinte classificate si affronteranno in una sfida di andata e ritorno per i due posti restanti e disponibili per i quarti. Quarti di finale e semifinali si giocheranno in sfide di andata e ritorno, mentre la finale consister&#224; in una partita secca che sar&#224; disputata a maggio in uno stadio neutrale. Al momento i club fondatori sono 12 - 6 provenienti dalla Premier League - Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United, e Tottenham - 3 dalla Liga - Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid - e 3 dalla Serie A - Inter, Juventus e Milan. Ma nel comunicato diramato dalla Superlega emerge che altri tre Club saranno probabilmente inseriti nel gruppo dei Fondatori e cio&#232;, PSG, Bayern Monaco e Borussia Dortmund che, tuttavia, al momento non avrebbero ancora dato la propria adesione. La Uefa, dal canto suo, prima ancora che la Superlega diramasse il suo comunicato, ha minacciato di esclusione dalle Coppe Europee e dai Campionati Nazionali, tutti i Club coinvolti. Insomma un vero e proprio caos si &#232; instaurato nel mondo europeo del calcio che con questa iniziativa dei Club Fondatori della Superlega, rivoluziona un sistema che alla luce della crisi economica attuale metterebbe a riparo i Club pi&#249; ricchi rivalutando introiti persi nel corso di questi anni. Una sorta di separatismo del calcio internazionale di alto livello, che lascerebbe fuori dalla competizione i Club con patrimoni meno cospicui. Molto criticato &#232; stato il Presidente della Juventus Andrea Agnelli, reo di essere stato assieme al Predidente del Real Madrid Florentino Perez, uno dei cardini dell'avvenuta nascita della Superlega. Queste le parole contro Agnelli pronunciate dal Presidente UEFA Cefim:«Non ho mai visto uno che mente cos&#236;. La Superlega &#232; uno sputo in faccia a chi ama il calcio, pronti a escludere tutti». Ricordiamo che Agnelli ha dato le sue dimissioni in fretta e furia dall'ECA - organismo dei top club europei - per non essere coinvolto in problemi di conflitti di interessi. Una cosa &#232; certa, il calcio con questa netta separazione tra ricchi - ricchissimi - e il resto dei Club, alza muri insormontabili e discriminanti di un pallone che ormai appartiene alla deriva sociale degli stati europei e mondiali. Si salvi chi pu&#242;. Il calcio sar&#224; sempre meno giocato sul campo e pi&#249; amministrato sulle scrivanie dei potenti. E' calcio questo?</p><p>Salvino Cavallaro</p>Torinofl0711fl0711andrea-agnelli1.jpgSIncalcio-1013765.htmSI0101030n
31013751NewsEditorialeIL NAPOLI PASSA A SAN SIRO. PERDONO ANCORA TERRENO DALLA VETTA I ROSSONERI 2021031511:10MILAN, INTER, JUVE, PIOLI, PIRLO, CR7,GATTUSO, CONTEVOLA L'INTER E STACCA IL MILAN ORA A - 9<p >Un brutto Milan perde in casa contro il Napoli e si allontana ulteriormente dai cugini nerazzurri, ora avanti con 9 punti di vantaggio sui rossoneri. Alla luce del successo esterno dei bianconeri di Pirlo per 3 a 1 contro il Cagliari (tripletta di CR7), e della vittoria importante degli uomini di Conte all'Olimpico di Torino contro i granata per 2 reti a 1, il Milan era obbligato a vincere il match contro il Napoli per non perdere ulteriore terreno dalla vetta e per tenere a bada la Juventus. Purtroppo per i rossoneri cos&#236; non &#232; stato. Decisivo &#232; stato il goal di Politano a inizio ripresa, che ha regalato cos&#236; tre punti fondamentali alla squadra di Gattuso, rimettendola in gioco nella rincorsa alla Champions. Duro colpo invece per i rossoneri, che rischiano di essere scavalcati dai bianconeri (in caso di successo di Ronaldo e compagni nel recupero del 17 marzo contro i partenopei). Passo indietro quindi per gli uomini di Pioli, che sono apparsi in calo fisico e involuti nel gioco rispetto alle ultime gare. Si sar&#224; sicuramente fatta sentire la stanchezza accumulata dopo la gara con il Manchester United in Europa League, in cui i rossoneri hanno disputato un'ottima prestazione conquistando un prezioso 1 a 1 fuori casa che significa tanto in chiave qualificazione. Aldil&#224; del risultato finale, comunque la partita contro i partenopei &#232; stata abbastanza combattuta, nonostante il Milan non abbia brillato. Sicuramente meritata la vittoria del Napoli, soprattutto per la prestazione offerta nel primo tempo. Gattuso torna a sorridere, dunque, ma non c'&#232; tempo di festeggiare che mercoled&#236; 17 arriva il recupero contro la Juve, altra gara fondamentale in chiave Champions per il Napoli.</p><p >Alessandro Vispo</p>ivomesivomesstefano-pioli.jpgSISvolainter-milansconfitto-salenapoli-juvevince-1013751.htmSI01,02,03,04,05,06,07,08,09,10,1101039n
41013743NewsEditorialeEuropa League: delusione Napoli, beffa Milan raggiunto nel finale, e bene Roma che passa 2 a 0 a Braga2021021910:55napli,roma, milan,gattuso,pioli,fonseca,braga, stessarossa,granadaRossoneri agguantati al 93', Roma vittoria facile, mentre complicata la situazione in casa Napoli che perde 2 a 0 con tante assenze per infortunio<p ><span>Grande delusione per il Milan che stava per portare a casa un successo senza strafare. Pioli aveva previsto un grande turnover in vista del derby. Il Milan si porta in vantaggio con un'autorete di Pankov al 42'. Nel secondo tempo, a causa di un fallo di mano in area di rigore di Romagnoli su cross di Falcinelli, la Stella Rossa trova il pareggio dagli undici metri con Kanga che trasforma il rigore concesso. Al 61' il Milan passa in vantaggio su un rigore procurato e poi trasformato da Theo Hernandez. Al 77' la Stella Rossa rimane in 10 uomini a causa dell'espulsione, per doppio giallo, di Rodic. Il Milan sembra andare dritto verso la vittoria, ma la beffa arriva al 93' minuto, in pieno recupero. Corner e colpo di testa di Pavkok che incorna sorprendendo Donnarumma con una traiettoria a pallonetto.</span></p><p ><span>Brutta sconfitta per il Napoli contro il Granada. Dopo la sconfitta in campionato contro la Juventus, Gattuso schiera una formazione obbligata a causa dei dieci giocatori indisponibili. Succede tutto nel primo tempo. Il Napoli parte bene e crea un'occasione con Elmas. Il Granada reagisce e in soli due minuti colpisce e piazza l'uno-due decisivo: al 19' Yangel Herrera sblocca di testa sul cross di Kenedy, al 21' &#232; proprio Kenedy a raddoppiare con un preciso diagonale. La squadra di Gattuso prova a reagire procurandosi ben due occasioni. Nella ripresa Gattuso mette dentro Zielinski per alzare il baricentro, ma non produce grossi risultati. Finisce 2-0 per il Granada e il Napoli &#232; costretto alla rimonta al ritorno.</span></p><p ><span>La Roma archivia la pratica con un bel 2-0 esterno contro il Braga che lancia i giallorossi verso una gara di ritorno da giocare con serenit&#224;. La gara viene sbloccata subito, dopo 4 minuti, dal rientrante titolare Dzeko che sfrutta un'assist dalla sinistra di Spinazzola colpendo al volo di piatto destro. La squadra di Fonseca amministra molto bene la sfida rischiando poco. All'inizio della ripresa l'arbitro espelle per doppia ammonizione Esgaio. La Roma, forte della superiorit&#224; numerica, riesce a concretizzare, dopo alcune occasioni sprecate nel finale con il neo entrato Borja Mayoral .</span></p><p ><span>Giacomo Barletta</span></p>Caltagironeivomesivomesstefano-pioli.jpgSISeuropa-napoliperde20-romavinceabraga-milan22abelgrado-1013743.htmSI01,02,03,05,06,07,08,09,10,1101046n
51013730NewsEditorialeAddio a Paolo Rossi, l’Italia piange il campione del mondiale ’82.20201210172129Lo spaccato di vita di un grande campione di calcio.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Questa volta <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paolo Rossi</b> non è riuscito a fare gol contro il destino avverso. Quel pallone che tante volte ha scaraventato rabbiosamente dentro la porta con forza per gonfiare la rete, questa volta non ce l’ha fatta. Una porta maledettamente stregata che è stata più forte di lui e questa volta gli ha giocato un brutto scherzo. Quasi a fargli toccare con mano l’altra faccia della medaglia sempre presente, sempre in agguato a farti pagare quanto nella vita hai gioito. Paolo Rossi è morto a 64 anni. Troppo presto per un ragazzo che ha amato la vita, il calcio, i compagni e gli affetti più cari. Era amabile di carattere, anche se in campo è stato l’emblema del calciatore forte che mieteva gol a raffica, come in quella memorabile Coppa del Mondo vinta nell’82 con la Nazionale di Enzo Bearzot. Pablito Rossi, così lo chiamavano in Argentina, identificandolo come il più importante calciatore italiano di allora. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Ricordo quando alzai quella Coppa del Mondo al cielo e il mio sguardo rivolto in alto al Signore per pregarlo di fermare il tempo”.</b> E’ una delle tante frasi celebri dette da Pablito in quell’estate di calcio giocato in un clima afoso, in cui lui assieme ai suoi compagni fece il giro dello stadio Sarrà di Barcellona, esaltando un’impresa che inorgoglì l’Italia tutta e pure il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Presidente Pertini</b> che era presente in quello stadio. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paolo Rossi in carriera ha giocato nelle giovanili del Santa Lucia, l’Ambrosiana, Cattolica Virtus, Juventus. Poi Como, Lanerossi Vicenza, Perugia, Juventus, Milan, Verona. </b>Un palmares davvero importante che si completò poi con l’oro in Spagna ’82. Nella sua vita ha lottato con il destino che gli aveva procurato più di un menisco rotto, ma soprattutto con la sua ingenuità, quando al tempo in cui giocava a Perugia si fece squalificare per essere stato coinvolto nella storia del calcio scommesse. Una pagina nera della sua vita che ha saputo voltare presto, rialzandosi con forza dopo quella che era apparsa come una caduta che poteva essere rovinosa per la sua carriera e la sua vita. La Juve lo riprese dandogli fiducia, così come fece in Nazionale Enzo Bearzot. E lui, il Pablito nazionale, ripagò tutti a suon di gol. Com’è strana la vita! Nasci, cresci, cadi, ti rialzi e poi voli. Quasi fossero passaggi obbligati in cui finito un periodo se ne comincia un altro. Ma non è per tutti così. Sì, perché se non hai il carattere giusto per affrontare il peso di certe delusioni, ecco che ti siedi e sei morto prima di morire davvero. Ma Paolo Rossi fu invece supportato da un carattere caparbio, forte, tipico delle sue radici toscane. E’ stato il campione che ha rappresentato quel calcio romantico per cui si sono scritti fiumi di parole, osannando vittorie pallonare che erano anche rivincite sociali in anni di crisi economica. E oggi che <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paolo Rossi</b> non c’è più, tutti noi percorriamo le tappe della sua vita vissuta con forza, coraggio e con il sorriso stampato sul suo viso. Già, quel sorriso sempre presente in lui che rassicurava, sdrammatizzava, dava fiducia. Quante emozioni, pensieri neanche tanto nascosti si sono moltiplicati nella gioia di un gol, di una vittoria capace di tramutarsi in delusione quando le cose non andavano più bene. E in fondo cos’è il calcio, se non l’accettare il fronte retro della medaglia della vita? Ciao Pablito Rossi, grande realizzatore di tanti gol che ci hanno spinto all’abbraccio. Quello vero, quello di cui oggi ne apprezziamo solo il ricordo.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-paolo-rossi.jpgSiN-1013730.htmSi100451001,02,03,0701066
61013671NewsCampionatiCoronavirus e Campionato di calcio: la strada è in salita.20200513114935Il parere del medico sportivo Dr. Attilio Andriolo, sui vari problemi emersi sull`eventuale riapertura del Campionato di calcio.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Le linee guida emanate dal CTS (Comitato Tecnico Scientifico) cui dovranno adeguarsi le società di calcio di Serie A per riprendere il campionato e così assegnare sul campo lo scudetto 2019/20, oltre che i posti in Champions League ed Europa League, fanno molto discutere in queste ore soprattutto i medici sportivi del calcio. Le notizie trapelate sui protocolli da adottare, a mio parere in qualità di medico di calcio, rendono la ripartenza del campionato alquanto difficile, se non impossibile. Ci vorranno, pare, almeno undicimila tamponi per sottoporre a screening tutti i giocatori almeno 2-3 volte prima dell’inizio del campionato; il che è un’impresa, non tanto per il mondo del calcio ma per il nostro paese, che ha assoluta penuria di questi test diagnostici, di cui invece può vantarsi di possedere la Germania, che si è approvvigionata in tempi non sospetti di tamponi e test sierologici. E non per niente la Bundesliga è iniziata regolarmente già da qualche settimana, mentre l’Italia fra le disfunzioni del suo sistema sanitario, deve accusare le difficoltà a reperire i tamponi necessari per testare la popolazione, non essendosi preoccupata di acquistarne un numero sufficiente<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>all’inizio della pandemia. Pur tuttavia, immaginiamo che tutte le società di calcio si riforniscano dei tamponi necessari per eseguire le indicazioni del CTS, seguirà un ritiro severo per tutta la durata del campionato dei giocatori e degli addetti alla squadra per evitare contagi dall’esterno. I medici delle società saranno i<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>responsabili del mantenimento del ritiro e quindi dovranno vigilare sui giocatori e lo staff, perché nessuno si allontani dalla sede scelta per il ritiro e perché nessuno entri in contatto dall’esterno. Se dovesse accadere che un atleta si mostri positivo al tampone che dovrebbe essere eseguito ogni tre-quattro giorni, dovrà fermarsi tutta la squadra che uscirà fuori dal campionato per almeno 14 giorni. In pratica, il campionato si fermerà e molto probabilmente non ricomincerà. Chi pensa che queste linee guida del CTS siano funzionali alla ripresa del calcio, alzi la mano! <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>In serie B quante società potranno adattarsi alle linee guida emanate dagli scienziati del Ministero? Credo poche, molto poche. C’è da aggiungere che il Comitato Tecnico Scientifico non ha avvertito l’esigenza di ascoltare il parere di quella rappresentanza dei medici delle società calcistiche, che hanno il polso della condizione logistica dei club e che perciò hanno minacciato di dimettersi se non cambieranno le norme, in quanto non si sentono abbastanza tutelati per le responsabilità penali della sorveglianza sull’isolamento dei giocatori e dell’intero staff tecnico-dirigenziale. Inoltre i rischi aumenteranno inevitabilmente giocando fuori casa, allorché i controlli sulla squadra non potranno essere rispettati ed eseguiti alla perfezione, mentre i giocatori potrebbero approfittarne per sfuggire alla vigilanza e prendersi una “botta” di libertà. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Eh no! Così non va, cari politici. Se da un lato si enuncia con enfasi l’inizio degli allenamenti a Giugno, dall’altro senza clamori e facendo prendere la patata bollente al CTS, si varano delle linee guida impossibili da attuare, finendo con annunciare in realtà il “de profundis” del calcio italiano. Stiamo pensando ai ragazzi dei vivai, delle scuole calcio, dei campionati minori, a tutto il movimento del calcio dilettantistico che non ha alcuna possibilità di ritornare a praticare questo sport. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Credo che la politica debba svolgere un ruolo decisivo per trovare la soluzione, la quadratura del cerchio, che<a name="_GoBack"></a> pur nel rispetto delle condizioni di sicurezza, consenta di rivedere i protocolli asettici del CTS.<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>La popolarità di questo sport, la sua importanza trainante per l’economia del nostro paese, l’orgoglio della tradizione calcistica italiana rapportata a quella di altri paesi come la Germania, sono motivi sufficienti per rimodulare regole che non appaiono in grado di restituire agli italiani<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>la gioia di tifare di nuovo per i colori della loro squadra.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Attilio Andriolo</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Milazzo (Me)fl0711fl0711dr.-attilio-andriolo.jpgSiNparere-medico-sportivo-attilio-andriolo-1013671.htmSi100451001,02,03010230
71013433NewsCoppeVince il Real Madrid, ma CR7 dice “E’ stato bello giocare qui”.20180527173456Una finale di Champions che racchiude gioie, tristezze e qualche rancore.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Si è chiuso il sipario sulla Champions League 2017-’18. Il Real Madrid resta sul tetto del mondo con 13 Champions gelosamente esposte nella sua storica bacheca, di cui tre vinte consecutivamente. A Kiev i blancos di Zidane si sono imposti per 3 a 1 sul Liverpool con una rete di Benzema e una doppietta di Bale, mentre Mane ha siglato l’unico gol per i Reds. E’ stata una gara molto strana, proprio per le sue vicissitudini che ne hanno caratterizzato il risultato finale. Il Liverpool di Jurgen Klopp è partito molto forte, costringendo per i primi venti minuti il Real Madrid a difendersi<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>e ripartire sporadicamente in avanti con Benzema e Cristiano Ronaldo, costruendo per costrizione un centrocampo folto di interdittori dai piedi buoni come Kroos, Casemiro, Modric e Isco. Ma alla mezz’ora si verifica il grande rammarico dei Reds per avere perso Mohamed Salah, il quale a seguito di un brutto fallo di gioco subito da Sergio Ramos (che non è stato neanche ammonito dall’arbitro) ha dovuto lasciare il campo in lacrime perché afflitto da forte dolore alla spalla. Peccato davvero per questo segno del destino che si è poi ancora accanito contro la squadra di Klopp, nel momento in cui il portiere Karius con due allucinanti papere ha agevolato la vittoria finale dei blancos. Storie di un destino che ha favorito indubbiamente la squadra più forte, ma che, se non ci fossero stati questi due episodi, probabilmente avremmo visto un’altra partita. Questo non lo sapremo mai. E non sapremo mai neanche cosa sarebbe successo se la gara si fosse protratta con la stessa intensità agonistica che i Reds hanno saputo imprimere all’inizio. Sono i famosi punti interrogativi senza risposta che spesso inondano i pensieri dei perdenti, i quali si devono attenersi alla realtà dei vincenti. Dunque - <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">The Winner is Real Madrid</b> – onore al merito a una squadra abituata a disputare le finali di Champions e che spesso è più attenta a vincere questa competizione piuttosto che la Liga di Spagna. Ma la vera novità con il retro gusto amaro di questa Champions di Madrid alzata al cielo, è che <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> ha detto ai microfoni televisivi spagnoli: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“E’ stato bello giocare qui”.</b> Una frase eloquente che ha il significato dell’addio. 33 anni e una lunga carriera da calciatore migliore del mondo, CR7 ha più volte manifestato il desiderio di tornare a giocare nel <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manchester United con Mourinho</b>, anche se in base a quanto si dice il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">PSG </b>avrebbe la possibilità economica di sostenere il lauto contratto del giocatore. Tante possono essere le strade percorribili e diverse sono le suggestioni che lo scenario calcistico riguardante questo campione pluripremiato di palloni d’oro può ancora nascondere. Fisico asciutto e integro per la sua non più giovane età, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> ha una clausola di un miliardo di euro, che eventualmente dovrà concordare con il Real Madrid per ogni eventuale mossa futura. Ma, stante a quanto si apprende dai rumors, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">CR7</b> sarebbe in combutta con <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Florentino Perez</b> per due motivi: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">il contratto non ritenuto sufficiente e la corte ufficiosa che il presidente del Real Madrid sta facendo a</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Neymar.</b> Ma <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> così dichiara ufficialmente: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Non è una questione di denaro, è qualcosa che viene da lontano. Forse non è stato il momento perfetto per parlare, ma di sicuro sono stato onesto e per questo motivo non ho nulla di cui pentirmi. Non parlo tanto, ma quando lo faccio parlo sul serio. Florentino? Non ho nulla da dirgli lo saluto da buon professionista come sono sempre stato. Resterò a Madrid? Non posso assicurare nulla. Non mi nascondo, nei prossimi giorni</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">parlerò”</b>. E allora non ci aspetta che attendere per commentare la decisione di questo grande campione, capace di avere fatto fare voli pindarici nei sogni impossibili di tanti tifosi anche italiani che oggi sperano, chissà……magari in qualcosa che apparentemente può sembrare assolutamente improponibile.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Kievfl0711fl0711cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNvince-il-real-madrid-ma-cr7-dice-e-stato-bello-giocare-qui-1013433.htmSi100451001,02,03030182
81013379NewsCalciomercatoJuventus, idea Bonaventura20180221174889Massimiliano Allegri lo accoglierebbe a braccia aperte.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E’ forse più che una semplice idea, ma la Vecchia Signora nel programmare già l’immediato futuro sta cercando un calciatore con le caratteristiche tecniche che calzano esattamente con il profilo di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giacomo Bonaventura</b>. E’ un pallino di Max Allegri che vede nel milanista il calciatore ideale per rinforzare il centrocampo. Il suo procuratore è Mino Raiola, che ha già avuto modo di trattare con la Juve per avere concluso gli affari Pogba e Matuidi. Il valore di mercato di Bonaventura si aggira intorno ai 25-30 milioni di euro. Un valore che tutto sommato risulta pure accessibile vista la lievitazione dei costi di Florenzi e Pellegrini, per i quali c’è un serio interessamento della società bianconera. Con Bonaventura, giocatore di grande acume tattico le cui caratteristiche tecniche si adattano alla collocazione di più ruoli, la Juventus avrebbe modo di impiegarlo come mezzala in un 4-3-3 o come esterno di sinistra in un eventuale 4-2-3-1. C’è dunque aria di novità in casa Juventus che, come ogni grande squadra che si rispetti, ha già in mente di programmare la prossima stagione per restare ad alti livelli. Ma sarà un cambiar vestito in maniera ragionata e non in maniera radicale e scriteriata. No, non è nello stile Juventus la rivoluzione, perché sa programmare il suo futuro con raziocinio tecnico, tattico e soprattutto economico. Oltre al già noto arrivo di Emre Can, cui sono anche interessate il Manchester City, Bayern Monaco e Real Madrid, Marotta e Paratici assieme ad Allegri, stanno analizzando il centrocampo del prossimo anno. Infatti, fermo restando la dipartita di Claudio Marchisio, si pensa che anche Khedira e Asamoah debbano dire addio alla Juve. Il tedesco, il cui contratto scadrà nel 2019, ha manifestato il desiderio di ritornare a giocare in Bundesliga per finire la sua luminosa carriera. La Juve vorrebbe accontentarlo, anche per non rischiare di perderlo poi a parametro zero. Il contratto di Asamoah, invece, scadrà a giugno 2018 e potrebbe essere un obiettivo di mercato dell’Inter. Certo, si tratta ancora di indiscrezioni, tuttavia, la Juve insegna che nulla è lasciato al caso e niente si improvvisa.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>fl0711fl0711foto-bonaventura.jpgSiNtorino-1013379.htmSi100451001,02,03030390
91013099NewsCampionatiL’analisi della 31/ma giornata di Serie A.20160404192149Il nervosismo di Higuain e compagni, favoriscono la Juve che sente vicino il quinto scudetto consecutivo.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>A sette giornate della fine del Campionato di Calcio di Serie A, sono emersi tanti spunti da analizzare. Diciamo subito che non è stata una giornata felice per gli arbitri, che in quasi tutti i campi hanno lasciato la propria impronta di negatività. Udine e Milano sono stati i terreni in cui i fischietti sono andati maggiormente nel pallone. Rigore sì o rigore no, simulazione o non simulazione, fatto sta che assistenti di linea e addizionali di porta, spesso non sanno dare le giuste indicazioni all’arbitro della gara. Ma a prescindere da queste annose considerazioni che potranno essere almeno attenuate dalla moviola in campo, possiamo affermare che la Juventus si è quasi aggiudicata il suo quinto scudetto consecutivo, vincendo in casa con un Empoli per nulla rinunciatario nel gioco e nell’agonismo. Quella dello Juventus Stadium non è stata una bella partita, tutt’altro, ma era la vittoria che contava più di ogni altra cosa. E la Juve l’ha ottenuta. Bella o brutta che sia, l’ha ottenuta. Il Napoli, dal canto suo, è incappato in un mezzogiorno di fuoco di un’apparente domenica tranquilla, che alla vigilia sembrava di normale amministrazione. Ma, con nostra sorpresa, abbiamo subito notato in Higuain e compagni un nervosismo esagerato, una straripante ansia da risultato che si è manifestata nel desiderio affannoso di voler chiudere subito una partita, che avrebbe dovuto riportare i partenopei a tre i punti di distacco dalla Juve, già vincitrice sabato sera. E’ vero, l’arbitro e i suoi collaboratori hanno sbagliato molto, tuttavia, l’esasperato nervosismo del Napoli ha dimostrato che questa squadra non è abituata ad amministrare certi stress provocati da un lungo ed estenuante campionato che li ha obbligati ad inseguire sempre quella Juve che non molla mai. Sarri e Higuain si sono fatti espellere, creando ancor più un clima di nervosismo e, nel caso dell’argentino, anche uno spettacolo poco edificante per un giocatore che, pur avendo subito un’ingiustizia, appare rissoso e non limita mai il suo carattere focoso da contestatore. Eppure, lui che è l’emblema del Napoli e dei napoletani, dovrebbe in qualche modo calmare certi bollenti spiriti che danneggiano la squadra. Così, l’Udinese, rinfrescata nella mente e nei muscoli da mister De Canio che ha sostituito l’esonerato Colantuono sulla panchina dei friulani, ha sfoderato una prestazione di grande spessore agonistico, vincendo la partita per 3 reti a 1. A Milano, l’Inter di Mancini perde contro un Torino che aveva assoluto bisogno di muovere una classifica che si stava facendo pericolosa. I nerazzurri hanno chiuso la prima parte della gara in vantaggio, per effetto di un rigore ( che non c’era) realizzato da Icardi. Poi, nel secondo tempo, il Toro di Ventura è entrato in campo deciso a rimontare lo svantaggio. Così è andato in gol, prima con Molinaro e poi con Belotti, che trasforma un rigore (che non c’era), assegnato dall’arbitro Guida per atterramento in area di rigore dello stesso Belotti, ad opera dell’incolpevole Nagatomo che è stato pure espulso. Insomma, errori su errori marchiani, madornali. Errori che hanno falsato una partita che avrebbe potuto essere descritta in maniera diversa. Nelle altre gare, si è evidenziato il derby di Roma che non ha detto altro che quello che si prevedeva alla vigilia. Di gran lunga superiori sono stati i giallorossi di Spalletti, che vincono 4 a 1 un derby senza storia. Esonerato Stefano Pioli, adesso la Lazio si affida a Simone Inzaghi in un ritiro punitivo. Stessi problemi per il Milan di Sinisa Mihajlovic, apparso addirittura imbarazzante nel gioco e nelle idee, contro la pimpante Atalanta che, vincendo 2 a 1, raggiunge quota salvezza. Per il resto c’è da annotare il pareggio casalingo di una calante Fiorentina che pareggia 1 a 1 contro la Sampdoria dell’ex Montella. Il Chievo batte 3 a 1 un Palermo che sente già odore di Serie B, mentre il Genoa di Gasperini trafigge 4 a 0 il Frosinone, mettendo sugli scudi un Suso che, con una splendida tripletta, mette in evidenza tutto il suo potenziale tecnico che gli ha dato un meritato 8 in pagella e una ferrea risposta al Milan che non ha creduto in lui. Intanto, anche il Sassuolo di Di Francesco prosegue il suo brillante campionato, andando a vincere 3 a 1 sul campo di un Carpi che crede ancora in un’esigua speranza di salvezza. A chiusura della 31ma giornata di Serie A, resta ancora il posticipo tra Bologna e Verona che, tuttavia, non ha più nulla da dire ai fini del campionato.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify; tab-stops: right 481.9pt;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'><span style="mso-tab-count: 1;">Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; </span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>&nbsp;</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711pallone8.jpgSiNl-analisi-della-31-ma-giornata-di-serie-a-1013099.htmSi100451001,02,03030425
101013020NewsCampionatiL`intervista del Direttore su superscommesse.it: dove troverete pronostici e tanto altro20141031134999calcioLa rubrica di superscommesse.it Torna, come di consueto, l'appuntamento settimanale con Dietro le Quinte, la rubrica di <a href="http://www.superscommesse.it">www.superscommesse.it</a> dedicata a retroscena, avvenimenti e curiosità sul mondo dello sport, dei pronostici e delle scommesse.<br><br>Oggi andiamo a conoscere meglio IlCalcio24, testata di informazione dedicata al calcio e al calciomercato. Per l'occasione abbiamo intervistato Ivano Messineo, Direttore Responsabile del progetto editoriale.<br><br>Buongiorno Direttore, come e quando nasce IlCalcio24?<br>Un'idea di 4 amici amanti dello sport, del calcio in particolare, che dopo aver collaborato con diverse testate giornalistiche decidono di creare un sito dedicato allo sport, principalmente dedicato al calcio. IlCalcio24 nasce a gennaio del 2012.<br><br>Come nasce la sua passione per il calcio?<br>La mia passione per il calcio<br>nasce da bambino, sia perchè mio fratello maggiore, Mariano, era un grande appassionato di calcio, sia per la predisposizione verso questo sport di squadra, che ho iniziato a praticare a solo 5 anni.<br><br>Chi lavora in redazione?<br>In redazione lavora Pascal Desiato, vice direttore editoriale, e Michele Scaletta, responsabile web. Loro coordinano l'attività dei vari collaboratori.<br><br>Quali notizie possiamo trovare sul sito?<br>Calcio, quindi notizie dalle squadre del massimo campionato italiano, ma anche dai principali campionati esteri, sport in genere, ma sul portale IlCalcio24 trovi anche notizie di gossip, attualità e cronaca.<br><br>Molto seguito ha la sezione dedicata ai pronostici. Quali suggerimenti potresti dare a chi si avvicina alle scommesse per la prima volta?<br>Pensare poco e non farsi trasportare dai sentimenti. Dare un occhio ai suggerimenti è importante, ma spesso è solo questione di fortuna.<br><br>Sul sito è disponibile anche una sezione dedicata al calcio estero. Che cosa ci distingue e che cosa invece ci manca rispetto ai maggiori campionati europei?<br>Certamente il fattore economico sta incidendo molto. Campionati come la Premier League e Liga sono molto avanti a noi sia come ricavi che, di conseguenza, come&nbsp; valore della squadre. La possibilità di costruire&nbsp;&nbsp;&nbsp; nuove strutture piu moderne e a portata delle famigle contribuirebbe notevolemente ad aumentare i ricavi e gli investimenti.<br><br>Vogliamo concludere con un pronostico. Chi vincerà il campionato?<br>La Juventus e la Roma sono le favorite, mentre stentano Inter e Napoli. La Fiorentina, orfana dei suoi attaccanti titolari, alla lunga recupererà terreno anche se è partita male. Al Milan di Inzaghi bisogna dare il tempo giusto, ma credo che i rossoneri possano ambire alle prime posizioni, anche se siamo molto distanti dai livelli delle due battistrada. La sorpresa dell'anno sembra essere la Samp di Sinisa Mihajlovic.<br><br>C1012936adm001adm001superscommesse.jpgSiNl-intervista-del-direttore-su-superscommesse-sito-di-pronostici-e-tanto-altro-1013020.htmSi100075701,02,03030854
111013016NewsEditorialeDopo aver visto Real Madrid - Barcellona20141027190740La prima classica della Liga Spagnola, ci dà tanti spunti di approfondimento sul nostro calcio.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Spettacolo puro per&nbsp;palati fini del calcio. Dopo aver visto il primo clàsico della stagione della Liga Spagnola, ci sembra che il calcio di casa nostra sia così insignificante di contenuti. Il Santiago Bernabeu sembrava elettrico di entusiasmo, e ne aveva ben donde, visto che lo spettacolo e le emozioni non hanno dato respiro ai tifosi. Velocità, passaggi di prima, tocchi di classe e gol a volontà hanno rappresentato l’essenza di un calcio supremo, un pallone di alta classe che non conosce il mezzuccio di speculare sulla perdita di tempo per raggranellare, chissà, magari un piccolo pareggio striminzito. No, qui la mentalità è un’altra. Da queste parti il pallone è sicuro spettacolo, tanto più se a sfidarsi sono le storiche nemiche del calcio spagnolo: Real Madrid e Barcellona. Cristiano Ronaldo contro Messi, ma non solo. Sì, perché i temi di questo storico match non sono mai poveri di spunti, minimalisti e mediaticamente non si traducono soltanto sul mettere un campione contro l’altro. Qui le tematiche sono sempre tante e pure questa volta non sono mancati gli spunti di cronaca eccellente. A quattro minuti dal fischio d’inizio è andato in gol il Barcellona con Neymar che, dopo aver ricevuto un passaggio da Suarez, insacca nell’angolino della porta di Casillas. Nessun dramma per i blancos che, immediatamente, riprendono a macinare gioco e splendide azioni che fanno pensare a un immediato riscatto. E così è stato, perché il pareggio è arrivato con Cristiano Ronaldo, che ha trasformato il rigore assegnato dall’arbitro, per fallo di mano in area di rigore <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>da parte di Gerard Piquè. E intanto lo spettacolo dato in campo dalle due contendenti continua a deliziare gli spettatori, ad emozionarli a fargli pensare che in fondo il prezzo del biglietto merita davvero la pena. Un contenitore di così tante emozioni pallonare non ha prezzo. E intanto le Merengues continuano il loro gioco arioso, fatto di passaggi filtranti e convinzione di spingersi all’attacco per vincere la partita. Il Barcellona non è da meno e, seppur con più misurata convinzione, ribattono colpo su colpo con Messi, Luis Suarez, Neymar, e scusate se è poco. Ma il Real ha cominciato la ripresa con un’aggressività ancor più evidente del primo tempo, e così è andato in vantaggio con Pepe che mette in rete grazie a un calcio d’angolo battuto da Toni Kroos. A questo punto il Barcellona ha tentato di riportare le sorti in parità, ma è ancora il Real Madrid ad andare in gol con Benzema, che ha praticamente stroncato le residue velleità del Barca, grazie a una bella azione corale che ha visto la collaborazione di Cristiano Ronaldo e Isco. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>Un gioco di squadra che è la vera essenza del calcio moderno fatto di passaggi brevi e precisi che si materializzano in tocchi che ne esaltano la tecnica sopraffina. Chi ci legge e non ha avuto modo di vedere la partita, non pensi che stiamo enfatizzando a dismisura su un match che altro non è che l’incontro tra due espressioni calcistiche che concepiscono l’essenza del calcio spettacolo in Europa. Quello che scriviamo deve essere significativo di un calcio champagne, fatto di tecnica pregiata ma, soprattutto, di mentalità che, purtroppo, non è più in uso dalle nostre parti. Si dirà che in Italia non ci sono più soldi e che invece in Spagna, per il calcio, sono stati investiti bene già a suo tempo. Ma siamo proprio sicuri che i soldi nel calcio siano la base essenziale per vincere, dare spettacolo e primeggiare? Noi ricordiamo l’Inter di Massimo Moratti che per anni ha speso fior di quattrini senza mai vincere nulla e, men che meno, dare spettacolo calcistico. Poi, con l’avvento di Mourinho le cose sono cambiate. E allora, dove sta la verità? Certamente nei campioni, ma, soprattutto, nella mentalità del gioco e nella cultura della sconfitta che non abbiamo per crescere. Già, perché in Italia si deve vincere ad ogni costo, anche tra mille polemiche. E non fa niente se hai giocato male, se hai annoiato gli spettatori, se hai dato un’errata immagine del calcio inteso come gioco di squadra e spettacolo. Sì, perché l’importante è vincere, metterci una pezza e magari non maturare mai. Crediamo davvero che in questo basilare concetto si racchiudano tutti i nostri problemi pallonari che ormai da troppi anni ci penalizzano al cospetto dell’Europa. Impariamo con umiltà per crescere con i fatti.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br><br><br>MadridFL0711FL0711Ancelotti41.jpgSiNdopo-aver-visto-real-madrid-barcellona-1013016.htmSi100451001,02,03030629
121012933NewsEditorialeL`appeal del campionato italiano scivola sempre più in basso20140827162355Fiorentina,Genoa,Palermo,Lazio,Sampdoria,Roma C`era una volta il campionato più bello del mondo. Quello italiano!<br> L’interesse verso il pallone di marca italiana va sempre più scemando. La causa? Colpa della crisi economica del nostro Paese che è capace di scoraggiare l’investimento degli sponsor. Da una recente statistica risulta che ad oggi sette squadre su venti non hanno uno sponsor tecnico affisso sulle proprie magliette. Cesena, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/fiorentina.cfm">Fiorentina</a>, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/genoa.cfm">Genoa</a>, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/lazio.cfm">Lazio</a>, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/palermo.cfm">Palermo</a>, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/roma.cfm">Roma</a> e <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/sampdoria.cfm">Sampdoria</a>, a pochi giorni dall’inizio del nostro campionato non hanno ancora uno sponsor. Si tratta di un record negativo mai registrato in Italia ed è un campanello d’allarme che evidenzia in maniera netta lo scarso interesse verso un campionato privo dell’antico appeal. Che sia finito per l’Italia il tempo delle vacche grasse, lo sappiamo da almeno un decennio. Ma ciò che fa pensare e atterrire allo stesso tempo è che tale carestia si stia protraendo oltre le più pessimistiche previsioni. Il calcio è stato da sempre un mondo a parte, una sorta di cassaforte capace di respingere in maniera netta qualsiasi crisi economica legata alla situazione politica del nostro Paese. Oggi non è più così, perché la gravità di una situazione diventata davvero insostenibile si riflette anche nel mondo del pallone nostrano. E così avviene la fuga inarrestabile degli sponsor all’estero, là dove si ha una maggiore prospettiva d’interesse nell’investimento. Premier League, Bundesliga e Ligue 1 sono le più ambite, tanto è vero che ogni maglietta di questi campionati ha il suo sponsor ben in vista. Per l’Italia, invece, si verifica un trend negativo che investe tutto il sistema. Così accade che la nostra massima serie al cospetto degli altri Paesi, sia come la serie B o C. Un qualcosa che si identifica come un pallone del dio minore. Questo trend negativo non è certo da sottovalutare, anche perché è tutto il sistema calcio che dovrebbe essere riorganizzato in maniera consona ai tempi. Certo, da solo il nostro beneamato pallone non ce la può fare. Gli sforzi devono cominciare dal sistema politico italiano che fino ad oggi non è stato capace di mettere in moto una macchina organizzativa in grado di produrre più lavoro e meno tasse. E allora ci chiediamo ancora che senso abbia disquisire su dati tecnici del calcio internazionale che ci vedono declassati e in discesa senza freni inibitori. Non basta parlare e scrivere di luminari idee che possano iniziare da una cultura atta a valorizzare i nostri settori giovanili. Stadi obsoleti e mancanza perniciosa di denaro, ci fanno pensare con malinconia quando il nostro campionato era il più bello del mondo. Un profondo rimpianto che allo stato attuale delle cose ci lascia alquanto preoccupati e disarmati.<br><br> <b>Salvino Cavallaro </b><br><br> RomaFL0711FL0711pallone8.jpgSiNl`appeal-del-campionato-italiano-scivola-sempre-pio-in-basso-1012933.htmSi100451001,02,03,06,07,08030509
131012911NewsCalcio EsteroDramma in Germania, muore Biermann20140720104432Andreas Biermann, suicidio, Bundesliga, Germania, depressioneIl difensore 33enne Andreas Biermann è stato ritrovato suicida nella sua casa venerdì dalla polizia. Tragedia che trova un triste precedente nel 2009.Una tragedia ha investito venerdì il calcio tedesco, dopo il suicidio del portiere dell' Hannover e nazionale tedesca <b>Robert Enke </b>nel 2009 che sconvolse l'opinione pubblica dei tifosi della <b>Bundesliga</b>. Anche questa volta la vittima è uno sportivo, <b>Andreas Biermann</b> del <b>Spandauer Kickers</b>, club dilettante.&nbsp;<div><br></div><div>Il 33enne, ex difensore dell'<b>Union Berlino</b> e <b>St. Pauli,</b> è stato trovato morto nella sua casa la scorsa settimana e le cause sono state subito chiare. <b>Suicidio</b>, fine drammatica dopo una lotta persa contro la depressione troppo comune nello sport ad alti livelli (e non solo).</div><div><br></div><div>Baumann aveva tentato di togliersi la vita già altre tre volte, la prima nel 2003, e da qualche giorno era letteralmente scomparso. Sua sorella aveva scritto su Facebook chiedendo se qualcuno avesse sue notizie, fino a quando la polizia non l'ha ritrovato a casa sua. Ma ormai era troppo tardi.</div><div><br></div><div>Una sconfitta amara per il calciatore, dopo che aveva scritto un libro contro la depressione dal titolo "<b><i>Cartellino rosso alla depressione</i></b>" per raccontare il suo problema nel <b>2009</b>, anno del secondo tentativo di suicidio. Era venuto allo scoperto proprio a causa del tragico epilogo di Enke, lanciatosi sotto un treno poco tempo prima.&nbsp;</div><div><br></div><div>Lutto profondo, quindi, a circa una settimana dal trionfo tedesco in <b>Brasile</b>. La tristezza non ha coinvolto soltanto i tifosi delle squadre con cui Baumann ha giocato e i suoi familiari, ma tutta l'opinione pubblica che si è vista precipitare sconvolta dopo il picco del <b>Mondiale</b>.</div><div><br></div><div>Un rammarico a cui si uniscono tutti gli appassionati di <b>calcio </b>di tutto il mondo, perché uno sport così bello non può degenerare in tragedie simili. E i nomi dei due tedeschi non sono i soli in questa lista nera, ma tanti altri non sono riusciti a reggere il peso eccessivo dello stress e della depressione in questo campo. L'ennesimo esempio che gli sportivi sono <b>persone come tutti</b>, meno dei di quanto si possa pensare. Ma non si può continuare a parlare di questo soltanto quando ormai il gesto estremo è stato fatto.</div>Germaniauttd01uttd01andreas_biermann-550-370-411226.jpgSiNsuicidio-germania.biermann-1012911.htmSi101268101,02,03030477
141012888NewsCampionatiLa Juve si assicura Kingsley Coman dal PSG20140622143845Occhio a questo gioiellino francese, capace di ricalcare le orme di Paul Pogba<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Molti si chiederanno chi è <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Kingsley Coman</b>. Si tratta di un giovane calciatore di 18 anni che la Juventus ha prelevato dal <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paris</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">San Germain.</b> Trequartista che si può adattare anche all’esterno, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Coman</b> è un destro naturale che possiede anche un ottimo tiro di sinistro. Forte fisicamente, il giocatore di colore ricorda a grandi linee ciò che è stato il percorso di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paul</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pogba</b> che, ignorato nel 2012 dal <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manchester United </b>e da<b style="mso-bidi-font-weight: normal;"> Alex Ferguson</b>, finì per sposare il progetto della <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Juventus</b> e di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Antonio Conte</b>. Così, anche il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">PSG</b> non stravede per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Coman,</b> nonostante sia già un talento del settore giovanile della squadra francese. Per questo motivo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Kingsley</b> ha rifiutato l’offerta degli sceicchi e ha sbattuto la porta in faccia al PSG, nonostante <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Laurent Blanc</b> si fosse prodigato per convincerlo a restare. Il suo desiderio è di cominciare a percorrere nella società bianconera, la strada che è stata di Pogba. Per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Coman</b>, a Torino è pronto un contratto per cinque stagioni. Dal 1° luglio sarà svincolato e la Juve depositerà il contratto chiedendo all’UEFA il transfer. In assenza di un accordo amichevole tra i due club, sarà il governo calcistico europeo a risolvere il contenzioso formale, stabilendo in base ai parametri internazionali l’indennizzo che la Juventus dovrà versare al PSG per la formazione del ragazzo. Un indennizzo che si può già ipotizzare intorno ai 300 mila euro. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Coman </b>è un giocatore che inventa l’assist, cerca l’imbucata per le punte e s’infila anche bene in area di rigore, sfruttando magistralmente le sue doti naturali, rappresentati dall’agilità e dagli improvvisi cambi di marcia. Ha l’agilità classica di un numero dieci, ma è moderno nell’interpretazione del ruolo perché va in pressing sul regista avversario e, al contempo, ritorna a interdire nella zona di centrocampo. Il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">PSG </b>pensava già al suo futuro, ma la Juve è riuscita a soffiarlo a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Blanc</b>, nonostante gli avesse promesso già dal prossimo anno un maggiore spazio nelle fila della prima squadra. Ma l’Italia era già nel destino di questo ragazzo di belle speranze, perché già nel <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">febbraio 2013</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ancelotti</b> lo fece debuttare in Liga 1, in occasione della gara persa per 3 a 2 contro il Sochaux. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Coman</b> aveva solo sedici anni e fece il suo ingresso in campo a tre minuti dalla fine, a posto di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marco Veratti</b>. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Carletto Ancelotti</b>, per farlo esordire, aveva già intravisto in lui il talento futuro da coltivare. E così è stato. Il ragazzo è nato a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Parigi il 13 giugno 1996.</b> E’ alto un metro e 78 centimetri ed è arrivato al PSG quando aveva solo nove anni. Poi ha percorso tutta la trafila del settore giovanile, accumulando una serie interessante di presenze tra la Under 16 e la Under 21. Insomma, sembra davvero che la Juve abbia azzeccato ancora una volta il talento che servirà non solo alla causa di Conte, ma anche per la plus valenza che le casse societarie bianconere potranno sicuramente beneficiare.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711coman.jpgSiNla-juve-si-assicura-kingsley-coman-dal-psg-1012888.htmSi100451001,02,03030455
151012884NewsEditorialeFinisce un ciclo20140619170721Spagna, fuori dal mondiale <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>C’era una volta la Spagna di Casillas, Ramos, Xabi Alonso, Xavi, Iniesta, Villa…..</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Come fece l’Italia nel 2010, anche la Spagna Campione del Mondo uscente e due volte campione d’Europa esce inesorabilmente dal Mondiale brasiliano. Dopo l’1 a 5 incassato dall’Olanda, le furie rosse subiscono un secco 0 – 2 da parte del Cile. Non poteva essere un semplice incidente di percorso, un fatto occasionale, il “cappotto” subìto dagli olandesi e, difatti, contro i cileni è arrivata la sentenza di una Spagna che ha abdicato con il suo Tiki Taka di filosofica appartenenza calcistica e, soprattutto, ha evidenziato il fatto fisiologico di campioni che invecchiano e che non hanno più la “fame” di un tempo. Anche il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">C.T. Del Bosque</b> non è più quello di prima, e la sua sparata in conferenza stampa, in base alla quale sarebbe solo lui a dare la formazione e non il suo capo ufficio stampa, ha dato segni di chiaro nervosismo che ora, con il senno di poi, ha una sua logica spiegazione. Una caduta degli dei che non lascia spazio ad equivoci di sorta, ad interpretazioni che non possono essere differenti da quanto è emerso nella realtà. Finisce amaramente un ciclo storico per la nazionale spagnola, un lungo periodo che gli ha dato bellezza di gioco, ottimi risultati, prestigio e grandi emulazioni tattiche da parte di tanti avversari. Un sistema tattico cominciato con il Barcellona e portato in nazionale con poche sostituzioni di calciatori. Oggi finisce il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Regno di Juan Carlos</b> e probabilmente anche quello di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Del Bosque.</b> Un <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">18 giugno</b> che sarà ricordato a lungo per concomitanza di situazioni che si traducono nella parola <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“fine”.</b> La partita contro il Cile ha evidenziato tutto ciò che alla vigilia si temeva. Un disastro è stato <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Xabi Alonso</b>, irriconoscibile <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Casillas</b>, inconcludenti e confusionari, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ramos,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Javi Martinez</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Jordi Alba</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Busquets</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pedro,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Silva,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Diego Costa</b>, con <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Iniesta</b> che sembrava predicare nel deserto e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Piquè,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Xavi</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Villa </b>stranamente relegati in panchina per dubbia scelta tecnica. Insomma, al <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maracanà</b> si è consumata la fine di un ciclo al cospetto di un ottimo Cile, ma non certo irresistibile. Adesso, per le furie rosse comincia la difficile risalita all’innovazione, ai cambiamenti che probabilmente non saranno radicali, ma dovranno certamente essere orientati all’impostazione di<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>un calcio diverso e, soprattutto, con giocatori diversi. In questi casi, il processo di cambiamento e di ristrutturazione nell’ambito della squadra potrà avere tempi molto lunghi, tuttavia, la lunga storia del calcio spagnolo ci ricorda che non possono davvero passare troppi anni, prima di ritornare ai vertici del calcio mondiale. E, se è vero che la fretta è cattiva consigliera, è altresì vero che tra la Nazionale spagnola e i club della Liga (Real Madrd, Atletico Madrid e Barcellona) non ci può essere questo gap, che allo stato attuale delle cose sembra addirittura incolmabile. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Stadio Maracanàfl0711fl0711Vicente_del_Bosque_2254306b.jpgSiNfinisce-un-ciclo-1012884.htmSi100451001,02,03030379
161012879NewsCoppeBrasile 2014: Olanda travolge la Spagna, vendetta tremenda20140614100991Spagna, Olanda, Brasile 2014, Mondiali, vendetta, 1-5A Salvator l`Olanda vince contro la Spagna con un risultato incredibile e si propone come candidata al titolo. Casillas tanti errori e la Spagna sembra essere al buoio di idee.<b>Brasile</b>: terra di sole, spiagge, mare...e valanghe. Come quella che si è vista franare addosso ieri sera la <b>Spagna</b>, in un debutto da Campione in carica che ha lasciato tutti molto perplessi. La squadra di <b>Del</b> <b>Bosque</b> è stata messa in ginocchio dalla superiorità netta dell'<b>Olanda</b>, che si finalmente tolta il sassolino dalla scarpa vendicandosi (duramente) della finale persa in Sudafrica quattro anni prima, proprio con gli spagnoli.<div><br></div><div>1-5 sembra il risultato di una partita di tennis più che di calcio, ma la grande nazionale campione di tutto negli ultimi anni h dato veramente una lezione su come NON si gioca a calcio, con una <i>lectio magistralis</i> di <b>Sergio Ramos</b> in difesa da dimenticare assolutamente. Per non parlare di I<b>ker Casillas</b>, che dopo le difficoltà in patria con il suo Real Madrid ieri sembrava essersi preso una bella vacanza a <b>Salvator</b>.&nbsp;</div><div><br></div><div>Non si può che applaudire, invece, a capitan <b>Van Persie</b> e quel treno di <b>Robben</b>, protagonisti entrambi di una doppietta con numeri degni del loro talento. Segnano in qualsiasi modo, in acrobazia di testa e mandando al bar i difensori con dribbling d'alta scuola, anche se va detto che il terzo gol, dell'attaccante del Bayer su calcio d'angolo, andava annullato per un fallo precedente sul numero uno iberico.</div><div><br></div><div>Al debutto anche il "nostro" <b>Rizzoli</b>, dimostratosi ancora una volta uno dei fischietti migliori in assoluto, che al 27' ha dato rigore alla Spagna molto contestato dagli olandesi. Xavi Alonso insacca ma è l'unico barlume che gonfia la rete per i diavoli rossi.&nbsp;</div><div><br></div><div>Una partenza così non se l'aspettava nessuno, l'ha detto anche <b>Iniesta</b> ai microfoni di Rai Sport &nbsp;dopo la partita, e non pochi preannunciano già la veloce uscita della Spagna dal Mondiale. Come l'Italia nel 2010, tornata a casa dopo il girone nonostante fosse il Campione in carica.</div><div><br></div><div>Ma sembrano discorsi un po' catastrofici, anche all'edizione precedente perse all'esordio e poi si tirò sù. Certo è che la fa, e che ha caratterizzato la nazionale di Del Bosque in questi anni va ritrovata e in fretta.&nbsp;</div><div><br></div><div>L'Olanda di <b>Van Gaa</b>l pare essere tornata a quella luce di <b>Sudafrica 2010</b>, invece, e vedremo se Van Persie riuscirà a trascinare ancora una volta i suoi verso la finale. Questa volte, però, sarà obbligatorio vincere. E intanto godiamoci una <i>manita</i> "diversa" dal solito.&nbsp;</div>Salvator Arena Fonte Nuovauttd01uttd010100619161056649_20100619.jpgSiNolanda-spagna-mondiali-1-5-1012879.htmSi101268101,02,03030435
171012850NewsCalcio EsteroLiga, 37a giornata: pari per Atletico e Barcellona, abdica il Real20140512084135liga spagnola, atletico madrid, barcellona, real madrid, athletic bilbaoDecisivo il Barcellona-Atletico della prossima settimanaAncora risultati a sorpresa in Liga e giochi aperti per la conquista del titolo. La penultima giornata, giocata per lo più ieri, non ha decretato la squadra campione e bisognerà attendere l'ultimo e decisivo turno, quello del Barcellona Atletico Madrid tanto per intenderci, in programma al Camp Nou la prossima settimana.<br>Le distanze, quindi, restano invariate tra Barça e Atletico in virtù dei due pareggi; infatti, i catalani restano a secco in quel di Elche e non vanno oltre lo 0-0 ma possono consolarsi col fatto che anche conquistando i 3 punti ieri sarebbero stati obbligati, come del resto lo sono, in ogni caso a vincere lo scontro diretto della prossima settimana. Per l'Elche festa-salvezza e l'orgoglio di aver mantenuto imbattuto il proprio campo nel girone di ritorno.<br>Come accennato, il Malaga impone il pari ai colchoneros al Vicente Calderon andando in vantaggio con Samuel al 65', che approfitta di un errore di Alderweireld, il quale, poi, si riscatta firmando la rete del pari. Il Malaga, così, conquista ufficialmente la salvezza grazie anche alla straordinaria parata di Caballero a tempo ormai abbondantemente scaduto. Abdica, invece, il Real Madrid che perde un'occasione incredibile per porsi come terzo incomodo. Con molte assenze e, probabilmente, senza credere alla possibilità di far suo il titolo esce sconfitto malamente dal Balaidos per 2-0. Decisivi un gol per tempo, entrambi di Charles ed entrambi causati da maldestri errori difensivi. Al Real di Ancelotti non resta che concentrarsi e prepararsi per la finale di champions, che potrebbe essere la decima per il club di Madrid.<br>In zona retrocessione crollano clamorosamente il Valladolid, che perde in casa del già retrocesso Betis, e il Granada, che davanti al proprio pubblico esce sconfitto dallo scontro diretto contro l'Almeria. Per entrambe, comunque, la salvezza è ancora tutta da conquistare nell'ultima giornata.<br><br>LIGA – Risultati 37/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Villarreal-Rayo Vallecano 4-0&nbsp; 22′Uche-42′Bruno-55′Pereira-64′Costa<br>Levante-Valencia 2-0&nbsp; 70′Angel-81′Ivanschitz<br><br>Ieri<br><br>Athletic Bilbao-Real Sociedad 1-1&nbsp; 49′Muniain(A) - 75′Agirretxe(R)<br>Atletico Madrid-Malaga 1-1&nbsp; 65′Samu(M) - 74′Alderweireld(A)<br>Real Betis-Valladolid 4-3&nbsp; 1′-59′Guerra-51′Pena(V) - 6′A.gol Pena-54′Molina-76′Castro-91′Juanfran(R)<br>Celta Vigo-Real Madrid 2-0&nbsp; 43′-63′Charles<br>Elche-Barcellona 0-0<br>Espanyol-Osasuna 1-1&nbsp; 21′Colotto(E) - 44′Acuna(O)<br>Getafe-Siviglia 1-0&nbsp; 70′Escudero<br>Granada-Almeria 0-2&nbsp; 19′Verza-83′Vidal<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 89<br>2)Barcellona 86<br>3)Real Madrid 84<br>4)At.Bilbao 69 <br>5)Siviglia 60<br>6)Real Sociedad 59<br>7)Villareal 56<br>8)Celta 49<br>9)Levante 48<br>10)Valencia 46<br>11)Rayo 43<br>12)Espanyol 42<br>13)Malaga 42<br>14)Elche 40<br>15)Almeria 39<br>16)Getafe 39<br>17)Granada 38<br>18)Osasuna 36<br>19)Valladolid 36<br>20)Betis 25<br><br>spagnaFL0411FL0411carlo-ancelotti.jpgSiNliga-giornata-37-pari-per-atletico-e-barcellona-abdica-il-real-1012850.htmSi100427901,02,03030423
181012847NewsCampionatiMerkel, talento diviso tra Italia e Inghilterra pieno di rammarico20140511120458Aleksander Merkel, Guidolin, Udinese, Watford, Pozzo, Hoffenheim, Dundesliga, GenoaIl 22enne attaccante tedesco Merkel ha vestito le maglie di Milan, Genoa e Udinese per poi approdare alla serie B inglese. Tra rammarico e voglia di riscatto, il giovane sogna di tornare protagonist nei campi che contano. Anche a costo di dire ciao alle zebre friulane, ancora proprietarie del cartellino.Che non ci fosse mai stato buon sangue tra mister <b>Gudolin</b> e&nbsp;<b>Aleksander Merkel</b>, giovane attaccante tedesco <b>ex Milan</b>, era a chiaro a tutti fin dall'inizio. Da quando era arrivato a Udine, grazie alla trattativa con il <b>Genoa</b> che aveva trasferito in <b>Liguria</b> <b>Floro Flores</b>, il ragazzo 22enne ha trovato ben poco spazio là davanti (colpa sua? poca simpatia con il Guido?), per cui patron <b>Pozzo</b> ha preferito mandarlo a giocare in Inghilterra, nel satellite <b>Watford</b>, per non fargli fare la muffa in <b>Friuli</b>. E pensare che il clima lì è così simile alla madre patria <b>Germania</b>: freddo, tempo da cani tutto l'anno, ancora freddo...&nbsp; <div><br>In un intervista rilasciata pochi giorni fa a <b>Monica Tosolini</b> su <i><b>Udineseblog.it</b></i>, Merkel non si è detto molto entusiasta per come sia andata la sua carriera fin'ora. Maturato nella giovanili del diavolo rossonero, era arrivato in prima squadra per poi approdare a <b>Genova</b>, sponda rossoblu. Sballottato da una parte e dall'altra, lontano dalla <b>Bundesliga</b> che ama tanto.&nbsp;</div> <div><br></div> <div>Poi è arrivata l'Udinese, ne acquista la metà del cartellino ma non lo fa giocare. Il perché non lo sa nemmeno Merkel, fatto è che si trova a passare da una delle squadre più titolate del mondo al campionato cadetto inglese, la <b>Championship</b>, con il Watford dei Pozzo.<br><br>Deluso è dir poco e sicuramente il giovane tedesco mirava a qualcosa di più alto. Non ne fa mistero, dire chiaramente che a quest'ora si vedeva già in un top club europeo. Molti giornali davano per fatto il suo passaggio, già a gennaio, all'<b>Hoffenheim</b> ma alla fine era rimasto comunque nell'orbita dell'<b>Udinese</b>. Dicevano che non avesse legato con l'allenatore in Italia, che non lo facesse giocare per antipatia, nessuno sa la verità se non i due diretti interessati. Comunque sia, di stare a lungo nella serie B d'oltremanica a Merkel non va proprio.&nbsp;</div> <div><br></div> <div>La chiamata della madre patria non si rinuncia mai, anche perché il giovanotto vorrebbe tornare in nazionale e di strada ne può fare tanta. Se solo la facesse come quando era al Milan, ai tifosi friulani verrebbero veramente le lacrime agli occhi per la gioia.</div>uttd01uttd01merkel.jpgSiNmerkel-udinese-rammarico-watford-1012847.htmSi101268101,02,03010408
191012849NewsCalcio EsteroLiga, 37a giornata: al Levante il derby di Valencia20140511091417Liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoAngel e Ivanschitz regalano il derby di Valencia al LevanteDue le gare giocate ieri per la 37a e penultima giornata di Liga spagnola. Fà suo il derby della città di Valencia il Levante che si impone per 2-0 sui più blasonati cugini del Valencia. Angel e Ivanschitz decidono la partita e consentono al "piccolo" Levante di scavalcare in classifica, al settimo posto, proprio il Valencia, che resta in decima posizione con 46 punti.<BR>Nell'altra sfida, goleada del Villareal che travolge il Rayo Vallecano ormai salvo e, probabilmente, con la testa da un'altra parte. Il sottomarino giallo, con le reti di Uche, Bruno, Pereira e Costa blinda la settima posizione formalizzando il ritorno in Europa dopo l'onta della retrocessione in B di due anni fa.<BR>Oggi si disputeranno tutte le restanti partite della 37/a giornata. In campo, contemporaneamente, alle 19, tutte le big del calcio iberico. L'Atletico Madrid affronterà al Vicente Calderon il Malaga, cercando riscatto e punti dopo la cocente sconfitta di una settimana fa sul campo del Levante. In realtà, vincendo oggi, e una serie di risultati improbabili ma pur sempre possibili, potrebbero addirittura laureare l'Atletico campione già stasera. Quindi, vincere diventa la priorità anche in vista del fatto che la prossima settimana ci sarà l'atto finale contro il Barcellona. Il Malaga, avversario odierno, non ha più nulla da chiedere a questa deludente stagione ed è reduce dalla sconfitta casalinga contro l'Elche. Simeone, però, dovrà rinunciare a Diego Costa alle prese con una lesione di primo grado al bicipite femorale. <BR>Il Barcellona andrà a far visita ad un Elche che lotta per non retrocedere avendo solo 3 punti di vantaggio sull'Almeria terz'ultimo. L'11 biancoverde è a caccia di punti ma il Barcellona è di nuovo in corsa per il titolo. Inoltre mister Escribà ha problemi di formazione e dovrà fare a meno di Alvaro Gomez, Botia e Toño squalificati, più i dubbi Niguez e Boakye. Per i catalani, redivivi, saranno 180 minuti decisivi perchè con 6 punti potrebbero confermarsi campioni conquistando il quarto campionato in 5 anni.<BR>Il Real Madrid, dopo il pareggio contro il Valladolid, ha ormai abbandonato il sogno di conquistare il campionato. 4 punti a 2 giornate dal termine sembrano davvero troppi considerando che servirebbero le improbabili sconfitte, allo stesso tempo, di Atletico e Barcellona. Anche per questo Ronaldo non sarà in campo, ma anche Varane, Pepe, Di Maria e Carvajal; probabilmente per iniziare a cercare la migliore condizione in vista della finale di Champions. <BR>Tra gli altri incontri spicca il derby basco tra Athletic e Real Sociedad che, però, non ha risvolti di classifica vistyo che tra le due formazioni ci&nbsp; sono 10 punti di differenza. I biancorossi sono i favoriti, anche per chiudere al meglio una stagione decisamente positiva, con il pubblico del San Mames&nbsp; pronto a festeggiare ufficialmente l’accesso ai preliminari di Champions League di Aduriz e compagni.<BR>Importantissima, infine, anche Granada-Alemria. Chi perde va in B. I padroni di casa, virtualmente salvi fino a qualche settimana fa, sono reduci da una serie di risultati negativi (1 punti in 3 giornate). Il club dei Pozzo ha, al momento, solo due punti di vantaggio sull'Almeria e sulla zona retrocessione.&nbsp; In casa il Granada ha un bottino di 7 vittorie, un pareggio e 10 sconfitte, mentre l’Almeria in trasferta ha vinto solo 4 volte, pareggiato 1 e perso 13. <BR><BR>LIGA – Risultati 37/a Giornata<BR><BR>Ieri<BR><BR>Villarreal-Rayo Vallecano 4-0&nbsp; 22'Uche-42'Bruno-55'Pereira-64'Costa<BR>Levante-Valencia 2-0&nbsp; 70'Angel-81'Ivanschitz<BR><BR>Oggi<BR><BR>Athletic Bilbao-Real Sociedad<BR>Atletico Madrid-Malaga<BR>Real Betis-Valladolid<BR>Celta Vigo-Real Madrid<BR>Elche-Barcellona<BR>Espanyol-Osasuna<BR>Getafe-Siviglia<BR>Granada-Almeria<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-37-levante-vince-derby-di-valencia-1012849.htmSi100427901,02,03030376
201012834NewsCalcio EsteroLiga, 35 giornata: l`Atletico Madrid sbanca Valencia20140428102144liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoL`Atletico batte di misura il ValenciaNessuna sorpresa eclatante nella 35a giornata di Liga spagnola e con, sullo sfondo, il pensiero che vola a Tito Vilanova, ex tecnico del Barcellona. <br>Vincono le quattro di testa e le distanze restano invariate. L'Atletico Madrid sbanca il Mestalla di misura grazie alla rete di Rau Garcìa nei minuti finali del primo tempo e vola a 88 punti ristabilendo i 6 punti di vantaggio sul Real Madrid che, però, deve recuperare una partita. Merengues che hanno regalato gol e spettacolo nell'incontro del sabato contro l'Osasuna. Un rotondo 4-0, in vista della semifinale di ritorno di Champions league, con un Cristiano Ronaldo<br>in forma smagliante che mette a segno il 30° centro personale stagionale. <br>Il Barcellona, invece, vince in modo rocambolesco, rimontando il doppio vantaggio del Villareal. In un incontro certamente condizionato dal dolore nel cuore per&nbsp; la morte del ex tecnico, i catalani chiudono il primo tempo sotto di due reti. La svolta giunge al minuto 61' con una doppia sostituzione che manda in campo Tello e Fabregas e tanta, tanta fortuna. Ci son volute due autoreti, di Gabriel e Musacchio e un gol, il 27°, del solito Messi a togliere le castagne dal fuoco.<br>Sorride l'Athletic Bilbao, ormai ad un passo dall'impresa, cioè il raggiungimento di un posto nei preliminari della prossima Champions League. 3-1 al Siviglia firmato da Susaeta, Muniain ed Herrera e quarto posto ormai blindato dato gli uomini guidati da Ernesto Valverde. I vantaggio è di 6 punti&nbsp; proprio sugli andalusi, che saranno impegnati giovedì a Valencia nella semifinale di ritorno della Europa league.<br>Interessantissima anche la lotta in fondo alla classifica. Un colpo importante lo mette a segno il Getafe che, grazie alla rete di Colunga, batte di misura il&nbsp;Malaga abbandonando, almeno momentaneamente, la terzultima posizione. Netto successo del Rayo Vallecano che si impone con autorità per 3-0 sul campo del Granada; mentre l'Almeria soprende l'Espanyol&nbsp;per 2-1 grazie alle reti di Velez e Suso che rimontano l'iniziale vantaggio di Stuani. <br><br><br>LIGA – Risultati 35/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Elche-Levante 1-1 63'Boakye(E) - 74'Angel(L)<br><br>Sabato<br><br>Granada-Rayo Vallecano 0-3&nbsp; 54'Niguez-59'Larrivey-86'Fernandez<br>Getafe-Malaga 1-0&nbsp; 7'Colunga<br>Real Madrid-Osasuna 4-0&nbsp; 6'-52'C. Ronaldo-60'Ramos-83'Carvajal<br>Betis-Real Sociedad 0-1&nbsp; 44'Vela<br><br>Domenica<br><br>Espanyol-Almeria 1-2&nbsp; 42'Stuani (E) - 69'Velez-72'Suso(A)<br>Valencia-Atletico Madrid 0-1&nbsp; 43'Raul Garcia<br>Athletic Bilbao-Siviglia 3-1&nbsp; 4'Susaeta-53'Muniain-73'Herrera(A) - 79'Gameiro(S)<br>Villarreal-Barcellona 2-3&nbsp; 45'+1'Cani-55'Trigueros(V) - 66'A.gol Gabriel-78'A.gol Musacchio-83'Messi(B)<br><br>Lunedì<br><br>Celta Vigo-Valladolid<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 88<br>2)Barcellona 84<br>3)Real Madrid 82 *<br>4)At.Bilbao 65 <br>5)Siviglia 59<br>6)Real Sociedad 57<br>7)Villareal 52<br>8)Valencia 45<br>9)Rayo 43<br>10)Levante 42<br>11)Espanyol 41<br>12)Malaga 41<br>13)Celta 40 *<br>14)Granada 37<br>15)Elche 36<br>16)Osasuna 35<br>17)Getafe 35<br>18)Almeria 33<br>19)Valladolid 32 **<br>20)Betis 22<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>spagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-35-atletico-sbanca-valencia-1012834.htmSi100427901,02,03030410
211012830NewsCalcio EsteroLiga, 35a giornata: pari tra Elche e Levante, il Real in campo stasera20140426085016liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoReal Madrid in campo alle 20 contro l`OsasunaSi dividono la posta in palio Elche e Levante nell'anticipo del venerdì, valevole per la 35a giornata di Liga spagnola. 1-1 il risultato finale con le reti di Boakye per i padroni di casa e di Angel per gli ospiti. Partita divertente nella quale si sono registrati 22 tiri in porta (record in questa stagione) nonostante il fatto che il Levante sia la squadra con meno percentuale di possesso palla di tutto il campionato (37%) e l'Elche con meno gol realizzati&nbsp;negli incontri casalinghi di tutta Europa (13). Un punto solo, dunque, per gli illicitani, che speravano di sganciarsi definitivamente dalla lotta per non retrocedere e che, invece, riescono solamente a raggiungere quota 36 punti a +4 dal terz'ultimo posto attualmente occupato dal Getafe; il Levante, di contro, con 42 punti è ad un passo dal celebrare la permanenza nella massima categoria.<br>Come al solito saranno 4 gli incontri che caratterizzeranno il sabato di Liga e tra le grandi solamente il Real Madrid, reduce dall'impresa del Bernabeu contro il Bayern Monaco, sarà impegnato oggi. <br>Alle 16 andrà in scena allo stadio Los Carmenes Granada-Rayo Vallecano. Le due formazioni giungono a questo impegno con la salvezza ormai quasi raggiunta. Al&nbsp; Rayo manca solo la certezza matematica, mentre per il Granada, nonostante la sconfitta rimediata a Siviglia può ancora vantare cinque punti di vantaggio sul Getafe. <br>Da rilevare anche come i padroni di casa, nel girone di ritorno, abbiano fatto del fattore campo il proprio punto di forza, lasciando scappare solo 8 punti dall'inizio dell'anno e avendo vinto 4 degli ultimi 5 incontri casalinghi. Per conquistare i 3 punti e la salvezza il Granada si affiderà alle due stelle, Yacine Brahimi e Youssef El Arabi che, insieme, hanno segnato 6 degli ultimi 7 gol della compagine andalusa.<br>Alle 18 si giocherà le ultime possibilità proprio il Getafe per evitare l'amara retrocessione in Liga Adelante. La squadra di Madrid è reduce da un buon&nbsp;pareggio a Valencia contro il Levante e si trova ora ad occupare la fatidica terz'ultima posizione a quota 32 insieme al Valladolid, mentre il Malaga dall'alto&nbsp; dei suoi 41 punti può godersi un finale di campionato senza grossi patemi d'animo.&nbsp; Inutile dire che per il Getafe si tratta di una delle partite più importanti dell'ultima decade: dopo 9 stagioni consecutive nella massima serie, avendo disputato anche le coppe europee e due finali di coppa del Re, il Getafe è in pericolo e le sensazioni che accompagnano "los azulones"(gli azzurri) non sono delle migliori.<br>Alle 20, finalmente, toccherà al Real Madrid di Carlo Ancelotti, ancora in corsa su tutti i fronti, anzi con la coppa del Re già in bacheca e la finale di Lisbona di Champions League ad un passo. Proprio il pensiero della sfida in Germania potrebbe essere l'unica insidia odierna: bisognerà mantenere la calma e la concentrazione anche perchè l'Osasuna lotta per non retrocedere ed è reduce da una striscia di 4 risultati utili consecutivi. Con una vittoria il Real si porterebbe a meno 3 dalla capolista Atletico e, come è noto, avendo giocato una partita in meno, che sarà recuperata il 7 maggio. <br>Infine, chiuderà il sabato di Liga, Betis-Real Sociedad. Il Betis, fanalino di coda, a meno dieci punti dalla quota salvezza, probabilmente sta già pensando a come risalire nella massima categoria. Non ha più nulla da chiedere al campionato se non quello di salvare, almeno, l'onore e retrocedere a testa alta per quanto possibile.<br>Mentre i baschi della Real Sociedad, grazie al rocambolesco successo contro l'Espanyol, ha compiuto un passo importante verso l'Europa. Infatti, a quattro&nbsp; turni dalla fine del campionato, la Real Sociedad è sesta, con due punti di vantaggio sul Villareal (la settima si qualifica per la prossima Europa League sempre che non sia il Valencia ad aggiudicarsi quella in corso). <br><br>LIGA – Programma e Risultati 35/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Elche-Levante 1-1&nbsp; 63'Boakye(E) - 74'Angel (L)<br><br>Oggi<br><br>Granada-Rayo Vallecano<br>Getafe-Malaga<br>Real Madrid-Osasuna<br>Betis-Real Sociedad<br><br>Domani<br><br>Espanyol-Almeria<br>Valencia-Atletico Madrid<br>Athletic Bilbao-Siviglia<br>Villarreal-Barcellona<br><br>Lunedì<br><br>Celta Vigo-Valladolid<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-35-pari-tra-elche-e-levante-real-madrid-contro-osasuna-1012830.htmSi100427901,02,03030414
221012822NewsCalcio EsteroLiga,34a giornata: L`Atletico vince e vola a +620140419101631liga spagnola, atlético Madrid, real Madrid, barcellona, athletic bilbaoAtletico-Elche 2-0L'Atletico non si ferma e dalle parole del suo uomo più rappresentativo, Diego Costa, si evince che i "Colchoneros" sono pronti ad affrontare questo finale di stagione nel modo giusto:" Sarà un mese difficile ma la squadra ha la mentalità, la forza e la convinzione per mettercela tutta." Poi, aggiunge:"Simeone è stato chiaro, ogni partita sarà come una finale". In seguito, al bomber ispano-brasiliano è stato consegnato il premio "Mahou" come miglior giocatore del<br>mese di marzo. E come tutte le "finali" che si rispettano, anche quella di ieri contro l'Elche, incontro valido per la 34a giornata di Liga, più debole sulla carta quanto ostico sul campo, è stata una sofferenza e una dura battaglia. Ma l'Atletico Madrid ha mostrato più di una volta in questa stagione quanto sappia stare in partita fino al novantesimo e anche ieri non è stato da meno. Nonostante il rigore sbagliato da Villa al minuto 50, l'Atletico ha avuto la meglio per 2-0 sull'Elche in virtù delle reti di Miranda e dal secondo calcio di rigore, questa volta&nbsp;trasformato proprio da Diego Costa nei minuti di recupero della partita. "Colchoneros" che, quindi, mantengono la vetta della classifica con 85 punti a +6 dal Real Madrid, che affronterà l'incontro della 34a giornata il 7 maggio allorquando gli uomini di Ancelotti scenderanno in campo a Valladolid. Un rinvio praticamente deciso l'estate scorsa e preventivato nel caso qualcuna delle big si fosse trovata ad affrontare la finale di Coppa del Re e la semifinale di andata della Champions League e, come è noto, il Real Madrid è reduce dalla successo in Coppa del Re e mercoledì ospiterà al Santiago&nbsp;Bernabeu il Bayer Monaco di Pep Guardiola.<br>Per questo motivo saranno 3 gli incontri del sabato di Liga. Alle 16 a Pamplona toccherà al Valencia che insegue ancora un posto in Europa League ma che giovedì affronterà la semifinale d'andata della medesima competizione nel derby tutto spagnolo contro il Siviglia. L'Osasuna, di contro, cercherà la vittoria per portare a 6 i punti di distacco dalla zona retrocessione e dare un passo decisivo per il raggiungimento della agognata salvezza. I padroni di casa sono reduci<br>da una striscia positiva senza sconfitte lunga tre giornate, mentre gli uomini di Pizzi, in trasferta, provengono da una serie negativa di 5 incontri.<br>Alle 18 sarà la volta di Levante-Getafe con gli ospiti che tornano a Valencia, unica città in cui hanno vinto nel 2014. Il Levante ha ormai poco da chiedere&nbsp; al campionato se non di raggiungere matematicamente la salvezza e, sicuramente, cercherà di approfittare dell'incontro odierno per blindare definitivamente la permanenza.<br>Certo, gli ospiti, terz'ultimi a -1 dal Valladolid, hanno tutta l'impellenza di strappare i tre punti; nel calcio tutto è possibile ma le statistiche hanno una loro&nbsp;importanza e il risultato è che in 16 trasferte le sconfitte sono state ben 11.<br>Infine, alle 20, a san Sebastian si affronteranno Real Sociedad ed Espanyol. I padroni di casa pensano in grande: infatti, è già pronto il progetto di ristrutturazione ed ampliamente dell'"Anoeta" e l'obiettivo è quel settimo posto che non allontanerebbe i baschi dall'Europa. Gli ospiti, invece, come scritto più volte non hanno nulla da chiedere al campionato, trovandosi in una zona di classifica neutra.<br><br>LIGA – Risultati 34/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Atletico Madrid-Elche 2-0&nbsp; 72'Miranda-91'Diego Costa<br><br>Sabato<br><br>Osasuna-Valencia<br>Levante-Getafe<br>Real Sociedad-Espanyol<br><br>Domenica<br><br>Almeria-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Real Betis<br>Siviglia-Granada<br>Barcellona-Athletic Bilbao<br><br>Lunedì<br><br>Malaga-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-34-atletico-batte-elche-e-mantiene-la-vetta-1012822.htmSi100427901,02,03030514
231012821NewsCalcio EsteroBale trascina il Real, la Coppa del Re è sua20140417142917Barcellona, Real Madrid, Coppa del Re, rivalità, Al terzo Classico stagionale, il Real Madrid si porta a casa la vittoria e anche la Coppa del Re. Per il Barça, invece, è la terza delusione dopo la sconfitta in Champions e la vetta sempre più distante. E Ancelotti sogna il triplete...E alla fine ci pensa lui, <b>Bale</b>, mister <b>cento-milioni-di-euro</b>. Scatto fulmineo che "circumnaviga" l'avversario, mentre con la manina gli fa "ciao ciao" e uno contro uno con <b>Pinto</b>. Il <b>gol </b>è d'obbligo, la <b>curva madrilena</b> che esplode in un boato pure. I tifosi invocano il nome del giocatore più costoso della storia del calcio, vero stella in quella serata.<div><br></div><div><b>Barcellona-Real Madrid</b> non è mai una partita come le altre. Che sia in <b>campionato</b> o in <b>coppa</b>, nazionale ed europea, la rivalità è sempre la stessa. <b>Feroce</b>, senza sentimentalismi, <b>spietata</b>. Soprattutto se c'è in ballo la <b>Coppa del Re</b>. Lo sanno bene i catalani, che fin da subito fischiano l'inno spagnolo prima dell'inizio della partita; lo sa <b>Ancelotti</b>, che se perderà anche la terza sfida contro i "cugini" blugranada a <b>Madrid </b>non saranno molto contenti. Per niente.</div><div><br></div><div>In campo le scintille sono all'ordine del giorno. <b>Tata Martino</b> vuole la vittoria, un minimo riscatto dopo la figuraccia in <b>Champions </b>contro l'<b>Atletico</b> e la vetta della <b>Liga </b>sempre più lontana. Ma <b>Di Maria</b> rovina tutto dopo appena 11 minuti, il tempo necessario per infiammare il neutro <b>Mestalla</b> di <b>Valencia</b>. <b>Ronaldo </b>non c'è, ma nessuno ne piange. La campanella del Barcellona suona nella ripresa, al 68', con il giovane <b>Bartra </b>che sostituisce <b>Xavi </b>e ridà speranza al suo club. Ma è un fuoco di paglia.</div><div><br></div><div>L'asso lo tira fuori quel gallese di Bale, dal <b>Totthenam </b>con furore, che finalmente dimostra l'importanza del <b>maxi-investimento</b> che il Real ha fatto su di lui. <b>Motore turbo-diesel</b> nelle gambe e il numero uno catalano finisce braccia all'aria. Una vittoria confezionata a velocità di Formula Uno e il pubblico madrileno ringrazia. <b>Mancano 5 minuti</b>, sembra un film e nemmeno il fenomeno <b>Neymar </b>riesce a rovinare la pellicola. Il <b>palo </b>salva <b>Casillas </b>e finalmente l'arbitro emette il <b>triplice fischio finale</b>.</div><div><br></div><div>Terza coppa nazionale per <b>Carletto</b>, dopo quella italiana e inglese. Ennesima delusione in stagione per il team di <b>Martino</b>, sempre più opaca e fuori da ogni trofeo. Quattro punti di differenza non sono tanti ma nemmeno pochi e sarà difficile fare la "<i>remuntada</i>" nelle poche giornate che mancano. A Madrid, invece, la gioia si tocca con mano. Il pullman dei blancos sfila trionfante <b>per le strade della città</b>, circondato da oceani di <b>tifosi in delirio</b>. Ma il mister quest'anno è stato chiaro: <b>Sergio Ramos</b> non alza la coppa. Altrimenti porta di nuovo <b>sfiga</b>.&nbsp;</div><div><br></div><div><br></div>C1007858Valencia Stadio Mestallauttd01uttd01real_madrid_gareth_bale.jpgSiNcoppa-del-re-vittoria-real-1012821.htmSi101268101,02,03030569
241012816NewsCampionatiUna Champions a tutte stelle20140416110019Bayer Monaco, Chelsea, Atletico madrid, Real Madrid, Cghmapions League, barcellonaOrmai ci avviamo verso la finale di Coppa Campioni, le semifinali sono già programmate. Chi si porterà a casa quest`anno il trofeo? Intanto il Barça piange...Tata Martino piange, Ancelotti sorride. E Simeone si "sbaccana". È questo, in breve, lo scenario calcistico che i recenti quarti di finale di Champions Legue hanno lasciato dietro di sé in Spagna. Il blaugrana, quest'anno, non sono stati al massimo della forma e hanno pagato a caro prezzo il calo di lucidità nella massima coppa europea, guarda caso proprio contro l'avversario che sta facendo la pelle a tutti nella Liga: l'Atletico Madrid.&nbsp; <DIV><BR></DIV> <DIV>È la squadra del Vincente Calderon, infatti, che si è aggiudicata il passaggio alla semifinale del torneo, dopo 180 minuti dove il passaggio non è mai stato dato per scontato. Anzi, perché se ti batti contro un avversario che si chiama Barcellona al contrario sei quasi sicuro che perderai, In modo anche poco dignitoso, basta chiedere al Bayer Leverkusen che cosa ne pensa. Invece l'undici di Simeone vince, con un gran gioco che sottolinea l'ottima annata che i biancorossi stanno affrontando con il loro nuovo tecnico. E intanto gongolano sulla vetta del campionato. Per Carletto è questione da poco, se non superava i quarti la sua testa finiva molto probabilmente al cappio. E CR7 e Bale non hanno sicuramente deluso, facendo festeggiare anche l'altra metà della città madrilena, sponda Bernabue. Ora manca solo un ostacolo, tale Bayer, e sicuramente Guardiola non avrà parole dolci per la sua ex rivale.&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>A Londra i blues sperano veramente nel passaggio, per ripetere l'emozione di due anni fa che Di Matteo gli regalò per la prima volta. Ma anche a Wembley non scherzano, tanto che Mourinho si sta per liberare dell'impegno campionato il prima possibile. Il Liverpool non cede in cima alla classifica, ma due punti sono rimontabili.&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Per la finale bisogna ancora attendere la bellezza di altri 180 minuti e sicuramente non saranno scontati. Le squadre in gara daranno l'anima per raggiungere la coppa delle grandi orecchie e tutti siamo curiosi di sapere chi saranno le due migliori d'Europa. In tanti già puntano sulla finale spagnola Real-Atletico, ma chi sa se non sarà invece Chelsea-Bayer?&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Le stelle sono già in campo, aspettiamo solo il fischio d'inizio.</DIV>C1007856uttd01uttd01pep-guardiola.jpgSiNchampions-semifinali-sorteggi-1012816.htmSi101268101,02,03030602
251012817NewsCalcio EsteroLiga 33a giornata: Atletico sempre in vetta ma quanta paura per Diego Costa20140414094331liga spagnola, atlético Madrid, real Madrid, barcellona, athletic bilbaoAtletico sempre primo, Barcellona sconfitto a GranadaDomenica di paura per l'Atletico Madrid e per Diego Costa, costretto a uscire in barella, sanguinante, dopo avere segnato il gol del 2-0 in casa del Getafe.<BR>Per fortuna, nella serata di ieri, l’Atletico ha annunciato su twitter che il bomber brasiliano sta bene e che si tratta solo di una fortissima contusione alla tibia e, a quanto pare, sarà arruolabile per la semifinale di Champions contro il Chelsea di Mourinho. Tre punti, comunque, per i Colchoneros che&nbsp;restano primi in classifica, si riportano a +3 dal Real Madrid e allungano sul Barcellona sconfitto a Granada sabato pomeriggio.<BR>Un Barcellona che, dopo l'eliminazione dalla Champions proprio ad opera dell'Atletico, perde clamorosamente anche a Granada&nbsp;in virtù&nbsp;della rete segnata da Brahimi e, bisogna dirlo, anche a causa di un Messi abulico come raramente lo si è visto. Il Granada, dal canto suo, esce dalla lotta per non retrocedere centrando la vittoria più clamorosa. Certo, sorprende vedere i catalani così in difficoltà e con la pulce Messi pericoloso solo in occasione di un calcio di punizione battuto magistralmente ma neutralizzato dal portiere greco Karnezis, in prestito dall’Udinese.<BR>Il Real Madrid, quindi, sale al secondo posto in virtù della vittoria per 4-0 al Bernabeu contro l’Almeria. Bale, Isco, Morata e Di Maria sul tabellino dei marcatori di un incontro completamente a senso unico che consente di rimanere in scia dell'Atletico per la vittoria finale. Per l'Almeria, invece, si tratta della sconfitta stagionale numero 19. <BR>Tra gli altri incontri disputati nel week end, il Siviglia vince il derby in casa del Betis con doppietta di Kevin Gameiro, che fa volare gli andalusi allenati da Emery a -3 dall’Athletic, che giocherà stasera al San Mamès contro il Malaga.<BR>Bene anche il Valencia, reduce dalla fantastica impresa in Europa League contro il Basilea, che con Piatti e Parejo liquida la pratica Elche al Mestalla;&nbsp;mentre l’Espanyol impatta 2-2 in casa contro il Rayo Vallecano. Stuani apre le marcature, poi Iago Falque e Larrivey ribaltano la situazione in favore dei madrileni raggiunti nel finale dalla rete di Diego Colotto che fissa il punteggio sul 2-2. Rayo adesso a +5 sul Getafe terzultimo.<BR>Il Villarreal aggancia il sesto posto dopo il successo in extremis contro il Levante per 1-0 grazie alla rete del francese Perbet al minuto 96, mentre la Real Sociedad non va oltre il 2-2 in casa dell’ostico Celta Vigo. <BR>Come accennato la 33a giornata si chiuderà stasera con i baschi di Bilbao che dovranno difendere il quarto posto dagli attacchi del Siviglia, adesso a soli 3 punti. E, probabilmente, risulterà decisivo lo scontro diretto in programma a Bilbao il prossimo 27 aprile. Per quanto riguarda il Malaga c'è da dire che, grazie agli ultimi due successi conquistati contro Betis e Granada, ha praticamente allontanato lo spettro della retrocessione.<BR><BR>LIGA – Risultati 33/a Giornata<BR><BR>Venerdì<BR><BR>Osasuna-Valladolid 0-0<BR><BR>Sabato<BR><BR>Celta Vigo-Real Sociedad 2-2&nbsp; 8'Canales-43'Griezmann(R) - 37'Nolito-82'Mina(C)<BR>Villarreal-Levante 1-0&nbsp; 95'Perbet<BR>Granada-Barcellona 1-0&nbsp; 16'Brahimi<BR>Real Madrid-Almeria 4-0&nbsp; 28'Di Maria-53'Bale-56'Isco-85'Morata<BR><BR>Domenica<BR><BR>Real Betis-Siviglia 0-2&nbsp; 30'-82'Gameiro<BR>Valencia-Elche 2-1&nbsp; 22'Piatti-61'Parejo(V) - 28'Coro(E)<BR>Getafe-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 40'Godin-84'Diego Costa<BR>Espanyol-Rayo Vallecano 2-2&nbsp; 3'Stuani-88'Colotto(E) - 43'Falque-50'Larrivey(R)<BR><BR>Oggi<BR><BR>Athletic Bilbao-Malaga<BR><BR>CLASSIFICA<BR><BR>1)At.Madrid 82<BR>2)Real Madrid 79<BR>3)Barcellona 78<BR>4)At.Bilbao 59 *<BR>5)Siviglia 56<BR>6)Villareal 52<BR>7)Real Sociedad 51<BR>8)Valencia 44<BR>9)Espanyol 41<BR>10)Levante 40<BR>11)Malaga 38 *<BR>12)Celta 37<BR>13)Rayo 37<BR>14)Granada 37<BR>15)Elche 35<BR>16)Osasuna 34<BR>17)Valladolid 32<BR>18)Getafe 31 <BR>19)Almeria 30<BR>20)Betis 22<BR><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-33-atletico-mantiene-la-vetta-paura-per-diego-costa-1012817.htmSi100427901,02,03030716
261012813NewsCalcio EsteroLiga,32a giornata: Barcellona e Real non mollano l`Atletico20140406091543Liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoNuovo record per MessiVincono le prime tre della classe nella 32/a giornata di Liga spagnola. L’Atletico Madrid di Diego Simeone continua la marcia che potrebbe valere il titolo battendo di misura il Villareal e nonostante l'assenza di Diego Costa, infortunato. I Colchoneros superano l’ostacolo Villarreal con la firma di Raul Garcia, che segna il sedicesimo gol personale della stagione. Successo importante, come detto, perchè era&nbsp;fondamentale dimostrare che anche senza la punta di diamante si potesse fare risultato e non solo. Oltre a Diego Costa l'Atletico era privo di elementi&nbsp; come Gabi e Arda Turan e per scelta tecnica mancavano anche Thiago e Miranda, tenuti a riposo in vista della gara di ritorno di Champions contro il Barcellona. Eppure il Villareal avrebbe meritato qualcosa di più e se&nbsp;l'incontro fosse terminato in pareggio nessuno avrebbe avuto da ridire ma la barricata dell'Atletico&nbsp;è stata&nbsp;insormontabile e, francamente, il Villareal non è quello del girone d'andata. <br>Il Barcellona, dunque, si mantiene in scia superando facilmente il fanalino di coda Betis per 3-1. Due gol di Lionel Messi e nuovo recordo per lui: con la&nbsp; doppietta di ieri raggiunge le 100 gare&nbsp;segnando almeno due reti. Partita da incubo, invece, per l'andaluso Jordi Figueras che causa un rigore per un fallo di mano e, poi, sbaglia porta per il momentaneo 2-0 dei catalani.<br>Bene anche il Real che rimane agganciato alla vetta nella difficile trasferta di San Sebastian. Privo di Cristiano Ronaldo, il Real ne rifila 4 alla Real Sociedad. Sono stati, però, i padroni di casa a fare la partita, soprattutto nel primo tempo, andando vicini al gol del vantaggio in più occasioni. "Merengues" salvati in almeno di un paio di occasioni da Diego Lopez ed anche leggermente “aiutati” dall’arbitro che ha lasciato correre su un tocco di mano di Sergio Ramos in area di rigore. <br>Nella quarta e ultima sfida giocata ieri, il Rayo Vallecano centra una vittoria importante, 3-0 al Celta Vigo, in chiave salvezza e si allontana dalla zona calda della classifica.<br><br>LIGA – Programma e Risultati 32/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Almeria-Osasuna 1-2&nbsp; 19'Riera-33'Arribas(O) - 73' Soriano(A)<br><br>Ieri<br><br>Atletico Madrid-Villarreal 1-0&nbsp; 14'Raul Garcia<br>Barcellona-Real Betis 3-1&nbsp; 15'-86' Messi-67'a.gol Figueras(B) - 68'Ruben Castro(RB)<br>Real Sociedad-Real Madrid 0-4&nbsp; 45'Illarramendi-66'Bale-85'Pepe-88'Morata<br>Rayo Vallecano-Celta Vigo 3-0&nbsp; 26'Rochina-49'-60'Bueno<br><br>Oggi<br><br>Malaga-Granada<br>Elche-Getafe<br>Siviglia-Espanyol<br>Valladolid-Valencia<br><br>Domani<br><br>Levante-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 79<br>2)Barcellona 78<br>3)Real Madrid 76<br>4)At.Bilbao 56<br>5)Siviglia 50<br>6)Real Sociedad 50<br>7)Villareal 49<br>8)Espanyol 40<br>9)Valencia 40<br>10)Levante 40<br>11)Celta 36<br>12)Rayo 36<br>13)Malaga 35<br>14)Granada 34<br>15)Osasuna 33<br>16)Elche 32<br>17)Getafe 31 <br>18)Valladolid 30<br>19)Almeria 30<br>20)Betis 22<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-32-barcellona-e-real-non-mollano-l-atletico-madrid-1012813.htmSi100427901,02,03030729
271012803NewsCalcio EsteroLiga,31a giornata: tutto invariato in vetta20140330111929Liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoL`Atletico Madrid sbanca BilbaoTutto invariato in vetta alla Liga spagnola dopo il sabato di calcio iberico; vincono le tre squadre dominatrici del campionato ma un plauso speciale va sicuramente all'Atletico Madrid di Diego Simeone che affrontava l'incontro più difficile. A Bilbao i "Colchoneros" espugnano il San Mamés fornendo una prova di grande maturità e rimontando l'iniziale vantaggio degli uomini di Valverde realizzato da Muniain. Ma l'Atletico rispecchia totalmente quelle che sono le caratteristiche del proprio allenatore, battagliero e affamato di vittorie. E solo così si poteva avere la meglio di un grande Athletic, che prima d'ora aveva perso in casa solo contro l'Espanyol, e confermarsi in vetta alla classifica. Diego Costa e Koke ribaltano il vantaggio bilbaino e, poi, ci pensano le grandi parate di Courtois a difendere&nbsp; il prezioso vantaggio fino alla fine contro un Athletic rimasto in 10 per l'espulsione di Laporte.<br>Vincono anche Barcellona e Real Madrid, rispettivamente nei derby contro Espanyol e Rayo Vallecano. Il derby catalano è stata una di quelle partite che dimostrano che anche senza gol si può godere di un calcio piacevole, spettacolare e divertente; entrambe le squadre hanno giocato a visto aperto e ribattuto colpo su colpo; il Barcellona con il gioco che tutti conosciamo ed appreziamo da anni e l'Espanyol con un pressing asfissiante, forte anche del fatto di poter giocare senza troppi patemi d'animo. Il Barça riesce ad avere la meglio solo al minuto 75 allorquando Javi López tocca chiaramente con il braccio nella propria area di rigore e Messi trasforma il susseguente calcio di rigore spiazzando completamente il portiere "periquito", Kiko Casilla.<br>Dopo due sconfitte di fila si riabilita il Real di Ancelotti con un sonoro 5-0 al Rayo Vallecano in una notte di pioggia e vento. Un successo giunto più grazie all'impeto e alla voglia di riscatto delle "Merengues" che al bel gioco; una "manita" terapeutica che se non cambia le cose in vetta almeno le lascia invariate per continuare a sperare in un futuro passo falso delle due dirette concorrenti alla conquista del titolo. <br>Nel quarto incontro disputato ieri interrompe la marcia di 6 successi di fila il Siviglia di Unai Emery, sconfitto a Vigo da un rigore dubbio e molto polémico trasformato da Nolito.<br>Il Celta si riappacifica con i propri tifosi visto che la vittoria tra le mura amiche&nbsp;mancava da quattro turni casalinghi. Per il Siviglia un'occasione persa per ridurre le&nbsp; distanze dall'Athletic all'inseguimento di un posto in Champions.<br>Come di consueto altri quattro incontri ci riserverà la domenica di Liga. Fra poco meno di un'ora si affronteranno Valladolid e Almeria in uno scontro salvezza che sa di ultima spiaggia.<br>Il pareggio, in teoria, non serve a nessuna delle due. L'Almeria è quint'ultimo con 30 punti e +2 sul Getafe e il Valladolid è penultimo. In casa, però, il Valladolid è una squadra ostica e tra le mura amiche ha conquistato 4 delle 5 vittoriestagionali mentre l'Almeria in trasferta è pressoché un disastro con solo 3 vittorie ed un pareggio.<br>Alle 17 a Pamplona andrà in scena Osasuna-Real Sociedad; i padroni di casa hanno bisogno di punti per agguantare la salvezza mentre la Real Sociedad proverà&nbsp; a vincere per insidiare il quinto e il quarto posto. L'Osasuna è reduce da 5 sconfitte consecutive e sembra prmai lontano dall'essere quella squadra che in casa otteneva punti contro chiunque. <br>Alle 19 sarà la volta di uno derby della regione Valenciana, Villareal-Elche. Il Villareal è all'inseguimento di un piazzamento in Europa ma ultimamente ha rallentato e la dimostrazione è che ha ottenuto solo 5 punti nelle ultime 5 giornate; l'Elche è, invece, reduce da due pareggi e due sconfitte e, in genrale, in trasferta è poca cosa.<br>Infine alle 21, al Mestalla, il Valencia affronterà il Getafe. I padroni di casa sembra che non possano più raggiungere i posti europei dopo il pareggio contro l'Almeria, il distacco dalla Real Sociedad è di 9 punti e a 8 giornate dal termine pare impossibile la rimonta; di contro il Getafe ha estrema urgenza di fare punti,&nbsp; attualmente terz'ultimo la salvezza dista un solo punto ma la storia non è dalla sua parte dato che contro il Valencia ha perso nelle ultime otto occasioni.<br><br><br>LIGA – Programma e Risultati 31/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Espanyol-Barcellona 0-1&nbsp; 77'Messi<br>Celta Vigo-Siviglia 1-0&nbsp; 87'Nolito<br>Athletic Bilbao-Atletico Madrid 1-2&nbsp; 6'Muniain(AB) - 22'Diego Costa-55' Koke(AM)<br>Real Madrid-Rayo Vallecano 5-0&nbsp; 15'C.Ronaldo-55'Carvajal-68'-70'Bale-78'Morata<br><br>Domenica<br><br>Valladolid-Almeria<br>Osasuna-Real Sociedad<br>Villarreal-Elche<br>Valencia-Getafe<br><br>Lunedì<br><br>Granada-Levante<br>Real Betis-Malaga<br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-31-l-atletico-madrid-sbanca-bilbao-1012803.htmSi100427901,02,03030597
281012802NewsCalcio EsteroLiga,31a giornata:la capolista Atletico rischia a Bilbao20140329102144Liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoIn campo tutte le grandiLiga spagnola di nuovo in campo, senza sosta dopo il turno infrasettimanale, per dare vita alla 31a giornata. Ne mancano otto e la lotta per la conquista del titolo è più che mai aperta. Le grandi del calcio iberico andranno tutte in campo oggi ma ci saranno da valutare diversi aspetti perchè martedì e mercoledì si giocherà l'andata dei quarti di finale di Champions League e il derby tutto spagnolo tra Atletico e Barcellona. Ma andiamo con ordine.<br>Alle 16 fischio d'inizio al "Cornellà-El Prat" del derby catalano tra Espanyol e Barça. All'andata si imposero di misura gli azulgrana del Tata Martino grazie alle rete di Alexis Sanchez ed è chiaro che la differenza di tasso tecnico tra le due squadre è veramente abissale. Ma un derby è pur sempre un derby e nonostante l'Espanyol non ha più nulla da chiedere al campeonato, dato che naviga lontano dai posti europei e lontano dalla zona retrocessione, l'11 di Aguirre proverà a regalare ai propri tifosi quella gioia che solo una vittoria nel derby può dare. Certamente i precedenti non fanno ben sperare: negli ultimi 4 scontri diretti, infatti, il Barcellona ha vinto sempre con un complessivo 11-0 e per rintracciare l'ultimo successo dell'Espanyol bisogna risalire al 2009.<br>Aguirre non dovrà fare i conti nè con problemi gravi d'infermeria nè con squalificati però sì con alcuni dubbi che rispondono ai nomi del centrocampista David Lopez e dell'attaccante Jhon Córdoba; il Tata Martino, oltre ai lungodegenti Puyol e Cuenca dovrà fare a meno del portiere Victor Valdes. <br>Alle 18 al "Balaidos" andrà in scena Celta-Siviglia. I padroni di casa sono reduci dalla prevedibile sconfitta proprio contro il Barcellona e conservano ancora&nbsp; 5 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, ma lo stato di forma e di grazia del Siviglia incute paura, reduce da 6 vittorie consecutive e, soprattutto, dalla splendida vittoria ottenuta contro il Real Madrid un paio di giorni fa. Nel Siviglia Unai Emery ha già scritto una pagina importante di storia dato che mai prima d'ora gli andalusi avevano inanellato una serie di 6 vittorie di fila&nbsp;nella massima categoria. Tra le fila del Celta, Luis Enrique dovrà sopperire alle assenze di Cabral infortunato e, probabilmente, di Rafinha che soffre un'artrite all'alluce del piede sinistro; in compenso recupererà Wellinton e Krhon-Dehli che hanno scontato una giornata di squalifica.<br>Alle 20, a Bilbao, l'incontro più importante della giornata, ossia quello tra l'Athletic e l'Atletico Madrid. Per gli uomini di Simeone, primi in classifica, quindi, una trasferta insidiosissima. All'andata finì 2-0 per l'Atletico con i gol di Villa e Diego Costa ma a Bilbao, probabilmente, sarà tutta un'altra storia. I baschi in casa hanno battuto il Barcellona e pareggiato contro il Real e sono sempre andati a segno in tutte e 17 le gare disputate in casa. Inoltre i bilbaini sono imbattuti da 6 giornate e in casa hanno totalizzato ben 36 punti. Quest'oggi, però, Valverde dovrà fare a meno di elementi importanti come Kike Sola, Gurpegi ed Herrera. Simeone, invece, recupererà Felipe Luis, che rientra dalla squalifica.<br>Infine alle 22 un altro derby stracittadino, quello tra Real Madrid e Rayo Vallecano. Per mera statistica difficlmente il Real perderà di nuovo giacché è reduce da due sconfitte di fila. Ma il calcio a volte sa soprendere e il Rayo, certamentente non paragonabile al talentuoso Real Madrid, si accinge ad affrontare&nbsp; l'impegno odierno senza eccessivi patemi d'animo e con una striscia positiva di 5 turni che ha permesso di uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione che, adesso, è lontana 5 punti. Il Real sarà impegnato mercoledì nei quarti di finale di champions contro i tedeschi del Borussia Dortmund ma non può permettersi il lusso di ulteriori passi falsi perchè la vetta, con due avversari come Atletico e Barça, potrebbe allontanarsi definitivamente.<br><br>LIGA – Programma e Risultati 31/a Giornata<br><br>Oggi<br><br>Espanyol-Barcellona<br>Celta-Siviglia<br>Athletic Bilbao-Atletico Madrid<br>Real Madrid-Rayo Vallecano<br><br>Domani<br><br>Valladolid-Almeria<br>Osasuna-Real Sociedad<br>Villareal-Elche<br>Valencia-Getafe<br><br>Lunedì<br><br>Granada-Levante<br>Betis-Malaga<br><br>CLASSIFICA <br><br>1)At.Madrid 73<br>2)Barcellona 72<br>3)Real Madrid 70<br>4)At.Bilbao 56<br>5)Siviglia 50<br>6)Real Sociedad 49<br>7)Villareal 48<br>8)Espanyol 40<br>9)Valencia 40<br>10)Levante 37 <br>11)Granada 34<br>12)Celta 33<br>13)Rayo 33<br>14)Malaga 32<br>15)Elche 31<br>16)Almeria 30<br>17)Osasuna 29<br>18)Getafe 28 <br>19)Valladolid 27 <br>20)Betis 22<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-31-atletico-madrid-rischia-a-bilbao-1012802.htmSi100427901,02,03030498
291012800NewsCalcio EsteroAncellotti: «Ho fiducia nel mio Real»20140327133889Ancellotti,Real madrid, Champions League, Liga Dopo la sconfitta di domenica contro il Siviglia, ora il Real si sta allontanando sempre più dalla vetta. Ma Ancellotti non si preoccupa ed è fiducioso per la rimonta. <b>Ancellotti</b> non si arrende. L'ex allenatore del <b>Milan</b> ha ancora fiducia in una rimonta del suo <b>Real</b> <b>Madrid</b>, al momento terzo con 70 punti nella Liga, alle spalle di <b>Barcellona</b> e <b>Atletico Madrid</b>, e reduce della sconfitta con il <b>Siviglia</b>, ormai a 6 successi consecutivi in campionato, di domenica scorsa.<div><br></div><div>Il tecnico italiano, dalle colonne del quotidiano “<b>As</b>”, si dice comunque fiducioso per la rimonta dei <i>blancos</i> della vetta, sicuro che i giochi non sono ancora del tutto conclusi. Il segreto, continua, è ritrovare l'equilibrio necessario tra la <b>squadra-leone</b> (come si era presentata il Real nei primi 14 minuti nell'ultima partita) e il <b>profondo stato di dormiveglia</b> che l'aveva colta anche nel <b>Clàssico</b> di due settimane fa.&nbsp;</div><div><br></div><div>I <b>tifosi</b> della squadra madrilena sperano veramente in una svegliata dei giocatori, anche in vista dell'imminente impegno di <b>Champions</b> <b>League</b> contro il <b>Borussia</b> <b>Dortmund</b>. La coppa delle grandi orecchie è un trofeo che manca da troppo tempo nella bacheca delle <i>merenghes</i> e una loro ennesima brutta figura nella competizione potrebbe essere un grosso guaio per <b>Carletto</b>.</div>C1012317,C1012318,C1012319,C1012320,C1012321,C1012322,C1007650,C1007651,C1007653,C1007654,C1007655,C1007855,C1007856,C100000 9,C1000075,C1007858Madriduttd01uttd01carlo-ancelotti.jpgSiNancellotti-madrid-fiducia-1012800.htmSi101268101,02,03030974
301012799NewsCalcio EsteroLiga,30a giornata: una Bacca avvelenata per il Real Madrid20140327092320Liga spagnola, Atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoCade il Real a Siviglia, Atletico in vettaTurno infrasettimanale di Liga spagnola, valido per la 30a gironata di Liga, ricco di emozioni. La notizia, in primis, è che il Real Madrid, dopo aver perso il "classico", cade per la seconda volta in 3 giorni, in quel di Siviglia, e scivola in terza posizione. Certo, nulla ancora è deciso ma è significativo il fatto che due sconfitte di fila il Real non le faceva registrare dal 2009. "Merengues" sconfitte 2-1 in casa di un meraviglioso Siviglia che inanella la sesta vittoria di fila. Decidono due reti del colombiano Carlos Bacca (12 gol) che raggiunge e ribalta l’iniziale vantaggio di Cristiano Ronaldo. La vittoria&nbsp; del Siviglia ha, secondo me, dei nomi e cognomi ben precisi: intanto quello di Unai Emery che si conferma allenatore esperto e adatto a realtà calcistiche di medio-alto livello e, poi, quelli di Bacca, Rakitic e del portiere Beto.<br>E l'Atletico di Simeone si ritrova capolista solitario con 73 punti in virtù del successo casalingo, seppur di misura, sul Granada. A decidere l'incontro ci pensa l'ispano-brasiliano Diego Costa che centra la 23a marcatura stagionale. Al secondo posto, con 72 punti, c'è il Barcellona che rifila tre rei al Celta&nbsp;Vigo; doppietta di Neymar e 22° centro per Leo Messi. Per i catalani, però la brutta notizia è l'infortunio di Valdés costretto ad uscire in barella, a scricchiolare è il ginocchio del portiere. Il modo con il quale Valdés abbandona il campo non fa presumere nulla di buono, quasi piangendo e tappandosi il volto con le mani, bisognerà&nbsp; aspettare, quindi, gli esami clinici per sapere quale sarà il futuro prossimo dell'estremo difensore del Barça.<br>Nel quarto incontro disputato ieri, importante per quando riguarda la corsa alla salvezza, il Rayo Vallecano batte l'Osasuna grazie ad un rigore trasformato da Larrivey a tempo scaduto. <br>Si chiuderà stasera la 30a giornata con altri 4 incontri, due alle 20 e due alle 22. <br>Al Al Coliseum Alfono Perez si affronteranno Getafe e Villareal, due squadre che ultimamente sono alquanto in difficoltà. I padroni di casa non vincono addirittura da novembre ed occupano la terzultima posizione con 28 punti; gli ospiti certamente non sono preoccupati dalla retrocessione ma la delusione è grande visto che hanno cullato per gran parte della stagione quella quarta posizione che darebbe accesso ai preliminari di Champions League. Ormai, però, è troppo tardi, è mancata la continuità, ma resta il fatto che, da matricola, il "sottomarino giallo" abbia disputato una stagione al di sopra di ogni aspettativa.<br>In contemporanea si disputerà Real Sociedad-Valladolid. I padroni di casa, dopo la sconfitta di lunedì sera in casa dell'Almeria, si trovano a -9 dal quarto posto e a questo punto non resta che accontentarsi di inseguire un posto in Europa League.<br>Infine, andranno in campo le due compagini di Valencia. I "pipistrelli" del Valencia ad Almeria e i "granotes" del Levante contro il fanalino di coda Betis.<br><br>LIGA – Risultati 30/a Giornata<br><br>Martedì<br><br>Malaga-Espanyol 1-2&nbsp; 33'Sergio Garcia-76' Pizzi(E) - 34'Perez(M)<br>Elche-Athletic Bilbao 0-0<br><br>Ieri<br><br>Barcellona-Celta Vigo 3-0&nbsp;&nbsp; 6'-67'Neymar-30' Messi<br>Rayo Vallecano-Osasuna 1-0&nbsp; 90'Larrivey<br>Atletico Madrid-Granada 1-0&nbsp; 63'Diego Costa<br>Siviglia-Real Madrid 2-1&nbsp; 14'C.Ronaldo(R) - 19'-72'Bacca(S)<br><br>Oggi<br><br>Getafe-Villarreal<br>Real Sociedad-Valladolid<br>Almeria-Valencia<br>Levante-Real Betis<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 73<br>2)Barcellona 72<br>3)Real Madrid 70<br>4)At.Bilbao 56<br>5)Siviglia 50<br>6)Real Sociedad 46 *<br>7)Villareal 45 *<br>8)Espanyol 40<br>9)Valencia 39 *<br>10)Levante 37 *<br>11)Granada 34<br>12)Celta 33<br>13)Rayo 33<br>14)Malaga 32<br>15)Elche 31<br>16)Almeria 29 *<br>17)Osasuna 29<br>18)Getafe 28 *<br>19)Valladolid 27 *<br>20)Betis 19 *<br><br>* 1 partitta in meno<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-30-real-madrid-sconfitto-a-siviglia-atletico-in-vetta-1012799.htmSi100427901,02,030301524
311012796NewsCalcio EsteroLiga,30a giornata: il Real rischia grosso a Siviglia20140326092619Liga spagnola, atlético Madrid, real Madrid, barcellona, athletic bilbaoStasera in campo le tre bigIn campo anche la Liga spagnola, come tanti altri campionati europei, per il turno infrasettimanale valido per la 30a giornata. Nei due anticipi giocati ieri vittoria, in trasferta a Malaga, dell'Espanyol e pareggio a reti bianche dell'Athletic Bilbao sul campo dell'Elche. Incontro piacevole quello disputato a "La Rosaleda" di Malaga con i padroni di casa che non vincono tra le mura amiche da quasi due mesi in occasione della rimonta in extremis contro il Siviglia.<br>Sorride, invece, l'Espanyol di Aguirre grazie soprattutto a Sergio Garcìa e Stuani e tocca quota 40 punti con i quali ancora mantiene viva una minima speranza di raggiungere i posti che valgono l'Europa. <br>Saranno quattro gli incontri odierni, due alle 20 e due alle 22, e saranno protagoniste tutte le prime della classe. Il Barcellona dovrà dare continuità alla splendida vittoria al Santiago Bernabeu di pochi giorni fa contro il Celta Vigo di Luis Enrique, il quale, già si vocifera, potrebbe diventare il nuovo allenatore dei catalani in caso di addio di Tata Martino. Sarebbe il ritorno di una bandiera dato che Luis Enrique con la maglia blugrana ha disputato 300 partite, realizzato 109 reti e vinto 3 campionati, 2 Coppe del Re, 1 Supercoppa, 1 Coppa delle Coppe ed una Supercoppa Europea, oltre che avere allenato per tre stagioni il Barcellona B.<br>Adesso, però, deve pensare a salvare il suo Celta e deve farlo passando indenne dal Camp Nou contro un Barça che ultimamente ha stentato ma che è reduce, come detto, dall'impresa di Madrid. Non sarà semplice perché&nbsp;il Barcellona in casa è una macchina perfetta e con l'obiettivo campionato, che in caso di vittoria finale sarebbe il settimo negli ultimi 10 anni.<br>In contemporanea si giocherà Rayo Vallecano-Osasuna, due squadre che al momento festeggerebbero la salvezza ma che non possono permettersi alcun lusso visto che i punti di distacco dal Getafe terzultimo sono troppo pochi. Il Rayo è imbattuto da quattro turni (tre vittorie consecutive e un pareggio); l'Osasuna, invece, è in&nbsp; netta crisi di risultati(quattro sconfitte consecutive). <br>Alle 22, quindi, in campo, le due compagini di Madrid. L'Atletico riceverà al "Vicente Calderòn il Granada con il cuore pieno di entusiamo per essere attualmente la capolista a nove giornate dal termine. Il Granada di Luis Alcaraz è reduce dalla vittoria contro l'Elche ma in trasferta è poca cosa e in questa stagione stagione ha collezionato 7 sconfitte. Inoltre mancheranno, tra le fila degli andalusi, uomini importanti come Piti, Llori e, probabilmente, il portiere titolare, Roberto Fernández con una caviglia dolorante.<br>Sulla carta, delle tre grandi sorelle, l'impegno più arduo sarà quello del Real Madrid sul campo del Siviglia. Intanto gli uomini di Ancelotti devono superare il blocco psicologico che probabilmente si porteranno dietro dall'essere stati travolti dal Barcellona e, sicuramente, il Siviglia non è l'avversario migliore per rimettersi in marcia. Gli uomini di Unai Emery sono, infatti, reduci da 5 vittorie consecutive e dall'incredibile rimonta contro i "cugini" del Betis negli ottavi di finale d'Europa League. Improbabile che possano raggiungere la qualificazione ai preliminari di Champions visto che il quarto posto dista 9 punti.<br>Superfluo dire che il Real è obbligato a vincere perchè a questo punto della stagione due sconfitte consecutive potrebbero far perdere il treno per la vittoria finale e dovrà farlo senza poter contare su Sergio Ramos e Angel Di Maria squalificati, che saranno, presumibilmente, sostituiti da Varane e Isco.<br><br>&nbsp;<br>LIGA – Risultati 30/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Malaga-Espanyol 1-2&nbsp; 33'Sergio Garcia-76' Pizzi(E) - 34'Perez(M)<br>Elche-Athletic Bilbao 0-0<br><br>Oggi<br><br>Barcellona-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Osasuna<br>Atletico Madrid-Granada<br>Siviglia-Real Madrid<br><br>Domani<br><br>Getafe-Villarreal<br>Real Sociedad-Valladolid<br>Almeria-Valencia<br>Levante-Real Betis<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-30-in-campo-le-tre-grandi-real-rischia-a-siviglia-1012796.htmSi100427901,02,03030374
321012792NewsCalcio EsteroLiga,29a giornata: festival di gol e Liga resettata, l`Atletico Madrid è in testa20140324084048Liga spagnola, atlético Madrid, real Madrid, barcellona, athletic bilbaoReal-Barça 3-4, partita leggendariaSe qualcuno ha ancora dei dubbi che il campionato spagnolo sia, attualmente, il più bello del mondo sarà sufficiente rivedere il "Classico" di ieri tra Real e Barcellona.&nbsp;E se negli anni passati il campionato se lo contendevano solo ed esclusivamente le due potenze calcistiche di sempre, quest'anno è in corsa anche l'Atletico Madrid, per cui è ancora più bello. Il Rea-Barça di ieri<br>è stata tra le più belle partite di sempre e, sicuramente, gli appassionati avranno avuto modo di vedere e rivedere i momenti salienti dell'incontro. <a href="http://rutube.ru/video/f525868e47b6fdf905dabe45d58ec87c/?ref=search">http://rutube.ru/video/f525868e47b6fdf905dabe45d58 ec87c/?ref=search</a>.<br>Partita giocata ad un livello altissimo di intensità, tecnica e giocate spettacolari. Solo nel primo tempo si sono contate almeno 12 occasioni da gol da ambo le parti.<br>Ha la meglio il Barcellona con un 3-4 che sa di leggenda e con Messi ed Iniesta immensi. I catalani, dunque, riducono le distanze e si portano a quota 69 punti, uno in meno di Real e Atletico Madrid ma con i "Colchoneros" da considerare primi in classifica in virtù dei 70 punti finora conquistati e&nbsp;del migliore rendimento&nbsp; negli scontri diretti con i "cugini" del Real.<br>Atletico che, in realtà, si è semplicemente limitato a svolgere il compitino contro il fanalino di coda Betis al "Benito Villamarin" di Siviglia. Il Betis ormai disperato e virtualmente retrocesso tiene testa agli uomini di Simeone per tutto il primo tempo, che si chiude sullo 0-0. Nella ripresa,<br>al minuto 55, il Betis resta in 10 per l’espulsione di Rodriguez e due minuti dopo subisce la rete di Gabi per l’1-0 liberatorio. Raggiunto il vantaggio,&nbsp;l'Atletico si tranquillizza e trova il raddoppio al 63’ con Diego Costa.<br>Per quanto riguarda il resto della classifica, consolida il quarto posto l'Athletic Bilbao di Ernesto Valverde che, battendo di misura il Getafe, con rete decisiva di Susaeta, raggiunge quota 55 punti e vede ancor più da vicino i preliminari per la Champions League della prossima stagione. Adesso sono 8 i punti di vantaggio sul Siviglia e 9 sulla Real Sociedad, che giocherà stasera ad Almeria.<br>Risale la china anche il Valencia, battendo il Villareal nel sentitissimo derby della regione valenciana. Partenza a razzo per i padroni di casa e ospiti troppo timorosi ed arrendevoli.<br>In coda alla classifica, a parte il Betis ormai troppo lontano dalla zona salvezza, ci sono almeno sei squadre che lotteranno fino alla fine. Infatti dall'Almeria, <br>penultimo, al Rayo Valecano, quattordicesimo, sono solo 3 i punti di differenza e, quindi, giochi ancora apertissimi.<br><br>LIGA – Risultati 29/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Celta Vigo-Malaga 0-2&nbsp; 24'-32'Camacho<br><br>Sabato<br><br>Granada-Elche 1-0&nbsp; 63'Brahimi<br>Espanyol-Levante 0-0<br>Valladolid-Rayo Vallecano 1-1&nbsp; 8'A.gol Ze Castro(VD) - 45'Bueno(RVL)<br>Athletic Bilbao-Getafe 1-0&nbsp; 40'Susaeta<br><br>Ieri<br><br>Osasuna-Siviglia 1-2&nbsp; 27' Samperio-45'Bacca(S) - 94'Acuna(O)<br>Betis Siviglia-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 58'Gabi-64'Diego Costa<br>Valencia-Villarreal 2-1&nbsp; 35'-44'Fuego(Va) - 83'Dos Santos(Vi)<br>Real Madrid-Barcellona 3-4&nbsp; 7'Inesta-42'-65'-84'Messi(B) - 20'-24'Benzema-55'C. Ronaldo(R)<br><br>Oggi<br><br>Almeria-Real Sociedad<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 70<br>2)Real Madrid 70<br>3)Barcellona 69<br>4)At.Bilbao 55<br>5)Siviglia 47<br>6)Real Sociedad 46 *<br>7)Villareal 45<br>8)Valencia 39<br>9)Levante 37<br>10)Espanyol 37<br>11)Granada 34<br>12)Celta 33<br>13)Malaga 32<br>14)Rayo 30<br>15)Elche 30<br>16)Osasuna 29<br>17)Getafe 28<br>18)Valladolid 27<br>19)Almeria 26 *<br>20)Betis 19<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-24-barcellona-espugna-santiago-bernabeu-1012792.htmSi100427901,02,03030636
331012790NewsCalcio EsteroLiga,29a giornata: Malaga corsaro a Vigo nell`anticipo20140322093849Liga spagnola, Real Madrid, Atlético Madrid, Barcellona, Athletic BilbaoDue reti di Camacho stendono il CeltaMalaga corsaro nell'anticipo della 29a giornata di Liga spagnola in casa del Celta Vigo, che non vince tra le mura amiche dal 24 gennaio allorquando sconfisse il Betis per 4-2. Due gli "eroi" del successo andaluso a Vigo: Duda e Camacho, quest'ultimo autore di due reti. Discorso a parte merita Duda, al secolo Sergio Paulo Barbosa Valente, cresciuto nelle giovanili del Vitoria Guimaraes e portato in Spagna dal Cadice, il Malaga lo acquistò nel 2001 per cederlo un anno al Levante e venderlo, poi,&nbsp;al Siviglia che nel 2007 vinse la Supercoppa di Spagna, disputando una grandissima partita al Santiago Bernabeu. Di nuovo tra le fila del Malaga dal 2008, a 33 anni suonati, è l'idolo dei tifosi Malagueños. 244 partite giocate, il terzo ad avere segnato di più (31), dietro solo a Dely Valdés e Darío Silva,il più ammonito con 61 gialli, il più espulso con 4 rossi e, soprattutto, il miglior assistman con 47 passaggi. Ieri sera, di fronte al Celta autore di due splendide giocate che sono valse le due reti di Camacho e la vittoria finale che allontana la zona retrocessione. Per il Celta di Luis Enrique continua il leit-motiv dell'intera stagione, forte in trasferta e debole in casa.<br>Come di consueto saranno 4 gli incontri del sabato e protagoniste saranno essenzialmente tutte le squadre che lottano per non retrocedere. Si parte alle 16 con Granada-Elche. Entrambe cercano il successo pieno per allontanare definitivamente, appunto, lo spettro della retrocessione e dovranno farlo nonostante le numerose ed importanti assenze. E' una partita a rischio incidenti vista la storica rivalità tra le due compagini e gli incidenti tra tifoserie di tre anni fa, sia a Granada come ad Elche, in occasione della sfida per la promozione. <br>Alle 18 toccherà a Espanyol e Levante, una sfida da ultima chiamata per l'Europa. Entrambe si trovano in una sorta di limbo tra i posti che valgono l'Europa e la bassa classifica, quindi nessuna delle due ha particolari patemi d'animo. Il Levante ha vinto 5 delle ultime 6 partite disputate contro l'Espanyol, l'unica sconfitta risale alla scorsa stagione (3-2) e non sarà facile quest'oggi avere la meglio sulla squadra allenata dal messicano Aguirre, che in casa da filo da torceré a tutti. Una curiosità statistica interessante sul Levante è che è la squadra che ha subito più tiri in porta, 163 per l'esattezza, ma grazie alle splendide&nbsp; parate di Keylor Navas è solamente la sesta che ha subito meno gol al passivo (39).<br>Alle 20 uno degli incontri più affascinanti di questo turno, quello tra Valladolid e Rayo Vallecano. Il Vallladolid ha interrotto la sua serie utile la&nbsp;settimana scorsa. Dopo due pareggi e la storica vittoria contro il Barcellona, la squadra allenata da Juan Ignacio Martinez è in piena lotta per non retrocedere.&nbsp; Il Rayo di Paco Jemez, invece, ha inanellato tre vittorie consecutive ma bisogna tener presente che ha la difesa più perforata del campionato e che in questa stagione ha pareggiato solo due volte. Giochi apertissimi dunque.<br>Infine, alle 22, l'Athletic Bilbao, dovrà difendere la quarta posizione dagli attacchi delle inseguitrici contro il Getafe. I "leoni" di Bilbao forti del fattore campo, dovranno ovviare all'assenza di Aduriz squalificato e ricordare Iñaki Azkuna, medico e politico del Partito Nazionalista Basco, sindaco di Bilbao dal 1999.<br>Il Getafe sembra non avere alcuna possibilità, dato che attraversa il peggior periodo della propria storia in massima serie. Vero è che il nuovo allenatore, Cosmin Contra, ha riportato un po' di serenità ma i 28 punti in classifica la dicono lunga su come la retrocessione sia dietro l'angolo.<br><br>LIGA – Risultati 29/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Celta Vigo-Malaga 0-2&nbsp; 24'-32'Camacho<br><br>Oggi<br><br>Granada-Elche<br>Espanyol-Levante<br>Valladolid-Rayo Vallecano<br>Athletic Bilbao-Getafe<br><br>Domani<br><br>Osasuna-Siviglia<br>Betis Siviglia-Atletico Madrid<br>Valencia-Villarreal<br>Real Madrid-Barcellona<br><br>Lunedì<br><br>Almeria-Real Sociedad<br><br>SpagnaFL0411FL0411celtamalaga.jpgSiNliga-giornata-29-malaga-corsaro-a-vigo-1012790.htmSi100427901,02,03030635
341012780NewsCalcio EsteroLiga, 28a giornata: il Barcellona ne fa 720140317092955Liga spagnola, real Madrid, Atlético Madrid, Barcellona, Athletic bilbaoMessi, hattrick e diventa il miglior marcatore di semopre del BarÇaTutto invariato in testa alla classifica del campionato spagnolo dopo la 28a giornata. Senza dubbio la domenica di Liga è stata la domenica di Leo Messi e&nbsp;del Barcellona, che ha sotterrato l'Osasuna con un pirotecnico 7-0, mandando un chiaro avviso al Real Madrid, prossimo avversario domenica alle 21 al Santiago Bernabeu. <br>L’Osasuna non può nulla e affonda sotto i colpi di Pedro, Sanchez, Iniesta, Tello e Messi(3), quest'ultimo raggiunge quota 371 gol diventando così il&nbsp;miglior marcatore di tutti i tempi del club catalano, superando Paulino Alcantara fermo a 369. Gli uomini del Tata Martino tornano così a -4 dalla vetta della classifica&nbsp;con un solo punto di ritardo dall’Atletico.<br>Cristiano Ronaldo non è da meno e regala la vittoria al suo Real espugnando il campo del Malaga, per lui la rete numero 25, tre punti importanti e meno 2 da Puskas al quarto posto nei cannonieri di tutti i tempi delle "Merengues". <br>Anche l'Atletico Madrid si affida al suo uomo di punta, Diego Costa, per avere la meglio, di misura, sull'ostico Espanyol. Per Diego Costa si tratta del gol numero 22 in campionato.<br>A valanga il Siviglia, dopo lo 0-2 in Europa League&nbsp;subito dai cugini del Betis, contro il Valladolid. Successo per 4-1 con le reti di Gameiro(2), Rakitic e Figueiras. Gli andalusi di Unai Emery toccano quota 44 punti e vedono da molto vicino un posto al sole in Europa.<br>Tre punti preziosi anche per la Real Sociedad che, davanti ai propri tifosi, supera il Valencia 1-0 con firma di Aguirretxe per tornare a -5 dal quarto posto occupato dall'Athletic Bilbao impegnato stasera nella sfida contro il Villarreal. <br>In coda da rilevare il terzo risultato utile consecutivo per&nbsp;il Betis, ormai troppo tradi, forse, per raggiungere la salvezza ma in tempo per continuare a coltivare il sogno Europa League anche fosse solo per eliminare i rivali storici del Siviglia. <br><br>LIGA – Risultati 28/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Getafe-Granada 3-3&nbsp; 6'Marica-38'Lopez-72'Lafita(Ge) - 35'Riki-62'-77'El Arabi(Gr)<br><br>Sabato<br><br>Levante-Celta Vigo 0-1&nbsp; 19'Nolito<br>Rayo Vallecano-Almeria 3-1&nbsp; 38'Bueno-57'-77'Larrivey(R) - 72'Soriano(A)<br>Malaga-Real Madrid 0-1&nbsp; 23'C. Ronaldo<br>Atletico Madrid-Espanyol 1-0&nbsp; 55'Diego Costa<br><br>Domenica<br><br>Elche-Real Betis 0-0<br>Barcellona-Osasuna 7-0&nbsp; 18'-63'-88'Messi-22'Sanchez-34'Iniesta-78'Tello-91'Pedro<br>Siviglia-Valladolid 4-1&nbsp; 23'Rakitic-41'-65'Gameiro-75'Figueiras(S) - 77'Guerra(V)<br>Real Sociedad-Valencia 1-0&nbsp; 61'Aguirretxe<br><br>Lunedì<br><br>Villarreal-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Real Madrid 70<br>2)At.Madrid 67<br>3)Barcellona 66<br>4)At.Bilbao 51 *<br>5)Real Sociedad 46<br>6)Villareal 44 *<br>7)Siviglia 44<br>8)Levante 36<br>9)Valencia 36<br>10)Espanyol 36<br>11)Celta 33<br>12)Granada 31<br>13)Elche 30<br>14)Malaga 29<br>15)Osasuna 29<br>16)Rayo 29<br>17)Getafe 28<br>18)Valladolid 26<br>19)Almeria 26<br>20)Betis 19<br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-28-vincono-le-prime-della-classe-1012780.htmSi100427901,02,03030558
351012765NewsCalcio EsteroLiga, 27a giornata: tutto facile per il Real Madrid20140310092955Liga spagnola, Real Madrid, Atlético Madrid, Barcellona, Athletic bilbaoTris del Real Madrid contro il LevanteTutto facile per il Real Madrid di Carlo Ancelotti che archivia la pratica Levante con un perentorio 3-0 e si mantiene al comando della classifica, in solitaria, con tre lunghezze di vantaggio sull’Atletico Madrid e quattro sul Barcellona. Un 3-0 firmato dalle reti di Cristiano <br>Ronaldo, Marcelo e autorete di Nikos Karabelas.A questo punto non resta che aspettare il "Clasico" contro il Barcellona per definire, forse definitivamente, il destino del campionato.<br>Finisce 1-1, invece, l’interessante sfida tra Valencia e Bilbao; i baschi sono riusciti nella ripresa a riprendere il match grazie alla rete dal dischetto di Aduriz (rigore piuttosto dubio)&nbsp;e mantenere così saldamente la quarta posizione in classifica che significa preliminari di Champions League per la squadra di Valverde.<br>Bella prova anche per il Siviglia di Unai Emery che passa in casa dell’Almeria 3-1 portandosi a sole tre lunghezze dal Villarreal quinto mentre con lo stesso risultato torna a sorridere anche l’Espanyol che regola la&nbsp;matricola Elche. Vittoria che mancava da due turni di campionato.<br>Mancano ancora due risultati per mandare in archivio la 27a giornata di Liga. Alle 20 scontro salvezza tra Osasuna e Malaga. I padroni di casa hanno appena 3 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, mentre il Malaga ha gli stessi punti di Valladolid e Almeria e solo una migliore differenza reti per ora non lo condanna. Il pareggio non serve in realtà a nessuna delle due ma potrebbe, comunque, servire a smuovere le acque torbide in cui navigano. <br>La panchina del Malaga traballa ogni settimana e stasera Schuster non avrà vita facile sia perchè i tori di Pamplona tra le mura amiche sono stati fino ad ora incontenibili sia perchè in trasferta il suo Malaga ha vinto solo una volta.<br>Infine, alle 22, toccherà alla Real Sociedad inseguire i "cugini" dell'Athletic Bilbao, saldamente quarti. La vittoria contro il Rayo Vallecano, avversario odierno, è d’obbligo se si vuole continuare a sognare un posto in Champions, ma il Rayo deve salvarsi e, dopo l’exploit contro il Valencia della settimana scorsa, l’obiettivo è molto più vicino e distante solo 3 punti.<br><br>LIGA – Risultati 27/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Valladolid-Barcellona 1-0&nbsp; 17'Rossi<br>Real Betis-Getafe 2-0&nbsp; 16'Leo Baptistao-39'Ruben Castro<br>Celta Vigo-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 62'-64'Villa<br>Granada-Villarreal 2-0&nbsp; 23'Rico-33'El Arabi<br><br>Domenica<br><br>Espanyol-Elche 3-1&nbsp; 2'Lopez-21'Colotto-58'Pizzi(ES) - 88'A.gol Fuentes(El)<br>Almeria-Siviglia 1-3&nbsp; 31'Bacca-51'Carrico-77'Gameiro(S) - 85'Vidal(A)<br>Real Madrid-Levante 3-0&nbsp; 11'C. Ronaldo-49'Marcelo-81'A.gol Karabelas<br>Valencia-Athletic Bilbao 1-1&nbsp; 23'Paco Alcacer(V) - 53'Aduriz(A)<br><br>Lunedì<br><br>Osasuna-Malaga<br>Real Sociedad-Rayo Vallecano<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Real Madrid 67<br>2)At.Madrid 64<br>3)Barcellona 63<br>4)At.Bilbao 51<br>5)Villareal 44<br>6)Real Sociedad 43<br>7)Siviglia 41<br>8)Levante 36<br>9)Valencia 36<br>10)Espanyol 36<br>11)Celta 30<br>12)Granada 30<br>13)Osasuna 29<br>14)Elche 29<br>15)Getafe 27<br>16)Malaga 26<br>17)Valladolid 26<br>18)Almeria 26<br>19)Rayo 23<br>20)Betis 18<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-27-tutto-facile-per-il-real-saldamente-al-comando-1012765.htmSi100427901,02,03030348
361012756NewsCalcio EsteroLiga, 27a giornata: sabato in-Fausto per il Barcellona, Atletico corsaro20140309084620Liga spagnola, Real Madrid, Barcellona, Atlético Madrid, Athletic BilbaoCrolla il Barcellona a Valladolid, l`Atletico stende il CeltaBenvenuto tra i rifiuti cantava Fausto Rossi, in arte Fausto'o, verso la fine degli anni '70 e tra i rifiuti sguazza da ieri il Barcellona, che fu delle meraviglie.<br>I catalani escono con le ossa rotte dal José Zorrilla di Valladolid, sconfitti di misura proprio dalla rete segnata nella prima frazione di gioco dall'italiano Fausto Rossi, classe 1990, cresciuto e di proprietà della Juventus.<br>Non è stata, però, una sconfitta arrivata per caso o per sfortuna; il Valladolid ha disputato un incontro brillante, un primo tempo asfissiante per la qualità e la quantità del pressing attuato e un secondo tempo meraviglioso se si considera la voglia che i castigliani hanno dimostrato di avere nell'aiutarsi reciprocamente in qualsiasi zona del campo e con una difesa ordinata e sempre attenta. La reazione del Barcellona è stata in alcuni tratti veemente ma quasi&nbsp;sempre inefficace nel trovare gli sbocchi giusti per le proprie giocate offensive. <br>Discorso diverso, invece, per l'Atletico Madrid che, privo di Diego Costa, Arda Turan e Godin, riesce ad espugnare il Balaìdos di Vigo grazie alla doppietta di David Villa.<br>Risultato che appare, comunque, bugiardo considerato che fino al minuto 60 gli uomini di Simeone erano apparsi in seria difficoltà, confermando il momento non proprio positivo<br>(due vittorie nelle precedenti nove partite). Il Celta resta a metà classifica ma, complice la clamorosa vittoria del Valladolid contro il Barcellona vede&nbsp;assottigliarsi a soli 4 punti il margine sulla zona retrocessione.<br>Nonostante l'assenza del giocatore più importante, Rafinha, Luis Enrique ha modellato una squadra difficile da superare, che migliora giornata dopo giornata. L'Atletico è stato messo in difficoltà per gran parte dell'incontro grazie a buone trame di gioco, alla buona prestazione di Nolito e ad un preziosissimo Oubina davanti alla difesa. Simeone può ritenersi più che soddisfatto per essere tornato a casa con i tre punti e con il sogno in tasca di lottare fino alla fine contro i cugini del Real per la conquista del titolo.<br>Negli altri incontri disputati ieri fanno notizia lo stop del Villareal che perde malamente a Granada contro una squadra che non vinceva da parecchio tempo e la vittoria del fanalino di coda Betis che, con il medesimo risultato, fa fuori un Getafe ormai allo sbando. Zona salvezza che resta ancora lontanissima per i betici che cominciano a coltivare il rimpianto per una stagione che poteva essere più all'altezza del proprio blasone.<br>Anche oggi saranno 4 gli incontri che caratterizzeranno la domenica di Liga spagnola. Si parte alle 12 con Espanyol-Elche. I catalani si trovano in una sorta di limbo, lontani dalle posizioni che valgono l'Europa e lontani dalla zona retrocessione; i tre punti servono solo per far felici i tifosi che vivono un momento di scoramento. Storicamente il campo dell'Espanyol è considerato uno dei campi più difficili di Spagna e quest'anno, invece, non è stato un fortino inespugnabile, anzi, tutto il contrario; infatti la squadra di Aguirre ha vinto solo 3 degli ultimi 8 incontri casalinghi. Dall'altro lato, l'Elche, che per la prima volta calcherà il prato de El Prat, vive un buon momento, avendo perso solo contro il Real negli ultimi 5 incontri di campionato disputati, da tenere in conto, però, che non vince in trasferta da ottobre 2013. <br>Alle 17 sarà la volta del derby tra Almeria e Siviglia. Incontro sentitissimo per i padroni di casa anche per alcune connotazioni sociali e politiche di rivalsa nei confronti del capoluogo andaluso. Partita della vita, quindi, per l'Almeria che ha bisogno di punti per conquistare la salvezza, dall'altro lato un Siviglia che giovedì affronterà il primo dei due turni di Europa League contro il Betis in un altro derby infuocato.<br>Alle 19 toccherà al Real Madrid approfittare dello scivolone del Barça e mantenere a debita distanza l'Atletico. L'avversario sarà il piccolo ma mai domo Levante.<br>I valenciani non hanno nulla da perdere e non hanno nemmeno problemi di classifica dato che non perde da 8 giornate; peseranno, comunque, le assenze di Diop e Simao Mate infortunati e di Casadesùs squalificato. Tutto sta, dunque, nella testa e nei piedi della capolista Real, una squadra, forse, poco spettacolare ma che rispecchia totalmente il carattere e il pragmatismo di Carlo Ancelotti.<br>Infine, alle 21, chiuderà la domenica di Liga un interessante Valencia-Athletic Bilbao. I padroni di casa hanno interrotto la settimana scorsa in casa del Rayo Vallecano una striscia positiva che durava da sei giornate ed è costretto a disputare un finale di stagione perfetto se vuole ancora raggiungere i posti validi per l'Europa; di contro, l'Athletic può tranquillamente considerarsi la vera sorpresa di questo campionato. L'undici allenato da Ernesto Valverde,&nbsp;ha sei punti di vantaggio sulla quinta in classifica e culla il sogno dei preliminari di Champions League.<br><br><br>LIGA – Programma e Risultati 27/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Valladolid-Barcellona 1-0&nbsp; 17'Rossi<br>Real Betis-Getafe 2-0&nbsp; 16'Leo Baptistao-39'Ruben Castro<br>Celta Vigo-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 62'-64'Villa<br>Granada-Villarreal 2-0&nbsp; 23'Rico-33'El Arabi<br><br>Oggi<br><br>Espanyol-Elche<br>Almeria-Siviglia<br>Real Madrid-Levante<br>Valencia-Athletic Bilbao<br><br>Domani<br><br>Osasuna-Malaga<br>Real Sociedad-Rayo Vallecano<br><br>SpagnaFL0411FL0411fausto-rossi.jpgSiNliga-giornata-27-barcellona-perde-atletico-vince-1012756.htmSi100427901,02,03030356
371012755NewsCalcio EsteroLiga, 27a giornata: in campo Barcellona e Atletico20140308092716Liga spagnola, Real Madrid, Barcellona, Atlético MadridValladolid-Barcellona e Celta Vigo-Atletico madridAl via oggi la 27a giornata di Liga spagnola e subito in campo, alle 16, il Barcellona sul campo del Valladolid e all'inseguimento del Real Madrid, primo in classifica con un punto di vantaggio. I padroni di casa occupano al momento la terzultima posizione con 3 punti da recuperare per evitare la retrocessione,&nbsp;ma l'incontro odierno non agevola l'impresa considerato che il Barcellona vorrà conquistare i tre punti dopo avere subito due sconfitte nelle ultime 3 giornate<br>e che i castigliani non celebrano un successo da ben 5, collezionando 4 pareggi e una sconfitta. Anche le statistiche non aiutano il Valladolid, che ha perso&nbsp; contro i catalani negli ultimi 8 scontri diretti subendo una media di 3/4 gol a partita. <br>Alle 18 scenderanno in campo Betis e Getafe, due squadre con innumerevoli problemi. Infatti, il Getafe la settimana scorsa ha battuto un record in negativo: 11 giornate consecutive senza vincere, la striscia più lunga nel massimo campionato da parte della squadra di Madrid. Dall'altro lato i padroni di casa sperano di vedere la luce in fondo al tunnel e il passaggio del turno in Europa League e il successivo pareggio contro il Villareal potrebbero far ben sperare, anche se ci vorrebbe un miracolo per recuperare gli 11 punti che attualmente separano i betici dalla zona salvezza. <br>Alle 20 toccherà all'Atletico Madrid in quel di Vigo. Il Celta naviga a metà classifica con un rassicurante +7 sulla zona retrocessione e con un solo punto conquistato nelle ultime due giornate. La squadra di Simeone non vuole abbandonare i sogni di gloria e la scia di Real e Barça; un dato, però, è certo, nelle ultime 4 gare disputate ha vinto solo una volta e ha l'impellente necessità di tornare ai livelli di un mese fa. Simeone affiderà le chiavi dell'attacco a David Villa, dovendo rinunciare a Costa e Turan squalificati. In casa Celta è in dubbio, invece, la presenza di Rafinha reduce da un duro scontro nell'allenamento di giovedì.<br>Il "Balaìdos" porta bene all'Atletico dato che ha vinto negli ultimi due scontri diretti in terra galiziana, entrambi per 1-3, e il Celta non batte tra le mura amiche i "Colchoneros" dal 2005.<br>Infine, alle 22, chiuderanno il sabato di Liga Granada e Villareal. Dopo le sconfitte in trasferta contro Valencia e Atletico Bilbao, il Granada è scivolato al quattordicesimo posto in classifica. I biancorossi hanno segnato solo 22 gol in 26 gare e sono in crisi: hanno infatti perso cinque delle <br>ultime sei partite disputate. Ora il Granada ha appena quattro lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione. All'andata vinse il Villarreal, con un rotondo tre a zero. <br><br><br>Il Programma della 27a Giornata<br><br>Oggi<br><br>Valladolid-Barcellona<br>Betis-Getafe<br>Celta Vigo-Atletico Madrid<br>Granada-Villareal<br><br>Domani<br><br>Espanyol-Elche<br>Almeria-Siviglia<br>Real Madrid-Levante<br>Valencia-Atletico Madrid<br><br>Lunedì<br><br>Osasuna-Malaga<br>Real Sociedad-Rayo Vallecano<br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-27-in-campo-barcellona-e-atletico-1012755.htmSi100427901,02,03030361
381012745NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Nedelev20140304144994juventusCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport oggi in edicola racconta di un possibile sondaggio per Todor Nedelev da parte della Juventus. In Bulgaria è considerato un novello Stoichkov ed è cresciuto calcisticamente nel Botev Plovdiv. Adesso incanta la Bundesliga da poche settimane con la maglia del Mainz: ala versatile, di classe e qualità, pare che i bianconeri abbiano fatto un sondaggio per il ragazzo. E' presto, però: Nedelev è arrivato da poco, da metà gennaio, al Mainz dalla Bulgaria ed ancora vuole imporsi a Magonza prima di prendere il volo.<BR>C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-nedelev-1012745.htmSiT1000007100075701,02,03,06030715
391012747NewsCalcio EsteroLiga,26a giornata: Poker dell`Athletic Bilbao20140301094539Liga spagnola ,Real Madrid, barcellona, Atlético Madrid, Athletic BilbaoTripletta di Aduriz al GranadaL'Athletic Bilbao distrugge il Granada con un rotondo 4-0 nell'anticipo della 26a giornata di Liga spagnola. Dopo avere perduto l'imbattibilità interna contro l'Espanyol due settimane fa, i baschi ritornano a dominare al San Mamès grazie anche all'eccellente prova di Aduriz, autore di tre reti. Curiosamente il Granada sembra essere la sua vittima favorita dato che l'attaccante di San Sebastian ha segnato 6 degli ultimi 7 gol dell'Athletic agli andalusi. Athletic, dunque, che consolida la quarta posizione con 50 punti e +7 sulle dirette concorrenti Villareal e Real Sociedad.<br>Tutte le big saranno impegnate domani; il Barcellona in casa contro l'Almeria, mentre Atletico Madrid e Real si affronteranno al Vicente Calderòn in quello che sarà un derby di fuoco.<br>Spazio, dunque, a tante sfide salvezza. Alle 16, a La Rosaleda si affronteranno Malaga e Valladolid, rispettivamente terz'ultima e quart'ultima, separate da soli 3&nbsp; punti. Il tecnico del Malaga, il tedesco Schuster, rischia definitivamente la panchina ed un risultato negativo imporrebbe uno scossone: gli andalusi, infatti, sono reduci dal pareggio contro l'Almeria ed hanno un bilancio di un solo successo nelle ultime 7 giornate disputate. Simile situazione per il Valladolid, anch'esso reduce da un pareggio contro il Levante e con un solo successo negli ultimi 9 incontri. <br>Alle 18, al Ciutat di Valencia, interessante sfida tra il Levante, nono, e l'Osasuna, dodicesimo. Due piccole del calcio iberico che vendono cara la pelle, in&nbsp; particolare l'Osasuna "ammazza grandi" che come è noto ha affossato l'Atletico domenica scorsa e che, però, fuori casa ha un rendimento deficitario. Entrambe navigano in acque tranquille e la divisione della posta in palio non è improbabile anche perchè nelle ultime giornate hanno dato prova di grande solidità difensiva.<br>Il Levante ha subito una sola rete nelle ultime 4 giornate e il portiere del Costarica, Keylor Navas, è una delle rivelazioni del campionato con 102 parate ed il 79% di parate sugli attacchi avversari, l'Osasuna non è da meno ed ha mantentuo inviolata la propria porta nelle ultime 3 giornate.<br>Alle 20 sarà la volta di Getafe-Espanyol. Ai padroni di casa tremeranno legambe visto che attualmente sono quindicesimi con appena 4 punti di vantaggio sul Valladolid. L'Espanyol è, invece, autore di una buona stagione ed è decimo in classifica con l'obiettivo di raggiungere il settimo posto che varrebbe l'Europa League distante&nbsp; solo 3 punti. Da considerare che il Getafe dal mese di Novembre ad oggi ha racimolato solamente 7 punti ed infatti l'ultima vittoria risale al 29 novembre.<br>Infine, alle 22, ad Elche scenderà in campo il Celta Vigo. Per gli illicitani un campionato sorprendente ma i giocatori non ricevono lo stipendio da due mesi e ciò potrebbe complicare le cose. Luis Enrique, dopo tante difficoltà, sempre aver trovato la quadratura del suo Celta ottenendo risultati positivi e portándolo fuori dalla bagarre salvezza. Assenze importanti da una parte e dall'altra: il tecnico dell'Elche, a meno di recuperi dell'ultimo momento, dovrebbe fare a meno di Aarón Ñíguez e Carles Gil, mentre Luis Enrique non avrà a disposizione gli squalificati Alex López e Nolito e Charles&nbsp;soffre una slogatura, rimediata&nbsp; nella partita contro il Getafe, e forse non sarà in campo.<br><br><br>LIGA – Risultati 26/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Athletic Bilbao-Granada 4-0&nbsp; 6'-18'-74'Aduriz-80'Gurpegi<br><br>Sabato<br><br>Malaga-Valladolid<br>Levante-Osasuna<br>Getafe-Espanyol<br>Elche-Celta Vigo<br><br>Domenica<br><br>Villarreal-Real Betis<br>Atletico Madrid-Real Madrid<br>Siviglia-Real Sociedad<br>Barcellona-Almeria<br>Rayo Vallecano-Valencia<br><br>SpagnaFL0411FL0411aduriz.jpgSiNliga-spagnola-giornata-26-poker-dell-athletic-bilbao-1012747.htmSi100427901,02,03030396
401012746NewsCampionatiCagliari, Dessena insultato dai tifosi per aver difeso gli omosessuali20140228175949Daniele Dessena, Cagliari, omofobia, idioziaIl centrocampista del Cagliari domenica scorsa ha preso parte a una campagna anti-omofobia, ma alcuni tifosi sardi non hanno gradito. Ennesimo caso di stupidità nel mondo della tifoseria calcistica.La madre degli stupidi é sempre gravida. Lo sa bene&nbsp;<b>Daniele Dessena</b>,&nbsp;centrocampista del&nbsp;<b>Cagliari</b>&nbsp;che domenica scorsa ha aderito a una campagna anti-omofobia.&nbsp;<div><br></div><div>Sul web si sono scatenate subito le polemiche contro il giocatore da parte di certi “tifosi” che non hanno gradito la presa di posizione dell’ex sampdoriano, preferendo insultarlo con parole molto poco lusinghere.</div><div><br></div><div>Dessena ha risposto a tono agli insulti ricevuti, con un sonoro “Siete degli stupidi ignoranti” su <b>Twitter</b>, indirizzato verso coloro che lo hanno insultato per essere sceso in campo lo scorso fine settimana contro l’omofobia.&nbsp;</div><div><br></div><div>Non sono però mancati i supporter sardi che hanno difeso il proprio giocatore, dichiarandosi a favore della campagna di sensibilizzazione contro le discriminazioni sessuali ed elogiando la mezz’ala rossoblu.</div><div><br></div><div>Un episodio vergognoso, che testimonia un comportamento degenerato verso gli omosessuali, non solo nel mondo del calcio. Gli insulti rivolti a Dessena sono una cosa tristissima, sicuramente degna di un Paese libero e civile come dovrebbe essere l’<b>Italia</b>.&nbsp;</div><div><br></div><div>Il solo fatto che ci siano persone che insultano qualcuno soltanto per una sua scelta di vita, che non fa male a nessuno!, é penoso e obbliga a riflettere.</div><div><br></div><div>Questa volta sono stati i “tifosi” a farsi&nbsp;autogol.</div>Cagliariuttd01uttd01dessena.jpgSiNcagliari-dessena-insultato-dai-tifosi-per-aver-difeso-gli-omosessuali-1012746.htmSiT1000019101268101,02,03030667
411012736NewsCampionatiSanremo, step by step. Tra intenso lavoro e grandi emozioni20140224214820Dal nostro inviatoE’ stataLunedì, 17 febbraio 2014<br><br> Da Torino a Sanremo un viaggio in treno che rispecchia l’Italia di oggi, tra canzoni spensierate, vip che sono l’attrattiva vera, profumatissimi fiori, tanta esteriorità e poi…..l’altra faccia, quella reale, fatta di crisi nera che si taglia a fette e di una rete ferroviaria che è l’emblema della negatività di questo nostro Paese. L’ormai celebre frana di Andora in provincia di Savona, ha tagliato fuori dal mondo Sanremo. In attesa che la linea venga ripristinata, ho pensato di partire da Torino Porta Nuova alle 6,25 in treno fino a Ventimiglia, facendo un percorso diverso dal solito, passando tra le montagne del Col di Tenda tra splendidi pendii e paesaggi mozzafiato che s’intersecano tra terre piemontesi, francesi e poi finalmente la Liguria. Arrivato a Ventimiglia prendo un pullman per Sanremo. Non ho molto tempo a disposizione, perché la prima conferenza stampa del festival è prevista alle 12,30 d oggi. Fabio Fazio, Luciana Littizzetto e tutto lo staff dirigenziale della Rai di Roma non aspettano, anche perché alle 14,30 ci sono le prove e i preparativi fervono a ritmi incessanti. Sale la febbre della prima serata della canzone di Sanremo, prevista per domani 18 febbraio. Mi reco subito all’ufficio stampa della Rai per ritirare il mio accredito e il pass con tanto di foto, che garantisce la mia iscrizione all’Ordine dei Giornalisti e il conseguente libero accesso alle conferenze indette presso la sala stampa “Lucio Dalla” del Palafiori di Sanremo. Un privilegio, visto i ferrei controlli e gli sbarramenti forse eccessivi del personale preposto alla sorveglianza. Bene, dopo avere esaurito le pratiche di rito, arrivo in tempo per la prima conferenza stampa che precede il dì di festa che corrisponde alla prima serata del festival sanremese. Una Kermesse che tantissimi italiani guardano, ma nessuno, o quasi, ha il coraggio di rivelarlo per non so quale pudore. Quasi fosse un qualcosa che ti fa apparire classicamente sorpassato e dai gusti canori non più alla moda. E invece no! Perché il festival di Sanremo 2014 riserva una serie di cantanti, di ospiti d’onore e di personaggi pubblici che attizzano la curiosità di tutti, anche dai giovani. Laetitia Casta, Cat Stevens, Raffaella Carrà saranno ospiti nella prima serata e, a seguire dalla seconda serata in poi, sarà la volta di Claudio Baglioni, Franca Valeri e Rufus Wainwright, Renzo Arbore, Damien Rice, Enrico Brignano, Paolo Nutini, Gino Paoli, Ligabue, Maurizio Crozza e Stromae. E, mentre monta subito la polemica per la presenza di Grillo fuori o dentro l’Ariston e i presunti testi blasfemi di Rufus Wainwright nel mirino dell’associazione telespettatori cattolici Aiart per una canzone del 2005 dal titolo “Gay Messiah”, ci sarà probabilmente una protesta davanti ai cancelli di viale Mazzini a Roma. Vedremo cosa accadrà e, soprattutto, appureremo strada facendo se ci saranno delle defezioni dell’ultimo momento o se effettivamente ci sarà il sale necessario per fare discutere l’opinione pubblica. Ah, dimenticavo la cosa che dovrebbe essere la più importante, ma che invece sembra passare in secondo piano: sono i cantanti un gara. Tra i campioni, Antonella Ruggiero, Arisa, Cristiano De Andrè, Francesco Renga, Francesco Sarcina, Frankie Hi NRG MC, Giuliano Palma, Giusy Ferreri, Noemi, Perturbazione, Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Ron. Otto saranno le nuove proposte: Veronica De Simone, Rocco Hunt, Bianca, Diodato, Vadim, Zibba, The Niro, Filippo Graziani. Soltanto uno di loro coronerà il sogno di vincere il festival di Sanremo giovani, scrollandosi di dosso il fardello della’anonimato. A domani amici, il palco del teatro Ariston di Sanremo è pronto, vediamo cosa accadrà.<br><br> Martedì, 18 febbraio 2014<br><br> E’ il giorno dell’inizio del festival di Sanremo ma la sensazione è che sia all’insegna della crisi. A poche ore dall’inizio della Kermesse canora più nota d’Italia, avverto la tipica atmosfera festivaliera che l’ha caratterizzata negli anni passati. Tuttavia, gli alberghi hanno prenotazioni in netto calo e tra le strade neanche i vip si fanno vedere, perché preferiscono stare rinchiusi tra le mura della propria stanza d’hotel fino a poche ore prima di calcare il palco dell’Ariston. La crisi economica investe anche la canzone più popolare d’Italia, meno discografici e meno produttori. I turisti preferiscono fare soggiorni brevi e fanno registrare un calo di presenze del 20-30%. Stasera sarà ospite d’onore Laetitia Casta, bella, affascinante, ma di poche parole. In sala stampa si è detta felice di ritornare a Sanremo, grazie alla grande amicizia che ha da anni con Fabio Fazio. Ad aprire la gara dei big, questa sera sarà Arisa, a seguire Frankie Hi Nrg Mc, Antonella Ruggiero, Raphael Gualazzi, Cristiano De Andrè, i Perturbazione e Giusy Ferreri. Tra gliospiti anche Raffaella Carrà, Ligabue con un omaggio a Fabrizio De Andrè, Yussuf Cat Stevens e, infine, come dicevamo, Laetitia Casta. Inizia dunque il 64° festival di Sanremo, tra attese, polemiche e, soprattutto, tanta crisi economica.<br><br> Mercoledì, 19 febbraio 2014<br><br> Mi trovo al Palafiori “ Lucio Dalla”, la sala stampa di Sanremo dove scrivo i miei pezzi. Le conferenze stampa si susseguono a ritmi incessanti, ma è interessante lavorare assieme a numerosissimi colleghi giornalisti accreditati al festival. Sono qui a commentare la prima serata del festival e dico che ne sono successe davvero di tutti i colori. Dramma e bellezza si intersecano all’apertura ufficiale della kermesse della canzone. Mentre Fazio mette in evidenza la bellezza perduta da un’Italia che invece di essere valorizzata viene sistematicamente bistrattata, due operai disperati minacciano di buttarsi dalla galleria. Grillo fa un “comizio” davanti all’Ariston e urla critiche e offese contro i giornalisti, la Rai, il Governo e chi gli passa per la mente. Poi lo show di Ligabue che ricorda Fabrizio De Andrè in un classico testo dialettale ligure e poi la Casta e la Carrà danno un tocco di classe alla serata. Ma la sensazione è che questo festival sia più attento allo show degli artisti ospiti, piuttosto che ai cantanti e alle canzoni in programma. Un inizio shock dunque nella prima serata di questo festival che passerà alla storia come quello caratterizzato da crisi profonda e lancinanti polemiche. Intanto penso a quello che succederà questa sera nel corso della seconda serata. Tra i big canteranno Francesco Renga, Giuliano Palma, Noemi, Ron, Riccardo Sinigallia, Francesco Sarcina e Renzo Rubino, mentre tra le nuove proposte: Diodato, Filippo Graziani (figlio di Ivan Graziani), Bianca e Zibba. Sul palco anche gli ospiti, Claudio Baglioni, Rufus Wainwright, Franca Valeri e Claudio Santamaria.<br><br> Giovedì, 20 febbraio 2014<br><br> La seconda serata del festival è stata caratterizzata dallo share in calo. Rispetto alla prima serata si sono registrati 2 milioni di spettatori in meno. Il 18% del pubblico televisivo, infatti, ha preferito vedere la partita di Champions League Milan – Atletico Madrid che era data in chiaro su Canale 5. Sul palco dell’Ariston si respira aria retrò e tanta nostalgia che si manifesta attraverso le performance delle gemelle Kessler, di Claudio Baglioni e Franca Valeri. Poca attualità e pochi personaggi contemporanei. Intanto si intensificano le conferenze stampa con grande frenesia. Si comincia alle ore 11,00 con Francesco Renga, il 45enne cantante che appare molto loquace e attento alle domande dei giornalisti presenti. Poi, subito dopo, a mezzogiorno, nella sala stampa “Lucio Dalla”, inaspettatamente si è presentata Luciana Littizzetto. E’ stata una gradita sorpresa. Personalmente non avevo dubbi sulla sua professionalità, ma sono stato sorpreso dalla sua arguzia e intelligenza nel toccare tematiche talora anche profonde. Nel pomeriggio, Raphael Gualazzi, Ron, Rubino, Frankie Hi –NRG MC e Zibba si sono avvicendati in conferenza stampa. Quello che noto è che man mano che si avvicina la sera della finale del festival, aumenta l’ansia e l’adrenalina tra cantanti, autori, discografici e media è davvero alle stelle. La gente stessa che staziona giorno e notte davanti al teatro Ariston per vedere gli artisti, sembra attendere con fretta spasmodica l’ultima serata per conoscere l’epilogo di questo festival 2014. Ma, intanto, ci apprestiamo ad assistere la terza serata e vediamo cosa ci riserveranno Fazio e la Littizzetto. Per quanto mi riguarda, devo segnalare con mia grande soddisfazione, di essere stato estratto a sorte per assistere alla quarta serata del festival, proprio all’interno del teatro Ariston che ho sempre sognato fin da bambino. Sarà sicuramente un’emozione particolare che avrò senz’altro modo di raccontare in seguito. Un caro saluto, cari amici.<br><br> Venerdì, 21 febbraio 2014<br><br> La terza serata del festival ha evidenziato ancora un calo di ascolti. Nell’aria affiora un certo nervosismo e la polemica sulla lunghezza del festival che appare sempre più attento alle parole, alla riflessione, a momenti filosofici e all’attenzione verso gli ospiti, va a discapito della kermesse canora. Persino Fabio Fazio, tacciato di buonismo, ha perso la pazienza e la sua proverbiale compostezza rispondendo: “Non voglio più sentire parlare di buonismo, mi sono rotto le palle”. E’ un po’ come dire che il conduttore si è permesso la mezza parolaccia per significare una costante pressione mediatica che talora risulta davvero eccessiva. Qualcuno ha nominato questo festival “Che Sanremo che fa”, quasi a volere significare una replica della fortunata trasmissione televisiva di Fazio “Che tempo che fa”, Questa similitudine non è stata accettata di buon grado, perché il contesto è totalmente diverso. Intanto, il carrozzone chiamato festival di Sanremo procede tra polemiche ma anche tra mille curiosità. Questa sera è previsto l’omaggio alle canzoni d’autore della musica italiana. Tanti grandi ospiti che canteranno assieme ai big di Sanremo, tra cui Riccardo Scamarcio, Kekko dei Modà, Fiorella Mannoia, Alessio Boni, Alessandro Haber e altri si avvicenderanno a evocare i classici brani scritti da Franco Battiato, New Trolls, Fabrizio De Andrè, Paolo Conte, Edoardo Bennato, Zucchero, Pino Daniele, Enrico Ruggeri, Ivano Fossati, Francesco De Gregori, Domenico Modugno, Giorgio Gaber, Claudio Lolli, Lucio Dalla. Un grande evento emozionante, da non perdere. Io ci sarò. Sì, sarò presente al teatro Ariston e domani vi racconterò le mie emozioni.<br><br> Sabato, 22 febbraio 2014<br><br> Fila 5 posto 13. E’ la mia poltrona prenotata dalla Rai, a beneficio della stampa al teatro Ariston di Sanremo, per seguire la quarta serata del festival. Ma quanta emozione! Ciò che per anni avevo seguito e anche immaginato di quel mitico teatro, adesso posso vederlo in tutto il suo splendore. Il mio pass da giornalista ha fatto sì che si spalancassero le porte dell’Ariston. Chi l’avrebbe mai detto, io inviato a Sanremo al seguito del festival ho avuto modo di assistere alla Kermesse della canzone più importante d’Italia. Ma veniamo alla cronaca. E’ stata la serata dedicata agli autori italiani, da Bindi a Tenco, da De Andrè a Battiato, da Domenico Modugno a Giorgio Gaber. Intanto si apprende che Riccardo Sinigallia è stato escluso dalla competizione perché il suo brano “Prima di andare via” non risulta inedito, in quanto è stato eseguito in pubblico prima della sua partecipazione al festival. Poi l’esito delle nuove proposte. Ha vinto il 19enne salernitano Rocco Hunter, un ragazzo semplice capace di piangere a dirotto dopo avere appreso la sua vittoria. Il cantante rap che ha presentato “Nu juorno buono”, ha colpito tutti per la sua spontaneità ma, soprattutto, per il testo impegnato che parla del tessuto sociale meridionale e, più precisamente, di quella che è la realtà della sua terra campana, così piena di contraddizioni, fragilità senza fine e orgoglio da vendere. Una terra afflitta da mille problemi sociali, ma che appare bella più che mai nella speranza di un futuro migliore, che i giovani come Rocco Hunter desiderano urlare al mondo intero. Il ragazzo ha convinto per il genere musicale, il ritmo rap e la simpatia dettata anche dalle belle parole espresse verso la sua famiglia che con tanti sacrifici l’ha fatto crescere. Il papà netturbino e la mamma di Rocco erano presenti all’Ariston e hanno gioito piangendo insieme sul palco dopo la vittoria. Un ragazzo sveglio, sicuro di se, che ci ha fatto riflettere su un tema che è lontano dalle mille banalità talora espresse in musica per convenienza commerciale. Intanto il festival si accinge ad aprire il sipario per l’ultima serata, quella più attesa, quela che sancirà il vincitore tra i campioni in gara a Sanremo 2014.<br><br> Domenica, 23 febbraio 2014<br><br> E’ finito. Il festival di Sanremo 2014 ha chiuso i battenti. Cala il sipario dell’Ariston e anche la sala stampa “Lucio Dalla” chiude le sue porte. Ha vinto la cantante Arisa con la canzone “Controvento”, confermando quelle che erano state le previsioni della vigilia. In sala stampa ho provato un po’ di tristezza quando, salutando alcuni colleghi diventati poi cari amici, ci siamo ripromessi di rivederci presto. Abbiamo vissuto e insieme condiviso una lunga settimana fatta di continue conferenze stampa, di polemiche, di interviste, di resse per arrivare prima a fotografare il cantante proposto e poi scrivere il pezzo da inoltrare in redazione. Tanti sono stati i momenti di stanchezza, ma altrettante sono state le soddisfazioni di un lavoro talora difficile ma gratificante. Fazio, la Littizzetto, Pif e quanti si sono presentati giornalmente in sala stampa per la conferenza, ritornano a casa, proprio come noi che riprendiamo le nostre abitudini di sempre attraverso il quotidiano scrivere sul web. “Ciascuno in suo pensier farà ritorno” scriveva Giacomo Leopardi nel suo “Sabato del villaggio”. Anch’io ritorno a casa di mattino presto, attraversando le strade di una Sanremo ancora sonnolenta, vista la grande nottata senza fine della finale del festival. Ristoranti, bar e pizzeria sembrano riposare dopo tanti giorni di lavoro. Io riprenderò a scrivere di calcio, in fondo quella è la mia vera radice giornalistica. Per una settimana sono stato prestato alla canzone come inviato a Sanremo al seguito del festival. Una bellissima esperienza che non dimenticherò mai per tante situazioni che hanno sicuramente migliorato e allargato la mia conoscenza giornalistica e il mio percorso letterario. Il pallone e la canzone. Due mondi apparentemente diversi che in fondo si somigliano per la loro centralità mediatica. Ritorno dunque a casa ancora in treno, così come ho fatto all’andata. E, mentre guardo fuori dal finestrino lo scorrere veloce delle case tra aperte campagne e strade polverose, ripasso mentalmente il film di una settimana fatta di canzoni, serate interminabili di attenzioni, curiosità ed emozioni intense. Ma anche i visi dei miei compagni di viaggio giornalistico mi appaiono, come fossero ormai diventati parte di me. Arrivederci Sanremo, al prossimo anno!<br><br> Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br><br> &nbsp;<br><br>C1012317adm001adm001100_0983.jpgSiNsanremo-step-by-step-tra-intenso-lavoro-e-grandi-emozioni-1012736.htmSi100075701,02,03,07030391
421012720NewsCalcio EsteroLiga,25a giornata: crolla anche l`Atletico, sorride Ancelotti20140224090945Liga spagnola, Real Madrid, Barcellona, Atlético MadridReal Madrid in vettaLa 25a giornata di Liga spagnola regala emozioni, risultati a sopresa ed un'unica capolista: il Real Madrid di Carlo Ancelotti. <br><br>Dopo il Barcellona anche l'Atletico Madrid va in "black-out" e torna a casa, dalla trasferta di Pamplona, con un contundente 0-3 al passivo. Partita perfetta dell'Osasuna che tramortisce gli uomini di Simeone già nel primo tempo grazie alle reti di Cejudo, Armenteros e Raul Torres. Suona, quindi, più di un campanello d'allarme in casa&nbsp;Atletico che due settimane fa era <br>uscito con le ossa rotte anche dal campo dell'Almeria e, si sa, nel calcio una battuta d'arresto ci può stare, ma due consecutive diventano la dimostrazione che qualcosa smette di funzionare nell'ingranaggio. E se una perde, c'è l'altra che vince. E' doveroso parlare e sottolineare la grande prestazione dell'Osasuna, il miglior Osasuna della stagione, ancor di più di quello che impose il pari a Real e Barça. <br>Simeone avrà tutta la settimana per curare le ferite della propria creatura, si consolerà del fatto che non avrà squalificati e infortunati, ma avrà bisogno del vero Atletico domenica prossima quando al "Vicente Calderòn" affronterà proprio il Real Madrid.<br>Tra le altre sfide della domenica da segnalare il ritorno al successo dell'Athletic Bilbao, 2-0 sul campo del fanalino di coda Betis, che mantiene la quarta posizione e un vantaggio di 4 punti sulla Real Sociedad. Sul risultato finale, però, incide e non poco la "longa manus" del direttore di gara che nega due rigori&nbsp; evidentissimi agli andalusi ( uno per un fallo su Ruben Castro e l'altro per un fallo di mano di Balenziaga) e, poi, ne fischia uno molto dubbio ai baschi. Il Betis, <br>tutto cuore e tristezza chiude l'incontro in 9 per le espulsioni di Perquis e Lorenzo Reyes.<br>Tornano a sorridere anche il Siviglia di Unai Emery che espugna lo stadio del Rayo Vallecano con firma di Coke e il Valencia che supera 2-1 a tempo scaduto il Granada con una zampata decisiva di Vezo.<br>La 25a giornata si chiuderà stasera con il posticipo tra Espanyol e Villareal. I padroni di casa sono reduci da due importanti successi (Granada e Athletic Bilbao) e attualmente occupano una più che dignitosa decima posizione. Naturalmente sono altre le aspirazioni del Villareal che, forse, nelle ultime domeniche sta pagando dazio alla stanchezza derivante da una stagione intensa vissuta sempre nelle primissime posizioni. Per il "sottomarino giallo" sbancare "El Prat" di Barcellona sarebbe un toccasana per rilanciarsi all'inseguimento di Real Sociedad e Athletic Bilbao.<br><br>LIGA – Risultati 25/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Valladolid-Levante 1-1&nbsp; 25'Casadesus(L) - 52'Guerra(V)<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Elche 3-0&nbsp; 34'Illaramendi-71'Bale-81'Isco<br>Celta Vigo-Getafe 1-1&nbsp; 20'Lafita(G) - 59'Rafinha(C)<br>Real Sociedad-Barcellona 3-1&nbsp; 32'a.gol Song-54'Griezmann-59'Zurutuza(R) - 36'Messi(B) <br>Almeria-Malaga 0-0<br><br>Ieri<br><br>Rayo Vallecano-Siviglia 0-1&nbsp; 57'Coke<br>Real Betis-Athletic Bilbao 0-2&nbsp; 34'Muniain-81'Fernandes<br>Valencia-Granada 2-1&nbsp; 47'Piti(G) - 64'Paco-91'Vezo(V)<br>Osasuna-Atletico Madrid 3-0&nbsp; 6'Cejudo-21'Armenteros-42'Raul Torres<br><br>Lunedì<br><br>Espanyol-Villarreal<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Real Madrid 63<br>2)Barcellona 60<br>3)At.Madrid 60<br>4)At.Bilbao 47<br>5)Real Sociedad 43<br>6)Villareal 40<br>7)Siviglia 35<br>8)Valencia 35<br>9)Levante 33<br>10)Espanyol 32<br>11)Celta 30<br>12)Osasuna 29<br>13)Granada 27<br>14)Elche 26<br>15)Getafe 26<br>16)Almeria 26<br>17)Malaga 25<br>18)Valladolid 22<br>19)Rayo 20<br>20)Betis 14<br><br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-25-crolla-anche-atletico-madrid-real-madrid-primo-1012720.htmSi100427901,02,03030391
431012712NewsCalcio EsteroLiga, 25a giornata: crolla il Barcellona, Real Madrid in testa 20140223092636Liga spagnola, Real Madrid, Atlético Madrid, BarcellonaBarcellona sconfitto 3-1 dalla Real SociedadCrolla il Barcellona a San Sebastian e il Real Madrid è primo, da solo al comando. E' questo il verdetto del sabato di Liga spagnola valido per la 25a giornata.<br>Real Madrid che sfrutta il fattore campo e il turno agevole contro l'Elche e nonostante le assenze di Ronaldo e Modric. Il risultato finale, però, inganna, considerato che, forse, è stato uno dei peggiori Real di questa stagione; a parte il gol del vantaggio di Illaramendi, per più di 2/3 dell'incontro è prevalsa la noia. Poi, il gran gol di Bale da poco più di 25 metri e la marcatura di Isco hanno svegliato i tifosi del Santiago Bernabeu e regalato una vittoria dalla goleada ingannevole.<br>Come accennato, il Barcellona si arrende davanti alla solidissima Real Sociedad. Prova quasi perfetta per gli uomini di Arrasate, che partono forte, con grande intensità e pressing asfissiante, e passano in vantaggio in virtù dell’autorete di Song. La reazione blaugrana arriva subito con il solito goal di Messi a ristabilire subito gli equilibri. Poi, nella ripresa i padroni di casa passano di nuovo in vantaggio con Griezmann, che finalizza il perfetto assist di Vela e pochi minuti dopo affondano il colpo del ko con la marcatura di Zurutuza.&nbsp; <br>Nelle altre due sfide giocate ieri, pareggiano Almeria e Malaga e Celta Vigo e Getafe con i gol di Lafita per i madrileni e Rafinha per i locali.<br>Saranno 4 gli incontri che caratterizzeranno la domenica di Liga. Alle 12 sarà la volta di Rayo Vallecano-Siviglia. Il Rayo, prima della goleada subita al Camp Nou la settimana scorsa, <br>aveva inanellato due risultati utili consecutivi che avevano portato alla conquista di 4 punti. Il Rayo, comunque, detiene il non edificante record di peggior difesa del campionato (58) e questo spiega il perchè della penultima posizione che occupa attualmente. Il Siviglia, di contro, è reduce dal pareggio in Europa League (2-2) in casa del Maribor ma non vince in campionato da ben 6 giornate (3 pareggi e 3 sconfitte). <br>Alle 17 toccherà al fanalino di coda Betis, che è praticamente già retrocesso, dato che ci sarebbe bisogno di un vero e proprio miracolo. Curiosamente, in Europa League gli andalusi hanno pareggiato contro i russi del Rubin Kazan, ma in campionato hanno collezionato 16 sconfitte su 24 incontri e la quartultima posizione dista ben 11 punti. Di fronte troveranno l'agguerrito Athletic Bilbao, quarto in classifica inseguendo il sogno Champions League e col dente avvelenato per la prima sconfitta casalinga di questa stagione subita la scorsa settimana.<br>Alle 19, al "Mestalla, si affronteranno Valencia e Granada. I padroni di casa non perdono da cinque turni, che sono valsi 9 punti, ed attualmente occupano l'ottavo posto in classifica.<br>Tra il Valencia e l'Europa League della prossima stagione ci sono il Siviglia e otto punti da recuperare. Il Granada è reduce dalla vittoria contro il&nbsp; Betis, che ha interrotto una striscia di tre sconfitte consecutive. <br>Infine, alle 21 sul campo dell'Osasuna, toccherà all'Atletico Madrid lanciarsi all'inseguimento dei cugini del Real. I padroni di casa sono reduci da un pareggio a reti inviolate ottenuto sul campo dell'Elche e vorranno difendere i 4 punti di vantaggio che mantengono sulla zona retrocessione. Inoltre, l'Osasuna è&nbsp; squadra temibilissima tra le mura amiche, essendo riuscito a fermare tutte le formazioni di alta classifica. Forse, per la legge dei grandi numeri, sarà difficile che si ripeta anche contro l'Atletico ma in ogni caso ci vorrà grande attenzione e grande intensità per andar via da Pamplona con l'intera posta in palio.<br><br><br><br>LIGA – Risultati 25/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Valladolid-Levante 1-1&nbsp; 25'Casadesus(L) - 52'Guerra(V)<br><br>Ieri<br><br>Real Madrid-Elche 3-0&nbsp; 34'Illaramendi-71'Bale-81'Isco<br>Celta Vigo-Getafe 1-1&nbsp; 20'Lafita(G) - 59'Rafinha(C)<br>Real Sociedad-Barcellona 3-1&nbsp; 32'a.gol Song-54'Griezmann-59'Zurutuza(R) - 36'Messi(B) <br>Almeria-Malaga 0-0<br><br>Oggi<br><br>Rayo Vallecano-Siviglia<br>Real Betis-Athletic Bilbao<br>Valencia-Granada<br>Osasuna-Atletico Madrid<br><br>Domani<br><br>Espanyol-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411real_madrid_gareth_bale.jpgSiNliga-giornata-25-crolla-il-barcellona-real-madrid-in-vetta-1012712.htmSi100427901,02,03030440
441012711NewsCalcio EsteroLiga, 25a giornata: il Barcellona rischia a San Sebastian20140222100557Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atlético MadridDifficile trasferta per il Barcellona, il Real sogna la vettaPareggio tra Valladolid e Levante nell'anticipo della 25a giornata di Liga spagnola. Incontro per nulla entusiasmante ma, comunque, giocato con grande intensità. Per i valenciani è la settima partita consecutiva senza sconfitte, mentre per il Valladolid è un occasione persa per allontanarsi dalla zona retrocessione. Dopo il vantaggio levantino con Casadesus, ci pensa il solito Javi Guerra a riequilibrare il conto.<br>Il sabato di Liga ci offrirà due delle tre capolista in campo. Alle 16 toccherà al Real Madrid scendere sul prato del Santiago Bernabeu per affrontare il "piccolo" Elche senza, però, due uomini importanti come Cristiano Ronaldo e Modric. Non tutti i mali vengono per nuocere dato che i due fuoriclasse potranno riposare in vista dell'impegno in Champions League contro lo Schalke 04. Ci sarà ancora spazio, dunque, per Jese Rodríguez, diventato beniamino dei tifosi in virtù delle ultime eccellenti prestazioni.<br>L'Elche di Francisco Segura dal canto suo è imbattuto da tre giornate ed è risalito fino alla quattordicesima posizione, ma il discorso salvezza non è ancora chiuso dato che le rivali non sono lontanissime.<br>Alle 18, in Galizia e più esattamente al "Balaidos" si affronteranno Celta e Getafe, due squadre con stati d'animo completamente diversi.<br>Il Celta Vigo è imbattuto da quattro turni ed è reduce dalla splendida vittoria in trasferta contro il Villareal. Dall'altra parte, il Getafe non vince&nbsp;addirittura da nove turni e dai quali ha ottenuto solo due miseri punti. La terza squadra di Madrid, comunque, conserva ancora quattro punti di vantaggio dalla zona retrocessione e la panchina di Luis García Plaza traballa e non poco.<br>Alle 20 toccherà al Barcellona e dovrà vedersela all'"Anoeta" contro l'ostica Real Sociedad. Messi &amp; co. non hanno un buon ricordo dello stadio di San Sebastian visto che non ci vincono dal 2010; da allora due sconfitte ed un pareggio. Insomma, tutto da perdere per i catalani che, commettendo un passo falso, perderebbero la vetta della classifica. <br>I baschi sono reduci dal successo di misura conquistato a Malaga per 1-0, che ha permesso alla squadra allenata da Jagoba Arrasate di alimentare le speranze di conquistare un posto per l'Europa, magari quella che conta di più, ovvero la Champions League.<br>Infine, alle 22, chiuderà il sabato di Liga un, anche se meno importante ma comunque avvincente, Almeria-Malaga, rispettivamente 16a e 17a in classifica. Entrambe, dunque, con l'acqua alla gola, alla disperata ricerca di punti che allontanino dalla zona retrocessione. Ed ecco che il derby andaluso di stasera assume connotazioni calcisticamente drammatiche. L'Almeria è reduce dalla sconfitta sul campo del Levante ma negli ultimi mesi ha imparato a sfruttare più il fattore campo, tanto da arrivare a sconfiggere persino il molto più quotato Atletico Madrid. Dall'altra parte il Malaga del tedesco Schuster appare completamente allo sbando e&nbsp;con un vantaggio sulla terzultima ormai ridotto a soli tre punti.<br><br>LIGA – Programma e&nbsp;Risultati 25/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Valladolid-Levante 1-1&nbsp; 25'Casadesus(L) - 52'Guerra(V)<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Elche<br>Celta Vigo-Getafe<br>Real Sociedad-Barcellona<br>Almeria-Malaga<br><br>Domenica<br><br>Rayo Vallecano-Siviglia<br>Real Betis-Athletic Bilbao<br>Valencia-Granada<br>Osasuna-Atletico Madrid<br><br>Lunedì<br><br>Espanyol-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-25-barcellona-rischia-contro-la-real-sociedad-1012711.htmSi100427901,02,03030423
451012689NewsCalcio EsteroLiga, 24a giornata: Atletico a caccia del riscatto20140215101949Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atletico MadridIn campo Atletico Madrid e BarcellonaFinsice 0-0 l'anticipo della 24a giornata tra Elche e Osasuna dopo un incontro molto equilibrato e numerose occasioni da rete per entrambe le squadre. La più ghiotta quella&nbsp;sui piedi di Coronminas, "Coro", che spreca malamente un calcio di rigore nel secondo tempo. Elche ed Osasuna rimangono appaiate a 26 punti a +5, chiaramente con una partita in più, sulla zona retrocessione.<br>Quattro gli incontri del sabato di Liga nella più tradizionale, ormai, agenda "liguera". <br>Alle 16 toccherà subito all'Atletico Madrid, il "terzo incomodo" di una delle stagioni più esaltanti e incerte del calcio iberico. Eliminato, come noto, dal Real Madrid nella semifinale di Coppa del Re e reduce da tre sconfitte consecutive, una in campionato e due, appunto, in coppa del Re, Diego Simeone dovrà fare&nbsp; a meno di uomini come Javi Manquillo, Filipe Luis, José Giménez e Tiago, tutti acciaccati, e con Cortois in dubbio tra i pali. <br>Nonostante tutto, però, l’Atletico è in piena corsa per il titolo e mercoledì affronterà il Milan in Champions league; l’attacco è il meno prolifico tra le tre formazioni di testa, 56 i gol realizzati dai <br>colchoneros, mentre 63 per il Barcellona e 65 per il Real, di contro Simeone ha la migliore difesa del campeonato con sole 16 reti incassate. <br>Il Valladolid, invece, è a -3 dal Granada quart’ultimo, con appena 4 vittorie ottenute in campionato corredate da 9 pareggi e 10 sconfitte e con la terza peggior difesa del torneo (39 gol subiti) a testimoniare la fragilità della formazione allenata da Ignacio Martinez.<br>Alle 18, al Ciutat de Valencia, si affronteranno Levante e Almeria. Gli ospiti sono reduci dall'inatteso successo contro l'Atletico e viaggiano sulle ali&nbsp; dell'entusiasmo mentre la squadra di casa non perde da 5 incontri e mantiene un tranquillo distacco dalla zona rossa lontana 8 punti. Gli uomini di mister Caparròs, nonostante le accuse di praticare un anti-calcio, tutto difesa e contropiede, hanno dimostrato che, con pochi soldi, giocatori pressoché sconosciuti, organizzazione di gioco e olio di gomito, si possono raggiungere grandi risultati. Non solo la salvezza, dunque, ma la speranza di lottare per un posto in&nbsp;Europa, grazie anche allo stato di grazia in cui si trova, Keylor Navas, senza ombra di dubbio il portiere rivelazione dell'intera serie A spagnola.&nbsp; Numerose, comunque, le assenze. Dal lato bianco-rosso non ci saranno Rodri per una slogatura e Fernando Soriano per squalifica, dall'altro lato, quello del Levante, Karabelas per un infortunio al bicipite femorale e Vyntra e Ivanschitz per squalifica.<br>Alle 20 toccherà al Barcellona che, dopo il passaggio del turno in Coppa del Re , deve vincere anche per affrontare con più tranquillità la trasferta di Manchester di martedì prossimo. Il Rayo Vallecano è composto da un gruppo di ragazzi giovani che ama giocare a viso aperto e ciò potrebbe agevolare il Barcellona che, recentemente, ha sofferto molto contro&nbsp; squadre più difensiviste come per esempio il Levante. Il Rayo Vallecano, comunque, è penultimo in classifica ma reduce dall' importante successo casalingo contro il Malaga per 4-1. <br>Infine, alle 22, inizierà la sfida tra Villarreal e Celta Vigo. Due formazioni con obiettivi totalmente diversi. Il sottomarino giallo è quinto in solitaria a -4 dall’Athletic Bilbao, mentre&nbsp;il Celta Vigo è reduce dal ko contro l’Athletic Bilbao ed è undicesimo in classifica con 26 punti con 5 punti di vantaggio da gestire sulla terz’ultima posizione. <br><br>LIGA – Risultati 24/a Giornata<br><br>IERI<br><br>Elche-Osasuna 0-0<br><br>OGGI<br><br>Atletico Madrid-Valladolid<br>Levante-Almeria<br>Barcellona-Rayo Vallecano<br>Villarreal-Celta Vigo<br><br>DOMANI<br><br>Granada-Real Betis<br>Getafe-Real Madrid<br>Athletic Bilbao-Espanyol<br>Siviglia-Valencia<br><br>LUNEDI'<br><br>Malaga-Real Sociedad<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-24-atletico-a-caccia-del-riscatto-1012689.htmSi100427901,02,03030478
461012686NewsCampionatiFocus Udinese: Granada e Watford sì, ma non dimentichiamoci della Primavera20140214090631Udinese, Scuffet, Granada, Watford, Primavera, giovaniA Udine i giovani sono al centro del progetto Pozzo, spedendoli a giocare nei vari satelliti Watford e Granada per farsi le ossa. Ma bisogna anche puntare sulla Primavera e Scuffet ne è la testimonianza diretta.Da un po' di tempo, ormai, nell'orbita dell'Udinese sono entrate due nuove squadre: la spagnola Granada e l'inglese Watford. La tifoseria si è divisa in due: c'è chi ha visto nell'acquisto di questi due club un'ottima opportunità di crescita per giocatori, che a Udine non hanno potuto trovare spazio e chi, invece, un danno per le “zebrette” friulane, che si vedono così private di giovani talentuosi che potrebbero essere di forte aiuto per la squadra di Guidolin.&nbsp;<div><br></div><div>Dimenticando, però, che in campo si può giocare solo in 11, e di sostituzioni sono permesse solo 3. Sarebbe ben difficile, quindi, far trovare a tutti uno spazio per mettersi in mostra e far vedere al meglio le proprie capacità. Non va dimenticato, inoltre, che la maggior parte dei giocatori che l'Udinese ha trasferito in Spagna e in Inghilterra non sono a titolo definitivo, bensì in prestito. E, cosa ancora più importante, sono giovani.&nbsp;</div><div><br></div><div>Quale altro team può vantare di dare un'occasione del genere a dei ragazzi che aspirano a diventare delle star del calcio? Sicuramente nessuna (o quasi) se non i grandi nomi europei come Arsenal o Bayer Monaco. E comunque, nella maggior parte dei casi, le loro squadre-satellite sono piccoli club che militano al massimo nelle serie inferiori (tranne il Barcellona e il Villareal, che hanno le loro squadre B nel campionato cadetto).&nbsp;</div><div><br></div><div>L'Udinese, invece, può vantare addirittura una squadra che gioca nella Liga e una che stava lottando per la promozione in Premier League! Tutte e due arricchite dalle giovani promesse che la famiglia Pozzo ha mandato là per farle crescere e maturare, con la voglia di portarli poi in Italia per il salto di qualità decisivo.&nbsp;</div><div><br><div>Certo, l'amarezza rimane comunque. Perché, oltre ad alimentare il Granada e il Watford, non sarebbe una cattiva idea far crescere anche l'Udinese Primavera. Non che non dia buoni frutti già adesso, basta vedere Battocchio e Ighalo, ma sarebbe veramente bello che anche ragazzi friulani potessero scendere sul campo della Serie A, un giorno, con la maglia bianconera. E non è sbagliato dire che a tutti i tifosi piacerebbe che il capitano di domani fosse un friulano. Scuffet ora brilla con le sue prodezze e speriamo che solo un grande inizio di qualcosa di ancora più magico. Sia per l'udinese che per la nostra Nazionale.</div></div>Udineuttd01uttd01scuffet_futura_promessa.jpgSiNudinese-primavera-giovani-1012686.htmSi101268101,02,03010267
471012691NewsMotoMondialeMarquez e Pedrosa festeggiano il 20 ° anniversario del Repsol Honda Team20140210214555honda repsol team,honda,repsol,pedrosa,marquezIl Team Campione del mondo ha festeggiato la ventesima stagione in partnership con Repsol.<div>Il Campus Repsol di Madrid &nbsp;ha ospitato oggi la celebrazione del 20° anniversario della collaborazione tra Repsol e Honda nella classe regina del Motomondiale. Negli ultimi 20 anni, questa alleanza ha festeggiato 10 titoli mondiali , 124 vittorie e 338 podi in 500cc e MotoGP.</div><div>La lunga collaborazione corsa tra sponsor e fornitore nella storia del Motomondiale ha goduto di molti successi sportivi e anche molto lo sviluppo tecnologico. Repsol e Honda hanno iniziato la loro collaborazione nel febbraio del 1995, a partire da un perfetto mix di moto, carburante e lubrificante.</div><div>A festeggiare insieme ai piloti Repsol Honda Team, Marc Marquez e Dani Pedrosa, anche Alex Crivillé, pilota leggendario del Team, Begoña Elices Direttore Generale della Comunicazione, Milagros Vior vicedirettore Repsol delegato alle sponsorizzazioni, ed il Team Principal Repsol Honda, Livio Suppo.</div><div>Present all'evnto anche il ministro della Sport spagnolo, Miguel Cardenal, il CEO di Dorna, Carmelo Ezpeleta e il presidente di RFME, Angelo Viladoms, mentre non ha potuto presenziare il Vice Presidente Esecutivo di Honda Racing Corporation, Shuhei Nakamoto, bloccato in Giappone dal maltempo.</div><div>All'evento sono stata esposte 6 delle moto che in questi vent'anni hanno vinto il titolo omndiale: sono quelle di di Mick Doohan (1997), Alex Criville (1999), Valentino Rossi (2003), Nicky Hayden (2006), Casey Stoner (2011) e quella del campione iridato in carica Marc Marquez (2013).</div><div>La solida collaborazione tra il laboratorio Honda a Saitama, in Giappone, e il Technology Centre Repsol in Mostoles, Spagna ha permesso di sviluppare prodotti in grado di competere con l'elevata concorrenza nel Motomondiale e di ribaltare le tecnologie ai prodotti venduti nelle oltre 4000 stazioni di servizio che commercializzano i lubrificanti ed i prodotti Repsol.</div><div>La ricerca Repsol Technology Centre realizzata sul motore monocilindrico che utilizzano le moto di Marc Marquez e Dani Pedrosa, quest'anno deve rispondere alla sfida dellla quantità di carburante MotoGP limitato a 20 litri - uno in meno rispetto al 2013.</div><div>In questo ventennio oltre ai 10 titoli iridati, il team ha collezionato be 128 vittorie (fra cui spiccano le 35 di Doohan e le 25 di Pedrosa), 128 pole position e 144 giri veloci in gara, con un totale di 338 podi.</div><div>"E ' difficile spiegare cosa si prova a vedere la mia moto qui con altre macchine titolo vincente. - ha commentato Marc Marquez - E' un onore far parte del Repsol Honda Team e di essere parte della storia della squadra con il mio titolo iridato. Vedere la mia moto accanto a quelli di Rossi, Criville &nbsp;Doohan, Stoner e Hayden mi riempie di orgoglio e mi dà una motivazione in più per questa stagione. Far parte di questa squadra l'anno scorso è stato un sogno che si è avverato. Tutti i miei idoli sono passati attraverso il Repsol Honda Team. E' stata un'opportunità che mi obbliga a dare il meglio, e questo è quello che sto facendo. Mi piace ogni giorno al massimo"</div><div>"L'alleanza di Repsol e Honda è molto significativa - ha dichiarato Dani Pedrosa - è qualcosa di cui molte persone sono a conoscenza. Se si parla di questa squadra, si sa che è una delle livree di maggior successo degli ultimi anni. La cosa più bella è che questa unione di dura da 20 anni. Questa continuità è qualcosa che non si vede troppo spesso e io, personalmente, sono molto contento di questo aspetto"</div><div>"Siamo molto fortunati ad essere in grado di celebrare i 20 anni di partnership con Repsol. - ha dichiarato Livio Suppo Team Principal - Questa non è una partnership commerciale normale, ma anche una partnership tecnologica con gli ingegneri di HRC e Repsol che lavorano insieme per produrre carburante specifico, olio motore e lubrificanti per le corse. Abbiamo condiviso un grande successo nel corso degli anni e molti titoli. spero che otterremo ancora di più in futuro"</div><div>"In 20 anni di alleanza tra Repsol e Honda, basata sullo sviluppo tecnologico e il supporto per lo sport, - ha concluso Milagros Vior Repsol Vice Direttore di sponsorizzazione - abbiamo condiviso valori che includono innovazione, responsabilità e impegno. La condivisione di questi valori ci permette di migliorare e ad aspirare all'eccellenza dentro e fuori i circuiti"</div>MadridWM01MSWM01MSmarquez-pedrosa-20-anniversario-repsol-honda-team.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-repsol-honda-team-20-anni-partnership-1012691.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09,400101059
481012675NewsCalcio EsteroLiga,23a giornata: in tre al comando20140210094753Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atlético MadridTre squadre in vetta23/a giornata piena di soprese nella Liga spagnola. Cambia tutto al vertice della classifica per via dell'inattesa sconfitta dell’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone sul campo dell’Almeria ed è la seconda consecutiva se consideriamo anche il 3-0 incassato dal Real Madrid in Coppa del Re. Uno stop inatteso, che consente proprio al Real di Ancelotti, che liquida 4-2 il Villareal grazie alla doppietta di Benzema, Bale e Jesé Rodriguez, di raggiungere&nbsp;la vetta della classifica.<br>Il Barcellona si riscatta dopo la sconfitta di Valencia della settimana scorsae e torna al successo sul campo del Siviglia. 4-1 il risultato finale in virtù delle reti di Sanchez, Fabregas e di un ritrovato Leo Messi autore di una doppietta. Barcellona, dunque, di nuovo in vetta a quota 57 punti, in compagnia di Real e Atletico, ma, in virtù della migliore differenza reti, da considerare al comando. <br>Tra gli altri incontri, seconda vittoria consecutiva per il Valencia di Pizzi che, dopo aver sbancato il Camp Nou, rifila un rotondo 5-0 al Betis Siviglia.&nbsp;A segno ancora una volta Paco per i valenciani, il giocatore più in forma del momento, e l’ex Napoli Edu Vargas. Goleada anche per il Rayo Vallecano che&nbsp; schianta il Malaga 4-1.<br>La Real Sociedad, dopo la sconfitta in coppa del Re, non va oltre lo 0-0 casalingo contro il Levante e adesso il quarto posto dista sei lunghezze. <br>Pareggio anche tra Valladolid ed Elche. 2-2 il finale con gli ospiti avanti grazie ai gol di Coro e Manu Del Moral ma raggiunti nella ripresa dalla doppietta di Osorio.<br>Infine, anche il Getafe paga dazio nella trasferta di Pamplona e&nbsp;subisce&nbsp;un 2-0 da un Osasuna che continua ad allungare sulla zona retrocessione grazie ai gol di&nbsp;Riera e Torres.<br>Si chiuderà stasera la 23a giornata con un interessante Celta Vigo-Atheltic Bilbao. I galiziani occupano attualmente l’undicesima posizione ma il penultimo posto dista solo 5 punti. Rispetto ad inizio stagione la squadra di Luis Enrique è notevolmente migliorata ed è reduce da 3 vittorie e 1 pareggio in 4 partite. <br>I baschi sono quarti in classifica e sognano la qualificazione ai preliminari di Champions League. Dovranno lottare con Villarreal e Real Sociedad, ma&nbsp;gli uomini&nbsp;di Valverde sembrano avere una marcia in più&nbsp;rispetto alle concorrenti. <br>L’Athletic è praticamente infallibile in casa, mentre in trasferta non è raro vedere i baschi faticare più del dovuto.<br><br>LIGA – Risultati 23/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Espanyol-Granada 1-0&nbsp; 79'Moreno<br><br>Sabato<br><br>Valencia-Betis 5-0&nbsp; 41'Mathieu-44'-68'Paco-62'Feghouli-79'Vargas<br>Rayo Vallecano-Malaga 4-1&nbsp; 26'-63'Falque-28'Arbilla-46'Larrivey(R) - 72'Iakovenko(M)<br>Real Madrid-Villarreal 4-2&nbsp; 7'Bale-25'-76'Benzema-64'Jesé Rodriguez(R) - 43'Mario-69'Dos Santos(V)<br>Almeria-Atletico Madrid 2-0&nbsp; 80'-86'Verza<br><br>Ieri<br><br>Osasuna-Getafe 2-0&nbsp; 6'Riera-88'Torres<br>Valladolid-Elche 2-2 34'Coro-66'Del Moral(E) - 71'-78'Osorio(V)<br>Real Sociedad-Levante 0-0<br>Siviglia-Barcellona 1-4 15'Moreno(S) - 34'Sanchez-44'-56'Messi-88'Fabregas(B)<br><br>Oggi<br><br>Celta Vigo-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 57<br>2)Real Madrid 57<br>3)At.Madrid 57<br>4)At.Bilbao 43<br>5)Villareal 40<br>6)Real Sociedad 37<br>7)Siviglia 31<br>8)Valencia 31<br>9)Espanyol 29<br>10)Levante 29<br>11)Celta 25<br>12)Elche 25<br>13)Osasuna 25<br>14)Getafe 25<br>15)Almeria 25<br>16)Malaga 24<br>17)Granada 24<br>18)Valladolid 21<br>19)Rayo 20<br>20)Betis 14<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-23-tre-squadre-in-vetta-1012675.htmSi100427901,02,03030394
491012663NewsMotoMondialeMotomondiale si riparte con i test a Sepang20140204194015motomondiale,yamaha,honda,ducati,test sepang,valentino rossiNel primo giorno Valentino 2° tempo dietro a Marquez<DIV>Dopo la pausa invernale di due mesi, il motomondiale ritorna in pista sul circuito malese di Sepang per la sessione di test ufficiali precampionato. &nbsp;Nella prima giornata il tempo più veloce è stato fatto segnare dal campione del mondo in carica del Repsol Honda Team, lo spagnolo Marc Marquez che ha girato in 2'00. 286, appena 5 decimi davanti alla migliore delle Yamaha, qualla di Valentino Rossi, che è riuscito a trovare il ritmo più rapidamente del compagno di squadra Jorge Lorenzo facendo fermare il cronometro sul tempo di 2'00. 804. &nbsp;</DIV> <DIV>Le due Yamaha avevano un adesivo speciale che indica ' Yamaha dà una mano alle vittime di Yolanda' per promuovere la campagna del team per sostenere le vittime del tifone nelle Filippine.&nbsp;</DIV> <DIV>La Ducati si è focalizzata sul confronto tra la Desmosedici GP14 e la GP13. &nbsp;Visivamente il nuovo modello presenta un’aerodinamica rivista sia nel cupolino che nel codone, in aggiunta a una migliore ergonomia e con maggiori possibilità nella regolazione del telaio, oltre ad alcune nuove soluzioni di elettronica.</DIV> <DIV>Dovizioso (miglior giro in 2’02. 497) e Crutchlow hanno quindi dedicato la prima giornata prevalentemente al lavoro di comparazione tra le due moto e a quello di messa a punto. &nbsp;In particolare Dovizioso, al suo secondo anno sulla Desmosedici, ha continuato a provare le due versioni, mentre il pilota britannico, che era salito sulla GP13 per la prima volta a Valencia a novembre, ha scelto nel pomeriggio di continuare solo con la moto nuova.&nbsp;</DIV> <DIV>In pista anche il Ducati Test Team, con Michele Pirro ancora una volta nel ruolo di collaudatore,ma nel corso della stagione il pilota pugliese avrà comunque la possibilità di prendere parte ad almeno quattro gare del Mondiale come jolly.&nbsp;</DIV> <DIV>"Sono felice per il primo giorno,è un buon inizio. - ha dichiarato Valentino Rossi alla fine della giornata - &nbsp;Mi sento bene e sono in una buona forma. Sono contento perché siamo stati molto veloci e &nbsp;sono sempre rimasto nelle prime tre posizioni. Abbiamo lavorato molto sulla moto e sul nuovo materiale per cercare di migliorare i miei problemi. Abbiamo già trovato qualcosa."</DIV> <DIV>"Come sempre è difficile tornare ancora in buona forma dopo l'inverno, - ha commentato Jorge Lorenzo - alcuni mesi senza allenamento si cambia parecchio ed il primo giorno è sempre dura! La moto è cambiata un pò rispetto allo scorso anno. Il nuovo regolamento che consente solo 20 litri di carburante ci obbligato a cambiare un bel pò di elettronica per cui la moto non sta funzionando esattamente come vorrei. Sno certo che troveremo una soluzione nei prossimi due giorni."</DIV> <DIV>“Oggi è stata una giornata un po’ particolare - ha dichiarato Andrea Dovizioso - al primo giorno di test in Malesia non va dato troppo significato, perché bisogna comunque riprendere il feeling dopo mesi in cui si è stati fermi. &nbsp;Avevamo una moto diversa da provare, però oggi siamo riusciti a fare solo pochi giri e non abbiamo potuto provare tutto ciò che avevamo in programma. &nbsp;Per fortuna abbiamo altri due giorni qui in Malesia, e quindi non è un grande problema. &nbsp;Era giusto partire con la moto 2013 per riprendere il feeling di fine stagione, poi siamo passati subito alla moto nuova per capire la differenza, ma purtroppo ho fatto solo 27 giri in tutta la giornata. Sono sicuro che domani saremo più a posto.”</DIV> <DIV>“Innanzitutto è stato bello tornare in moto dopo una pausa di due mesi e mezzo. - ha commentato Carl Crutchlow &nbsp;- &nbsp;Abbiamo girato con la GP13 nel mattino e con la GP14 nel pomeriggio, ed è evidente che c’è ancora tanto lavoro da fare perché in effetti le moto non sono poi così diverse. &nbsp;Una buona parte dei cambiamenti riguarda l’aspetto esterno della moto, ma il feeling è simile. Va detto che la GP14 entra meglio in curva, ed è quello che stavamo cercando. Abbiamo usato solo due treni di gomme durante la giornata e adesso l’obiettivo è cercare di andare sempre più veloce con questa moto. &nbsp;Inoltre la squadra ha voluto farmi provare una serie di soluzioni elettroniche e quindi non ho avuto la possibilità di girare costantemente nel pomeriggio. In Ducati stanno lavorando sodo e questo è uno stimolo in più anche per me.”</DIV><BR><BR><PRE style="BACKGROUND-COLOR: #030303; WIDTH: 616px; OVERFLOW: auto">Test Times&nbsp;<BR>1. &nbsp;Marc Marquez (SPA) Repsol Honda Team 2'00. 286<BR>2. &nbsp;Valentino Rossi (ITA) Yamaha Factory Racing 2'00. 804<BR>3. &nbsp;Dani Pedrosa (SPA) Repsol Honda Team 2'00. 906<BR>4. &nbsp;Jorge Lorenzo (SPA) Yamaha Factory Racing 2'01. 082<BR>5. &nbsp;A varo Bautista (SPA) Go&amp;Fun Honda Gresini 2'01. 240<BR>6. &nbsp;Stefan Bradl (GER) LCR Honda MotoGP 2'01. 320<BR>7. &nbsp;Aleix Espargaro (SPA) NGM Mobile Forward Racing 2'01. 419<BR>8. &nbsp;Andrea Iannone (ITA) Pramac Racing 2'01. 538<BR>9. &nbsp;Pol Espargarò (SPA) Monster Yamaha Tech3 2'01.634<BR>10. Bradley Smith (GBR) Monster Yamaha Tech3 2'01. 876<BR>11. Colin Edwards (USA) NGM Mobile Forward Racing 2'02. 483<BR>12. Andrea Dovizioso (ITA) Ducati Team 2'02. 497<BR>13. Michele Pirro (ITA) Ducati Test Team 2'02. 552<BR>14. Cal Crutchlow (GBR) Ducati Team 2'02. 860<BR>15. Yonny Hernandez (COL) Energy T. I. &nbsp;Pramac Racing 2'02. 891<BR>16. Katsuyuki Nakasuga (JPN) Yamaha Factory Test Team 2'03. 126<BR>17. Nicky Hayden (USA) Drive M7 Aspar 2'03. 319<BR>18. Hiroshi Aoyama (JPN) Drive M7 Aspar 2'03. 328<BR>19. Randy De Puniet (FRA) Suzuki Test Team 2'03. 893<BR>20. Kosuke Akiyoshi (JPN) HRC Test Team 2'04. 267<BR>21. Scott Redding (GBR) Go&amp;Fun Honda Gresini 2'04. 431<BR>22. Hector Barbera (SPA) Avintia Racing 2'04. 922<BR>23. Michael Laverty (GBR) Paul Bird Motorsport 2'05. 070<BR>24. Mike Di Meglio (FRA) Avintia Racing 2'05. 825<BR>25. Brok Parkes (AUS) Paul Bird Motorsport 2'05. 889<BR>26. Karel Abraham (CZE) Cardion AB Motoracing 2'06. 755</PRE>SepangWM01MSWM01MSvalentino-rossi-test-sepang-2014-febbraio.jpgSiNmotomondiale-motomondiale-test-ufficiali-4-febbraio-2014-sepang-1012663.htmSi100075601,02,03,04,06,07,08,09010770
501012637NewsCalcio EsteroLiga,19a giornata: Real, missione compiuta20140113100630Liga spagnola, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridPepe porta il Real a meno 3Missione compiuta per il Real Madrid; serviva una vittoria per accorciare le distanze sulla coppia di testa ed è puntualmente arrivata, seppur di misura, sul campo dell'Espanyol. Sarebbe potuta essere una goleada ma troppi sono stati gli errori in fase di realizzazione causa anche gli incredibili errori di Cristiano persino a porta vuota o quasi e, infatti, ha dovuto pensarci il portoghese Pepe a regalare la vittoria alle "merengues". Eppure gli uomini di Aguirre hanno messo in difficoltà per gran parte dell'incontro quelli di Ancelotti; l'Espanyol è sceso in campo col coltello fra i denti e con un pressing asfissiante tanto da causare l'ammonizione di Modric solo dopo appena dieci minuti. Ciononostante è stato proprio il croato, secondo me, ad essere il migliore in campo, autentico faro del gioco del Real. Poi, poco a poco, l'Espanyol è calato e la maggiore classe ed esperienza de "los blancos" hanno fatto la differenza.<br>Nelle altre sfide giocate ieri, da segnalare il successo in trasferta del Rayo Vallecano nel derby contro il Getafe. Importante successe, dunque, per il Rayo che si trova in piena zona retrocessione, dovuta soprattutto all’incredibile&nbsp; fragilità difensiva, che con 45 gol subiti è la peggior difesa del campionato. In casa Getafe, invece, serve un’inversione di rotta, perché è vero che la zona retrocessione è lontana, ma continuando così lo sarà ancora per poco.<br>Corsaro anche l'Osasuna in casa del fanalino di coda Betis Siviglia. Gli andalusi di Sivliga non solo vanno sotto dopo appena 120 secondi, rimangono in 10 al minuto 38 per l'espulsione di Nono e subiscono il raddoppio a causa dell'autorete di Figueras; poi sbagliano un rigore tirato da Castro e finalmente accorciano le distanze a 10 minuti dalla fine con un Osasuna anch'esso in 10 dal minuto 60 per l'espulsione del portiere, Fernandez.<br>Infine, vittoria di misura, anche per il Levante contro il Malaga, ritornando al successo dopo due stop di fila.<br>Si chiuderà stasera la 19a giornata, alle 22 ed allo stadio Madrigal, con un interessantissimo match tra Villareal e Real Sociedad rispettivamente sesta e quinta in classifica con 31 e 32 punti. In casa il Villareal ha ottenuto 4 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte ma l'ultimo successo casalingo risale al 27 ottobre. I baschi, di contro, sono tornati a ottimi livelli ma in trasferta faticano molto, seppure in netto miglioramento: 3 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte il bilancio. Solo 4 giorni fa le due squadre si sono affrontate a San Sebastian in Coppa del Re pareggiando 0-0 ma con tante seconde linee in campo.<br><br>LIGA – Risultati 19/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Granada-Valladolid 4-0&nbsp; 12'Murillo-22'-54'Recio-78'El Arabi<br><br>Sabato<br><br>Athletic Bilbao-Almeria 6-1&nbsp; 6'Rico-10'Herrera-30'Laporte-52'Aduriz-68'-87'Ibai Gomez(AB) - 34'Barbosa(A)<br>Celta Vigo-Valencia 2-1&nbsp; 23'Parejo(V) - 50'-78'Charles(C)<br>Atletico Madrid-Barcellona 0-0<br>Elche-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp; 82'Herrera(E) - 89'Carriço(S)<br><br>Ieri<br><br>Getafe-Rayo Vallecano 0-1&nbsp; 29'Bueno<br>Real Betis-Osasuna 1-2&nbsp; 2'Torres-57'a.golvFigueras(O) - 80'Molina(R)<br>Espanyol-Real Madrid 0-1&nbsp; 55'Pepe<br>Levante-Malaga 1-0&nbsp; 19'Barral<br><br>Oggi<br><br>Villarreal-Real Sociedad<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 50<br>2)At.Madrid 50<br>3)Real Madrid 47<br>4)At.Bilbao 36<br>5)Real Sociedad 32<br>6)Villareal 31<br>7)Siviglia 30<br>8)Valencia 23<br>9)Granada 23<br>10)Levante 23<br>11)Getafe 23<br>12)Espanyol 22<br>13)Osasuna 21<br>14)Malaga 20<br>15)Celta 19<br>16)Almeria 19<br>17)Elche 18<br>18)Valladolid 16<br>19)Rayo 16<br>20)Betis 11<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411pepe.jpgSiNliga-giornata-19-real-batte-espanyol-e-va-a-meno-tre-1012637.htmSi100427901,02,03030305
511012635NewsCalcio EsteroLiga, 19a giornata: Atletico e Barcellona pareggiano, il Real può ridurre le distanze20140112142712Liga spagnola, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridIl Real Madrid potrebbe ridurre le distanzePareggio a reti inviolate nello scontro diretto tra Atletico e Barcellona in un incontro che, nonostante il risultato finale, ha divertito e offerto spettacolo.<BR>Da un lato l'Atletico, tutto organizzazione e grande carattere, con una difesa fortissima e folate di pressing che in più di una occasione mettono in difficoltà i catalani; dall'altro, il solito Barça, che paga, però, l'infortunio di Iniesta costretto ad uscire nell'intervallo anche se,&nbsp;nel finale. il rientrante Messi spaventa i padroni di casa, che, saggiamente, si accontentano del pareggio dopo una intera partita giocata alla ricerca del successo. Un pari che, quindi, non scontenta nessuno e che mantiene le due compagini in vetta alla classifica con 50 punti al giro di boa.<BR>Tra le altre sfide, spicca la vittoria "tennistica" dell'Athletic di Bilbao vittorioso per 6-1 contro l'Almeria. Con questo successo i baschi non solo confermano di essere imbattibili tra le mura amiche ma anche quella quarta posizione valida per un posto nei preliminari di champions. Il cammino è ancora lungo ma 36 punti nel girone d'andata sono sicuramente un buon viatico per raggiungere l'obiettivo. <BR>Prima sconfitta per Juan Antonio Pizzi sulla panchina del Valencia, che spreca il vantaggio realizzato da Dani Parejo sul campo del Celta e si fa&nbsp;rimontare da una doppietta di Charles, che regala la vittoria all'undici di Luis Enrique. Celta Vigo che coglie il successo dopo 3 turni di digiuno e che si tira fuori, almeno momentaneamente, dalla zona retrocessione. <BR>Nell'ultimo incontro del sabato di Liga, pareggio per 1-1 tra Elche e Siviglia. Illicitani davvero vicino all'impresa passando in vantaggio al minuto 83' ma súbito raggiunti dal gol di Carriço, che però si trovava in posizione di fuorigioco non ravvisata dall'arbitro.<BR>Il pareggio tra Atletico e Barcellona, in qualche modo, favorirà il Real Madrid di Ancelotti, che potrebbe ridurre le distanze e portarsi a meno 3 dalla coppia di testa. Alle 19 scenderà in campo a Barcellona, sponda Espanyol. Sulla carta non c'è partita, gli uomini di Aguirre non giocano un calcio trascendentale e sono a metà strada tra la zona retrocessione e le posizioni per l’Europa. Inoltre&nbsp;dovranno sopperire alle assenze dell’attaccante Sergio Garcia, squalificato, e, probabilmente, del centrocampista David Lopez a causa di un lieve infortunio.<BR>Fra poco meno di due ore scenderanno in campo Getafe e Rayo, due squadre che ultimamente si trovano in grande difficoltà e alle quali&nbsp;serve un immediato cambio di rotta; il derby odierno potrebbe segnare la svolta almeno per una delle due.<BR>Alle 17 toccherà a Betis Siviglia e Osasuna. I padroni di casa nelle ultime undici partite hanno raccolto solo tre punti e sono ultimi in clasifica con 5 punti da recuperare in zona salvezza. L'Osasuna, pur lottando per non retrocedere è reduce da due pareggi (Real Madrid e Celta Vigo) e una vittoria (Espanyol) negli ultimi tre incontri.<BR>Infine, chiuderà la domenica di Liga il match tra Levante e Malaga, che tutto sommato si equivalgono, avendo entrambe gli stessi punti(20) e gli stessi alti e bassi.<BR><BR>&nbsp;LIGA – Risultati 19/a Giornata<BR><BR>Venerdì<BR><BR>Granada-Valladolid 4-0&nbsp; 12'Murillo-22'-54'Recio-78'El Arabi<BR><BR>Ieri<BR><BR>Athletic Bilbao-Almeria 6-1&nbsp; 6'Rico-10'Herrera-30'Laporte-52'Aduriz-68'-87'Ibai Gomez(AB) - 34'Barbosa(A)<BR>Celta Vigo-Valencia 2-1&nbsp; 23'Parejo(V) - 50'-78'Charles(C)<BR>Atletico Madrid-Barcellona 0-0<BR>Elche-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp; 82'Herrera(E) - 89'Carriço(S)<BR><BR>Oggi<BR><BR>Getafe-Rayo Vallecano<BR>Real Betis-Osasuna<BR>Espanyol-Real Madrid<BR>Levante-Malaga<BR><BR>Domani<BR><BR>Villarreal-Real Sociedad<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-19-pareggio-atletico-barcellona-real-puo-ridurre-distanze-1012635.htmSi100427901,02,03030279
521012634NewsCalcio EsteroLiga,19a giornata: Atletico e Barcellona alla resa dei conti20140111112527Liga Spagnoa, Barcellona, Atlético MadridUn argentino sarà campione d`inverno: Simeone o Martino?Iniziata ieri la 19a gornata di Liga spagnola e subito spettacolo e valanga di gol in quel di Granada. Dopo due sconfitte consecutive gli andalusi sfruttano il fattore campo e distruggono con un rotondo 4-0 un disastroso Valladolid. A firmare le reti della compagine dell'italiano Pozzo ci pensano Murillo, Recio(2) ed El Arabi, condannando, così, gli avversari ad una crisi profonda dato che non vincono da più di un mese ed occupano attualmente la terzultima posizione.<br>Quattro gli incontri che si disputeranno oggi in quella che si preannuncia una giornata indimenticabile e, in parte, decisiva. Iniziamo con ordine.<br>Si parte con Athletic Bilbao-Almeria. I baschi tornano al Nuovo San Mamés, laddove sembrano imbattibili, ed hanno immediatamente l'occasione di riscattare la sconfitta nel derby contro la real Sociedad subita la la settimana scorsa. Dal canto suo, l'Almeria, è reduce dal pareggio a Santander negli ottavi di Coppa e non vorrà recitare il ruolo di vittima sacrificale. Ma la "legge del San Mamès" e i cinque ultimi precedenti non parlano a favore degli andalusi; 4 vittorie per<br>i "Leoni" di Bilbao ed una per l'Almeria.<br>Alle 18 al "Balaìdos" si affronteranno Celta Vigo e Valencia. L'11 di Luis Enrique è attualmente terzultimo, proprio in compagnia del Valladolid, e il Valencia&nbsp;ottavo e con&nbsp;un nuovo allenatore, Pizzi, che sembra avere portato la fiducia che è mancata durante tutto il girone d'andata. Il Celta, se vuole conquistare facilmente la salvezza, deve migliorare il rendimento casalingo, è chiaro che 7 punti in 9 incontri casalinghi non sono sufficienti per evitare sofferenze.<br>Bisognerà aspettare qualche partita in più per iniziare a dare un giudizio sul nuovo Valencia di Juan Antonio Pizzi, che comunque è reduce da una vittoria in campeonato e dal pareggio interno negli ottavi di Coppa del Re contro l'Atletico Madrid. Una curiosità: si ritroveranno in campo dopo la bellezza di quasi 18 anni Luis Enrique e Pizzi, che furono compagni di squadra nel 1996 tanto nella Nazionale spagnola come nel Barcellona che fu di Bobby Robson.<br>Alle 20 il big-match Atletico Madrid-Barcellona. Comunque vada, un argentino sarà campione d'inverno; o Simeone o Martino. Una sorta di resa dei conti tra le due assolute dominatrici del<br>campionato e con un Real Madrid poco distante a fare da terzo incomodo. Numeri a dir poco impressionanti: 49 punti frutto di 16 vittorie, un pareggio ed una sconfitta. Simeone, per l'occasione, potrà schierare la formazione migliore con i vari Costa, Villa, Koke ed Arda Turan sulle fasce e con Gabi e Tiago in mediana. Per Martino il dubbio ha un nome solo, Messi. Difficile dire se l'argentino giocherà dal primo minuto visto che è appena rientrato dall'infortunio.<br>Infine alle 22, chiuderà il sabato di Liga, Elche-Siviglia. Due squadre dagli stati d'animo completamente differenti. Scarso stato di forma l'Elche, che negli ultimi quattro incontri ha <br>rimediato quattro sconfitte consecutive. La matricola Elche attualmente si trova ad un punto di distanza dalla zona retrocessione. Tutt'altro discorso per il Siviglia, che ha iniziato benissimo il nuovo anno con una grandissima vittoria contro il Getafe e, più in generale, è reduce da cinque vittorie negli ultimi sei incontri disputati. <br><br><br>LIGA – Risultati 19/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Granada-Valladolid 4-0&nbsp; 12'Murillo-22'-54'Recio-78'El Arabi<br><br>Sabato<br><br>Athletic Bilbao-Almeria<br>Celta Vigo-Valencia<br>Atletico Madrid-Barcellona<br>Elche-Siviglia<br><br>Domenica<br><br>Getafe-Rayo Vallecano<br>Real Betis-Osasuna<br>Espanyol-Real Madrid<br>Levante-Malaga<br><br>Lunedì<br><br>Villarreal-Real Sociedad<br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-19-atletico-madrid-barcellona-alla-resa-dei-conti-1012634.htmSi100427901,02,03010298
531012628NewsCalcio EsteroLiga, 18a giornata: il Barça firma il poker e torna in testa20140106101998Liga spagnola, Barcellona, Atletico Madrid, Real MadridTripletta di Sanchez e il Barcellona torna in vettaIl Barcellona riaggancia l'Atletico in cima alla classifica e, seppure in coabitazione, può vantare una migliore differenza reti. I catalani firmano un poker contro la matricola Elche grazie alla tripletta di Alexis Sanchez e alla marcatura di Pedro Rodriguez. Prova superlativa dei campioni di Spagna schierati con il consueto 4-3-3, privi di Messi e con Neymar in panchina, ma del resto non c'era bisogno nè di forzare il ritorno al calcio giocato dell'argentino nè di rischiare <br>il talentuoso brasiliano. Tridente, quindi, composto da Sanchez, Pedro e con Fabregas finto 9. In fin dei conti la resistenza dell'Elche è durata solo 7 minuti e la reazione solo un palo clamoroso colpito da Boakye. <br>Negli altri incontri disputati ieri il Siviglia stende con un perentorio 3-0 il Getafe e aggancia il sesto posto in classifica. Andalusi più determinati degli avversari fin dai primi minuti di gioco grazie alla splendida regia del croato Rakitic che è diventato ormai l'oggetto dei desideri dei club più importanti d'Europa.<br>L'Osasuna approfitta del fattore campo e batte, seppur di misura ma tanto basta, un Espanyol che ha ormai perso lo smalto di inizio stagione. Tre punti d'oro in ottica salvezza per la compagine di Pamplona che raggiunge quota 18 punti; amara sconfitta, invece, per gli uomini guidati da Aguirre che nel finale dell'incontro perde le staffe e si fa espellere.<br>Infine,la Real Sociedad si aggiudica il derby basco contro l’Athletic Bilbao grazie alle reti del solito Antoine Griezmann e Ruben Pardo a tempo scaduto. La squadra di San Sebastian al quinto successo consecutivo si rilancia in ottica Champions e si porta a -1 dal quarto posto occupato proprio dai biancorossi di&nbsp;Bilbao. <br>Due gli incontri ancora da disputare e che manderanno in archivo la 18a giornata. Alle 19 toccherà al Real Madrid rispondere alle vittorie di Atletico e Barcellona per rimanere in scia. L'avversario odierno sarà il Celta Vigo guidato da Luis Enrique, che schiererà i suoi con il solito 4-3-3 provando a giocare a viso aperto contro un avversario nettamente più forte e nettamente più in forma come dimostra anche la vittoria di pochi giorni fa nell'amichevole di&nbsp; lusso contro il PSG. Le "merengues" si affideranno ad una formazione ultra offensiva con&nbsp;la solita&nbsp;batteria di trequartisti di valore indiscusso alle spalle di Benzema <br>Alle 22 chiuderà la giornata la sfida tra Rayo e Villareal. Lo stadio "Vallecas" sarà lo scenario di una sfida tra due squadre con obiettivi diametralmente opposti, il Rayo giocherà per portare a casa punti in chiave salvezza mentre il Villareal per inseguire un posto al sole in Europa. <br>I padroni di casa si trovano attualmente al penultimo posto della classifica con solo 13 punti ed è la formazione che ha pareggiato di meno (una volta sola contro il fanalino di coda Betis), inoltre, gli uomini allenati da Paco Jemez hanno perso gli ultimi quattro incontri casalinghi.<br>Il Villareal di contro ha rallentato il passo nel mese di dicembre, chiudendo il 2013 con due sconfitte (contro Barcellona e Siviglia); in ogni caso la squadra di Marcelino si trova al sesto posto, scavalcata ieri anche dalla Real Sociedad, ed è costretta a vincere se vuole ancora <br>cullare il sogno di ritornare tra le big del calcio europeo. <br><br>LIGA – Risultati 18/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Malaga-Atletico Madrid 0-1&nbsp; 71'Koke<br>Valladolid-Real Betis 0-0<br>Valencia-Levante 2-0&nbsp; 42'Piatti-73'Feghouli<br>Almeria-Granada 3-0&nbsp; 14'Dubarbier'28'Verza-79'Vidal<br><br>Ieri<br><br>Siviglia-Getafe 3-0&nbsp; 34'Vitolo-55'Bacca-77'Rakitic<br>Barcellona-Elche 4-0&nbsp; 7'-63'-69'Sanchez-16'Pedro<br>Osasuna-Espanyol 1-0&nbsp; 33'Cejudo<br>Real Sociedad-Athletic Bilbao 2-0&nbsp; 43'Griezmann-93'Ruben Pardo<br><br>Oggi<br><br>Real Madrid-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-giornata-18-poker-del-barcellona-1012628.htmSi100427901,02,03010255
541012626NewsCalcio EsteroLiga, 18a giornata: l`Atletico stende il Malaga e va in testa20140105101883Liga spagnola, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridL`Atletico Madrid vince a Malaga con un gol di KokeQuattro le gare disputate ieri valevoli per la 18a giornata di Liga. Successo importantissimo, di misura, per l'Atletico Madrid nella trasferta di Malaga.<br>Atletico, però, in difficoltà per gran parte dell'incontro a causa della difesa a cinque piazzata da Schuster, che bloccava qualsiasi velleità de "los Colchoneros".<br>Ci pensa Koke, uno dei più attivi tra i suoi in virtù di continui inserimenti centrali, a risolvere il match al minuto 71. Tre punti preziosi, dunque, e ottenuti su un campo non particolarmente semplice, che consentono all'Atletico di balzare in testa alla classifica e guardare tutti dall'alto con 49 punti all'attivo, in attesa, chiaramente, di conoscere i risultati delle dirette avversarie alla conquista del titolo.<br>Ottimo esordio in campionato per il nuovo allenatore del Valencia, Juan Antonio Pizzi, che affonda con il più classico dei risultati il Levante nel derby. Vittoria meritata, che giunge dopo due sconfitte consecutive e che rilancia la squadra più blasonata di Valencia verso la conquista di un posto in Europa. Toccherà a Pizzi, ora, fare in modo che la squadra trovi continuità di risultati. Dall'altro lato il Levante ha pensato solo a difendersi, producendo una sola giocata offensiva e il risultato finale penalizza giustamente la mentalità troppo remissiva.<br>Il 2014 inizia per l'Almeria esattamente come era finito il 2013, con una vittoria. Rotondo 3-0 casalingo ai danni del Granada. La curiosità è che i migliori in campo sono stati i portieri, Esteban e Karnezis, che hanno letteralmente deliziato gli spettatori con parate ed interventi spettacolari.<br>Infine, scialbo 0-0 tra Valladolid e Betis, in un incontro in cui la paura di perdere ha prevalso. Un pareggio, dunque, che non risolve i problemi di classifica di nessuna delle due compagini.<br>Altri quattro incontri in programma oggi. Si inizia alle 12 con Siviglia-Getafe. Possiamo definirla una partita d'alta quota visto che entrambe aspirano ad un posto in Europa. Gli andalusi sono attualmente settimi con 26 punti, mentre il Getafe è nono con tre punti in meno. Sicuramente il Siviglia sembra favorito sia per il fattore campo sia perchè ha conquistato 4 vittorie nelle ultime cinque giornate disputate (da segnalare, però, l'amara eliminazione in Coppa del Re ad opera<br>del Racing). <br>Alle 16 il piccolo Elche tornerà a calcare il prato del Camp Nou dopo la belleza di 25 anni. Sarà la sfida numero 39 della storia con un bilancio di 19 vittorie per il Barcellona e 9 per l'Elche. Nonostante il più che dignitoso rendimento, l'Elche difficilmente potrà portare a casa un risultato positivo. In casa Barcellona riprende ad allenarsi a pieno regime anche Leo Messi, il quale, però,&nbsp;non sarà dell'incontro tenuto a riposo precauzionalmente.<br>Alle 18 sarà la volta di Osasuna-Espanyol. L'Osasuna fa del fattore campo una delle sue armi migliori e i risultati lo dimostrano. Dall'altro lato l'Espanyol non vive un buon momento e mister Aguirre dovrà fare i conti con tante assenze dovute a infortuni di lungo corso&nbsp;e a quelli dell'ultima ora; mancheranno, infatti,Víctor Álvarez, Sergio Tejera, Fuentes, Víctor Sánchez, Torje, Sergio García, Stuani e Thievy.<br>Infine, alle 20, entusiasmante derby basco, tra Real Sociedad e Athletic Bilbao. I padroni di casa occupano la quinta posizione ed inseguono i rivali di Bilbao che hanno 4 punti in più. I precedenti all’“Anoeta” registrano un vantaggio della Real Sociedad con 32 vittorie a fronte dei 18 successi dell’ Athletic Club, 15 i pareggi.&nbsp;Nell’ultima sfida disputata a San Sebastian ha avuto la meglio la Real Sociedad per 2-0 il 29 settembre 2012. <br><br>LIGA – Risultati 18/a Giornata<br><br>IERI<br><br>Malaga-Atletico Madrid 0-1&nbsp; 71'Koke<br>Valladolid-Real Betis 0-0<br>Valencia-Levante 2-0&nbsp; 42'Piatti-73'Feghouli<br>Almeria-Granada 3-0&nbsp; 14'Dubarbier'28'Verza-79'Vidal<br><br>OGGI<br><br>Siviglia-Getafe<br>Barcellona-Elche<br>Osasuna-Espanyol<br>Real Sociedad-Athletic Bilbao<br><br>DOMANI<br><br>Real Madrid-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-18-atletico-vince-a-malaga-e-va-in-testa-1012626.htmSi100427901,02,03010243
551012625NewsCalcio EsteroLiga, 18a giornata: Atletico sul campo del Malaga20140104103036Liga spagnola, Barcellona, Atlético Madrid, Real Madrid, Atletico Madrid a Malaga per il primo posto in solitariaFinite le feste anche in Spagna, riprende il calcio iberico per quella che sarà la prima giornata dell'anno nuovo, ossia la 18a di Liga.<br>Giornata che come di consueto sarà spalmata in 3 giorni e che si apre oggi con 4 partite, alcune delle quali promettono scintille.<br>Subito in campo, alle 16, l'Atletico Madrid delle meraviglie chiamato a confermare le proprie ambizioni a "La Rosaleda" di Malaga.&nbsp; <br>La squadra di Schuster ha salutato il 2013 nel migliore dei modi, 7 punti in 3 partite, attraversando un momento di forma alquanto positivo. In casa,specialmente, in 8 partite complessive, sono state 4 le vittorie. Tra gli uomini più in forma l’ex del Real Madrid, Portillo, che supporterà l’unica punta, il sempreverde Santa Cruz, bomber del Malaga con 4 reti. L'Atletico non dovrebbe avere problemi di formazione e in avanti ci saranno Diego Costa, attuale "pichichi" della Liga&nbsp;con 19 reti, supportato dai vari Villa, Koke e Arda Turan. Sembra non esserci partita ma attenzione all'effetto Rosaleda e al fatto che negli ultimi due scontri diretti si sono registrati due pareggi con gli occhiali. Quello degli anni passati, però, era un Malaga molto più combattivo.<br>Alle 18, scontro salvezza tra Valladolid e Betis Siviglia. La squadra di casa ha fin qui totalizzato 3 vittorie e 6 pareggi (è la squadra che ha pareggiato di più) mentre il Betis è ultimo con 10 punti a -5 dalla zona salvezza occupata proprio dagli avversari odierni. Insomma, è buona abitudine fare in questo periodo dell'anno la lista dei buoni propositi per l'anno nuovo ed entrambe le compagini ne hanno&nbsp;fortemente bisogno. Ignacio Martinez dovrebbe confermare il suo 4-2-3-1, con Javi&nbsp;Guerra unica punta coadiuvato da Omar, Larsson e Bergdich. Rubio e Fausto Rossi agiranno in mediana a protezione della difesa. Il tecnico andaluso Garrido&nbsp; dovrebbe schierare il suo Betis con un semplice 4-4-2, con Molina e Castro in attacco e Verdù e J. Carlos sulle fasce. <br>Alle 20 andrà di scena il derby della città di Valencia e con le due squadre appaiate al decimo posto con 20 punti. Esonerato Djukic, il Valencia si affida all'argentino, naturalizzato spagnolo, Juan Antonio Pizzi, che è reduce dalla vittoria del torneo di apertura con il San Lorenzo de Almagro e conosce bene il calcio iberico avendo anche vestito la maglia della nazionale, del Barcellona e proprio del Valencia. <br>Dal'altro lato "Els Granotes" possono ritenersi soddisfatti, seppure con qualche rimpianto per i tanti punti persi in casa; di contro in trasferta gli uomini di Caparròs mostrano una fantastica compattezza ed oggi vanno "in trasferta" al Mestalla, quindi tutto è possibile.<br>Infine, il sabato di Liga si chiuderà con Almeria-Granada, uno dei tanti derby d'Andalusia. L'Almeria è la squadra che ha vinto di meno in casa, solo una e proprio nella prima&nbsp;giornata&nbsp;di Liga mentre è reduce dalla vittoria&nbsp;ottenuta in trasferta e&nbsp;di misura contro il fanalino di coda Betis; di contro il Granada è quella che vince di più in trasferta (4 e ovviamente dietro le tre big del calcio iberico). L'Almeria dovrà fare a meno del bomber Rodri, ancora infortunato alla caviglia, e nella sessione del mercato invernale è andato via Cristian Perellano. In compenso sono arrivati Jonathan, Mané e Hans Martínez. Nel Granada mancheranno il nigeriano Odion Ighalo, infortunato al ginocchio, Jeison Murillo e Dani Benítez alle prese con dei problemi muscolari.<br><br><br>LIGA – Programma 18/a Giornata<br><br>OGGI<br><br>Malaga-Atletico Madrid<br>Valladolid-Real Betis<br>Valencia-Levante<br>Almeria-Granada<br><br>DOMANI<br><br>Siviglia-Getafe<br>Barcellona-Elche<br>Osasuna-Espanyol<br>Real Sociedad-Athletic Bilbao<br><br>LUNEDI'<br><br>Real Madrid-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-spagnola-giornata-18-atletico-madrid-a-malaga-per-il-primo-posto-1012625.htmSi100427901,02,03010266
561012615NewsCalcio EsteroLiga,16a giornata: l`Atletico centra l`8a vittoria casalinga20131216100434Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atlético MadridDoppietta di Diego Costa e l`Atletico schianta il ValenciaDomenica di Liga spagnola tutta a tinte bianco-rosse dell'Atletico Madrid di Simeone, che schianta con un rotondo 3-0 il Valencia. Successo che matura nel secondo tempo, dopo una prima frazione di gioco all'insegna dell'equilibrio e del nervosismo, grazie alle reti siglate da Raul Garcia e Diego Costa(2); quest'ultimo fallisce uno dei due calci di rigore avuti a disposizione. Per il brasiliano naturalizzato spagnolo due reti che valgono l'aggancio, in testa alla classifica dei marcatori, a Cristiano Ronlado. L'Atletico centra così l'ottava vittoria su 8 incontri casalinghi e raggiunge nuovamente il Barcellona sul gradino più alto ma con un gol in meno all'attivo.<br>Nelle altre tre gare disputate ieri, pari tra Siviglia e Athletic Bilbao per 1-1 con i due gol nei primi sei minuti di gioco. Gara giocata soprattutto a centrocampo e con una unica clamorosa occasione sul finire del primo tempo per un penalty concesso ai baschi per un fallo di mano di Bacca. Susaeta, però, sbaglia clamorosamente.<br>Riscatto della Real Sociedad che affonda il Betis Siviglia con un perentorio 5-1 e si rilancia verso le zone nobili della graduatoria, sesta e a soli 4 punti dai "cugini" dell'Athletic. Prosegue, invece, la crisi infinita del Betis Siviglia che resta sempre più ultimo in classifica. <br>Infine, 0-0 e poche emozioni tra Almeria ed Espanyol. Pochissime azioni offensive da una parte e dall’altra ma con una possibilità per l’Almeria di segnare&nbsp; con un calcio di rigore assegnato per fallo dell’ex Udinese Torje. Verza tira e segna ma l’arbitro fa ripetere per invasione dell’area; sul secondo tiro il centrocampista tira fuori. Nel finale la gara s’infiamma e il tecnico dell'Almeria, Rodríguez, viene espulso.<br>Si arichivierà stasera la 16a giornata al "Jose Zorrilla" con l'incontro tra Valadolid e Celta. I castigliani sono attualmenti penultimi e non vincono dal 25 ottobre(in trasferta), mentre in casa non vincono, addirittura da agosto, e collezionando, poi, 3 pareggi e 3 sconfitte. La curiosità è che il risultato&nbsp;più gettonato in casa del Valladolid è il 2-2, che è arrivato in 3 degli ultimi 4 incontri e che non aiuta la posizione del traballante Ignacio Martinez.<br>Tutto il contrario, invece, per il Celta che sarebbe felice se potesse giocare sempre in trasferta (3 vittorie).<br><br>LIGA – Programma 16/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Levante-Elche 2-1&nbsp; 25'Sapunaru(E) - 41'-80'Barral(L)<br><br>Sabato<br><br>Osasuna-Real Madrid 2-2&nbsp; 17'-40'Riera(O) - 45'Isco-80'Pepe(R)<br>Rayo Vallecano-Granada 0-2&nbsp; 35'Rico-89'Riki<br>Barcellona-Villarreal 2-1&nbsp; 30'-68'Neymar(B) - 48'Musacchio(V)<br>Malaga-Getafe 1-0&nbsp; 75'Santa Cruz<br><br>Ieri<br><br>Almeria-Espanyol 0-0<br>Real Sociedad-Real Betis 5-1&nbsp; 6'-68'Aguirretxe-55'Ansotegi-62'Griezmann-85'Xavi Prieto(Rs) - 19'Molina(Rb)<br>Siviglia-Athletic Bilbao 1-1&nbsp; 4'Moreno(S) - 6'Susaeta(A)<br>Atletico Madrid-Valencia 3-0&nbsp; 59'-81'Diego Costa-63'Raul Garcia<br><br>Oggi<br><br>Valladolid-Celta Vigo<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 43<br>2)At.Madrid 43<br>3)Real Madrid 38<br>4)At.Bilbao 30<br>5)Villareal 28<br>6)Real Sociedad 26<br>7)Getafe 23<br>8)Siviglia 23<br>9)Valencia 20<br>10)Granada 20<br>11)Levante 20<br>12)Espanyol 19<br>13)Elche 17<br>14)Malaga 17<br>15)Celta 15<br>16)Osasuna 14<br>17)Rayo 13<br>18)Almeria 13<br>19)Valladolid 12<br>20)Betis 10<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-16-atletico-batte-valencia-diego-costa-due-reti-1012615.htmSi100427901,02,03010232
571012613NewsCalcio EsteroLiga,16a giornata: Real fermato a Pamplona, il Barcellona regola il Villareal20131215102996Liga, 16a giornata, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridPasso falso del Real, il Barcellona vola a 43 puntiIl sabato di Liga è stato contrassegnato dall'inatteso ma non imprevedibile pareggio del Real Madrid a Pamplona. Un mezzo passo falso grave per gli uomini di Ancelotti che&nbsp;si ritrovano di nuovo a 5 punti dalla capolista Barcellona. Terra ostica quella di Navarra per le grandi del calcio spagnolo; dopo il Barcellona, gli uomini di Javi Gracia fermano anche le "Merengues", che sono costrette a rimontare le due reti del catalano, guarda un po', Oriol Riera e perdipiù in 10 uomini a causa dell'espulsione, per doppia ammonizione, di Sergio Ramos. La reazione "blanca" arriva nella ripresa complici il gol di Isco, siglato pochi secondi prima dell'intervallo, e l'espulsione di Gato Silva, che ristabilisce la parità numerica. Ci pensa il portoghese Pepe a riequilibrare il risultato a 10 minuti dalla fine. <br>Il Barcellona ringrazia e non si lascia sfuggire l'occasione per distanziare nuovamente il Real e volare a quota 43 punti battendo l'ostico Villareal per 2-1. Orfani di Messi, gli uomini del Tata Martino si affidano a Neymar, autore di una doppietta inframmezzata dal momentaneo pareggio di Musacchio. C'erano da un lato l'esperienza e i successi ottenuti dai catalani, mentre dall'altra la voglia e i sogni di una squadra che, non solo è appena tornata nel massimo campeonato, ma che è anche tra&nbsp; le squadre più giovani dell'intera Liga con una età media che non supera i 25 anni. <br>Negli altri due incontri disputati ieri, vittorie per il Granada sul campo del Rayo Vallecano e del Malaga sul Getafe grazie al sempreverde Roque Santa Cruz. Tre punti che consentono all'11 di Schuster di risollevarsi in classifica.<br>Saranno quattro le partite della domenica di Liga. Si parte subito, alle 12, con Almeria-Espanyol. I padroni di casa sono penultimi in classifica a quota 12.posizione. Gli andalusi hanno ottenuto solo 5 punti in casa ed è il peggior risultato della Liga. L’unica vittoria casalinga è datata 2 novembre, di misura e a spese del Valladolid. L'Espanyol è come una creatura incompleta; un inizio strepitoso di stagione e poi il vuoto, dalla zona Europa all'attuale dodicesimo posto. In trasferta gli uomini di Aguirre hanno conquistato solo 7 punti riuscendo a vincere, ultimamente, solo sul campo del Rayo.<br>Alle 17 sarà la volta di Real Sociedad- Betis Siviglia. I baschi, in settimana, hanno concluso la fallimentare partecipazione in Champions e devono assolutamente reagire per agganciare la quarta posizione. Sulla panchina del Betis non siederà più Pepe Mel, esonerato, e al suo posto Juan Carlos Garrido; da valutare l'impatto, dunque, che il nuovo allenatore avrà su una squadra in una situazione disperata. <br>Alle 19 al Sanchez Pizjuán si affronteranno Siviglia e Atheltic Bilbao. I baschi sono reduci da tre vittorie consecutive, l'ultima quella ai danni del Barcellona, ottenuta tra le inespugnabili (fino ad ora) mura del Nuovo San Mamès. Fuori casa, però, il rendimento della squadra di Valverde è meno strabiliante e l’impegno contro il Siviglia non sarà per nulla semplice, infatti, negli ultimi sette incontri disputati tra campionato ed Europa League, il Siviglia non ha mai perso. La brutta notizia è che&nbsp;mancherà Rakitic, il migliore del Siviglia.<br>Infine, alle 21, il match clou tra Atletico Madrid e Valencia. L'Atletico, ormai, non ha più bisogno di presentazioni; al momento in Europa non c’è, forse,&nbsp;squadra più in forma: in Champions è arrivata anche la vittoria contro il Porto, e in campionato, se non fosse stato per il mezzo passo falso contro il Villarreal qualche settimana fa (1-1), oggi sarebbe in testa in solitaria. Da non sottovalutare che il Valencia rappresenta la bestia nera dei "colchoneros", sempre in difficoltà contro Banega e compagni nelle ultime stagioni e spesso sconfitti nelle sfide contro la formazione allenata attualmente da Djukic. Naturalmente, l’obiettivo degli uomini di Simeone sarà quello di tenere il passo della capolista Barcellona.<br><br>LIGA – Programma 16/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Levante-Elche 2-1&nbsp; 25'Sapunaru(E) - 41'-80'Barral(L)<br><br>Ieri<br><br>Osasuna-Real Madrid 2-2&nbsp; 17'-40'Riera(O) - 45'Isco-80'Pepe(R)<br>Rayo Vallecano-Granada 0-2&nbsp; 35'Rico-89'Riki<br>Barcellona-Villarreal 2-1&nbsp; 30'-68'Neymar(B) - 48'Musacchio(V)<br>Malaga-Getafe 1-0&nbsp; 75'Santa Cruz<br><br>Oggi<br><br>Almeria-Espanyol<br>Real Sociedad-Real Betis<br>Siviglia-Athletic Bilbao<br>Atletico Madrid-Valencia<br><br>Domani<br><br>Valladolid-Celta Vigo<br><br>SpagnaFL0411FL0411neymar-barcelona.jpgSiNliga-giornata-16-real-pareggia-a-pamplona-barcellona-batte-villareal-1012613.htmSi100427901,02,03010240
581012612NewsCalcio EsteroLiga, 16a giornata: il Real a Pamplona, il Villareal minaccia il camp Nou20131214114718Liga, Barcellona, Real Madrid, VillarealReal Madrid a Pamplona, Barcellona-Villareal il big matchAl via, ieri, sera, la 16a giornata di Liga spagnola, con il derby valenciano tra il Levante e l'Elche. Dopo 4 sconfitte consecutive il Levante riesce a centrare di nuovo il successo, 2-1 il risultato finale. Come da copione era l'Elche a tenere il pallino del gioco, con il Levante tutto chiuso nella propria tre quarti in attesa del contropiede vincente. Infatti proprio gli ospiti passavano in vantaggio con un incredulo Sapunaru, che nemmeno era stato convocato e che ha dovuto sostituire all'ultimo momento l'influenzato Damiàn. Elche che nel corso del primo tempo avrebbe potuto dilagare in almeno altre due circostanze con Botia e Fidel. Tutta un'altra storia nel secondo tempo con il Levante tutto proteso all'attacco e con Barral sugli scudi a concretizzare il gioco dei padroni di cosa. Due reti che danno ossigeno ai padroni di casa, che salgono a quota 20 distanziando di 3 punti proprio i "cugini" di Elche e, più in generale, la zona retrocessione.<br>Come consuetudine saranno quattro gli incontri del sabato di Liga. Alle 16 subito in campo il Real Madrid in casa dell'Osasuna.<br>Ai padroni di casa, memori del recente pareggio contro il Barcellona, serve disputare la partita della vita. Certo, la classifica non fa bene sperare; il team di Pamplona ha solo 13 punti in classifica e in casa ha ottenuto solo 2 successi, 1 pareggio e ben 4 sconfitte. Inoltre dovrà fare a meno di uomini importanti come De las Cuevas, Sisi e Nino e dello squalificato Patxi Puñal. Di contro, il Real Madrid deve centrare la vittoria per mantenere vivo l'inseguimento alla capolista Barcellona. Real sempre più Ronaldo-Bale dipendente visto l'imbarazzante pareggio in coppa del Re (i due erano assenti), poi riscattato grazie al successo in Champions contro il Copenaghen. <br>Alle 18 importantissima sfida salvezza al "Vallecas" tra il Rayo e il Granada. Ai padroni di casa manca la continuità anche a causa di una difesa alquanto allegra. La buona notizia è che saranno di nuovo a disposizione due uomini fondamentali come Alberto Perea e Cobeño. Il Granada affronta l'incontro con la consapevolezza di poter anche centrare l'intera posta in palio. Con 17 punti in classifica&nbsp;la squadra di Pozzo può affrontare serenamente la trasferta, consapevole di avere tra le proprie fila un centravanti, El Arabi, che può fare la differenza in qualsiasi momento. Un dato statistico da non ignorare è che il Rayo non ha mai perso in casa contro&nbsp;il Granada.<br>Alle 20 il big match di giornata tra Barcellona e Villareal. Il "sottomarino giallo" minaccia il Camp Nou; gli uomini di Marcelino hanno vinto le ultime due trasferte ed il Barcellona non perde due partite consecutive in Liga dal 2009. Gli ingredienti ci sono tutti per assistere ad un incontro memorabile, condito anche dal ritorno in terra catalana di un ex, che sta facendo le fortune del Villareal, il messicano Giovani dos Santos. <br>Infine, il match delle 22, vedrà di fronte Malaga e Getafe. I padroni di casa non attraversano un momento felice e il tecnico tedesco Schuster è continuamente messo in discussione. Del resto i risultati fin qui ottenuti non testimoniano a suo favore: 14 punti in 15 gare sono un misero bottino; in casa, poi, il Malaga ha ottenuto solo 3 successi, 1 pareggio e 4 sconfitte. Praticamente lo stesso bottino che il Getafe vanta in trasferta. Precedenti alla mano dovrebbe vincere il la squadra di casa, ma viste le circostanze contingenti non ci sarebbe nulla di strano in una vittoria degli ospiti.<br>Schuster, presumibilmente, proverà a schierare il suo Malaga con un 4-1-4-1, con Camacho davanti alla difesa e Juanmi unica punta, con Portillo ed Eliseu sulle fasce e Darder e Tissone centrali. Ancora in panchina Roque Santa Cruz. Dall'altro lato, Garcia Plaza dovrebbe confermare, invece, il 4-2-3-1. In attacco, al posto di Ciprian Marica, che pure aveva avuto un&nbsp; buon impatto con la Liga, ci sarà nuovamente Colunga supportato da Diego Castro.&nbsp;<br>&nbsp;<br><br>LIGA – Programma 16/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Levante-Elche 2-1&nbsp; 25'Sapunaru(E) - 41'80'Barral(L)<br><br>Oggi<br><br>Osasuna-Real Madrid<br>Rayo Vallecano-Granada<br>Barcellona-Villarreal<br>Malaga-Getafe<br><br>Domani<br><br>Almeria-Espanyol<br>Real Sociedad-Real Betis<br>Siviglia-Athletic Bilbao<br>Atletico Madrid-Valencia<br><br>Lunedì<br><br>Valladolid-Celta Vigo<br><br>SpagnaFL0411FL0411real_madrid_gareth_bale.jpgSiNliga-giornata-16-real-a-pamplona-villareal-minaccia-barcellona-1012612.htmSi100427901,02,03010255
591012606NewsCalcio EsteroLiga, 15a giornata:l`Athletic Bilbao stende il Barcellona20131202094855Liga spagnoa, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridUn gol di «Bart« Iker Muniain stende il BarcellonaLa 15/a giornata della Liga spagnola regala sorprese, emozioni e la prima sconfitta stagionale in campionato del Barcellona, battuto di misura per&nbsp;1-0 al Nuovo San Mames da un super Athletic Bilbao, ancora imbattuto nel proprio stadio.<br>Dopo 7 anni e mezzo, dunque, i baschi di Bilbao tornano a vincere contro i catalani. A decidere la sfida la zampata di Iker Muniain, al secondo gol&nbsp;di fila dopo quello messo a segno in casa del Malaga la settimana scorsa. Il Barça, senza Messi, Valdes, Dani Alves, Jordi Alba e Puyol, incappa nella seconda&nbsp;sconfitta consecutiva, considerando anche quella di Champions contro l'Ajax, e, soprattutto, dimostra di essere privo di idee offensive.<br>Gli uomini di Valverde volano, così, al quarto posto, superando il Villareal,&nbsp;a quota&nbsp;29 punti; il Barcellona rimane a 40, sempre più in alto di tutti, ma raggiunto dall'Atletico Madrid di Simeone.<br>Tra le altre gare disputate ieri, da evidenziare la terza vittoria consecutiva per il Siviglia di Unai Emery, che raccoglie i tre punti in quel di Granada. 2-1 il risultato finale grazie alle reti siglate da Bacca e da Gameiro nel finale di partita. Il Siviglia, adesso, con 22 punti, può nuovamente sognare e lottare per un posto nelle coppe europee della prossima stagione.<br>Torna a sorridere anche il pubblico del Mestalla con la vittoria degli idoli di Valencia che travolgona l'Osasuna con un perentorio 3-0. Mattatore assoluto dell'incontro il brasiliano Jonas autore di una tripletta. Un successo che può ridare un po' di buon umore a tutto l'ambiente valencianista, che dovrà, comunque, superare i soliti problemi di concentrazione e&nbsp;ottenere continuità di risultati. Per l'undici di Pamplona, invece, si tratta della terza sconfitta negli ultimi<br>cinque incontri disputati.<br>Infine, termina 2-2 la sfida salvezza tra Betis e Rayo Vallecano. Un punto che di fatto non serve a nessuno; il Betis rimane in fondo alla&nbsp;classifica mentre il Rayo mantiene una lunghezza di vantaggio sulla terzultima posizione.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 15/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Getafe-Levante 1-0&nbsp; 79'Pedro Leon<br>Villarreal-Malaga 1-1&nbsp; 32'Soriano(V) - 94'Weligton(M)<br><br><br>SABATO<br><br>Elche-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 63'Koke-74'Diego Costa<br>Celta Vigo-Almeria 3-1&nbsp; 9'Suso(A) - 26'Orellana-49'Oubina-59'Charles(C)<br>Real Madrid-Valladolid 4-0&nbsp; 33'-64'-89'Bale-36'Benzema<br>Espanyol-Real Sociedad 1-2&nbsp; 31'Cordoba(E) - 69'Griezmann-88'A.gol Stuani(R)<br><br>IERI<br><br>Real Betis-Rayo Vallecano 2-2&nbsp; 27'Amaya-81'Verdu(Rb) - 51'-91'Bueno(RV)<br>Granada-Siviglia 1-2&nbsp; 23'Bacca-87'Gameiro(S) - 61'Brahimi(G)<br>Valencia-Osasuna 3-0&nbsp; 45'-48'-53'Jonas<br>Athletic Bilbao-Barcellona 1-0&nbsp; 70'Muniain<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 40<br>2)At.Madrid 40<br>3)Real Madrid 37<br>4)At.Bilbao 29<br>5)Villareal 28<br>6)Getafe 23<br>7)Real Sociedad 23<br>8)Siviglia 22<br>9)Valencia 20<br>10)Espanyol 18<br>11)Elche 17<br>12)Levante 17<br>13)Granada 17<br>14)Celta 15<br>15)Malaga 14<br>16)Osasuna 13<br>17)Rayo 13<br>18)Almeria 12<br>19)Valladolid 12<br>20)Betis 10<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411muniain.jpgSiNliga-spagnola-giornata-15-l-athletic-stende-il-barcellona-1012606.htmSi100427901,02,03010234
601012603NewsCalcio EsteroLiga,15a giornata: Real e Atletico Madrid non mollano 20131201093447Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid 3 gol e un assist per Gareth BaleNegli incontri di venerdì validi per la 15a giornata di Liga spagnola si riscatta il Getafe, che dopo averne subito 7 dall'Atletico la scorsa settimana, torna al successo, seppur di misura, sul Levante grazie al gol del bomber Pedro Leon. Il Getafe, così, torna nelle zone alte della classifica e, precisamente al sesto posto; di contro, il Levante continua ad essere risucchiato nella parte bassa della graduatoria. Delusione Villarreal, invece, che fallisce una&nbsp;clamorosa occasione&nbsp;per tenere il passo delle tre grandi del calcio iberico. Gli uomini di Marcelino non vanno oltre l'1-1 casalingo contro il Malaga che&nbsp;riesce ad acciuffare il pareggio soltanto a tempo scaduto con Weligton. Un punto che, quindi, risulta più utile agli ospiti.<br>Nella giornata di ieri, stravincono le due compagini di Madrid mettendo così sotto pressione la capolista Barcellona. Per l'Atletico di tratta della 13a vittoria&nbsp;stagionale in campionato raggiungendo quota 40 punti, gli stessi del Barça, che, ovviamente, deve ancora giocare. Gli uomini di Simeone liquidano in trasferta la pratica Elche con il più classico dei risultati, 2-0, in virtù delle reti siglate da Koke e Diego Costa.<br>Il Real non è da meno e travolge al “Bernabeu” il Valladolid con un rotondo 4-0 con Benzema e tripletta di Gareth Bale. <br>Nelle altre due sfide giocate ieri, ottimo successo in trasferta per la Real Sociedad che vince sul campo dell’Espanyol 2-1 grazie all’autorete di Stuani e al gol di Griezmann. Con questo successo la Real riscatta in parte l'eliminazione dalle coppe europee e si rilancia in campionato all'inseguimento della quarta piazza.<br>Infine, vittoria importantissima per il Celta Vigo di Luis Enrique, che rompe finalmente la maledizione del "Balaidos", regolando per 3-1 l'Almeria.<br>Quattro gli incontri in programma oggi. Il fanalino di coda Betis affronterà nel più classico degli scontri salvezza il Rayo Vallecano. Partita delicatissima per i padroni di casa, dunque, che non vincono tra le mura amiche da fine settembre; il Rayo, nonostante la penultima posizione in classifica, sembra essere più in forma dato che ha vinto due partite delle ultime quattro disputate in trasferta.<br>Poi toccherà a Granada e Siviglia che daranno vita ad uno dei tanti derby andalusi. Il Siviglia di Emery è squdra discontinua, certamente carica per gli ultimi due successi ottenuti, in casa dell'Espanyol e nel derby cittadino contro il Betis. Il Granada, invece, in casa ha vinto solo due volte in questa stagione e perso 5. Presumibilmente sarà un incontro equilibrato.<br>Valencia-Osasuna sarà un match importante soprattutto per il futuro di mister Djukic la cui panchina continua a traballare. La vittoria in Europa League ha certamente calmato momentaneamente l'ira dei valencianisti, che comunque non sono contenti dei risultati fin qui ottenuti. L’Osasuna, però, è un avversario tutt'altro che semplice, reduce dalla vittoria esterna contro il Valladolid per 1-0 e con due successi ottenuti nelle ultime 5 gare. <br>Infine, il Barcellona andrà di scena al Nuovo San Mamès di Bilbao e non sarà, almeno sulla carta, facile. Innanzitutto c'è da dire che storicamente il Barcellona è solito soffrire in terra basca, poi, c'è da aggiungere che l'Athletic è ancora imbattuto nel nuovo stadio e che sta giocando davvero bene, occupando meritatamente la quinta posizione in classifica. Le premesse, quindi, ci sono tutte, per poter aspettarsi un passo falso della capolista, reduce tralaltro dall'"anomala" sconfitta in Champions contro l'Ajax.<br>Valverde&nbsp; potrà contare sull’attaccante Aduriz che rientra dalla squalifica e su Balenziaga e l'ambiente a Bilbao è carico e la speranza di sconfiggere i primi della classe al massimo.<br>Il Tata Martino dovrà fare a meno di Messi, del portiere Valdes e di Jordi Alba; mentre Dani Alves, che non ha giocato ad Amsterdam, dovrebbe essere regularmente in campo. <br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 15/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Getafe-Levante 1-0&nbsp; 79'Pedro Leon<br>Villarreal-Malaga 1-1&nbsp; 32'Soriano(V) - 94'Weligton(M)<br><br>IERI<br><br>Elche-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 63'Koke-74'Diego Costa<br>Celta Vigo-Almeria 3-1&nbsp; 9'Suso(A) - 26'Orellana-49'Oubina-59'Charles(C)<br>Real Madrid-Valladolid 4-0&nbsp; 33'-64'-89'Bale-36'Benzema<br>Espanyol-Real Sociedad 1-2&nbsp; 31'Cordoba(E) - 69'Griezmann-88'A.gol Stuani(R)<br><br>OGGI<br><br>Real Betis-Rayo Vallecano<br>Granada-Siviglia<br>Valencia-Osasuna<br>Athletic Bilbao-Barcellona<br><br>SpagnaFL0411FL0411real_madrid_gareth_bale.jpgSiNliga-giornata-15-real-e-atletico-madrid-non-mollano-1012603.htmSi100427901,02,03010221
611012596NewsCalcio EsteroLiga, 14a giornata: Villareal insegue le grandi, poker del Siviglia nel derby20131125100444Liga, Barcellona, At.Madrid, Real Madrid, VillarealVillareal corsaro, Siviglia-Betis 4-0Quattro le gare giocate ieri valevoli perla 14a giornata di liga spagnola. Grande prestazione del Villarreal che cala il tris in casa del Levante, che rimane prestissimo in 10 uomini per l'espulsione del portiere, Navas, che causa il calcio di rigore con il quale gli uomini di Marcelinho passano in vantaggio. Diventa, così, tutto facile per il "sottomarino giallo" che controlla la partita, dilaga e si conferma come quarta potenza del campionato. Per il Villareal si tratta del terzo successo nelle ultime 5 gare disputate, mentre il Levante, con una sola vittoria nelle ultime 5 partite, si attesta a metà classifica.<br>Risorge dalle ceneri l'Espanyol di mister Aguirre che si impone per 4-1 in casa del Rayo Vallecano. Eroe del match, senza dubbio, Sergio Garcia autore di una splendida tripletta. Anche in questa partita pesa, e non poco, l'espulsione al minuto 25 di Ruben Martinez che causa il primo dei due calci di rigore trasformati da Garcia. Con la sconfitta di ieri il Rayo registra il peggior cammino casalingo dalla stagione 2002/2003 e con 12 punti si ritrova penultimo in compagnia di altre tre squadre. Per l'Espanyol si tratta, invece, di una boccata d'ossigeno e la prima vittoria in trasferta dopo due mesi. Da segnalare il ritorno al calcio giocato del difensore Víctor Álvarez che, a soli 20 anni, ha dovuto affrontare e superare un intervento al cuore nel maggio scorso.<br>Sconfitta a sorpresa, ma nemmeno troppo, del Valencia nel derby disputato ad Elche. Un derby che mancava da 25 anni e che, visto il primo tempo, avrebbe potuto tardare altri 25. Primo tempo, dunque, abulico con un Valencia che sembrava controllare la gara grazie, soprattutto, a Parejo, e che, però, non riusciva a trovare la giocata vincente. Tutta un'altra storia, invece, nella seconda parte dell'incontro, più vivave e ben giocato. Gli sforzi premiano il piccolo Elche che a 6 minuti dalla fine centra il gol vittoria grazie alla marcatura di Herrera.&nbsp; <br>Infine, il Siviglia fà suo il derby contro il Betis con un rotondo 4-0, che lascia i betici tramortiti e ultimi, in fondo alla classifica. <br>Si archivierà stasera la 14a di liga a "La Rosaleda" con Malaga-Athletic Bilbao. Da un lato i padroni di casa guidati da Schuster, irregolari sia nel gioco che nei risultati, dall'altro l'Athletic che, giornata dopo giornata, ha preso fiducia, è quinto in classifica e destinato a giocarsi un posto per l'Europa. <br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 14/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Valladolid-Osasuna 0-1&nbsp; 84'Oier<br><br>SABATO<br><br>Barcellona-Granada 4-0&nbsp; 20'Iniesta-40'Fabregas-71'Sanchez-90'Pedro<br>Real Sociedad-Celta Vigo 4-3&nbsp; 6-71'-78'-81'Vela(R) - 23'-57'Rafinha-28'Lopez(C)<br>Almeria-Real Madrid 0-5&nbsp; 3'C.Ronaldo-61'Benzema-72'Bale-75'Isco-81'Morata<br>Atletico Madrid-Getafe 7-0&nbsp; 26'-52'R.Garcia-37'A.gol Lopo-49'-78'Villa-69'Diego Costa-93'Adrian<br><br>IERI<br><br>Levante-Villarreal 0-3&nbsp; 13'Soriano-74'-89'Uche<br>Rayo Vallecano-Espanyol 1-4&nbsp; 28'51'-83'S. Garcia-85'Stuani(E) - 81'Niguez(R)<br>Elche-Valencia 2-1&nbsp; 57'Fidel-84'Herrera(E) - 73'Bernat(V)<br>Siviglia-Betis Siviglia 4-0&nbsp; 2'Bacca-44'Mbia-59'Machin,88'Iborra<br><br>OGGI<br><br>Malaga-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 40<br>2)At.Madrid 37<br>3)Real Madrid 34<br>4)Villareal 27<br>5)At.Bilbao 23<br>6)Getafe 20<br>7)Real Sociedad 20<br>8)Siviglia 19<br>9)Espanyol 18<br>10)Elche 17<br>11)Valencia 17<br>12)Levante 17<br>13)Granada 17<br>14)Malaga 13<br>15)Osasuna 13<br>16)Celta 12<br>17)Almeria 12<br>18)Rayo 12<br>19)Valladolid 12<br>20)Betis 9<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-14-villareal-insegue-le-big-poker-del-siviglia-1012596.htmSi100427901,02,03010220
621012594NewsCalcio EsteroLiga, 14a giornata: Barça, Atletico e Real inarrestabili20131124103156Liga, Barcellona, Atletico Madrid, Real MadridPoker del Barça, manita del Real, l`Atletico ne fa 7Nell'anticipo della 14a giornata di Liga Spagnola l'Osasuna, dopo due sconfitte di fila che l'avevano riportata in piena bagarre per la salvezza, riscopre il gusto della vittoria&nbsp;in casa del Valladolid. Successo di misura grazie alla rete siglata da Oier a 6 minuti dalla fine. Il Valladolid, che non vince da 4 giornate, naviga adesso in brutte acque nonostante il buon inizio di campionato.<br>Nella giornata di ieri le tre big del calcio iberico hanno surclassato i rispettivi avversari. La capolista Barcellona, priva di Messi,Xavi, Victor Valdes e Dani Alves, ne rifila quattro al Granada mantenendo la vetta e tenendo a debita distanza le inseguitrici. Iniesta, Fabregas, Sanchez e Pedro firmano il poker.<br>L'Atletico Madrid risponde al Barcellona annientando il "povero" Getafe, che comunque era una delle squadre più in forma prima della sosta, sommergendolo con 7 reti.&nbsp;Doppietta per Villa e Raul Garcia, in gol anche Diego Costa che raggiunge quota 14 centri su altrettanti incontri disputati. <br>A -3 dai "colchoneros" si conferma il Real Madrid di Carlo Ancelotti, che, in casa dell'Almeria vince col perentorio punteggio di 5-0. Apre le marcature il solito Cristiano&nbsp; Ronaldo (17 in campionato e sempre più vicino alla conquista del pallone d'oro), Benzema, Bale, Isco e Morata. <br>L'incontro più spettacolare ed emotivamente più combattuto è stato quello giocato a San Sebastian tra Real Sociedad e Celta Vigo. <br>Baschi scatenati e vittoriosi per 4-3 grazie al poker di reti firmato dal messicano, ex Arsenal, Carlos Vela che fa letteralmente impazzire la difesa di Luis Enrique, che deve arrendersi nonostante l’ottima prestazione.<br>Come consuetudine saranno 4 gli incontri della domenica di Liga. Si parte con il derby della regione valenciana tra Levante e Villareal. La squadra di casa,&nbsp;prima della sosta, aveva perso due incontri di fila contro Granada e Athletic Bilbao scivolando così al decimo posto della graduatoria. Una vittoria risolleverebbe il morale e, probabilmente, riporterebbe gli uomini di Caparròs nuovamente in zona Europa, ma il cammino casalingo fino ad ora è stato deficitario ed occorre una grande prestazione per poter avere la meglio sui "cugini" del Villareal. Dal canto loro, gli uomini di Marcelinho, che continuano a mantenere la quarta posizione, hanno<br>dimostrato una grande solidità che ha messo in difficoltà persino club più blasonati del "piccolo" Levante.<br>Poi, sarà la volta di Rayo Vallecano-Espanyol. Gli ospiti non vincono da ben 5 turni, racimolando solo un pareggio e scivolando in classifica non molto distanti dalla zona retrocessione. Il Rayo, invece, è squadra che non conosce il segno X e proprio oggi il pareggio non servirebbe granchè a nessuna delle due, anche se muovere quantomeno la classifica sarebbe sempre meglio.<br>A seguire andrà di scena l'altro derby di giornata della regione valenciana, quello tra l'Elche ed il Valencia. L'Elche è reduce da due pareggi e due sconfitte nelle ultime 4 giornate ma ha ampiamente dimostrato di mettere in difficoltà chiunque se gioca con intensità e caparbietà. Attualmente tredicesimo, non male per esere una matricola ed uno dei club con il bilancio più basso dell'intero campionato. Che dire del Valencia; fino ad ora è una grande delusione e non riesco a trovare altri aggettivi se non mediocre. I tifosi sono infuriati e chiedono a viva voce amore per la maglia e, invece, puntualmente, trovano in campo 11 damerini che nemmeno sudano.<br>Infine, altro derby, quello andaluso stavolta, tra le due compagini di Siviglia. Il derby sivigliano ha sempre offerto intensità, passione ed emozioni, e stavolta si tinge anche di una componente drammatica per entrambe le squadre. Il Betis occupa attualmente l'ultima posizione in classifica e nemmeno il Siviglia vive momenti sereni. <br>Se negli anni passati questo derby significava ben altro con entrambe le squadre a lottare, almeno, per un posto in Europa League, questa serà in palio c'è molto di più dei tre punti.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 14/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Valladolid-Osasuna 0-1&nbsp; 84'Oier<br><br>IERI<br><br>Barcellona-Granada 4-0&nbsp; 20'Iniesta-40'Fabregas-71'Sanchez-90'Pedro<br>Real Sociedad-Celta Vigo 4-3&nbsp; 6-71'-78'-81'Vela(R) - 23'-57'Rafinha-28'Lopez(C)<br>Almeria-Real Madrid 0-5&nbsp; 3'C.Ronaldo-61'Benzema-72'Bale-75'Isco-81'Morata<br>Atletico Madrid-Getafe 7-0&nbsp; 26'-52'R.Garcia-37'A.gol Lopo-49'-78'Villa-69'Diego Costa-93'Adrian<br><br>OGGI<br><br>Levante-Villarreal<br>Rayo Vallecano-Espanyol<br>Elche-Valencia<br>Siviglia-Betis Siviglia<br><br>DOMANI<br><br>Malaga-Athletic Bilbao<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-14-barcellona-atletico-e-real-inarrestabili-1012594.htmSi100427901,02,03010255
631012582NewsCampionatiMessi, Ronaldo, Ribery: A chi il Pallone d`Oro?20131114095811Pallone d`oro, Ribery, Messi, Cristiano RonaldoChi lo merita di più?Si avvicina&nbsp;l'assegnazione del Pallone d'Oro e, quest'anno, Messi, secondo il mio modestissimo parere, non lo merita.<br>Negli ultimi anni è prevalso il criterio di calcolare più le prestazioni individuali che&nbsp;i risultati complessivi&nbsp;con la&nbsp;squadra d'appartenenza. E ciò può essere giusto fino ad un certo punto; <br>le vittorie finali con&nbsp;il club&nbsp;di appartenenza dovrebbero pesare di più.&nbsp;Semplicemente per il fatto che se non si vince nulla con&nbsp;la propria&nbsp;squadra, a nulla serve segnare 60 reti stagionali.<br>Nel 2009 il talentuoso argentino vinse ben 6 competizioni nelle quali risultò sempre<br>determinante, segnando un totale di 49 reti e fornendo 10 assist. Meritatissimo e in più con il<br>record di totalizzare ben 473 punti su 480 disponibili.<br>Nel 2010 siglò 51 gol e fornì 22 assist. Eppure Iniesta e Xavi avevano vinto anche la Coppa del Mondo e, a mio avviso, avrebbero meritato di vincerlo più di Messi.<br>Nel 2011 si registrarono 77 reti e 27 assist e il Barcellona vinse campionato, champions e supercoppa di Spagna. Meritatissimo dunque e con un Cristiano Ronaldo, però, più vicino all'argentino in quanto a statistiche individuali: 71 gol e 16 assist.<br>Nel 2012 il Barcellona portò a casa la supercoppa, la Coppa del Re e la Coppa Intercontinentale e Messi concluse la stagione con 75 gol all'attivo più 14 assist. E il Real Madrid vinse il campionato dei record grazie ad un decisivo Cristiano Ronaldo autore di 62 reti e 14 assist. Forse in quest'occasione il portoghese avrebbe meritato il Pallone d'Oro molto più di Messi. <br>Quest'anno Lionel Messi è stato più discontinuo anche per via di vari, leggeri, infortuni che però<br>ne hanno condizionato il rendimento; ed anche stato meno decisivo rispetto al passato nei successi del Barcellona, evidenziando un mediocre stato di forma fisico&nbsp;e psicologico.<br>Di contro, i due contendenti principali nella corsa al pallone d'oro di quest'anno risultano sempre più decisivi.<br>Franck Ribery, infatti, ha conquistato il "triplete" con il suo Bayern Monaco, scrivendo una delle pagine più gloriose della storia del club tedesco, mentre il fortissimo Cristiano Ronaldo ha dovuto fare i conti con un Real Madrid pieno di difetti e rimasto a guardare mentre il Bayern vinceva tutto e il Barça si riappropriava della Liga.<br>Per quanto riguarda le statistiche individuali, che in generale è quello che pesa di più nell'assegnazione del prestigioso&nbsp;trofeo, Messi ha segnato 45 reti e fornito 17 assist e per causa del recente infortunio&nbsp;non potrà migliorarsi; Cristiano è stato autore di 62 reti e 16 assist.<br>In quanto a numeri individuali, certamente, Ribery non può competere con Messi e Ronaldo. Per lui "solo" 19 reti e 22 assist. <br><br>Ma il campione di Boulogne-sur-Mer non ha mai perso una partita con il suo Bayern Monaco. E, forse, non è un caso che nell'unica sconfitta, quella contro il Borussia Dortmund nella supercoppa di Germania, lui non ci fosse.<br>Ciononostante, però, bisogna tenere conto che nella lista dei papabili ci sono anche i vari Robben, Schweinsteiger, Lahm, Müller e Neuer che inevitabilmente “ruberanno” voti a Ribery favorendo, così, indirettamente l'argentino o il portoghese. <br>Io, personalmente, non avrei dubbi ad assegnare il Pallone d'oro a Franck Ribery.<br><br><br>EuropaFL0411FL0411ribery.jpgSiNmessi-cristiano-ribery-a-chi-il-pallone-d-oro-1012582.htmSi100427901,02,03010230
641012577NewsEditorialeIl calcio italiano alle prese con la stupidità sociale20131113090041calcioRiflessioni sui fatti avvenuti a Torino e SalernoQuante volte abbiamo sentito frasi come: “La madre dei cretini è sempre incinta”, oppure “Perché l’intelligenza umana ha dei limiti e la stupidità no?” e ancora ”Il cervello deve essere una bevanda buona, perché molti ultimamente se lo bevono”. Sono modi di dire, aforismi, parole forti, profonde, rispolverate ogniqualvolta accade qualcosa di assurdo, d’inspiegabile, d’insostenibile, che l’essere umano è capace di produrre, ripetere e perseverare con illogica facilità. I cori anti napoletani sbraitati allo Juventus Stadium dalle curve dei “tifosi” bianconeri e gli striscioni carichi di insulti gratuiti, non potevano far altro che decretare da parte del Giudice Sportivo una squalifica pesante. Infatti, a seguito di fatti così stupidamente gravi, le curve dello Stadium rimarranno chiuse per la gara con l’Udinese, mentre per la successiva partita contro il Sassuolo toccherà soltanto alla curva sud. Ma, la grande riflessione di base è che l’epidemia dilagante del malcostume del football italiano, si genera e si manovra attraverso gruppi organizzati di ultras. Una sorta di potere neanche tanto occulto, capace di gestire e comandare società di calcio e relative squadre. E, come se non fossero già disonorevoli e offensivi i fatti accaduti allo Stadium della Juve, anche a Salerno, nel campionato di Lega Pro si è scatenata la rabbia degli ultras della Nocerina che, impossibilitati ad assistere alla partita Salernitana – Nocerina per divieto assoluto da parte del questore di Salerno Antonio De Iesu, hanno obbligato i giocatori della Nocerina a non giocare la partita, urlando frasi intimidatorie. I calciatori della Nocerina, letteralmente terrorizzati, sono scesi in campo e, ipocritamente, hanno fatto finta di essersi fatti male in gruppo ritornando immediatamente negli spogliatoi. Un fatto di inaudita gravità che offende la cultura sociale e il senso civile. Il questore di Salerno ha firmato 20 DASPO (acronimo di Divieto di Accedere alle manifestazioni Sportive) per i primi “tifosi” della Nocerina identificati dalle indagini sugli atti di intimidazione ai calciatori in ritiro. Duro il Presidente della FIGC Giancarlo Abete che ha detto: “Era meglio che la società, i giocatori e i tecnici della Nocerina, evidenziassero di non essere nelle condizioni di serenità per entrare in campo. Non ci sta proprio quella sceneggiata. E’ indecorosa, indegna”. Di rimando, gli ultras della Nocerina hanno diramato un comunicato: “Non abbiamo minacciato di morte nessuno, abbiamo chiesto solo un gesto eclatante”. Insomma, chiamarla vergogna è come fare una carezza. Definirla “insostenibile leggerezza della stupidità” è ancora troppo poco. Insomma, la verità è che queste guerriglie, questi fatti incresciosi che mortificano l’umanità e mettono a repentaglio talora anche la vita delle persone, è davvero disonorevole. Ci appelliamo dunque ai Poteri Forti del Calcio, FIGC, CONI, Società di Calcio, Giocatori, Addetti ai lavori, Spettatori, Media, ma anche al Governo Italiano (ci sei ?), di agire con fermezza, non tanto nell’inventare altri pesanti divieti e punizioni che producono soltanto rivolte e disordini a discapito del miglioramento, quanto a cominciare un percorso culturale che possa partire dal basso, denunciando sul nascere e, in sinergia, ciò che non deve allargarsi a macchia d’olio. L’omertà non ha mai fatto il bene sociale; la verità, si.<br><br> Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><br><br>C1012317FL0711FL0711salernitana-nocerina.jpgSiNil-calcio-italiano-alle-prese-con-la-stupidita-sociale-1012577.htmSi100451001,02,03,06010305
651012574NewsCalcio EsteroLiga, 13a giornata: Pari tra Villareal e Atletico, il Barcellona allunga20131111100513Liga, Real Madrid, Barcellona, Atlético, VillarealIl Barcellona perde Messi ma allunga sulle rivaliSi è conclusa la 13a giornata di Liga spagnola e il Barcellona allunga grazie alla vittoria in casa del Betis ed al concomitante pareggio dell'Atletico Madrid in&nbsp;casa del Villareal. <br>I catalani, nonostante non abbiano disputato una grande gara, nonostante Messi sia dovuto uscire dal campo per infortunio dopo 20 minuti, nonostante mancasse gente del calibro di Piquè, Mascherano, Sanchez e Busquets, ha rifilato quattro reti, tutte in contropiede, alla formazione betica. <br>I padroni di casa, che sono riusciti a segnare il gol della bandiera al 92’ con un rigore di Jorge Molina, hanno provato a giocarsi la partita a viso aperto, ma hanno mostrato tutte le pesanti lacune difensive che ne determinano attualmente l’ultima posizione in classifica.<br>Come accennato, l'Atletico non va oltre il pareggio in quel di Villareal. Incontro deciso da due autoreti per tempo che obbligano i "colchoneros" al primo pareggio della stagione. All'autorete, nei primi minuti di gioco, di Mario Gaspar si somma l'autogol, nella seconda frazione di gioco, di Juanfran, che insacca nella propia porta un cross basso nel goffo tentativo di anticipare Ikechukwu Uche.<br>Negli altri due incontri disputati ieri da registrare la grandissima prestazione del Siviglia di Unai Emery, forse la migliore degli andalusi in questa stagione, sul campo dell'Espanyol. Vittoria importantissima, dunque, sia perchè consente di muovere la classifica, sia perchè il Siviglia non vinceva in trasferta addirittura dal 24 settembre 2012. Di contro, l'Espanyol conferma di essere una squadra poco costante che alterna grandi risultati e prestazioni a sconfitte senza appello come quella di ieri. <br>Infine, il Valencia non riesce, ancora una volta, a sfruttare il fattore campo ed impatta per 2-2 con il Valladolid. Gli uomini di Djukic non solo non sono riusciti a conquistare la vittoria, ma sono stati persino costretti a rimontare due volte il vantaggio "pucelano". Per gli ospiti segnano Javi Guerra e Alcatraz; per il Valencia rispondono Pabon e Feghouli.&nbsp;Da segnalare l'errore dal dischetto al minuto 5 dell'argentino Banega che, forse, avrebbe permesso al Valencia di impostare la gara in maniera diversa. La Liga ritornerà in campo, "causa" gli impegni della Nazionali,&nbsp;a partire dal 22 noviembre con il Barcellona chiamato alla prova casalinga contro il Granada, l'Atletico contro il Getafe, mentre&nbsp;il Real Madrid visiterà un redivivo Almeria.<br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 13/a Giornata<br><br>VENERDì<br><br>Osasuna-Almeria 0-1&nbsp; 18'Rios<br>Granada-Malaga 3-1&nbsp;&nbsp; 48'-59'-77'El Arabi(G) - 54'Juanmi(M)<br><br>SABATO<br><br>Real Madrid-Real Sociedad 5-1&nbsp; 12'-26'-76'C.Ronaldo-18'Benzema-36'Khedira(RM) - 61'Griezmann(RS)<br>Getafe-Elche 1-1&nbsp; 18'Pedro Leon(G) - 61'Boakye(E)<br>Athletic Bilbao-Levante 2-1&nbsp; 33'Barral(L) - 72'Rico-84'Aduriz(A)<br>Celta Vigo-Rayo Vallecano 0-2&nbsp; 24'Viera-73'Larrivey<br><br>IERI<br><br>Espanyol-Siviglia 1-3&nbsp;&nbsp;&nbsp; 3'Fazio-10'Vitolo-58'Bacca(S) - 23'S.Garcia(E)<br>Valencia-Valladolid 2-2&nbsp;&nbsp; 9'Guerra-50'Garcia(VD) - 29'Pabon-76'Feghouli(VL)<br>Villarreal-Atletico Madrid 1-1&nbsp;&nbsp; 2'A.gol Mario(A) - 79'A.gol Juanfran(V)<br>Betis Siviglia-Barcellona 1-4&nbsp;&nbsp; 35'Neymar-37'Pedro-63'-79'Fabregas(B) - 92'Molina(BS)<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 37<br>2)At.Madrid 34<br>3)Real Madrid 31<br>4)Villareal 24<br>5)At.Bilbao 23<br>6)Getafe 20<br>7)Levante 17<br>8)Real Sociedad 17<br>9)Valencia 17<br>10)Granada 17<br>11)Siviglia 16<br>12)Espanyol 15<br>13)Elche 14<br>14)Malaga 13<br>15)Celta 12<br>16)Almeria 12<br>17)Rayo 12<br>18)Valladolid 12<br>19)Osasuna 10<br>20)Betis 9<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411fabregas.jpgSiNliga-giornata-13-pari-tra-villareal-atletico-il-barcellona-allunga-1012574.htmSi100427901,02,03010229
661012572NewsCampionatiJuventus, Conte: «Higuain forte ma noi abbiamo Tevez in avanti»20131110183458juventusC’eravamoC’eravamo anche noi a rappresentare il Calcio24, alla conferenza stampa indetta da Antonio Conte prima della partita di domenica sera contro il Napoli. Alle 14,30 di sabato 9 novembre, il tecnico juventino si presenta puntuale nella sala stampa di Vinovo. Idee chiare e concetti che non lasciano trasparire incertezze, vengono espressi dal tecnico bianconero sul modulo di gioco da applicare contro i partenopei di Benitez. I temi toccati sono stati i più disparati: dalla difesa che ritorna a 3, all’importanza della partita, alla risposta a ciò che ha detto Benitez in conferenza stampa, a Pepe, a Carlos Tevez e poi anche a Fernando Llorente. Questi i punti e i personaggi volutamente toccati per significare l’importanza del match. <BR>Difesa: “L’assenza di Caceres pesa, perché mi hanno tolto l’unico terzino che mi era rimasto. Per questo motivo sono obbligato al ritorno in campionato con il modulo 3-5-2, dato che il 4-3-3 in queste condizioni è di difficile attuazione. Per quanto riguarda Chiellini, dobbiamo ancora decidere, ma non c’è molto ottimismo e sarà difficile recuperarlo in tempo per domani. La sosta per la Nazionale ci permetterà di recuperare tutti gli infortunati”.<BR>Pensieri e previsioni su Juve– Napoli: “Sarebbe bello che potesse vincere questo importante match, la squadra che ha espresso il miglior calcio sul campo nell’arco dei 90 minuti. Penso che né noi e neanche loro vogliano pareggiare la partita. E’ nell’interesse di tutti il desiderio di superarsi. Ma in un campionato difficile come il nostro, tutte le partite sono importanti e tutte valgono tre punti. Domani, inizialmente terrò fuori un centrocampista, visto che contro il Real hanno giocato tutti e quattro. Poi, a partita in corso, vedrò di inserirlo. Questa, per me, è un’arma importante”.<BR>Benitez: “Il tecnico del Napoli ha detto che la sua squadra è solo al 75%? Pensiamo cosa farà quando raggiungerà il 100%. Magari non ci sarà neanche campionato, visto che attualmente sia noi che loro siamo pari, a tre punti di distacco dalla Roma capolista. Spero che Benitez capisca che se quest’anno non vince il campionato non avrà fatto nulla”.<BR>Pepe: “Giustamente mi chiedete di Pepe. Seguo il suo processo di miglioramento fisico, ma per quanto riguarda i tempi di recupero e la completa guarigione del ragazzo, è giusto che si pronunci lo staff medico. Io sono l’allenatore”.<BR>Carlos Tevez: “Non è solo un giocatore importante, è uno che ha carisma ed è capace di trascinare la squadra. Lui ama segnare, ma la sua qualità tecnica è tale che riesce anche a far segnare. Per me è un bene che il C.T. argentino Sabella non l’abbia convocato in Nazionale. Sarebbe stato un bel guaio. Higuain? è un giocatore di grande spessore e, quest’estate, sarebbe potuto arrivare anch’egli alla Juve. Ma noi stiamo bene con Carlos. E poi, il Napoli ha pagato 40 milioni di euro il centravanti argentino, ed ha preso altri due giocatori dal Real…..!”<BR>Llorente: “Fernando può e deve migliorare. Sta a lui applicarsi con serietà, così come ha fatto in questo primo scorcio di campionato. Penso che più imparerà a conoscere il campionato italiano e i suoi giocatori, e migliori saranno le sue prestazioni in campo. D’altra parte, il ragazzo sa bene che il posto da titolare se lo deve guadagnare come tutti. L’attacco della Juve ha ottimi giocatori e lui deve dimostrare di essere meglio degli altri”. <br><br> Salvino Cavallaro<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><br><br>C1012317FL0711FL0711c-33509839.jpgSiNjuventus-conte-higuain-e-forte-ma-noi-abbaimo-tevez-in-avanti-1012572.htmSiT1000007100451001,02,03,06,08030367
671012571NewsCalcio EsteroLiga, 13a giornata: «Manita del Real Madrid; oggi il big-match Villareal-Atletico20131110092422Liga 13a giornata, Real Madrid, Atletico, Barcellona, VillarealIl Santiago Bernabeu al grido di Ronaldo balòn de oroTredicesima giornata di Liga spagnola e terza vittoria di fila per il Real Madrid di Carlo Ancelotti, il quale sembra aver modellato finalmente la propria creatura. E' un 5-1, con gol di Benzema, Khedira e tripletta di Ronaldo (16 reti complessive in liga), che consente al Real di accorciare momentaneamente le distanze in attesa, chiaramente, che scendano in campo anche le prime due della classe, Barcellona e Atletico Madrid. Una goleada, quella del Real, frutto di un <br>gioco corale, ordinato e preciso, con Modric e Xabi Alonso padroni assoluti del centrocampo a dirigere l'orchestra e ad unire magistralmente i vari reparti. <br>Si può considerare la migliore prestazione del Real dell'era Ancelotti, che è appena iniziata, e la prova sta nel fatto che si è andati all'intervallo sul punteggio di 4-0, fedele riflesso di ciò che stava accadendo sul campo. Nel secondo tempo il Real è leggermente calato ma era logico che si riducesse la pressione sull'avversario con 4 gol di vantaggio. Poi, Griezmann ed una punizione magistrale di Ronaldo, acclamato dal Santiago Bernabeu al grido di "Ronaldo Balòn de oro", hanno inchiodato il risultato sul definitivo 5-1.<br>Vittoria in rimonta per l'Athletic Bilbao, che conserva, anche se con qualche difficoltà, l'imbattibilità del Nuovo San Mamès. A sfiorare il colpaccio il Levante di Joaquín Caparrós. Valenciani in vantaggio, appunto, grazie alla rete di Barral e poi vittime della veemente reazione basca che ribalta il risultato con i gol di Rico e Aduriz (entrambi entrati a partita in corso) tra il 72' e l'84' minuto. Da rilevare che la vittoria di misura dell'Athletic sarebbe potuta essere molto più ampia se se non fosse stato per l'estremo difensore levantino, Keilor Gamboa Navas, in giornata di grazia. Con questo successo i baschi volano a quota 23 punti, mentre per il Levante si <br>tratta della seconda sconfitta stagionale in trasferta.<br>Finisce&nbsp;1-1 la sfida tra Getafe ed Elche. Primo tempo noiosissimo con le due squadre incapaci di creare chiare occasioni da gol, eccezion fatta per il vantaggio dei padroni di casa grazie alla vena realizzativa del solito Pedro Leon. Secondo tempo più vivace ma con un Getafe impreciso e con un Elche mai domo, che agguanta il pari grazie al colpo di testa vincente dello juventino Richmond Boakye.<br>Infine, colpo a sorpresa del Rayo Vallecano in casa del Celta Vigo grazie alle firme di Viera e dell'ex cagliaritano Larrivey. Rayo e Celta adesso si ritrovano appaiate in classifica e per il Celta continua la maledizione "Balaidos" dove non è ancora riuscito a vincere in questa stagione.<br>Oggi in programma quattro incontri, che chiuderanno il programma della 13a giornata. Alle 12 toccherà ad Espanyol e Siviglia. Entrambe non vivono un buon momento considerando anche la posizione in classifica. Gli uomini di Aguirre devono riscattare la sconfitta di Elche e, più in generale, interrompere l'altalena di risultati che fino a questo momento ha caratterizzato il loro cammino. Il Siviglia è reduce dalla vittoria contro l'Osasuna e dal pareggio in Europa League contro lo Slovan Liberec.<br>Alle 17 il Valencia riceverà il Valladolid e sarà un banco di prova importante per mister Djukic. La vittoria in Europa League contro il San Gallo e il conseguente passaggio del turno ha leggermente riequilibrato il rapporto tra squadra e tifosi ma una sconfitta, oggi, potrebbe far saltare la panchina valenciana.<br>Da un punto di vista meramente statistico, Valencia e Valladolid si sono affrontati al Mestalla in 39 occasioni, con un bilancio di 27 successi per i padroni di casa, 6 pareggi e 6 vittorie per gli ospiti. <br>Alle 19, il big-match di giornata tra Villareal e Atletico Madrid. I padroni di casa, fino ad ora, non avrebbero potuto fare meglio, avendo totalizzato 23 punti e raggiunto la quarta posizione in classifica. Dall'altro lato uno splendido Atletico Madrid, che ha già raggiunto gli ottavi di Champions grazie ad una grande compattezza e aggressività in tutti i reparti. <br>Infine, alle 21 si chiuderà con Betis-Barcellona. I padroni di casa sono allo sbando, penultimi con solamente 9 punti, e totalmente involuti rispetto alla scorsa stagione. L'ambiente è amareggiato e deluso e la sfida con il Barcellona difficilmente potrà risollevare gli animi. I catalani, di contro, pur non essendo quelli degli anni passati, quelli del tiki-taka tanto per intenderci, stanno dimostrando una concretezza disarmante. Si contano meno palle gol è vero, ma il Barcellona è sempre lì, più in alto di tutte le altre con 36 punti conquistati sui 34 disponibili. <br><br><br>LIGA – Risultati 13/a Giornata<br><br>VENERDì<br><br>Osasuna-Almeria 0-1&nbsp; 18'Rios<br>Granada-Malaga 3-1&nbsp;&nbsp; 48'-59'-77'El Arabi(G) - 54'Juanmi(M)<br><br>IERI<br><br>Real Madrid-Real Sociedad 5-1&nbsp; 12'-26'-76'C.Ronaldo-18'Benzema-36'Khedira(RM) - 61'Griezmann(RS)<br>Getafe-Elche 1-1&nbsp; 18'Pedro Leon(G) - 61'Boakye(E)<br>Athletic Bilbao-Levante 2-1&nbsp; 33'Barral(L) - 72'Rico-84'Aduriz(A)<br>Celta Vigo-Rayo Vallecano 0-2&nbsp; 24'Viera-73'Larrivey<br><br>OGGI<br><br>Espanyol-Siviglia<br>Valencia-Valladolid<br>Villarreal-Atletico Madrid<br>Betis Siviglia-Barcellona<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-13-manita-del-real-madrid-big-match-villareal-atletico-1012571.htmSi100427901,02,03010238
681012565NewsCalcio EsteroLiga, 13a giornata: Il Real Madrid ospita la Real Sociedad20131109095548Liga, Real MadridSfida «Real« per AncelottiGiocati ieri due anticipi di Liga spagnola valevoli per la 13a giornata di campionato. A Pamplona un redivivo Almeria conquista l'intera posta in palio con un successo col minimo scarto, in virtù del gol di Rodrigo Rios Lozano, che non perdona un madornale errore dell'estremo difensore dell'Osasuna e regala ai suoi la terza vittoria consecutiva. Almeria, quindi, a quota 12 punti e attualmente fuori dalla zona calda della retrocessione. Per l'Osasuna, invece, sembra una piccola crisi dato che si tratta del secondo ko di fila e, nonostante i buoni risultati nel mese di ottobre, la squadra allenata da Javi Gracia, con 10 punti, torna ad occupare<br>la terzultima posizione,<br>Nell'altro incontro giocato ieri, il Granada batte il Malaga per 3-1 con una splendida tripletta del marocchino Youssef El Arabi. Con il successo di ieri, il Granada di Giampaolo Pozzo diventa la regina delle squadre andaluse portandosi a soli tre punti dalla zona coppe. Totalmente differente la situazione del Malaga che, con 13 punti ed una sola vittoria negli ultimi cinque incontri disputati, sembra avere smarrito totalmente il proprio blasone.<br>Quattro gli incontri in programma oggi. Alle 16, al Santiago Bernabeu, sfida champions, tra Real Madrid e Real Sociedad. Le "merengues" sono terzi con 28 punti, mentre i baschi occupano il settimo posto a quota 17. Nonostante la già raggiunta qualificazione agli ottavi di Champions, Carlo Ancelotti fatica ad entrare nel cuore degli esigenti tifosi del Real. Vuoi perchè le sconfitte contro Barcellona ed Atletico bruciano ancora; vuoi perchè, sommando il tutto, i buoni risultati fin qui ottenuti sono più frutto delle giocate individuali dei grandi campioni che di un gioco lucido, ragionato e spettacolare. In questa stagione "liguera", tra le mura amiche il Real ha ottenuto 15 dei 18 punti a disposizione e per la Real Sociedad sarà un'impresa alquanto complicata uscire dal Bernabeu con almeno un punto. Certo è che i baschi,&nbsp;guidati da Arrasate, hanno di nuovo un buon rendimento, dopo un inizio davvero difficile. Nelle ultime 4 partite, infatti, hanno ottenuto 10 punti e mercoledì scorso sono riusciti a strappare un punto all'Old Trafford. <br>Alle 18 sarà il turno di Getafe ed Elche. I padroni di casa hanno perso le ultime due partite casalinghe contro Valencia e Athletic Bilbao ed hanno bisogno&nbsp;impellente di tornare al successo per confermarsi nele parti alte della classifica. L'Elche, in ogni caso, si è già guadagnato il rispetto di tutti grazie ad un gioco di squadra ben organizzato ed al forte spirito combattivo dei suoi interpreti anche se negli ultimi 4 incontri gli ilicitani hanno conquistato un solo punto. E' un inedito di Liga, infatti le due squadre si sono affrontate prima d'ora solo nelle categorie inferiori e in quattro occasioni; il bilancio al Coliseum è di una vittoria per parte e due pareggi.<br>Alle 20, al Nuovo San Mamès, si affronteranno Athletic e Levante, rispettivamente quinta e ottava in classifica. I baschi, allenati da Valverde, sono motivatissimi considerato che il Villareal, quarto, è a soli tre punti. Il Levante, di contro, non vince da due giornate e alterna passi falsi casalinghi ad ottimi risultati in trasferta, per cui può essere una partita aperta a qualsiasi risultato.<br>Chiuderanno il sabato di Liga, infine, Celta e Rayo Vallecano. Entrambe le compagini hanno bisogno di punti per allontanarsi dalla palude della zona retrocessione.<br>Il Rayo è il fanalino di coda con 9 punti e non perde al "Balaìdos" contro il Celta dal 1996. Inoltre dovrà fare a meno del centrocampista Adrián González, che ne avrà per un mese circa.<br>Grande ex dell'incontro sarà Roberto Trashorras che ha vestito la maglia celeste del Celta dal 2008 al 2011. Situazione difficile, quindi, anche per la compagine di Vigo che è 15a con 12<br>punti ed è reduce, però,&nbsp;dalla incoraggiante vittoria contro il Siviglia.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Programma e Risultati 13/a Giornata<br><br>IERI<br><br>Osasuna-Almeria 0-1&nbsp; 18'Rodrigo Rios<br>Granada-Malaga 3-1&nbsp;&nbsp; 48'-59'-77'El Arabi(G) - 54'Juanmi(M)<br><br>OGGI<br><br>Real Madrid-Real Sociedad<br>Getafe-Elche<br>Athletic Bilbao-Levante<br>Celta Vigo-Rayo Vallecano<br><br>DOMANI<br><br>Espanyol-Siviglia<br>Valencia-Valladolid<br>Villarreal-Atletico Madrid<br>Betis Siviglia-Barcellona<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-13-real-madrid-ospita-real-sociedad-1012565.htmSi100427901,02,03010244
691012560NewsCalcio EsteroLiga, 12a giornata: Barcellona, Real ed Atletico inarrestabili20131103095524Liga spagnola, Barcellona, Real, Atletico MadridVincono le prime della classe&nbsp;<BR><BR>Nessuna sorpresa eclatante ma tante emozioni nella 12a giornata di Liga spagnola. Nell'anticipo del venerdì il Barcellona fà suo, di misura, il derby catalano.<BR>Un Barcellona poco in partita, forse con la testa già alla Champions League, ha la meglio sui "cugini" dell'Espanyol grazie al gol di Alexis Sanchez al minuto 68. La capolista, dunque, prosegue la marcia raggiungendo quota 34 punti ed ottenendo la 12a vittoria stagionale. L'Espanyol, nonostante la buona&nbsp;prestazione inanella la seconda sconfitta nelle ultime tre gare.<BR>Domina, soffre e vince il Real Madrid in casa del Rayo Vallecano. Le "merengues" avanti di tre reti grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo e al centro di Benzema, mollano la presa e subiscono nell'arco di due minuti due reti su calcio di rigore entrambi trasformati da Viera. Sul 2-3 la reazione del Rayo si fà ancora più&nbsp;veemente ma "los vallecanos"&nbsp;non riescono a sfruttare nessuna delle ben sei occasioni da gol create.<BR>La Real Sociedad sembra finalmente essere tornata sui livelli della passata stagione e ne rifila 5 all'Osasuna. Le reti di Ansotegi, Martinez, Griezmann, Castro e dell'ex Fiorentina Seferovic regalano ai baschi la terza vittoria nelle ultime quattro partite disputate. <BR>Nelle altre due sfide del sabato da segnalare la seconda vittoria di fila per l'Almeria che, dopo avere battuto il Valencia al Mestalla, vince di misura anche contro il Valladolid raggiungendo quota 9 punti e risollevandosi dall'ultimo posto in solitaria, che adesso condivide con Rayo e Betis. Il Siviglia, dopo la goleada&nbsp;subita dal Real Madrid, si fa sorprendere in casa da un rinvigorito Celta Vigo, che grazie alla rete decisiva di Lopez ottiene la seconda vittoria <BR>consecutiva in trasferta.<BR>Tra gli incontri disputati ieri, l'Atletico Madrid liquida la pratica Athletic Bilbao col più classico dei risultati. 2-0 il finale con le reti di Villa e Diego Costa che valgono l'11a vittoria stagionale. Per Costa si tratta del tredicesimo centro&nbsp;che vale&nbsp;anche la leadership nella classifica marcatori<BR>condivisa, però,&nbsp;con Cristiano Ronaldo.<BR>Dopo tre sconfitte consecutive sembra rivedere la luce anche il Valencia di Miroslav Djukic vittorioso sul difficilissimo campo del Getafe grazie ad una magnifica realizzazione dai 25 metri dell'ex Parma, Dorlan Pabon.<BR>Si morde le mani, invece, l'altra squadra di Valencia, ossia il Levante, che ogni volta che raggiunge le parti alte della classifica non riesce mai ad assestare il colpo decisivo per spiccare il volo. E allora succede che il Granada colga l'intera posta in palio al 91 minuto grazie al gol di Piti e, soprattutto, grazie all'errore dal dischetto di El Zhar, il quale tira centralmente e non sorprende l'estremo difensore andaluso Roberto Fernandez.<BR>Infine, tanti gol ed emozioni nel derby d'Andalusia tra Malaga e Betis Siviglia. 3-2 il finale, con la zampata vincente al 90'di Samuel Garcia, entrato al posto di Tissone al minuto 85 e che fa esplodere "La Rosaleda".<BR>Stasera il posticipo vedrà di fronte due delle piacevoli sorprese della Liga spagnola. Al "Martinez Valero" si affronteranno Elche e Villareal per dare vita ad uno dei tanti derby della regione valenciana. Dei 5 precedenti tra le due squadre ad Elche, il Villareal non ha mai vinto ed il bilancio è di 2 pareggi e tre sconfitte.<BR>Stasera, però, il Villareal vorrà e dovrà cogliere il successo se vuole continuare a navigare in compagnia delle "big". Non sarà semplice perchè il piccolo&nbsp; Elche è maturato giornata dopo giornata ed ha bisogno di muovere la classifica per tenere la zona retrocessione a debita distanza.<BR><BR>LIGA – Risultati 12/a Giornata<BR><BR>VENERDI'<BR><BR>Barcellona-Espanyol 1-0&nbsp; 68'Sanchez)<BR><BR>SABATO<BR><BR>Real Sociedad-Osasuna 5-0&nbsp; 34'Ansotegi-47'Martinez-56'Griezmann-81'Castro-88'Seferovic<BR>Almeria-Valladolid 1-0&nbsp; 39'Rios<BR>Rayo Vallecano-Real Madrid 2-3&nbsp; 2'-49'C.Ronaldo-30'Benzema(RM) - 53'-55'Viera(RV)<BR>Siviglia-Celta Vigo 0-1&nbsp; 47'Lopez<BR><BR>IERI<BR><BR>Getafe-Valencia 0-1&nbsp; 41'Pabon<BR>Atletico Madrid-Athletic Bilbao 2-0&nbsp; 33'Villa-41'Diego Costa<BR>Levante-Granada 0-1&nbsp; 91'Piti<BR>Malaga-Betis Siviglia 3-2&nbsp; 13'Santa Cruz-61'Eliseu-93'S.Garcia(M) - 33'Verdu-63'Figueras(B)<BR><BR>OGGI<BR><BR>Elche-Villareal<BR><BR>CLASSIFICA<BR><BR>1)Barcellona 34<BR>2)At.Madrid 33<BR>3)Real Madrid 28<BR>4)Villareal 20<BR>5)At.Bilbao 20<BR>6)Getafe 19<BR>7)Levante 17<BR>8)Real Sociedad 17<BR>9)Valencia 16<BR>10)Espanyol 15<BR>11)Granada 14<BR>12)Siviglia 13<BR>13)Elche 13<BR>14)Malaga 13<BR>15)Celta 12<BR>16)Valladolid 11<BR>17)Osasuna 10<BR>18)Rayo 9<BR>19)Betis 9<BR>20)Almeria 9<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-spagnola-giornata-12-barcellona-real-madrid-atletico-madrid-inarrestabili-1012560.htmSi100427901,02,03010224
701012558NewsCalcio EsteroLiga,11a giornata: Real a valanga, Cristiano provoca Blatter20131031095939Liga, 11a giornata Barcellona, Real Madrid, Atletico MadridIl Real si impone 7-3 sul Siviglia, tripletta di CristianoTurno infrasettimanale anche in Liga spagnola valido per l'11/a giornata. La capolista Barcellona rimane tale con numeri impressionanti: 10 vittorie ed un pareggio, 33 gol fatti e 7 subiti. La vittima&nbsp;di giornata&nbsp;il Celta Vigo, sconfitto 3-0 al "Balaidos" con le reti siglate da Sanchez, Fabregas e un'autorete di Fernandes.<br>Ieri sera il Real Madrid ha reagito alla sconfitta in occasione del "Classico", liquidando il Siviglia con un pirotecnico 7-3. Tripletta di Cristiano Ronaldo, con dedica provocatoria a Sepp Blatter che qualche giorno fa l'aveva definito:"uno che spende soldi dal parrucchiere e si comporta da comandante", e doppiette di Gareth Bale e Karim Benzema. Per il Siviglia sono andati a segno Rakitic (3 gol in 2 partite) finalmente recuperatosi dall'infortunio e Bacca. Il croato ex Schalke<br>04 ha, però, sbaglia anche un calcio di rigore, ininfluente ma che avrebbe reso meno amara la trasferta di Madrid.<br>Impattano 0-0 Espanyol e Malaga. Gli uomini di Aguirre non vincono da due partite e non riescono a sfruttare il turno casalingo mentre gli ospiti sembrano essere migliorati in difesa dopo il tremendo 0-5 incassato domenica scorsa per mano del Celta Vigo; gli andalusi, però, sono a secco di vittorie da cinque giornate.<br>Crolla ancora il Valencia, che addirittura resuscita il fanalino di coda, Almeria ed esce dal Mestalla accompagnato dagli impietosi fischi del proprio pubblico. Gli andalusi di Almeria si impongono per 2-1, in rimonta, grazie alle reti di Torsiglieri e Vidal, che ribaltano l’iniziale vantaggio su calcio di rigore di Jonas.&nbsp; Per il Valencia si tratta della terza sconfitta consecutiva e a questo punto la panchina di Miroslav Dukic comincia a scricchiolare.<br>Convincente vittoria anche per l’Osasuna, che torna al successo dopo due turni, contro il Rayo Vallecano. 3-1 firmato Oier, Riera e Torres che vale il terzo successo stagionale dei pamplonesi. <br>Infine, pareggiano 2-2 Valladolid e Real Sociedad con gli ospiti in vantaggio due volte con Griezmann e raggiunti dai gol di&nbsp; Larsson e Guerra a 10 minuti dalla fine.&nbsp;La rimonta sarebbe potuta essere di quelle&nbsp;storiche ma i padroni di casa falliscono un calcio di rigore al 91 calciato da Ebert.<br>Stasera, quattro incontri archivieranno il turno infrasettimanale, due con inizio alle 20 e due con inizio alle 22.<br>Presso il “Nuevo los Carmenes”, l'Atletico Madrid sarà chiamato ad una grande prestazione con l'obiettivo di rimanere in scia del Barcellona e tenere a debita distanza il Real. Gli andalusi sono attualmente tredicesimi con 11 punti e ciò che più preoccupa è il rendimento tra le mura amiche: infatti, in 5 partite solo un successo e 4 sconfitte, 2 reti realizzate (entrambe nella stessa gara) e 5 subite.<br>Sempre alle 20, il Villareal ospiterà il Getafe. La neopromossa, guidata da Marcelino, è tornata prepotentemente a scalare la&nbsp;vetta del calcio spagnolo grazie anche al fattore "El Madrigal", laddove ha ottenuto 4 vittorie ed un pareggio, contro il Real Madrid, in 5 incontri disputati. Anche il Getafe sta andando oltre ogni più rosea aspettativa con l'attuale sesto posto in classifica ed è&nbsp;reduce da due successi esterni consecutivi.<br>Gli altri incontri vedranno di fronte Athletic Bilbao ed Elche, con i baschi tutti protesi a difendere l'imbattibilità del "Nuovo San Mamès, e Betis Siviglia-Levante. <br><br>LIGA – Risultati 11/a Giornata<br><br>MARTEDI'<br><br>Espanyol-Malaga 0-0<br>Celta Vigo-Barcellona 0-3&nbsp; 8'Sanchez-47'A.golFernandes-54'Fabregas<br><br>IERI<br><br>Valencia-Almeria 1-2&nbsp; 33'Jonas(V) - 62'Torsiglieri-69'Vidal(A)<br>Valladolid-Real Sociedad 2-2&nbsp; 15'-53'Griezmann(R) - 76'Larsson-79'Guerra(V)<br>Osasuna-Rayo Vallecano 3-1&nbsp; 1'Oier-13'Riera-58'Torres(O) - 71'Galvez (R)<br>Real Madrid-Siviglia 7-3&nbsp; 13'-27'Bale-32'60'-71'C.Ronaldo-53'-80'Benzema(R) - 38'-63'Rakitic-40'Bacca(S)<br><br>OGGI<br><br>Granada-Atletico Madrid<br>Villarreal-Getafe<br>Athletic Bilbao-Elche<br>Betis-Levante<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-11-real-a-valanga-cristiano-provoca-blatter-1012558.htmSi100427901,02,03010350
711012553NewsCalcio EsteroLiga,11a giornata: stasera in campo il Barcellona20131029100226Liga, 11a giornata - BarcellonaIn campo per il turno infrasettimanale, stasera tocca al barcellonaTre punti pesanti quelli dell'Athletic Bilbao sul campo del Getafe, nel posticipo della 10a giornata, che consentono agli uomini di Valverde di piazzarsi in quinta posizione solitaria&nbsp;ad un solo punto dal Villareal. Vittoria storica considerato che l'Athletic non aveva mai vinto prima d'ora sul campo dei madrileni, i quali si mordono le mani per il rigore sciupato da Diego Castro e parato magistralmente da Iraizoz.<br>Conclusasi la 10a giornata si parte subito con l'11a, per via del turno infrasettimanale. Due gli incontri in programma oggi.<br>Alle 20 scenderanno in campo Espanyol e Malaga. Entrambe sono reduci da due pesantissime sconfitte, la prima, dal 3-0 in casa del Levante, la seconda, dallo 0-5 rifilato dal non certo irresistibile Celta Vigo; inoltre, gli andalusi non vincono dal 24 settembre allorquando sconfissero 2-0 l'Almeria, ultima in classifica.<br>L'Espanyol, in generale, pur avendo fatto bene fino a questo momento, deve provare a migliorare qualcosa in difesa e mister Aguirre, infatti, sta cercando soluzioni alternative anche perchè dovrà fare a meno di Javi Lopez ed Hector Moreno. Il Malaga, probabilmente privo del suo giorcatore migliore, Roque Santa Cruz, che non si è allenato, non ha ancora vinto in trasferta e, particolare di non poco conto, non ha mai vinto nel "Cornellà-El Pratt".<br>Alle 22 in campo la capolista Barcellona in quel di Vigo. Entrambe sono reduci da importanti successi, quello del Barça nel "Clasico" e quello del Celta a Malaga.<br>Sarà la partita degli ex visto che nel Celta giocano Nolito, Fontàs e Rafinha, quest'ultimo in prestito e, naturalmente il tecnico del Celta, Luis Enrique, storica bandiera del Barcellona che fu. <br>Nonostante la goleada a Malaga, che comunque indica una ripresa, la classifica del Celta continua ad essere traballante con soli 9 punti in saccoccia frutto di 2 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte e il triste "primato" di non avere ancora vinto davanti al proprio pubblico. <br>Dal canto suo, Tata Martino dovrebbe ruotare qualche elemento senza, però, sconvolgere più di tanto la formazione titolare; quasi sicuramente rientrerà nella formazione iniziale Carles Puyol che è rimasto a guardare dalla panchina le sfide contro Milan e Real, anche perchè non al meglio della condizione dopo la&nbsp; lunga assenza per infortunio.&nbsp; <br><br><br>Ecco il programma completo dell'11a giornata<br><br>OGGI<br><br>Espanyol-Malaga<br>Celta Vigo-Barcellona<br><br>DOMANI<br><br>Valladolid-Real Sociedad<br>Valencia-Almeria<br>Osasuna-Rayo Vallecano<br>Real Madrid-Siviglia<br><br>GIOVEDì<br><br>Granada-Atletico Madrid<br>Villareal-Getafe<br>Betis-Levante<br>Athletic Bilbao-Elche<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-11-turno infrasettimanale-barcellona-a-vigo-1012553.htmSi100427901,02,03010164
721012549NewsCalcio EsteroLiga,10a giornata: l`Atletico schianta il Betis 5-020131028090047Liga, 10a giornataL`Atletico Madrid schianta il Betis 5-0Un sontuoso Atletico Madrid risponde alla capolista Barcellona nella domenica della 10/a giornata di Liga spagnola.&nbsp; Gli uomini di Diego Simeone hanno liquidato per 5-0 il Betis Siviglia. Partita senza storia, col vantaggio "colchonero" già al primo minuto con Oliver. Poi, Villa,<br>Diego Costa e Gabi dilagano. L’Atletico torna, quindi, al successo in campionato dopo la sconfitta di sabato scorso in casa dell'Espanyol e&nbsp;grazie a questo&nbsp;successo i colchoneros <br>rimangono nella scia della capolista e, cosa più importante, incrementano il vantaggio sul Real di Ancelotti portandolo ad un rassicurante +5. <br>Fari puntati, ovviamente, anche sul derby della regione valenciana tra Villarreal e Valencia. Una partita molto sentita che la neo promossa Villarreal ha dominato e stravinto per 4-1. I gol di Uche, Perez e la doppietta di Dos Santos schiantano gli uomini di Djukic, che rimangono fermi in 11a posizione con 13 punti. Vola, invece, il “sottomarino giallo” in quarta posizione subito dietro il Real di Carlo Ancelotti. <br>Vittoria di misura, nonostante la superiorità numerica, per il Siviglia che con Rakitic, rientrato finalmente dall'infortunio, e Samperio regola 2-1 lo scorbutico Osasuna, che, però, era rimasto in 10&nbsp;a causa&nbsp;dell’espulsione di Damia al 35' del primo tempo. <br>Seconda vittoria consecutiva, infine, per la Real Sociedad che trascinata da Griezmann (doppietta) e Angel liquida la pratica Almeria rilanciandosi prepotentemente in corsa per l’Europa.<br>Stasera si archivierà la 10a giornata con la sfida tra Getafe e Athletic Bilbao. Una sorta di "piccolo big match" quello che si disputerà al "Coliseum Alfonso Perez" tra due squadre attualmente appaiate in quinta posizione con 16 punti.<br>Entrambe le compagini possono definirsi come le autentiche rivelazioni di questo scorcio di campionato. Per il Getafe, certamente l'obiettivo è e continuerà ad essere il raggiungimento di una tranquilla salvezza, ma se dovesse inanellare la quinta vittoria consecutiva sarebbe un risultato storico perla più piccola&nbsp; tra le squadre di Madrid. Il tecnico del Getafe, Luis Garcia, si affiderà ancora una volta al cannoniere Colunga e all'ex Real Madrid, Pedro Leon.<br>Di contro, gli uomini di Valverde, che comunque stanno facendo un buon lavoro, dovranno migliorare in alcuni settori del campo. E' sotto gli occhi di tutti che l'Athletic abbia una difesa colabrodo con 13 gol subiti e che, soprattutto, il rendimento in trasferta non sia all'altezza di quello casalingo(solo 3 punti in 4 gare disputate).<br><br><br>LIGA – Risultati 10/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>SABATO<br><br>Malaga-Celta Vigo 0-5&nbsp; 6-64'Lopez-23'Fernandez-73'Nolito-81'Charles<br>Barcellona-Real Madrid 2-1&nbsp; 18'Neymar-78'Sanchez(B) - 91'Jesé Rodriguez(R)<br>Elche-Granada 0-1&nbsp; 26'Iturra<br>Levante-Espanyol 3-0&nbsp; 25'-51'El Zhar-27'Diawara<br><br>IERI<br><br>Siviglia-Osasuna 2-1&nbsp; 55' Rakitic-75'Samperio(S) - 87'Riera(O)<br>Villarreal-Valencia 4-1&nbsp; 17'Uche-22'Perez-50'-84'Dos Santos(Vi) - 63'R.Costa(Va)<br>Real Sociedad-Almeria 3-0&nbsp; 13'-50'Griezmann-55'Angel<br>Atletico Madrid-Real Betis 5-0&nbsp; 1'Oliver Torres-53'-57'Villa-65'Diego Costa-92'Gabi<br><br>OGGI<br><br>Getafe-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 28<br>2)At.Madrid 27<br>3)Real Madrid 22<br>4)Villareal 20<br>5)Getafe 16<br>6)At.Bilbao 16<br>7)Levante 16<br>8)Espanyol 14<br>9)Valencia 13<br>10)Siviglia 13<br>11)Real Sociedad 13<br>12)Elche 12<br>13)Granada 11<br>14)Valladolid 10<br>15)Celta 9<br>16)Malaga 9<br>17)Rayo 9<br>18)Betis 8<br>19)Osasuna 7<br>20)Almeria 3<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-10-l-atletico-schianta-il-betis-1012549.htmSi100427901,02,03010221
731012547NewsCalcio EsteroLiga, 10a giornata: il Barcellona stende il Real20131027102913Liga, 10a giornataIl Barcellona vince il «classico« con le reti di Neymar e Sanchez&nbsp;<br><br>Sabato di grande calcio nella 10/a giornata di Liga spagnola e grande Barcellona. Al Camp Nou i blaugrana s’impongono 2-1 sugli eterni rivali del Real con le reti siglate da Neymar e dalla perla di Alexis Sanchez che sorprende Diego Lopez, Jesé Rodriguez accorcia le distanze per le merengues nei primi istanti dei tre minuti di recupero concessi dall'arbitro, ma è troppo tardi. Tre punti al Barça, quindi, che vola a quota 28 a +6 dal Real e, momentaneamente, a +4&nbsp; dall’Atletico Madrid. Eppure, per la prima volta dopo tantissimo tempo, il Real ha mostrato il meglio di sè, soprattutto con l'ingresso in campo di Ilarramendi e Benzema, il primo a dirigere l'orchestra a fianco di un Modric nella sua miglior versione e con il francese&nbsp;ad inserirsi&nbsp;in profondità tra le maglie della difesa catalana. Tutto ciò non è stato sufficiente, vuoi per un rigore non concesso che sarebbe valso il gol del pareggio, vuoi per la traversa che ancora trema su un siluro dello stesso Benzema, vuoi, infine, perchè il Barcellona è più squadra ed ha nella propria faretra molte più frecce a disposizione. <br>Tra gli ltri incontri disputati ieri sorprende la fantastica goleada del Celta sul campo del Malaga. Uno 0-5 che non lascia alibi agli andalusi. Vittoria in&nbsp;trasferta anche per il Granada che espugna il campo dell'Elche in virtù del gol di Iturra e che permette alla squadra di Pozzo di tornare alla vittoria dopo due sconfitte consecutive. Infine, il Levante liquida con un rotondo 3-0 l'Espanyol di mister Aguirre e coglie per la prima volta in questa stagione il successo casalingo.<br>&nbsp;Quattro incontri in programma nella giornata di oggi. Alle 12 sarà la volta di Siviglia-Osasuna. Gli andalusi iniziano a recuperarsi dalle difficoltà di questo&nbsp;scorcio di stagione dovute soprattutto agli infortuni e potrebbero già da oggi recuperare pedine importanti come M'Bia e Rakitic. Dal canto suo l'Osasuna ha il morale ben alto, dopo avere espugnato il campo del Malaga ed avere costretto la capolista al primo pareggio stagionale e può vantare, contro il Siviglia, il ruolo<br>di bestia nera. <br>Alle 17 si affronteranno Villareal e Valencia. Gli uomini di Garcia Toral sono quarti&nbsp; ma negli ultimi 3 incontri hanno conquistato solo un punticino, pareggio col Celta e sconfitte contro Betis e Athletic Bilbao. Al Valencia servono punti per avvicinarsi al gruppo di testa ed è reduce dalla brutta sconfitta casalinga contro la Real Sociedad. E’ proprio in trasferta che l'11 di Djukic soffe di più; infatti finora solo 4 punti in 4 partite, frutto di 1 vittoria e 1 pareggio. <br>Alle 19 la Real Sociedad cercherà di dare continuità alla vittoria della settimana scorsa&nbsp;e proverà&nbsp;a raddrizzare, così, una classifica ancora piuttosto deficitaria, soprattutto se paragonata a quella della scorsa stagione. L'avversario di oggi, l'Almeria, almeno sulla carta, non dovrebbe impensierire eccessivamente i baschi, che potrebbero, vincendo, far saltare la prima panchina della stagione, ovvero quella di mister Rodriguez.<br>Atletico Madrid-Betis chiuderà il programma odierno di Liga. Dopo otto vittorie consecutive, nello scorso week-end, è arrivata la prima sconfitta in campionato della stagione. Un risultato che ha lasciato tutti con l’amaro in bocca visto il contemporaneo pareggio del Barcellona contro l’Osasuna e che avrebbe potuto proiettare i colchoneros in testa alla classifica. <br>Anche in Champions League l’Atletico va benissimo: 9 punti in tre partite e primato nel girone. <br>Gli ospiti vivono un momento molto negativo della loro stagione. Reduci da tre sconfitte nelle ultime quattro partite, per gli uomini di Pepe Mel non sarà per nulla facile ottenere punti questa sera, tuttavia, proveranno a mettere in difficoltà i colchoneros.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 10/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>IERI<br><br>Malaga-Celta Vigo 0-5&nbsp; 6-64'Lopez-23'Fernandez-73'Nolito-81'Charles<br>Barcellona-Real Madrid 2-1&nbsp; 18'Neymar-78'Sanchez(B) - 91'Jesé Rodriguez(R)<br>Elche-Granada 0-1&nbsp; 26'Iturra<br>Levante-Espanyol 3-0&nbsp; 25'-51'El Zhar-27'Diawara<br><br>OGGI<br><br>Siviglia-Osasuna<br>Villarreal-Valencia<br>Real Sociedad-Almeria<br>Atletico Madrid-Real Betis<br><br>DOMANI<br><br>Getafe-Athletic Bilbao<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagmaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-giornata-10-barcellona-stende-il-real-madrid-1012547.htmSi100427901,02,03010221
741012541NewsCalcio EsteroLiga,10a giornata: il «Classico» promette spettacolo20131026102333Liga 10a giornata, Barcellona-Real MadridBarcellona-Real Madrid promette spettacoloIniziata&nbsp;ieri sera la 10a giornata di Liga spagnola con Rayo Vallecano-Valladolid. Hanno avuto la meglio gli ospiti con un rotondo 0-3&nbsp;in virtù delle&nbsp;reti di Ebert, Javi Guerra e Larsson e, soprattutto, grazie alla splendida prestazione dell'italiano Fausto Rossi, autore di due assist e, più in generale, vero e proprio faro del gioco del Valladolid. Risultato giusto che evidenzia ancora una volta come il Rayo sia una delle squadre che più gol ha subito (24) in questa scorcio di stagione; per il Valladolid si tratta della seconda vittoria stagionale, che allo stato attuale vale la tredicesima posizione.<br>Il sabato di Liga, come di consueto, prevede 4 incontri e tutti gli occhi saranno puntati sul "Classico" Barcellona-Real Madrid con calcio d'inizio alle 18.<br>Alle 16, alla "Rosaleda", scenderanno in campo Malaga e Celta Vigo. Entrambe non navigano in acque tranquille. I padroni di casa, con 9 punti, sono lontani dai posti che varrebbero l'Europa, mentre gli ospiti, guidati da Luis Enrique, hanno fatto anche peggio con appena 6 punti. Certamente gli andalusi sono favoriti nel match odierno, contando anche su una buona difesa, solo 9 gol subiti fin qui e terzo miglior reparto del campionato; di contro, un attacco spuntato con appena 11 reti realizzate. Gli ospiti, invece, hanno subito tanto (13 gol) e&nbsp;segnato pochissimo (8).<br>Alle 20 si affronteranno Elche e Granada al "Martinez Valero" e sarà una partita considerata ad alto rischio a causa delle polemiche e degli incidenti scaturiti dopo la partita play off del giugno 2011. Per quanto riguardo l'aspetto tecnico della gara, entrambi gli allenatori dovranno vedersela con&nbsp;pesanti assenze. Da un lato mancheranno Cisma, Sapunaru e, probabilmente, Edu Albacar; dall'altro non saranno dell'incontro Diakhaté, Piti, Yebda e Dani Benítez.<br>Alle 22, il sabato di Liga si chiuderà al "Ciutat de Valencia" dove scenderanno in campo Levante ed Espanyol. Sarà una sfida di medio-alta classifica tra due squadre che stanno facendo bene. Dopo un inizio tremebondo (0-7 a Barcellona), il Levante ha subito solo un'altra sconfitta (contro il Real) ed ha collezionato 3 vittorie e 3 pareggi. I valenciani, però, non hanno ancora vinto tra le mura amiche e stasera potrebbe essere l'occasione giusta. L'Espanyol con 14 punti è reduce dall'impresa casalinga contro l'Atletico Madrid, ma in trasferta ha ottenuto solo una vittoria in 4 incontri disputati. <br>Come detto, alle 18 tutti gli occhi saranno puntati sul Camp Nou dove si disputerà la partita delle partite, quella tra Barcellona e Real Madrid e, sicuramente,&nbsp;merita uno spazio a parte. <br>Il Barcellona è reduce dal pareggio a Pamplona contro l'Osasuna, che ha interrotto la striscia di 8 vittorie consecutive in campionato, e dal pareggio per 1-1 sul campo del Milan in Champions league. Risultati, dunque, che hanno evidenziato alcune lacune della squadra allenata da Martino, il cui potenziale, però, rimane senza dubbio di altissimo livello. Per l'occasione, spazio ai titolari e al trio d'attacco composto da Pedro, Sanchez e Messi.<br>Il Real è reduce dalla vittoria in Champions contro la Juventus, ma la squadra è apparsa in difficoltà in più di un'occasione nonostante la superiorità numerica. Oggi si presenta l'occasione per ridurre le distanze dalla capolista e Carlo Ancelotti sta pensando qualche accorgimento tattico; primo fra tutti, un possibile "finto 9" con Bale, Di Maria e Cristiano Ronaldo in attacco. <br>Una partita come questa è una fonte interminabile di dati statistici, curiosità e numeri. Per esempio, il Barcellona non batte il Real, considerando tutte le competizioni, da 5 gare (2 pareggi e 3 sconfitte) e nelle ultime 10 stagioni la striscia non è mai andata oltre i 5 incontri consecutivi. Il Real ha vinto gli ultimi due incontri disputati e, stasera, potrebbe inanellare la terza vittoria consecutiva contro gli eterni rivali, cosa che non succede dal lontanissimo 1979. Se Messi dovesse segnare superebbe il mitico Alfredo Di Stefano nella classifica dei bomber di sempre nella storia di questa sfida (18). <br>Insomma le premesse ci sono tutte per assistere ad un incontro che, come sempre e comunque vada, scriverà la storia del calcio iberico. <br><br><br>Ecco il programma completo della 10a giornata<br><br>Ieri<br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>Oggi<br>Malaga-Celta<br>Barcellona-Real Madrid<br>Elche-Granada<br>Levante-Espanyol<br><br>Domani<br>Siviglia-Osasuna<br>Villareal-Valencia<br>Real Sociedad-Almeria<br>Atletico Madrid-Betis<br><br>Lunedì<br>Getafe-Athletic Bilbao<br>&nbsp;&nbsp; <br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411220908416-0f27d4c6-d0d9-4bf1-a53d-433bc821b539.jpgSiNliga-giornata-10-barcellona-real-madrid-promette-spettacolo-1012541.htmSi100427901,02,03010243
751012534NewsCampionatiCALAIO’: “SIAMO IN SALUTE” 20131022142662GenoaCALAIO’: “SIAMO IN SALUTE” L’arciere è stato travolto dall’affetto e dal tiro incrociato di domande degli studenti dell’Istituto Tecnico Carlo Rosselli di Sestri Ponente, che ha ospitato la prima delle due tappe genovesi della quarta edizione del progetto ‘Non fare autogol’, promosso dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica.&nbsp;L’obiettivo, raggiunto alla luce dell’entusiasmo con cui i ragazzi hanno partecipato all’iniziativa, è stato quello di sensibilizzarli sui principali fattori di rischio oncologico.<br><br> “Sottoponetevi periodicamente a controlli — ha subito detto Calaiò alla giovane platea — a prescindere dal fatto che facciate o non facciate attività sportiva e confrontatevi con i medici di famiglia, che conoscendovi, possono consigliarvi correttamente. Noi atleti professionisti siamo obbligati, per legge, a presentare delle certificazioni sull’idoneità a inizio stagione e quindi siamo giocoforza spinti verso la prevenzione. E poi cercate, per quanto possibile, di condurre una vita regolare. Ragazzi, pensate sia figo fumare e bere per affermarvi e sentirvi più grandi? Vi sbagliate! Godetevi la vita, con equilibrio. Cosa posso consigliarvi per stare alla larga da certi problemi di salute? Curate l’alimentazione, senza eccedere in diete o limitazioni forzate. La resa sul campo di noi giocatori passa anche da queste cose. Insomma, contro il cancro giocate d’attacco e d’astuzia, benché l’imprevedibilità di questa malattia non esuli totalmente dal pericolo”.<br><br> <DIV id=attachment_41356 class="wp-caption alignnone" style="WIDTH: 510px"><A href="http://genoacfc.it/notizie/calaio-siamo-in-salute/attachment/calaioscuola3/" rel="attachment wp-att-41356"><IMG class=" wp-image-41356 " alt="Bagno di folla per l'arciere al termine del dibattito: &quot;Piacevole e dinamico&quot;" src="http://genoacfc.it/wp-content/uploads/2013/10/calaioscuola3.jpg" width=500></A> <P class=wp-caption-text>Bagno di folla per l’arciere al termine del dibattito: “Piacevole e dinamico”<br><br></DIV> A margine dell’incontro Calaiò ha analizzato anche il momento della squadra: “Reduce da un successo di fondamentale importanza contro una diretta concorrente per la salvezza. Abbiamo allungato la striscia positiva di risultati, il gruppo c’è ed è in salute e carico. Siamo però coscienti che domenica avremo a che fare con un avversario dal valore indiscusso, che le tenterà tutte per dimenticare la sconfitta di Firenze. Mi auguro che la Juventus possa scaricare un po’ di tensione contro il Real in Champions. Immagino, conoscendo bene Conte, l’arrabbiatura per quanto accaduto lo scorso fine settimana. So quanto lui tenga a vincere, sempre e comunque, è un vincente e trasmetterà un’energia ai suoi bestiale. La Juventus ha valori tecnici superiori agli altri ma statene certi: ce la metteremo tutta!”.<br><br>gp01ctgp01ctcalaio-4.jpgSiNgenoa-1012534.htmSi-01,02,03010175
761012529NewsCalcio EsteroLiga 9a giornata: Levante corsaro a Vigo, traballa la panchina di Luis Enrique20131022102151Liga 9a giornataLevante corsaro a Vigo, l`Athletic stende il VillarealNumeri impietosi per Luis Enrique, ex Roma ed attuale tecnico del Celta di Vigo: in 9 gare la squadra galiziana ha collezionato una sola vittoria, 3 pareggi e 5 sconfitte; 13 gol subiti e 8 realizzati. Luis Enrique se non è ancora stato esonerato poco ci manca anche perchè viene accusato di impiegare i propri uomini completamente fuori ruolo. Quella disputata al Balaidos è stata una partita all'insegna della "sfortuna": prima il diluvio universale, poi il guasto all' impianto elettrico, che ha posticipato l'inizio del secondo tempo di mezz'ora, le condizioni del terreno di gioco al limite dell'impraticabiltà. Insomma, gli ingredienti c'erano tutti per far passare una serata d'inferno ai padroni di casa e così è stato. Anche perchè il Levante non giocherà un calcio irresistibile ma l'11 valenciano sa cosa fare e sa come sfruttare alla minima occasione gli errori altrui. Vittoria di misura, dunque, grazie alla rete siglata da Diop, che&nbsp; conferma il trend più che positivo del Levante in trasferta.<br>Nell'altro incontro, che ha chiuso la nona giornata di Liga, l'Athletic Bilbao ha battuto il Villareal per 2-0 conquistando, così, la quinta vittoria stagionale e mantenendo l'imbattibilità casalinga. Incontro scintillante con le due squadre concentrate a ribattere colpo su colpo i reciproci attacchi. Poi, col passare dei&nbsp; minuti gli uomini di Marcelino Garcìa Torial hanno iniziato a ritrarsi nella propria metà campo lasciando all'Athletic il pallino del gioco. <br>In due minuti, uno-due micidiale firmato da Mikel Rico e Aritz Aduriz e baschi che volano verso posizioni di classifica che potrebbero consegnare l'Europa per la prossima stagione. Per il Villareal seconda sconfitta stagionale.<br><br>LIGA – Risultati 9/a Giornata<br><br>Real Madrid-Malaga 2-0 46'Di Maria-91'Ronaldo<br>Valencia-Real Sociedad 1-2 41'Griezmann-59'Pardo(R) - 93'Pabon (V))<br>Osasuna-Barcellona 0-0<br>Espanyol-Atletico Madrid 1-0&nbsp; 54'a.gol Courtois<br>Granada-Getafe 0-2&nbsp; 47'a.golMurillo-55'Pedro Leon<br>Almeria-Rayo Vallecano 0-1&nbsp; 78'Galvez<br>Betis Siviglia-Elche 1-2&nbsp; 29'Del Moral-33'Fidel(E) - 41'Molina(B)<br>Valladolid-Siviglia 2-2&nbsp; 2'Bacca-31'Alberto(S) - 81'Manucho-84'Eber(V)<br><br>Ieri<br>Celta Vigo-Levante 0-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 88'Diop<br>Athletic Bilbao-Villarreal 2-0&nbsp; 33'Rico-35'Aduriz<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 25<br>2)At.Madrid 24<br>3)Real Madrid 22<br>4)Villareal 17<br>5)Getafe 16<br>6)At.Bilbao 16<br>7)Espanyol 14<br>8)Valencia 13<br>9)Levante 13<br>10)Elche 12<br>11)Siviglia 10<br>12)Real Sociedad 10<br>13)Malaga 9<br>14)Rayo 9<br>15)Betis 8<br>16)Granada 8<br>17)Valladolid 7<br>18)Osasuna 7<br>19)Celta 6<br>20)Almeria 3<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br><br><br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411levante.jpgSiNliga-giornata-9-levante-corsaro-a-vigo-l-athletic-stende-il-villareal-1012529.htmSi100427901,02,03010200
771012527NewsCalcio EsteroLiga 9a giornata: Getafe corsaro, stasera il Villareal a Bilbao20131021093730Liga 9a giornataGetafe corsaro a GranadaQuattro gli incontri disputati nella domenica di Liga spagnola e ben tre vittorie in trasferta. Il Getafe espugna il campo del Granada per 2-0 e mantiene la quinta posizione, per il Granada notte fonda e sedicesimo posto. Eppure la compagine andalusa non ha iniziato male la partita, dominando nettamente a centrocampo ed andando vicino al gol in un paio di occasioni. Poi, l'espulsione di Diakhatè per doppia ammonizione ha cambiato gli euqilibri del match e ne ha approfittato il Getafe nella seconda frazione di gioco. Vittoria corsara anche per il Rayo sul campo dell'Almeria grazie al gol realizzato da Galvez. Almeria sempre ultimo con tre punti e boccata d'ossigeno per il Rayo che esce fuori, per la prima volta in questa stagione, dalla zona retrocessione. Neanche il Betis riesce a sfruttare il turno casalingo e lascia i&nbsp;3 punti all'Elche, che con una solida difesa e un eccezionale pragmatismo offensivo espugna il "Benito Villamarín". L'Elche vince in virtù delle reti di Manu del Moral e Fidel ed inanella la terza vittoria consecutiva che vale la nona posizione in classifica generale. Per il Betis si tratta della seconda sconfitta di fila.<br>Infine, il Siviglia, nonostante 80 minuti di dominio, pareggia sul campo del Valladolid e si vede portare via 2 punti fondamentali. Gli uomini di Emery&nbsp;chiudono il primo tempo in vantaggio di due reti, dominano fino all’80' ma, incredibilmente, subiscono la rimonta dei padroni di casa negli ultimi dieci minuti. Due punti gettati al vento: fare bottino pieno allo Zorrilla avrebbe significato 10 punti in quattro partite, un’inversione di tendenza netta che&nbsp;avrebbe proiettato gli andalusi nelle zone alte della classifica. Invece il Siviglia resta nel limbo. I padroni di casa, al contrario, festeggiano per un punto insperato che, almeno momentaneamente, serve per uscire dalla zona retrocessione.<br>Due gli incontri in programma stasera e che archivieranno la nona giornata. Il Celta di Luis Enrique, che non ha ancora vinto tra le mura amiche in questa stagione, affronterà il Levante. Il tecnico, ex Roma, è in bilico per mancanza di risultati e mancanza di gioco. Di contro, il Levante è reduce da due sconfitte contro Barcellona e Real Madrid e 7 dei 10 punti in classifica li ha ottenuti in trasferta per cui sarà un ospite difficile che minaccia la fragilità della squadra di Luis Enrique.<br>Athletic Bilbao-Villareal chiuderà il programma di giornata. Il Villareal si ritrova in una sorprendente quarta posizione con 17 punti mentre i padroni di casa sono settimi a quota 13.<br>I baschi, nonostante una sconfitta ed un pareggio nelle ultime due uscite, vivono tutto sommato un momento positivo della sua stagione; di contro la squadra di Toral non perde in casa dallo scorso 5 maggio, in trasferta è invece reduce da una sconfitta ed un pareggio negli ultimi due match. <br><br>LIGA – Risultati 9/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Malaga 2-0 46'Di Maria-91'Ronaldo<br>Valencia-Real Sociedad 1-2 41'Griezmann-59'Pardo(R) - 93'Pabon (V))<br>Osasuna-Barcellona 0-0<br>Espanyol-Atletico Madrid 1-0&nbsp; 54'a.gol Courtois<br><br>Ieri<br><br>Granada-Getafe 0-2&nbsp; 47'a.golMurillo-55'Pedro Leon<br>Almeria-Rayo Vallecano 0-1&nbsp; 78'Galvez<br>Betis Siviglia-Elche 1-2&nbsp; 29'Del Moral-33'Fidel(E) - 41'Molina(B)<br>Valladolid-Siviglia 2-2&nbsp; 2'Bacca-31'Alberto(S) - 81'Manucho-84'Eber(V)<br><br>Oggi<br><br>Celta Vigo-Levante<br>Athletic Bilbao-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-9-getafe-corsaro-villareal-a-bilbao-1012527.htmSi100427901,02,03010208
781012521NewsCalcio EsteroLiga, 9a giornata: Pari Barça, crollo Atletico e Real a -320131020094941Liga 9a giornataPari Barcellona, sconfitta Atlético e il Real sorrideNona giornata ricca di soprese e tutte a favore del Real Madrid di Carlo Ancelotti. Alla vigilia della super sfida di Champions in casa della Juventus, Cristiano Ronaldo e compagni regolano 2-0 il Malaga con le firme di Di Maria e dello stesso Cristiano avvicinando la vetta della&nbsp;classifica. Ieri pomeriggio, tanto in difesa come in attacco, le "merengues" sembra abbiano fatto notevoli progressi. Pur sempre vero che il Malaga non ha grandi credenziali; tuttavia la difesa del Real ha giocato aggressivamente e mantenendo alto&nbsp;il&nbsp;reparto cosicchè il Malaga non ha potuto far altro che retrocedere nella propria metà campo. Anche&nbsp;per quanto riguarda la fase offensiva&nbsp;il Real è sembrato più vivace rispetto alle precedenti uscite, con un Khedira molto mobile e con i due laterali, Carvajal e Marcelo, costantemente nella metà campo avversaria. Il Real,quindi, rosicchia due punti al Barcellona che non va oltre lo 0-0 a Pamplona con un Osasuna bravo e fortunato nella barricata contro Messi &amp;co. Niente record, dunque, per i catalani che non riescono a eguagliare il miglior inizio di stagione che continua ad appartenere al Real Madrid. Il Barça, comunque, piange con un occhio visto che, nonostante il pareggio, si ritrova da solo in vetta alla classifica. Complice la sconfitta dell'Atletico Madrid proprio a Barcellona sul campo dell'Espanyol. Partita davvero brutta, soprattutto nella prima frazione di gioco, a causa della grande quantità di falli ed interruzioni. Il gol vittoria arriva al 55' e ce l'ha sulla coscienza il pur forte portiere belga, Thibaut Courtois. <br>Nel quarto incontro di giornata Real Sociedad corsara a Valencia grazie alle reti di Griezmann e Pardo; a nulla vale il gol che accorcia le distanze a tempo scaduto ad opera di Pabon. Boccata d'ossigeno, quindi, per i baschi che non vincevano dalla prima giornata.<br><br>Quattro gli incontri in programma oggi. Alle 12 al "Nuovo Los Carmenes" il Granada cercherà punti preziosi contro il Getafe. Gli uomini di Alcaraz occupano la posizione 14 con 5 gol fatti ed 8 subiti. Per l'occasione il tecnico ha a disposizione quasi tutto l'organico ad eccezione di Falquier,del portiere greco Karnezis e del laterale offensivo Dani Benitez. In compenso, ed è questa la notizia più importante, rientra il bomber Francisco Medina detto Piti. Il Getafe, dal canto suo, è reduce da tre vittorie consecutive (Espanyol,Betis e Celta) grazie anche alla vena degli attaccanti Lisandro Lopez e Pedro Leon. Unica nota dolente l'assenza del&nbsp;centrale di difesa Alexis.<br>A seguire vera e propria sfida salvezza allo stadio "del Mediterraneo" tra Almeria e Rayo Vallecano. Almeria ancora a secco di vittorie e ultimo posto in classifica con 3 punti. Rayo Vallecano leggermente in ripresa dopo la vittoria sulla Real Sociedad, che ha ridato un po' di fiducia agli uomini di Paco Jemez. Il Rayo, però, con 6 punti, è penúltimo ed ha bisogno urgente di smuovere la classifica.<br>Poi sarà la volta di Betis-Elche. I padroni di casa sono attualmente tredicesimi con 8 punti, sette dei quali conquistati tra le mura amiche. Il piccolo Elche, di contro, è reduce da due vittorie consecutive (Celta ed Espanyol) ed occupa il dodicesimo posto. La formazione di Francisco Segura ha dimostrato in questo piccolo scorcio di campionato di avere le carte in regola per aspirare alla salvezza.<br>La domenica di Liga spagnola chiuderà allo stadio "Josè Zorrilla" e vedrà di fronte Valladolid e Siviglia. Padroni di casa, guidati da Ignacio Martinez, sedicesimi con 6 punti ma reduci da un calendario davvero impegnativo. In casa Siviglia si vivono gli stessi problemi ormai da qualche anno e che si possono riassumere nella difficoltà di ottenere punti in trasferta. Gli andalusi, infatti, non hanno ancora vinto in trasferta e sono riusciti a racimolare solo 2 punti in 4 trasferte fin qui giocate.<br><br><br>LIGA – Risultati 9/a Giornata<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Malaga 2-0 46'Di Maria-91'C.Ronaldo<br>Valencia-Real Sociedad 1-2 41'Griezmann-59'Pardo(R) - 93'Pabon(V)<br>Osasuna-Barcellona 0-0<br>Espanyol-Atletico Madrid 1-0&nbsp; 54'a.gol Courtois<br><br>Domenica<br><br>Granada-Getafe<br>Almeria-Rayo Vallecano<br>Betis Siviglia-Elche<br>Valladolid-Siviglia<br><br>Lunedì<br><br>Celta Vigo-Levante<br>Athletic Bilbao-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411di maria.jpgSiNliga 9a giornata-1012521.htmSi100427901,02,03010194
791012515NewsCalcio EsteroLiga, 9a giornata: rientra Puyol dopo 7 mesi20131019095651Liga, 9a giornataIn campo Real Madrid, Real Sociedad, Barcellona e Atlético MadridConclusasi la sosta dei campionati per disputare gli ultimi turni dei gironi di qualificazione al mondiale, torna anche la Liga spagnola per&nbsp;dare vita alla nona giornata.<br>Giornata che sarà spalmata, come spesso accade, in tre giorni:&nbsp;4 incontri oggi, 4 domani e due lunedì. Tutte in campo stasera le regine di Champions League: Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid e Real Sociedad. <br>Alle 16 sullo sfondo del glorioso Santiago Bernabeu, il Real Madrid affronterà il Malaga. Il Real, certamente, non può permettersi di perdere altri preziosi punti per non lasciar scappare le avversarie Atletico e Barcellona. L'incontro odierno può servire agli uomini di Ancelotti anche per dare una spinta al morale di squadra e tifosi prima del tour de force contro Juventus, Barcellona e Siviglia. Il Malaga, di contro, non ha mai vinto in casa del Real e questo, dal punto di vista "blanco"&nbsp;non sarebbe nemmeno il momento opportuno considerato che il tecnico italiano non ha ancora, del tutto, convinto la "nobile" tifoseria merengue. Chi, invece, ha conquistato i tifosi è sicuramente uno dei grandi ex del match, Isco Alarcòn, che affronterà per la prima volta i suoi ex compagni e la sua terra, visto che il giocatore è nato a Benalmádena, a pochi kilometri da Malaga. Non sarà l'unico ex visto che assisteremo anche al ritorno del tedesco Bernd Schuster al Santiago Bernabeu. Fari puntati anche sul francese Benzema che, più volte fischiato dal proprio pubblico, ha tanta voglia di mettersi in mostra e di tornare al gol sulle ali dell'entusiasmo per le due reti realizzate con la maglia della nazionale contro la Finlandia.<br>Gli andalusi sono reduci da una sconfitta inattesa contro l’Osasuna tra le mura amiche e sono alla ricerca di punti importanti; l’avvio di campionato non lascia ben sperare, solo nove punti ottenuti in otto giornate e distacco dalla testa che è già di 15 punti. <br>Alle 18 sarà la volta di Valencia-Real Sociedad. Incontro che si presenta per le due compagini con prospettive diverse. I padroni di casa sembrano avere raggiunto una certa stabilità dopo un avvio più che faticoso e non perdono da 4 giornate; di contro, la Real Sociedad non vince dall'esordio in Liga. Per i baschi, tutti i sogni di inizio stagione sembrano essere svaniti sia in Champions League che in campionato, considerati i deludentissimi risultati in entrambe le competizioni.<br>Il Valencia fà del Mestalla il suo punto di forza, laddove ha conquistato 9 dei 13 punti in classifica generale e in più ha recuperato Joao Pereira e Ricardo Costa, entrambi reduci da lievi infortuni. Nei 62 precedenti incontri al Mestalla la Real Sociedad ha vinto solo 10 volte, pareggiato 11 e perso 41; cionostante i baschi hanno vinto gli ultimi 2: 2-5 la scorsa stagione e 0-1, firmato Antoine Griezmann nella stagione 2011-12.<br>Alle 20 l'Osasuna riceverà il Barcellona con la speranza di diventare la prima squadra a fermare la capolista. Catalani che, però, sono ad una sola vittoria dall'eguagliare il record del Real Madrid di 9 vittorie consecutive nelle prime 9 giornate di campionato ma "El Sadar" di Pamplona non è un campo facilissimo per il Barcellona che ha perso per 3-2 nel 2012. Un dato statistico interessante è che entrambe non hanno ancora pareggiato in queste prime 8 giornate di Liga. <br>Da sottolineare il possibile rientro dopo 7 mesi di Carles Puyol, che è di nuovo pronto per scendere in campo e poco a poco recuperare la forma e rientrare a pieno titolo nell'11 titolare.&nbsp; <br>Naturalmente il Barcellona spererà che i "cugini" dell'Espanyol riescano a fermare il fin qui inarrestabile Atletico Madrid. Al "Cornellà-El Prat" andrà in scena, alle 22, la squadra di Diego Simeone, l'unica fin qui in grado di reggere il passo dei blaugrana. Dopo un inizio più che promettente gli uomini di Javier Aguirre sembrano essersi bloccati. Le ultime tre sconfitte di fila contro Villarreal, Getafe ed Elche potrebbero essere state metabolizzate con l'aiuto della sosta. Il tecnico messicano, però, dovrà fare i conti con la pesante assenza di Victor Sanchez, mediano goleador, per squalifica. Al suo posto possibile l'inserimento di Alex. <br>I biancorossi di Madrid sono stati perfetti finora; una squadra che basa tutto su grinta e atletismo, specchio anche del carattere di Simeone, e che è capace anche di offrire un bel gioco. Da sottolineare come la settimana dedicata alla nazionali non ha restituito al tecnico argentino giocatori in ottime condizioni. Cionostante,ad esclusione di Leo Baptistao, l'Atletico comunque potrà contare su tutti gli effettivi. <br><br>Ecco il programa completto della 9a giornata<br><br>Oggi<br><br>Real Madrid-Malaga<br><br>Valencia-Real Sociedad<br><br>Osasuna-Barcellona<br><br>Espanyol-Atletico Madrid<br><br>Domani<br><br>Granada-Getafe<br><br>Almeria-Rayo Vallecano<br><br>Betis-Elche<br><br>Valladolid-Sevilla<br><br>Lunedì<br><br>Celta-Levante<br><br>Athletic Bilbao-Villareal<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411puyol.jpgSiNliga-giornata-9-1012515.htmSi100427901,02,03010218
801012483NewsCalcio EsteroLiga, 8a giornata: Diego Costa trascina l`Atletico20131007102116Liga, 8a GiornataAtlético Madrid e Barcellona sempre a punteggio pienoL'Atletico Madrid tiene il passo del Barcellona ed è primo, a pari merito con i catalani, a punteggio pieno. Gli uomini di Diego Pablo Simeone superano per 2-1 il Celta Vigo al “Vicente Calderon”, trascinati dal "Pichichi" della Liga, Diego Costa che sigla una doppietta (10 centri in 8 gare per lui) e sbaglia anche un rigore, in apertura, sullo 0-0. Sabato sera il Barcellona, privo di Messi, ha schiantato per 4-1 il modesto Valladolid. Ospiti in vantaggio al 10' grazie al gol di Javi Guerra e rimonta veemente degli azul-grana che rifilano il poker con Alexis Sanchez(2)-Xavi e Neymar. Un risultato che per l'allenatore del Barça, Tata Martino, vuol dire record; infatti, diventa l'allenatore del Barcellona che più punti ha accumulato nelle prime 8 giornate avendone totalizzato 24,&nbsp;contro i 22 di Villanova e i 19 di Guardiola.<br>Anche il Real Madrid tiene il passo delle prime dimostrando da un lato evidenti problemi tattici, dall'altro un gran combattività fino al fischio finale. A Valencia, in casa del Levante le "merengues", a tratti, sono stati messi alle corde e costretti a inseguire le reti di Diawara ed El Zhar. Le zampate di Morata e Cristiano Ronaldo regalano, comunque, la sesta vittoria in campionato e permettono al Real di rimanere a -5 dalla coppia di testa. <br>Il Villareal mantiene la quarta posizione grazie alla vittoria di venerdì sera ottenuta tra le mura amiche contro il Granada che viene travolto 3-0 con le firme&nbsp;di Soriano,Pina e Dos Santos, il quale, finalmente, sembra aver trovato l'ambiente giusto per mettere a frutto il suo talento. <br>Ad inseguire il Villareal troviamo l'Athletic Bilbao e il Valencia, che proprio ieri sera nell'ultimo match della domenica di Liga, si sono divise la posta in palio pareggiando 1-1. Valenciani in vantaggio con Banega, che trasforma un calcio di rigore, e pareggio basco con il colpo di testa di Rico. Un pari che, tutto sommato, accontenta entrambe le formazioni, appaiate a quota 13 punti al quinto posto. A quota 13 sale anche il Getafe, che a domicilio ha la meglio sul Betis per 3-1. Prima frazione di gioco spettacolare per i madrileñi di Getafe che vanno al riposo già sul 3-0 in virtù della doppietta di Pedro Leon e del&nbsp;gol di Adrian. Perde terreno il Betis, dunque, che scivola a -5 dalla zona coppe. <br>L'Espanyol, che sembra aver perso lo smalto di inizio stagione, esce sconfitto dalla trasferta di Elche. Una doppietta di Coro stende i catalani, che inanellano la terza sconfitta consecutiva. Anche la Real Sociedad conferma un trend deludente, forse pagando lo scotto della champions, capitolando di misura in casa del Rayo Vallecano.<br>Momento positivo, invece, per il Siviglia di Unai Emery alla seconda vittoria in 3 partite. Gli andalusi superano 2-1 l'Almeria allo scadere e si allontanano ulteriormente dalla zona retrocessione. Per l'Almeria è sempre più buio a quota 3 punti all'ultimo posto in classifica.<br>Infine, da segnalare il colpaggio dell'Osasuna sul campo del Malaga deciso&nbsp;una rete di Riera, che regala la seconda vittoria stagionale alla squadra di Pamplona.<br><br>LIGA – Risultati 8/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Villarreal-Granada 3-0&nbsp; 30'Soriano-49'Dos Santos-83'Pina<br>Malaga-Osasuna 0-1&nbsp;&nbsp; 23'Riera<br><br>Sabato<br><br>Elche-Espanyol 2-1&nbsp;&nbsp; 40'-74' Coro(EL) - 66'Thievy(ES)<br>Rayo Vallecano-Real Sociedad 1-0&nbsp; 89'Viera<br>Levante-Real Madrid 2-3&nbsp; 57'Diawara-85'El Zhar(L) - 61'Sergio Ramos-90'Morata-94'C. Ronaldo(R)<br>Barcellona-Valladolid 4-1&nbsp; 10'Guerra(V) - 14'-64'Sanchez-52'Xavi-70'Neymar(B)<br><br>Ieri<br><br>Atletico Madrid-Celta Vigo 2-1 (42'-62'Diego Costa(A) - 71'Nolito(C)<br>Siviglia-Almeria 2-1&nbsp; 6'Gameiro-93'Rakitic(S) - 24'Rios(A)<br>Getafe-Real Betis 3-1&nbsp; 16'-23'Pedro Leon-27'Colunga(G) - 51'aut.Rafa(R)<br>Athletic Bilbao-Valencia 1-1&nbsp; 43'rig.Banega(V) - 76'Rico(A)<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 24<br>2)At.Madrid 24<br>3)Real Madrid 19<br>4)Villareal 17<br>5)At.Bilbao 13<br>6)Valencia 13<br>7)Getafe 13<br>8)Espanyol 11<br>9)Levante 10<br>10)Malaga 9<br>11)Siviglia 9<br>12)Elche 9<br>13)Betis 8<br>14)Granada 8<br>15)Real Sociedad 7<br>16)Celta 6<br>17)Valladolid 6<br>18)Osasuna 6<br>19)Rayo 6<br>20)Almeria 3<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-8-diego-costa-trascina-l-atletico-madrid-1012483.htmSi100427901,02,03010245
811012481NewsCampionatiNapoli-Livorno: le pagelle. Top Pandev e Inler, flop Bardi20131006170725Napoli,Livorno,pagelle,voti,risultato,campionato,pandevI voti del match della 7a giornata di Serie A tra Napoli e LivornoAllo stadio "San Paolo" il Livorno di Nicola sfida i padroni di casa del Napoli, sfortunato reduce della trasferta di Champions League contro l'Arsenal.<br>Gli Azzurri vogliono dimostrare che la netta disfatta dell'"Emirates Stadium" è stata solo un incidente di percorso e mirano alla vittoria in campionato che permetterebbe loro di tornare a -2 dalla Roma capolista; assenti, però, tre pezzi pregiati come Albiol, Zuniga e soprattutto "El Pipita"&nbsp;Higuain.<br>Anche il Livorno è in cerca di riscatto dopo la sconfitta nello scontro fra neopromosse con l'Hellas Verona.<br>Avvio tutto a favore del Napoli che dopo appena tre minuti trova il gol; grande cavalcata dell'ex Psv Mertens che parte dal limite della propria aerea di rigore e serve Pandev che mette dentro in diagonale.<br>I partenopei continuano a macinare gioco e al 14' sfiorano il raddoppio con lo stesso attaccante macedone che mette in difficoltà coi suoi dribbling la difesa amaranto e spara alto. Ma il 2 a 0 è nell'aria e pochi minuti dopo Inler prova la gran botta dalla distanza e coglie impreparato Bardi che interviene goffamente sul pallone.<br>La risposta del Livorno arriva solo sul finire del primo tempo ma è pericolosa. Emeghara fa esplodere una conclusione a volo che ricorda quella di Van Basten agli Europei del 1988 e colpisce l'incrocio.<br>La ripresa è un monopolio del Napoli che trova il gol al 53' con Callejon e che gestisce il risultato fino al 82' quando sugli sviluppi di un contropiede fotocopia del primo gol va in gol anche&nbsp;Marek Hamsik.<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>NAPOLI (4-2-3-1): Reina 6; Mesto 6, Fernandez 6,5, Britos 6, Armero 6,5; Inler 7, Behrami 6,5; Callejon 6,5( 22' s.t. Insigne 6,5), Hamsik 6,5( 38' s.t. Bariti s.v), Mertens 7; Pandev 7,5( 30' s.t Zapata 6). A disposizione: Rafael, Colombo, Uvini, Cannavaro, Dzemaili, Radosevic, Bariti, Insigne, Zapata. All. Benitez 6,5<br><br>&nbsp;<br><br>LIVORNO (3-5-2): Bardi 4,5; Coda 5,5, Rinaudo 5, Ceccherini 5,5; Schiattarella 6, Luci 5( 19' s.t Siligardi 6), Duncan 6, Greco5( 7' s.t Piccini 6 ), Mbaye 5,5; Emeghara 5,5, Paulinho 6. A disposizione: Anania, Valentini, Decarli, Piccini, Benassi, Borja, Emerson, Belingheri, Lambrughi, Siligardi, Mosquera. All. Nicola 5<br><br><br>ARBITRO: Bergonzi di Genova 6<br><br>&nbsp;<br><br>TOP NAPOLI<br><br>Pandev: Autentico incubo della difesa amaranto. Dribbling, gol, assist e numeri di alta scuola per il funambolico attaccante azzurro.<br><br><br>FLOP NAPOLI<br><br>Nessuno<br><br>&nbsp;<br><br>TOP LIVORNO<br><br>Paulinho: Fa a sportellate con la difesa del Napoli, lotta anche sul 4 a 0 ma non è ben assistito dai suoi compagni.<br><br><br>FLOP LIVORNO<br><br>Bardi: Forse la peggior partita di quest'anno per il giovane portiere dell'Under 21 che è responsabile&nbsp;su due dei quattro gol napoletani.<br><br><br>C1012317NapoliFL0657FL0657Goran-Pandev-Wallpaper-2.jpgSiNnapoli-livorno-campionato-serie-a-pagelle-1012481.htmSiT1000091,T1000007100664701,02,03010434
821012468NewsCalcio EsteroLiga, al via l`8a giornata20131004092997Liga 8a giornataIn campo Villareal e MalagaAl via stasera la tre giorni di campionato spagnolo valevole per l'8a giornata. Due gli incontri in programma: Villareal-Granada e Malaga-Osasuna.<br>Il sottomarino giallo vorrà tornare alla vittoria, dopo il passo falso in casa del Betis, e mantenersi agganciato ai piani alti della classifica; dall'altro lato il Granada, reduce dalla vittoria casalinga contro l'Athletic Bilbao, è attualmente dodicesimo con 8 punti frutto di 2 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte.<br>La squadra di Marcelino Garcia Toral è quarta con 14 punti e si è conquistata a pieno titolo il ruolo di rivelazione della Liga; il mister, però, sarà costretto a guardare la partita dalla tribuna visto che dovrà scontare una squalifica di due giornate. Il Granada di Lucas Alcaraz si presentera a "El Madrigal" fiducioso e combattivo; è una delle squadre che meno gol ha subito in trasferta (2) ma anche quella che ne&nbsp;ha segnati di meno (3). Tra le fila degli andalusi è in dubbio José Luis García Recio per un lieve infortunio alla gamba sinistra, mentre Dani Benitez ne avrà per un mese e Francisco Medina, detto 'Piti' si spera torni dopo la sosta. Nel Villareal ci sarà Dos Santos nonostante la frattura del mignolo della mano sinistra, mentre non sarà dell'incontro Jaume Costas per un problema alla caviglia che non si&nbsp;risolverà prima di 3 settimane. <br>E' interessante notare come Villareal e Granada si siano affrontate solo in due occasioni in partite ufficiali, entrambe nella stagione 2011-12. Nell'unico incontro, quindi, disputato a "El Madrigal" ebbero la meglio i padroni di casa con un perentorio 3-1.<br>Subito dopo sarà la volta, come detto, di Malaga-Osasuna. La formazione di casa ha bisogno di tre punti che la spingano nella zona medio-alta della classifica; ma dicasi lo stesso per l'Osasuna che vuole allontanarsi dalla zona retrocessione e salvare la panchina di Javi Gracia. Il Malaga è reduce da 5 incontri senza sconfitte confermando il proprio stadio, "La Rosaleda", come un fortino inespugnabile. <br><br>PROGRAMMA DELL'8A GIORNATA DI LIGA<br><br>Stasera<br><br>Villareal-Granada<br>Malaga-Osasuna<br><br>Domani<br><br>Elche-Espanyol<br>Rayo Vallecano-Real Sociedad<br>Levante-Real Madrid<br>Barcellona-Valladolid<br><br>Domenica<br><br>Atletico Madrid-Celta<br>Siviglia-Almeria<br>Getafe-Betis<br>Atheltic Bilbao-Valencia<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-prega.jpgSiNliga-spagnola-al-via-la-giornata-8-1012468.htmSi100427901,02,03010203
831012439NewsCalcio EsteroLiga,7a giornata: il Villareal perde l`imbattibilità20130930103662Liga Giornata 7Il Villareal sconfitto in casa del BetisQuattro le gare giocate nella domenica della 7/a giornata della Liga spagnola. Il Levante ha vinto di misura in trasferta a Pamplona sul campo dell'Osasuna. Incontro equilibrato e divertente visto il gran numero di occasioni da gol per entrambe le squadre ma è il Levante a vincere grazie al gol, nel finale del match, di Xumetra, espugnando così l' "El Sadar" dopo ben 9 anni. Altra vittoria di misura e lontana dalle mura amiche è stata quella del piccolo Elche sul campo del Celta. Prima gioia stagionale, dunque, grazie alla rete di Javi Marquez, per la squadra illicitana, mentre per il Celta, che non ha ancora vinto al "Balaidos", si tratta del terzo incontro consecutivo senza gol. Domenica disastrosa, invece, per quelle che fino ad ora sono state le piacevoli sorprese del campionato spagnolo. Espanyol e Villareal escono sconfitte dai rispettivi incontri contro Getafe e Betis. Ottima prestazione del Getafe a "El Prat" di Barcellona, confermando così la predisposizione agli incontri in trasferta. Nonostante il maggior possesso palla dell'Espanyol, in realtà il Getafe non ha mai sofferto più di tanto concretizando 2 delle 3 occasioni da gol capitate sui piedi dell'asturiano Adrian Colunga. Per l'Espanyol si tratta della seconda sconfitta consecutiva. Infine, perde l'imbattibilità il Villareal sul campo del Betis Siviglia. Partita noiosa e senza emozioni il cui equilibrio viene rotto dalla rete siglata dal nigeriano Igiebor. Nel finale<br>è stato espulso per proteste&nbsp;il tecnico dei "gialli" di Villareal, Marcelino, dopo un sacrosanto rigore non assegnato ai propri uomini. Il Villareal, comunque, mantiene la quarta posizione in solitaria; per il Betis tre punti preziosi, seconda vittoria consecutiva e la soddisfazione di sconfiggere una delle squadre che conservava l'imbattibilità.<br>Si chiuderà stasera la settima giornata con Granada-Athletic Bilbao. La squadra di casa non è ancora riuscita a racimolare punti in casa inanellando tre sconfitte, tutte di misura, nello stadio de "Los Càrmenes". Sarà una partita amarcord per l'ex Granada, Mikel Rico, che sarà anche premiato dai tifosi con una targa ricordo per i tre anni trascorsi con la maglia bianco-rossa. L'Athletic di Valverde cercherà il riscatto in trasferta, visto che nelle ultime due il bilancio è stato di 2 sconfitte e 6 gol subiti, e si affiderà alla vena realizzativa di Aduriz che proprio a Granada ha siglato la sua ultima doppietta nel novembre del 2012.<br><br>Risultati&nbsp;7a giornata<br><br>Valladolid-Malaga 2-2&nbsp;&nbsp; 23'Santa Cruz-76'Pawlowski(M) - 56'Javi Guerra-64'Osorio(V) <br><br>Valencia-Rayo Vallecano 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 37'Jonas<br><br>Almeria-Barcellona 0-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 21'Messi-56'Adriano<br><br>Real Sociedad-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 18'Jairo(S) - 66'Griezmann(RS)<br><br>Real Madrid-Atletico Madrid 0-1&nbsp;&nbsp; 11'D.Costa<br><br>Giocate Ieri<br><br>Osasuna-Levante 0-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 87'Jordi Feliu Xumetra<br><br>Celta Vigo-Elche 0-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 62'Javi Marquez<br><br>Espanyol-Getafe 0-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 73'-90'Adrian Colunga<br><br>Betis-Villareal 1-0&nbsp;&nbsp; 36'Igiebor<br><br>Stasera<br><br>Granada-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 21<br>2)At.Madrid 21<br>3)Real Madrid 16<br>4)Villareal 14<br>5)At.Bilbao 12<br>6)Valencia 12<br>7)Espanyol 11<br>8)Getafe 10<br>9)Levante 10<br>10)Malaga 9<br>11)Betis 8<br>12)Real Sociedad 7<br>13)Siviglia 6<br>14)Celta 6<br>15)Valladolid 6<br>16)Elche 6<br>17)Granada 5<br>18)Rayo 3<br>19)Almeria 3<br>20)Osasuna 3<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br><br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-7-il-villareal-perde-l-imbattibilita-1012439.htmSi100427901,02,03010195
841012430NewsCalcio EsteroLiga, 7a giornata: l`Atletico ammutolisce il Bernabeu20130929101959Liga, 7a giornataL`Atletico sbanca il BernabeuL'Atletico Madrid vince 1-0 il derby e batte il Real Madrid al Bernabeu dopo ben 14 anni. Decide una rete all'11' di Diego Costa, rapidissimo&nbsp;nello sfruttare un assist di Koke su palla persa da Di Maria.<br>I Colchoneros di Simeone mantengono la prima posizione, a pari merito con il Barcellona, a quota 21, centrando la settima vittoria consecutiva, mentre la squadra di Ancelotti scivola a -5 dalla vetta, rimediando il primo ko di questa stagione.<br>Sembra partire meglio il Real Madrid, sospinto dal Santiago Bernabeu, ma le offensive della squadra di Ancelotti devono fare i conti con il pressing ordinato e la forza difensiva dell’Atletico, che ha dimostrato di essere molto più "squadra" del Real.<br>Continua la sua marcia vittoriosa anche il Barcellona con il 2-0 ad Almeria in virtù delle reti di Adriano e Messi. L'argentino, che in questo momento&nbsp;è il "Pichichi" della Liga insieme a Diego Costa, è, però, costretto ad uscire al minuto 25' per un risentimento muscolare. <br>Terza vittoria consecutiva, invece, per il Valencia trascinato sempre più dal brasiliano Jonas, autore di 4 centri in tre partite. Il Rayo, alla sesta sconfitta è sempre più in crisi.<br>Termina 1-1, infine, la gara tra Real Sociedad e Siviglia. Ospiti avanti grazie alla rete di Jairo Samperio e raggiunti da Griezmann nella ripresa. <br><br>La prima gara della domenica di Liga vedrà di fronte Osasuna e Levante. Il primo scorcio di campionato, per i padroni di casa, è stato un disastro con soli 3 punti&nbsp;all'attivo. Ha fatto un po' meglio il Levante con i 7 punti in classifica ma reduce da&nbsp;tre pareggi consecutivi. <br>Al "Balaidos” si sfideranno Celta Vigo ed Elche. I padroni di casa sono undicesimi a 6 punti, gli ospiti occupano l’ultima posizione a quota 3.Finora i ragazzi di Luis Enrique non hanno mai nè vinto nè perso nelle precedenti 3 partite tra le mura amiche e questo pomeriggio il bomber Charles (3 gol in 5 partite) e i suoi compagni proveranno a regalare la prima gioia della stagione al proprio pubblico. All'Elche non resta che dimenticare le polemiche del post-Real e concentrarsi sulla partita di oggi nel migliore dei modi, nonostante l'allenatore e il centrocampista Sanchez siano squalificati.<br>Poi, toccherà all'Espanyol, atteso dalla sfida casalinga contro il Getafe. I catalani proveranno a riscattare la sconfitta subita contro il Villarreal e a mantenersi nelle parti alti della classifica. Non sarà, comunque, facile domare il Getafe che ha un ottimo ruolino di marcia in trasferta.<br>Infine, sarà la volta di Betis e Villareal. I padroni di casa occupano la 14a posizione ed hanno disperato bisogno dei 3 punti. Il Villareal, di contro, vuole continuare a stupire, forte della posizione in classifica e dei risultati fin qui ottenuti, 4 vittorie e due pareggi,&nbsp;degni di una grande.<br><br>&nbsp;<br><br>Programma della 7a giornata<br><br>Valladolid-Malaga 2-2&nbsp;&nbsp; 23'Santa Cruz-76'Pawlowski(M) - 56'Javi Guerra-64'Osorio(V) <br><br>Ieri<br><br>Valencia-Rayo Vallecano 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 37'Jonas<br><br>Almeria-Barcellona 0-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 21'Messi-56'Adriano<br><br>Real Sociedad-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 18'Jairo(S) - 66'Griezmann(RS)<br><br>Real Madrid-Atletico Madrid 0-1&nbsp;&nbsp; 11'D.Costa<br><br>Oggi<br><br>Osasuna-Levante<br><br>Celta Vigo-Elche<br><br>Espanyol-Getafe <br><br>Betis-Villareal <br><br>Domani<br><br>Granada-Athletic Bilbao<br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-7-l-atletico-sbanca-il-bernabeu-1012430.htmSi100427901,02,03010189
851012418NewsCampionatiSampdoria, Rossi: «Giocheremo meglio di loro»20130928162532rossi, milan, sampROSSI: «A SAN SIRO CONVINTI DI GIOCARE MEGLIO DI LORO»«Sembra strano dirlo ma contro la Roma ho visto dei miglioramenti e abbiamo le caratteristiche per poter giocare in questa maniera». Questa maniera è il 4-4-2. Un modulo che Delio Rossi mai aveva proposto per la sua Sampdoria ma che, alla vigilia della trasferta nella San Siro rossonera, il tecnico blucerchiato sembra intenzionato a riproporre, malgrado il risultato di mercoledì sera sia stato negativo. «Non concediamo tantissimo - sottolinea in conferenza stampa -, ma quei pochi errori che facciamo li paghiamo a caro prezzo . Penso sia un discorso di attenzione e convinzione, di fiducia nel compagno. Non vorrei che ci focalizzassimo troppo sul sistema di gioco: in campo vanno undici giocatori e, in questa categoria, si portano punti a casa vincendo i duelli individuali». <BR><STRONG><BR>Un vantaggio affrontare i rossoneri senza Balotelli?</STRONG><BR>«No, perché non credo che al suo posto giocherà un Primavera. Se non ci sarà Balotelli, ci sarà Robinho; se non ci sarà Robinho ci sarà Niang. Le grandi squadre si vedono da questo: possono far ruotare i giocatori».<BR><STRONG><BR>Ritroverà Andrea Poli. Lo rimpiange?</STRONG><BR>«Poli è un ragazzo che con noi ha fatto benissimo, ha dato tanto per questa maglia. Ha avuto un'opportunità e l'ha presa al volo: se ti chiama il Milan è difficile dire di no. Gli faccio i migliori auguri, noi ma dobbiamo guardare avanti. E magari cercare dei nuovi Poli, questo sì».<BR><BR><STRONG>Qual è la ricetta per tornare in pista?</STRONG><BR>«In questo momento, come nei film di Perry Mason, ogni cosa che dici può essere ritorta contro di te. Le parole non servono: il mio compito è quello di dare fiducia e serenità ai giocatori. In questo momento siamo obbligati a mettere i tappi di cera nelle orecchie, non ci sono altre strade. Ci facciamo soltanto del male se pensiamo all'anno scorso, a chi c'era e a chi non c'è più. Ora dobbiamo fare bene con questi giocatori: abbiamo un ciclo difficile e dopo 10 partite tireremo le somme».<BR><STRONG><BR>Come valuta la classifica?</STRONG><BR>«Di sicuro, se avessimo i due punti in più di Bologna, saremmo in linea di galleggiamento e non si parlerebbe in questi termini. A mio avviso l'unica partita che abbiamo toppato è il derby; le altre, pur con qualche difficoltà, ce le siamo giocate. È per questo che dico che, anche quest'anno, abbiamo le possibilità di centrare l'obiettivo».<BR><BR><STRONG>Come potrebbero tornare utili Salamon e Palombo in una difesa a quattro?</STRONG><BR>«Salamon si sente più difensore, anche se in passato ha giocato a centrocampo e l'esperienza mi dice che non puoi far fare a un giocatore una cosa in cui non crede. Palombo, secondo me, con un 4-4-2 è più utile a centrocampo perché dietro hai bisogno di più fisicità. Se invece giochi a cinque il ruolo lo fa dieci metri più indietro. In linea di massima penso di avere dimostrato di non nutrire pregiudizi nei confronti di nessuno: a me interessa che vada bene la Sampdoria. La Sampdoria è il bene supremo, le situazioni personali vengono sempre dopo».<BR><STRONG><BR>Dopo il Milan verranno cinque scontri diretti. Potranno dire molto sul vostro campionato?</STRONG><BR>«Cercando di ragionare partita per partita, ora dobbiamo pensare al Milan. Sulla carta sembra una sfida proibitiva ma dobbiamo andare a San Siro con la convinzione di giocare meglio di loro. Se giochiamo alla pari, perdiamo di sicuro. Questa gara è fondamentale, alle altre ci penseremo a tempo debito».<BR><BR><STRONG>Terza partita in sette giorni. Qual è lo stato di forma del gruppo? L'eventuale assenza di Gastaldello potrebbe indurla a cambiare modulo?</STRONG><BR>«Ho bisogno di fare l'allenamento e valutare le condizioni degli acciaccati. Oggi si prepara la partita, un'idea di base ce l'ho, poi voglio vedere. In rosa non abbiamo due o tre fenomeni che se mancano quelli dobbiamo stravolgere tutto: siamo una buona squadra se facciamo il nostro ma penso che nessuno sia insostituibile». <BR><BR>GP01CTGP01CTrossi-6.jpgSiNrossi-milan-samp-1012418.htmSi-01,02,03,07010192
861012413NewsCalcio EsteroLiga, 7a giornata: è il giorno del derby di Madrid20130928110841Liga Giornata 7E` derby a MadridIniziata già ieri sera la settima giornata di Liga in quella che è stata ed è una settimana senza soste. Giornata che si è aperta col pareggio spettacolare tra Valladolid e Malaga. Entrambe le compagini hanno provato a centrare il bottino pieno, alternandosi, nelle varie fasi di gioco, sia in quanto a predominio sia in quanto a gol ed occasioni create. Ha sicuramente iniziato meglio la squadra di casa sospinta dal pubblico del Jose Zorilla e dalla gran mole di&nbsp;lavoro del colombiano Osorio che si è dato un gran da fare nel cercare di sfiancare la difesa avversaria su tutti i lati. Eppure è stato il Malaga a passare in vantaggio con l'intramontabile Roque Santa Cruz. Gol inaspettato e Valladolid quasi alle corde visto che alla ripresa del gioco, dopo il gol, i padroni di casa hanno faticato a reagire e concluso la prima frazione stancamente e quasi con le gambe tremolanti. L'intervallo, però, ha&nbsp;riportato in campo un Valladolid di nuovo battagliero, strigliato per bene da mister Jose Ignacio Martinez, capace di pareggiare con Javi Guerra, malagueño di nascita, e portarsi in vantaggio con lo stesso Osorio. A salvare gli andalusi&nbsp;di Malaga, però, ci ha&nbsp;pensato un gol strepitoso dell'appena entrato Pawlowski che dopo avere controllato col ginocchio sinistro, dall'interno dell'area grande ha girato di destro superando l'incolpevole Diego Marino. E' pareggio alla fine e non sarebbe potuto essere altrimenti sia per quello che si è visto in campo, sia per un discorso meramente statistico visto che la X è il segno predominante quanto le due squadre si affrontano a Valladolid.<br><br>Il sabato di Liga si prospetta davvero interessante. Alle 16 tutti al Mestalla a seguire Valencia Rayo Vallecano. I padroni di casa sembrano essersi ripresi dopo un avvio disastroso inanellando due vittorie consecutive. Djukic riproporrà, probabilmente, lo schema con un solo attaccante, ovvero Postiga, coadiuvato da tre trequartisti, Pabon,Jonas e Fede. Per gli ospiti, attualmente ultimi in classifica, si tratta di cambiare marcia dopo avere collezionato 5 sconfitte consecutive ma l'impresa sarà ardua contro un Valencia che ambisce certamente a risalire ulteriormente verso posizioni più consone al proprio blasone.<br>Alle 18 toccherà al Barcellona in quel di Almeria. I padroni di casa sono ultimi in compagnia di altre tre squadre e non hanno ancora vinto in questa stagione. I tre punti in classifica sono frutto di altrettanti pareggi, tutti per 2-2, contro formazioni non certo irresistibili, Levante, Elche e Getafe. L'Almeria, che ha un ruolino fin qui alquanto paradossale, ha una filosofia di gioco votata all'attacco (10 gol realizzati) e una difesa colabrodo (15 gol subiti), punta tutto sul bomber Rodri, 4 reti fin qui e proveniente in prestito proprio dal Barcellona. Sul Barcellona è superfluo spendere parole, parlano i numeri. E' la solita macchina perfetta con 22 gol realizzati, 18 punti in classifica e solo 5 gol subiti. Vincendo potrà godersi tranquillamente il derby di Madrid sperando che Real e Atletico si fermino a vicenda.<br>Alle 20, poi, all'Anoeta di San Sebastian, si affronteranno Real Sociedad e Siviglia che sono un po' le due delusioni di questo avvio di stagione; infatti i baschi sono undicesimi con 6 punti mentre gli ospiti occupano la tredicesima posizione a quota 5. Certamente i padroni di casa sono stati condizionati fin qui dai preliminari e dalla partecipazione in champions league&nbsp;ed anche dalla mancanza di un organico che possa aspirare a fare bene su tutti i fronti senza&nbsp;incidenti di percorso. La Real Sociedad, in generale, subisce poco, 7 reti subite delle quali 4 contro il Barcellona, ma segna altrettanto poco, solo 5 i gol realizzati. Anche il Siviglia non attraversa un momento positivo, fino a qui solo una vittoria, 2 pareggi e tre sconfitte.<br>Infine, alle 22, inizierà l'incontro più importante della settima giornata e cioè il derby tra Real e Atletico. I colchoneros sono primi in classifica a punteggio pieno mentre&nbsp;le merengues sono solo in ritardo di due punti. Vigilia un po'strana per il Real, addirittura denunciato alla polizia da 120 tifosi del Barcellona per truffa dopo la vittoria contro l'Elche al 94' con un rigore inesistente. <br>Il Real Madrid è quindi chiamato ad un’importante vittoria per cancellare, almeno in parte, il "furtarello" di mercoledì. Ancelotti non sembra ancora aver trovato un impianto solido di gioco, <br>fino a qui le vittorie sono state più merito dei singoli (Isco e Ronaldo su tutti) che grazie ad un’effettiva organizzazione d'insieme. Questa sera spazio a Isco, Ronaldo e Di Maria alle spalle di Benzema.&nbsp;La squadra di Diego Simeone è sicuramente la rivelazione di questo inizio di campionato. Dopo la cessione di Radamel Falcao nessuno si aspettava che l'Atletico riuscisse a mantenere lo stesso passo ed ha trovato in Diego Costa un bomber di razza che in questo momento è conteso dalle nazionali di Brasile e Spagna per un'eventuale partecipazione al mondiale.<br><br>Programma della 7a giornata<br><br>Valladolid-Malaga 2-2&nbsp;&nbsp; 23'Santa Cruz-76'Pawlowski(M) - 56'Javi Guerra-64'Osorio(V) <br><br>Oggi <br><br>Valencia-Rayo Vallecano<br><br>Almeria-Barcellona<br><br>Real Sociedad-Siviglia<br><br>Real Madrid-Atletico Madrid<br><br>Domani<br><br>Osasuna-Levante<br><br>Celta Vigo-Elche<br><br>Espanyol-Getafe <br><br>Betis-Villareal <br><br>Lunedì<br><br>Granada-Athletic Bilbao<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-7-e-il-giorno-del-derby-di-madrid-1012413.htmSi100427901,02,03010186
871012390NewsCalcio EsteroLiga, 6a giornata: «furto» del Real Madrid ad Elche20130926110310Liga spagnola6a Giornata, il Real fatica ma vince ad ElcheIl Real Madrid mantiene il ritmo di Barcellona e Atletico grazie ad una vittoria discutibile e potrà giocare il derby con la possibilità di raggiungere i colchoneros.<br>Chi, però, pensava che fosse un turno semplice per le merengues si sbagliava di grosso. L'Elche di Fran Escribà ha disputato un'ottima partita puntando tutto su una solidissima difesa e gli uomini di Ancelotti hanno fatto di tutto per scardinarla riuscendoci solo grazie a un'invenzione di Cristiano Ronaldo su punizione. Poi, il Real ha addormentato la partita il più possibile fino a quando, però, nei minuti di recupero, Boakye ha trovato l'inatteso pareggio che ha&nbsp;fatto esplodere il "Martinez Valero". Quando il miracolo, per l'Elche naturalmente, stava per compiersi, ci ha pensato l'arbitro, Muñiz Fernández, a regalare un calcio di rigore al Real per un fallo di Carlos Sanchez su Pepe. A trasformarlo è stato sempre Ronaldo e pubblico di casa indignato e con l'amaro in bocca visto che l'Elche avrebbe meritato quantomeno il pareggio.<br>Seconda vittoria consecutiva, invece, per il Valencia che batte di misura e in trasferta il Granada con la rete del brasiliano Jonas, la terza in due partite, al 94'. Un successo che consente ai valenciani di posizionarsi nella parte medio alta della classifica. Nel terzo incontro del mercoledì di Liga si registra anche la goleada del Siviglia che travolge il sempre più disastrato Rayo Vallecano con un perentorio 4-1. Doppiette di Rakitic e Bacca che per gli andalusi valgono la prima vittoria in campionato e che consentono&nbsp;di lasciare&nbsp;l'ultimo posto in classifica. <br><br>Stasera si giocheranno tre incontri&nbsp;che manderanno in archivio la sesta giornata di Liga.<br>Presso il Nuovo San Mamès si affronteranno Athletic Bilbao e Betis. I baschi nelle prime 5 giornate hanno racimolato 9 punti frutto di tre vittorie e due sconfitte (contro Real Madrid ed Espanyol) e in casa hanno sempre vinto. Il Betis, che attraversa un momento complicato ed è riuscito a vincere una sola volta, contro il Valencia, punterà tutto sulla vena realizzativa di Molina e Sevilla, quest'ultimo autore di 2 gol in 2 partite.<br><br>Sicuramente la partita più interessante si disputerà al Madrigal e sarà quella tra Villareal ed Espanyol, due delle sorprese di questo inizio di stagione.&nbsp;Appaiate a quota 11 punti in 5 partite, l’occasione per entrambe è ghiottissima. Chi vince rimane sulla scia delle prime tre.<br>Ancora imbattuto in casa, il Villareal cercherà altri punti importanti sfruttando il fattore campo, così come fatto nella sfida pareggiata 2-2 contro il Real Madrid e nella quale, forse, avrebbe meritato di vincere. L’allenatore del sottomarino giallo, Marcelino, punterà tutto sul talentuoso messicano Giovani Dos Santos che se dovesse trovare il cammino della continuità potrebbe diventare il vero valore aggiunto della neopromossa. L'Espanyol, dal canto suo, non sarà una rassegnata vittima sacrificale. Gli uomini di Aguirre sono ancora imbattuti e possono contare su un rinato Simao, ex Benfica, che sembra vivere una seconda giovinezza. <br>Infine, al Coliseum Alfonso Pérez si affronteranno Getafe e Celta Vigo. I padroni di casa cercano punti importanti per allontanarsi dalla zona bassa della classifica e lo faranno puntando sul 4-2-3-1 con Miku unico terminale d'attacco coadiuvato da Castro, Leon e Sarabia. Di contro, il Celta di Luis Enrique, con 6 punti, ha iniziato la stagione un po' meglio e si affiderà al solito 4-3-3 con il tridente composto da Krohn-Dehli, Charles e Mina.<br><br><br>Risultati 6/a Giornata<br><br>Martedì<br><br>Barcellona-Real Sociedad 4-1&nbsp; 4'Neymar-7'Messi-22'Busquets-76'Bartra(B) - 63'De la Bella(R)<br>Levante-Valladolid 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 35' Diawara(L)-41'Javi Guerra(V)<br>Atletico Madrid-Osasuna 2-1&nbsp; 17'-24Diego Costa(A) - 42'Oriol Riera(O)<br>Málaga-Almería 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 67'Tissone-91'Portillo<br><br>Ieri<br><br>Granada-Valencia 0-1&nbsp; 90'Jonas<br>Sevilla-Rayo Vallecano 4-1&nbsp;&nbsp; 17'-53'Rakitic-80'-88'Bacca(S) - 55'A.Gonzalez(R)<br>Elche-Real Madrid 1-2&nbsp; 51'-93'Ronaldo(R) - 90'Boakye(E)<br><br>Oggi<br><br>Athletic Bilbao-Real Betis<br>Getafe-Celta Vigo<br>Villarreal-Espanyol<br><br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-6-furto-real-ad-elche-1012390.htmSi100427901,02,03010228
881012387NewsCalcio EsteroLiga, 6a giornata: Barcellona e Atletico ancora a punteggio pieno20130925092448Liga Giornata 6Barcellona e Atlético a punteggio pienoNel martedì di Liga spagnola, valevole per la sesta giornata il Barcellona conquista altri tre punti e vola, a punteggio pieno, a quota 18. I catalani riconquistano anche il possesso palla e l'allegria che contraddistingue da anni&nbsp;il proprio&nbsp;spirito calcistico. C'è da dire che l'allenatore della Real Sociedad, Jagoba Arrasate ha sorpreso tutti schierando una formazione piena di seconde linee, come a dire che al Camp Nou c'è poco da fare e che, in questo momento, è più importante pensare agli impegni di Champions che sprecare forze contro i campioni in carica. Infatti, già al minuto 4, Neymar andava a segno centrando la prima marcatura personale in campionato.<br>Anche l'Atletico Madrid continua a&nbsp;navigare a gonfie vele e a punteggio pieno sconfiggendo tra le mura amiche l'Osasuna di Javi Gracia. Pieno zeppo di riserve, mancava infatti nell'11 iniziale gente del calibro di Villa, Gabi e Felipe Luis, i Colchoneros non hanno sofferto più di tanto per conquistare i tre punti in palio. Due gol di Diego Costa risolvono il match e rendono inutile la rete di Oriol Riera che accorciava le distanze.<br>Negli altri due incontri disputati ieri da segnalare l'ottimo punticino conquistato dal Valladolid, in 10 per 50 minuti, sul campo del Levante. Los "Pucelanos" di Valladolid passano in svantaggio al minuto 35' e riacciuffano il pari 6 minuti dopo grazie al gol di Javi Guerra. Il Levante spreca un rigore calciato da Ivanschitz ipnotizzato da Marino. Infine, il Malaga centra la seconda vittoria stagionale nel derby contro l'Almeria con un secco 2-0 in virtù delle reti realizzate da Portillo e Tissone.<br>In campo, dunque, stasera, il Real Madrid di Carlo Ancelotti all'inseguimento dell'attuale duo di testa. Il tecnico darà spazio ad alcuni uomini poco utilizzati&nbsp;fino a adesso come Nacho e Di Maria per far rifiatare Ramos e sostituire Bale acciaccato. Per la terza squadra della regione Valenciana, l'Elche, poche speranze di ottenere un risultato positivo ma attenzione al fattore campo e al non avere nulla da perdere. Confermato il 4-2-3-1 che ai neopromossi comunque sono valsi, fin qui, tre punti frutto&nbsp;di tre pareggi. <br>Il Siviglia, attualmente ultimo in classifica con due punti, era da anni che non iniziava così male ed ha tutta l'intenzione di riscattarsi davanti al proprio pubblico contro il Rayo Vallecano. Mentre il Valencia di Miroslav Djukic, che ha interrotto la striscia negativa di tre sconfitte consecutive, cerca conferme in quel di Granada. Gli andalusi di mister Lucas Alcaraz, reduci dal pareggio a reti inviolate sul campo del Betis, dovranno fare i conti con la grave&nbsp;sterilità offensiva che fino a adesso ha contraddistinto le prestazioni della squadra che, peraltro, ha perso i due incontri disputati in casa in questo inizio di campionato.<br><br>Risultati 6/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Barcellona-Real Sociedad 4-1&nbsp; 4'Neymar-7'Messi-22'Busquets-76'Bartra(B) - 63'De la Bella(R)<br>Levante-Valladolid 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 35' Diawara(L)-41'Javi Guerra(V)<br>Atletico Madrid-Osasuna 2-1&nbsp; 17'-24Diego Costa(A) - 42'Oriol Riera(O)<br>Málaga-Almería 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 67'Tissone-91'Portillo<br><br>Oggi<br><br>Granada-Valencia<br>Sevilla-Rayo Vallecano<br>Elche-Real Madrid<br><br>Domani<br><br>Athletic Bilbao-Real Betis<br>Getafe-Celta Vigo<br>Villarreal-Espanyol<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-6-barcellona-e-atletico-ancora-a-punteggio-pieno-1012387.htmSi100427901,02,03010216
891012386NewsCalcio EsteroLiga: al via la 6a giornata20130924095535Liga spagnolaGiornata 6Nell'ultimo incontro della 5a giornata di Liga, l'Espanyol sconfigge l'Athletic Bilbao per 3-2 ed aggancia il Villareal a quota 11 punti al quinto posto. Partita densa di emozioni con i padroni di casa impegnati fin dai primi minuti dell'incontro a contenere il forte centrocampo basco composto da Beñat, Iturraspe e De Marcos. I catalani dilagano nel secondo tempo grazie alle reti di Victor Sanchez e Sergio Garcìa; sul 3-1 a nulla vale il gol di Ibai che porta il punteggio sul definitivo 3-2.<br><br>In Spagna, così come nel resto d'Europa, non ci sono soste e pronti, dunque, per la sesta giornata che si disputerà da stasera fino a giovedì senza soluzione di continuità. Quattro gli incontri previsti per stasera, 2 alle ore 20 e 2 alle 22.<br>Il Barcellona ospita la Real Sociedad di Jagoba Arrasate. I baschi stanno faticando parecchio in questa stagione anche per via della partecipazione in Champions e sembrano non avere lo stesso smalto della passata stagione. Settimi in classifica con 6 punti, frutto di una vittoria, tre pareggi ed una sconfitta, fino a questo momento quello che soprprende di più è il fatto che abbiano segnato solo 4 reti, grazie soprattutto al nazionale messicano Carlos Vela, che ne ha realizzatti due. In questa cornice si inseriscono le statistiche certamente non favorevoli alla squadra di San Sebastian, che al Camp Nou è reduce da 17 sconfitte consecutive e bisogna risalire al 1995 per trovare l'ultimo risultato positivo (1-1). Dal canto suo il Barcellona vuole la sesta vittoria consecutiva. E' un Barcellona che soffre di più, almeno apparentemente, rispetto al passato: Messi non è al meglio, Jordi Alba è ancora infortunato. Però, c'è un Pedro motivatissimo e lo stesso Messi ha voglia di gol dato che al prossimo centro riuscirà a raggiungere ed eguagliare&nbsp;l'ormai leggendario Raul Gonzalez nela speciale classifica marcatori di sempre della Liga.<br>Contemporaneamente il Levante di Caparros affronterà il Valladolid dell'ex allenatore Juan Ignacio Martinez. Valladolid che almeno sulla carta parte sfavorito visto che dovrà rinunciare ad Alvaro Rubio, Marc Valiente, Oscar, Victor Perez e Larsson.<br>Poi toccherà all'altra capolista, l'Atletico Madrid, impegnata in casa contro l'Osasuna, reduce dalla prima vittoria in campionato. Non dovrebbero esserci grossi problemi per gli uomini di Simeone ma attenzione ai cali di concentrazione e al turn-over. Confermato, comunque, il 4-4-2. <br>Di scena anche uno dei tanti derby andalusi, Malaga-Almeria. I padroni di casa cercano il quarto risultato utile consecutivo, mentre l'Almeria, tutt'altro che irresistibile, cercherà di portare a casa almeno un punto. In fondo l'Almeria, fino ad ora, si è dimostrata squadra da X, prolifica&nbsp;ma con una difesa colabrodo (10 gol fatti e 13 subiti).<br><br>Ecco il programa completo della 6a giornata<br><br>Giocano Oggi<br><br>Barcellona-Real Sociedad<br><br>Levante-Valladolid<br><br>Malaga-Almeria<br><br>Atlético Madrid-Osasuna<br><br>Giocano Domani<br><br>Granada-Valencia<br><br>Siviglia-Rayo<br><br>Elche-Real Madrid<br><br>Giocano Giovedì<br><br>Athletic Bilbao-Betis<br><br>Getafe-Celta<br><br>Villareal-Espanyol<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-al-via-la-sesta-giornata-1012386.htmSi100427901,02,03010240
901012378NewsCalcio EsteroLiga, 5a giornata: riscatto Valencia, Cristiano supera Hugo Sanchez20130923093333Liga Giornata 5Il punto sulla 5a giornata&nbsp;<br><br>Proseguono il proprio cammino da capilista il Barcellona e l'Atletico Madrid. I blaugrana, dopo il 4-0 all’Ajax in Champions League, si ripetono col medesimo punteggio sul campo del Rayo Vallecano. Eppure questa partita è destinata ad entrare ugualmente nella storia. Per la prima volta dopo cinque anni il Barcellona ha perso la "sfida" del possesso palla, che al fischio finale recitava Rayo Vallecano 51%, Barcellona 49%. <br>L'ultima volta accadde il 7 maggio del 2008, allora furono i rivali storici del Real Madrid ad avere la meglio nel punteggio (4-1) e nello speciale dato statistico di fine match. Da allora il pallone è quasi sempre passato fra i piedi dei giocatori catalani, a volte con percentuali imbarazzanti con <br>oltre il 70% anche in match importanti di Liga o Champions League, a dimostrazione di una schiacciante superiorità tecnica diventata celebre in tutto il mondo col nome di tiki-taka. Una superiorità che adesso inizia a scricchiolare, visto che già in coppa l'Ajax&nbsp;aveva sfiorato l'impresa del Rayo. Naturalmente per adesso è in discussione soltanto il possesso palla, perchè il risultato finale sorride pur sempre agli uomini di Gerardo "El Tata" Martino.<br>L’Atletico di Simeone, invece, che continua sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria contro lo Zenit, s’impone per 2-0 in casa del Valladolid. <br>I blaugrana e i colchoneros guardano tutti dall'alto verso il basso con 15 punti. <br><br>Subito dietro si affaccia il Real Madrid di Carlo Ancelotti, che per tutta risposta agli eterni rivali catalani, cala il poker nel derby contro il Getafe.<br>Partenza in salita per i blancos che subiscono il gol del vantaggio di Lafita ma in poco meno di un quarto d’ora pareggia con Pepe e poi dilaga con Isco e Cristiano Ronaldo che supera Hugo Sanchez nella speciale classifica dei cannonieri blancos di sempre siglando il suo 209esimo gol a Madrid. <br>Negli altri incontri pareggiano Almeria e Levante in un match ricco di gol(2-2) e di emozioni date dal doppio vantaggio dei padroni di casa rimontato nella ripresa dai valenciani. Scialbi 0-0 tra Real Sociedad e Malaga, Betis e Granada nel derby d'Andalusia e Celta Vigo-Villareal, con quest'ultima che mantiene il ruolo di sorpresa visto che mantiene l'imbattibilità dopo 5 giornate.<br>Nel posticipo di ieri sera arriva il secondo successo stagionale per il Valencia che al “Mestalla” rifila un perentorio 3-1 al Siviglia con le reti di Victor Ruiz e doppietta del brasiliano Jonas. A nulla serve il terzo centro in campionato dell’ex Psg, Kevin Gameiro. Il Valencia per una notte torna a credere in se stesso dopo un inizio di stagione disastroso. Per il Siviglia, invece, non solo la sconfitta ma anche l'onta dell'ultimo posto in classifica.<br><br>Classifica dopo 5 giornate<br><br>1)Barcellona 15<br>2)At.Madrid 15<br>3)Real Madrid 13<br>4)Villareal 11<br>5)At.Bilbao 9<br>6)Espanyol 8<br>7)Celta 6<br>8)Real Sociedad 6<br>9)Levante 6<br>10)Valencia 6<br>11)Malaga 5<br>12)Betis 5<br>13)Granada 5<br>14)Getafe 4<br>15)Valladolid 4<br>16)Rayo 3<br>17)Almeria 3<br>18)Elche 3<br>19)Osasuna 3<br>20)Siviglia 2<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-5-riscatto-valencia-cristiano-supera-hugo-sanchez-1012378.htmSi100427901,02,03010300
911012375NewsCalcio EsteroLiga Spagnola, 5a giornata: per il Real c`è il derby con il Getafe201309210925595a giornata Liga spagolaAnteprima LigaIeri sera l'Osasuna è riuscito a celebrare la prima vittoria stagionale ai danni di un Elche apparso troppo debole nell'incontro disputato all'El Sadar di Pamplona contro una diretta concorrente per non retrocedere. Decidono i gol di Armenteros e Oriol Riera e a nulla è valso all'Elche accorciare le distanze al minuto 88 con il rigore trasformato da Edu Albacar.<br>Entrambe le squadre hanno cercato fin dall'inizio la via del gol e la verità è che è stato più la squadra ospite a mettere in difficoltà Andres Fernandez che non i padroni di casa a Manu Herrera, portiere ilicitano. Infatti è proprio il portiere dell'Osasuna, Fernandez, ad essere protagonista assoluto del primo tempo effettuando parate importantissime per la vittoria finale.<br>La squadra di Pamplona, così, grazie alla vittoria di ieri, raggiunge proprio l'Elche a quota 3 punti in fondo alla classifica. Elche ancora a secco di vittorie.<br><br>Il programma della 5a giornata si snoderà secondo il consueto "spezzatino". La giornata si aprirà alle ore 16, con&nbsp;la Real Sociedad chiamata a riscattare il brutto debutto in Champions nella sfida casalinga contro il Malaga. Alle 18 importante sfida salvezza fra l'Almeria e il Levante, che cercheranno di muovere la classifica considerato il grande equilibrio del campionato spagnolo nella parte medio-bassa della classifica. <br><br>In serata scenderanno in campo due delle aspiranti al titolo. Alle 20 il Barcellona, dopo la goleada in Champions League, cercherà conferme al Campo de Futbol de Vallecas contro il Rayo Vallecano. Subito dopo, con inizio alle 22, sarà il turno&nbsp;dell'Atletico Madrid di Simeone impegnato allo stadio José Zorrilla contro il Valladolid. <br><br>Ad aprire la domenica di calcio spagnolo sarà il confronto fra Real Betis e Granada, che si affronteranno a mezzogiorno. Nel pomeriggio, alle 17, invece, la sfida fra due delle sorprese dell'avvio di campionato, ossia il Celta Vigo dell'ex tecnico giallorosso Luis Enrique e l'&nbsp;incredibile Villarreal di Marcelino, attualmente 3° in classifica con 10 punti.<br><br>La serata domenicale proporrà due big match: il primo, con fischio d'inizio alle 19, è il derby di Madrid fra Real e Getafe, con la squadra di Ancelotti reduce dalla goleada in Champions League rifilata al Galatasaray.<br>Chiuderà il programma domenicale alle 21 l'interessante gara fra Valencia e Siviglia. I padroni di casa devono già farsi perdonare molto dai propri tifosi dopo il deludente avvio di stagione e la figuraccia rimediata in Europa League. Dall'altro lato il Siviglia dell'ex Unai Emery ha fortemente bisogno di punti per tirarsi fuori dalle sabbie mobili della bassa classifica. <br>La 5ª giornata della Liga si chiuderà con il posticipo del lunedì sera tra l'Espanyol e l'Athletic Bilbao.<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNanteprima-liga-spagnola-giornata-5-derby-madrid-1012375.htmSi100427901,02,03010208
921012359NewsCalcio EsteroLiga, 4a giornata: polemiche per il Barça, un pari per il Real20130916094411Liga spagnolaRisultati e ClassificaNella 4/a giornata di Liga spagnola tanti gol e tante polemiche. Su tutte quelle del post Barcellona-Sevilla e, in particolare, le parole di Fernando Navarro che definiscono l'accaduto un vero e proprio furto perpetrato al suo Siviglia, che stava per portare a casa un preziosissimo punto dal Camp Nou e che, invece, si arrende per 3-2 in virtù del gol di Alexis arrivato 8 secondi oltre il recupero di tre minuti concesso dal direttore di gara. Il Siviglia recrimina anche per un gol annullato a Cala sull'1-0 per i catalani.<br><br>Al “Vicente Calderon” l’Atletico Madrid di Diego Simeone si conferma primo a fianco proprio degli azul-grana, a punteggio pieno con quattro successi in quattro partite, dopo il 4-2 rifilato all’Almeria. In rete Villa, Diego Costa, Tiago e Koke che, come nella passata stagione, proiettano i Colchoneros nelle parti alte della classifica.<br><br>Rallenta, invece, il Real Madrid di Carlo Ancelotti che pareggia 2-2 sull'ostico campo Villarreal di Marcelino. Più che due punti persi si tratta di un punto guadagnato considerando la strepitosa prestazione del portiere "blanco" Diego Lopez, che salva il Real in più di un occasione dalla capitolazione. Da segnalare la prima marcatura di mr. 100 milioni, Gareth Bale con la maglia del Real.<br><br>Si sblocca anche il Betis Siviglia e lo fà contro una vittima illustre ma decaduta, il Valencia, battuto 3-1. A decidere l'incontro il gol di Molina e la doppietta Sevilla che regolano la formazione di Miroslav Dukic al terzo stop di fila. Inizio di stagione difficile per i bianconeri già relegati&nbsp; in fondo alla classifica. <br><br>Goleada per il Malaga che alla “Rosaleda” schianta il Rayo Vallecano con un perentorio 5-0. Firme di Portillo, Eliseu e tripletta dell’ex Fiorentina, El Hamdaoui, proprio nel giorno dell’infortunio di Mario Gomez a Firenze. Primo sorriso in stagione per la squadra di Bernd Schuster dopo le sconfitte con Barcellona e Valencia e il pareggio contro il Siviglia.<br><br>Grande vittoria in casa del Granada per il sorprendente Espanyol che passa 1-0 con rete ad un quarto d’ora dalla fine di Lanzarote.&nbsp; Biancoblu che si portano al quinto posto in solitaria con otto punti.<br><br>Stasera due posticipi, con l’Elche che ospita il Valladolid e il Bilbao che riceve il Celta Vigo.<br><br>&nbsp;LIGA – Risultati 4/a Giornata<br><br>Giocate Sabato<br><br>Atletico Madrid-Almeria 4-2 15' Villa-36'D.Costa-63'Tiago-66'Koke(AM) - 40' Rios-89'Vidal(A)<br><br>Levante-Real Sociedad 0-0<br><br>Barcellona-Siviglia 3-2 36'Dani Alves-76'Messi-94'Sanchez(B) - 80'Rakitic-90'Coke(S)<br>&nbsp;<br>Villarreal-Real Madrid 2-2 21'Cani-70'Dos Santos(V) - 39'Bale-64'C.Ronaldo(R) <br><br>Giocate Ieri<br><br>Granada-Espanyol 0-1 76' Lanzarote<br><br>Getafe-Osasuna 2-1 11' Torres(O) - 35'-52'Miku(G)<br><br>Malaga-Rayo Vallecano 5-0&nbsp; 31'-62'-67'El Hamdaoui-40'Portillo-48'Eliseu<br><br>Betis Siviglia-Valencia 3-1 9' Molina-22'-34'Sevilla(B) - 67'R. Costa(V)<br><br>Giocano Oggi<br><br>Elche-Valladolid<br><br>Athletic Bilbao-Celta Vigo<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 12<br>2)At.Madrid 12<br>3)Real Madrid 10<br>4)Villareal 10<br>5)Espanyol 8<br>6)At.Bilbao 6<br>7)Celta 5<br>8)Real Sociedad 5<br>9)Levante 5<br>10)Malaga 4<br>11)Betis 4<br>12)Granada 4<br>13)Getafe 4<br>14)Valladolid 3<br>15)Valencia 3<br>16)Rayo 3<br>17)Almeria 2<br>18)Siviglia 2<br>19)Elche 2<br>20)Osasuna 0<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-spagnola-giornata-4-commento-risultati-classifica-1012359.htmSi100427901,02,03010198
931012303NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Boateng va allo Schalke 0420130830111660milanCome riporta la BildCome riporta la&nbsp;Bild: ci sarebbe l'accordo tra lo Schalke 04 e Kevin Prince Boateng per il trasferimento del calciatore in Bundesliga. Le cifre di quello con il Milan non sono ancora note ma secondo il quotidiano sarebbero di circa 15 milioni di euro. Sono addirittura in corso le visite mediche del calciatore col club tedesco.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-baoteng-allo-schalke-1012303.htmSiT1000027100075701,02,03030649
941012270NewsCalcio EsteroReal e Barça, guai in vista: spendono milioni ma sono «onlus»20130808113658liga, economia, unione europea, real madrid, barcellona, florentino perez, bale, spagna, onlus, fiscoPagano meno tasse di una piccola impresa, l`Ue lavora per imporre trasformazione: mantenere Bale costerà 135 milioni.Il <STRONG>Real Madrid</STRONG> sta per portare a termine l'acquisto più costoso della storia del calcio, quello di <STRONG>Gareth Bale</STRONG>. 120 milioni di euro a confronto dei quali impallidisce <STRONG>Cristiano Ronaldo</STRONG>, per cui vennero spesi "solo" 94 milioni. Mira leggermente più in basso il <STRONG>Barcellona</STRONG>, ma la differenza non è poi tanta: 57 milioni, che si aggiungono ai faraonici contratti dei calciatori blaugrana, su cui spicca quello di <STRONG>Messi</STRONG>. La <EM>Pulce </EM>guadagna 16 milioni l'anno, qualcosa in più rispetto al rivale di sempre <STRONG>Cristiano Ronaldo</STRONG>, che si assesta intorno a quota 12 milioni. Alle principali spese effettuate nel mercato bisogna poi&nbsp;sommare altre voci, come il riscatto di <STRONG>Bojan</STRONG> per il Barça (13 milioni) e gli acquisti di <STRONG>Izco</STRONG> e <STRONG>Illarramendi</STRONG> per le <EM>merengues </EM>(60 milioni in totale). Il tutto senza nemmeno recuperare la spesa con le cessioni; producendo un bilancio sempre in rosso, che però sembra non pesare assolutamente sulle possibilità economiche dei due club. Dove sta il trucco? Real e Barcellona sono delle organizzazioni non a scopo di lucro. Il loro status di onlus assicura importanti privilegi quali sgravi fiscali non indifferenti. <BR><BR>E' stato calcolato che le due società versano tasse solo per&nbsp;il 25%, a fronte del 35% che una comune impresa spagnola paga al fisco. Il giornale inglese <EM>The Independent </EM>rivela che la Commissione Europea sta già lavorando per risolvere la questione, obbligando entrambi i club a cambiare la loro denominazione sociale in <EM>Sociedades Anonimas Deportivas</EM>, società di capitali simili alle nostre Srl. La radice del problema è da ricercarsi nel 1990, quando <STRONG>tutti i club professionistici spagnoli vennero convertiti in Sad ad eccezione di Atletico Bilbao, Osasuna ed infine Real Madrid e Barcellona</STRONG>. Se però l'obbligo da parte dell'Unione Europea diventasse effettivo, anche se ci vorrà almeno un anno, le conseguenze economiche sarebbero pesantissime, soprattutto per i madrileni: ad esempio, l'esborso per l'ingaggio di Bale raddoppierebbe,&nbsp;raggiungendo quota&nbsp;135 milioni di euro in sei anni. Ma niente paura! <STRONG>Florentino Pérez</STRONG>,&nbsp;presidente anche&nbsp;di Grupo Acs (impresa per le grandi opere di ingegneria civile che ha chiuso il 2012 con un fatturato di 38 miliardi di euro), dall'alto del suo patrimonio di 1,8 miliardi saprà affrontare anche questa spesa. Dopotutto, in Spagna i disoccupati sono solo sei milioni. Saranno ben felici di assistere alla presentazione di un giocatore costato quanto un ospedale.<BR><BR>C1007857FL0435FL0435cristiano-ronaldo-prega.jpgSiNreal-e-barca-spendono-milioni-ma-sono-onlus-1012270.htmSi100612201,02,03030826
951012144NewsCoppeEuro Under 21: fari puntati su Spagna-Olanda20130612092358Euro under 21Gruppo B: Spagna-Olanda e Germania-RussiaTutti gli Highlights dell'europeo Under 21 su: <a href="http://livehighlights24.com/category/euro-under-21/">http://livehighlights24.com/category/euro-under-21/</a><br><br>All'Italia prima del Girone A, non resta che aspettare il big match del pomeriggio tra Spagna e Olanda. Gli spagnoli, per arrivare primi ed evitare l'Italia in semifinale,&nbsp; sono obbligati a vincere. Infatti, Spagna e Olanda hanno entrambe 6 punti ma la differenza reti e tutta a vantaggio degli orange. Dovrebbero esserci alcune novità nell'11 iniziale de "la Rojita", infatti sembra che i due gol, che sono valsi 6 punti, abbiano fatto conquistare il posto da titolare ad Alvaro Morata, fin qui,&nbsp;decisamente, l'uomo della provvidenza per gli spagnoli.<br><br>Come detto all'Olanda basta un pareggio per ritrovarsi di fronte la Norvegia in semifinale. Mister Cor Pot non dovrebbe cambiare molto rispetto alle precedenti due partite, eccezion fatta per Jozefzoon, che dovrebbe essere schierato al centro dell'attacco al posto di Luuk de Jong.<br><br>Probabili formazioni:<br><br>Spagna (4-3-3): De Gea, Montoya, I. Martinez, Bartra, Moreno, Alcantara, Canales, Isco, Koke, Morata, Tello. All. Lopetegi.<br><br>Olanda (4-3-3): Zoet, Van Rhijn, De Vrij, Indi, Blind, Van Ginkel, Leerdam, Maher, John, Jozefzoon, Wijnaldum. All. Pot.<br><br>Sfida tra deluse&nbsp;sarà quella tra Germania e Russia&nbsp;ormai estromesse dalla competizione.&nbsp;Certo, la Russia nutriva meno speranze dei tedeschi, ma la brutta figura rimediata contro l’Olanda ha, di fatto, cancellato l’onorevole sconfitta subita all’esordio contro la Spagna. Per la Germania solo una partita di consolazione, la vittoria è importante solo per evitare di concludere a 0 punti.<br><br>Probabili Formazioni<br><br>Germania (4-2-3-1) Baumann; Jantschke, Teschker, Mustafi, Sorg; Rudy, Rode; Holty, Hermann, Clemens; Lasogga<br><br>Russia (4-3-3) Kristyuk;&nbsp; Šcennikov, Bryzgalov, Burlak, Belyaev; Callagov, Petrov, Bibilov; Ceryšev, Dzagoev, Smolov<br><br>&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br><br>IsraeleFL0411FL0411Devis+Mangia+Udinese+Calcio+v+Citta+di+Palermo+zQ-5HfbFUBWl.jpgSiNeuropeo-under-21-gruppo-b-terza-giornata-1012144.htmSi100427901,02,03010296
961012127NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, i nuovi arrivi a centrocampo20130607111116milanSecondo quanto riportato da TuttosportSecondo quanto riportato da Tuttosport, infatti, cinque giocatori con le valigie in mano a Milanello e altrettanti sono, invece, pronti ad arrivare. Iniziando dalle uscite il nome più importante è senza dubbio quello del capitano del Milan: Massimo Ambrosini. Per lui il contratto scade a fine mese e dopo aver parlato di rinnovo, oggi la possibilità più concreta è quella di un addio, con la Fiorentina che nelle ultime ore si è fatta avanti. Vicino all'addio anche Kevin Prince Boateng, corteggiato in Premier e Budensliga, Antonio Nocerino, Mathieu Flamini e Bakaye Traore. In arrivo, invece, oltre al sicuro Riccardo Saponara, potrebbero presto approdare in rossonero Juraj Kucka, Andrea Poli oltre al talento della Primavera Bryan Cristante. Il sogno infine è una vecchia conoscenza del calcio italiano: Javier Pastore oggi al PSG.<br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-i-nuovi-arrivi-a-centrocampo-1012127.htmSiT1000027100075701,02,03,07030693
971012117NewsCampionatiMilazzo, successo della fiaccolata: si accendono le speranze dei tifosi20130605112448milazzoQuando abbiamo deciso di organizzare Quando abbiamo deciso di organizzare la fiaccolata e la raccolta delle firme per salvare lo sport&nbsp; e la squadra di calcio, sapevamo di rischiare un clamoroso “flop” e nella migliore delle ipotesi un sorrisetto di&nbsp; sfottò dei soliti critici,che non mancano mai. Milazzo ,come tutti sanno,è una cittadina fredda,apatica come bene ha detto Fabio ai microfoni di Ondatv; pur tuttavia non abbiamo mai smesso di credere nello sport e nelle sue varie specialità: dal calcio al rugby per passare al basket o all’atletica leggera e alla pallavolo; insomma tutti quegli sport,di cui ci siamo innamorati da bambino e per i quali valeva metterci la faccia,almeno una volta nella vita. Il sacrificio era il giusto prezzo,che dovevamo pagare per tutti quei momenti di gioia,per tutte quelle intense emozioni, che lo sport ci aveva regalato in passato e non solo. Adesso, a manifestazione conclusa, siamo soddisfatti,sottovoce diciamo&nbsp; felici,perché la risposta della gente c’è stata:sono&nbsp; circa trecento le firme raccolte e ben centocinquanta le fiaccole accese e non sono bastate! Ma soprattutto abbiamo smosso le acque stagnanti di una città,apparentemente&nbsp; insensibile ai problemi legati allo sport ,ma in realtà con un grande cuore rossoblu’ ,che ha bisogno però di qualcuno,che lo solleciti,per riprendere a battere velocemente per i suoi campioni . Ringraziamo perciò il Sindaco e il suo assessore Romagnolo per aver prontamente raccolto l’invito ,che si leggeva nel comunicato di presentazione della manifestazione,a presentare dei progetti per la ristrutturazione degli impianti sportivi o la costruzione di nuovi&nbsp; approfittando del bando del Ministero dello Sport e del Dicastero dell’Economia ,che scade in questi giorni. La scelta è così caduta sul muro perimetrale del campo “G. Polifemo”,sulle palestre della scuola media “Rizzo” e della scuola della piana di “Carrubbaro”,sul palazzetto di via Tukerj progettato quasi 40 anni fa&nbsp; dall’ing. Bruno. Speriamo che una fetta dei 18 milioni previsti dal Ministero arrivino nella città mamertina, che questi progetti vengano così finanziati e le strutture messe a disposizione al più presto dei giovani sportivi milazzesi. Se questo fosse il risultato della nostra raccolta firme,sarebbe come se avessimo vinto lo scudetto nella nostra città e potremmo sentirci ripagati di qualche delusione,forse amarezza conoscendo i personaggi, quando ci siamo visti snobbati da&nbsp; due ex consiglieri comunali, passati a fianco della nostra postazione senza degnarci di uno sguardo. Il numero delle firme,circa trecento, raccolte rappresentano un record ,sia perché lo sport non rappresenta in questo momento il “top” dei problemi,che attanagliano i cittadini;sia perché la manifestazione è stata lanciata,come si suol dire,quasi soltanto on-line,senza manifesti murali o volantinaggi:soltanto qualche locandina suggestiva con lo stemma del Milazzo calcio in primo piano. <BR>Terminal Sport in pratica ha voluto aprire una breccia sul muro d’indifferenza,che ha finora seppellito le aspirazioni e le speranze di tanti giovani,che amano e praticano lo sport,taluni con grossi risultati anche in campo nazionale ed internazionale,che solo in parte li ripagano dei numerosi sacrifici ,a cui si sono sottoposti per raggiungerli partendo da Milazzo.<BR>Per forza di cose,quasi per inerzia,anche nella nostra fiaccolata l’argomento principale è stato quello del calcio e della sorte riservata alla squadra locale. Una doverosa premessa ci obbliga a scrivere che i malesseri,di cui soffre il calcio,sono gli stessi che quotidianamente colpiscono tutto il sociale,di cui il calcio è lo specchio reale. Gli sponsor ormai vengono meno anche nei campionati maggiori e parecchie squadre rischiano di affrontare il torneo di serie A con le divise in bianco, senza scritte di pubblicità . A Milazzo la squadra di calcio è un capitolo ancora tutto da leggere,pagina dopo pagina,fino alla fine di Luglio si spera,quando potremo avere le idee più chiare. Un messaggio però è arrivato quella sera fra le fiaccole,che ardevano,e le firme che continuavano a riempire il nostro bloc-notes: l’attuale proprietà deve lasciare la squadra senza se e senza ma , al costo di un euro,come la prese tre anni fa dall’indimenticato Cannistrà!Possiamo anticipare che&nbsp; quella sera un imprenditore, di cui possiamo dare solo le iniziali:N.F., ci comunicò la disponibilità&nbsp; ad accollarsi,naturalmente assieme ad altri amici per conto dei quali parlava, anche i debiti eventualmente presenti, pur di regalare un altro sogno ai tifosi delle aquile rossoblu.<BR>Milazzo vuole ritornare felice e vincente! Siamo una piccola realtà nel panorama calcistico nazionale,lo sappiamo benissimo e quindi conosciamo i nostri limiti. Tuttavia abbiamo imparato che piccolo è bello anche nello sport,ma può diventare bellissimo quando è vincente e compie l’impresa alzando al cielo la coppa della vittoria finale.<BR>Non possiamo accettare ulteriormente,è bene dirlo a chiare lettere,di fare un altro campionato sulla falsariga di quello precedente, perché troveranno le porte chiuse! All’inferno non vogliamo più ritornare! Ci piace sognare con gli&nbsp; eroi fabbricati in casa e nei nostri sogni non c’è più posto per loro!Chiaro? Al Grotta di Polifemo si dovranno di nuovo scrivere pagine di storia,di leggenda; mai più andranno in scena le comiche finali dei&nbsp; ragazzini con il grembiulino ,che scendono in campo la domenica per fare felici i genitori,che di nascosto hanno&nbsp; pagato il prezzo dello spettacolo.<BR>La fiaccolata di Terminal Sport&nbsp; è servita anche a fare chiarezza e a dare una speranza che il calcio a Milazzo non finirà tristemente. Siamo soddisfatti e felici ,del risultato conseguito,insperato alla vigilia.<BR>Ci sono tutte le premesse per creare anche nella nostra città uno di quei miracoli,a cui lo sport ci ha abituati e che si sono verificati in tante altre piccole realtà cittadine,anche più piccole della nostra. Basta citare per tutte Sassuolo,un comune di 15.000 abitanti,che giocherà il prossimo anno in serie A,Castel Rigone,400 abitanti,neo arrivata in Lega Pro,l’Orlandina con i suoi 13.000 abitanti che veleggia nella serie A2 di basket, Mogliano Veneto ,cittadina di appena 25.000 ab. ,campione d’Italia di rugby con la squadra della Marchol,Valdagno (26.000 ab.)divenuta la capitale dell’hockey su pista, Rapallo ,città della riviera ligure con appena 12.000 abitanti,che ha ereditato lo scettro della Pro Recco nella pallanuoto.<BR>Per arrivare ad ottenere questi risultati,lo ripetiamo, occorre fare squadra; la città deve riappropriarsi di ciò che gli appartiene : il diritto di fare sport in strutture adeguate e idonee,ma anche solo&nbsp;&nbsp; di entusiasmarsi,emozionarsi di fronte allo spettacolo dello&nbsp; sport! <BR>Terminal Sport ha fatto da apripista ,ma ancora molta strada s’ha da fare: dateci una mano e la faremo insieme!<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>Attilio Andriolo<br><br>adm001adm001milazzo.jpgSiNmilazzo-successo-della-fiaccolata-si-accendono-le-speranze-dei-tifosi-1012117.htmSi100075701,02,03030271
981012105NewsCampionatiJuventus, 28 anni dopo la tragedia dell`Heysel20130530112821juventusQuando si parla di “Memoria”, si pensa sempre a un qualcosa legato a fatti tragicamente accaduti, da ricordare con rispetto e immortalare nella storiaQuando si parla di “Memoria”, si pensa sempre a un qualcosa legato a fatti tragicamente accaduti, da ricordare con rispetto e immortalare nella storia. La tragedia avvenuta il 29 maggio 1985 nello stadio Heysel di Bruxelles, in cui 39 persone innocenti persero la vita durante l’attesa della finale di Coppa dei Campioni Juventus – Liverpool, ha ancora oggi dell’incredibile. Una serata di gioia che, all’improvviso, si trasforma in tragedia da incubo. Da allora, questa giornata dell’anno rappresenta non solo per la Juventus e per tutti i suoi sostenitori, un momento di rispettoso silenzio e di riflessione che investe tutto il mondo del calcio. Perdere la vita in maniera così assurda, nell’aver voluto seguire la propria passione calcistica al di là di ogni ostacolo e per urlare “Forza Juve” o “Forza Liverpool”, non ha senso alcuno. Una prassi settimanale, quasi un rito, che è spesso radicato in milioni di tifosi di tutto il mondo i quali si avventurano con ardore in viaggi anche lunghi per poter seguire la propria squadra del cuore. Un panino, una birra o una coca cola, la sciarpa al collo con i colori simboleggianti la propria passione calcistica, il viaggio in pullman, in treno o in aereo, e poi via, all’avventura, verso quello stadio che sarà teatro di football con in campo i propri beniamini. Ma, in quella notte fatidica, per alcuni di loro non ci fu nemmeno il tempo di vedere scendere in campo i campioni del cuore. Infatti, in poco tempo, si scatenò il finimondo per il crollo della curva del settore Z dello stadio Heysel occupato dai tifosi italiani, che vennero invasi dagli hooligan inglesi. I tifosi, accesi da un’assurda voglia di guerriglia, entrarono in conflitto tra loro, causando la morte di tanti innocenti. E’ una pagina d’orrore che il mondo del calcio ricorda con sdegno, nella speranza che certe brutture provocate dalla parte più squallida dell’umanità non debbano mai più ripetersi. Come dicevamo, 39 furono le vittime, dei quali 32 italiani, 4 belgi, 2 francesi e 1 irlandese. Tuttavia, riteniamo che non abbia alcuna importanza ricordare la nazionalità dei morti, se non per un puro e semplice dato statistico. Ricordare invece quel maledetto giorno, ci deve far riflettere sulla passione pallonara che non può e non deve confondersi con l’odio tra razze e popoli. L’Heysel deve insegnarci che l’ardire della propria passione calcistica deve educarci al rispetto della passione altrui, anche se non condivisa. L’uomo per sua natura entra spesso in conflitto con i suoi simili, ma il cervello deve sempre avere la priorità sull’istinto brutale. Altrimenti, che uomini siamo?<br><br> Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650FL0711FL0711heysel.jpgSiNjuventus-ventotto-anni-dopo-la-tragedia-dell-heysel-1012105.htmSiT1000007100451001,02,03,06030292
991012058NewsCalciomercatoClamoroso Atletico Madrid, Falcao va al Monaco20130513182029atletico madrid, monacoSky SportA dirlo è stato pochi minuti fa Sky Sport, che ha specificato come alla notizia manchi solo l’ufficialità. Una bomba di mercato doc, considerato che tutti davano per fatto il passaggio del bomber colombiano, attualmente in forza all’Atletico Madrid, al Chelsea di Mourinho. Ed invece ecco avanzare l’offerta del club del Principato, attualmente allenato da Claudio Ranieri e prossimo al ritorno in Ligue 1, forte dell’enorme potere economico del proprietario, l’oligarca russo Rybolovlev. Per ingaggiare Falcao, il Monaco verserà nelle casse dell’Atletico Madrid l’intera clausola recissoria, pari a 60 milioni di euro.<br>C1007650adm001adm001falcao.jpgSiNclamoroso-atletico-madrid-falcao-va-al-monaco-1012058.htmSi100075701,02,03030445
1001012017NewsCalciomercatoRivoluzione Inter, ecco come sarà20130507190913Serie A, Inter, CalciomercatoLa società nerazzurra alle prese con uno stravolgimento interno che si spera possa rilanciare la squadra per il prossimo anno.<P class=MsoNormal>Comunque vada, la stagione ormai è di quelle fallimentari. Inevitabili quindi i cambiamenti o meglio le rivoluzioni a partire dal fronte giocatori. Troppe le sconfitte rimediate in campionato (addirittura 14), disastroso il bottino collezionato negli ultimi 8 turni con soli sei punticini, peggio di alcune squadre impegnate nella lotta per non retrocedere. <SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR>Stramaccioni intanto è chiamato a vincere lo scontro diretto con la Lazio per non mollare del tutto un sogno europeo che si allontana di giornata in giornata. La missione non sembra di quelle più facili soprattutto se Klose sarà lo stesso di domenica scorsa quando la sua manita ha schiantato in 61 minuti il malcapitato Bologna. <BR>Malgrado tutto il giovane tecnico romano sembra il più accreditato a sedere sulla panchina nerazzurra anche per la prossima stagione. Moratti continua a stimarlo mentre le ipotesi legate ai nomi di Mazzarri, Miahjlovic, Zeman e Zenga sembrano allontanarsi di giorno in giorno.<BR>Grandi ribaltamenti si annunciano anche riguardo lo staff, in primis potrebbe cambiare più di qualcosa nello staff medico nerazzurro. <SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR>Poi, tra i personaggi di primissimo piano che potrebbero far parte del gruppo dirigenziale a partire da giugno spicca il nome di Leonardo, attualmente impegnato nella capitale transalpina. L’ex coach potrebbe affiancare la figura di Branca all’interno della società, che vedrebbe così una gestione leggermente diversa da quella degli anni precedenti. <BR>Rivoluzione non solo tra gli addetti ai lavori, ma anche nella squadra stessa, dove importanti innesti potranno garantire maggior qualità soprattutto a centrocampo. I nomi in ballo sono sicuramente d’eccezione: Sanchez, Modric e Fabregas i tre campioni che potrebbero lasciare la Liga con destinazione Milano (anche il Milan è sulle loro tracce), Naingolaan è un altro obiettivo, come lo sono Fernando del Porto e Gomez del Catania. Ma siamo sicuri che questi giocatori approvino il trasferimento nella città della Madonnina senza la possibilità di giocare in Europa? Meglio tenere a freno i sogni, anche se quando si parla di calciomercato tutto è possibile.<BR>Sul fronte arrivi i nomi di Icardi e Campagnaro sembrano già scontati ma l’ipotesi più suggestiva potrebbe essere quella del clamoroso ritorno di Eto’o che però dovrebbe ridursi di almeno metà le sue pretese e chiudere la carriera in Italia. Alla voce partenze c’è chi dice che potrebbe starci il nome di Alvarez protagonista di un ottimo finale di stagione, più difficile l’addio di Handanovic anche se la proposta del Barcellona è tutt’altro che indecente.&nbsp;<SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR><BR>Ma l’obiettivo più imminente si gioca in queste ultime tre giornate e se è vero che i tempi del Triplete sembrano lontanissimi è anche vero che acciuffare un posto in Europa è ancora una “mission possible” per non deludere i tifosi nerazzurri e mister Moratti, il cui peggior piazzamènto da quando è a capo dell’Inter è l’ottava piazza del 1998-99. <BR><BR> <OBJECT id=ieooui classid=clsid:38481807-CA0E-42D2-BF39-B33AF135CC4D></OBJECT> <STYLE> st1:*{behavior:url(#ieooui) } </STYLE> <BR><BR><BR><BR><br><br>FL0881FL0881stramaccioni.jpgSiNrivoluzione-inter-1012017.htmSiT1000026101199701,02,03,07,09030405
1011012007NewsCampionatiSerie A, i dieci punti per la risalita20130507104042serie aMancano solo tre giornate alla conclusione del campionato &nbsp;Mancano solo&nbsp;tre giornate alla conclusione del campionato 2012-2013, un campionato che a dispetto di una superiorità schiacciante della Juventus, è stato pieno di polemiche, e allora viene naturale chiedersi il perchè di tante polemiche, anche in un campionato in cui sin dall'inizio ci sono stati pochi dubbi sulle forze in campo. La classe arbitrale è scarsa, i media sviscerano ogni episodi perchè la discussione vende, ancora meglio se si fa virulenta, ma questo non basta a spiegare il perchè di tanti veleni. E allora mi tornano alla mente i capannelli di giocatori intorno all'arbitro dopo ogni decisione (ormai anche per i falli laterali...) i boati del pubblico ad ogni episodio dubbio, i tanti giocatori che mandano a quel paese gli arbitri (alcuni sistematicamente puniti, altri no), rigori, che siano dubbi, lampanti, inesistenti, in tutti i casi sempre contestati. E tutto questo si riflette negativamente nei comportamenti delle nostre squadre giocano in europa, dove i nostri piagnistei e il nostro malcostume della protesta risulta insopportabile per arbitri e avversari. E oltre ai problemi arbitrali il pietoso confronto anche dal punto di vista sportivo con le altre realtà in ambito Europeo, dove ormai anche le squadre portoghesi, rumene e ucraine ci fanno paura. E le nostre squadre sempre alle prese con spese eccessive, rose elefantiache, poche risorse per il mercato, che si permettono di snobbare una competizione europea come l'Europa League, e si arriva al paradosso di tante squadre che preferiscono arrivare terze in campionato piuttosto che vincere un trofeo; se un attimo ci fermiamo a pensare è un'aberrazione dello spirito sportivo: meglio arrivare terzo piuttosto che aggiungere un trofeo in bacheca. Assurdo.<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp; E allora per questo mi viene in mente una rivoluzione delle regole del nostro campionato per un calcio migliore, un decalogo per competere al meglio ed evolvere, per poterci confrontare al meglio anche in campo europeo e mondiale a livello di club e di nazionale:<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 1) Arbitri professionisti e autonomi rispetto alla Lega Calcio, si eviterebbero sospetti sulla sudditanza e dipendenza degli arbitri da club che guidano la lega, ed essendo riconosciuti come una professione gli arbitri si dedicherebbero solo a questo, allenandosi per il loro lavoro di arbitro.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 2) Puniamo gli errori arbitrali : come per i calciatori, che dopo un tot di ammonizioni hanno un turno di squalifica, lo stesso valga per gli arbitri. Al lunedì confronto tra arbitri e società, dove si valutano gli episodi dubbi, gli arbitri che sbagliano più spesso vengano fermati per un mese, durante il quale si allenano e si aggiornano, e riprendono, se perseverano negli errori potrebbero essere declassati. Negli sport americani è più o meno questo il sistema<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 3) Via gli arbitri di porta, si sono rivelati inutili, ed aumentano inutilmente le voci e le opinioni in campo sugli episodi. Per valutare se la palla ha varcato la linea si utilizzi l'occhio di falco, funziona nel tennis dove si gioca con una pallina di 6 cm di diametro che viaggia a 180 Km/h, non ho capito perchè non può funzionare nel calcio, dove la palla è molto più grande e mediamente più lenta del tennis.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 4) tolleranza zero con polemiche e proteste in campo. Basta con gli assembramenti di giocatori che minacciosi, schiumanti rabbia, che circondano l'arbitro e i collaboratori cercando d'influenzare le loro decisioni. solo il capitano può avvicinarsi con rispetto e senza protestare, ma solo per chiedere spiegazioni. Qualora l'arbitro lo ritenesse opportuno potranno avvicinarsi anche i giocatori coinvolti, ma solo su richiesta dell'arbitro. Chiunque si avvicini o protesti ammonito, se insiste espulso<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 5) Stesso atteggiamento con i gesti plateali per le decisioni che non piacciono, i vaffa e le reazioni isteriche. Non fanno altro che innervosire i giocatori in campo e, cosa ancora peggiore, aizzare il pubblico. Nel basket esiste il fallo tecnico per le proteste, nel Rugby i giocatori non protestano mai, al massimo scuotono la testa se non sono convinti, non ho capito perché nel calcio tolleriamo simili atteggiamenti.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 6) Fallo di mano sempre e comunque se procura danno, se il braccio è staccato dal corpo è fallo, che sia volontario o meno, a breve distanza, in scivolata ecc. Eliminiamo gli elementi di discrezionalità dell'arbitro, , valutare la volontarietà è troppo complicato e soggettivo; casomai la palese volontarietà può essere punita col cartellino giallo.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 7)Limite ai giocatori in rosa: questo è un mio pensiero fisso, le piccole squadre hanno rose di 23/25 giocatori al massimo, mentre le grandi squadre sembra che non possano affrontare la stagione se non hanno almeno 30 giocatori sotto contratto. Poi però devono fare una lista di 25 giocatori per la Champions e ci sono sempre polemiche per gli esclusi. In Spagna per esempio c'è il limite di 25 giocatori, se per infortuni o squalifiche non bastano si pesca dalle giovanili, così sono costretti a valorizzare il vivaio, e i risultati si vedono. Per cui prendiamo esempio dai bravi, rose obbligatoriamente da 25 giocatori. Si limitano i costi e si valorizza il vivaio.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; Il 30% dei giocatori in rosa devono provenire dal vivaio. Dopottutto una cosa simile è richiesta anche per le liste Champions, direi che 8 giocatori in rosa cresciuti nel proprio vivaio può essere un numero ragionevole.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 9)Gestione degli esuberi, rescissione consensuale. Se per qualche motivo non si riescono a piazzare gli esuberi e si hanno più di 25 giocatori in rosa, si arriva alla rescissione consensuale, la cui cifra si può prevedere già quando si firma il contratto. Così si evitano i casi di giocatori che non accettano nessuna proposta e bloccano il mercato delle società.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; 10)Per evitare che uno volutamente arrivi alla rescissione del contratto per accordarsi dopo con altre società, il giocatore che arriva alla rescissione dovrà restare fermo fino alla successiva sessione di mercato. E per evitare accordi sottobanco tra giocatori e società, se un'altra società vorrà mettere sotto contratto un giocatore che si è svincolato con la rescissione consensuale, dovrà rimborsare la cifra della rescissione alla società di provenienza.<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp; Ambizioso? visionario? non lo so, quel che è certo è che il nostro calcio è in crisi per tanti motivi, troppi elementi di tensione, troppi problemi ogni anno, e dalle situazioni di crisi derivano quei cambiamenti che ti portano a fare uno scatto in avanti: e di sicuro abbiamo un gran bisogno di rinnovare il nostro calcio.<br><br> Cristian Carboni<br><br>C1007650adm001adm001elsha420.jpgSiNserie-a-i-dieci-punti-per-la-risalita-1012007.htmSi100075701,02,03,06030223
1021011974NewsCampionatiBundesliga,31a giornata: il Bayern «B» stende il Friburgo 20130427153927BundesligaVideo Bayern-FriburgoIl Bayern Monaco delle "riserve" liquida di misura il Friburgo per 1 a 0. La rete decisiva di Shaquiri al minuto 35.<br><br> Link Video: <A href="http://livehighlights24.com/2013/04/27/bundesliga-bayern-munich-vs-freiburg-1-0/">http://livehighlights24.com/2013/04/27/bundesliga-bayern-munich-vs-freiburg-1-0/</A><br><br>Monaco di BavieraFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-bayern-friburgo-video-highlights-1011974.htmNo100427901,02,03010274
1031011969NewsCalcio EsteroLiga, 33a giornata: Barça e Real in campo pensando alla Champions League20130427092558LigaGiornata 33È iniziato ieri il turno 34 della Liga spagnola con il pareggio ricco di gol tra il Rayo e l'Osasuna.&nbsp;Passo in avanti verso la salvezza per l'Osasuna che forse avrebbe meritato di cogliere i tre punti. Comunque è un punto che fa muovere la classifica. Oggi si disputeranno quattro incontri, tutti ad alta tensione emotiva. Il primo in ordine temporale sarà quello tra Levante e Celta Vigo. Gli uomini di Juan Ignacio Martinez non rischiano la retrocessione, ma sono lontani dal 7° posto,&nbsp;occupato dal Betis (8 punti di distanza), che, attualmente, è l’ultima squadra che si qualificherebbe per l’Europa. Recuperare 8 punti in 6 giornate appare un’impresa alquanto improbabile. Di contro, la squadra galiziana, che lo scorso lunedì&nbsp;ha vinto&nbsp;lo scontro diretto con il Saragozza, non&nbsp;occupa più l'ultima posizione. Sono solamente 2 i punti che li separano dalla salvezza e da oggi il Celta potrà contare di nuovo sul suo&nbsp;miglior realizzatore, Aspas, che ha scontato le sue 4 giornate di squalifica. <BR><BR>Poi toccherà ad Atletico Bilbao-Barcellona. I baschi, reduci da quattro punti in cinque partite, occupano attualmente la 14° posizione con 36 punti e la zona rossa non è distante. Quindi, l'obiettivo è ottenere almeno un punto contro la capolista. Certo, il Barcellona, reduce dalla batosta&nbsp;in Champions League contro il Bayern Monaco,&nbsp;avvicenderà parecchi uomini&nbsp;non avendo particolari patemi d'animo in un campionato che ha già vinto da tempo.<BR><BR>Ed è il giorno del derby di Madrid, un derby che potrebbe essere leggendario per l'Atletico. La squadra di Simeone è in un buon momento di forma e una vittoria porterebbe i "colchoneros" a 71 punti, raggiungendo gli eterni rivali in seconda posizione. E le circostanze sono favorevoli visto che le "merengues" avranno la testa alla "remontada" che proveranno a realizzare ai danni dei tedeschi di Dortmund.<BR><BR>Infine, il match-clou della salvezza tra Real Saragozza e Maiorca chiuderà l'avvincente sabato di calcio spagnolo. Il Saragozza di Manolo Jimenez ha solo un risultato a disposizione. Sono ormai 15 le partite senza vittoria. Per il Maiorca, invece, si tratterà di evitare la sconfitta. Reduce da tre vittorie in 7 incontri, il Maiorca è attualmente terz'ultimo distante un solo punto dalla salvezza.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata ieri<BR><BR>RAYO VALLECANO-OSASUNA 2-2&nbsp; 7'Delibasic-57'Piti(R) - 8'Loe-13'Arribas(O) - Oggi<BR><BR>LEVANTE-CELTA VIGO <BR><BR>ATHLETIC BILBAO-BARCELLONA <BR><BR>ATLETICO MADRID-REAL MADRID <BR><BR>SARAGOZZA-MAIORCA <BR><BR>Domenica<BR><BR>ESPANYOL-GRANADA <BR><BR>MALAGA-GETAFE <BR><BR>VALLADOLID-SIVIGLIA <BR><BR>REAL SOCIEDAD-VALENCIA <BR><BR>Lunedì<BR><BR>REAL BETIS-DEPORTIVO LA CORUNA <BR><BR>spagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-33-in-campo-real-e-barçellona-pensando-alla-champions-1011969.htmSi100427901,02,03010357
1041011947NewsCampionatiClamoroso in Indonesia, arbitro in ospedale dopo pugno in faccia VIDEO20130424115532Arbitro picchiatoPrende a pugni l`arbitroSuccede in Indonesia, durante una partita della Super Liga (serie B) al minuto 80. Il signor Muhaimin, arbitro dell'incontro, decide di assegnare un rigore alquanto dubbio per il Pelita Bandung Raya. a questo punto, l'attaccante della squadra ospite, il Persiwa Wamena, si arrabbia e colpisce l'arbitro al volto. Naturalmente il colpevole, Pieter Rumaropen è stato espulso e rischia la squalifica a vita.<BR><BR>Link Video: <A href="http://livehighlights24.com/2013/04/24/player-punches-referee-for-a-penalty/">http://livehighlights24.com/2013/04/24/player-punches-referee-for-a-penalty/</A><BR><BR>C1007650IndonesiaFL0411FL0411cebttab.jpgSiNcolpisce-arbitro-con-un-pugno-da-dietro-1011947.htmSi100427901,02,03010435
1051011944NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus: Conte a Monaco per Muller, ma prima bisogna vendere20130424112043juve mercatoPer Ibra bisogna valutare l`ambienteCon lo scudetto oramai vinto la Juve pensa già alla prossima stagione: Conte vuole uno squadrone per poter colmare il gap con le altre regine d'Europa e poter dunque competere in Champions.<BR><BR>Ieri Conte e Paratici erano a Monaco per valutare di presenza Muller e Sanchez: il cileno ha deluso un pò, destando qualche perplessità, mentre il tedesco, per la sua abilità al sacrificio e per la sua duttilità piace sempre di più. Inoltre, dopo l'acquisto di Goetze, i bavaresi dovranno obbligatoriamente cedere qualche pezzo grosso e il maggior indiziato sembra essere proprio il numero 25; i dialoghi tra le due dirigenze comunque sembrano essere particolarmente accesi visto che in settimana si è parlato ancora di Vidal: la risposta è sempre no, ma se le cifre continuano a salire tutto può cambiare.<BR><BR>Indipendemente da Vidal, comunque bisognerà sfoltire la rosa per poter fare cassa: Matri e Quagliarella già sono con le valigie, Giovinco potrebbe lasciare pure e uno tra Lichsteiner e Vucinic potrebbe essere sacrificato per arrivare al top player. Marotta inoltre sta lavorando pure sulle comproprietà e ha già riscattato Asamoah: diverso il discorso per Isla, che non ha convinto e potrebbe essere rispedito al mittente.<BR><BR>In entrata oltre a Muller e Sanchez piacciono Jovetic, Suarez e, come già noto, Ibrahimovic: se per il viola fare trattative con la Fiorentina sembra alquanto improbabile,&nbsp;per l'uruguaiano invece quello che desta apprensione, oltre al costo dell'operazione (intorno ai 40mln), è il comportamento del giocatore, protagonista domenica dell'ennesimo colpo di testa in campionato).<BR><BR>Discorso a parte per Ibrahimovic: lui strizza l'occhio alla Juve, ma la Juve lo strizza a lui? Sulle sue qualità c'è ben poco da discutere (anche se difficilmente lo&nbsp;immaginiamo a&nbsp;sacrificarsi come fanno le punte di Conte) ma l'ambiente ha dimenticato il suo sgarbo di abbandonare la nava che affondava andato proprio dal peggior nemico (l'Inter, ndr)?<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650FL0141FL0141352468c79f56971df3ef2bc925c3d6.jpgSiNcalciomercato-juventus-conte-a-monaco-per-muller-ma-prima-bisogna-vendere-1011944.htmSiT1000007100205001,02,03,06030414
1061011881NewsCampionatiAntonio Caprarica: «Deluso dal calcio italiano dopo gli scandali che hanno coinvolto la mia squadra del cuore. Bisogna cambiare»20130421202719antonio capraricaEsclusiva a cura di Pascal DesiatoOspite a Caltagirone dell'Accademia italiana della Cucina per parlare della sua esperienza ospite a pranzo dalla Regina Elisabetta,&nbsp;avvenuta qualche anno fa, e presentare il suo ultimo capolavoro "Ci vorrebbe una Thatcher", omaggio all'omonima lady di Ferro britannica, ha parlato in esclusiva per IlCalcio24.com l'inviato per la Rai a Londra Antonio Caprarica. <BR><BR>Il giornalista, nativo di Lecce, ha esordito come redattore sindacale del settimanale Mondo Nuovo; tra il 1976 e il 1978 ha commentato prima la cronaca romana e poi la politica interna su l'Unità, in seguito è stato per soli nove mesi da febbraio a ottobre 1989 condirettore del quotidiano romano Paese Sera. Con Giorgio Rossi, ha scritto il suo primo libro: La ragazza dei passi perduti, nel 1986.<BR><BR>Nel 1989 ha lasciato la carta stampata per dedicarsi alla televisione: entrato in Rai, si è occupato di politica estera, poi è inviato e, quindi, corrispondente fisso del Tg1 nei paesi mediorientali, con base al Cairo ed a Gerusalemme. È inviato in Afghanistan, sui carri armati sovietici, che si ritirano sotto l'offensiva dei mujaheddin. Poi a Baghdad, nell'autunno del 1990. Quando è scoppiata la prima guerra del Golfo, si è trovato a Gerusalemme e ha raccontato la caduta degli Scud su Israele.<BR><BR>Nel 1993 è trasferito a capo dell'ufficio di corrispondenza Rai di Mosca, sotto la presidenza di Boris El'cin. Ha intervistato Michail Gorbačëv, è si è recato a Groznyj, capitale della Cecenia. Nel 1997&nbsp;&nbsp;viene inviato&nbsp;a Londra, occupando lo stesso incarico per la Rai, ma per la capitale britannica. Dopo nove anni nel Regno Unito, nel marzo 2006 è stato posto a capo della Rai di Parigi.<BR><BR>È ritornato in Italia nel novembre 2006: viene nominato direttore del Giornale Radio Rai (GRR) e di Rai Radio Uno, incarichi che ha mantenuto sino ad agosto 2009. Nel settembre 2010 ritorna nella sede di corrispondenza britannica della Rai. Insieme a Claudio Icardi commenta la cerimonia d'apertura dei Giochi della XXX Olimpiade.<BR><BR>Caprarica affronta i temi caldi della politica nostrana, cercando di analizzare anche cosa potrebbe cambiare nel nostro bel paese.<BR><BR>Dottor Caprarica come vede la situazione politica italiana? "Sono tuttora sbalordito e costernato da quello che sta succedendo. Sono ormai più di vent'anni che non si riesce ad andare avanti e la situazione peggiora in maniera radicale".<BR><BR>Cosa servirebbe a questo paese per provare a cambiare? "Serve maggiore&nbsp; responsabilità individuale, cercare di trovare un percorso comune, questa paralisi è un lusso che possiamo permetterci di mantenere".<BR><BR>I maggiori partiti hanno riportato Napolitano come Presidente della Repubblica nonostante lo stesso non fosse in un primo momento disponibile. "Stimo molto Napolitano sia come persona che come politico, due anni fa ci salvò dal collasso, ma ora era giusto anche per lui voltare pagina anche perché a 87 anni aveva anche il diritto di non rimettersi in gioco e quanto successo certamente è un avvenimento storico per la nostra nazione".<BR><BR>Come bisogna fare nell'immediato? "Bisogna cambiare questa legge elettorale, come in Inghilterra dove vi è una legge elettorale maggioritaria, in qualsiasi paese del mondo civile il giorno dopo le elezioni si sa chi ha vinto, da noi sono più di due mesi che siamo in balia dei venti, senza un governo. Bisogna intervenire o si rischia il tracollo".<BR><BR>Direttore cambiamo argomento e parliamo un po' di Sport. Dal punto di vista dell'etica sportiva certamente apprezzerà molto di più il modello inglese rispetto a quello italiano. Cosa si può cambiare da noi per avere nello specifico un calcio migliore fuori e dentro gli stadi? "Sarebbe inutile fare proclami, in Italia non si riesce ad andare ad una partita senza aver la paura che possa succedere qualcosa. Circa 25 anni fa ricorderete che in Inghilterra c'era il grosso problema degli hooligans che è stato risolto. Ora succede che un tifoso inglese va a Roma e viene accoltellato, abbiamo veramente sostituito la testa con i piedi e viceversa".<BR><BR>Segue dal Regno Unito il calcio italiano? "Devo dire la verità dopo&nbsp;calciopoli, che coinvolse la Juventus nel 2006, non ebbi più lo stesso entusiasmo che ora è del tutto svanito dopo che la mia squadra del cuore, il Lecce, la scorsa stagione è retrocessa per lo scandalo delle partite truccate. Però in compenso sono un fan sfegatato della Nazionale".<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650adm001adm001capraricaant.jpgSiNesclusiva-il-calcio-24-antonio-caprarica-deluso-dal-calio-italiano-dopo-gli-scandali-che.hanno-coinvolto-la-mia-squadra-del-cuore-bisogna-cambiare-1011881.htmSiT1000007,T1000012,T1000017,T1000018,T1000026,T1000014,T1000027100075501,02,03,06,080302649S
1071011883NewsCalcio EsteroBundesliga, 30a giornata: Bayern e Borussia pronte per la Champions20130421092623BundesligaGiornata 30Il Bayern allo stato attuale è&nbsp;una macchina perfetta, dopo la vittoria della Bundesliga e la finale di Coppa di Germania ottenuta in settimana, con un rotondissimo 6-1 in semifinale, ieri, l’armata bavarese sommerge 6-1 in trasferta anche l’Hannover. Adesso sulla strada dei tedeschi ci sarà il Barcellona per una di quelle semifinali di Champions, che sicuramente rimarrà nella storia. <BR><BR>Proprio dietro i neo campioni di Germania, consolida il secondo posto il Borussia Dortmund; al “Westfalenstadion” i gialloneri liquidano il Mainz, che comunque è lontano dallo stato di forma della prima parte della stagione, con il più classico dei risultati.&nbsp;E adesso, in attesa del Real Madrid per una semifinale di Champions al cardiopalmo tra le due seconde di Spagna e Germania.<BR><BR>Blinda il terzo posto il Bayer Leverkusen, spietato in casa contro l'Hoffenheim&nbsp;sconfitto 5-0, Passo falso dello Schalke, che rischia seriamente di perdere il treno per la prossima Champions. Superato di misura, in trasferta, dall’Eintracht Francoforte. Adesso la squadra di Gelesenkirchen&nbsp;conserva il quarto posto, l'Eintracht si porta a solo un punto, e&nbsp;oggi pomeriggio&nbsp;il Friburgo potrebbe clamorosamente scavalcare entrambe se dovesse vincere&nbsp;in casa dello Stoccarda.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR>Bayer Leverkusen-Hoffenheim: 5-0 16'-65' Kiessling-32'-69' Schürrle-79'&nbsp; Reinartz<BR><BR>Borussia Dortmund-Mainz: 2-0 1' Reus-87' Lewandowski<BR><BR>Eintracht Francoforte-Schalke 04: 1-0&nbsp; 41' Russ<BR><BR>Amburgo-Fortuna Dusseldorf: 2-1&nbsp; 14'-20' Van der Vaart(A) - 34' Schahin(F)<BR><BR>Hannover-Bayern Monaco: 1-6&nbsp; 16' aut.Stindl-23' Ribery-40'-62' Mario Gomez-71'-86' Pizarro(B) - 84' Hoffmann (H)<BR><BR>Werder Brema-Wolfsburg: 0-3&nbsp; 13' Arnold-27' Olic-66'Diego<BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR>Stoccarda-Friburgo<BR>Norimberga-Greuther Furth<BR><BR>Venerdì<BR>Borussia Monchengladbach-Augsburg: 1-0&nbsp; 27Daems<BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-30-vincono-bayern-e-borussia-1011883.htmSi100427901,02,03010251
1081011882NewsCalcio EsteroLiga 32a giornata: Real e Barça vincono, il Valencia ne rifila 5 al Malaga20130421084455Liga32a giornataIl Real Madrid e il Barcellona, con la testa probabilmente già alla semifinale di andata di Champions League contro il Borussia Dortmund e il Bayern Monaco, soffrono un po' prima di avere la meglio rispettivamente del Betis e del Levante. In ogni caso per entrambe arrivano i tre punti e, se al Barça servono più per le statistiche finali, al Real Madrid consentono di mantenere a debita distanza i cugini dell'Atletico, che insidiano il secondo posto e che stasera saranno impegnati in casa di un redivivo Siviglia. Male per ill Betis che sperava ancora di raggiungere la zona champions e invece con la Real Sociedad a sei punti ed una partita in meno, che giocherà in quel di Pamplona oggi pomeriggio, e col Valencia inseritosi prepotentemente, la missione si fà alquanto complicata.&nbsp;<BR><BR>E proprio ieri sera il Valencia, squadra storicamente discontinua, capace di grandi imprese così come di clamorosi scivoloni, è stato capace di rifilare cinque reti al Malaga.&nbsp;Valverde schierando il solito 4-2-3-1, con Soldado unica punta con l’ex madridista Canales alle sue spalle nelle vesti di suggeritore, sblocca il risultato&nbsp;già al 25’ con la rete di Parejo. Poi, è show tutto valenciano con Soldado e, soprattutto, con un Banega in grande spolvero.&nbsp;<BR><BR>Come accennato, tra gli incontri in programma oggi spiccano Osasuna-Real Sociedad, con i navarri alla ricerca di punti che allontanino la zona rossa distante 3 punti e con i baschi, invece, che inseguono la champions dell'anno che verrà e proveranno a difendersi dalla pressione del Valencia. L'Atletico Madrid andrà a Siviglia per accorciare nuovamente sul Real, adesso lontano 6 punti. Sarà una trasferta insidiosissima, almeno sulla carta, per gli uomini di Simeone.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Granada-Valladolid 1-1&nbsp; </STRONG>58′Ebert(V) – 73′Youssef El Arabi(G)<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Betis 3-1&nbsp; </STRONG>45′-90′Özi-57′Benzema(R) – 73′Jorge Molina(B)<BR>&nbsp;<BR><STRONG>Barcelona-Levante 1-0&nbsp;&nbsp;</STRONG> 84′Fabregas<BR><BR><STRONG>Valencia-Malaga 5-1&nbsp; </STRONG>25′Parejo-28′-30′Soldado-31′Canales-56′Banega(V) – 45′Julio Baptista(M)<BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Getafe-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-At.Bilbao</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-At.Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì <BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Real Saragozza</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Mallorca-Rayo 1-1 7'Piti(R) - 12'Alfaro(M)</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411soldado.jpgSiNliga-giornata-32-vincono-real-barcellona-e-valencia-1011882.htmSi100427901,02,03010200
1091011880NewsCampionatiLiga: il Real Madrid liquida il Betis in attesa del Borussia Dortmund - VIDEO20130420191234Liga Video highlights Real Madrid-Betis 3-1Il Real, con molto turn-over, ma senza privarsi di alcuni elementi fondamentali come Ozil, Modric e Ronaldo,&nbsp;disbriga la pratica Betis&nbsp;con un&nbsp;secco&nbsp;3-1 in virtù&nbsp;delle reti messe a segno da Ozil e da&nbsp;Benzema. Il Betis accorcia le distanze con un rigore trasformato da Jorge Molina. Nel finale arriva il definitivo 3-1 ancora con Ozil.<br><br> Link Video: <A href="http://livehighlights24.com/2013/04/20/liga-real-madrid-betis-3-1/">http://livehighlights24.com/2013/04/20/liga-real-madrid-betis-3-1/</A><br><br>MadridFL0411FL0411ozil-real-madrid.jpgSiNliga-real-madrid-betis-3-1-video-1011880.htmNo100427901,02,03010150
1101011860NewsCampionatiIl Bayern strapazza anche l`Hannover. Spettacolare 1-6 - VIDEO20130420160043BundesligaVideo Il Bayern Monaco strapazza anche l'Hannover, 1-6 il risultato finale,&nbsp;e si prepara al meglio per la sfida di Champions contro il Barcellona. In rete Ribery,Mario Gomez e Claudio Pizarro.<br><br> Link Video: <A href="http://livehighlights24.com/2013/04/20/bundesliga-hannover-bayern-munich-1-6/">http://livehighlights24.com/2013/04/20/bundesliga-hannover-bayern-munich-1-6/</A><br><br>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNil-bayern-strapazza-anche-l-hannover-1-6-video-1011860.htmNo100427901,02,03010157
1111011849NewsCalcio EsteroLiga, 32a giornata: in campo Barcellona e Real20130420101325Liga32a giornataLiga spagnola come sempre spalmata in 4 giorni. La 32a giornata è iniziata ieri sera con l'anticipo tra Maiorca e Rayo. 1-1 il risultato finale maturato nella fase iniziale dell'incontro. Vantaggio ospite con Piti al 7' ed immediato pareggio dei padroni di casa al 12' con Alfaro. Pareggio che non consente al Maiorca di uscire dal pantano della bassa classifica, ma che sì gli consente di appaiare il Granada quart'ultimo. <BR><BR>Proprio gli andalusi saranno impegnati oggi pomeriggio contro il Valladolid. Per il Granada di Pozzo conta solo un risultato pieno, visto l'aggancio in classifica da parte del Maiorca, coontro un avversario che non dovrebbe essere particolarmente motivato. Il Valladolid, infatti, non ha più obiettivi concreti se non quello di raggiungere pian piano la matematica salvezza, che, comunque, non è lontana.<BR><BR>Poi scenderanno in campo le big, alle 18 ed alle 20. La prima, il Real Madrid affrontera al Santiago Bernabeu il Betis Siviglia. Non potendo già da tempo aspirare ad esiti più prestigiosi, gli uomini di Mourinho sono chiamati a difendere il secondo posto dagli attacchi dell'Atletico.&nbsp;Da tenere, però,&nbsp;in considerazione il fatto che il Real potrebbe essere già molto concentrato sulla sfida di Champions contro il Dortmund e&nbsp;per questo ci si aspetta un consistente turnover. Il Betis, invece, vorrebbe evitare una sconfitta per consolidare l'attuale posizione in campionato e bisogna considerare che la compagine andalusa è la 3° miglior squadra nella Liga come rendimento esterno, grazie a 23 punti conquistati in 15 partite lontano da Siviglia. <BR><BR>Subito dopo,&nbsp;al Camp Nou, si affronteranno Barcellona e Levante.&nbsp;I catalani, come risaputo, sono già&nbsp;proiettati alla sfida con il Bayern Monaco, per cui vedremo in campo un "Barcellona B". E il Levante potrebbe approfittare dell'occasione anche se, i risltati recenti e soprattutto le prestazioni della squadra valenciana non fanno ben sperare.<BR><BR>Infine, alle 22,&nbsp;Valencia-Malaga daranno vita ad&nbsp;una sfida molto affascinante. In questo match si affrontano la quinta e la sesta del campionato, è lecito per cui, attendersi un grande spettacolo. L’unico “neo” di questa partita è che la squadra ospite non parteciperà alle competizioni europee nella prossima stagione, in virtù del non rispettato fair play finanziario. In teoria, quindi, i tre punti fanno maggiormente gola alla squadra di casa che proverà a ridurre lo svantaggio dalla real Sociedad , attualmente quarta. Valencia: vincere per la Champions. La squadra di casa è distante soli 4 punti dalla Real Sociedad quarta. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Mallorca-Rayo 1-1&nbsp;&nbsp; 7'Piti(R) - 12'Alfaro(M)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Granada-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcelona-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Malaga</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Getafe-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-At.Bilbao</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-At.Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì <BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-32-barcellona-e-real-in-campo-1011849.htmSi100427901,02,03010233
1121011967NewsCampionatiBrucato, tecnico del Mantova: «Il Monza di Gasbarroni mi ha impressionato»20130419092943lega pro, brucatoDopo la partita con il Milazzo Dopo la partita con il Milazzo non abbiamo avuto il tempo di intervistarlo, perché la sua squadra ,il Mantova, andava di fretta per raggiungere l’aeroporto di Catania,dove c’era un aereo che l’aspettava. Tuttavia ci siamo dati appuntamento&nbsp;&nbsp; e così lo chiamiamo al telefono&nbsp; a distanza di alcuni giorni dal pareggio conseguito al “Grotta di Polifemo “. <BR>Giuseppe Brucato è&nbsp; siciliano&nbsp; ed è lui stesso a dichiararlo con un pizzico di orgoglio al telefono,quando lo chiamiamo. E’ nato a Caltanissetta 53 anni fa e ci tiene a precisare che conosce bene la Sicilia ,anche se ormai da parecchi anni vive al Nord. La sua storia di allenatore è impreziosita da numerose panchine di grande tradizione&nbsp; calcistica. Infatti&nbsp; dopo l’Orbassano,l’Ivrea.l’Aosta ,arrivo’ al Moncalieri,che trascinò in 3 anni dall’Eccellenza piemontese alla C2 nel 2001.Quindi dopo l’esperienza con la Biellese,con lui iniziò nel campionato 2004-2005 il&nbsp; progetto&nbsp; Sassuolo, che sta per concludersi con la conquista della Serie A,com’è noto quest’anno. Il 25 febbraio del 2008 però è una data che mister Brucato non dimenticherà facilmente perché è il giorno del suo esordio in serie B alla guida del Mantova,che eredita in quella occasione da Attilio Tesser,il quale a sua volta passerà al Novara l’anno successivo. Riconfermato sulla panchina dei virgiliani l’anno dopo,viene però esonerato la domenica della sconfitta con il Parma in casa per 1-3 e sostituito il 27 Ottobre del 2008 da Alessandro Costacurta,che però dopo qualche tempo abbandonerà per dedicarsi anima e corpo alla carriera di commentatore sportivo. Nel campionato 2009-2010&nbsp; il presidente del Taranto lo chiama alla guida della squadra pugliese,ma dopo la sconfitta casalinga con il Foligno viene licenziato ed al suo posto chiamato Davide Dionigi,che quest’anno ha allenato per gran parte del campionato la Reggina.<BR><BR>Un anno fa è lui ad essere chiamato al posto del collega Osvaldo Jaconi sulla panchina del Bassano,che però retrocede in seconda divisione. Infine il 28 Dicembre il Mantova gli regala una gioia immensa richiamandolo a distanza di 4 anni,avendo licenziato mister Sauro Frutti,che aveva salvato la squadra biancorossa l’anno precedente agli spareggi di playout con la Vibonese. Inizia così la nuova avventura sulla panchina da lui più amata,con la speranza di conquistare i playoff,che però sono svaniti,ma è rimasta la fiducia di tutto l’ambiente,che conserva ancora un buon ricordo di lui per l’ultimo campionato di Serie B.<BR><BR>Mister Brucato a Milazzo un pareggio,che non si aspettava? I ragazzi hanno forse affrontato la trasferta in Sicilia senza l’opportuna concentrazione pensando ad una vittoria facile?<BR>Non credo perché conosco i miei ragazzi e li avevo già catechizzati a dovere. Probabilmente ha inciso la lunga trasferta,&nbsp; se pensa che siamo arrivati all’una di notte !<BR><BR>E poi devo riconoscere che il Milazzo ci ha affrontato a viso aperto perché insegue la prima vittoria in campionato e&nbsp; non avendo più nulla da chiedere a questo torneo,giocano con la mente libera da pressioni di qualsiasi genere.<BR>Con quale modulo preferisce schierare i suoi?<BR>In genere un 3-5-2&nbsp; anche se non mi irrigidisco e preferisco cambiare tenendo conto delle caratteristiche dei miei giocatori,per cui ,specialmente in casa, non è difficile vedermi giocare ad esempio con un 4-3-3 leggermente più aggressivo. Importante è ottimizzare il patrimonio di giocatori,che la società mi mette a disposizione.<BR><BR>Cosa ne pensa,mister,della regola dell’utilizzo degli “under”&nbsp; in campo per ottenere i rimborsi a fine torneo?<BR>In linea di massima sono contrario per una serie di motivazioni,tutte valide. Intanto un giovane, quando possiede la qualità e le doti naturali,gioca senza bisogno di regole e senza tener conto della sua data di nascita. Ai miei tempi i giovani,se valevano,rubavano il posto ai titolari più anziani e nessuno ci obbligava a mandarli in campo. Oggi si rischia di creare false aspettative in ragazzi,che non si rendono&nbsp; conto di non essere all’altezza della categoria,in cui vengono impiegati. Oltrepassato il limite d’età previsto sarà dura per un giovane riadattarsi, scendendo di categoria e la sua maturazione ne potrebbe risentire.<BR><BR>Quale squadra l’ha più impressionata in questo girone?<BR>Il Monza mi è sembrato meglio organizzato,più propositivo,gioca alla palla ed anche se fra le sue fila gioca un certo Gasbarroni, un vero lusso per la categoria, è un gruppo&nbsp; che gira bene in attacco e sa chiudersi con ordine in difesa. Puo’ fare bene se arriva a qualificarsi per i playoff!<BR><BR>I suoi programmi per il futuro?<BR>Mi piacerebbe restare qui a Mantova e programmare una bella squadra ,che sia all’altezza della storia di questa società ,che merita di ritornare a quella serie B ,in cui ha militato con onore per tanti anni.<BR><BR>Un’ultima domanda:le è piaciuta la città di Milazzo? E’ stato accolto bene dai tifosi milazzesi?<BR>Sono nato in&nbsp; Sicilia,come vi ho confessato all’inizio dell’intervista,conosco la mia terra abbastanza, ma non conoscevo Milazzo. Non ho avuto modo di girare molto per&nbsp; visitarla ,ma abbiamo fatto la domenica mattina una breve passeggiata lungo la cortina del porto e la Marina Garibaldi,che è un posto splendido,dove finalmente ho potuto respirare la brezza del vostro e del mio mare,che mi manca molto lassù al Nord. Ma ho saputo che i nostri tifosi,ben accolti dai vostri, non hanno aspettato granchè per farsi una bella nuotata nelle acque del mar di Ponente. Cosa ricorderò di questo soggiorno in Sicilia? Sicuramente quella granita con brioshe ,gustata al mio arrivo all’una di notte, con il suono delle onde&nbsp;&nbsp; e l’odore del vostro mare a fare da splendida cornice :sono sensazioni uniche, che sicuramente mi accompagneranno&nbsp; per molto tempo ancora durante le mie giornate in quel di Mantova!<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>Attilio Andriolo<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>adm001adm001brucato.jpgSiNesclusiva-il-calcio-24-brucato-tecnico-del-mantova-il-monza-di-gasbarroni-mi-ha-impressionato-1011967.htmSi100075701,02,03,090301080S
1131011806NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, i rinforzi arrivano dal Belgio20130418111941lazioCome riporta Il Corriere dello SportCome riporta Il Corriere dello Sport, tre piste in Belgio per la Lazio. La missione del diesse Tare domenica scorsa a Bruxelles non era per incontrare i rappresentanti del fondo inglese che possiedono il 50 per cento del cartellino di Felipe Anderson, talento del Santos trattato a gennaio e ancora vicino alla società biancoceleste. L’obiettivo del blitz riguardava alcuni giocatori di Bruges e Anderlecht. Secondo le nostre indiscrezioni, l’attenzione dei dirigenti biancocelesti si sarebbe soffermata su Carlos Bacca, 26 anni, attaccante colombiano, 22 gol in 25 partite della Jupiler League. Il suo contratton scade nel 2016, lo seguono anche diversi club in Bundesliga. Il Bruges ha respinto un’offerta di 7 milioni dell’Anderlecht. Nei mesi scorsi Bacca è entrato in nazionale. E’ una punta di movimento, che piazza grandi progressioni e vede la porta. Potrebbe essere accostato per caratteristiche al turco Burak Yilmaz, trattato l’estate scorsa senza successo prima che firmasse per il Galatasaray. La Lazio cerca una punta, è ovvio. E le nostre indiscrezioni dicono che sta seguendo un giocatore del Bruges. Dopo il week-end sono spuntate altre due candidature. Si tratta di Matias Suarez e di Cheilkou Kouyatè. Il primo è un attaccante argentino, esterno offensivo classe ‘88 cresciuto nel Belgrano di Cordoba, scadenza 2015 e appena rientrato dopo un lungo infortunio. Il secondo è un difensore centrale di origine senegalese, classe ‘89, nato a Dakar e con passaporto belga. Kouyatè è una pertica alta un metro e 91 e ha il contratto in scadenza nel 2014. Potrebbe essere considerato un nuovo Diakitè, rispetto a cui vanta già una solida esperienza in Champions League. Non rinnoverà il contratto con l’Anderlecht, è quotato e può essere preso a cifre abbordabili.<br><br> FELIPE ANDERSON - Lotito e il ds Tare sono in attesa della svolta per il gioiello del Brasile Under 20, che era stato vicinissimo alla Lazio il 31 gennaio. L’affare non si chiuse a 7,5 milioni di euro per il mancato accordo con il fondo inglese che detiene il 50 per cento del cartellino. La società biancoceleste è pronta ad alzare la posta sino a 10 milioni.<br><br>C1007650adm001adm001suarrez.jpgSiNlazio-i-rinforzi-arrivano-dal-belgio-1011806.htmSiT1000018100075701,02,03030647
1141011756NewsCampionatiReal Madrid, e` un Cristiano Ronaldo da record20130415125748Cristiano RonaldoRecord di golPer la terza stagione consecutiva, dopo la doppietta di ieri sera contro l'Athletic Bilbao, il fuoriclasse portoghese, ha segnato già 50 goal ufficiali nelle varie competizioni con la maglia Blanca: nello specifico 31&nbsp;in Liga, 6 in Coppa del Re, 2 in Supercoppa Spagnola e 11 in Champions League.<br><br> Salgono quindi a 196 in 192 partite le reti segnate dal giocatore in quattro stagioni nella capitale spagnola. Non è certo impossibile veder battuto il suo personale record di 60 fatto registrare lo scorso anno, in cui ne mise a segno 46 solo in campionato.<br><br> Il calciatore del Real Madrid è attualmente al sesto posto nella classifica dei marcatori all-time della Casa Blanca, primatista però per media realizzativa, più di Raul, Hugo Sanchez, Puskas, Santillana e Di Stefano, che lo precedono&nbsp;in graduatoria.<br><br> &nbsp;<br><br>MadridFL0411FL0411cristiano-ronaldo.jpgSiNcristiano-ronaldo-e-record-di-go-1011756.htmSi100427901,02,03010301
1151011731NewsCalcio EsteroBundesliga, 29a giornata: il Bayern festeggia, il Borussia gioca a tennis20130414100816Bundesliga29a giornataL'inocntro più importante della 29a giornata di Bundesliga finisce in parità.2-2 è il risultato finale tra Shalke e Bayer&nbsp;Leverkusen; pareggio&nbsp;che non altera le prime posizioni di testa in classifica. Le "aspirine" partono forte e sul finire del primo tempo trovano il gol del vantaggio con Rolfes. Nella ripresa arriva&nbsp;lo 0-2 grazie&nbsp;al gol di Kiessling. L'11 di Gelsenkirchen, però, non si da per vinto e rimonta&nbsp;in virtù dei gol di Pukki e al calcio di rigore trasformato al 90' da Raffael, con il Bayer in 10 uomini per l'espulsione di Toprak.<br><br> All'Allianz arena&nbsp;il Bayern Monaco festeggia con un rotondo 4-0 la conquista del Meisterschale. Seppure con una squadra composta quasi tutta da riserve,&nbsp;la corazzata&nbsp;biancorossa liquida&nbsp;nel derby bavarese&nbsp;il malcapitato Norimberga, rimpinguando, così,&nbsp;le cifre di una stagione da record.<br><br> Goleada inBavaria anche per il Borussia Dortmund che travolge 6-1 il Greuther Furth, ormai condannato alla retrocessione.matematica mantiene ancora in Bundesliga. Poco più che un allenamento per i gialloneri.<br><br> Dice addio alle ambizioni europee, invece,&nbsp;il Mainz: Szalai e compagni hanno ormai issato bandiera bianca, come dimostra il 2-1 subito tra le mura amiche&nbsp;dall’Amburgo.<br><br> In zona retrocessione vi è da segnalare il colpo di coda dell’Hoffenheim, capace di imporre il pareggio fuori casa al Wolfsburg. I biancoblu agganciano momentaneamente al penultimo posto l’Augsburg, impegnato&nbsp;oggi nella&nbsp;difficile gara casalinga contro l’Eintracht Francoforte.<br><br> Tutti i gol su: <a href="http://livehighlights24.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.com/category/bundesliga/</a><br><br> Giocate Ieri<br><br> <strong>Bayern Monaco-Norimberga: 4-0 5′ Boateng-17′ Gomez-24′ Rafinha-56′ Shaqiri</strong><br><br> <strong>Fortuna Dusseldorf-Werder Brema: 2-2&nbsp;&nbsp; 2′-49′ Reisinger(F) - 16′ Junuzovic-71′ aut.Latka (W)</strong><br><br> <strong>Greuther Furth-Borussia Dortmund: 1-6&nbsp;&nbsp; 12′-45′Götze-15′-34′ Gundogan-28′ Blaszczykowski-82′ Lewandowski(B) -&nbsp;72′ Prib (G)</strong><br><br> <strong>&nbsp;Mainz-Amburgo: 1-2&nbsp;&nbsp; 62′-81′ Heung-Min Son (A) -&nbsp;86′ Parker (M)</strong><br><br> <strong>Wolfsburg-Hoffenheim: 2-2&nbsp;&nbsp; 14′ Arnold-86′ Naldo(W) - 35′ rig.Salihovic-63′ Beck (H)</strong><br><br> <strong>&nbsp;Schalke 04-Bayer Leverkusen: 2-2&nbsp;&nbsp; 39′ Rolfes-58′ Kadlec(B) - 78′ Pukki-87′ rig.Raffael(S)</strong><br><br> Oggi<br><br> <strong>Stoccarda-Borussia Monchengladbach</strong><br><br> <strong>Augsburg-Eintracht Francoforte</strong><br><br> Giocata Venerdì<br><br> <strong>Friburgo-Hannover: 3-1&nbsp;&nbsp; 24′ aut.Schulz-44′ Kruse-73′ Schmid(F) - 36′ Rausch(H)</strong><br><br>GermaniaFL0411FL0411gotze.jpgSiNbundesliga-giornata-29-bayern-festeggia-il-borussia-ne-fa-sei-1011731.htmSi100427901,02,03010256
1161011716NewsCalcio EsteroLiga, 31a giornata: che derby a Siviglia, finisce 3-3. Valencia cerca la vittoria20130413103149Liga31a giornataFuochi d'artificio nell'anticipo della 31a giornata di Liga spagnola. Derby scoppiettante al Benito Villamarin di Siviglia, conclusosi 3-3, che vedeva gli ospiti in vantaggio di tre gol rimontati da un grande Betis, mai domo, che aggunta il pareggio a un minuto dalla fine e continua, così, a sognare un posto nell'Europa che verrà. Buon pareggio per i biancorossi che, alle prese con la delusione dei propri tifosi per una stagione non all'altezza, escono imbattuti da un derby che li vedeva nettamente sfavoriti. <BR><BR>Saranno quattro le partite in programma nel sabato di Liga. Alle 16 si affronteranno Valladolid e Getafe. Alla squadra di casa potrebbe anche bastare un pareggio per confermarsi nella zona centrale della classifica e non essere risucchiati nella zona calda della retrocessione, che, comunque, è distante ben 9 punti. Discorso diverso, invece, per il Getafe che cerca conferme dopo l'ottima prestazione della settimana scorsa contro l'Atletico Madrid. Attualmente il Getafe è nono ma a soli 3 punti dalla zona Europa ed una vittoria potrebbe accendere le speranze dei madrileñi.<BR><BR>Alle 18 andrà in scena Levante-Deportivo. I padroni di casa ultimamente hanno perso parecchie posizioni a&nbsp; causa di un gioco poco brillante, almeno rispetto all'inizio di stagione. Di contro, il Deportivo si è reso, invece, protagonista di una incredibile rimonta fatta di grinta, cuore e attaccamento alla maglia che hanno permesso ai galiziani di risalire la classifica e portarsi a solo un punto dalla salvezza.<BR><BR>Alle 20 sará la volta di Espanyol-Valencia. I catalani viaggiano in acque tranquille considerati il +12 dalla zona retrocessione, mentre il Valencia insegue la qualificazione in champions che attualmente dista 2 punti. Valencia motivatissimo, dunque, anche se in trasferta nell'attuale stagione i valenciani hanno conquistato solamente 16 punti sui 49 totali a disposizione.<BR><BR>Infine, alle 22 il Malaga cercherà la vittoria in casa contro l'Osasuna. Il risultato che in teoria sembrerebbe scontato, non lo è.&nbsp;Il Malaga, infatti,che non potrà&nbsp;partecipare alle coppe europee della prossima stagione a causa dei problemi finanziari che attanagliano lo sceicco Al Thani, rischia di dovere affrontare la parte finale della stagione senza le giuste motivazioni. La squadra di Pamplona, invece, è in piena lotta per non retrocedere e farà di tutto per uscire con almeno un punticino da "La Rosaleda".<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata Ieri <BR><BR><STRONG>Betis-Sevilla 3-3&nbsp; 7'-19'Rakitic-33'Negredo(S) – 44'Pabon-54'Castro-89'Igiebor(B)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Valladolid-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Valencia</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Osasuna</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Rayo Vallecano-Real Sociedaad</STRONG><BR><BR><STRONG>Atletico Madrid-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Barcellona</STRONG><BR><BR><STRONG>Athletic Bilbao-Real Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Maiorca-Celta Vigo</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411soldado.jpgSiNliga-giornata-31-spettacolare-derby-a-siviglia-3-3-1011716.htmSi100427901,02,03010211
1171011712NewsCampionatiPremier League, dalla prossima stagione non ci saranno più reti fantasma: entra la moviola in campo20130412185220premier leagueSi riparte Si riparte da lì, dove tutto cominciò. Perché il calcio iniziò a vedere i primi “gol fantasma”, a Londra, nel 1966 quando c’erano i Beatles ma non l’occhio inquisitore della tecnologia e l’attaccate dell’Inghilterra Hurst potè segnare nella finale di Coppa del mondo contro la Germania una rete che sarebbe stata sconfessata dalle immagini video. Ne è passato di tempo e adesso, dopo un lungo percorso culturale ad ostacoli, fatto di paletti e resistenze politiche da parte dei padroni del vapore, proprio il football inglese decide che è arrivato il momento di dare credito al futuro e cambiare aria. L’attesa riunione di oggi della Fa traccia una linea definitiva con il passato dando il via libera all’introduzione, a partire dalla prossima stagione di Premier League, del sistema di controllo denominato Hawk-eye, già utilizzato comunemente nel tennis e nel cricket ,che consiste nella riproduzione della traiettoria della palla ed è basato sul principio della triangolazione usando le immagini registrate da almeno quattro telecamere posizionate in diversi angoli del campo da gioco. Battuto a sorpresa (ma non troppo, vista la differenza nei costi di gestione e manutenzione) il progetto tedesco del Goal Control Technology (Gct), approvato dalla Fifa e in funzione nella&nbsp; Confederations Cup del prossimo giugno in Brasie, che prevede l’installazione allo stadio di almeno otto telecamere che vivisezionano ogni azione di gioco dando così la caccia ai gol fantasma. Due diverse tecnologie ma la sostanza non cambia. Il grande salto è&nbsp; arrivato ed è il campionato inglese a tracciare una linea di demarcazione con il passato,&nbsp; anche se il primo impianto europeo in cui sarà introdotto l’occhio di falco versione calcistica, secondo indiscrezioni, sarà il tempio di Wembley, di proprietà della Fa,&nbsp; che il 29 maggio ospiterà l’amichevole tra Inghilterra e Irlanda.<br><br>Al di là dei due progetti resta da capire se questi sistemi saranno poi approvati nelle Coppe europee, vista anche la resistenza del presidente dell’Uefa,&nbsp; Michel Platini, favorevole agli arbitri di porta e contrario – in merito al progetto tedesco, ad investimenti tecnologico che si aggirano sui 54 milioni di euro. Soldi che sarebbe meglio investire per altri fini, è il pensiero dell’ex campione francese. Il rischio è che la tecnologia non sia ancora in grado di convivere serenamente con il sistema umano. Ci sono infatti ancora&nbsp; alcuni passaggi che l’International Board non ha chiarito. Non solo l’arbitro ha il potere di contraddire il messaggio tecnologico e rifiutare che si usi il mezzo elettronico qualora ravveda la sua scarsa affidabilità dopo un rapido sopralluogo. Ma&nbsp; il Board prevede anche che nel corso dello stesso torneo non sia obbligatorio che tutte le partite si svolgano con la tecnologia. Un pericolo non da poco. Sarà il calcio inglese a fare da apripista e iniziare a spianare una strada che presenta ancora qualche avvallamento di troppo. Ma l’importante, dopo decenni di polemiche, era partire.<br><br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001aguero.jpgSiNpremier-league-dalla-prossima-stagione-niente-piu-reti-fantasma-entra-la-moviola-in-campo-1011712.htmSi100075701,02,03030297
1181011699NewsCalciomercatoMilan, Boateng infuriato con Allegri20130412112724milan, boatengUna stagioneUna stagione luci ed ombre, con il finale a sorpresa. E' quasi arrivato il momento di tirare le somme, la storia d'amore tra Kevin Prince Boateng e il Milan si trova davanti ad un bivio. Confrontarsi e crescere insieme, o salutarsi, magari con una stretta di mano e il poco credibile "rimaniamo amici". Il centrocampista ghanese, cercato da Premier e Bundesliga, ha sempre messo il Milan al centro dei suoi pensieri, ma a fine stagione avrà un confronto con Galliani per chiarire un paio di questioni. In primis la sua posizione, dopo una stagione a spasso per il campo: "Non mi piace cambiare sempre ruolo, quest'anno ho giocato in attacco, da trequartista e a centrocampo - ha detto a Sky Sport - Allegri mi dice che è positivo il fatto di saper giocare in tanti ruoli, ma non è perfetto per me".<br><br> Il Boa si è stufato di essere un giocatore anarchico, un malessere che si aggiunge a quello legato al rinnovo del contratto, in scadenza nel 2014. Alla richiesta di aumento e prolungamento fatta recapitare in via Turati lo scorso inverno, Galliani ha risposto picche, rimandando la questione a maggio, ma non è escluso che il numero due rossonero prenda in considerazione l'ipotesi, in accordo con Allegri, di cederlo al miglior offerente.<br><br>C1007650adm001adm001muntari-6.jpgSiNmilan-boateng-infuriato-con-allegri-1011699.htmSiT1000027100075701,02,03,07030360
1191011691NewsCoppeCoppe Europee: alle 12 il sorteggio delle semifinali20130412093339Champions ed Europa LeagueSorteggio accoppiamenti semifinali Sarà un sorteggio da "mezzogiorno di fuoco" a Nyon per stabilire gli accoppiamenti di Champions ed Europa League per le semifinali. In Champions c'è la possibilità di vedere uscire dall'urna&nbsp;delle sfide incrociate Spagna-Germania o due derby di altissimo spessore emotivo.<BR><BR>Come detto, Germania e Spagna si prendono la scena in Champions, con due squadre ciascuno pronte a contendersi la coppa: oltre alle tre corazzate occhio alla mina vagante Borussia Dortmund, anche se gli occhi sono puntati tutti su 'Merengues' e 'Blaugrana' che l'ultima volta in cui si sono trovati contro in semifinale è finita con la qualificazione dei catalani (nel 2011 con Guardiola in panchina).<BR><BR>Ma in casa Real, se dovessero scegliere, sperano nel Barça già battuto in Liga e Coppa del Re visto che il Bayern rappresenta un incubo nemmeno tanto lontano: l'anno scorso, la squadra di Mou cedette il passo ai calci di rigore dopo una doppia sfida spettacolare con i bavaresi.<BR><BR>In Europa League restano, invece, il sorprendente&nbsp;Basilea, Benfica, Chelsea e Fenerbahce. Gli inglesi sono certamente i favoriti per la vittoria finale per blasone e caratura, anche se il cammino entusiasmante degli svizzeri, dei turchi e, soprattutto, dei lusitani può riservare incredibili sorprese.<BR><BR><BR>NyonFL0411FL0411messi.jpgSiNcoppe-europee-alle-12-il-sorteggio-delle-semifinali-1011691.htmSi100427901,02,03010275
1201011689NewsCampionatiJuventus, consapevolezza della forza dell`avversario20130411204822juventusS’infrange contro il muro tedesco il sogno europeo a lungo cullato e inseguito dalla JuventusS’infrange contro il muro tedesco il sogno europeo a lungo cullato e inseguito dalla Juventus. Torino e l’Italia calcistica bianconera ringraziano comunque la propria squadra, uscita tra gli applausi dallo Juventus Stadium che, per una notte, è stato teatro di calcio ad alto livello. Ma, in verità, gli applausi dei tifosi sono sembrati intrisi d’amarezza per quello che avrebbe potuto essere e non è stato. Troppo forte questo Bayern Monaco che con sicurezza e cinica lucidità ha inflitto alla squadra bianconera un secco 0 a 2 che parla da solo. La Juve dovrà aspettare ancora qualche anno per riconquistare la Coppa dalle grandi orecchie, perché così com’è strutturata adesso non è sufficiente per reggere il confronto con le grandi realtà calcistiche europee. “Il divario tra le grandi società calcistiche d’Europa e l’Italia, è ancora troppo netto dal punto di vista dei valori economici e degli investimenti. Penso che le squadre italiane dovranno attendere ancora qualche anno prima di poter rivincere la Champions League”. Così si è espresso Antonio Conte subito dopo la partita. E, in effetti, il tecnico bianconero ha fatto una lucida disamina del gap esistente tra alcune delle più importanti società europee e le migliori realtà calcistiche italiane. Bisogna lavorare molto, non solo sotto l’aspetto tecnico-organizzativo ma, soprattutto, sul fronte del patrimonio economico e dei relativi investimenti delle società stesse. E’ evidente che l’Inter di Moratti, il Milan di Berlusconi, la Juve di Agnelli, non rappresentano più come un tempo la forza economica e finanziaria del pallone italiano, tanto è vero che anche loro trovano grandi difficoltà ad allinearsi ai grandi club europei. Per crescere in modo esponenziale, sarebbe opportuno seguire il modello tedesco del Bayern, una società strutturata in una maniera tale da vincere in bundesliga con sei giornate d’anticipo e di essere costantemente tra le primissime forze europee. Certo, questo discorso ci potrebbe portare molto lontano e comunque a disquisire su temi di carattere politico-sociale ed economico-finanziario che da anni investono l’Italia e tantissime aziende di vario settore che danno segni di allarmante agonia. Ma, l’azienda italiana del pallone, pur nella sua tenuta economica tutto sommato ancora stabile rispetto ad altri settori in decadenza e, nonostante l’apporto del merchandising, dei diritti televisivi e degli sponsor, risulta ancora&nbsp; troppo fragile rispetto al confronto con alcune potenze europee. Una crisi che rispecchia fedelmente ciò che è l’attuale sistema economico del nostro Paese. Tuttavia, ritornando a temi più tecnici relativi alla partita Juventus - Bayern, possiamo dire che nel primo tempo i bianconeri hanno tenuto a bada i bavaresi i quali, ben messi in campo e attenti a chiudere tutti gli spazi, si sono limitati a un pressing alto e asfissiante, in grado di non fare ragionare la squadra di Conte, risultata evanescente nel tentativo di impensierire il portiere Neuer. Nel secondo tempo i tedeschi salgono in cattedra, ed il palo colpito da Robben è stato premonitore di ciò che sarebbe accaduto da lì a poco, quando il Bayern su ennesima azione di ripartenza andava in gol con Mandzukic. Una doccia fredda per la Juve che, fino a quel punto, sperava ancora in qualcosa di possibile-impossibile privo di ogni fondamento logico. Poi, il raddoppio finale di Pizzarro entrato in campo in sostituzione di Mandzukic, ha chiuso definitivamente ogni residua speranza. Finisce così l’attesissimo match fra la Juventus e il Bayern, una partita che fin dalla vigilia aveva più il sapore dell’emozione e della speranza, piuttosto che la reale consapevolezza di poter continuare il cammino in Champions tra le migliori quattro squadre d’Europa. Noi riteniamo che allo stato attuale delle cose, per questa Juventus è già stato un traguardo importante l’aver raggiunto l’obiettivo di appartenere al novero delle migliori otto squadre d’Europa. Poi si può fare ogni tipo di discorso, anche quello legato all’eterno qualunquismo calcistico ancorato a quel si dice che “Il pallone è rotondo e, come tale, tutto è possibile”. Un’affermazione che è troppo speso l’enfasi della banalità più pura. Ma questo, francamente, non può trovare fondamento nell’analisi concreta tra le differenze tecniche reali emerse tra squadre che sono lo specchio delle società di appartenenza, della loro forza economica e organizzativa.<br><br> Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><br><br>C1007650FL0711FL0711marotta.jpgSiNjuventus-consapevolezza-della-forza-dell-avversario-1011689.htmSiT1000007100451001,02,03,06,07030327
1211011636NewsCampionatiCasagrande, ex Torino e Ascoli ammette uso di droga e doping: «Mi sono fatto di tutto»20130409130432torino, casagrandeWalter Casagrande, ex centravanti brasiliano del TorinoWalter Casagrande, ex centravanti brasiliano del Torino, racconta in un'autobiografia intitolata 'Casagrande e i suoi demoni' la sua dipendenza e l'uso di droghe.<br><br> Dopo un inizio fatto di "qualche canna" pian piano il vizio divenne dipendenza. "Mi sentivo tremendamente vuoto e cercavo rifugio nella droga, fino all'autodistruzione. In una sola sera ero capace di sniffare 3 grammi di cocaina e poi iniettarmi una dose di eroina, fumarmi una canna e bermi una bottiglia di tequila".<br><br> "Ho giocato per 20 anni alla roulette russa - continua il brasiliano come riportato da 'La Gazzetta dello Sport' - copiando quella spinta all'autodistruzione che vedevo nei miei miti del rock, da Jim Morrison a Janis Joplin e Jimi Hendrix".<br><br> C'è anche spazio per il doping. Casagrande ammette di essersi dopato per 4 volte nelle 6 stagioni tra Porto, Ascoli e Torino, ma non dice dove: "Ci obbligavano a fare delle iniezioni intramuscolo e il risultato era sbalorditivo. Avrei potuto giocare 3 partite di seguito, ma dopo un po' mi sono rifiutato di continuare".<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001casagrande.jpgSiNcasagrande-ex-torino-e-ascoli-ammette-uso-doping-e-droga-mi-sono-fatto-di-tutto-1011636.htmNoT1000099100075701,02,03030383
1221011598NewsCalcio EsteroLiga, 30a giornata:Valencia in zona Cesarini, Atletico spuntato20130408101213Liga30a giornataLa domenica della 30/a giornata della Liga spagnola è stata contrassegnata dal deludente pareggio a reti bianche dell’Atletico Madrid contro il Getafe. Gli uomini di Simeone dovevano rispondere al&nbsp;successo dei cugini del Real contro il Levante&nbsp;ma non vanno oltre lo 0-0. Un solo punto guadagnato dai “Colchoneros” che terminano la partita in 9 uomini per le espulsioni di Godin e Suarez e rimangono così al terzo posto in classifica a -3 proprio dal Real. Il Valencia accorcia il divario sul quarto posto&nbsp;distante,adesso, solamente due punti. I levantini hanno la meglio su un mai domo Valladolid in virtù della zampata vincente di Jonas che regala tre punti d’oro alla formazione di Ernesto Valverde. Due vittorie in trasferta, invece, per Rayo Vallecano ed Espanyol.&nbsp;Il Rayo passa 2-0 in casa del Celta di Vigo ed avvicina&nbsp;le posizioni utili all'accesso alle competizioni europee. Identico risultato per l'Espanyol, 0-2 a Pamplona e tre punti che consentono ai catalani di&nbsp;uscire quasi definitivamente dalla lotta per la salvezza. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Rayo Vallecano 0-2 &nbsp;14'Piti-83'Delibasic<BR><BR>Osasuna-Espanyol 0-2&nbsp; 51'Moreno-90' Wakaso<BR><BR>Getafe-Atletico Madrid 0-0<BR><BR>Valencia-Valladolid 2-1&nbsp; 39' aut. Balenziaga-92' Jonas (VC) -&nbsp;71' Oscar (VD)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Malaga 3-2 <EM>21' Vela-24' Bella-32' Griezmann-51' Martinez(R) - 45' Morales-71' S.Cruz(M)</EM><BR><BR>Real Madrid-Levante 5-1 <EM>31' Michel(L) - 36' Higuain-39'Kakà-84' Ronaldo-87'-91' Ozil</EM></STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Saragozza 3-2 <EM>11' Gama-41'Marchena-56' A.Gol</EM><EM> Minero(D) - 16'Postiga-35' Montanes (R)</EM><BR><BR>Barcellona-Maiorca 5-0 <EM>20'-37'-46' Fabregas-22'-38' Sanchez</EM></STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Siviglia-Athletic Bilbao</STRONG> <BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Granada-Real Betis 1-5 30'-32'Castro Martin-34'A.gol Iñigo Lopez-53'Pabon-85'Angel Lopez(B) - 71'Reina Aranda(G)</STRONG><BR><BR><BR>Classifica<BR><BR>1)Barcellona 78<BR>2)Real Madrid 65<BR>3)At.Madrid 62<BR>4)Real Sociedad 51<BR>5)Valencia 49<BR>6)Malaga 47<BR>7)Betis 47<BR>8)Getafe 44<BR>9)Rayo 44<BR>10)Levante 40<BR>11)Espanyol 39<BR>12)Siviglia 38<BR>13)Valladolid 35<BR>14)At.Bilbao 35<BR>15)Osasuna 31<BR>16)Granada 28<BR>17)Real Saragozza 27<BR>18)Deportivo 26<BR>19)Maiorca 24<BR>20)Celta 24<BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411atletico madrid valencia.jpgSiNliga-giornata-30-valencia-in-zona-cesarini-atletico-spuntato-1011598.htmSi100427901,02,03010240
1231011579NewsCalcio EsteroLiga, 30a giornata: «manitas» di Barça e Real, Real Sociedad insegue il sogno champions20130407101736Liga30a giornataL'incontro più importante della 30a giornata di Liga è stato quello, valevole quasi come uno spareggio per la qualificazione in champions, tra Real Sociedad e Malaga. Si sono imposti i baschi con un perentorio 4-2. Probabilmente con la testa al ritorno di Champions League, gli&nbsp;andalusi di Pellegrini&nbsp;hanno subito&nbsp;una pesante sconfitta che complica la strada verso i piani alti dell'Europa della prossima stagione. Di contro, per la Real Sociedad, questa, sarà una stagione da incorniciare e puntellata, proprio ieri pomeriggio, dalla marcatura numero 3000 della squadra di San Sebastian nella massima serie spagnola.<BR><BR>L'altro incontro clou del sabato della 30a giornata si è giocato a La Coruña. Il Deportivo adesso ci crede e nello scontro salvezza&nbsp;i galiziani hanno superato&nbsp;il Real&nbsp;Saragozza di Manolo Jimenez ed ora sono terz’ultimi ad appena&nbsp;un punto proprio dal&nbsp;Saragozza. <BR><BR>"Manita" del Real Madrid al Levante. All'inizio,&nbsp;a vedere le scelte di Mourinho si&nbsp;è capito&nbsp;come l’occhio di riguardo sia stato rivolto alla gara di martedì contro il Galatasary e per questo non hanno fatto parte dell'11 titolare Cristiano Ronaldo, Ozil e Di Maria a vantaggio di Callejon, Benzema e Kakà, tutti dietro all’unica punta Higuain nel solito 4-2-3-1.&nbsp;Vantggio iniziale, un po' a sorpresa del Levante&nbsp;e,poi,&nbsp;solo uno strepitoso&nbsp;Real, che sbriga così&nbsp;la pratica campionato e si accinge a piazzarsi tra le 4 più forti d'Europa. Anche il Barcellona ne fa 5 e risponde, così, nella stessa maniera al Real Madrid. Fabregas e Alexis Sanchez trascinano il Barcellona nel 5-0 rifilato al Maiorca. L’episodio chiave del match accade al 69’ quando Vilanova richiama Piquè in panchina per far posto ad Eric Abidal, tornato a calcare i campi da gioco dopo circa un anno ed un trapianto di fegato. Il tecnico dei blaugrana&nbsp;nel 4-3-3 schiera quasi tutte riserve per preservare gli uomini migliori per il ritorno dei quarti di champions da giocare contro il PSG.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Malaga 3-2 <EM>21' Vela-24' Bella-32' Griezmann-51' Martinez(R) - 45' Morales-71' S.Cruz(M)</EM><BR><BR>Real Madrid-Levante 5-1&nbsp;<EM>31' Michel(L) - 36' Higuain-39'Kakà-84' Ronaldo-87'-91' Ozil</EM></STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Saragozza 3-2 <EM>11' Gama-41'Marchena-56' A.Gol</EM><EM> Minero(D) - 16'Postiga-35' Montanes (R)</EM><BR><BR>Barcellona-Maiorca 5-0&nbsp;&nbsp;<EM>20'-37'-46' Fabregas-22'-38' Sanchez</EM></STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Rayo Vallecano </STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Espanyol </STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Atletico Madrid </STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Valladolid</STRONG> <BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Siviglia-Athletic Bilbao</STRONG> <BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Granada-Real Betis 1-5 30'-32'Castro Martin-34'A.gol Iñigo Lopez-53'Pabon-85'Angel Lopez(B) - 71'Reina Aranda(G)</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411ozil-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-30-manitas-per-real-e-barcellona-1011579.htmSi100427901,02,03010257
1241011578NewsCalcio EsteroBundesliga, 28a giornata: Bayern campione di Germania con sei giornate d`anticipo20130407072657Bundesliga28a giornataIn virtù&nbsp;della vittoria per 1-0 sul campo di quella che abbiamo più volte definito nel corso della stagione,&nbsp;la "matricola terribile", Eintracht Francoforte, il Bayern Monaco si è&nbsp;proclamato campione di Germania con sei giornate di anticipo, uno dei record assoluti nella storia dei campionati maggiori, segno di una superiorità totale. Stagione&nbsp;dominata fin dall'inizio, prima vincendo la supercoppa di Germania battendo 2-1 gli storici&nbsp;rivali del Borussia Dortmund, poi confermata dalle prime giornate di campionato con otto vittorie nelle prime otto partite dando agli avversari sempre almeno 2 gol di scarto. L’unica sconfitta in Bundesliga è coincisa con l’inizio dell’unico e breve&nbsp;periodo di appannamento: il 28 ottobre il Bayern Monaco venne sconfitto&nbsp;in casa per 2-1 dal Bayer Leverkusen, che peraltro è stata l’unica squadra che almeno fino a gennaio sembrava poter dare fastidio alla corazzata di Heynckes.&nbsp;Dopo la consueta pausa invernale, però, il Bayern è stato un vero e proprio carrorarmato che ha schiacciato tutto e tutti. A partire da Gennaio sono arrivate, infatti,&nbsp;undici vittorie in undici partite, con 35 gol segnati e 6 subiti, che confermano tutto il dominio dei bavaresi nella Bundesliga 2012-13 e che riconquistano il Meisterschale dopo due anni di supremazia del Borussia Dortmund.&nbsp;Non è facile&nbsp;trovare un protagonista assoluto nella meravigliosa stagione del Bayern Monaco, visto che tutti gli elementi dell'organico&nbsp;hanno saputo dare un contributo fondamentale. Tra i migliori possiamo citare certamente il centrale Dante, prelevato in estate dal Borussia Monchengladbach e diventato un perno insostituibile della fortissima&nbsp;difesa di Heynckes . Ottima stagione anche per gli altri acquisti estivi Javi Martinez e Mario Mandzukic, capocannoniere della Bundesliga e capace di far passare quasi inosservato Mario Gomez più volte relegato in panchina.&nbsp;Se proprio vogliamo cercare un neo, potremmo forse&nbsp;chiamarlo Arjen Robben, il quale,&nbsp;fino alla scorsa stagione&nbsp;leader della squadra, quest’anno non è riuscito a trovare la migliore condizione fisica fino a perdere il posto da titolare. <BR><BR>La stagione del Bayern Monaco però&nbsp;non è ancora finita: ci sono da vincere la dfb Pokal, la coppa di Germania, nella quale i bavaresi sono in semifinale, e soprattutto la Champions League che quest’anno è alla portata dei neo campioni tedeschi.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Borussia Dortmund-Augsburg 4-2 22°, 52° Schieber, 64° Subotic, 91° Lewandowski (B) – 43° Baier, 45° Vogt(A)<BR><BR>Borussia M'Gladbach-Greuther 0-1 74° De Jong<BR><BR>Bayer Leverkusen-Wolfsburg 1-1 12° Schurrle(B) – 70° Kjaer(W)<BR><BR>Werder brema-Schalke 0-2 51° Draxler, 69° Marica<BR><BR>Eintracht-Bayern Monaco 53° Schweinsteiger<BR><BR>Amburgo-Friburgo 0-1 69° Schmid</STRONG><BR><BR><STRONG>Oggi<BR><BR>Norimberga-Mainz<BR><BR>Hannover-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Giocata Venerdì<BR><BR>Hoffenheim-Fortuna 3-0 11'Firmino-75'A.gol Lambertz-90'Volland<BR></STRONG><BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-28-bayern-monaco-campione-di-germania-1011578.htmSi100427901,02,03010287
1251011576NewsCampionatiBundesliga, Bayern Monaco campione20130407010749bundesliga, bayern monacoCon sei giornate d`anticipoCon sei giornate d'anticipo, il Bayern Monaco si laurea campione di Germania. Per i bavaresi è il 23/o Meisterschale. A Francoforte bastava un punto per mettere il titolo in cassaforte, e' arrivata invece la vittoria (1-0) firmata da Schweinsteiger al 53'. Per i bavaresi, che mercoledi' saranno a Torino contro la Juventus per il ritorno dei quarti di Champions League, una cavalcata incredibile, con 24 vittorie in 28 giornate (poi tre pari e una sconfitta) e un abisso creato nei confronti del Borussia Dortmund, crollato a -20 punti.<BR>C1007650adm001adm001ribery.jpgSiNbundesliga-bayern-monaco-campione-1011576.htmSiT1000007100075701,02,03,06030200
1261011562NewsCalcio EsteroBundesliga,28a giornata: possibile trionfo in Bundesliga per il Bayern20130406104329Bundesliga28a giornataIl Bayern va a Francoforte per chiudere definitivamente il discorso Bundesliga, in caso di vittoria si laureerà campione di Germania. In 50 anni di bundesliga nessun club era riuscito a conquistare il Meisterschale alla 28a giornata. Record su record, dunque, per il Bayern che potrebbe vincere il titolo e mercoledì approdare in semifinale di champions se saprà contenere la rabbia della Juventus alla ricerca della storica rimonta. Pero l'Eintrach Francoforte è in piena corsa per un posto Champions e sicuramente non darà vita facile ai bavaresi. La festa potrebbe, quindi, essere rinviata.<BR><BR>Intanto ieri sera è andato di scena l'anticipo tra Hoffenheim e Fortuna. Esordio positivo per il nuovo allenatore dell'Hoffenheim, Marco Kurz, vittorioso sul Fortuna per 3-0. Hoffenheim che, comunque, resta penultimo ma, adesso, a un solo punto dall'Augsburg che sarà impegnato nell'impossibile trasferta di Dortmund. E proprio il Dortmund, in vista del ritorno dei quarti di finale di champions contro il Malaga, farà sicuramente molti avvicendamenti per preservare gli uomini migliori. Il Mönchengladbach dopo la pesante sconfitta a Friburgo, cercherà di rifarsi contro il Greuther Fürth, che da parte sua non ha molto da chiedere al campionato,&nbsp;visto che sembra&nbsp;ormai condannato alla retrocessione. Restando alla corsa Champions, lo Schalke04&nbsp;andrà&nbsp;in scena&nbsp;a Brema contro un Wereder&nbsp;che quest'anno ha deluso fortemente.<BR>Il Leverkusen aspetta in casa i Lupi del Wolfsburg: le Aspirine non perdono d'occhio il secondo posto occupato dal Borussia.<BR><BR><BR>Giocata Ieri <BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Fortuna 3-0&nbsp;&nbsp; 11'Firmino-75'A.gol Lambertz-90'Volland</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Borussia Dortmund-Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M'Gladbach-Greuther</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder brema-Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Bayern Monaco</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo-Friburgo</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Norimberga-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Stoccarda</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-28-il-bayern-a-un-passo-dal-maisterschale-1011562.htmSi100427901,02,03,06010257
1271011561NewsCalcio EsteroLiga,30a giornata: il Betis espugna Granada, Real Sociedad-Malaga per la champions20130406102441Liga30a giornataTrentesima giornata di campionato in Spagna e nell'anticipo di ieri sera grande Betis Siviglia, che&nbsp;fà suo il derby d'Andalusia giocato contro il Granda. I betici colgono tre punti importantissimi che gli permettono di piazzarsi,&nbsp;con una partita in più giocata, ad un solo punto dalla Real Sociedad attualmente quarta.&nbsp;E proprio in chiave champions la Real Sociedad affronterà oggi pomeriggio il Malaga in uno degli incontri più interessanti della giornata.&nbsp;In campo anche le big: il Real Madrid ospita al Bernabeu il Levante, mentre il Barcellona al Camp Nou se la vedra’ con il Maiorca penultimo. Infine, il fondamentale scontro salvezza al Riazor tra Deportivo La Coruna (ultimo a 23 punti) e Saragozza (quart’ultimo a 27): i galiziani,protagonisti di una mini-rimonta hanno la possibilita’ di rientrare definitivamente nel discorso salvezza, che qualche giornata fa sembrava mera utopia. Le gare di domani&nbsp;vedranno il Celta Vigo impegnato in casa contro il Rayo Vallecano, a Pamplona l’Osasuna ospita l’Espanyol, mentre&nbsp;l’Atletico Madrid di Simeone e Falcao, che&nbsp;battaglia il secondo posto con il Real Madrid, sara’ ospite del Getafe. Al Mestalla, invece,&nbsp;va&nbsp;di scena Valencia-Valladolid, con i padroni di casa che puntano ad inseguire il sogno di un piazzamento champions, distante solo due punti. Infine,&nbsp;il posticipo di lunedì vedrà di fronte&nbsp;Siviglia e l'Athletic Bilbao.che, ormai, poco hanno da chiedere al campionato se non di procedere tranquillamente verso una trannquilla&nbsp;salvezza.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Granada-Real Betis 1-5&nbsp;&nbsp; 30'-32'Castro Martin-34'A.gol Iñigo Lopez-53'Pabon-85'Angel Lopez(B) - 71'Reina Aranda(G)</STRONG><br><br> Oggi<br><br> <STRONG>Real Sociedad-Malaga&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Real Madrid-Levante&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Deportivo-Saragozza&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Barcellona-Maiorca</STRONG>&nbsp; <br><br> Domani<br><br> <STRONG>Celta Vigo-Rayo Vallecano&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Osasuna-Espanyol&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Getafe-Atletico Madrid&nbsp; </STRONG><br><br> <STRONG>Valencia-Valladolid</STRONG>&nbsp; <br><br> Lunedì<br><br> <STRONG>Siviglia-Athletic Bilbao</STRONG>&nbsp; <br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-mourinho.jpgSiNliga-giornata-30-betis-coglie-tre-punti-per-la-champions-1011561.htmSi100427901,02,03010240
1281011472NewsCampionatiSampdoria-Inter, le pagelle. Top Poli e Palacio. Flop Guarin20130403202447serie a, sampdoria, interSerie A Sampdoria Inter PagellePartita fondamentale, per entrambe.<BR>Il recupero della ventinovesima giornata della Serie A vale soprattutto per i tre punti, graditi alla Sampdoria per chiudere il discorso salvezza, obbligatori per i nerazzurri per rialzarsi dopo il pesante k.o. interno contro la Juventus e per lasciare ancora aperta una piccola speranza di poter raggiungere il terzo posto.<BR>A Marassi la spunta la squadra di Stramaccioni, brava a sfruttare due delle poche occasioni create: decide sempre il Trenza, all'undicesimo e dodicesimo gol in campionato.<BR>Una vittoria che permette ai nerazzurri di agganciare la Lazio e di restare sulla scia della Fiorentina. Ancora lontano il terzo posto, possibile solo con una flessione importante di Milan e Napoli.<br><br> Risultato finale Sampdoria-Inter 0-2: 43' Palacio, 90' Palacio<BR>Ammoniti: 22' Poli, 65' Gargano, 75' Krsticic, 87' Kovacic<br><br> Sampdoria (3-5-2): Romero 6.5, Gastaldello 6, Palombo 6, Mustafi 5.5, De Silvestri 6.5, Poli 6.5, Krsticic 6.5 (86' Munari S.V.), Obiang 5.5, Estigarribia 5 (72' Poulsen 6), Sansone 6 (59' Maxi Lopez 6), Icardi 6<BR>All. Delio Rossi 6<br><br> Inter (4-3-1-2): Handanovic 7, Jonathan 5.5 (57' Silvestre 6), Ranocchia 6.5, Jesus 7, Pereira 6.5, Zanetti 6, Kovacic 6, Gargano 6.5, Guarin 5, Cassano 6 (63' Kuzmanovic 6), Palacio 8<BR>All. Stramaccioni 6.5<br><br> <STRONG><EM>Top Sampdoria</EM></STRONG><br><br> Poli: corre, lotta e si sacrifica. Ci mette anche qualità il centrocampista ex Inter che, nonostante i compagni non lo aiutino a dovere, mostra di essere il migliore fra i suoi.<br><br> <STRONG><EM>Flop Sampdoria</EM></STRONG><br><br> Estigarribia: brutta partita dell'ex bianconero. Non fa salire la squadra e non aiuta Sansone e Icardi a costruire occasioni da gol.<br><br> <STRONG><EM>Top Inter</EM></STRONG><br><br> Palacio: icona dell'Inter. Segna ormai solo lui, sempre pronto, sempre in partita. È costantemente la nota positiva di una squadra non in grande condizione.<br><br> <STRONG><EM>Flop Inter</EM></STRONG><br><br> Guarin: in una serata in cui i nerazzurri se la cavano discretamente, lui stecca ancora. Da un po' di tempo non è più quello di inizio stagione: lento, appannato e poco reattivo.<BR>Da ritrovare.<br><br>C1007650FL0882FL0882palacio-4.jpgSiNserie-a-sampdoria-inter-pagelle-top-flop-risultato-marcatori-1011472.htmSiT1000026100877901,02,03,06,07,08030357
1291011374NewsCalcio EsteroBundesliga, 27a giornata: il Bayern potrebbe già laurearsi campione20130330091050Bundesliga27a Giornata<DIV align=justify>Si gioca tra oggi e domani la&nbsp;27a giornata di Bundesliga. ll Bayern Monaco dei record&nbsp;riceve in casa&nbsp;l’Amburgo nel posticipo delle 18.30. Il match potrebbe decretare, a sette giornate dal termine,&nbsp;la matematica vittoria del campionato da parte della squadra di Heynckes, in caso di vittoria e contemporaneo passo falso del Borussia Dortmund a Stoccarda.<BR>In ogni caso, se non&nbsp;dovesse essere&nbsp;oggi, la matematica certezza della vittoria del Meisterschale arriverà a breve, per cui il Bayern Monaco, che martedì giocherà&nbsp;l'andata del&nbsp;quarto di finale di champions contro la Juventus, può giocare&nbsp;senza eccessivi patemi d'animo&nbsp;e far riposare pedine importanti: Heynckes potrebbe decidere di tenere a riposo Boateng, Javi Martinez e Ribery, oltre a Gomez a cui quest’anno è stato comunque spesso preferito per scelta tecnica Mandzukic. <DIV align=justify>Il Borussia Dortmund, considerati i 20 punti di distacco dalla capolista, ha poco da chiedere alla Bundesliga se non confermarsi seconda forza del campionato. Jurgen Klopp, presumibilmente,&nbsp;avvicenderà molti uomini,&nbsp;in vista della partita di mercoledì prossimo a Malaga valida per i quarti di finale di Champions League.&nbsp; </DIV> <DIV align=justify>Quantomai incerta ed entusiasmante la lotta per il quarto posto, che vede sei squadre in tre punti: Eintracht Francoforte, Schalke, Magonza, M'gladbach,Amburgo e Friburgo si giocano un posto nell'Europa che conta della prossiam stagione.</DIV> <DIV align=justify><BR>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>Giocano Oggi </DIV></DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify><STRONG>Fortuna-Bayer Leverkusen</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Augsburg-Hannover</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Stuttgart-Borussia Dortmund</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Mainz-Werder Bremen</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Freiburg-Borussia M’gladbach</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Schalke-Hoffenheim</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Bayern Munich-Hamburger</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG></STRONG>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>Giocano Domani</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify><STRONG>Wolfsburg-Norimberga</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Greuther-Eintracht</STRONG></DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-27-bayern-potrebbe-laurearsi-campione-1011374.htmSi100427901,02,03010251
1301011219NewsCalciomercatoCalciomercato Pescara, obbligatorio rilanciare Quintero20130326080239pescara, quinteroA gennaio s`è fatto avanti il Manchester UnitedIl Pescara è al lavoro per la cessione del centrocampista colombiano Juan Fernando Quintero, calciatore classe '93 eletto migliore giocatore dell'ultimo Sub-20 sudamericano. A fare il punto sul suo futuro il quotidiano Il Centro che ha rivelato i contatti continui tra il direttore sportivo Delli Carri e Riccardo Calleri, suo agente per l'Italia.<BR>Quintero ha una valutazione di dodici milioni di euro, ma bisognerà rilanciarlo nel migliore dei modi per cederlo in estate a questa cifra. Il giocatore colombiano, infatti, sta attraversando il momento più buio della stagione. Nel mese di marzo ha giocato solo pochi minuti e in questo finale di stagione ha bisogno di spazio per tornare appetibile sul mercato.<BR>A gennaio s'è fatto avanti il Manchester United, a giugno l'Inter è pronta a bussare alla porta del Pescara. Ora sta a Quintero convincere le società interessate a spendere una cifra così importante per acquistare il suo cartellino.<BR>C1007650adm001adm001quintero-6.jpgSiNpescara-obbligatorio-rilanciare-quintero-1011219.htmSiT1000095100075701,02,03030401
1311011209NewsCampionatiLega Pro, il Milazzo di Lo Monaco già retrocesso in Serie D20130325152052lega pro, milazzoIl Milazzo e’ retrocesso matematicamente in serie DIl Milazzo e’ retrocesso matematicamente in serie D! Questa è la notizia del giorno,anzi dell’anno e forse degli ultimi tre anni. Noi siamo un po’ sollevati moralmente,ma non fraintendeteci, la verità è che non ce la facevamo più a leggere le interviste di Marino,che fino al giorno prima sparlava di possibile salvezza .E’&nbsp; così ripetitivo&nbsp; che temiamo che continuerà a dire:”Ce la possiamo fare,ci mancano dieci punti,etc.”,ma speriamo che qualche giornalista di passaggio gli stacchi la spina! <br>Importa a qualcuno della retrocessione,ci chiediamo?Si è la risposta.,ma a quanti? Sicuramente a quei 4-5 tifosi,che si sono sparati 2000 Km. circa per gridare a squarciagola :” Schiavi di Lo Monaco” e poi agli altri 1500 tifosi,che ricordiamo gremire le tribune del Grotta di Polifemo negli anni passati. E’ altrettanto vero che da molto tempo le vicende del Milazzo non interessano più i media nazionali,non fanno notizia insomma. La retrocessione del Milazzo probabilmente non importerà&nbsp; più di tanto ai nostri amministratori ed imprenditori locali,che, dopo i tempi dell’on. Merlino, non se la sentono più di&nbsp; investire nel calcio,tranne poi a cavalcare la tigre,come si suol dire,in coincidenza con la campagna elettorale per catturare i voti dei tifosi e degli&nbsp; sportivi rossoblu. A conti fatti questa&nbsp; retrocessione verrà percepita con vero dolore soltanto dagli sportivi e da tutti i tifosi compresi quelli del Nord Italia,che abbiamo ritrovato in questo campionato nei tanti stadi dell’Italia Settentrionale, quando le nostre aquile sono andate a giocare in trasferta.<br>Come ormai tutti sanno,il D.G.&nbsp; ha rilasciato una lunga intervista ad un sito on-line dove ,fra le tante cose dette, si è lamentato dell’accoglienza fredda ricevuta,tanto da farli sentire degli estranei. Anzi carica la dose,parlando dei tifosi e dice:”Chi ?quei 4-5 che mi hanno gridato “schiavo di Lo Monaco”? o quei pochi neutri,che ci seguivano in casa la domenica? Direttore però metta un po’ di ordine alle sue idee: lei dice che vi sono mancati i tifosi .Ma di quali tifosi parla? I 4-5 ,di cui parlava l’anno scorso anche Ferrigno,che le hanno sventolato a Busto Arsizio la sua obbedienza cieca ed assoluta a Lo Monaco? Quei pochi “neutri”,come li chiama lei,che hanno regolarmente pagato il biglietto per poter assistere ad uno spettacolo vergognoso?o quei 1500 tifosi degli anni passati,che rappresentavano il dodicesimo uomo in campo? Penso che si riferisca a questi ultimi,no?Ma si ricorda che dalle colonne di Terminal Sport l’abbiamo invitato a chiedere perdono&nbsp; o scusa almeno a costoro? Ci lasci immaginare che lei l’avrebbe anche fatto,specialmente dopo l’esperienza di Acireale quando gli ultras l’accompagnarono fino al casello dell’autostrada per accertarsi che non ritornasse in dietro,ma ,sapendo,che Lo Monaco non avrebbe gradito l’iniziativa ,ha rinunciato .Ha fatto male ,mi creda e ,se così fosse,avrebbe tutta la nostra comprensione.<br>Nella stessa intervista il Direttore Generale non perde l’occasione per tessere le lodi dei giovani calciatori in forza al Milazzo ed in particolare di un tale Migliore,un ’95 in prestito dal Palermo.Visto che si tratta di fare previsioni su un ipotetico futuro roseo di queste giovani promesse,tranne che lei non sia andato ,magari con un pacco di zucchero,da “zia Checchina” a farsi leggere le carte,anch’io mi lancio in previsioni e ritengo che questi ragazzi,alcuni dei quali mancano dei fondamentali del calcio,sono stati mandati allo sbaraglio;non riusciranno a terminare la loro maturità calcistica e rischiano tantissimo di diventare dei disadattati del calcio non appena avranno superato l’età,che obbliga le società di Lega pro&nbsp; a farli giocare per ottenere i famosi rimborsi. Basta avere un minimo di cultura calcistica,per sapere che un ’95 di un club di serie A con doti naturali riconosciute,viene mandato a maturare al massimo in serie B e non certamente al Milazzo,ultima in classifica della 2^ Divisione di Lega Pro. Per chiudere il discorso signor D.G. i suoi campioni in erba sono titolari della squadra,che ha stabilito un record europeo: fra tutte le squadre professionistiche del continente è l’unica a non aver mai vinto! E ancora lei ci “mette paglia”? Ma ci faccia il piacere,come direbbe il mitico Totò! Ma perché tutto questo amore per i giovani non lo applica ai ragazzi della squadra Berretti? Ma chi è che fa svegliare questi ragazzi alle 4 del mattino e gli dà un panino per colazione,pranzo e cena? Ma partecipano ad un torneo di calcetto o di calcio,visto che partono regolarmente in 7 e buscano da 4 a 7 reti ad incontro? Lo sa cosa le dico?Faccia attenzione perché ci sono genitori inviperiti che parlano di “sfruttamento di minori”!<br>Un altro argomento su cui&nbsp; il D.G. ritorna, è quello del manto erboso del Grotta di Polifemo e ne parla come chi, ad esempio, per recitare al teatro Trifiletti deve pagare 450 euro a spettacolo e,udite-udite,50 euro per la pulizia ogni volta che fa anche una prova costume con le lampadine fulminate e senza talora utilizzare il&nbsp; bagno&nbsp; causa la brevità delle prova, ma lei non solo non ha mai pagato un euro per l’uso del&nbsp; Grotta di Polifemo,ma neanche del Ciantro ed in più si lamenta delle condizioni pietose del fondo ,ben sapendo che sarebbe compito suo provvedere al ripristino del tappeto erboso. Complimenti signor D.G. perchè lei sì che recita bene, non paga e passa la palla all’Amministrazione,il cui silenzio suona come&nbsp; senso di colpa nei confronti delle compagnie dilettantistiche di recitazione milazzesi. <br>Terminal Sport resta dell’opinione che già da tempo si doveva inibire l’uso delle strutture sportive ad una società,che non ci rappresenta più e che non avverte nessun rimorso di coscienza o debito di riconoscenza per la città,che gratuitamente&nbsp; gli ha messo a disposizione gli impianti.<br>Adesso veniamo alla frase incriminata,che riporto ad onor di cronaca: “Certi giornaletti locali di puro diletto e a cura di persone di misera cultura calcistica e non solo.” <br>Mi scusi se reitero il contenuto dell’articolo dell’editore dr. Smedili,ma Terminal Sport,a cui lei pensiamo faccia riferimento nell’intervista,ha finanziato di tasca sua la radiocronaca delle partite del Milazzo del campionato precedente coprendo i diritti di Lega,quasi tre mila euro, e versando altre somme di sponsorizzazione a radio Amore. Non sono “quisquilie” ,come lei sa,per un giornale a distribuzione gratuita o di puro diletto.Lo Monaco questo non gliel’ha raccontato,vero? Come non gli ha riferito che l’anno scorso il figlio ha ricevuto il premio Terminal Sport per aver conquistato i play-off nel campionato precedente,anche se lui mandò a ricevere il premio il fido segretario Raffa e il capitano b.,il cui nome non vogliamo citare per rispetto dei tifosi,davanti ad una platea rappresentata dal comandante dell’Arma dei Carabinieri,un rappresentante della Polizia di Stato,della Guardia di Finanza,della Marina Militare,magistrati,giornalisti,medici,etc.<br>Dopo averle dato queste notizie,si sentirebbe di ripetere che si tratta di “giornaletto locale di puro diletto”?&nbsp; E ancora lo sa che Terminal Sport ha organizzato quest’estate un incontro al Palazzo D’Amico, con affitto regolarmente pagato(ma la prossima volta per risparmiare lo faremo al Grotta di Polifemo),con il maestro del giornalismo sportivo nazionale Bruno Bernardi?Lei ritiene che un grande come Bruno Bernardi sarebbe venuto da Torino a Milazzo per un incontro organizzato da un giornaletto locale di puro diletto? Dica la verità,su ,se non fosse che Lo Monaco si dispiacerebbe,ci chiederebbe scusa! Per chiudere l’argomento,aggiungo che Terminal Sport ha pubblicato interviste “in esclusiva” di personaggi del calibro di Aldo Agroppi,Pietro Anastasi,Nello Santin,Enzo Di Palma,il danese ex iuventino Paulsen,Antonio Venuto,Balzaretti,Cabrini ed infine Tonino Asta,la cui ultima intervista in esclusiva rilasciata al sottoscritto si può ancora leggere sul sito ilcalcio24.it.<br>Le sembra ancora questo un giornaletto locale di puro diletto? Non credo.<br>Adesso vorrei affrontare ,possibilmente insieme a lei, se me ne desse l’opportunità in un incontro pubblico,dove possiamo confrontarci e guardarci negli occhi,l’ultima parte della frase,di cui sopra:”di misera cultura calcistica e non solo”. Vede lei avrebbe potuto raggiungere lo stesso scopo se avesse detto ad esempio:” di misera cultura calcistica ma di rispettabile cultura professionale,nel cui merito non entro”.In questo caso&nbsp; avrei potuto convenire con lei che aveva ragione, perché cultura calcistica,ma bisogna intenderci su cosa s’intende per cultura calcistica,potremmo non averne&nbsp; granchè, in quanto ci siamo interessati di altro nella nostra vita.Ma lei ha voluto strafareed ha fatto un’aggiunta :”e non solo”.Evidentemente non l’hanno informato per niente.<br>Come lei sa ,chi scrive è un medico,che per più di trent’anni ha aperto la pancia di migliaia di persone e, se non ci fosse la cultura oltre la tecnica,questo lavoro non te lo fanno fare ma ti fermano prima i pazienti e poi i magistrati. D.G. mi ha conosciuto però come medico sociale del Milazzo,ma,a differenza di lei,non ho mai chiesto né ricevuto alcun compenso.Sono stato a Norcia in ritiro con la squadra pagandomi il viaggio di andata e ritorno ed ho acquistato fin da allora i farmaci per i giocatori di tasca mia. Ho fatto eseguire presso un centro di alta professionalità di Messina i test d’idoneità agonistica ad un centinaio di atleti;test che non mi risulta siano stati pagati,rimettendoci la faccia con i colleghi e la benzina per accompagnare tutti questi giocatori presso il centro da Milazzo.Potrei raccontarle di medici sportivi,ben noti dalle nostre parti e dalle sue,che non sottopongono i ragazzi alla spirometria,esame fondamentale per l’idoneità, e ,si stappi le orecchie, neanche all’ecg da sforzo con cyclette, ma fanno tutto” in famiglia”. Del resto lei può chiedere ai componenti del suo staff,che mi conoscono e mi riferisca anche in un confronto pubblico il loro giudizio sulla&nbsp; professionalità dimostrata in questa breve esperienza,che,tengo a precisare,non mi appartiene, in quanto sono un chirurgo prestato allo sport ed ho voluto rispondere ad una chiamata per amore della mia squadra. Questo però non mi basta. Mi dica lei adesso che titolo di studio possiede:licenza elementare?scuola media?diploma di istruzione secondaria?laurea? Mi mandi però la copia via fax del titolo di studio perché in Italia abbiamo&nbsp; avuto candidati a premier ,che si sono inventati una laurea. Inoltre mi pare corretto sapere che lavoro fa, perché io faccio il medico e lei?Non&nbsp; mi dica nessun lavoro tranne questo ., perché dal 12 Maggio lei rischia di stare a spasso e non confidi troppo su Lo Monaco, perché anche lui è a spasso e rischia di rimanerci per un bel po’. Direttore Generale per favore non ci confonda con altri medici sportivi,che in occasione di partite chiacchierate spuntano all’allenamento infrasettimanale con&nbsp; Suv nuovi di zecca. Noi da professionisti seri all’arrivo in forza dei Lo Monaco nella società,ce ne siamo andati in punta di piedi ,come eravamo arrivati. Non abbiamo chiesto di essere remunerati per la nostra attività e per le spese sopportate,ma siamo contenti ugualmente perché abbiamo vissuto un sogno e tale deve rimanere.Il sogno si è però infranto domenica per i tanti tifosi e i pochi giornalisti,a cui prude un po’ la coscienza per non avervi mai saputo rinfacciare le innumerevoli bugie,di cui avete riempito i loro articoli. Pazienza.”Domani è un altro giorno” disse Rossella&nbsp; O ‘Hara a Clark Gable in “Via col Vento” e per i tifosi delle aquile rossoblu il domani è già cominciato e forse qualcuno comincia già a tremare al pensiero della loro vendetta.<br>Per concludere ,caro Direttore generale,se accetterà l’invito a pranzo del nostro editore,stia pure tranquillo che&nbsp; io non ci sarò perché a tavola voglio digerire e lei ,per me, è come un peso grosso sullo stomaco,che non riuscirei mai mandar giù.Il nostro editore?Boh,lui forse ha lo stomaco di ferro!!!<br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br>Attilio Andriolo<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>adm001adm001milazzo.jpgSiNlega-pro-il-milazzo-di-lo-monaco-gia-retrocesso-in-serie-d-1011209.htmSi100075701,02,03030277
1321011196NewsCampionatiRio 2014: A Malta nazionale con formazione bicolore: 6 juventini, 5 rossoneri20130325143652Nazionale, Rio 2014, Malta, PrandelliGiorno di vigilia, in casa Italia. A poche ore dalla delicata sfida di domani contro Malta, Prandelli sceglie accuratamente i suoi, per portare a casa 3, fondamentali, punti in ottica Rio 2014.Giorno di vigilia, in casa Italia. A poche ore dalla delicata sfida di domani contro Malta, Prandelli sceglie accuratamente i suoi, per portare a casa 3, fondamentali, punti in ottica Rio 2014. Senza <strong>Chiellini</strong>, la difesa è obbligata, con un solo dilemma sulla destra che riguarda Maggio e Abate, con il rossonero favorito. <strong>Sulla sinistra De Sciglio in pole, con Bonucci e Barzagli al centro davanti a Buffon.</strong> A centrocampo potrebbe esser risparmiato De Rossi a vantaggio di Marchisio, con Montolivo 'retrocesso' nel prediletto ruolo di mezzala, a destra di Pirlo. Il vero ballottaggio riguarda la presenza di uno tra Cerci e Giaccherini con Balotelli ed El Shaarawy, con il bianconero favorito, stando alle parole del C.T. di poco fa: <em>"Non siamo ancora pronti per il modulo a tre attaccanti. La formazione non la do perché ho un dubbio Giaccherini-Cerci".</em> Poi una notazione sulle condizioni meteo, che rischiano di compromettere la gara: <em>"a Malta c'è molto vento e se le condizioni restano queste, si rischia di non poter atterrare".</em><br><br>Malta, però, non sarà sfida meno ostica di quella di giovedi:<em> "Quando ho detto che Malta è più organizzata del Brasile non volevo offendere il Brasile ma semplicemente dire che sono molto bene organizzati e chiusi. Potrebbe essere una partita semplice se noi saremo bravi nel creare spazi. Questa squadra è come una squadra di club, abbiamo grande considerazione di loro. Contano i punti: può andar bene anche un 1-0, dipende anche da come lo ottieni".</em><br><br>Se tutto prosegue nella direzione dell'allenamento odierno, quindi, conferme per Giaccherini sulla trequarti, a far movimento. Se così fosse, per la Nazionale si tratterebbe d'un caso abbastanza anomalo, <strong>cui s'era maggiormente abituati negli anni '90: gli azzurri in campo domani sarebbero di sole due squadre, Milan (5) e Juventus (6).</strong><br><br>GP01CTGP01CTcesare-prandelli.jpgSiNnazionale-rio-2014-malta-prandelli-1011196.htmSi101114901,02,03,06,07010243
1331011100NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, nel mirino Papiss Cissé20130321114131lazio, cisséPapiss Demba Cissè è un attaccante senegalese Come riporta Il Corriere dello&nbsp; Sport Lazio e Napoli hanno in comune il fatto di appoggiarsi, per finalizzare la loro manovra, a due grandi bomber. Cavani è il classico centravanti in grado di 'fare reparto da solo'. Una punta di classe e potenza che sa trattare la palla, spaziare su tutto il fronte dell'attacco ed essere letale nella finalizzazione. Klose, per tanti anni, è stato visto essenzialmente come uomo d'area. Un formidabile cannoniere, decisivo negli ultimi metri, dove ha sempre saputo far valere il suo grande istinto e le sue invidiabili doti acrobatiche. Nella sua 'versione romana', però, ha dimostrato di essere diventato anche un giocatore in grado di parecipare alla manovra di squadra, dando profondità e creando spazi per i compagni.<br><br>ALTERNATIVE CERCASI - Un'altra situazione in comune tra Lazio e Napoli è la sostanziale mancanza di alternative di grande livello ai questi due bomber. La Lazio - perso a lungo Klose per infortunio, nonostante la buona vena di Floccari - ha sempre patito, quando non ha potuto schierare il tedesco. Ancora peggio è andata al Napoli che, quando ha dovuto fare i conti con l'astinenza da gol di Cavani, non ha avuto alternative credibili (Calaiò non ha mai inciso) al centro dell'attacco.<br><br>Papiss Demba Cissè è un attaccante senegalese di 27 anni in forza al Newcastle. La sua carriera è contraddistinata da un dato iconfutabile: l'incredibile numero di reti sempre messe a segno, tra Senegal, Francia, Germania e Inghilterra. In patria (giocando nel Douanes Dakar) ha fatto 23 gol in 26 gare. In Francia (tra Metz e le stagioni in prestito allo Cherbourg e allo Chateauroux) vanta un record di 138 presenze con 51 reti. In due stagioni e mezza al Friburgo ha giocato per 65 volte e segnato per 37. Addirittura, nel 2011, è stato vicecapocannoniere della Bundesliga (dietro a Gomez) e ha stabilito il record come giocatore africano più prolifico in Germania. Nel gennaio 2012, il passaggio al Newcastle. Nuovamente 'col botto': gol all'esordio e 9 reti nelle prime 8 partite (numerosi record del club battuti o eguagliati). Stagione chiusa con 13 segnature in 14 match disputati. Quest'anno, complice l'annata sfortunata della 'Toon Army', sta andando meno bene (è fermo a 7 gol in Premier, più 2 in Europa League).<br><br>C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-nel-mirino-papiss-cisse-1011100.htmSiT1000018100075701,02,03030335
1341011089NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, il Wolfsburg vuole Dzemaili20130320171028napoli, dzemailiIl Wolsburg è pronto a fare spese in ItaliaIl Wolsburg è pronto a fare spese in Italia: secondo Sky il club della Bundesliga segue diversi centrocampisti italiani. Tra questi Nainggolan del Cagliari e Kucka del Genoa. Ma tra i nomi più 'fattibili' c'è soprattutto quello di Dzemaili, che sarebbe anche stato osservato dal club tedesco. C1007650adm001adm001dzemaili.jpgSiNnapoli-il-wolfsburg-vuole-dzemaili-1011089.htmNoT1000017100075701,02,03030231
1351011070NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Blanc e Lucescu insidiano Stramaccioni20130320113724inter, stramaccioniSecondo quanto riporta TuttosportSecondo quanto riporta Tuttosport, dopo la riconferma incassata in seguito alla vittoria contro il Tottenham, il futuro di Andrea Stramaccioni sulla panchina dell'Inter per la prossima stagione continuerebbe ad essere tutt'altro che scontato. Massimo Moratti, mentre spera di vedere il giovane tecnico guidare la squadra alla conquista di un posto in Champions League, tiene caldi i nomi di tre nomi di primo piano per la panchina del futuro nerazzurro. Il primo è Mircea Lucescu, attuale tecnico dello Shakthar, che piace e non poco nonostante le smentite di rito. Poi c'è Luciano Spalletti, impegnato in Russia con lo Zenit, che però sembra essere vicino ad un divorzio per poter tornare in Italia o magari nella Liga spagnola. L'ultimo nome è Laurent Blanc, libero da ogni impegno e pronto in ogni momento a buttarsi nuovamente nella mischia. <br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-blanc-e-lucescu-insidiano-stramaccioni-1011070.htmSiT1000026100075701,02,03030433
1361011013NewsCalcio EsteroLiga, 28a giornata: Barça ne rifila 3 al Rayo. Primo centro in Liga per Acquafresca20130318103121Liga spagnola28a giornataDopo un breve periodo di appannamento risolto con l'aver eliminato il Milan dalla corsa alla Champions, nella 28/a giornata della Liga il Barça&nbsp;diverte al “Camp Nou” anche contro il Rayo Vallecano. 3-1 dei&nbsp;catalani con reti di Villa e doppietta di Messi. Blaugrana, quindi,&nbsp;che toccano quota 74 punti a +13 dal Real Madrid mentre l’argentino con questa doppietta sale a quota 42 gol in 28 partite. Torna&nbsp;a vincere l’Atletico Madrid grazie ad una doppietta di Diego Costa, passando in casa dell’Osasuna e&nbsp;riportandosi a -1 dal secondo posto occupato da cugini del Real. 2-0 è anche il risultato con il quale l’Espanyol espugna a sorpresa&nbsp;la “Rosaleda” di Malaga con le firme di Colotto e Sergio Garcia. Catalani che volano a quota 35 a +11 dal terzultimo posto e con la quasi salvezza in tasca. Il Malaga, invece, dopo le fatiche positive di Champions League, scivola al sesto posto scavalcato da Sociedad e Valencia. Unico pareggio di giornata quello tra il Granada e il Levante. Padroni di casa avanti con il calcio di rigore trasformato da Siqueira e raggiunti dalla rete dell’italiano Robert Acquafresca,&nbsp;al suo primo&nbsp;gol in Spagna.<br><br>Tutti i gol su: <a href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</a><br><br>Giocata Venerdì<br><br><strong>Deportivo La Coruna-Celta Vigo 3-1&nbsp;&nbsp; 9′ Riki-64′ Silvio-79′ Salomao(D) - 80′ Park (C)</strong><br><br>Giocate Sabato<br><br><strong>Real Sociedad-Valladolid 4-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 33′-44′ Griezmann-39′ Aguirrexe-48′ Xavi Prieto(R) - 87′ Guerra (V)</strong><br><br><strong>Getafe-Athletic Bilbao 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 7′ Borja</strong><br><br><strong>Real Madrid-Maiorca 5-2&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 6′ Nsue-21′ Alfaro(M) - 15′-57′ Higuain-52′ C. Ronaldo-54′ Modric-91′ Benzema(R)</strong><br><br><strong>Valencia-Real Betis 3-0&nbsp;&nbsp; 16′ rig. Soldado-85′ Autogol&nbsp;Paulao-91′ Jonas</strong><br><br>Giocate Ieri<br><br><strong>Malaga-Espanyol 0-2&nbsp;&nbsp; 49'Colotto-65'Garcia</strong><br><br><strong>Siviglia-Real Saragozza 4-0&nbsp;&nbsp; 28′-52′ Koke-63′ Reyes-68′ Negredo</strong><br><br><strong>Osasuna-Atletico Madrid 0-2&nbsp;&nbsp; 35′-48′ Diego Costa</strong><br><br><strong>Granada-Levante 1-1&nbsp;&nbsp; 32′ Siqueira(G) -&nbsp;50′ Acquafresca (L)</strong><br><br><strong>Barcellona-Rayo Vallecano 3-1&nbsp;&nbsp; 25′ Villa-40′-57′ Messi (B) - 70′ Tamudo (R)</strong><br><br><strong>Classifica</strong><br><br>1)Barcellona 74<br>2)Real Madrid 61<br>3)At.Madrid 60<br>4)Real Sociedad 47<br>5)Valencia 45<br>6)Malaga 44<br>7)Betis 43<br>8)Getafe 42<br>9)Rayo 41<br>10)Siviglia 38<br>11)Levante 37<br>12)Valladolid 35<br>13)Espanyol 35<br>14)At.Bilbao 32<br>15)Osasuna 28<br>16)Granada 28<br>17)Real Saragozza 26<br>18)Maiorca 24<br>19)Celta 23<br>20)Deportivo 20<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><strong><br></strong><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-28-barcellona-batte-rayo-primo-centro-per-acquafresca-1011013.htmSi100427901,02,03,07010225
1371011005NewsCalcio EsteroBundeliga, 26a giornata: Manita del Dortmund, Bayern corsaro a Leverkusen20130317113515Bundesliga26a giornataIl match clou della 26/a giornata di Bundesliga, quello tra la capolista Bayern Monaco e il Bayer alla “BayArena” di Leverkusen, se lo aggiudicano i bavaresi, che liquidano 2-1 i rossoneri. Il Borussia Dortmund&nbsp;ritrova continuità&nbsp;travolgendo al “Westfalenstadion” il Friburgo, alla deriva ormai dopo un inizio di 2013 al top, consolidando il secondo posto alle spalle degli irraggiungibili bavaresi. Lewandowski e Sahin, doppietta per entrambi, più la rete di&nbsp; Bittencourt rimontano l’iniziale vantaggio ospite.&nbsp;Debacle clamorosa dello Schalke, che in Baviera viene schiantato 3-0 dal Norimberga. Una sconfitta pesante e inaspettata, che potrebbe pregiudicare la corsa al quarto posto di Huntelaar e compagni. Sorride, invece, l’Augsburg, capace di espugnare di misura Amburgo e di allungare sulla zona retrocessione diretta, dove stazionano invece, l’Hoffenheim e l’ormai spacciato Greuther Furth, entrambi costretti al pari.<br><br> Venerdì<br><br> <STRONG>Wolfsburg-Fortuna Dusseldorf 1-1&nbsp;&nbsp; 37′ Bolly(F) - 52′ Olic (W)</STRONG><br><br> Giocate Ieri<br><br> <STRONG>Borussia Dortmund-Friburgo 5-1 28′ Schmid(F) - 41′-45′ Lewandowski-44′ e 72′ Sahin-78′&nbsp; Bittencourt (B)</STRONG><br><br> <STRONG>Amburgo-Augsburg 0-1&nbsp; 8′ Callsen-Bracker </STRONG><br><br> <STRONG>Hoffenheim-Mainz 0-0</STRONG><br><br> <STRONG>Norimberga-Schalke 04 3-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 31′ Feulner-69′Esswein-87′ Frantz</STRONG><br><br> <STRONG>Werder Brema-Greuther Furth 2-2&nbsp;&nbsp; 47′ -70′ rig.Hunt (W) - 52′ Fürstner -62′ Fustner (G)</STRONG><br><br> <STRONG>Bayer Leverkusen-Bayer Monaco 1-2&nbsp;&nbsp; 37′ Mario Gomez -87′ aut.Wollscheid(BM) - &nbsp;75′Rolfes (BL)</STRONG><br><br> Oggi<br><br> <STRONG>Eintracht Francoforte-Stoccarda<BR>Borussia Monchengladbach-Hannover<BR></STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-26-manita-dortmund-bayern-corsaro-a-leverkusen-1011005.htmSi100427901,02,03010201
1381011004NewsCalcio EsteroLiga, 28a giornata: Real scatenato. Tris del Valencia20130317110956Liga spagnola28a giornataDopo la vittoria del Deportivo La Coruna nell’anticipo della 28/a giornata della Liga, nel sabato di calcio&nbsp;iberico arrivano&nbsp;16 reti nelle quattro&nbsp;partite disputate. Il Real Madrid di José Mourinho prova subito la fuga per il secondo posto distanziando l’Atletico Madrid e travolgendo 5-2 al “Bernabeu” il Maiorca. Secco 3-0 per il Valencia che vince lo scontro diretto per l’Europa contro il Real Betis grazie alle reti di Soldado, Jonas e autogol di Paulao portandosi al quinto posto in classifica e solo a due punti dalla sorprendente Real Sociedad. I baschi di san Sebastian ne rifilano quattro al Valladolid con doppietta di Griezmann, Aguirretxe e Xavi Prieto e si portano a +3 sul Malaga impegnato oggi contro l’Espanyol. Successo di misura del Getafe sull’Athletic Bilbao, che consente alla terza squadra di Madrid di portarsi a -4 dal quarto posto.<BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Deportivo La Coruna-Celta Vigo 3-1&nbsp;&nbsp; 9′ Riki-64′ Silvio-79′ Salomao(D) - 80′ Park (C)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Valladolid 4-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 33′-44′ Griezmann-39′ Aguirrexe-48′ Xavi Prieto(R) - 87′ Guerra (V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Athletic Bilbao 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 7′ Borja</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Maiorca 5-2&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 6′ Nsue-21′ Alfaro(M) - 15′-57′ Higuain-52′ C. Ronaldo-54′ Modric-91′ Benzema(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Betis 3-0&nbsp;&nbsp; 16′ rig. Soldado-85′ Autogol&nbsp;Paulao-91′ Jonas</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Malaga-Espanyol<BR>Siviglia-Real Saragozza<BR>Osasuna-Atletico Madrid<BR>Granada-Levante<BR>Barcellona-Rayo Vallecano</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411GONZALO-HIGUAIN580.jpgSiNliga-giornata-28-manita-real-tris-valencia-1011004.htmSi100427901,02,03010177
1391010986NewsCampionatiLazio, Petkovic: «Lotteremo per la Champions League»20130316125844lazio, petkovicSi è conclusa da poco la conferenza stampa del tecnicoSi è conclusa da poco la conferenza stampa del tecnico della Lazio Vladimir Petkovic alla vigilia dell'importante match di campionato contro il Torino.<br><br> E' il momento di tornare a vincere in trasferta...<BR>"Avversario in forma, ma dobbiamo smettere con le chiacchiere, dobbiamo dimostrare con i fatti di voler ottenere questi tre punti".<br><br> Ha capito perché la Lazio vola in Europa, mentre in campionato non stanno arrivando i risultati?<BR>"Ci sono due diversi tipi di approccio al calcio. In Italia si gioca fino alla morte, non ci sono partite facili. A volte bisogna avere uno scatto, segnare per primi per ottenere punti. Non siamo fortunati ultimamente, ma ogni squadra ha avuto periodo negativi. L'importante è ricominciare insieme a fare punti".<br><br> Scelte obbligate in questo momento?<BR>"Ieri l'infortunio di Floccari, non ci voleva in questo momento. Spero dopo la pausa di recuperare la maggior parte di questi giocatori. Sono due mesi che facciamo fatica in campionato, anche per questi giocatori infortunati, non solo muscolarmente ma anche in maniera fortuita".<br><br> Orgoglioso per il fatto che la Lazio è l'unica ancora in lotta su tre fronti?<BR>"Sicuramente, cerco di trasmetterlo sempre, ma questo messaggio ancora non è arrivato in lungo e largo. Dobbiamo fare di più per puntare su tutti e tre fronti, tutto è aperto, ma ci vogliono tanta convinzione, tanta energia per ottenere i risultati".<br><br> Saha in condizione, anche per giocare dall'inizio?<BR>"Eventualmente, è migliorato sicuramente, ma non ha abbastanza minuti per reggere 90 minuti. Devo valutare domani: chi c'è c'è, chi non c'è speriamo arrivi presto".<br><br> Mauri insieme a Ederson o staffetta?<BR>"Possono anche iniziare tutti e due dalla panchina. Mauri non è al meglio della condizione, anche gli altri giocatori che tornano hanno bisogno di tempo per tornare in condizioni ottimali. Ha aiutato la squadra per un'ora, da questa partita in avanti può solo crescere".<br><br> Paragone tra Turchia e Italia?<BR>"Differenza ma anche somiglianze, si parla sempre di calcio, si è sanguigni allo stesso modo. La differenza è che là giocano tutti con il 4-2-3-1, in Italia c'è più qualità. Ma loro stanno investendo, come il Galatasaray. A me ha dato tantissimo, mi è servito molto anche qui alla Lazio".<br><br> Consiglio a Kozak per sbloccarsi in campionato?<BR>"Più convinzione, in Italia si gioca più fisicamente, bisogna liberarsi negli spazi con il movimento. Ha qualità, deve imporsi anche in campionato".<br><br> Difficoltà dal punto di vista tattico contro il Torino?<BR>"Niente di nuovo. Rispetto all'amichevole di Auronzo giocherà allo stesso modo, sicuramente con più convizione, hanno ottenuto 5 risultati utili nelle ultime partite casalinghe. Può cambiare chi gioca in attacco, ma è un avversario forte, che all'inizio faceva meglio fuori casa, ma ora gicoa sullo stesso livello anche in casa. Dobbiamo fare attenzione alle loro ripartenze".<br><br> Tre punti fondamentali per il terzo posto?<BR>"Non sono un profeta, cerchiamo di ottenere questi tre punti fondamentali per rimanere in maniera attiva in lotta per terzo e secondo posto. Se le squadre che sono dietro di noi ci credono, anche noi allora possiamo crederci. Guardiamo partita dopo partita e cerchiamo di vincere sempre".<br><br> Per Ederson conterà anche la condizione del campo domani?<BR>"Dipende dalla condizione del giocatore, non solo da quella del terreno. Se nevicasse dovrei togliere diversi giocatori, ma abbiamo dimostrato di essere camaleontici. Il campo non c'entra, c'entra la testa".<br><br> L'Europa peserà sulla partita di domani?<BR>"Sicuramente sì, per questo bisogna dare di più a livello mentale".<br><br> Si aspettava un girone di ritorno così?<BR>"Tutti hanno perso punti, sennò tante squadre erano davanti a noi di molti punti. Si vedrà alla fine".<br><br> Ancora Lazio nel futuro, si sente di tranquillazzare su questo?<BR>"Io sono tranquillo, la società pure e devono esserlo i tifosi. Stiamo facendo bene, sicuramente prossimamente faremo tutto per stare bene".<br><br> Il derby di lunedì può essere un problema?<BR>"No, magari c'è qualche difficoltà per chi arriva da fuori. Un derby non può condizionare niente, il derby rimane derby".<br><br>C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-petkovic-lotteremo-per-la-champions-league-1010986.htmNoT1000018100075701,02,03030166
1401010833NewsCalcio EsteroLiga 27a giornata: il Real non si ferma più, ora è secondo20130311104559Liga27a giornataNella domenica della 27a giornata della Liga spagnola il mattatore assoluto è Cristiano Ronaldo, trascinatore del Real Madrid che passa anche in casa del Celta di Vigo per 2-1 grazie alla doppietta del portoghese. La formazione di José Mourinho supera in classifica i cugini dell’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone, che clamorosamente perdono in casa 1-0 contro la Real Sociedad con gol di Xavi Prieto. Un ko che costa, dunque, la seconda posizione ai Colchoneros. Il Valencia fallisce l’attacco al quarto posto in classifica perdendo 1-0 in casa dell’Athletic Bilbao che, dopo tre sconfitte di fila, torna al successo grazie alla rete di Iker Munian. Bilbao che sale a quota 32 in classifica mettendo ben 8 punti di vantaggio sul terzultimo posto. Stesso discorso per il Levante che&nbsp;pareggia in casa 0-0 con il Getafe e fallisce l’opportunità di ritornare in corsa per un posto in Europa.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Athletic Bilbao-Valencia 1-0&nbsp;&nbsp; 77'Muniain</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Getafe 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Real Madrid 1-2&nbsp;&nbsp; 61'-71'Ronaldo(R) - 63'Aspas(C)</STRONG><BR><BR><STRONG>Atletico Madrid-Real Sociedad 0-1&nbsp;&nbsp; 53'Prieto<BR></STRONG><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Real Betis-Osasuna 2-1&nbsp;&nbsp; 19′ Molina-79′ Castro(R) - &nbsp;77′ Silva(O)<BR><BR></STRONG>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Rayo Vallecano-Espanyol 2-0&nbsp;&nbsp; 9′ Dominguez-77′ Piti<BR><BR>Valladolid-Malaga 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 8′ Demichelis(M) - 41′ Manucho(V)<BR><BR>Barcellona-Deportivo La Coruna 2-0&nbsp;&nbsp; 38′ Sanchez-8′ Messi <BR><BR>Maiorca-Siviglia 2-1&nbsp;&nbsp; 16′-66′ Alfaro(M) - 61′ Negredo (S)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Granada</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 71<BR>2)Real Madrid 58<BR>3)At.Madrid 57<BR>4)Malaga 44<BR>5)Real Sociedad 44<BR>6)Betis 43<BR>7)Valencia 42<BR>8)Rayo 41<BR>9)Getafe 39<BR>10)Levante 36<BR>11)Valladolid 35<BR>12)Siviglia 35<BR>13)At.Bilbao 32<BR>14)Espanyol 32<BR>15)Osasuna 28<BR>16)Granada 26<BR>17)Real Saragozza 25<BR>18)Maiorca 24<BR>19)Celta 23<BR>20)Deportivo 17<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-27-il-real-non-si-ferma-piu-ed-e-secondo-1010833.htmSi100427901,02,03010176
1411010823NewsCalcio EsteroLiga, 27a giornata:il Barça liquida il deportivo in vista del Milan20130310110435Liga spagnola27a giornataDopo il successo per 2-1 del Real Betis nell’anticipo del venerdì,&nbsp;ieri sera il Barcellona ha liquidato il Deportivo con il più classico dei risultati nella 27/a giornata della Liga spagnola. Di Sanchez e Messi le due marcature catalane che rafforzano ancor di più il primo posto in classifica. Non va oltre l’1-1, invece, il Malaga di Manuel Pellegrini che impatta in casa del Valladolid e si porta a +1 sul Betis quinto in classifica con il Valencia pronto a fare il colpaccio, ad ora di pranzo a Bilbao, ed&nbsp;agguantare così il quarto posto. <BR>Nelle altre due sfide il Rayo Vallecano regola 2-0 l’Espanyol con i gol di Dominguez e Piti. Una sconfitta indolore per i catalani ormai lontani dalla zona rossa della classifica mentre per il Rayo si tratta di tre punti&nbsp;vitali, che permettono ai biancorossi di accorciare a -3 dal quarto posto che vale a fine stagione la Champions League. Infine, colpo di coda del Maiorca che batte 2-1 il Siviglia con la doppietta di Alfaro e si porta a -1 dal Real Saragozza quart’ultimo. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Real Betis-Osasuna 2-1&nbsp;&nbsp; 19′ Molina-79′ Castro(R) - &nbsp;77′ Silva(O)<BR><BR></STRONG>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Rayo Vallecano-Espanyol 2-0&nbsp;&nbsp; 9′ Dominguez-77′ Piti<BR><BR>Valladolid-Malaga 1-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 8′ Demichelis(M) - 41′ Manucho(V)<BR><BR>Barcellona-Deportivo La Coruna 2-0&nbsp;&nbsp; 38′ Sanchez-8′ Messi <BR><BR>Maiorca-Siviglia 2-1&nbsp;&nbsp; 16′-66′ Alfaro(M) - 61′ Negredo (S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Giocano Oggi</STRONG><BR><BR><STRONG>Athletic Bilbao-Valencia</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta Vigo-Real Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Atletico Madrid-Real Sociedad<BR></STRONG><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-27-barcellona-batte-deportivo-1010823.htmSi100427901,02,03010195
1421010821NewsCalcio EsteroBundesliga, 25a giornata: Bayern vince in rimonta e si porta a +2020130310102512Bundesliga25a giornataNella 25a giornata di Bundesliga tutto secondo pronostico eccetto per i due gol subiti a domicilio dalla capolista Bayern Monaco, che comunque&nbsp;vince, anche se in rimonta,&nbsp;la decima gara consecutiva del 2013. A centrare la piccola e inutile&nbsp;impresa è&nbsp;stato il&nbsp;Fortuna Dusseldorf, che passa addirittura in vantaggio, prima di cedere 3-2 contro&nbsp;il carroarmato&nbsp;bavarese. Titolo&nbsp;sempre più nelle mani del Bayern, visto che le “antagoniste” principali cadono entrambe in trasferta. Il Borussia Dortmund perde il sentitissimo derby della Ruhr contro lo Schalke 04, che dopo&nbsp;un mungo momento buio&nbsp;rivede la luce; in rete&nbsp; l’ex milanista Huntelaar. Sconfitta di rigore, invece, per il Bayer Leverkusen, punito a Mainz da Ivanschitz. In seguito a questi risultati, il Bayern Monaco vola a più 20 e più 21 su gialloneri e aspirine. C’è anche la firma dell’ex juventino Diego nella goleada con cui il Wolfsburg spazza via in trasferta il Friburgo per 5-2.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Augsburg-Norimberga 1-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 21′ Kiyotake-54′ Esswein (N) -&nbsp;36′ Werner (A)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Fortuna Dusseldorf 3-2&nbsp;&nbsp; 16′ Bolly-71′ Lambertz (F) -&nbsp;45 Muller-74′ Ribery-86′ Boateng (B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Wolfsburg: 2-5&nbsp;&nbsp;&nbsp; 2′ Kruse-65'Flum(F) - 7′ Kjaer-16′ Vieirinha-22′ e 49′ Olic-90′ Diego (W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther Furth-Hoffenheim 0-3&nbsp;&nbsp; 10′ Firmino-16′ Jesulo-50′ Weis</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Bayer Leverkusen: 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 61′Ivanschitz</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke 04-Borussia Dortmund: 2-1&nbsp;&nbsp; 12′ Draxler-25′ Huntelaar(S) -&nbsp; 59′ Lewandowski (B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia Monchengladbach-Werder Brema 1-1&nbsp;&nbsp; 72'Mlapa(B) - 77'Ignjovski(W)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi&nbsp;<BR><STRONG>Hannover-Eintracht Francoforte<BR>Stoccarda-Amburgo<BR></STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-25-bayern-vince-in-rimonta-e-si-porta-a-piu-20-1010821.htmSi100427901,02,03010209
1431010802NewsCampionatiDall`Inghilterra l`elogio per la famiglia Pozzo: hanno fatto rinascere Udinese, Granada e ora il Watford20130308164142udinese, granada, watfordSu sport.co.uk si elogia e sottolinea gli aspetti positivi della politica dei Pozzo Su sport.co.uk si elogia e sottolinea gli aspetti positivi della politica dei Pozzo. Così scrive il collega inglese Harry Price.<br>"In un'epoca in cui i club sono messi sotto forte pressione finanziaria e proprietari e dirigenti non sembrano comprendere la necessità di avere in squadra giocatori decenti al fine di raggiungere i loro obiettivi, un tipo di presidente diverso, che ha girato un po', arriva sulla scena in Inghilterra e offre al suo club la possibilità di realizzare le cose grazie ad un metodo alternativo: questo è il curioso caso del Watford e, nello specifico, della famiglia Pozzo.<br>La famiglia Pozzo, capeggiata dall'imprenditore italiano Gianpaolo Pozzo, è proprietaria di tre squadre diverse (Udinese in Italia, Granada in Spagna e Watford in Inghilterra), diverse non solo geograficamente, ma anche nella mentalità e, nonostante le differenze, le tre squadre di Pozzo lavorano insieme in armonia, al fine di raggiungere il successo su tutti e tre i fronti: l'Udinese per i successi in Serie A, ottenendo la qualificazione europea in numerose occasioni; il Granada ha avuto successo nei campionati spagnoli, passando dal baratro della distruzione nel terzo livello del calcio spagnolo fino alle promozioni che li hanno portati in Liga dopo un'assenza 35 anni, e sono anche riusciti a mantenere la categoria. E ora, il Watford sembra destinato a seguire le loro orme. E il segreto della famiglia Pozzo? Beh, non c'è nessun grande segreto, solo una oganizzazione che permette ai giocatori di muoversi in prestito nella rete dei club in modo da ottenere per i club i giocatori di cui hanno bisogno, e per i giocatori ciò che serve loro, cioè giocare.<br>Ma la famiglia Pozzo non è nuova a questo tipo di gioco: Gianpaolo ha rilevato la sua Udinese nel 1986 e da allora con l'Udinese ha compiuto un cammino incredibile che l'ha fatto superare scandali e calcio-scommesse, la Serie B e l'ha portata alla Champions League. Per fare questo Gianpaolo non ha mai speso cifre folli per i giocatori, ma ha ottenuto i grandi traguardi investendo nel sistema di scouting che ha trovato alcuni dei migliori giovani talenti in tutto il mondo; questi giocatori sono stati presi a buon mercato e fatti crescere per aiutare la squadra a migliorarsi. Alcuni di questi acquisti intelligenti rispondono ai nomi di Sulley Muntari, Alexis Sanchez, Gokhan Inler, David Pizarro, Fabio Quagliarella e Vincenzo Iaquinta.<br>L'Udinese è la società base dei Pozzo e attraverso i loro acquisti mirati è stato reso possibile creare la rete di giocatori di cui adesso possono beneficiare anche Granada e Watford: questa è la mentalità di quest'uomo.<br>Per questo, davvero non vedo come ciò che la famiglia Pozzo sta facendo possa essere dannoso per il calcio: loro stanno aiutando tre squadre diverse a sopravvivere, competere e raggiungere risultati. La famiglia Pozzo è criticata per questo, quando i proprietari di altri club spendono oltre quelle che sono le loro possibilità o usano i loro club per finanziare il proprio conto in banca, ma non vengono messi in discussione dal mondo del calcio.<br>Sicuramente, il mondo del calcio dovrebbe essere grato che bravi proprietari che vogliono davvero aiutare i club a crescere come fa la famiglia Pozzo esistono ancora. Invece di criticarli per il loro metodo alternativo".<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001udinese-arsenal-champions-league-2012-di-natale.jpgSiNdall-inghilterra-l-elogio-alla-famiglia-pozzo-hanno-fatto-rinascere-udinese-granada-e-ora-il-watford-1010802.htmSiT1000011100075701,02,03030661
1441010763NewsCalcio EsteroChampions League, quanta pressione sul Barcellona!20130307112713Barcellona-MilanBarça sotto pressioneA Barcellona è iniziato il conto alla rovescia, che porterà dritto alla sfida di martedì prossimo contro il Milan. E' un compito difficile, persino per quello che fino a un paio di settimane fa era il dream team del calcio; ma si sa,&nbsp;lo sport&nbsp;non fa sconti a nessuno soprattutto in assenza di risultati. Anche i bambini sanno che rimontare uno 0-2 ad una squadra italiana è un compito pieno di difficoltà e da queste parti gli italiani siamo guardati con timoroso rispetto anche quando gli spagnoli cercano di esorcizzarci&nbsp;deridendoci per il "catenaccio".<BR>Il Barcellona, dunque, si prepara alla grande impresa ma lo fà in un momento delicatissimo.<BR>La vittoria del Real Madrid all'Old Trafford di Manchester e la susseguente qualificazione ai quarti mettono ancora più pressione agli azulgrana.<br><br> Ed è paradossale come il Dream Team Barcellona, che è solito giocare solo per se stesso, adesso si ritrovi a sbirciare i risultati&nbsp;dei rivali di sempre. Un'eliminazione dalla Champions lascerebbe un Camp Nou desolato e desolante e ai catalani resterebbe solo la Liga,&nbsp;praticamente&nbsp;vinta già a Dicembre, quasi la stagione scorsa, e proprio per questo non riuscirebbe a compensare l'onta di un'eliminazione ad opera del Milan. E' proprio qui che entra in gioco il Real Madrid. Le Merengues non hanno alcuna chance in campionato e in compenso hanno la possibilità di vincere la coppa del re. Inoltre in questo momento della stagione, non solo sono entrate tra le 8 più forti d'Europa, ma hanno anche la concreta possibilità di&nbsp;diventarne i campioni, soprattutto dopo avere visto la doppia sfida trionfale contro il quotatissimo Manchester United. E se Cristiano Ronaldo &amp; co. dovessero riuscirci il valore della vittoria in campionato da parte del Barça si ridurrebbe a zero, quasi&nbsp;come vincere un torneo amatoriale in qualche campo di periferia. I giocatori del Barcellona lo sanno bene e sanno anche che, quello che si stanno giocando contro il Milan è molto di più&nbsp;di un semplice ottavo di finale contro una squadra straniera. C'è da difendere l'onore contro gli avversari di sempre, quelli rappresentati dal sornione sguardo di Mourinho, che, nonostante i 13 punti di differenza di campionato, adesso se la ride.<br><br>BarcellonaFL0411FL0411bar-ellona-ti.jpgSiNbarcellona-sotto-pressione-ottavi-champions-1010763.htmSi100427901,02,03,07010293
1451010754NewsSondaggiVota il gol più bello di Febbraio: da Totti a Bale passando per Cristiano Ronaldo. Scatenati dì la tua 20130307111517Il gol più bello di FebbraioVOTA IL GOL PIU` BELLO!Ilcalcio24.com in collaborazione con livehighlights24.com è lieta di annunciare una nuova iniziativa.&nbsp;Abbiamo selezionato per voi i gol più belli del mese di febbario&nbsp;realizzati in Premier League, Serie A, Ligue 1, Liga spagnola, Bundesliga e Coppa d'Africa; un totale di 17 reti, tutte spettacolari, che potrete rivedere su livehighlights24.com e votare sulla pagina facebook de Ilcalcio24.com <a href="https://www.facebook.com/IlCalcio24">https://www.facebook.com/IlCalcio24</a>&nbsp;o direttamente su <a href="https://www.facebook.com/questions/612075935485957/">https://www.facebook.com/questions/612075935485957/</a><br><br><br>C1007650EuropaFL0411FL0411ilcalcio.jpgSiNvota-il-gol-piu-bello-di-febbraio-ilcalcio-24-livehighlights24-1010754.htmSi100427901,02,03,06,08010592
1461010691NewsCampionatiSerie B, 29a giornata: match insidiosi per Livorno e Sassuolo. Le probabili formazioni20130302102519serie bLe probabili formazioni delle partite in programma per la 29a giornata di Serie BLe probabili formazioni delle partite in programma per la 29a giornata di Serie B:<br><br> CESENA-MODENA<br><br> Cesena (4-2-3-1): Campagnolo; Ceccarelli, Volta, Brandao, Consolini; Coppola, Giandonato; Defrel, Succi, Djokovic; Granoche. All.: Bisoli.<BR>Modena (4-3-3): Colombi; Nardini, Andelkovic, Perna, Gulan; Sturaro, Moretti, Signori; Lazarevic, Ardemagni, Piscitella. All.: Marcolin.<br><br> CITTADELLA-TERNANA<br><br> Cittadella (4-3-3): Cordaz; Sosa, Coly, Pellizzer, Biraghi; Paolucci, Baselli, Schiavon; Di Roberto, Di Carmine, Di Nardo. All.: Foscarini.<BR>Ternana (3-5-2): Brignoli; Fazio, Brosco, Lauro; Ragusa, Carcuro, Miglietta, Scozzarella, Vitale; Litteri, Alfageme. All.: Toscano.<br><br> CROTONE-ASCOLI<br><br> Crotone (4-3-3): Caglioni; Del Prete, Ligi, Checcucci, Mazzotta; Eramo, Crisetig, Galardo; Maiello, Gabionetta, Ciano. All.: Drago.<BR>Ascoli (3-5-2): Gomis; Ricci, Prestia, Faisca; Conocchioli, Di Donato, Loviso, Capece, Legittimo; Zaza, Soncin. All.: Silva.<br><br> EMPOLI-VARESE<br><br> Empoli (4-3-1-2): Bassi; Laurini, Pratali, Regini, Accardi; Moro, Valdifiori, Croce; Saponara; Tavano, Maccarone. All.: Sarri.<BR>Varese (4-4-2): Bressan; Fiamozzi, Troest, Franco, Lazaar; Zecchin, Corti, Filipe, Oduamadi; Martinetti, Juan Antonio. All.: Castori (squalificato, in panchina Jozic).<br><br> JUVE STABIA-PRO VERCELLI<br><br> Juve Stabia (4-3-3): Seculin; Baldanzeddu, Martinelli, Murolo, Gorzegno; Jidayi, Mezavilla, Suciu; Verdi, Bruno, Cellini. All.: Braglia.<BR>Pro Vercelli (4-3-1-2): Valentini; Modolo, Borghese, Ranellucci, Sini; Germano, Genevier, Scavone; Erpen; Eusepi, Ragatzu. All.: Braghin.<br><br> VIRTUS LANCIANO-BRESCIA<br><br> Virtus Lanciano (4-3-3): Leali; Almici, Aquilanti, Amenta, Mammarella; Vastola, Minotti, Volpe; Piccolo, Falcinelli, Fofana. All.: Gautieri.<BR>Brescia (4-3-1-2): Arcari; Zambelli, De Maio, Caldirola, Daprelà; Finazzi, Budel, Rossi; Sodinha, Scaglia; Corvia. All.: Calori.<br><br> NOVARA-REGGINA<br><br> Novara (4-3-3): Bardi; Perticone, Ludi, Lisuzzo, Crescenzi; Marianini, Pesce, Fernandes; Gonzalez, Seferovic, Lepiller. All.: Aglietti.<BR>Reggina (3-5-2): Baiocco; Adejo, Ely, Di Bari; Antonazzo, Armellino, Colucci, Barillà, Rizzato; Comi, Di Michele. All.: Dionigi.<br><br> SASSUOLO-GROSSETO<br><br> Sassuolo (4-3-3): Pomini; Gazzola, Bianco, Terranova, Longhi; Bianchi, Magnanelli, Missiroli; Masucci, Pavoletti, Catellani. All.: Di Francesco.<BR>Grosseto (4-4-2): Lanni; Donati, Iorio, Barba, Som; Soddimo, Crimi, Delvecchio, Mancino; Piovaccari, Gimenez. All.: Moriero.<br><br> SPEZIA-LIVORNO<br><br> Spezia (4-2-3-1): Iacobucci; Pasini, Benedetti, Schiavi, Madonna; Bovo, Lollo; Sansovini, Di Gennaro, Mario Rui; Okaka. All.: Cagni.<BR>Livorno (3-4-3): Mazzoni; Ceccherini, Emerson, Bernardini; Schiattarella, Duncan, Gentsoglou, Gemiti; Siligardi, Paulinho, Dionisi. All.: Nicola.<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br>C1007651adm001adm001boakye.jpgSiNserie-b-ventinovesima-giornata-match-insidiosi-per-livorno-e-sassuolo-le-probabili-formazioni-1010691.htmSi100075501,02,03,06030395
1471010681NewsCampionatiAl Massimino ci si gioca l`Europa: Catania-Inter è da brividi20130301172225catania, interEra il 4 giugno 1961 quando l’immenso Sandro Ciotti, calciatore ma soprattutto giornalista e radiocronista sportivo, coniò un’espressione destinata ad avere grande fortunaEra il 4 giugno 1961 quando l’immenso Sandro Ciotti, calciatore ma soprattutto giornalista e radiocronista sportivo, coniò un’espressione destinata ad avere grande fortuna.<br>Non ci crederebbe, ora, se gli diceste che, ormai, non fa nemmeno più tanto clamore una vittoria degli etnei contro una big del calcio italiano. Quel giorno d’inizio estate il Mago Herrera cadde allo stadio Cibali, conosciuto meglio Massimino dal 2002, contro un Catania che riuscì a compiere l’impresa: battere quell’Inter che diventerà la Grande Inter di presidente Angelo Moratti. ‘Clamoroso al Cibali!’. Ciotti aveva già capito che quella sconfitta sarebbe costata lo scudetto ai nerazzurri. Quel 2-0 fece scappare via la Juventus, contro cui l’Inter, per protesta, giocò schierando i ragazzi della primavera.<br>I bianconeri umiliarono i giovani milanesi, cui spiccò solo il gol di un giocatore che costruirà la storia dell’Inter: Sandro Mazzola.<br><br>No, non ci crederebbe Sandro Ciotti, nemmeno vedendo che con una vittoria, tutt’altro che impossibile, il Catania supererebbe gli avversari in classifica, entrando definitivamente in corsa per l’Europa, quella che conta. Domenica pomeriggio sarà una partita vera, di quelle che ti condizionano una stagione. Maran e i suoi meravigliosi argentini hanno obiettivamente poco da perdere: la stagione dei rossoazzurri resta straordinaria anche se continuare a coltivare il sogno di portare la Sicilia in Europa stuzzica molto.<br>Stramaccioni è chiamato al match più importante della stagione: dopo il k.o. contro la Fiorentina e il pareggio nel derby (tutt’altro che convincente), la vittoria a Catania è obbligatoria per risollevarsi ancora una volta, per tornare a vincere lontano da San Siro dopo mesi di delusioni. Che non sarà facile per l’Inter, ormai, l’abbiamo capito tutti: non è un caso se le uniche squadre a tornare a casa dal Massimino con la pancia piena dei tre punti siano state Juventus e Milan.<br><br>Ricordate? Si, proprio quelle partite che provocarono proteste e bufere sui clamorosi errori arbitrali a sfavore degli etnei. Maran intende affidarsi ai suoi soliti uomini per cercare l’ennesima impresa stagionale: l’unica assenza pesante è quella di Legrottaglie, squalificato per somma d’ammonizioni contro il Parma. Spazio comunque al regista Lodi, all’esterno Gomez e al rapace Bergessio. Cosa hanno in comune questi tre giocatori oltre a condividere la stessa maglia? Un forte interesse da parte della società milanese, che sarebbe pronta a strappare qualche pietra preziosa dalla corte catanese nella prossima sessione di mercato. Per l’Inter invece ennesimo cambio di modulo e di giocatori: Stramaccioni deve rinunciare a Ranocchia e Nagatomo, oltre che ai soliti indisponibili. Spazio quindi al 4-2-3-1 con la conferma di Schelotto e la sorpresa Rocchi che agirà aiutato da Guarin e uno fra Palacio e Cassano. Senza dubbio: sarà una partita bellissima, da dentro o fuori. E, questa volta, clamoroso al Cibali sarebbe se i padroni di casa non vincessero.<br><br>C1007650FL0882FL0882catania-inter.jpgSiNal-massimino-ci-si-gioca-l-europa-catania-inter-e-da-brividi-1010681.htmSiT1000014,T1000026100877901,02,03030374
1481010672NewsCampionatiMilan, Allegri: «Balotelli molto probabilmente non ci sarà. Torna Robinho»20130301150137milan, allegriQueste le parole di Massimiliano Allegri in conferenza stampa: «Domani sarà una gara molto diversa da quella del derbyQueste le parole di Massimiliano Allegri in conferenza stampa: "Domani sarà una gara molto diversa da quella del derby. La Lazio è brava a far giocare male gli avversari, ha individualità ed è capace di chiudere gli spazi. Ci vorrà pazienza. Non mi aspetto una gara spettacolare a meno di non sbloccarla subito. In questo momento abbiamo il dovere di cercare di vincere domani, ma ancora ci sono tanti punti a disposizione per la corsa europea. Il pubblico? Sarà importante.<br><br> La gara con il Barcellona? Dobbiamo pensare al campionato. Prima del Barça ci sono ancora due gare di campionato contro Lazio e Genoa. Quella contro gli spagnoli è comunque l'unica decisiva.<br><br> Domani due risultati su tre a disposizione? E' vero che se vinciamo domani andiamo terzi in classifica da soli, ma ci sono molte gare ancora da giocare e quindi non è decisiva per l'esito finale. Ci sono altre 11 partite. Se domani facciamo punti le possibilità di arrivare terzi aumentano ma niente è decisivo.<br><br> Troppi gol subiti di testa? E' un punto debole su cui crescere. Dobbiamo migliorare sia in aria che fuori. Dobbiamo limitare i cross.<br><br> Balotelli? Al 99,99% non ci sarà. Ha una botta importante alla tibia che gli ha creato un ematoma. Non si è mai allenato in settimana.<br><br> Constant? E' ancora in dubbio. Ha avuto un affaticamento muscolare la scorsa settimana, niente di grave, ma rischiare di perderlo a lungo per giocare una gara non credo ne valga la pena.<br><br> Salomon? Ha buone qualità fisiche e tecniche, ma deve abituarsi alla Serie A.<br><br> El Shaarawy? Ha smaltito i suoi problemi e penso che giocherà. Ma c'è anche Robinho che sta bene anche se è tanto che non gioca. In più c'è Pazzini che sta bene e che giocherà al posto di Balotelli.<br><br> Il secondo posto? Ci vuole equilibrio. Dopo quattro mesi alla grande bisognerà stare tranquilli senza caricare troppo la situazione. Vediamo cosa faremo con la Lazio per centrare il terzo posto in solitaria. Poi ci sarà il Genoa venerdì prossimo e anche lì serviranno punti.<br><br> La gara d'andata contro il Barcellona? E' stata una partita importante dove abbiamo arginato gli avversari e creato occasioni importanti. Nel derby invece abbiamo fatto bene la fase offensiva.<br><br> La Lazio? E' una squadra che gioca con grande equilibrio e riesce a fare bel gioco quando il risultato è ancora in bilico.<br><br> Abbiamo mandato in crisi il Barcellona? Il Barcellona ha già ucciso la Liga e ha perso contro il Real Madrid che tecnicamente vale il Barça.<br><br> Robinho? Si è sempre allenato con professionalità anche se aveva espresso il desiderio di tornare in Brasile. Sarà utile fino alla fine.<br><br> Per chi farò il tifo fra Napoli e Juventus? Per nessuno. Penso solo a fare tre punti domani.<br><br> Petkovic? E' sicuramente una persona intelligente perché un tecnico straniero che ha capito subito il nostro campionato non è da tutti i giorni. Sicuramente è stato importante il contributo di Manicone, ma lui è stato bravo nella continuità e nel dare un'identità alla squadra. La Lazio lo sta seguendo e lui ha tutti i meriti assieme ai giocatori.<br><br> Io credo sempre molto in quello che faccio. Da giocatore ho fatto una carriera mediocre, genio e sregolatezza, una cosa che mi è servita da allenatore.<br><br> Se con il Barcellona si è parlato di partita perfetta, cosa che non credo, io invece dico che nel derby ho visto il miglior Milan della stagione per i primi 60' di gioco.<br><br> Se ho avuto paura che Balotelli non reggesse la pressione del derby? Ho parlato molto con lui durante la partita perché la sentiva però credo che abbia giocato nel derby una partita molto buona sul piano caratteriale. Se avesse fatto gol magari sarebbe stata un'altra cosa...<br><br> Marchetti? Credo che sia uno dei migliori portieri italiani. Ha dato alla Lazio molti punti.<br><br>C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNmilan-allegri-balotelli-molto-probabilmente-non-ci-sara-torna-robinho-1010672.htmSiT1000027100075501,02,03,06,07,08030242
1491010669NewsCampionatiReal Madrid-Barcellona, Mourinho manda Cristiano Ronaldo in panchina20130301123322real madrid, barcellonaDopo il colpaccio del `Camp Nou` nella semifinale di Coppa del Re ci sarà un altro Clasico Dopo il colpaccio del 'Camp Nou' nella semifinale di Coppa del Re ci sarà un altro Clasico domani al 'Bernabeu'. Real Madrid e Barcellona, dopo il 2-2 dell'andata, si ritrovano per la 26a giornata di Liga, con i blancos che sono a -16 dai catalani in classifica. Per questo, secondo 'As', Josè Mourinho potrebbe fare a meno niente meno che di Cristiano Ronaldo: Mou non lo vuole rischiare in vista della sfida dell'Old Trafford contro il Manchester United in Champions League. Secondo il quotidiano madrileno, CR7 partirà dalla panchina.<BR>adm001adm001cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNreal-madrid-barcellona-mourinho-manda-cristiano-ronaldo-in-panchina-1010669.htmSi100075501,02,03030285
1501010622NewsCampionatiSerie B, si torna in campo per la 28a giornata: insidie per Verona e Sassuolo. Le probabili formazioni20130226124889serie bQueste le probabili formazioni delle partite in programma per la 28a giornata Queste le probabili formazioni delle partite in programma per la 28a giornata di Serie B. Match ore 20.45.<br><br> ASCOLI-SASSUOLO<br><br> Ascoli (3-5-2): Maurantonio; Ricci, Peccarisi, Faisca; Scalise, Di Donato, Fossati, Russo, Pasqualini; Soncin, Feczesin. All.: Silva.<BR>Sassuolo (4-3-3): Pomini; Gazzola, Bianco, Terranova, Longhi; Chibsah, Magnanelli, Missiroli; Berardi, Pavoletti, Catellani. All.: Di Francesco.<br><br> BRESCIA-EMPOLI<br><br> Brescia (3-5-2): Arcari; Caldirola, De Maio, Ant. Caracciolo; Zambelli, Finazzi, Rossi, Scaglia, Daprelà; And. Caracciolo, Corvia. All.: Calori.<BR>Empoli (4-3-1-2): Bassi; Laurini, Pratali, Regini, Hysaj; Moro, Signorelli, Croce; Saponara; Tavano, Maccarone. All.: Sarri.<br><br> GROSSETO-VICENZA<br><br> Grosseto (4-4-2): Lanni; Donati, Iorio, Padella, Som; Soddimo, Crimi, Obodo, Mancino; Piovaccari, Gimenez. All.: Moriero.<BR>Vicenza (4-4-2): Bremec; Brighenti, Camisa, Milanovic, Di Matteo; Bellazzini, Cinelli, Castiglia, Padalino; Bojinov, Malonga. All.: Dal Canto.<br><br> LIVORNO-CROTONE<br><br> Livorno (3-4-3): Mazzoni; Bernardini, Emerson, Lambrughi; Schiattarella, Gentsoglou, Duncan, Gemiti; Siligardi, Paulinho, Dionisi. All.: Nicola.<BR>Crotone (4-3-3): Caglioni; Del Prete, Abruzzese, Ligi, Mazzotta; Eramo, Crisetig, Maiello; Ciano, Calil, Gabionetta. All.: Drago.<br><br> MODENA-VIRTUS LANCIANO<br><br> Modena (4-3-3): Colombi; Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna; Sturaro, Moretti, Signori; Pagano, Ardemagni, Piscitella. All.: Marcolin.<BR>Virtus Lanciano (4-3-3): Leali; Aquilanti, Rosania, Amenta, Mammarella; Vastola, Minotti, Di Cecco; Piccolo, Falcinelli, Fofana. All.: Gautieri.<br><br> PADOVA-JUVE STABIA<br><br> Padova (4-3-3): Silvestri; Rispoli, Legati, Trevisan, Piccinni; De Feudis, Viviani, De Vitis; Farias, Babacar, Cutolo. All.: Colomba.<BR>Juve Stabia (4-3-3): Seculin; Baldanzeddu, Martinelli, Murolo, Dicuonzo; Mezavilla, Suciu, Agyei; Verdi, Cellini, Zito. All.: Braglia.<br><br> PRO VERCELLI-CITTADELLA<br><br> Pro Vercelli (4-3-1-2): Valentini; Modolo, Borghese, Ranellucci, Scaglia; Germano, Genevier, Scavone; Erpen; Greco, Ragatzu. All.: Braghin.<BR>Cittadella (4-3-3): Cordaz; Ciancio, Sosa, Gasparetto, Biraghi; Vitofrancesco, Baselli, Schiavon; Di Roberto, Di Carmine, Minesso. All.: Foscarini.<br><br> REGGINA-SPEZIA<br><br> Reggina (3-5-2): Baiocco; Adejo, Freddi, Di Bari; Antonazzo, Hetemaj, Colucci, Armellino, Rizzato; Gerardi, Di Michele. All.: Dionigi.<BR>Spezia (4-4-2): Iacobucci; Madonna, Benedetti, Goian, Garofalo; Bovo, Lollo, Musacci, Porcari; Sansovini, Okaka. All.: Cagni.<br><br> TERNANA-NOVARA<br><br> Ternana (3-5-2): Brignoli; Fazio, Ferraro, Lauro; Ragusa, Carcuro, Miglietta, Scozzarella, Vitale; Litteri, Alfageme. All.: Toscano.<BR>Novara (4-3-3): Bardi; Colombo, Perticone, Ludi, Crescenzi; Marianini, Pesce, Fernandes; Gonzalez, Seferovic, Lepiller. All.: Aglietti.<br><br> VARESE-CESENA<br><br> Varese (4-4-2): Bressan; Fiamozzi, Rea, Troest, Franco; Ferreira Pinto, Filipe, Damonte, Zecchin; Ebagua, Martinetti. All.: Castori.<BR>Cesena (4-2-3-1): Campagnolo; Ceccarelli, Volta, Comotto, Consolini; Parfait, Giandonato; Defrel, Succi, D’Alessandro; Granoche. All.: Bisoli.<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br>C1007651adm001adm001168397hp2.jpgSiNserie-b-si-torna-in-campo-per-la-ventottesima-giornata-insidie-per-verona-e-sassuolo-le-probabili-formazioni-1010622.htmSi100075501,02,03,06,07030524
1511010606NewsCampionatiInter, Moratti: «Handanovic formidabile»20130225132010inter, morattiIl derby il giorno dopo, il presidente Massimo Moratti lo analizza con i cronistiIl derby il giorno dopo, il presidente Massimo Moratti lo analizza con i cronisti. Su inter.it la versione integrale delle sue dichiarazioni:<br><br> Presidente Moratti, ormai Andrea Stramaccioni sta diventando l'uomo derby: ne ha già vinti due e pareggiato uno.<BR>"Anche quando aveva la Primavera li vinceva (sorride, ndr). Bene ieri, l'ha ripescato nel secondo tempo molto bene, devo dire che lui e anche i giocatori hanno saputo tenere una partita che psicologicamente si era messa abbastanza male".<br><br> Una sorpresa ieri è stato Ezequiel Schelotto.<BR>"Fantastico per lui, che si è portato a casa la simpatia del pubblico immediatamente".<br><br> Si può dire che Samir Handanovic stia rendendo oltre le aspettative?<BR>"Devo dire, sinceramente, oltre le aspettative, perché a volte fa delle parate fuori dall'ordinario, ieri sera ne ha fatta una incredibile, siamo molto soddisfatti, lo sarà anche lui".<br><br> Che cosa ne dice della gara di Mario Balotelli?<BR>"Era una partita difficile per lui, sia psicologicamente sia perché obbligatoriamente noi stavamo attenti, quindi ha fatto una partita buona diciamo, il fatto dei gol sbagliati è relativo, era già stato molto bravo ad arrivare su quei palloni, quindi poi non è facile concludere".<br><br> In cosa l'Inter può crescere ancora? Nel secondo tempo ha fatto molto bene ma nel primo è stata in difficoltà.<BR>"Prima di tutto credo che il Milan non abbia mai giocato così bene quest'anno, perché l'ho visto in altre gare e ieri sera era velocissimo. Tutte le squadre hanno modi diversi di giocare o stanchezze diverse, psicologicamente affrontano le partite in forma diversa. Ho avuto un esempio di questo ieri sera con il Milan e con l'Inter nel primo e secondo tempo. Dove si può crescere? Tutte e due le squadre, e soprattutto l'Inter perché interessa questo a noi, credo nel poter adesso avere più spazio per far giocare i giocatori su cui puntiamo per il futuro".<br><br>C1007650adm001adm001107812768.jpgSiNinter-moratti-handanovic-formidabile-1010606.htmSiT1000026100075501,02,03,07030145
1521010528NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, altro prolungamento per Niang20130219130663milan, niangPrelevato dal Caen per 1,5 milioni di euro<BR>Prelevato dal Caen per 1,5 milioni di euro, l'estate scorsa Niang aveva firmato fino al 2015. Come riferisce Sport Mediaset un "triennale" obbligato, visto che il ragazzo era ancora minorenne e le norme internazionali non prevedono una durata maggiore. A dicembre, una volta compiuti i 18 anni, arriva il primo prolungamento fino al 2017. Ma non è finita, perché l'a.d. rossonero Adriano Galliani ha già in programma un ulteriore riconoscimento per l'ottima stagione sin qui disputata dal francesino: rinnovo fino al 2018 con ingaggio che salirà a 800mila euro netti a stagione (nell'estate 2012 firmò per 300mila euro all'anno).C1007650adm001adm001niang-4.jpgSiNmilan-altro-prolungamento-per-niang-1010528.htmNoT1000027100075501,02,03,07030188
1531010495NewsCampionatiCatania sogna. Raggiunta la salvezza gli etnei adesso possono provare l`impresa20130217205846almiron, pulvirenti, lodi, bergessio, pioli, maran, gomez, russo, bologna, etnei, catania, felsinei, montella, inter, fiorentina, parmaUn gran gol di Almiron risolve la pratica Bologna. Espulso Pioli nel finale<DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>Dall'inviato Ivano Messineo - Maran a fine gara non si nasconde più. Volto soddisfatto quello del tecnico trentino, che fa i complimenti ai suoi per la difficile vittoria odierna e per lo straordinario campionato sin qui disputato. Nessuno forse avrebbe pensato che i rossazzurri a metà febbraio sarebbero arrivati a quota 39 con la salvezza in tasca. Segnale di maturità di un gruppo che si conosce bene e che oramai da diversi anni gioca insieme. Ma anche dimostrazione di come una società deve lavorare, mantenendo i bilanci in attivo e valorizzando numerosi talenti. Complimenti al presidente Nino Pulvirenti e a tutto lo staff del Catania. Il match di questo pomeriggio ha visto un Catania a tratti tambureggiante, che ha trovato dinanzi a sè un coriaceo Bologna, lesto a chiudere ogni spazio alle ali rossazzurre, venuto al Massimino col chiaro intento di portare a casa un punticino.&nbsp; Non era facile sbloccare l'incontro, serviva un episodio. Così, dopo le conclusioni pericolose di Marchese e Gomez, e il palo di Bergessio, sul finire di tempo ci pensava Almiron (uno dei migliori) di testa a portare gli etnei in vantaggio, deviando splendidamente in fondo al sacco un tiro d'angolo calciato da Lodi. Dopo aver mancato il raddoppio sul finire di tempo con lo stesso Almiron (altra incornata pericolosa), nella ripresa è cresciuta la formazione di Pioli (espulso al 90' per proteste), che ha chiuso con 4 attaccanti e ha impensierito un sempre attento Andujar (in grande forma) con Gabbiadini due volte e Gilardino. Così, sino al triplice fischio del mediocre Russo, i rossazzurri hanno controllato agevolmente la gara, sfiorando anche la seconda marcatura in contropiede con Gomez e Izco, riuscendo comunque a mettere in cascina tre punti preziosissimi che consentono agli uomini di Maran di raggiungere il traguardo della salvezza con 3 mesi d'anticipo. E adesso? I rossazzurri sono obbligati a dare il massimo sino alla fine onorando tutte le gare, ma è ovvio che devono tentare l'assalto a quella Europa League che a inizio stagione sembrava un'utopia. Primo obiettivo sarà quello del record di punti in Serie A, ma a questo punto, pur rimanendo con i piedi per terra come predica mister Maran, bisogna provare a entrare in Europa. Domenica i rossazzurri saranno di scena al Tardini, dove troveranno un Parma desideroso di riscattarsi dopo che nelle ultime 4 gare ha raccolto un solo punto. E fra 15 giorni al Massimino sarà di scena l'Inter. Il Bologna rimane invischiato nelle zone calde della graduatoria, anche se la squadra di Pioli, specie quella vista nella prima mezz'ora della ripresa, non dovrebbe avere problemi a raggiungere la salvezza. Domenica prossima impegno difficile per i felsinei, che al Dall'Ara riceveranno la visita della Fiorentina di mister Montella.</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV>C1007650Catania Stadio Angelo Massimino ivomesivomesalmiron.jpgSiNcatania-bologna-almiron-salvezza-europa-1010495.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100075401,02,03,09030706
1541010475NewsCampionatiSerie B, 26a giornata: spicca la sfida tra Sassuolo e Spezia. Le probabili formazioni20130216104226serie bTorna in campo la Serie B per la 26a giornata.Torna in campo la Serie B per la 26a giornata. Partite interessanti a Reggio Calabria e Modena dove va in scena la sfida tra Sassuolo e Spezia. Match ore 15.<BR><BR>Probabili formazioni:<BR><BR><BR>ASCOLI-PRO VERCELLI<BR><BR>Ascoli (3-5-2): Maurantonio; Ricci, Prestia, Faisca; Conocchioli, Di Donato, Loviso, Fossati, Pasqualini; Zaza, Soncin. All.: Silva.<BR>Pro Vercelli (4-2-3-1): Valentini; Vinci, Modolo, Ranellucci, Scaglia; Genevier, Filkor; Erpen, Grossi, Ragatzu; Greco. All.: Braghin.<BR><BR>BARI-CROTONE<BR><BR>Bari (3-4-3): Lamanna; Ceppitelli, Dos Santos, Polenta; Sabelli, Romizi, Bellomo, Rossi; Fedato, Caputo, Ghezzal. All.: Torrente.<BR>Crotone (4-3-3): Caglioni; Del Prete, Ligi, Abruzzese, Migliore; Eramo, Crisetig, Galardo; Gabionetta, Ciano, Torromino. All.: Drago.<BR><BR>BRESCIA-VICENZA<BR><BR>Brescia (4-3-1-2): Arcari; Zambelli, Caldirola, De Maio, Daprelà; Lasik, Budel, Rossi; Scaglia; And. Caracciolo, Mitrovic. All.: Calori.<BR>Vicenza (4-4-2): Bremec; Martinelli, Gentili, Milanovic, Di Matteo; Padalino, Cinelli, Ciaramitaro, Semioli; Bojinov, Tiribocchi. All.: Dal Canto.<BR><BR>CITTADELLA-CESENA<BR><BR>Cittadella (4-3-3): Cordaz; Ciancio, Coly, Pellizzer, Biraghi; Vitofrancesco, Baselli, Schiavon; Di Roberto, Di Carmine, Minesso. All.: Foscarini.<BR>Cesena (4-2-3-1): Campagnolo; Ceccarelli, Comotto, Volta, Consolini; Giandonato, Coppola; D’Alessandro, Succi, Tabanelli; Granoche. All.: Bisoli.<BR><BR>GROSSETO-VIRTUS LANCIANO<BR><BR>Grosseto (4-2-3-1): Lanni; Donati, Iorio, Barba, Calderoni; Crimi, Delvecchio; Soddimo, Lupoli, Foglio; Piovaccari. All.: Moriero.<BR>Virtus Lanciano (4-3-3): Leali; Almici, Aquilanti, Scrosta, Mammarella; Vastola, Minotti, Volpe; Piccolo, Plasmati, Turchi. All.: Gautieri.<BR><BR>REGGINA-PADOVA<BR><BR>Reggina (3-5-2): Baiocco; Adejo, Ely, Di Bari; Antonazzo, Hetemaj, Bombagi, Barillà, Rizzato; Comi, Di Michele. All.: Dionigi.<BR>Padova (4-3-3): Silvestri; Rispoli, Legati, Cionek, Piccinni; De Feudis, Iori, Renzetti; Farias, Babacar, Cutolo. All.: Colomba.<BR><BR>SASSUOLO-SPEZIA<BR><BR>Sassuolo (4-3-3): Pomini; Gazzola, Terranova, Bianco, Longhi; Bianchi, Magnanelli, Missiroli; Troianiello, Catellani, Berardi. All.: Di Francesco.<BR>Spezia (3-4-2-1): Guarna; Benedetti, Goian, Schiavi; Piccini, Porcari, Musacci, Garofalo; Di Gennaro, Bovo; Sansovini. All.: Atzori.<BR><BR>TERNANA-EMPOLI<BR><BR>Ternana (3-5-2): Brignoli; Ferraro, Brosco, Lauro; Ragusa, Carcuro, Miglietta, Scozzarella, Vitale; Litteri, Alfageme. All.: Toscano.<BR>Empoli (4-3-1-2): Bassi; Laurini, Pratali, Regini, Hysaj; Moro, Valdifiori, Signorelli; Saponara; Tavano, Maccarone. All.: Sarri.<BR><BR>VARESE-JUVE STABIA<BR><BR>Varese (4-4-2): Bastianoni; Pucino, Troest, Carrozzieri, Franco; Ferreira Pinto, Filipe, Corti, Oduamadi; Ebagua, Juan Antonio. All.: Castori.<BR>Juve Stabia (4-3-3): Nocchi; Dicuonzo, Martinelli, Murolo, Gorzegno; Caserta, Mezavilla, Suciu; Verdi, Cellini, Acosty. All.: Braglia.<BR><BR>LIVORNO-MODENA<BR><BR>Livorno (3-4-3): Mazzoni; Ceccherini, Emerson, Lambrughi; Salviato, Luci, Duncan, Gemiti; Siligardi, Paulinho, Dionisi. All.: Nicola.<BR>Modena (4-3-3): Colombi; Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna; Osuji, Moretti, Signori; Lazarevic, Ardemagni, Piscitella. All.: Marcolin.<BR><BR>NOVARA-VERONA<BR><BR>Novara (4-3-3): Bardi; Colombo, Lisuzzo, Ludi, Crescenzi; Fernandes, Buzzegoli, Pesce; Gonzalez, Seferovic, Lepiller. All.: Aglietti.<BR>Verona (4-3-3): Rafael; Crespo, Maietta, Moras, Cacciatore; Nielsen, Jorginho, Hallfredsson; Sgrigna, Cacia, Gomez. All.: Mandorlini.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007651adm001adm001boakye.jpgSiNserie-b-ventiseiesima-giornata-spicca-la-sfida-tra-sassuolo-e-spezia-le-probabili-formazioni-1010475.htmSi100075501,02,03,06,07030452
1551010468NewsCalcio EsteroBundesliga, 22a giornata: prosegue senza sosta la marcia trionfale del Bayern20130216095920Bundesliga22a giornataIl Bayern Monaco continua indisturbato il proprio cammino verso la vittoria in Bundesliga, disputanto praticamente un campionato a sè stante.La vittima sacrificale di turno è stato il Wolfsburg; decisivi i gol, alla “Volkswagen-Arena”, del bomber Mandzukic, autore di&nbsp;una rete meravigliosa&nbsp;in rovesciata, e di Robben nel finale di gara. Ottimo viatico per i biancorossi, che si portanto a +18 sul Borussia Dortmund, secondo, e&nbsp;che martedì voleranno a Londra per affrontare l’Arsenal nella gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League. Archiviata, dunque,&nbsp;la lotta al titolo, tiene banco quella per la zona Europa con ben 10 squadre racchiuse in 11 punti dal 2° all'11° posto e con la sfida fra Borussia Dortmund e Eintracht vero e proprio clou di giornata. Altra sfida interessantissima sarà quella fra Mainz e Schalke due squadre che stanno vivendo periodi di forma del tutto opposti, senza dimenticare il match fra Amburgo e Gladbach e, in zona retrocessione, la delicatissima sfida fra Hoffenheim e Stoccarda. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Bayern M. 0-2&nbsp;&nbsp; 36'Mandzukic-90'Robben</STRONG><BR><BR>Giocano oggi<BR><BR><STRONG>Fortuna-Greuther</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Friburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia D.-Eintracht</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Norimberga-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Stoccarda</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411robben.jpgSiNbundesliga-giornata-22-bayern-continua-marcia-trionfale-1010468.htmSi100427901,02,03010255
1561010467NewsCalcio EsteroLiga, 24a giornata: Barcellona a Granada, pensando al Milan20130216093050Liga24a giornataNell'anticipo di ieri, valido per la 24a giornata di Liga, netta vittoria del&nbsp;Siviglia&nbsp; contro il fanalino di coda Deportivo, sempre più nel baratro che porta dritto alla&nbsp;retrocessione. Oggi si disputeranno&nbsp;quattro incontri.&nbsp;Il Getafe sarà chiamato a riscattare il pesante ed umiliante 1 a 6 inflitto dal Barcellona la settimana scorsa, e dovrà farlo contro&nbsp;il Celta,&nbsp;anch'esso reduce da una&nbsp;sconfitta casalinga contro il Valencia. Il Malaga affronterà l'At.Bilbao in uno scontro che per gli andalusi significa sognare da Champions; i baschi, invece, puntano alla salvezza e sono reduci dall'umiliazione ricevuta dall'Espanyol la settimana scorsa. Granada-Barcellona è il clou del sabato di liga. Il Granada può solo sperare in un Barcellona distratto dall'imminente incontro di Champions League contro il Milan. Infine Osasuna e Real Saragozza&nbsp;daranno vita ad uno scontro salvezza sulla carta molto equilibrato, infatti sono due squadre che, sostanzialmente, si equivalgono in quanto a valori tecnici, ma potrebbe&nbsp;risultare decisivo il fattore campo per i navarri.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Siviglia-Deportivo 3-1&nbsp;&nbsp; 6'Rakitic-28'-40'Medel(S) - 32'Riki(D)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Getafe-Celta</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-At.Bilbao</STRONG><BR><BR><STRONG>Granada-Barcelona</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Saragozza</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Maiorca</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-At.Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Rayo </STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Betis</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-24-barcellona-a-granada-con-la-testa-al-milan-1010467.htmSi100427901,02,03,07010225
1571010464NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, definito l`acquisto di Cevallos20130215192246juventus, cevallosL`iter burocratico è conclusoL'iter burocratico è concluso: José Francisco Cevallos Enríquez può ufficialmente dare il via alla sua avventura con la casacca della Juventus con l'impiego in gare ufficiali. "Il giocatore - si legge su Juventus.com - è approdato in bianconero lo scorso 28 gennaio, dopo che la Juventus aveva raggiunto l'accordo con Liga Deportiva Universitaria de Quito un accordo per l'acquisizione a titolo temporaneo delle sue prestazioni, con diritto di opzione per l'acquisizione definitiva".C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-definito-l-acquisto-di-cevallos-1010464.htmSiT1000007100075501,02,03,06030312
1581010461NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, sondaggio per Van Nistelrooy20130215182225inter, van nistelrooyIdea Ruud van Nistelrooy per l`InterIdea Ruud van Nistelrooy per l'Inter. Questa l'indiscrezione riportata da Sportmediaset, secondo cui la società nerazzurra - a causa del terribile infortunio che ha messo fine alla stagione di Diego Milito - starebbe pensando all'ex attaccante di Manchester United e Real Madrid per questa parte finale del campionato. La società in queste ore avrebbe dunque contattato l'entourage di van Nistelrooy (36), che si è ritirato dal calcio giocato lo scorso maggio, per capire se esistano margini per intavolare una trattativa. L'attaccante lo scorso anno aveva giocato nella Liga spagnola con la maglia Malaga.C1007650adm001adm001107812768.jpgSiNinter-sondaggio-per-van-nistelrroy-1010461.htmSiT1000026100075501,02,03030412
1591010407NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Santon resta in Premier League20130212191930milan, santonMilan SantonDavide Santon (22) chiude al ritorno in Italia. L'esterno ex Inter era stato accostato al Milan durante il mercato di gennaio, ma all'Evening Chronicle ha dichiarato: "Questo, al momento, è il posto ideale per me. In Premier League gioca purtroppo solo un altro italiano, ovvero Fabio Borini nel Liverpool; tuttavia credo che questo campionato sia migliore rispetto alla Serie A o alla Liga, qui ci sono i migliori tifosi in circolazione. Giocare con la maglia del Newcastle mi ha aiutato a tornare anche in Nazionale, sono molto grato al tecnico Pardew e darò sempre il 100% per ripagare la sua fiducia".C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-santon-resta-in-premier-league-1010407.htmSiT1000027100075501,02,03,07030216
1601010382NewsCampionatiSerie B, Empoli-Livorno: le pagelle. Top Pratali e Schiattarella. Flop Mazzoni20130211230831serie b, empoli, livornoSerie B Empoli Livorno Pagelle<BR>Finale 2-1 (p.t. 1-1): 17' Schiattarella (L), 35' Tavano, 84' Pratali<br><br> ammonit: Croce, Valdifiori, Maccarone&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; espulsi: <br><br> Empoli (4-3-1-2): Pelagotti 6; Laurini 6 (89' Tonelli s.v.), Pratali 7, Regini 6.5, Hysaj 6; Moro 6, Valdifiori 6.5, Signorini 6 (79' Pucciarelli 6), Croce 6 (73' Casoli 6) Tavano 7, Maccarone 6 All.: Sarri 6.5<br><br> Livorno (3-4-3): Fiorillo 6 (39' Mazzoni 5); Emerson 6, Bernardini 6 (50' Gentsoglou 6), Lambrughi 6; Schiattarella 6.5 (29' Ceccherini 5.5), Luci 5.5, Duncan 6, Gemiti 6; Siligardi 5.5, Paulinho 6, Dionisi 6 All.: Nicola&nbsp; 5.5<br><br> <STRONG><EM>Top Empoli</EM></STRONG><br><br> Pratali: decide il match.<br><br> <STRONG><EM>Flop Empoli</EM></STRONG><br><br> nessuno<br><br> <STRONG><EM>Top Livorno</EM></STRONG><br><br> Schiattarella: nonostante esca anzitempo risulta il più incisivo dei suoi.<br><br> <EM><STRONG>Flop Livorno</STRONG></EM><br><br> Mazzoni: in ritardo sulla seconda rete subita. Poteva fare meglio. <br><br>C1007650adm001adm001saponara.jpgSiNserie-b-empoli-livorno-pagelle-top-flop-risultato-marcatori-1010382.htmSi100075501,02,03030275
1611010339NewsCalcio EsteroLiga, 23a giornata: poker del Real, Cristiano si porta il pallone a casa20130210103642Liga23a giornataNella 23a giornata della Liga spagnola, il Real Madrid torna al successo sospinta&nbsp;da un&nbsp;incontenibile Cristiano Ronaldo. Il portoghese mette a segno una&nbsp;splendida tripletta&nbsp;e sale a quota 24&nbsp;gol&nbsp;su 23 gare di campionato disputate. Real che si fionda all’inseguimento del secondo posto, distante 4 lunghezze, occupato dai cugini dell’Atletico impegnati&nbsp;oggi in casa del Rayo Vallecano. Il Malaga espugna il "Ciutat de Valencia" del Levante per 2-1 con doppietta di Isco, e conserva il quarto posto&nbsp;dall'insidioso del Valencia, che&nbsp; a sua volta&nbsp;vince 1-0 a Vigo contro il Celta. Per quanto riguarda la&nbsp;lotta per la&nbsp;salvezza, pari tra Maiorca e Osasuna con i padroni di casa che agguantano a tempo scaduto il gol dell’1-1.&nbsp;Crolla in casa, invece,&nbsp;il fanalino di coda, Deportivo La Coruna, che ieri al “Riazor”&nbsp;ha registrato&nbsp;la tredicesima sconfitta stagionale per mano del Granada. Rotondo 3-0 per la formazione del patron Pozzo che sale a quota 26 punti.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Maiorca-Osasuna 1-1&nbsp;&nbsp; 77'Lolo(O) - 90'Tonon(M)</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Valencia 0-1&nbsp;&nbsp; 90'Valdez</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Malaga 1-2&nbsp;&nbsp; 27'Barkero(L) - 36'-47'Isco(M)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Siviglia 4-1&nbsp;&nbsp; 18'Benzema-26'-46'-59'Cristiano(R) - 87'Del Moral(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Granada 0-3&nbsp;&nbsp; 45'A.gol Marchena-51'Ighalo-90'Siqueira</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Barcellona-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Zaragoza-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-At.Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Betis-Valladolid</STRONG><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-23-poker-real-hat-trick-cristiano-ronaldo-1010339.htmSi100427901,02,03010217
1621010338NewsCalcio EsteroBundesliga, 21a giornata: il Bayern strapazza anche lo Schalke20130210102121Bundesliga21a giornataOrmai in Bundesliga si giocano due campionati, quello disputato dal Bayern contro se stesso e quello di tutte le altre che non ne tengono il passo e si fan male da sole. Così può riassumersi la 21 giornata di Bundesliga, con il Bayern Monaco che rifila un rotondo 4-0 allo Schalke e con le inseguitrici che consegnano ai biancorossi il Maistershale 2012/2013. Il Borussia Dortmund crolla&nbsp;clamorosamente in casa, affondato 4-1 dall’Amburgo. Gialloneri in vantaggio con Lewandowski, poi espulso,&nbsp;e castigati&nbsp;dalle doppiette di Rudnevs e&nbsp; Heung-Min Son. Non&nbsp;riescono a far&nbsp;molto meglio nemmeno&nbsp;il Bayer Leverkusen e l'Eintracht Francoforte, entrambe costrette al pareggio; le aspirine impattano 3-3 al “Borussia Park” contro il Monchengladbach, mentre l'Eintracht non va oltre uno scialbo 0-0 casalingo col Norimberga. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Amburgo 1-4&nbsp;&nbsp; 17'Lewandowski(B) - 18'-62'Rudnevs-26'-89'Min Son</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Werder Brema 1-4&nbsp;&nbsp; 34'-74'Ekici-61'Hunt-90'de Bruyne(W) - 50'I.Traorè(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Bayer L. 3-3&nbsp;&nbsp; 44'Stranzl-58'deJong-86'Hermann(BM) - 52'Sam-60'Kiessling-64'Schurrle(BL)</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Wolfsburg 0-1&nbsp;&nbsp; 23'Dost</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Norimberga 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Hoffenheim 1-0&nbsp;&nbsp; 8'Diouf</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Schalke&nbsp; 4-0&nbsp;&nbsp; 19'-51'Alaba-32'Schweinsteiger-64'Gomez</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Augsburg-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Fortuna</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-21-bayern-strapazza-anche-lo-schalke-1010338.htmSi100427901,02,03010224
1631010337NewsCalcio EsteroPremier League, 26a giornata: City,che tonfo! Valanga Chelsea sul Wigan.20130210100532Premier League26a giornataNel sabato della 26a giornata di Premier League&nbsp; torna alla vittoria il Chelsea, che&nbsp;sconfigge con un sonoro&nbsp;4-1 il Wigan allo Stamford Bridge. Primo tempo più complicato del previsto&nbsp;e chiuso in vantaggio con la rete di Ramires, nella ripresa i Blues dilagano e chiudono i conti nel finale, respingendo il tentativo di rimonta dei "Latics". Passo avanti importante per la squadra di Benitez, considerando anche il&nbsp;crollo del Manchester City sul campo del Southampton. Gli uomini di Mancini perdono 3-1 contro i "Saints" e ora intravedono il rischio che il Manchester United, domani, incrementi il vantaggio in vetta alla classifica.&nbsp;Nella battaglia per&nbsp;il quarto posto vincono sia il Tottenham che l'Arsenal, in attesa dell’Everton impegnato&nbsp;oggi all' Old Trafford contro la capolista. Gli "Spurs" piegano il Newcastle 2-1&nbsp;grazie ad&nbsp;un Gareth Bale in grande spolvero. Vince, come detto,&nbsp;anche l’Arsenal, di misura per 1-0 allo Stadium of Light di Sunderland, in una gara sofferta fino all’ultimo. Decisivo il gol di Cazorla, ma l’espulsione di Jenkinson al 62′ ha obbligato i Gunners a una mezz’ora finale in trincea, per respingere gli attacchi dei padroni di casa, fermati in un paio di occasioni da interventi strepitosi del polacco&nbsp;Szczesny. Vittoria&nbsp;con goleada&nbsp;per lo Swansea, che ha travolto il QPR per 4-1 davanti al proprio pubblico. Per lo Swansea&nbsp;questa vittoria vale il&nbsp;settimo posto a 37 punti.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Tottenham-Newcastle 2-1&nbsp;&nbsp; 5'-78'Bale(T) - 24'Gouffran(N)</STRONG><BR><BR><STRONG>Chelsea-Wigan 4-1&nbsp;&nbsp; 23'Ramires-56'Hazard-87'Lampard-90'Marin(C) - 58'Maloney(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Norwich-Fulham 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoke-Reading 2-1&nbsp;&nbsp; 67'Huth-81'Jerome(S) - 83'Mariappa(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Swansea-QPR 4-1&nbsp;&nbsp; 8'-67'Michu-18'Rangel-50'Hernandez(S) - 48'Zamora(Q)</STRONG><BR><BR><STRONG>Sunderland-Arsenal 0-1&nbsp;&nbsp; 36'Cazorla</STRONG><BR><BR><STRONG>Southampton-Man.City 3-1&nbsp;&nbsp; 7'Puncheon-22'Davis-48'A.gol Barry(S) - 39'Dzeko(M)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Aston Villa-West Ham</STRONG><BR><BR><STRONG>Man.United-Everton</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Liverpool-WBA</STRONG><BR><BR><BR><BR>InghilterraFL0411FL0411lampard.jpgSiNpremier-league-giornata-26-tonfo-city-chelsea-a-valanga-1010337.htmSi100427901,02,03010264
1641010317NewsCalcio EsteroLiga, 23a giornata: Real impegnato contro il Siviglia e con la testa alla sfida con lo United20130209094247Liga23a giornataIn Spagna si disputa la 23a giornata, che sembra caratterizzarsi come un&nbsp;turno che si presenta con sfide&nbsp;particolarmente importanti per la lotta salvezza e per la rincorsa alle competizioni europee della prossima stagione. Fondamentale scontro salvezza tra Maiorca e Osasuna: i padroni di casa non possono&nbsp;non vincere&nbsp;se vogliono rientrare nella lotta per la permenenza, dal canto loro, però,&nbsp;anche gli ospiti non possono permettersi il lusso di perdere visto che&nbsp;hanno 1 solo punto di vantaggio sul terzultimo posto e 4 sullo stesso Maiorca, penultimo. Alle 18&nbsp;si disputerò&nbsp;Celta Vigo-Valencia, con&nbsp;i padroni di casa terzultimi e a caccia di punti per la salvezza, mentre il Valencia&nbsp;è rientrato nella corsa all'Europeo e&nbsp;cercherà&nbsp;di strappare tre punti importanti. Alle 20 andrà di scena la sfida tra Levante e Malaga,&nbsp;con i valenciani&nbsp;che proveranno a rientrare nella lotta per l'Europa. Alle 22 si giocherà un'altra sfida salvezza, che vedrà di fronte Deportivo e Granada. Il Depor è ultimo in classifica e le ultime prestazioni&nbsp;non sono state delle più confortanti, mentre&nbsp;il Granada è reduce dall'impresa contro il Real Madrid. E propiro il Real, sempre alle 22 sarà impegnato contro il Siviglia, da una parte per riscattare la sconfitta di Granada, dall'altra con la testa all'imminente impegno di Champions contro il fortisimo Manchester United, che potrebbe valere la panchina di Mourinho.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Maiorca-Osasuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Valencia</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Malaga</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Siviglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Granada</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Barcellona-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Zaragoza-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-At.Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Betis-Valladolid</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-23-real-impegnato-con-il-siviglia-e-con-la-testa-allo-united-1010317.htmSi100427901,02,03010196
1651010316NewsCalcio EsteroBundesliga, 21a giornata: spicca Bayern Monaco-Schalke 0420130209092439Bundesliga21a giornataIn Germania si gioca il 21° turno di campionato e sicuramente l'incontro di cartello è quello che vedrà di fronte&nbsp;la capolista Bayern e lo Schalke. In altri anni, però, sarebbe stata certamente una partita "scudetto", adesso, invece, è solo una partita importante per il blasone più che per la classifica vera e propria.&nbsp;Il Bayern&nbsp;non ha bisogno di presentazioni. E'&nbsp;la dominatrice assoluta della Bundesliga fin dalla primagiornata con 16 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, e dodici punti di vantaggio sul Borussia Dortmund secondo. Nelle tre partite del 2013 sono arrivate tre vittorie con otto gol segnati e zero subiti. Di contro, lo Schalke 04 è in&nbsp;coma irreversibile:&nbsp;nelle ultime otto partite ha vinto una sola volta, e anche il cambio di allenatore, arrivato a dicembre, non ha dato alla squadra la scossa decisiva per invertire la tendenza. Ormai anche la qualificazione alla prossima Champions League, che fino a novembre sembrava una formalità, è quasi&nbsp;del tutto&nbsp;compromessa, anche per via delle numerose ed importanti&nbsp;assenze dei vari Fuchs, Papadopoulos, Afellay, Moritz, Huntelaar e Marica.<BR><BR>Il Dortmund, secondo in classifica, sarà impegnato in casa contro l'Amburgo,&nbsp;che, dalle ultime uscite,&nbsp;sembra&nbsp;nettamente in crescita. In zona Champions l'Eintracht affronterà il Norimberga in casa, mentre il Leverkusen se la dovrà vedere contro il Monchengladbach. Hannover e Werder, che puntano ancora ad un piazzamento per la qualificazione alla prossima Europa League, cercano i 3 punti, rispettivamente, in casa contro l'Hoffenheim e fuori casa contro lo Stoccarda.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Werder Brema</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Bayer L.</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Norimberga</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Hoffenheim</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Schalke </STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Augsburg-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Fortuna</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-21-spicca-bayern-schalke-1010316.htmSi100427901,02,03010160
1661010269NewsCalciomercatoLazio, arriva l`annuncio: preso Saha20130206155448lazio, sahaLazio SahaLa Lazio vuole Louis Saha. Ed è convinta di poterlo prendere e tesserare, dopo il suo arrivo a Roma e l'accordo raggiunto per 500mila euro fino a giugno. E' stata annunciata la presentazione della punta francese alle 19 di oggi: "Si comunica che alle ore 19:00, preso il Centro Sportivo di Formello, si terrà la conferenza stampa di presentazione di Louis Saha, nuovo acquisto biancoceleste", si legge sul sito del club. La Lazio spiegherà i motivi e i dettagli di quest'operazione: da quanto trapela, il club si appiglia al regolamento FIFA che parla di un contratto "expired", quindi concluso, entro le 19 del 31 gennaio. Una norma che consentirebbe quindi il tesseramento anche in seguito, come appunto la Lazio conta di concludere per Saha, perché il contratto del francese non è scaduto ma è stato risolto per mutuo consenso. E per la FIFA, conta che il legame con il vecchio club sia appunto terminato. Le regole italiane sono diverse, la FIGC è autorizzata a registro dalla FIFA ma non è obbligata: essendo la Lazio convinta di poter tesserare Saha, quindi, evidentemente verrà accettato il trasferimento. Intanto, la presentazione è fissata e Saha viene definito già un nuovo acquisto biancoceleste...C1007650adm001adm001saha.jpgSiNlazio-ce-l-annuncio-preso-saha-1010269.htmSiT1000018100075701,02,03030193
1671010216NewsCalcio EsteroLiga, 23a giornata: pari Barça a Valencia, Atletico Madrid a -920130204104932Liga23a giornataLa domenica della 22a giornata di Liga vede impattare la capolista Barcellona al Mestalla di Valencia. Messi, su rigore, risponde all’iniziale vantaggio di Banega per i padroni di casa che mancano, così,&nbsp;l’aggancio al quarto posto.&nbsp;Vittoria di misura per l'Atletico Madrid contro il Betis; risolve Diego Costa al 16′ del secondo tempo. I “Colchoneros” continuano a tenere aperto il discorso titolo ma ciò che più conta, per i biancorossi, è l’aver allungato sui cugini del Real in classifica, ora distanti 7 punti. Rimane al quarto posto il Malaga che però non va oltre l’1-1 casalingo contro il Real Saragozza. La sorpendente Real Sociedad rifila un secco 3-0 al Maiorca grazie ai gol di Castro, Carlos Vela e Ifran. Baschi, quindi, in piena lotta per un posto in Europa mentre per gli isolani è notte fonda; solo 17 punti conquistati finora, quarta sconfitta consecutiva. Infine da segnalare il successo del Siviglia che supera per 2-1 il Rayo Vallecano con le reti di Rakitic e Negredo. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Malaga-Real Zaragoza 1-1&nbsp;&nbsp; 23'Isco(M) - 14'Postiga(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Rayo 2-1&nbsp;&nbsp; 45'Rakitic-55'Negredo(S) - 51'Dominguez(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Barcellona 1-1&nbsp;&nbsp; 33'Banega(V) - 39'Messi(B)</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Betis 1-0&nbsp;&nbsp; 61'D.Costa</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Maiorca 3-0&nbsp;&nbsp; 55'G.Castro-70'Vela-88'Ifran</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Osasuna-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 55'Armenteros</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Deportivo 3-1&nbsp;&nbsp; 12'Pizzi(D) - 25'Castro-81'Vazquez-84'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Levante 3-2&nbsp;&nbsp;41'A.gol DeLaFuente-67'Stuani-69'S.Garcia(E) - 47'R.Garcia-87'Martins(L)&nbsp;</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Granada-Real Madrid 1-0&nbsp;&nbsp; 22'A.gol Cristiano Ronaldo</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Valladolid-At.Bilbao 2-2&nbsp;&nbsp; 8'Guerra-15'Bueno(V) - 22'DeMarcos-50'Susaeta(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR><STRONG></STRONG>1)Barcellona 59<BR>2)At.Madrid 50<BR>3)Real Madrid 43<BR>4)Malaga 36<BR>5)Betis 35<BR>6)Valencia 34<BR>7)Rayo 34<BR>8)Levante 33<BR>9)Real Sociedad 33<BR>10)Valladolid 29<BR>11)Getafe 29<BR>12)Siviglia 29<BR>13)At.Bilbao 26<BR>14)Espanyol 25<BR>15)Real Saragozza 24<BR>16)Granada 23<BR>17)Osasuna 21<BR>18)Celta 20<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-ventitreesima-giornata1010216.htmSi100427901,02,03010192
1681010212NewsCalcio EsteroPremier League, 25a giornata: City fermato dal Liverpool, United a +920130204103668Bundesliga25a giornataA Manchester, sponda City, &nbsp;il Liverpool, nell’ultimo match della 25a giornata, ha&nbsp;fermato sul pari i padroni di casa. Il distacco dal Manchester United si rende sempre più grande e, a meno di clamorosi ma improbabili scivoloni dei Reds, possiamo dire che la Premier League è finita. Lo United adesso ha nove punti di vantaggio sulla squadra Campione d’Inghilterra.&nbsp;Gara molto combattuta: Dzeko al 20’ realizza l’undicesimo gol in campionato; al 29’ Joe Hart subisce il primo gol del 2013, a trafiggerlo è stato il suo connazionale Daniel Sturridge; al 73’ Steven Gerrard con uno stupendo tiro di destro&nbsp;porta in vantaggio i ‘Reds’, che vengono, infine,&nbsp;raggiunti da Aguero per il 2-2 finale. Nell’altro incontro giocato ieri, il Tottenham ha vinto 1-0 in casa del West Bromwich. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>WBA-Tottenham 0-1&nbsp;&nbsp; 67'Bale</STRONG><BR><BR><STRONG>Man.City-Liverpool 2-2&nbsp;&nbsp; 23'Dzeko-78'Aguero(M) - 29'-73'Sturridge(L)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>QPR-Norwich 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Arsenal-Stoke 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp;78'podolski</STRONG><BR><BR><STRONG>Everton-Aston Villa 3-3&nbsp;&nbsp; 2'-61'Benteke-24'Agbonihaor(A) - 21'Anichebe-69'-90'Fellaini(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Reading-Sunderland 2-1&nbsp;&nbsp; 7'-85'Kebe(R) - 29'Gardner(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Newcastle-Chelsea 3-2&nbsp;&nbsp; 41'Gutierrez-68'-90ìSissoko(N) - 55'Lampard-61'Mata(C)</STRONG><BR><BR><STRONG>West Ham-Swansea 1-0&nbsp;&nbsp; 77'Carroll</STRONG><BR><BR><STRONG>Wigan-Southampton 2-2&nbsp;&nbsp; 25'Caldwell-90'Maloney(W) - 64'lambert-85'Schneiderlin(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Fulham-Man.United 0-1&nbsp; 79'Rooney</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Manchester U. 62<BR>2)Manchester C. 53<BR>3)Chelsea 46<BR>4)Tottenham 45<BR>5)Everton 42<BR>6)Arsenal 41<BR>7)Liverpool 36<BR>8)WBA 34<BR>9)Swansea 34<BR>10)Stoke 30<BR>11)West Ham 30<BR>12)Sunderlan29<BR>13)Norwich 28<BR>14)Fulham 28<BR>15)Newcastle 27<BR>16)Southampton 24<BR>17)Reading 23<BR>18)Aston Villa 21<BR>19)Wigan 21<BR>20)QPR 17<BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>InghilterraFL0411FL0411Suarez-Gerrard1_2818422.jpgSiNpremier-league-giornata-25-city-fermato-dal-liverpool-united-a-piu-9-1010212.htmSi100427901,02,03010161
1691010211NewsCalcio EsteroBundesliga, 20a giornata: Dortmund corsaro a Leverkusen20130204102134Bundesliga20a giornataLa domenica di Bundesliga valida per la 20a giornata dà vita ad una partita incredibile alla 'BayArena' tra Bayer e Borussia Dortmund, divise da un solo punto. Gli uomini di Klopp passano in vantaggio con Reus e raddoppiano col rigore di Blaszczykowski. Poi la doppietta in cinque minuti di Reinartz riporta la situazione in parità. Un minuto dopo è Lewandowski a regalare la vittoria ai gialloneri che falliscono anche un rigore a venti dalla fine per archiviare la pratica, sempre con Blaszczykowski. I campioni in carica adesso tornano solitari al secondo posto dietro, ma lontanissimi,&nbsp;il Bayern Monaco.<BR>Nell'altro incontro di giornata il Norimberga ha avuto la meglio sul Borussia Moenchengladbach per 2-1.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Norimberga-Borussia M. 2-1&nbsp;&nbsp; 4'Simons-30'Pekhart(N) - 58'Hermann(B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Borussia D. 2-3&nbsp;&nbsp; 3'Reus-9'Blaszczykowski-63'Lewandowski(BD) - 58'-62'Reinartz(BL)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Schalke-Greuther 1-3&nbsp;&nbsp; 47'Bastos(S) - 52'Klaus-90'Djurdjic</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Augsburg 1-1&nbsp;&nbsp; 23'Naldo(W) - 25'Moravek(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Bayern M. 0-3&nbsp;&nbsp; 41'Muller-50'-57'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Stoccarda 3-1&nbsp;&nbsp; 10'-37'Kruse-76'Fink(F) - 60'Gentner(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Friburgo 2-1&nbsp;&nbsp; 10'-26'Volland(H) - 4'Kruse(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo-Eintracht 0-2&nbsp;&nbsp; 22'-36'Lakic</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Werder-Hannover 2-0&nbsp;&nbsp; 85'-88'Petersen</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Bayern 51<BR>2)Borussia D. 39<BR>3)Bayer L. 37<BR>4)Eintracht 36<BR>5)Mainz 30<BR>6)Schalke 29<BR>7)Borussia M. 29<BR>8)Friburgo 28<BR>9)Amburgo 28<BR>10)Hannover 26<BR>11)Stoccarda 25<BR>12)Werder 25<BR>13)Norimberga 24<BR>14)Fortuna 24<BR>15)Wolfsburg 23<BR>16)Hoffenheim 16<BR>17)Augsburg 14<BR>18)Greuther 12<BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411lewandowski.jpgSiNbundesliga-giornata-20-dortmund-corsaro-a-leverkusen-1010211.htmSi100427901,02,03010165
1701010206NewsCalcio EsteroBundesliga,20a giornata:Bayern «tritatutto»20130203101880Bundesliga20a giornataNeanche il sorprendente Magonza riesce nell'impresa di fermare la marcia trionfale della capolista della Bundesliga Bayern Monaco; i bavaresi, come una corazzata,&nbsp;abbattono&nbsp;in trasferta la buona e intraprendente&nbsp;compagine biancorossa, mettendosi, ora, comodamente&nbsp;ad assistere allo&nbsp;scontro diretto&nbsp;odierno per il secondo posto tra il Bayer Leverkusen e il Borussia Dortmund. Risolvono la gara una doppietta del&nbsp;bomber Mandzukic e un gol di Muller. Sa di clamoroso la sconfitta dello Schalke 04, che, incredibilmente, crolla&nbsp;al “Veltins Arena” sotto i colpi del modesto Greuther Furth, alla sua seconda vittoria stagionale. Per quanto riguarda la lotta salvezza si registra un'ottima vittoria dell’Hoffenheim, che batte 2-1 in casa il Friburgo in rimonta, mentre non va oltre un pareggio l’Augsburg, 1-1 a Wolfsburg. Crolla lo Stoccarda a Dusseldorf contro il Fortuna, mentre la matricola Eintracht Francoforte continua a meravigliare tutti rifilando un rotondo 2-0, in trasferta, all'Amburgo.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Schalke-Greuther 1-3&nbsp;&nbsp; 47'Bastos(S) - 52'Klaus-90'Djurdjic</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Augsburg 1-1&nbsp;&nbsp; 23'Naldo(W) - 25'Moravek(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Bayern M. 0-3&nbsp;&nbsp; 41'Muller-50'-57'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Stoccarda 3-1&nbsp;&nbsp; 10'-37'Kruse-76'Fink(F) - 60'Gentner(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Friburgo 2-1&nbsp;&nbsp; 10'-26'Volland(H) - 4'Kruse(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo-Eintracht 0-2&nbsp;&nbsp; 22'-36'Lakic</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Norimberga-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Borussia D.</STRONG><br><br> Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Werder-Hannover 2-0&nbsp;&nbsp; 85'-88'Petersen</STRONG><BR><BR><BR><BR><br><br>GermaniaFL0411FL0411muller.jpgSiNbundesliga-giornata-20-bayern-trita-anche-il-mainz-1010206.htmSi100427901,02,03010380
1711010205NewsCalcio EsteroLiga,22a giornata: Real sconfitto, a tradirlo è Ronaldo20130203095884Liga22a giornataNel sabato di Liga succede quello che nessuno si aspetta. Che il Real Madrid perda su un campo abbordabilissimo o che, comunque,&nbsp;non riesca a trarre profitto da un turno che sulla carta&nbsp;sembra essere&nbsp;favorevole non scandalizza più nessuno, ma che a tradirlo sia proprio Cristiano Ronaldo, il suo uomo di punta, è la cartina di tornasole di quella&nbsp;che è una stagione fallimentare, almeno per quanto riguarda il campionato.&nbsp;Capita anche ai migliori, è successo anche a lui che è uno specialista del gol. Correva il minuto 22: CR7 devia nella propria porta un corner calciato dalla sinistra da Nolito e insacca nella propria porta.&nbsp;Brinda all'evento il piccolo Granada che vince 1-0 e incamera 3 punti da sogno. Gli andalusi abbandonano, così, il terzultimo posto in classifica&nbsp;esattamente come l’Osasuna che grazie ad una rete di Armenteros al 55′ riesce ad avere la meglio sul Celta. Crolla&nbsp;di nuovo&nbsp;il fanalino di coda della classifica, il Deportivo, che&nbsp;perde in casa del Getafe.&nbsp;Scoppiettante 3-2, invece,&nbsp;in Espanyol-Levante. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Osasuna-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 55'Armenteros</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Deportivo 3-1&nbsp;&nbsp; 12'Pizzi(D) - 25'Castro-81'Vazquez-84'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Levante 3-2&nbsp;&nbsp;41'A.gol DeLaFuente-67'Stuani-69'S.Garcia(E) - 47'R.Garcia-87'Martins(L)&nbsp;</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Granada-Real Madrid 1-0&nbsp;&nbsp; 22'A.gol Cristiano Ronaldo</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Malaga-Real Zaragoza</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Rayo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Barcellona</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Maiorca</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Valladolid-At.Bilbao 2-2&nbsp;&nbsp; 8'Guerra-15'Bueno(V) - 22'DeMarcos-50'Susaeta(A)</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411cristiano-mourinho.jpgSiNliga-giornata-22-real-perde-tradito-da-ronaldo-1010205.htmSi100427901,02,03010157
1721010202NewsCampionatiLIVE - Serie B: risultati e marcatori20130202170752serie bSerie BI risultati e i marcatori della Serie B. Match ore 15.<br><br> Finali<br><br> <BR>Brescia-Spezia 0-0<br><br> Cittadella-Crotone 2-2 (Eramo, Crisetig, Schiavon, Coly)<br><br> Grosseto-Padova 1-1 (Autogol Piccinni, rig. Cutolo)<br><br> Livorno-Pro Vercelli 2-0 (Paulinho, Siligardi)<br><br> Novara-Cesena 0-1 (Tonucci)<br><br> Sassuolo-Empoli 1-1 (Rig. Terranova, Regini)<br><br> Ternana-Bari 0-0<br><br> Varese-Modena 2-0 (Franco, Filipe)<br><br> Vicenza-Juve Stabia 1-2 (Cellini, rig. Bojinov, Improta)<BR><br><br>C1007651adm001adm001tifosi.jpgSiNserie-b-risultati-e-marcatori-1010202.htmSi100075701,02,03,06030196
1731010195NewsCalcio EsteroBundesliga,20a giornata:Petersen regala la vittoria al Werder,Bayern sul campo del Mainz20130202093335Bundesliga20a giornataSi gioca il&nbsp;20° turno in Bundesliga e nell'anticipo uno strepitoso Nils Petersen ha regalato la vittoria al Werder Brema nei minuti finali dell'incontro.&nbsp;La prima marcatura, giunta all'85'&nbsp;è nata&nbsp;da un’invenzione di Elia che,&nbsp;libertosi sulla sinistra, ha servito l’assist vincente all'attaccante di proprietà del Bayern Monaco. Dopo solo 3 minuti,&nbsp;&nbsp;è stato, poi, Yildirim a mettere&nbsp;al centro&nbsp;per l'eroe di giornata,&nbsp;Petersen, che ha concluso&nbsp;al volo di sinistro.<br><br> Oggi scenderà&nbsp;in campo la capolista Bayern Monaco sul campo della rivelazione Mainz: i bavaresi potrebbero&nbsp;soffrire contro la compagine di Tuchel. Certo, il Bayern Monaco è sempre favorito, tuttavia il Magonza è una squadra solida, soprattutto in casa, e può dare fastidio anche allo squadrone bavarese.&nbsp;Entrambe le squadre subiscono pochissimo: in trasferta il Bayern ha subito 1 gol in 9 partite e in casa il Mainz ne ha subiti 6 sempre in 9 incontri. Il sabato di Bundesliga offre altri interessanti incontri, come Amburgo-Eintracht, che vale per l'Europa e i sogni di Champions&nbsp;e gli incontri casalinghi del Wolfsburg e dello Schalke, che potrebbero essere utili a risalire la china per entrambe.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Werder-Hannover 2-0&nbsp;&nbsp; 85'-88'Petersen</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Schalke-Greuther</STRONG><br><br> <STRONG>Wolfsburg-Augsburg</STRONG><br><br> <STRONG>Mainz-Bayern M.</STRONG><br><br> <STRONG>Fortuna-Stoccarda</STRONG><br><br> <STRONG>Hoffenheim-Friburgo</STRONG><br><br> <STRONG>Amburgo-Eintracht</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Norimberga-Borussia M.</STRONG><br><br> <STRONG>Bayer L.-Borussia D.</STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-20-werder-vincente-bayern-sul-campo-del-mainz-1010195.htmSi100427901,02,03010142
1741010194NewsCalcio EsteroLiga,22a giornata:pari in rimonta per l`Athletic, stasera il Real di scena a Granada20130202091828Liga22a giornataNell'anticipo di ieri sera della 22a giornata della Liga spagnola, pareggio in rimonta per&nbsp;l'Athletic Bilbao, che strappa un punto&nbsp;preziosissimo al Jose Zorrilla&nbsp;di Valladolid. I padroni di casa partono subito fortissimo e dopo un quarto d’ora&nbsp;si portano&nbsp;già sul 2-0 grazie alle reti di Javi Guerra e Bueno, ma la reazione dei baschi è veemente e già al 22′ arriva il gol di De Marcos che accorcia le distanze. La rimonta è completata ad inizio ripresa quando Susaeta&nbsp;mette in rete&nbsp;il 2-2 finale.<br><br> Potrebbe essere nel complesso una giornata favorevole per il Real Madrid di Mourinho che, vola a Granada per&nbsp;ridurre lo svantaggio dalla capolista, in attesa&nbsp;che scenda in campo&nbsp;domani sera al 'Mestalla' di Valencia. Un Valencia che, nonostante tutto, è riuscito a racimolare 12 punti nelle ultime cinque partite. Da segnalare anche lo scontro salvezza odierno&nbsp;tra Osasuna e Celta Vigo. La squadra di Mendilibar viene dal pesantissimo ko subito contro il Barcellona, il Celta invece sembra vivere un buon momento, come testimoniano i due pareggi&nbsp;ottenuti contro il&nbsp;Malaga e la Real Sociedad.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Valladolid-At.Bilbao 2-2&nbsp;&nbsp; 8'Guerra-15'Bueno(V) - 22'DeMarcos-50'Susaeta(A)</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Osasuna-Celta</STRONG><br><br> <STRONG>Getafe-Deportivo</STRONG><br><br> <STRONG>Espanyol-Levante</STRONG><br><br> <STRONG>Granada-Real Madrid</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Malaga-Real Zaragoza</STRONG><br><br> <STRONG>Siviglia-Rayo</STRONG><br><br> <STRONG>Valencia-Barcellona</STRONG><br><br> <STRONG>At.Madrid-Betis</STRONG><br><br> <STRONG>Real Sociedad-Maiorca</STRONG><br><br>SpagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-22-bilbao-pareggia-in-rimonta-real-di-scena-a-granada-1010194.htmSi100427901,02,03010145
1751010158NewsCalcio EsteroSemifinale di Coppa del Re: è il giorno del «Classico»20130130103002Coppa del Re Semifinale d`andataAncora una volta si incrocia il cammino delle due squadre più titolate di Spagna in quella che sarà una doppia sfida palpitante , un duello all'ultimo sangue. Il "Classico" odierno sarà segnato da parecchie assenze, tutte madridiste: Casillas, Segio Ramos, Pepe, Coentrao e Di Maria, infatti, non saranno dell'incontro.&nbsp; Dopo aver eliminato rispettivamente Valencia e Malaga, Real Madrid e Barcellona si affrontano nella semifinale di andata di Coppa del Re. Il Barça ha vinto 26 volte questa competizione,&nbsp;il Real&nbsp;18. <BR><BR>In casa Real si respira un'aria malsana. Dopo le voci che si susseguono di uno spogliatoio al limite dell'ammutinamento, il presidente Perez&nbsp;si è visto obbligato&nbsp;a rompere il suo consueto silenzio per confermare sulla panchina madridista Mourinho e smentire l’ultimatum dei "senatori" dello spogliatoio. Archiviata la Liga, dove sembra ormai svanite qualsiasi speranza ed ambizione di vittoria,&nbsp;il Real&nbsp;proverà ad andare avanti in Coppa del Re ed in Champions.&nbsp; In casa Barcellona, invece, lo stato d'animo è dei migliori.&nbsp;In pieno controllo della Liga, il Barça cercherà più che altro di indispettire ancora una volta i rivali di sempre. L'unico assente sarà Tito Villanova, partito&nbsp;per New York per alcuni controlli medici. A guidare la squadra sarà il vice Roura. <BR><BR>Probabili formazioni:<BR><BR>Real Madrid (4-2-3-1): Adan; Albiol, Carvalho, Varane, Marcelo; Khedira, Alonso; Callejon, Ozil, Ronaldo; Benzema. <BR><BR>Barcellona (4-3-3): Pinto; Alves, Pujol, Pique, Alba; Busquets, Xavi, Fabregas; Iniesta, Pedro, Messi.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>MadridFL0411FL0411cristiano-mourinho.jpgSiNsemifinale-andata-coppa-del-re-real-madrid-barcellona-1010158.htmSi100427901,02,03010211
1761010137NewsCalcio EsteroLiga,21a giornata:vincono Barça e Real, crolla l`Atletico Madrid20130128104842Liga21a giornataValanga di gol nella domenica della 21a giornata di Liga spagnola. Il Barcellona capolista allunga sull’Atletico Madrid sconfitto a Bilbao e mantiene 15 punti di vantaggio sul Real Madrid. Il Barça&nbsp; ha travolto l'Osasuna 5-1 con poker di Leo Messi e gol di Pedro Rodriguez. Il quattro volte Pallone d’Oro sale a quota 33 reti in 21 partite. Tripletta per Cristiano Ronaldo nel 4-0 finale&nbsp;contro il Getafe. Esce sconfitto&nbsp;e in malo modo&nbsp;dal campo dell’Athletic Bilbao la formazione di Diego Simeone: 3-0 secco firmato da San José, Susaeta e De Marcos. Ora sono solo 4 le lunghezze di vantaggio dei “Colchoneros” sui&nbsp;"cugini" del Real&nbsp;Madrid, che inseguono in terza posizione. Il Rayo Vallecano vince la sfida per l’Europa contro il Real Betis 3-0 e di fatto riapre la corsa per il quarto posto Champions. In soli due punti ci sono sei squadre che si contenderanno la qualificazione nell’Europa che conta. Approfitta del passo falso del Betis per salire al quarto posto in solitaria il Malaga che vince 3-2 in casa del Maiorca grazie ai gol di Saviola, Isco e Nacho Monreal.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Getafe 4-0&nbsp;&nbsp; 53'Ramos-62'-65'-72'Cristiano Ronaldo</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-Betis 3-0&nbsp;&nbsp; 3'Piti-64'Delibasic-82JoseCarlos</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Osasuna 5-1&nbsp;&nbsp; 11'-28'-56'-58'Messi-40'Pedro(B) - 24'Loe(O)</STRONG><BR><BR><STRONG>Atl.Bilbao-Atl-Madrid 3-0&nbsp;&nbsp; 50'Mikel-77'Susaeta-84'DeMarcos</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-Malaga 2-3&nbsp;&nbsp; 11'Saviola-16'Isco-62'Monreal(MAL) - 27'Victor-71'Giovani(MAI)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Celta-Real Sociedad 1-1&nbsp;&nbsp; 32'KhronDelhi(C) - 59'Elustondo(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Valladolid 2-1&nbsp;&nbsp; 8'Baraja(V) - 44'Barkero-90'A-gol Rukavina(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Espanyol 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Valencia 2-3&nbsp;&nbsp; 1'Jonas-63'Valdez-90'R.Costa(V) - 32'-45'SanchezRiki(D)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Siviglia-Granada</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Barcellona 58<BR>2)At.Madrid 47<BR>3)Real Madrid 43<BR>4)Betis 35<BR>5)Malaga 35<BR>6)Rayo 34<BR>7)Levante 33<BR>8)Valencia 33<BR>9)Real Sociedad 30<BR>10)Valladolid 28<BR>11)Getafe 26<BR>12)At.Bilbao 25<BR>13)Siviglia 23<BR>14)Real Saragozza 23<BR>15)Espanyol 22<BR>16)Granada 20<BR>17)Celta 20<BR>18)Osasuna 18<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<br><br> &nbsp;<br><br> <BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-21-vincono-barça-e-real-crolla-l-atletico-madrid-1010137.htmSi100427901,02,03010116
1771010135NewsCalcio EsteroBundesliga, 19a giornata: il Bayern Monaco allunga20130128103332Bundesliga19a giornataIl Bayern Monaco continua a&nbsp;vincere e lo fà&nbsp;al 'Mercedes Benz Arena' di Stoccarda, inanellando la quindicesima vittoria in campionato (ottava in trasferta) e superando per 2-0 lo Stoccarda grazie alle reti realizzate nel secondo tempo&nbsp;da Mandukic e Muller. Il Bayern si affida soprattutto al possesso palla ma nel primo tempo non riesce a concretizzare la mole di gioco prodotta. Ad inizio ripresa, però, un&nbsp;errore di Molinaro&nbsp;spiana la strada ai bavaresi con&nbsp;un retropassaggio suicida sul quale si avventa Mandzukic, che supera Ulreich e deposita il pallone in rete.&nbsp;Il Bayern, quindi, allunga anche&nbsp;in virtù del pareggio di sabato tra Bayer Leverkusen e Friburgo; sono adesso undici i punti di vantaggio sulle 'Aspirine'. Bella partita anche ad Amburgo fra i padroni di casa e il Werder Brema. Sono gli ospiti a segnare per primi con Lukimya, ma poi subiscono la rimonta della squadra di Fink, in rete con Min Son e Aogo a inizio ripresa. Rudnevs segna anche il terzo goal, che rende vano il goal di Papastathopoulos due minuti dopo. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Amburgo-Werder 3-2&nbsp;&nbsp; 9'Mulongo-54'Papastathopulos(A) - 22'MinSon-46'Aogo-52'Rudnevs(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Bayern M. 0-2&nbsp;&nbsp; 50'Mandzukic-72'Muller</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Norimberga 3-0&nbsp;&nbsp; 18'-21'Blaszczykowski-88'Lewandowski</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Greuther F.-Mainz 0-3&nbsp;&nbsp; 54'-84'Szalai-66'Malli</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Hoffenheim 2-1&nbsp;&nbsp; 35'Lanig-68'Aigner(E) - 65'Volland(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Fortuna 2-1&nbsp;&nbsp; 6'A-gol Gonzalez-14'Hermann(B) - 50'Schahin(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Schalke 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Wolfsburg 2-1&nbsp;&nbsp; 3'Abdellaoue-38'Diouf(H) - 47'Madlung(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Bayer L. 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Bayern 48<BR>2)Bayer L. 37<BR>3)Borussia D. 36<BR>4)Eintracht 33<BR>5)Mainz 30<BR>6)Schalke 29<BR>7)Borussia M. 29<BR>8)Friburgo 28<BR>9)Amburgo 28<BR>10)Hannover 26<BR>11)Stoccarda 25<BR>12)Werder 22<BR>13)Wolfsburg 22<BR>14)Fortuna 21<BR>15)Norimberga 21<BR>16)Hoffenheim 13<BR>17)Augsburg 13<BR>18)Greuther 9<BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411muller.jpgSiNbundesliga-giornata-19-il-bayern-monaco-allunga-1010135.htmSi100427901,02,03010105
1781010129NewsCalcio EsteroLiga, 21a giornata:riscatto Valencia, oggi in campo tutte le big20130127095449Liga21a giornataIn attesa delle sfide di Real, Barça e Atletico Madrid, in programma oggi, la 21a giornata di Liga spagnola registra il riscatto del Valencia dopo le batoste inflittegli dal Real. Valencia che rischia tantissimo al “Riazor”di&nbsp;La Coruna&nbsp;ma al 90′ vince 3-2 e continua ad avvicinare la zona Champions. Vince in rimonta anche l'altra squadra di Valencia, il Levante, che reagisce all’iniziale vantaggio del Valladolid con uno splendido gol su punizione di Barkero e l’autorete al 90′ di Rukavina. Una vittoria che permette ai "granotes" di salire al sesto posto a -3 dal Betis quarto in classifica. Pareggi, infine nelle sfide tra Celta Vigo e Real Sociedad e Saragozza-Espanyol. <BR><BR>All'ora di pranzo il Real Madrid se la vedrà contro il Getafe in quella che può rappresentare la partita in grado di dare il là alla riscossa delle 'Merengues'. Non in ottica primo posto, ma magari per veder aumentare le chances di sfilare la seconda piazza ai 'cugini' dell'Atletico. Il Barcellona affronterà l'Osasuna nel tardo pomeriggio e, al cospetto di una delle formazioni in maggiore difficoltà durante questi sei mesi di campionato, non si lascerà sfuggire la possibilità di riscattare il clamoroso ko rimediato a San Sebastian la scorsa settimana. L'Atletico di Simeone, invece, alle 21&nbsp;si recherà&nbsp;nella tana di un Bilbao sempre ostico nonostante la bassa classifica. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Celta-Real Sociedad 1-1&nbsp;&nbsp; 32'KhronDelhi(C) - 59'Elustondo(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Valladolid 2-1&nbsp;&nbsp; 8'Baraja(V) - 44'Barkero-90'A-gol Rukavina(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Espanyol 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Valencia 2-3&nbsp;&nbsp; 1'Jonas-63'Valdez-90'R.Costa(V) - 32'-45'SanchezRiki(D)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Osasuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Atl.Bilbao-Atl-Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-Malaga</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Siviglia-Granada</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-giornata-21-riscatto-valencia-oggi-in-campo-tutte-le-big-1010129.htmSi100427901,02,03010125
1791010128NewsCalcio EsteroBundesliga,19a giornata:pari Leverkusen, il Bayern Monaco può volare20130127094118Bundesliga19a giornataIl sabato della Bundesliga ha registrato il ritorno alla vittoria delle due sorprese della stagione, l'Eintracht Francoforte ed il Mainz. La neo promossa Eintracht batte, anche se&nbsp;faticando molto,&nbsp;il sempre più&nbsp;traballante Hoffenheim, rafforzando il quarto posto che&nbsp;significherebbe preliminari di Champions League, mentre i biancorossi di Magonza strapazzano in trasferta il fanalino di coda Greuther Fürth, punito dal solito implacabile bomber&nbsp;ungherese Szalai. Bene anche l’Hannover, che regola 2-1 il Wolfsburg, mentre lo Schalke 04 torna nell’anonimato, pareggiando nella trasferta di Augsburg. Non sorride nemmeno il Bayer Leverkusen fermato sullo 0-0 dal Friburgo. Rossoneri nuovamente al secondo posto solitario, ma le rivali si avvicinano.<BR><BR>Il&nbsp;Bayern Monaco&nbsp;ha, quindi, la possibilità di allungare ulteriormente&nbsp;e dovrà vedersela in trasferta contro lo Stoccarda, squadra dal rendimento sicuramente non all'altezza del suo blasone. E' probabile che gli uomini guidati da Jupp Heynckes possano&nbsp;fare bottino pieno, anche perchè fino ad ora il Bayern, nelle otto trasferte sin qui affrontate, ha subìto solo un gol (1-1 a Norimberga) segnandone ben venti e conquistando sette vittorie.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Norimberga 3-0&nbsp;&nbsp; 18'-21'Blaszczykowski-88'Lewandowski</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Greuther F.-Mainz 0-3&nbsp;&nbsp; 54'-84'Szalai-66'Malli</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Hoffenheim 2-1&nbsp;&nbsp; 35'Lanig-68'Aigner(E) - 65'Volland(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Fortuna 2-1&nbsp;&nbsp; 6'A-gol Gonzalez-14'Hermann(B) - 50'Schahin(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Schalke 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Wolfsburg 2-1&nbsp;&nbsp; 3'Abdellaoue-38'Diouf(H) - 47'Madlung(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Bayer L. 0-0</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Amburgo-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Bayern M.</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-19-pari-leverkusen-bayern-alla-prova-stoccarda-1010128.htmSi100427901,02,03010101
1801010127NewsCalcio EsteroLigue 1, 22a giornata:Marsiglia pari a Rennes, Psg in campo per una fuga a due20130127092552Ligue 122a giornataIl Marsiglia non tiene il passo del Lione, corsaro a Valenciennes nell’anticipo del venerdì, e racimola solo un punto sul campo del Rennes,&nbsp;quarto in classifica: non bastano i gol dei fratelli Ayew ai marsigliesi, ripresi per due volte dai rossoneri di Antonetti. E’ il sabato dei colpi di coda visto che vincono sia il Nancy, in casa con il Lorient, che il Troyes (che ospitava il Brest). Le ultime due della graduatoria rosicchiano due punti a Evian e Ajaccio, incapaci di superarsi nello scontro diretto. Si riavvicina alla zona calda anche il Sochaux, sconfitto a Montpellier dai gol di Herrera e Utaka. Prende un punto anche la terzultima in classifica, il Reims, che&nbsp;pareggia 1-1 col Tolosa. <BR><BR>Stasera il Psg è obbligato a vincere per riacciuffare il Lione e tentare una piccola fuga a due. Difficilmente gli uomini di Ancelotti lasceranno punti per strada contro una squadra, il Lille, che non sembra poter essere in grado nemmeno di giocarsi una partita da difesa ad oltranza e contropiede.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Valenciennes-Lione 0-2&nbsp;&nbsp; 8'Fofana-28'Gomis</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Rennes-Marsiglia 2-2&nbsp;&nbsp; 37'A. Ayew-82'J. Ayew(M) - 59'Catherin-88'Alessandrini(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Montpellier-Sochaux 2-0&nbsp;&nbsp; 28'Herrera-34'Utaka</STRONG><BR><BR><STRONG>ETG-Ajaccio 1-1&nbsp;&nbsp; 36'Oliech(A) - 53'Wass(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Reims-Tolosa 1-1&nbsp;&nbsp; 56'Capoue(T) - 74'Krychowiak(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Nancy-Lorient 2-1&nbsp;&nbsp; 36'Efoulou-71'Puygrenier(N) - 50'Aliadiere(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Troyes-Brest 2-1&nbsp;&nbsp; 44'Camus-54'Darbion(T) - 61'Ben Vasat(B)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Saint Etienne-Bastia</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-Bordeaux</STRONG><BR><BR><STRONG>PSG-Lille</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR><BR>FranciaFL0411FL0411c_3_media_1567900_immagine_ts673_400.jpgSiNligue-1-giornata-22-pari-marsiglia-stasera-psg-lille-1010127.htmSi100427901,02,03010135
1811010121NewsCalcio EsteroLiga, 21a giornata: scontro per l`Europa Levante-Valladolid, le big in campo domani20130126093990Liga21a giornataCon tutte le big impegnate domani, il sabato della 21a giornata di Liga spagnola si rende intressante per sfide che, a vario titolo, possono modificare la geografia delle posizioni delle squadre che ambiscono ad un posto al sole nel gotha del calcio europeo. Il Levante ospiterà tra le mura amiche la matricola terribile Valladolid. I Valenciani hanno bisogno dei tre punti dopo due sconfitte consecutive che gli hanno fatto perdere terreno. Di contro gli uomini di Djukic devono dimostrare di essere competitivi nonostante l'assenza per infortunio del suo uomo migliore, Ebert.&nbsp; Nel pomeriggio&nbsp;il Celta Vigo chiederà strada a una Real Sociedad ancora al settimo cielo dopo l'inaspettata vittoria sulla capolista Barcellona per scacciare via i fantasmi della bassa classifica. In serata andrà di scena un delicatissimo scontro salvezza Saragozza-Espanyol e, infine, chiuderà il sabato di liga spagnola un appassionante Deportivo-Valencia.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Celta-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Valencia</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Osasuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Atl.Bilbao-Atl-Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-Malaga</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Siviglia-Granada</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411levante.jpgSiNliga-giornata-21-big-in-campo-domani-spicca-levante-valladolid-1010121.htmSi100427901,02,03010151
1821010120NewsCalcio EsteroBundesliga, 19a giornata: Borussia Dortmund stellare acciuffa il secondo posto20130126092003Bundesliga19a giornataA Dortmund, nel match valido come anticipo della diciannovesima giornata di Bundesliga, il Borussia supera per 3-0 il Norimberga e&nbsp;si porta&nbsp;così&nbsp;al secondo posto in classifica, raggiungendo il Bayer leverkuse. A decidere&nbsp;l'incontro sono i polacchi Blaszczykowski, che prima sblocca il risultato al 18' su&nbsp;un rigore&nbsp;molto contestato dagli ospiti, e&nbsp;al 21', quando sfrutta a dovere un perfetto assist di Goetze, e Lewandowsky che, all'88', insacca su&nbsp;assist di Reus. Il Norimberga, autore di un buon primo tempo, si&nbsp; è reso spesso pericoloso dalle parti del portiere avversario. Solo una certa dose di sfortuna e qualche imprecisione in fase di rifinitura hanno impedito al Norimberga di riaprire il match nel corso della prima frazione di gioco, come peraltro ampiamente meritato.&nbsp;<BR>Oggi pomeriggio&nbsp;il Bayer&nbsp;Leverkusen se la dovrà vedere contro il Friburgo e provare a vincere per riallontanare i temibili rivali di Dortmund dalla seconda posizione e per non perdere eventuale ed ulteriore terreno dalla capolista Bayern Monaco.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Norimberga 3-0&nbsp;&nbsp; 18'-21'Blaszczykowski-88'Lewandowski</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Greuther F.-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Hoffenheim</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Fortuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Bayer L.</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Amburgo-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Bayern M.</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411lewandowski.jpgSiNbundesliga-giornata-19-borussia-dortmund-stellare-acciuffa-il-secondo-posto-1010120.htmSi100427901,02,03010116
1831010110NewsCalcio EsteroBundesliga, al via la19a giornata con Borussia Dortmund-Norimberga20130125094320Bundesliga19a giornataComincia questa sera, con il tradizionale anticipo del Venerdì, la diciannovesima giornata di Bundesliga. In campo, al Westfalen Stadion di Dortmund, i campioni di Germania in carica del Borussia e il Norimberga.<BR>Non è stata fin qui una stagione particolarmente&nbsp;avvincente per il Borussia Dortmund, almeno in Bundesliga, che ha chiuso il girone di andata a 11 punti di distacco dal Bayern Monaco, ma che ha iniziato nel migliore dei modi il 2013&nbsp;goleando il Werder&nbsp;sabato scorso. Nemmeno per il Norimberga la prima parte di stagione è stata esaltante, ma gli 8 punti di&nbsp;vantaggio sull’Hoffenheim, terz’ultimo in classifica, fanno ben sperare. Borussia Dortmund, quindi, nettamente favorito, tuttavia c'è da considerare il fatto che il&nbsp;Norimberga ha un ottima difesa, che è&nbsp;la sesta meno battuta della Bundesliga.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Norimberga</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Greuther F.-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Hoffenheim</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Fortuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Bayer L.</STRONG><BR><BR>Giocano Domenica<BR><BR><STRONG>Amburgo-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Bayern M.</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-19-anticipo-dortmund-norimberga-1010110.htmSi100427901,02,03010160
1841010106NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, è stato depositato il contratto di Llorente20130124132232juventus, llorenteJuventus LlorenteIl futuro di Fernando Llorente è bianconero. Il Nazionale spagnolo, in scadenza di contratto con l'Atletico Bilbao, ha siglato un accordo che lo legherà alla Juventus dal 1° luglio 2013. Il contratto, della durata di quattro anni, scadrà il 30 giugno 2017.<BR><BR>Fino al termine di questa stagione l'attaccante continuerà a vestire la maglia dell'Atletico Bilbao, dove ha iniziato a giocare sin da bambino e dove è diventato un campione.<BR><BR>Nato a Pamplona il 26 febbraio 1985, Llorente ha militato nella squadra basca fin dagli inizi e solo nella stagione 2003/04 si è allontanato dalla "casa madre", per fare esperienza nella formazione satellite del Baskonia. Rientrato alla base già nell'annata successiva, El Rey Leòn, questo il suo soprannome, è presto diventato un punto fermo della squadra.<BR><BR>Nelle nove stagioni vissute a Bilbao ha collezionato finora 334 presenze e 104 reti, tra Liga, Coppa del Re, Supercoppa di Spagna e competizioni europee. Fisicamente devastante, è un vero ariete in area di rigore e alle doti atletiche unisce un'ottima tecnica. Le sue qualità lo hanno portato a vestire 21 volte la maglia delle Furie Rosse, la Nazionale spagnola, con cui ha segnato 7 gol e si è laureato campione del Mondo nel 2010 e Campione d'Europa nel 2012.<BR><BR>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-arriva-l-ufficialita-di-llorente-1010106.htmSiT1000007100075701,02,03,06030328
1851010079NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Cevallos ad un passo20130122113355juventus, cevallosJuventus CevallosNon è ancora fatta per José Francisco Cevallos, ma le parti contano di chiudere presto la trattativa. La Juventus è vicina al centrocampista ecuadoriano. Classe '95, tra le caratteristiche del nuovo gioiellino quasi bianconero spiccano l'inserimento, la tecnica e il senso del gol, soprattutto di testa. Manca l'ultimo sì della Liga de Quito, l'affare si può chiudere con il prestito con diritto di riscatto fissato a 1,5 milioni di euro.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-cevallos-ad-un-passo-1010079.htmSiT1000007100075701,02,03,06030291
1861010067NewsCalcio EsteroBundesliga, 18a giornata: Bayern sempre in vetta, Bayer e Borussia non mollano20130121100147Bundesliga18a giornataNella domenica di Bundesliga con incontri validi per la 18a giornata, l'Augsburg ottiene tre punti d'oro in chiave salvezza riuscendo nell'impresa corsara a Dusseldorf contro il Fortuna.&nbsp;I padroni di casa, sotto di tre reti,&nbsp;hanno provato a recupare ma la doppietta di Resinger non è stata&nbsp;sufficiente. Accade tutto in cinque minuti, invece, fra Norimberga e Amburgo, che&nbsp;pareggiano 1-1: apre le marcature Rudnevs per gli ospiti e pareggia Pekhart per i padroni di casa. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Norimberga-Amburgo 1-1&nbsp;&nbsp; 70'Rudnevs(A) - 75'Pekhart(N)</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Augsburg 2-3&nbsp;&nbsp; 41'-71'Molders-45'Cheol Koo(A) - 73'-90'Reisinger(F)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Greuther 2-0&nbsp;&nbsp; 26'-61'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Friburgo 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht 3-1&nbsp;&nbsp; 31'Boenisch-33'Kiessling-58'Schurrle(B) - 78'Meier(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia M. 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Stoccarda 2-0&nbsp;&nbsp; 51'Diego-67'Madlung</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Borussia D. 0-5&nbsp;&nbsp; 9'Reus-19'Gotze-48'Santana-81'Lewandovski-85'Blaszczykovski</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Schalke-Hannover 5-4&nbsp;&nbsp; 44'Farfan-49'Draxler-64'Hoger-88'Holtby-90'Howedes(S) - 55'Pinto-59'-68'Huszti-90'Diouf(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Bayern 45<BR>2)Bayer L. 36<BR>3)Borussia D. 33<BR>4)Eintracht 30<BR>5)Schalke 28<BR>6)Friburgo 27<BR>7)Mainz 27<BR>8)Borussia M. 26<BR>9)Stoccarda 25<BR>10)Amburgo 25<BR>11)Hannover 23<BR>12)Werder 22<BR>13)Wolfsburg 22<BR>14)Fortuna 21<BR>15)Norimberga 21<BR>16)Hoffenheim 13<BR>17)Augsburg 12<BR>18)Greuther 9<BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-18-bayern-in-vetta-bayer-dortmund-non-mollano-1010067.htmSi100427901,02,03010137
1871010066NewsCalcio EsteroLiga, 20a giornata:goleada Real a Valencia, l`Atletico perde Falcao20130121094251Liga20a giornataIn Liga spagnola spicca&nbsp;su tutto&nbsp;la “manita”, maturata interamente nel primo tempo,&nbsp;del Real Madrid in casa del Valencia con doppiette di Cristiano Ronaldo e Di Maria e&nbsp;gol iniziale di Higuain. Real che rimane al terzo posto a -15 dalla capolista Barça e a -7 dai "cugini" dell’Atletico.&nbsp;Anche l’Atletico non ha avuto particolari problemi a liquidare l'altra squadar di Valencia, il Levante, con un secco 2-0 firmato da Adrian e Koke. Brutte notizie, però, per l'infortunio muscolare occorso a Falcao, che potrebbe rimanere fuori per una ventina di giorni. Nelle altre due sfide il Valladolid regola il Real Saragozza 2-0 portandosi a sole 3 lunghezze dalla zona&nbsp;"Europa". Da segnalare anche il colpo di coda dell’Osasuna che a Pamplona batte 2-1 il Deportivo La Coruna abbandonando così l’ultimo posto della classifica che attualmente è occupato proprio dai galiziani.<br><br> Tutti i gol della Liga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Osasuna-Deportivo 2-1&nbsp;&nbsp; 26'Sola-61'Nino(O) - 90'Camunas(D)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Saragozza 2-0&nbsp;&nbsp; 12'Guerra-74'Gonzalez</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Levante 2-0&nbsp;&nbsp; 32'Adrian-60'Koke</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Madrid 0-5&nbsp;&nbsp; 9'Higuain-34'-45'DiMaria-36'-41'C.Ronaldo</STRONG><br><br> Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Granada-Rayo 2-0&nbsp;&nbsp; 24'A.gol Amat Mass-80'Recio</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Barcelona&nbsp;3-2&nbsp;&nbsp; 7'Messi-25'Pedro(B) - 40'-62'G.Castro-90'Agirretxe(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp; 40'Reyes(S) - 44'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Celta 1-1&nbsp;&nbsp; 37'DeMichelis(M) - 76'Fernandez(C)</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Betis-At.Bilbao</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Barcellona 55<BR>2)At.Madrid 47<BR>3)Real Madrid 40<BR>4)Betis 34<BR>5)Malaga 32<BR>6)Rayo 31<BR>7)Levante 30<BR>8)Valencia 30<BR>9)Real Sociedad 29<BR>10)Valladolid 28<BR>11)Getafe 26<BR>12)Siviglia 23<BR>13)Real Saragozza 22<BR>14)At.Bilbao 21<BR>15)Espanyol 21<BR>16)Granada 20<BR>17)Celta 19<BR>18)Osasuna 18<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<br><br> &nbsp;<br><br> <BR><BR><BR>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-20-real-e-atletico-vincono-falcao-infortunato-1010066.htmSi100427901,02,03010163
1881010055NewsCalcio EsteroBundesliga,18a giornata:al Bayern il derby di Baviera, Borussia cinquina al Werder20130120102346Bundesliga18a giornataLa Bundesliga riprende così come l'avevamo lasciata, ossia con un Bayern Monaco totalmente dominatore del campionato tedesco. Vero è che ieri ha affrontato il fanalino di coda&nbsp;Greuther e che, quindi, l'impegno non era dei più probanti, ma&nbsp;la sensazione è che&nbsp;la capolista abbia acquisito una forza ed una maturità che, forse, ancora le mancavano. In fondo quello col Greuther era pur sempre un derby e, come tale, da prendere con le molle. Alle spalle dei bavaresi si&nbsp;consolida il secondo posto&nbsp;del Bayer Leverkusen, che regola la matricola terribile Eintracht Francoforte con un 3-1 che non ammette repliche. "Aspirine" scatenate, che rimangono con il Borussia Dortmund le uniche antagoniste del Bayern, almeno sulla carta, perchè abissale&nbsp;sembra il distacco.&nbsp;I detentori della Bundesliga stravincono a Brema contro il Werder strapazzandolo con un sonoro&nbsp;5-0. Si rivede anche l'ex juventino Diego nel 2-0 con cui il Wolfsburg batte lo Stoccarda, mentre terminano con due pareggi&nbsp;per 0-0&nbsp;le restanti gare, Hoffenheim-Monchengladbach e Mainz-Friburgo.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Greuther 2-0&nbsp;&nbsp; 26'-61'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Friburgo 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht 3-1&nbsp;&nbsp; 31'Boenisch-33'Kiessling-58'Schurrle(B) - 78'Meier(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia M. 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Stoccarda 2-0&nbsp;&nbsp; 51'Diego-67'Madlung</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Borussia D. 0-5&nbsp;&nbsp; 9'Reus-19'Gotze-48'Santana-81'Lewandovski-85'Blaszczykovski</STRONG><BR><BR>Giocano oggi<BR><BR><STRONG>Norimberga-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Augsburg</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Schalke-Hannover 5-4&nbsp;&nbsp; 44'Farfan-49'Draxler-64'Hoger-88'Holtby-90'Howedes(S) - 55'Pinto-59'-68'Huszti-90'Diouf(H)</STRONG><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-18-tutto-facile-per-la-capolista-bayern-1010055.htmSi100427901,02,03010150
1891010054NewsCalcio EsteroLiga, 20a giornata:sconfitta Barça, i marziani tornano sulla terra20130120100639Liga20a giornataIl sabato di Liga ha offerto sorprendentemente&nbsp;il primo ko stagionale del Barcellona di Leo Messi. I blaugrana, dopo 19 partite di imbattibilità (18 successi ed un solo pareggio), crollano all’ ”Anoeta” di San Sebastian contro la Real Sociedad 3-2, complice anche il fatto di essere rimasto in 10 fin dal 56' a causa dell'espulsione di Pique per doppia ammonizione. Messi e Pedro illudono il Barça con un doppio vantaggio rimontato, poi, dai gol di Castro e&nbsp;di Aguirretxe. Probabilmente si tratta solo di&nbsp;un incidente di percorso per i catalani che, nonostante la sconfitta e una partita in più, si trovano&nbsp;con&nbsp;l’Atletico Madrid secondo a -11&nbsp;e il Real Madrid terzo a -18.&nbsp;Alla “Rosaleda” di Malaga, la squadra di Pellegrini non va oltre l’1-1 casalingo contro il Celta Vigo vedendosi sfumare così la possibilità di agganciare il Betis fermo al quarto posto in classifica. Vittoria molto importante, in chiave salvezza, per il Granada che sale a +3 sulla zona retrocessione, che vede&nbsp;per ora&nbsp;invischiate più di tutte Maiorca,&nbsp;Deportivo e&nbsp;Osasuna.<BR><BR>Tutti i gol della Liga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Granada-Rayo 2-0&nbsp;&nbsp; 24'A.gol Amat Mass-80'Recio</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Barcelona&nbsp;3-2&nbsp;&nbsp; 7'Messi-25'Pedro(B) - 40'-62'G.Castro-90'Agirretxe(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp; 40'Reyes(S) - 44'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Celta 1-1&nbsp;&nbsp; 37'DeMichelis(M) - 76'Fernandez(C)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Osasuna-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Madrid</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Betis-At.Bilbao</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411tito_vilanova_2432135b.jpgSiNliga-giornata-20-crollo-barça-i-marziani-tornano-sulla-terra-1010054.htmSi100427901,02,03010173
1901010040NewsCalcio EsteroBundesliga, 18a giornata: ripresa col botto, 9 gol tra Schalke e Hannover20130119095253Bundesliga18a giornataPartita&nbsp;pirotecnica quella giocata ieri sera a Gelsenkircken tra lo Schalke e l'Hannover;&nbsp;la spuntano i padroni di casa, raggiunti una sola volta e poi sempre avanti nel tabellino. In rete il&nbsp;talentuoso Draxler e Holtby tra i migliori.<BR><BR>Oggi pomeriggio la capolista Bayern Monaco, dopo essersi regalato uno degli allenatori più capaci per la prossima stagione,&nbsp;inagurerà il proprio 2013 ospitando il Greuther Furth, fanalino di coda. Il Leverksuen, invece, attende alla 'BayArena' l'Eintracht di Francoforte. Ma il match più atteso della giornata è sicuramente quello tra Werder Brema e Borussia Dortmund.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Schalke-Hannover 5-4&nbsp;&nbsp; 44'Farfan-49'Draxler-64'Hoger-88'Holtby-90'Howedes(S) - 55'Pinto-59'-68'Huszti-90'Diouf(H)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Greuther</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Friburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Borussia D.</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Norimberga-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Augsburg</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411draxler-4.jpgSiNbundesliga-giornata-18-9-gol-tra-schalke-e-hannover-1010040.htmSi100427901,02,03010171
1911010039NewsCalcio EsteroLiga, 20a giornata: il Barça atteso a San Sebastian20130119093351Liga20a giornataNell'anticipo di ieri sera valido per il 20° turno di Liga, l'Espanyol "mata" in extremis un mai domo Maiorca e ottiene tre punti d'oro in chiave salvezza. All'Estadi Cornellà-El Prat, sono stati i padroni di casa a passare in vantaggio grazie ad un magistrale&nbsp;calcio di punizione di Simao. Poi l'uno-due micidiale degli ospiti che pareggiano con un preciso sinistro di Giovani dos Santos e si portano in vantaggio con una conclusione da fuori area di Javi Marquez. Grande reazione dei catalani che riportano il punteggio in parità con un rigore trasformato da Verdù e a trovare il gol vittoria con Baena a 7' dal termine.<BR><BR>Oggi sono previste quattro gare e spiccano su tutte quella della capolista Barcellona in visita a San Sebastian sul campo della Real Sociedad, e&nbsp;quella fra Malaga e Celta Vigo, che mette di fronte due squadre in palese difficoltà nell'ultimo periodo. La prima sta lentamente scivolando giù in classifica dopo un ottimo avvio di stagione e&nbsp;la seconda è in piena bagarre pernon retrocedere.<BR><BR>Tutti i gol della Liga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Granada-Rayo</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Barcelona</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Siviglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Celta</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Osasuna-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Betis-At.Bilbao</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411tito_vilanova_2432135b.jpgSiNliga-giornata-20-barça-atteso-sul-campo-della-real-sociedad-1010039.htmSi100427901,02,03010143
1921010035NewsCalcio EsteroBundesliga,18a giornata:si riprende a giocare anche in Germania20130118103757Bundesliga18a giornataCon i riflettori puntati sull'ingaggio di Pep Guardiola da parte dell'ambizioso Bayern Monaco, la Bundesliga torna in campo, dopo la consueta pausa invernale, per disputare la 18a giornata.<br><br> L’anticipo di stasera vedrà di fronte lo Schalke 04, che, nel frattempo, ha esonerato&nbsp; l’allenatore Stevens, e l’Hannover dell’ex Mirko Slomka. <BR>I pessimi risultati della seconda parte del 2012 hanno portato la dirigenza dello Schalke 04 alla decisione di esonerare l’allenatore Stevens, sostituito, per il momento, da Keller. Il quale in realtà ha già esordito nell’ultima gara del 2012, quella di Coppa di Germania, persa 2-1 in casa contro il Mainz. Lo Schalke dovrà anche&nbsp;fare a meno di due giocatori fondamentali: il miglior difensore, e cioè il centrale Kyriakos Papadopoulos, e il bomber &nbsp;Klaas-Jan Huntelaar.&nbsp;Quindi, non sarà un inizio facile, anche perché di fronte c’è una squadra, l’Hannover, che segna e subisce molto. La conferma viene dai numeri, su 17 partite 32 gol segnati e 31 subiti, soltanto in due occasioni è rimasto di gol a secco in stagione, e in trasferta subisce almeno una rete a gara da sette partite. <br><br> Potrete vedere tutti i gol e momenti salienti della Bundesliga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><br><br> Ecco il programma completo della 18a giornata<br><br> Oggi<br><br> <STRONG>Schalke-Hannover</STRONG><br><br> Domani<br><br> <STRONG>Bayern Monaco-Greuther</STRONG><br><br> <STRONG>Mainz-Friburgo</STRONG><br><br> <STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht</STRONG><br><br> <STRONG>Hoffenheim-Borussia M.</STRONG><br><br> <STRONG>Wolfsburg-Stoccarda</STRONG><br><br> <STRONG>Werder-Borussia D.</STRONG><br><br> Domenica<br><br> <STRONG>Norimberga-Amburgo</STRONG><br><br> <STRONG>Fortuna-Augsburg</STRONG><br><br> &nbsp;<br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-18-si-riprende-a-giocare-in-germania-1010035.htmSi100427901,02,03010100
1931010010NewsCalcio EsteroLiga, 19a giornata: nessuno può fermare il Barça20130114095642Liga19a giornataNumeri impressionanti, anche più di quelli del Barcellona di Guardiola che fu. 18 partite vinte su 19, 64 gol fatti&nbsp;e 20 subiti. Miglior attacco e miglior difesa, imbattuto da più di 8 mesi. Il Barcellona cambia guida al timone, ma non risultati, ma anzi, li migliora. La vittima di questo week-end è stata il Malaga, rivelazione in Champions e ora in grossa difficoltà nella Liga,dove ha raggranellato appena 12 punti nelle ultime 10 giornate. Continua senza sbavature il percorso&nbsp;casalingo dell’Atletico Madrid. I “Colchoneros” si sbarazzano facilmente del Saragozza. Nelle altre due sfide di giornate,&nbsp;un ottimo&nbsp;Betis guidato dalla rapidità del costaricano Joel Campbell, batte 2-0 al “Benito Villamarin” il Levante e si conferma squadra da ambizioni champions. Real Sociedad e Deportivo La Coruna si spartiscono la posta, pareggiando 1-1. <BR><BR>Potete vedere tutti i gol della giornata di Liga spagnola su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Betis-Levante 2-0&nbsp;&nbsp; 7'Campbell-63'R.Castro</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Deportivo 1-1&nbsp;&nbsp; 27'Pizzi(D) - 45'Vela(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Real Saragozza 2-0&nbsp;&nbsp; 31'Tiago-38'Falcao</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Barcellona 1-3&nbsp;&nbsp; 27'Messi-50'Fabregas-82'T.Alcantara(B) - 89'Buonanotte(M)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Valladolid-Maiorca 3-1&nbsp;&nbsp; 21'-90'Ebert-88'Gonzalez(V) - 38'Victor(M)&nbsp;&nbsp; </STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 23'S.Garcia</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Madrid 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Siviglia 2-0&nbsp;&nbsp; 50'-89'Soldado</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Rayo 1-2&nbsp;&nbsp; 48'Bangoura-65'Piti(R) - 77'Dominguez(A)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Getafe-Granada</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 55<BR>2)At.Madrid 44<BR>3)Real Madrid 37<BR>4)Betis 34<BR>5)Malaga 31<BR>6)Rayo 31<BR>7)Levante 30<BR>8)Valencia 30<BR>9)Real Sociedad 28<BR>10)Valladolid 25<BR>11)Getafe 24<BR>12)Siviglia 22<BR>13)Real Saragozza 22<BR>14)At.Bilbao 21<BR>15)Celta 18<BR>16)Espanyol 18<BR>17)Maiorca 17<BR>18)Granada 16<BR>19)Deportivo 16<BR>20)Osasuna 15<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411fabregas.jpgSiNliga-giornata-19-nessuno-puo-fermare-il-barcellona-1010010.htmSi100427901,02,03010196
1941009996NewsCampionatiSerie A Catania-Roma:spettacolo in vista20130113104219Serie AProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Maran recupera Alvarez, che è stato convocato, ma&nbsp;dovrà rinunciare&nbsp;a Lodi squalificato per tre turni.&nbsp;Quindi, scelta obbligata: Salifu in campo dal primo minuto, vista anche&nbsp;l'indisponibilità di Biagianti. Paglialunga&nbsp;dovrebbe sedersi&nbsp;in panchina e in avanti&nbsp;si prospetta un ballottaggio Castro-Barrientos, con quest'ultimo che sembra favorito. <BR><BR>Zeman rinuncerà ancora ad Osvaldo che risente&nbsp;di un trauma contusivo al ginocchio e non è stato neanche convocato: sarà Destro a formare il tridente con Totti e Lamela. A centrocampo, con Pjanic squalificato, i tre saranno De Rossi, Bradley e Florenzi.&nbsp;I centrali difensivi dovrebbero essere Marquinhos,&nbsp;nonostante sia stato febbricitante nelle ultime ore&nbsp;e Castan. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>Catania (4-3-3): Andujar; Alvarez, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Almiron, Salifu; Gomez, Bergessio, Barrientos. All.:Maran<BR><BR>Roma (4-3-3): Goicoechea; Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti; Florenzi, De Rossi, Tachtsidis; Lamela, Destro, Totti. All.:Zeman<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650FL0411FL0411barrientos500.jpgSiNserie-a-catania-roma-probabili-formazioni-1009996.htmSiT1000012,T1000014100427901,02,03,09010107
1951009990NewsCalcio EsteroLiga 19a giornata:Brutto Real, Kaka espulso. Occhi puntati su Malaga-Barcellona20130113091923Liga19a giornataIl sabato della 19/a giornata della Liga spagnola ci offre un Real veramente allo stremo.&nbsp;A Pamplona, tra otto ammoniti ed una espulsione, quella del brasiliano Kakà, il Real, orfano per l'occasione di Cristiano Ronaldo, non va oltre lo 0-0 contro l’Osasuna e di fatto&nbsp;dà un ulteriore addio&nbsp;a qualsiasi velleità di rimonta, qualora ne nutrisse ancora. Vittoria molto importante del Valencia che al “Mestalla” supera 2-0 il Siviglia grazie ai gol del solito Roberto Soldado, portandosi ad una sola lunghezza dal quarto posto valido per la Champions League e attualmente occupato dal Malaga, avversario odierno della capolista Barça. Il Barcellona, ovviamente, cercherà di vincere come sempre per continuare la marcia trionfale verso il titolo, la squadra di Pellegrini però è chiamata al riscatto dopo la clamorosa sconfitta contro il Deportivo e vorrà togliersi la soddisfazione di infliggere la prima sconfitta in Liga agli uomini di VIlanova ed ha il potenziale per riuscire nell'impresa.<br><br> Seguiremo gli incontri pubblicando i video dei momenti salienti su : <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri <BR><BR><STRONG>Valladolid-Maiorca 3-1&nbsp;&nbsp; 21'-90'Ebert-88'Gonzalez(V) - 38'Victor(M)&nbsp;&nbsp; </STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 23'S.Garcia</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Madrid 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Siviglia 2-0&nbsp;&nbsp; 50'-89'Soldado</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Betis-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Barcellona</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Rayo 1-2&nbsp;&nbsp; 48'Bangoura-65'Piti(R) - 77'Dominguez(A)</STRONG><br><br> Lunedì<BR><BR><STRONG>Getafe-Granada</STRONG><BR><BR><br><br>SpagnaFL0411FL0411soldado.jpgSiNliga-giornata-19-brutto-real-fari-puntati-su-malaga-barcellona-1009990.htmSi100427901,02,03010129
1961009981NewsCalcio EsteroLiga, 19a giornata: Real sul campo dell`Osasuna20130112094719Liga19a giornata&nbsp;<BR><BR>Vittoria esterna, ieri sera,&nbsp;del Rayo Vallecano nell'anticipo della 19a giornata della Liga spagnola. Grazie ai gol di Bangoura (48') e Piti (65') gli ospiti hanno battuto 2-1 i padroni di casa del Athletic Bilbao a segno con Dominguez (77'). Grazie ai tre punti conquistato il Rayo sale, momentaneamente, al quarto posto. Alle 20 toccherà al Real Madrid&nbsp;in visita sul campo del fanalino di coda Osasuna e&nbsp;alle 22 il Valencia, che insegue l'Europa ospita il Siviglia, per un match tutto da seguire dopo le vittorie delle due compagini nell'ultimo turno.<BR><BR>Seguiremo gli incontri pubblicando i video dei momenti salienti su : <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Rayo 1-2&nbsp;&nbsp; 48'Bangoura-65'Piti(R) - 77'Dominguez(A)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Valladolid-Maiorca</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Celta</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Siviglia</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Betis-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Barcellona</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Getafe-Granada</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411ozil.jpgSiNliga-giornata-19-real-sul-campo-dell-osasuna-1009981.htmSi100427901,02,03010251
1971009937NewsCoppeQuarti di Coppa Italia, Juventus-Milan: chi vince troverà la Lazio20130109085519Coppa ItaliaProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Sfida di prestigio, questa sera con inizio alle ore 20:45, nei quarti di finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan. Chi avrà la meglio sfiderà in semifinale la Lazio di Petkovic, già qualificata in virtù della vittoria di ieri sera sul Catania.<BR><BR>Antonio Conte ha&nbsp;già preannunciato che&nbsp;centellinerà le forze e quasi sicuramente darà un po' di riposo a Pirlo. Scalpita, dunque, Luca Marrone, che potrà così essere impiegato nel suo ruolo naturale. Gioco forza sarà assente anche&nbsp;Marchisio uscito&nbsp;malconcio dalla partita giocata&nbsp;contro la Sampdoria. In avanti probabilmente sarà confermata&nbsp;la coppia Matri-Giovinco, ma c'è la possibilità che venga schierato Vucinic, magari a partita in corso. Tra i pali ci sarà Marco Storari.<BR><BR>Allegri non ha ancora risolto tutti i dubbi, anche se molte scelte appaiono obbligate. In porta rientra Amelia. Assenti Robinho, Bonera, Yepes, Constant, Mesbah, Zapata, Muntari e Strasser. In attacco ci sarà Pazzini, squalificato in campionato, mentre Boateng, recuperato, potrebbe agire da mezzala. Emanuelson favorito su Bojan e Niang per un posto nel tridente.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>Juventus(3-5-2):Storari; Barzagli; Bonucci; Peluso; Isla; Vidal; Marrone; Giaccherini; Lichtsteiner; Matri; Giovinco.<BR><BR>Milan(4-3-3): Amelia; Abate, Mexes, Acerbi, De Sciglio; Montolivo, Ambrosini, Boateng; Emanuelson, Pazzini, El Shaarawy.<BR><BR>C1007650TorinoFL0411FL0411conte-6.jpgSiNquarti-coppa-italia-juventus-milan-probabili-formazioni-1009937.htmSiT1000007,T1000027100427901,02,03,06,07,09010317
1981009926NewsCampionatiLe immagini e i momenti salienti delle partite da ora con Livehighlights2420130108125551livehighlights24Livehighlights24Da ora potrai seguire e vedere pochi istanti dopo la messa in onda delle partite, le immagini più salienti e i gol dei match di tutta la Serie A, Liga, Bundesliga e Premier League, ma non solo anche Champions League, Europa League e tanto altro e tutto questo grazie al nuovo canale tematico <STRONG>Livehighlights24</STRONG>.<BR><BR>Clicca qui per entrare e vedere tutte le immagini che desideri <BR><BR><A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>C1007650adm001adm001serie-a-4.jpgSiNle-immagini-e-i-momenti-salienti-delle-partite-su-livehighlights24-1009926.htmSi100075701,02,03030201
1991009924NewsCalcio EsteroLiga, 18a giornata: solito Barça, un grande CR7 salva il Real20130107104841Liga18a giornataIl Barcellona domina la Liga, nemmeno la sosta ha scalfito la lucidità e la brillantezza dei catalani. I blaugrana s’impongono nel derby, rifilando un sonoro 4-0 all’Espanyol in mezz'ora esatta e volano a +11 sulla prima inseguitrice, l’Atletico Madrid, che non è andato oltre l'1-1 a Maiorca. Una vittoria perfetta quella dei blaugrana che vanno in gol con Xavi, doppietta di Pedro e rete del poker di Leo Messi. Rocambolesca e spettacolare anche la vittoria del Real Madrid di Mourinho: al “Bernabeu” finisce 4-3 la sfida contro la Real Sociedad che tiene il campo fino al 2-2 prima della doppietta decisiva di Cristiano Ronaldo in soli 60” della ripresa (68′ e 69′), che permette alle Merengues&nbsp;di avvicinare i cugini dell’Atletico ora distanti cinque lunghezze. Chiudiamo con la netta vittoria del Celta Vigo contro il Valladolid per 3-1. Il Celta abbandona così la terzultima posizione in classifica assestandosi in una posizione ben più tranquilla.<BR><BR>Tutti i gol della 18a giornata di Liga sono visibili su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Betis 1-2&nbsp;&nbsp; 44'Castro Martin-58'Molina(B) - 77'Montanes(R)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Levante-At.Bilbao 3-1&nbsp;&nbsp; 6'Aduriz(A) - 26'Lell-35'Iborra-68'El Zhar(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Granada-Valencia 1-2&nbsp;&nbsp; 50'Angulo(G) - 59'Jonas-82'Piatti(V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Malaga 1-0&nbsp;&nbsp; 57'Pizzi</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Osasuna 1-0&nbsp;&nbsp; 83'Spahic</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Celta-Valladolid 3-1&nbsp;&nbsp; 9'-31'Aspas-52'Lopez(C) - 12'Bueno(V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Real Sociedad 4-3&nbsp;&nbsp; 2'Benzema-35'Khedira-68'-71'Ronaldo(RM) - 9'-40'-76'Prieto(RS)</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Espanyol 4-0&nbsp;&nbsp; 10'Xavi-16'-27'Pedro-29'Messi</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-At.Madrid 1-1&nbsp;&nbsp; 72'Raul Garcia(A) - 87'Kevin Garcia(M)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Rayo Vallecano-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 52<BR>2)At.Madrid 41<BR>3)Real Madrid 36<BR>4)Malaga 31<BR>5)Betis 31<BR>6)Levante 30<BR>7)Valencia 27<BR>8)Real Sociedad 25<BR>9)Rayo 25<BR>10)Getafe 24<BR>11)Valladolid 22<BR>12)Siviglia 22<BR>13)Real Saragozza 22<BR>14)At.Bilbao 21<BR>15)Celta 18<BR>16)Maiorca 17<BR>17)Granada 16<BR>18)Espanyol 15<BR>19)Deportivo 15<BR>20)Osasuna 14<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411xavi.jpgSiNliga-giornata-18-solito-barça-cr7-salva-il-real-1009924.htmSi100427901,02,03010150
2001009916NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Barcellona-Espanyol 4-0 - GUARDA ORA20130106202450LigaVideoLink Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/06/liga-barcelona-espanyol-4-0/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/06/liga-barcelona-espanyol-4-0/</A><BR><BR>Il Barça spazza le insidie del derby in appena mezz'ora rifilando 4 gol all'Espanyol. Di Xavi, Pedro(2) e Messi su rigore le marcature.<BR><BR>BarcellonaFL0411FL0411xavi.jpgSiNhighlights-ilcalcio24-barcelona-espanyol-video-1009916.htmSi-01,02,03030149
2011009914NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Real Madrid-Real Sociedad 4-3 - Guarda Ora20130106182033LigaVideoLink Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/06/liga-real-madrid-real-sociedad-4-3/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/06/liga-real-madrid-real-sociedad-4-3/</A><BR><BR>Grande vittoria del Real Madrid in 10 uomini fin dal 6'. Grande prova di C.Ronaldo.<BR><BR>MadridFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNhighilights-ilcalcio24-real-madrid-real-sociedad-video-1009914.htmSi100427901,02,03010116
2021009901NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Spartak Mosca e Rubin Kazan vogliono Antonini20130106121008milan, spartak mosca, rubin kazan, antoniniMilan Spartak Mosca Rubin Kazan Antonini<BR>Sirene russe per i giocatori del Milan. Se lo Zenit pensa ad Ignazio Abate e l'operazione è fattibile, anche Luca Antonini sta ricevendo attenzioni. La Gazzetta dello Sport in edicola racconta infatti che il difensore rossonero sarebbe finito nel mirino di Spartak e Rubin Kazan. Ma Antonini piace anche al Galatasaray di Terim e in Bundesliga al Wolfsburg. La situazione è da tenere d'occhio.C1007650adm001adm001antonini.jpgSiNmilan-spartak-mosca-e-rubin-kazan-vogliono-antonini-1009901.htmSiT1000027100075701,02,03,07030289
2031009896NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Deportivo-Malaga 1-0 - GUARDA ORA20130105212411LigaVideoAl 58' Deportivo in vantaggio. Errore grossolano di Gamez nella propria metà campo. Ne approfitta Pizzi rapido ad entrare in area dalla fascia sinistra. Nonostante la possibilità di passare a un compagno opta per la conclusione personale e segna un gran gol. Il Deportivo non vinceva da due mesi. <BR><BR>Link Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/ligadeportivo-malaga-1-0/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/ligadeportivo-malaga-1-0/</A><BR><BR>A CorunaFL0411FL0411stadio.jpgSiNhighlights-ilcalcio24-deportivo-malaga-video-1009896.htmSi-01,02,03010187
2041009893NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Granada-Valencia 1-2 - GUARDA ORA20130105191238LigaVideoAl 47' Granada in vantaggio. E' un gol da cineteca quello del colombiano Brayan Angulo. Sinistro e parabola impossibile da intercettare per Alves.<BR><BR>Al 60' pareggio del Valencia. Da un calcio d'angolo battuto da Piatti salta più in alto di tutti Jonas che insacca.<BR><BR>All'83' arriva il vantaggio ospite. In un momento di forcing del Valencia Valdez apre il gioco per Soldado che, nonostante in posizione di tiro, preferisce agevolare l'inserimento di Piazzi, che senza problemi spinge in rete il pallone.<BR><BR>Link Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/granada-valencia/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/granada-valencia/</A><BR><BR>GranadaFL0411FL0411soldado.jpgSiNhighlights-ilcalcio24-granada-valencia-video-1009893.htmSi-01,02,03010117
2051009892NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Levante-At.Bilbao 3-1 - GUARDA ORA20130105183439LigaVideoAl 6' baschi in vantaggio.&nbsp;Porta palla&nbsp;Ander Herrera,&nbsp;che con un passaggio preciso permette l'inserimento&nbsp;di Susaeta; cross morbido sul primo palo e Aduriz colpisce di testa e segna.<BR><BR>Al 27' pareggio del Levante. Riceve il pallone&nbsp;El Zhar sulla trequarti, aspetta l'inserimento di&nbsp;Lell, che si inserisce rapidissimo sulla destra, riceve palla&nbsp;e spara il pallone del pareggio nella parte alta della porta difesa da Iraizoz.<BR><BR>Al 45'+1 vantaggio Levante, con l'Athletic in 10 uomini per l'espulsione di Laporte. Cross morbido in area basca, colpisce di testa Roger dal&nbsp;secondo palo&nbsp;verso il primo, manca l'intervento Ekiza e Iborra anticipa di testa&nbsp;Iraizoz e insacca.<BR><BR>Al 70' terzo gol per i padroni di casa. Corner battuto corto, il pallone arriva a El Zhar,&nbsp;che controlla con il petto y&nbsp;con un forte&nbsp;rasoterra infila la porta del Athletic.&nbsp;<BR><BR>Link Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/levante-athletic-bilbao-3-1-3/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/levante-athletic-bilbao-3-1-3/</A><BR>ValenciaFL0411FL0411levante.jpgSiNhighlights-ilcalcio24-levante-bilbao-video-1009892.htmSi100427901,02,03010195
2061009886NewsCalcio EsteroLiga 18a giornata: nell`anticipo il Betis espugna Saragozza, oggi in programma quattro incontri20130105100217LigaPresentazione 18a giornataTorna in campo la Liga spagnola per la 18a giornata ed è subito spettacolo Betis, che si conferma in piena lotta per accaparrarsi un posto per la prossima champions. La squadra allenata da Pepe Mel, infatti, si è imposta in quel di Saragozza per 2-1 grazie ai gol di Castro, che sfrutta un assist di Campbell, e di Jorge Molina. I padroni di casa accorciano poi le distanze con Montanes ma è ormai&nbsp;troppo tardi e finicono la partita in 10 per l'espulsione di Sobero.<BR><BR>Oggi sono in programma quattro gare. <BR>Alle 16 sfida fra Levante e Athletic Bilbao che vivono momenti diversi. Il Levante vuole iniziare il 2013 rimanendo dove già è e, perchè no, ancora più in alto, mentre i baschi vogliono iniziare da zero e resettare una seconda parte di 2012 non certo gratificante.<BR><BR>Alle 18 il Valencia di Valverde farà visita al Granada. Gli andalusi non regalano ai propri tifosi una gioia casalinga da tre mesi e ambiscono a dare continuità alla vittoria ottenuta a Pamplona prima delle festività, di contro i valenciani hanno assoluta necessità di recuperare il terreno perduto e confermare il cammino, più regolare, intrapreso con Valverde.<BR><BR>Alle 20 il Malaga, al momento è una delle squadre più in forma e divertenti del campionato e dovrà alla cattiva notizia dell'esclusione dalle prossime competizioni europee a causa dei suoi debiti pregressi. Non tutto è perduto, avrà tempo fino al 31 marzo per dimostrare il risanamento delle proprie finanze.<BR><BR>La serata si chiuderà alle 22 con il confronto del Sanchez Pizjuan fra Siviglia e Osasuna, con in palio punti importanti per la salvezza.<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Betis 1-2&nbsp;&nbsp; 44'Castro Martin-58'Molina(B) - 77'Montanes(R)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Levante-At.Bilbao</STRONG><BR><BR><STRONG>Granada-Valencia</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Malaga</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Osasuna</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Celta-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-At.Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Rayo Vallecano-Getafe</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411soldado.jpgSiNliga-giornata-18-betis-espugna-saragozza-oggi-valencia-e-malaga-1009886.htmSi100427901,02,03010152
2071009845NewsCampionatiSpeciale 2012: 365 giorni di gioie e dolori20121231182014calcioEmozioni e polemiche di un anno indimenticabile di calcioSta per finire anche quest'anno solare: è stato un 2012 indimenticabile per più e più motivi. Ci siamo entusiasmati per l'Italia di Prandelli, indignati per calcioscommesse, commossi per la morte di Morosini: è stato l'anno dell'esodo dei nostri big dal nostro campionato, del gran ritorno alla vittoria della Juve, del trionfo in Champions del nostro Di Matteo, in Premier di Mancini e tanto altro: riviviamo insieme in questo Speciale di <EM>IlCalcio24</EM> dove raggruppiamo tutte le emozioni degli ultimi 365 giorni.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>GENNAIO: <BR><BR>Pronti via, il 9 Gennaio, Leo Messi conquista il Pallone d'Oro. E' il suo terzo trionfo consecutivo. Come lui solo Cruijff, Van Basten e Platini. Alla fine dedica il trofeo a Xavi: <EM>"anche lui lo meritava di vincere".&nbsp; </EM>In Italia invece è tempo di calciomercato: Galliani chiude per Tevez, ricavando i soldi dalla cessione di Pato al Psg: Berlusconi però ci ripensa, tiene il Papero, e fa saltare tutto. La scelta non si rivelerà esattamente azzeccata. I rossoneri alla fine si consoleranno con Maxi Lopez in prestito dal Catania. Tra gli altri colpi l'Inter prende Guarin, la Juve Caceres, il Napoli Edu Vargas, mentre Thiago Motta vola al Psg.&nbsp;Il 15 Gennaio Diego Milito decide il derby: in panca in casa Inter siede Ranieri&nbsp;(subentrato da poco a Gasperini ndr) e il Principe sfrutta al meglio un erroraccio di Abate. Nerazzurri secondi dietro ad una Juve già tritatutto. In Inghilterra ritornano&nbsp;a casa due vecchietti coi piedi d'oro: Paul Scholes a Manchester, e Titì Henry all'Arsenal.<BR><BR>FEBBRAIO<BR><BR>Il secondo mese dell'anno parte col botto: Fabio Capello l'8 Febbraio si dimette dalla panchina dell'Inghilterra:&nbsp;il motivo scatenante è la revoca da parte della federazione della fascia di capitano a Terry, capitano per Don Fabio. Febbraio non lo gioca invece Zlatan Ibrahimovic: Milan-Napoli, Aronica&nbsp;attacca Nocerino dopo un fallo, Ibra&nbsp;gli rifila uno schiaffo e si becca tre punti saltando così il match scudetto con la Juve. Scontro che arriva il 24 Febbraio: è la partita dello scandalo, quella del gol&nbsp;di Muntari non visto dall'arbitro. Finisce 1-1 e&nbsp;le due squadre si pizzicheranno da qui alla fine del campionato&nbsp;su questa partita. Delude in campionato, ma vola in Champions il Napoli di Walter Mazzarri: i partenopei emozionano tutti e fanno innamorare l'Italia quando schiantano il Chelsea 3-1 al San Paolo grazie ai gol di Lavezzi e Cavani (doppietta)<BR><BR>MARZO<BR><BR>Muamba fa tremare l'Inghilterra: nel match del suo Bolton col Tottenham il giocatore si accascia a terra colpito da infarto. Decisivo l'utilizzo del defibrillatore che ha consentito che il calciatore arrivasse all'ospedale in gravissime condizioni si, ma ancora in vita. Il ragazzo ha da poco deciso di smenttere col calcio. In Italia la Juve è sempre più formidabile: cinque gol alla Fiorentina al Franchi e la consapevolezza di essere in grado di poter lottare fino alla fine. In Champions crollano Inter e Napoli: i nerazzurri perdono a Marsiglia 1-0 e vincono 2-1 a San Siro mentre i partenopei crollano 4-1 a Londra col Chelsea. Marzo intanto è anche il mese di Andrea Stramaccioni: la sua Inter Primavera vince la Next Generation (la Champions giovanile) e Moratti, dopo aver esonerato Ranieri, punta forte su di lui siedendolo sulla panchina della prima squadra.<BR><BR>APRILE<BR><BR>Questo è il mese dell'affondo decisivo della Juve e del sorpasso al Milan: i bianconeri tritano Napoli in casa e Palermo in trasferta, mentre i rossoneri prima si bloccano a Catania 1-1 e poi perdono incredibilmente 2-1 in casa con la Fiorentina. Decisivo il gol di Amauri, ex juventino. Aprile però è il mese più brutto di quest'anno per la terribile e assurda morte di Piermario Morosini: il calciatore al 31' del secondo tempo improvvisamente cade a terra colpito da infarto, l'autoambulanza tarda ad arrivare, i defibrillatori mancano e il Moro non ce la fa. Iniziano le polemiche, l'Italia si ferma, il mondo mostra solidarietà nei confronti dell'ex giocatore del Livorno e la sua maglia viene ritirata per sempre. Tornando al calcio giocato, in Spagna Mourinho e il suo Real espugnano il Camp Nou e volano verso la vittoria della Liga: anche in Champions i blaugrana crollano col Chelsea, che in finale troverà il Bayern Monaco che a sua volta ha battuto ai rigori il Real.<BR><BR>MAGGIO<BR><BR>Il mese inizia con la lite Ljaic-Rossi che fa il giro dell'Italia: è il 2 Maggio, il tecnico sostituisce il serbo con Olivera, lui la prende male, lo applaude e dice qualcosa all'allenatore, che non ci vede più lo aggredisce. Rossi a fine partita verrà esonerato dalla Fiorentina. Il 6 Maggio la Juve ritorna Campione d'Italia: i bianconeri battono il Cagliari in campo neutro e in contemporanea l'Inter disintegra nel derby il Milan. La settimana dopo in casa con la Juve è grande festa: Del Piero segna e saluta&nbsp;i suoi tifosi&nbsp;nel migliore dei modi. Lasciano&nbsp;tra le lacrime anche Inzaghi, Nesta e Seedorf.&nbsp;Cavani e Hamsik invece regalano la&nbsp;Coppa Italia alla Juve: battuti i bianconeri di Conte.&nbsp;All'estero Mancini vince la Premier, Di Matteo la Champions League. Si parte per le Nazionali: l'Europeo è in arrivo, ma non solo. Il 28 Maggio infatti ecco il colpo di scena: la Polizia irrompe a Coverciano con l'ordine di perquisire la camera di Mimmo Criscito, indagato per presunta combine insieme ai compagni Kaladze, Milanetto e Sculli. Prandelli ritiene che il giocatore non sia tranquillo e lo lascia a casa: convocato regolarmente Bonucci, indagato dalla procura di Bari. Esce fuori da un'altra indagine anche il nome di Antonio Conte: l'accua è quella di associazione a delinquere. <BR><BR>GIUGNO<BR><BR>Risalgno dal Purgatorio della Serie B il Toro e la Samp: assieme a loro il Pescara spettacolo di Zdenek Zeman, Verratti, Insigne e Immobile. Tutt'e quattro lasceranno la squadra a fine anno: il tecnico boemo ritorna a Roma tredici anni dopo. Iniziano intanto gli Europei: ci presentiamo con una squadra giovane su cui c'è tanta fiducia; le squadre da battere però sono la Germania e la Spagna: proprio con le Furie Rosse alla prima del torneo riusciamo a non perdere. Finisce 1-1, loro col tiqui taqua ci mettono in difficoltà. ma alla fine Totò Di Natale aggiusta le cose. Grazie alla Spagna e al mancato tra loro e la Croazia passiamo ai quarti dove troviamo l'Inghilterra, orfana di Capello da un pò di mesi: dominiamo il match ma non sblocchiamo il match. Si arriva ai rigori, Montolivo sbaglia, Pirlo segna di cucchiaio, Diamanti regala la semifinale. Tra noi e la finalissima c'è un solo ostacolo adesso: si chiama Germania, la solita avversaria di sempre, abbattuta però anche stavolta. Li dominiamo, Balotelli in 45' segna prima di testa e poi con una fucilata su cui Neur non può nulla. Nella ripresa meriteremmo di dilagare ma invece arriva allo scadere il 2-1 di Ozil su rigore: troppo tardi, è finale!<BR><BR>LUGLIO<BR><BR>1 Luglio: finale con la Spagna. Loro sono forti, però noi gli abbiamo tenuto testa nel girone: la nazione ci crede e quei ragazzi d'azzurro vestiti sono i nostri eroi. Il campo però dice tristemente altro: ci umiliano 4-0 e l'immagine finale di Balotelli in lacrime racchiude tutta la delusione d'un intero popolo. Si torna a casa: è tempo di mercato. Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva lasciano il Milan e si accasano al Psg&nbsp;dopo settimane di trattative: è un'operazione choccante nei prezzi visto che i rossoneri guadagnano tra soldi risparmiati e cash la bellezza di quasi 170 milioni d'euro. Il mese poi si chiude col botto: arrivano i deferimenti per calcioscommesse. Omessa denuncia per Conte,&nbsp;Pepe, &nbsp;Di Vaio&nbsp;(tra i 6 e i 12 mesi di squalifica per tutti e quattro), illecito sportivo per Bonucci e Portanova&nbsp;(fino a tre anni).<BR><BR>AGOSTO<BR><BR>Arrivano le sentenze: ilo 10 Agosto Antonio Conte viene squalificato per 10 mesi con l'accusa di omessa denuncia. Rispetto a quanto aveva chiesto Palazzi il tecnico bianconero ha avuto 5 mesi di sconto. Squalificato anche Alessio, in panca per l'inizio della stagione va Massimo Carrera: sul campo la Juve è la stessa dell'anno scorso e&nbsp;conquista&nbsp;il&nbsp;primo trofeo dell'anno contro il Napoli tra le polemiche generali. I bianconeri vincono 4-2 ai supplementari, i partenopei finiscono il match in 9 e non si presentano alla presentazione. Si ha comunque la sensazione che&nbsp;la squadra di Mazzarri possa lottare fino alla fine per lo scudetto.&nbsp;Fuori dal campo intanto impazza il mercato:&nbsp;Inter&nbsp;e Milan confezionano lo scambio Cassano-Pazzini, la Fiorentina&nbsp;acquista ben 12 giocatori nuovi, i&nbsp;rossoneri&nbsp;all'ultimo comprano pure&nbsp;De Jong e Bojan,&nbsp;la Juve prende Bendtner in attacco e la Roma brucia tutti per Balzaretti e&nbsp;Destro. Il campionato sta per iniziare.<br><br> SETTEMBRE<br><br> Il mese si apre con l'accordo tanto atteso: Alessandro Del Piero&nbsp;va in Australia&nbsp;per vestire la maglia del Sidney. Numero 10 per lui e una federazione, la A-League, che lo indica come ambasciatore nel mondo del campionato. La sua ex squadra intanto in campionato macina puntio su punti e ritorna in Champions con una prestazione maiuscola a Stanford Bridge col Chelsea: 2-2 il finale&nbsp;con prova maestosa di tutta la squadra e reti decisive di Vidal e Quagliarella dopo la doppietta iniziale di Oscar. Chi non sta bene invece è il Milan: i rossoneri mostrano il peggio&nbsp;di se e&nbsp;perdono sia in campionato che in&nbsp;Champions: Allegri cambia ben 4 moduli, ma la soluzione a tutto alla fine sembra essere Stephen El Shaarawy, astro nascente&nbsp;rossonero.<br><br> OTTOBRE<br><br> Tempo di derby:&nbsp;l'Inter di Stramaccioni&nbsp;parte da favorita contro i cugini del Milan e vince la stracittadina grazie al gol di Samuel a inizio match.&nbsp;Le polemiche arbitrali non mancheranno per via&nbsp;d'un&nbsp;gol annullato a Montolivo e&nbsp;per l'espulsione dubbia di Nagatomo. Settembre&nbsp;è il mese nero degli arbitri e il clou si ha durante Catania-Juve: ai rossazzurri viene annullato un gol regolarissimo mentre ai bianconeri viene convalidata una rete dubbia. Scoppia la bufera. Intanto a Conte&nbsp;viene&nbsp;ridotta la squalifica a 4 mesi: col Palermo lui ci sarà. In campo&nbsp;tra l'altro i bianconeri tritano 3-0 il Napoli.<br><br> NOVEMBRE<br><br> Inizio choc del mese: la Juve, imbattuta da 49 partite in campionato, perde in casa proprio con i "nemici" dell'Inter. In svantaggio grazie al gol di Vidal (viziato comunque da un grossolano errore arbitrale), i nerazzurri nella ripresa stupiscono tutti vincendo 1-3 grazie alle reti di Milito (due) e Palacio. Dopo il match dello Juventus Stadium però in nerazzurri incappano in un periodaccio: tra infortuni, squalifiche e scivoloni i punti dalla Juve aumentano. Nel Milan intanto esplode definitivamente El Shaarawy: il Faraone si conquista anche la Nazionale&nbsp;segnando per giunta&nbsp;contro la Francia. <br><br> DICEMBRE<br><br> L'ultimo mese dell'anno si apre col tormentone Sneijder: il giocatore, da due mesi ai box per infortunio, continua a non essere convocato, almeno finquando non firma il rinnovo, stando alle dichiarazioni di Branca. L'Inter chiede all'olandese di ridursi lo stipendio, ma Wes non ne vuole sentire: il 2013 sarà l'anno della sua cessione? Anche dicembre continua ad essere il mese della Juve: i bianconeri in Champions&nbsp;escono come prima del girone strapazzando in casa il Chelsea e andando a vincere in Ucraina con lo Shakthar; in Italia il 9 dicembre torna Conte (a Palermo, ndr) e con due turni d'anticipo Pirlo e co si laureano anche&nbsp;campioni d'Inverno. Messi intanto batte ogni record: con 90 gol è il giocatore che ha segnato più gol nella storia del calcio in un anno solare. <br><br> <BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><br><br>C1007650FL0141FL0141ilcalcio24-i-protagonisti-2012.jpgSiNspeciale-2012-365-giorni-di-gioie-e-dolori-1009845.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100205001,02,03,06,07,08,09030481
2081009811NewsCalcio EsteroLiga, 17a giornata: Messi arriva a 91, Real in ginocchio20121223111216Liga17a giornata&nbsp;<BR><BR>I blaugrana&nbsp;vincono per&nbsp;3-1 in casa del Valladolid e allungano ulteriormente raggiungendo&nbsp; quota 49 punti in 17 partite disputate con un solo pareggio e zero sconfitte.&nbsp;Un abisso il&nbsp;+9 di vantaggio sull'Atletico Madrid secondo, nonostante alla fine del campionato manchi più di mezza stagione. Real si inchina al Malaga in virtù dei gol di Isco e&nbsp;di Roque Santa Cruz. Per i madrileni a segno Benzema e un autorete di Sanchez sempre nella ripresa. Vittoria a sorpresa del Real Saragozza in casa dell’Athletic Bilbao ma entrambe le formazioni sono comunque appaiate in zone di classifica tranquille. <BR><BR>Giocate Giovedì<BR><BR><STRONG>Rayo-Levante 3-0&nbsp;&nbsp; 59'Nacho-80'Piti-90'Vazquez</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Deportivo 2-0&nbsp;&nbsp; 31'Simao-88'Stuani</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Siviglia 2-1&nbsp;&nbsp; 18'Vela-69'De la Bella(R) - 49'Medel(S)</STRONG><BR><BR>Giocate Venerdì<BR><BR><STRONG>Valencia-Getafe 4-2&nbsp;&nbsp; 1'Soldado-7'Jonas-29'Costa-89'Valdez(V) - 12'Vazquez-58'Alexis(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 77'Adrian</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Betis-Maiorca 1-2&nbsp;&nbsp; 5'Etxebarria(B) - 30'Victor-47'Marquez(M)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Barcellona 1-3&nbsp;&nbsp; 43'Xavi-60'Messi-90'Tello(B) - 89'Guerra(V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Granada 1-2&nbsp;&nbsp; 6'Nino(O) - 41'Mainz-48'Benitez(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Real Madrid 3-2&nbsp;&nbsp; 49'Isco-73'-76'Santacruz(M) - 66'A.gol Sanchez-82'Benzema(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Real Saragozza 0-2&nbsp;&nbsp; 31'Apono-42'Postiga</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 49<BR>2)At.Madrid 40<BR>3)Real Madrid 33<BR>4)Malaga 31<BR>5)Betis 28<BR>6)Levante 27<BR>7)Real Sociedad 25<BR>8)Rayo 25<BR>9)Getafe 24<BR>10)Valencia 24<BR>11)Valladolid 22<BR>12)Real Saragozza 22<BR>13)At.Bilbao 21<BR>14)Siviglia 19<BR>15)Maiorca 16<BR>16)Granada 16<BR>17)Celta 15<BR>18)Espanyol 15<BR>19)Osasuna 14<BR>20)Deportivo 12<BR><BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-17-messi-arriva-a-91-real-in-ginocchio-1009811.htmSi100427901,02,03010171
2091009787NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Valencia-Getafe 4-2 - Guarda ora20121221220248LigaVideoImportante successo del Valencia che torna alla vittoria dopo il ko contro il Rayo Vallecano e sale a quota 24 punti in classifica. A farne le spese il Getafe che al Mestalla si sveglia troppo tardi, solo dopo che i padroni di casa - con i gol di Soldado e Jonas - hanno già battuto per ben due volte il portiere Moya.<BR>Con questo risultato le due squadre sono a pari punti al nono posto in classifica. Link Video: <A href="http://www.dailymotion.com/video/xw4plv_valencia-vs-getafe-4-2-goals-highlights_sport#.UNTN36z5VaY">http://www.dailymotion.com/video/xw4plv_valencia-vs-getafe-4-2-goals-highlights_sport#.UNTN36z5VaY</A><BR><BR>ValenciaFL0411FL0411soldado.jpgSiNlive-ilcalcio24-valencia-getafe-video-1009787.htmSi-01,02,0301091
2101009781NewsCalcio EsteroLiga, 17a giornata: crollo Levante nell`anticipo, oggi tocca a Valencia e At.Madrid20121221095315Liga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Come anticipato ieri, il Rayo Vallecano "studia" per laurearsi come Levante del futuro e, infatti, i valenciani si sono scontrati contro un muro insuperabile in quel di Vallecas di Madrid. Primo tempo equilibrato ma, poi, i "fulmini" (questo è il significato di "Rayo") ne fanno 3 nella ripresa di cui due nei 10 minuti finali dell'incontro. La Real Sociedad prosegue la sua striscia positiva, arrivata già a sette risultati utili consecutivi, battendo il Siviglia 2-1 grazie alle reti del messicano Vela&nbsp; e di De la Bella, che realizza il gol vittoria da pochi passi sfruttando l'assist di Carlos Martinez. Nell'altro anticipo giocato ieri l'Espanyol, sulle ali dell'entusiasmo dopo il clamoroso pareggio ottenuto in casa del Real Madrid, trova la vittoria contro il Deportivo e abbandona l'ultima posizione in classifica, grazie ad un'eccezionale prestazione del portoghese Simao Sabrosa.<BR><BR>Stasera saranno impegnate il Valencia e l'At.Madrid. La prima, in evidente crisi di risultati in campionato&nbsp;si troverà&nbsp;di fronte un Getafe che, per qualnto altalenante, è pur sempre un rivale di tutto rispetto. La seconda sarà impegnata in casa contro il Celta e vorrà dimenticare al più presto la goleada subita la settimana scorsa da parte del Barcellona. Il Celta non è una squadra "scarsa", probabilmente meriterebbe qualche punto in più in classifica, almeno per il gioco espresso fin qui ma paga lo scotto di avere un reparto offensivo quasi nullo.<BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Rayo-Levante 3-0&nbsp;&nbsp; 59'Nacho-80'Piti-90'Vazquez</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Deportivo&nbsp;&nbsp; 31'Simao-88'Stuani</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Siviglia 2-1&nbsp;&nbsp; 18'Vela-69'De la Bella(R) - 49'Medel(S)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Valencia-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Celta</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Betis-Maiorca</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Barcellona</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Granada</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Real Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-giornata-17-cade-il-levante-oggi-di-scena-valencia-e-atletico-1009781.htmSi100427901,02,03010151
2111009764NewsCampionatiLiga 17a giornata: i tre anticipi di stasera20121220090923Liga17a giornataSettimana concitata nel calcio spagnolo, dalla lieta notizia dell'ok medico al rientro a livello agonistico del giocatore francese Abidal a quella più triste della ricaduta dell'allenatore del Barcellona, Tito Vilanova, al quale auguriamo di tornare il prima possibile sulla panchina dei campioni catalani. Settimana concitata anche in casa Real ma per ben altri motivi, più prettamente calcistici. In questo momento les merengues sembrano allo sbando, lontane parenti della squadra che pochi mesi fa aveva vinto la Liga battendo anche il record di punti. Le voci di mercato impazzano e, addirittura, secondo quando riporta la testata Marca il PSG avrebbe intenzione di investire 100 milioni per portare in Francia Mourinho e Cristiano Ronaldo.<BR><BR>Intanto stasera si giocheranno tre anticipi validi per la 17a giornata. Il Levante proverà a chiudere il 2012, che, comunque vada, passerà alla storia come il più glorioso della centenaria storia del "piccolo" club valenciano, con una vittoria a mò di ciliegina sulal torta. Non sarà facile, però, perchè il Rayo è una buona squadra e sogna di diventare il Levante del futuro. Gli altri incontri in programma oggi sono Real Sociedad-Siviglia e Espanyol-Deportivo,&nbsp;quest'ultime&nbsp;vogliono evitare "l'onta" di chiudere il 2012 all'ultimo posto in classifica. L'Espanyol sembra in un migliore momento di forma, soprattutto psicologico, dopo il pareggio ottenuto al Bernabeu<BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Rayo-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Siviglia</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Valencia-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Celta</STRONG><BR><BR>Giocano Sabato<BR><BR><STRONG>Betis-Maiorca</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Barcellona</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Granada</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Real Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Real Saragozza</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411levante.jpgSiNliga-giornata-17-stasera-tre-anticipi-1009764.htmSi100427901,02,03010124
2121009733NewsCampionatiIlCalcio24 awards 2012, categoria Difensori: Andrea Barzagli20121218121247BarzagliVota il miglior difensore della Serie AQuando nella sessione di mercato di Gennaio di due anni fa Marotta prelevò il cartellino di Andrea Barzagli dal Wolfsburg per l'esigua cifra di trecentomila euro, in molti pensarono che fosse l'ennesima mediocre operazione che avrebbe portato a Torino un giocatore che aveva già dato il meglio di sè.<BR>Il forte difensore classe 1981, invece, ha saputo trovare nuovi stimoli e una continuità di rendimento che gli ha permesso di recitare un ruolo da protagonista nella Juventus e nella Nazionale italiana.<BR>Sia Conte che Prandelli ,infatti, hanno individuato in lui un elemento imprescindibile per le loro formazioni, con cui il calciatore toscano si è laureato campione d'Italia e ha sfiorato il titolo nella rassegna continentale.<BR>Forte nei contrasti, preciso nel tackle, insuperabile di testa e mai banale nei disimpegni, Barzagli può giocare come centrale in una difesa a quattro ma anche adattarsi perfettamente alla difesa a tre che ha costituito le fortune juventine.<BR>Dati alla mano, si può evincere quanto sia stato fondamentale per la conquista dello scudetto e per l'imbattibilità stagionale bianconera dello scorso campionato: 35 presenze sulle 38 disponibili in Serie A. Traducendo questi numeri si può comprendere che il difensore sia stato lasciato fuori dal suo tecnico solo quando ha accusato dei piccoli risentimenti muscolari o quando è stato obbligato a star fuori per squalifica.<BR>Anche quest'anno lo standard sembra sulla scia della scorsa stagione: 16 presenze in 17 partite di campionato, en plein fallita solo&nbsp;a causa del riposo concessogli con il Chievo dopo il dispendio di energie nella&nbsp; sfida dello Stamford Bridge contro il Chelsea. Insomma, Andrea Barzagli&nbsp;è uno dei pochi&nbsp;difensori di sicuro affidamento e di altissimo livello&nbsp;che possiamo ancora &nbsp;vantare nel nostro&nbsp;campionato e che ha disputato un 2012 straordinario. Sta a voi decidere con un&nbsp;voto se è stato il migliore di tutti.<BR><BR>&nbsp; VOTATE QUI<br><br> <A href="https://twitter.com/IlCalcio24">https://twitter.com/IlCalcio24</A><br><br> <A href="https://www.facebook.com/IlCalcio24">https://www.facebook.com/IlCalcio24</A><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><br><br>C1007650FL0657FL0657barzagli.jpgSiNilcalcio24-awards-barzagli-1009733.htmSiT1000007100664701,02,03,06010183
2131009708NewsCalcio EsteroLiga, 16a giornata: Barça senza pietà. Real che delusione20121217093712Liga16a giornata&nbsp;<BR><BR>Il Barça stravince il big match contro l’Atletico Madrid per 4-1 e vola sempre più al comando del campionato a quota 46 punti, 9 in più sui Colchoneros e ben 13 sul Real di Mourinho.<BR>Numeri devastanti per ilBarça, che eppure era passato in svantaggio con il 17/o gol di Radamel Falcao. Ma l’Atletico ha poi subito la veemente reazione dei blaugrana con le reti di Adriano da cineteca, Busquets e la doppietta di Leo Messi. Il Real rallenta la sua corsa e questa volta lo fa al&nbsp;Bernabeu contro un mai domo&nbsp;Espanyol. Un&nbsp;pareggio che permette all’Espanyol di abbandonare temporaneamente l’ultima posizione in classifica. Il Levate espugna la “Romareda” con Garcia, mantenendo la scia del Malaga in zona coppe. <BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Getafe-Osasuna 1-1&nbsp; 85'Sola(O) - 90'Castro(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-At-Bilbao 0-1&nbsp; 11'Aduriz</STRONG><BR><BR><STRONG>Granada-Real Sociedad 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Malaga 0-2&nbsp;&nbsp; 49'Demichelis-70'Eliseu</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Levante 0-1&nbsp; 19'Garcia</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Rayo 0-1&nbsp;&nbsp; 83'Dominguez</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Espanyol 2-2&nbsp; 31'S.Garcia-88'Albin(E) - 45'Ronaldo-48'Coentrao(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-At-Madrid 4-1&nbsp; 31'Falcao(A) - 36'Adriano-45'Busquets-57'-88'Messi(B)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Deportivo-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 46<BR>2)At.Madrid 37<BR>3)Real Madrid 33<BR>4)Malaga 28<BR>5)Levante 27<BR>6)Betis 25<BR>7)Getafe 24<BR>8)Real Sociedad 22<BR>9)Rayo 22<BR>10)Valladolid 21<BR>11)Valencia 21<BR>12)At.Bilbao 21<BR>13)Siviglia 19<BR>14)Real Saragozza 19<BR>15)Celta 15<BR>16)Osasuna 14<BR>17)Maiorca 13<BR>18)Granada 13<BR>19)Espanyol 12<BR>20)Deportivo 11<BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-16-trionfo-barca-disastro-real-1009708.htmSi100427901,02,03010195
2141009707NewsCalcio EsteroBundesliga, 17a giornata: finito il girone d`andata. Bayern campione d`inverno20121217091348Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>All’”Allianz Arena” il Bayern Monaco chiude il 2012 impattando 1-1 contro il Borussia Monchengladbach&nbsp;e conservando ampiamente la testa della classifica del massimo campionato tedesco. Il Bayer Leverkusen approfitta del pareggio del Bayern Monaco per rosicchiare due punticini alla capolista. Guidato da un&nbsp;fenomenale Kiessling,&nbsp;il Bayer&nbsp;asfalta un ottimo Amburgo, portandosi a nove punti dai bavaresi. Bene anche la matricola terribile Eintracht Francoforte: i biancorossi vanno a prendersi i tre punti su un campo difficile come quello del Wolfsburg; protagonista ancora Meier, capocannoniere della Bundesliga. Nelle altre gare del sabato della 17/a giornata, spicca il 3-1 dell’altra sorpresa di stagione, il Mainz, che rifila un&nbsp;umiliante 3-1 allo Stoccarda. Solo 1-1 nella sfida salvezza tra il Greuther Fürth e l’Augsburg, entrambe all’ultimo posto in classifica con soli 9 punti. Lo Schalke 04 chiude il girone d'andata&nbsp;con una sonora sconfitta: un 3-1 casalingo senza appello per la formazione di Stevens. Il 2012 della Bundesliga si chiude con la vittoria dei campioni in carica del Borussia Dortmund; gli uomini di Klopp espugnano&nbsp;per 3-1 il campo dell’Hoffenheim, al quale evidentemente non è bastato il cambio di allenatore per risalire la china.&nbsp; <BR><BR>La Bundesliga si ferma per la lunga pausa invernale, prossimo appuntamento il 19 gennaio 2013.<BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Marx(BO) - 59'Shaqiri(BM)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Fortuna-Hannover 2-1&nbsp;&nbsp; 40'Schahin-83'Ilso(F) - 70'Diouf(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Augsburg 1-1&nbsp;&nbsp; 10'Molders(A) - 69'Sobiech(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Eintracht 0-2&nbsp;&nbsp; 13'Meier-18'Inui(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Amburgo 3-0&nbsp;&nbsp; 27'-67'Kiessling-37'Schurrle(B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Stoccarda 3-1&nbsp;&nbsp; 55'-71'N.Muller-90'Soto(M) - 48'A.gol H.Muller(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Friburgo 1-3&nbsp;&nbsp; 20'Farfan(S) - 26'-61'Rosenthal-32'Schmid(F)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri&nbsp;<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia D. 1-3&nbsp;&nbsp; 26'Gotze-58'Grosskreutz-66'Lewandovski(B) - 35'Shipplock(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Norimberga 1-1&nbsp;&nbsp; 82'Gebhart(N) - 88'Petersen(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR><STRONG></STRONG>1)Bayern 42<BR>2)Bayer L. 33<BR>3)Borussia D. 30<BR>4)Eintracht 30<BR>5)Friburgo 26<BR>6)Mainz 26<BR>7)Schalke 25<BR>8)Stoccarda 25<BR>9)Borussia M. 25<BR>10)Amburgo 24<BR>11)Hannover 23<BR>12)Werder 22<BR>13)Fortuna 21<BR>14)Norimberga 20<BR>15)Wolfsburg 19<BR>16)Hoffenheim 12<BR>17)Greuther 9<BR>18)Augsburg 9<BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-17-finito-il-girone-d-andata-1009707.htmSi100427901,02,03010187
2151009703NewsCalcio EsteroLIVE ILCALCIO24 Barcellona-A.Madrid 4-1 - Guarda Ora20121216213314LigaVideoIl Barcellona travolge in rimonta l'Atletico Madrid e si porta a +9. <BR><BR>All'8' Falcao è andato vicinissimo al vantaggio sugli sviluppi di un calcio d'angolo: il colombiano stacca benissimo di testa su cross di Koke e colpisce il montante. Ospiti vicini al goal. Link Video: <A href="http://www.youtube.com/watchfeature=player_embedded&amp;v=OGah7PH9t7Q">http://www.youtube.com/watchfeature=player_embedded&amp;v=OGah7PH9t7Q</A><BR><BR>Al 31' Ripartenza fulminea dei 'Colchoneros' che recuperano palla a metà campo,&nbsp;Falcao vola via in velocità e batte Valdes con un cucchiaio delizioso. Giocata impressionante del bomber dell'Atletico. Link Video: <A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzqhb_barcelona-vs-atletico-madrid-0-1-16-12-2012-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzqhb_barcelona-vs-atletico-madrid-0-1-16-12-2012-ourmatch-net_sport</A><BR><BR>Al 36' immediata reazione del Barcellona. Il terzino brasiliano Adriano tira fuori dal cilindro un sinistro a giro dallo spigolo dell'area che si infila sotto l'incrocio dei pali lontano. Link Video:&nbsp;<A href="http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&amp;v=AE6m4tQP4hs">http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&amp;v=AE6m4tQP4hs</A><BR><BR>Al 45' Busquets porta in vantaggio i catalani. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, un rocambolesco rimpallo serve il centrocampista spagnolo, che manda a vuoto un paio di difensori con una finta e insacca sotto la traversa a due passi da Courtois. Link Video: &nbsp;<BR><A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzqwu_barcelona-vs-atletico-madrid-2-1-16-12-2012-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzqwu_barcelona-vs-atletico-madrid-2-1-16-12-2012-ourmatch-net_sport</A><BR><BR>Al 57' Messi. Accelerazione letale dell'argentino, che sfugge alla marcatura del diretto avversario al limite dell'area e insacca con un sinistro chirurgico rasoterra, alla destra di Courtois. Link Video: <A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzrqh_barcelona-vs-atletico-madrid-3-1-messi_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzrqh_barcelona-vs-atletico-madrid-3-1-messi_sport</A><BR><BR>All'88' Messi chiude l'incontro. Grave indecisione della difesa dell'Atletico, con Godin che regala palla agli avversari. Ne approfitta l'asso argentino, che sfoggia un cucchiaio perfetto a scavalcare Courtois. Link Video: <A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzskv_barcelona-vs-atletico-madrid-4-1-messi_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzskv_barcelona-vs-atletico-madrid-4-1-messi_sport</A><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>BarcellonaFL0411FL0411falcao.jpgSiNlive-ilcalcio24-barcellona-atleticomadrid-video-1009703.htmSi100427901,02,03010154
2161009699NewsCampionatiLIVE ILCALCIO24 Real Madrid-Espanyol 2-2 Guarda ora20121216173641LigaVideoIl Real Madrid non va oltre il 2-2 in casa con l'Espanyol.&nbsp;Ennesimo risultato deludente per le merengues che a questo punto vedono&nbsp;sempre più lontana&nbsp;la vetta. I blancos non sono state capaci di chiudere la gara al momento giusto e sono stati puniti dalla volenterosa squadra di Aguirre. <BR><BR>Al 2', subito&nbsp;un tentativo di Cristiano Ronaldo. Servito da Pepe ha lasciato partire un tiro dalla lunga distanza che si è spento di poco fuori alla destra di Francisco Casilla&nbsp; Link Video: <A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzmwd_cr7_animals">http://www.dailymotion.com/video/xvzmwd_cr7_animals</A><BR><BR>Al 31',clamorosamente si porta in vantaggio l'Espanyol. Contropiede della squadra di Aguirre, Verdù serve Garcia che si infila tra due difensori e lascia partire un tiro sul quale Casillas non può nulla. Link Video:<A href="http://www.dailymotion.com/video/xvznon_real-madrid-vs-espanyol-0-1-16-12-12-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvznon_real-madrid-vs-espanyol-0-1-16-12-12-ourmatch-net_sport</A><BR><BR>Al 45+1 pareggia il Real. Cross dalla sinistra di Khedira, gran taglio in area di Cristiano Ronaldo che anticipa Lopez e di suola trova l'1-1. Link Video: &nbsp;<A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzo0w_real-madrid-vs-espanyol-1-1-16-12-12-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzo0w_real-madrid-vs-espanyol-1-1-16-12-12-ourmatch-net_sport</A>&nbsp;<BR><BR>Al 48' arriva il vantaggio del Real. Gran palla di Cristiano Ronaldo per Coentrao che entra in area, resiste ad un paio di contrasti e dalla corta misura trova il 2-1. Link&nbsp;Video: &nbsp;<A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzofo_real-madrid-vs-espanyol-2-1-16-12-12-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzofo_real-madrid-vs-espanyol-2-1-16-12-12-ourmatch-net_sport</A><BR><BR>All'88 l'Espanyol pareggia. A segnare è Jose Angel Albin&nbsp;in una azione confusa sugli sviluppi di un corner. Link. Video:&nbsp; <A href="http://www.dailymotion.com/video/xvzpg7_real-madrid-vs-espanyol-2-2-16-12-12-ourmatch-net_sport">http://www.dailymotion.com/video/xvzpg7_real-madrid-vs-espanyol-2-2-16-12-12-ourmatch-net_sport</A><BR><BR><BR><BR>MadridFL0411FL041151537.jpgSiNlive-ilcalcio24-realmadrid-espanyol-guarda-ora-1009699.htmSi100427901,02,03010195
2171009676NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Bundesliga, Bayer Leverkusen-Amburgo 3-020121215174221Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Convincente vittoria del Bayer che si porta a -9 dalla capolista Bayern Monaco. Doppietta di Kiessling, autentico mattatore dell'incontro. La Bundesliga tornerà a metà gennaio con la prima del girone di ritorno.<BR><BR>Link Video: <A href="http://www.trilulilu.ro/video-sport/bl3-0h">http://www.trilulilu.ro/video-sport/bl3-0h</A><BR><BR>LeverkusenFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNhighlights-il-calcio24-bayer-leverkusen-amburgo-3-0-1009676.htmSi100427901,02,03010119
2181009663NewsCampionatiBerlusconi chiude a Balotelli: «Non lo vedo al Milan»20121215095033berlusconi balotelli robinho«Robinho? il Milan non vuole cederlo, ma lui ha un pò di nostalgia...«Silvio Berlusconi, durante la cena natalizia del Milan, ha parlato un pò di tutto: dalle ambizioni della squadra a Robinho, per passare ovviamente alle solite domande su Mario Balotelli al Milan:<BR><BR><EM>"Siete voi che continuate a parlare di Balotelli<STRONG>. </STRONG>&nbsp;Io una volta ho detto che ho altri sogni, poi che non lo sogno ed è venuto fuori che è un mio sogno. Io non l'ho mai sognato e non rientra nei piani del Milan. Preferirei comprare la gioconda. Niang gli assomiglia nella cresta."; </EM><BR><BR>Il patron poi continua&nbsp;parlando del suo rapporto col Milan e del futuro della squadra:<EM> "Io considero il<STRONG> </STRONG>Milan una parte della storia mia e della mia famiglia e quindi mi auguro che la mia famiglia possa ancora avere la possibilità di continuare a darsi la possibilità di essere l'animatrice di questa avventura straordinaria che si chiama Milan. Questo è un Milan di transizione per rimettere insieme un team di campioni. Di campioni abbiamo vissuto per 26 anni ora con un po' di pazienza affronteremo un periodo di 3 anni per aspirare a essere nuovamente protagonisti in Italia, Europa e nel mondo. Abbiamo un giocatore di 15 anni</EM> (Mastour,giovane marocchino&nbsp;degli Allievi,&nbsp;ndr) <EM>che tra un anno potrà giocare in serie A, e stiamo guardando un centinaio di ragazzi nelle varie squadre alla ricerca di nuovi campioni".</EM><BR><BR>Sul mercato invece Berlusconi spera di convincere Robinho a restare ed esclude altri acquisti a centrocampo:<EM> "Il Milan non vuole cederlo. Il giocatore soffre di saudade e molte società brasiliane lo cercano, vediamo. Noi vorremmo assolutamente non farlo partire, ma lui ha un po' di nostalgia e quindi stiamo parlando. Un'offerta limite non c'è ma ci sono cifre a cui si pensa e se partirà saremo obbligati a prendere un altro attaccante. L'infortunio di De Jong?La linea mediana è composta da ottimi giocatori. Abbiamo addirittura due mediani: stiamo bene così ".&nbsp;&nbsp;<BR></EM><BR><BR>C1007650FL0141FL0141berlusconi-milan.jpgSiNberlusconi-chiude-a-balotelli-non-lo-vedo-al-milan-1009663.htmSiT1000027100205001,02,03,07030271
2191009661NewsCalcio EsteroLiga, 16a giornata: derby andaluso Siviglia-Malaga, domani la sfida tra Messi e Falcao20121215092626Liga16a giornata&nbsp;<BR><BR>In Spagna va di scena la 16ª giornata della Liga, spalmata tra oggi, domani e lunedì, con&nbsp;l'incontro di cartello che si giocherà domani&nbsp;sera e che vedrà&nbsp;di fronte&nbsp;Barcellona e Atletico Madrid in uno scontro al vertice da mozzare il fiato. <BR><BR>Sarà, dunque, un sabato "leggero" in Liga, con il Getafe che affronta l'Osasuna al Coliseum Alfonso Perez alle 16, mentre alle 18 il Maiorca cercherà punti salvezza in casa affrontando&nbsp; casa l'Athletic Bilbao.<BR><BR>Alle 20 sfida fra il pericolante Granada e la Real Sociedad, che al momento occupa una tranquilla posizione di metà classifica. Chiude il sabato della Liga la sfida delle 22 che vedrà impegnato il Malaga di Pellegrini, attualmente quarto in classifica, nell'insidiosa trasferta da derby andaluso con il Siviglia al Pizjuàn. <BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Getafe-Osasuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-At-Bilbao</STRONG><BR><BR><STRONG>Granada-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Malaga</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Rayo</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-At-Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Deportivo-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Betis</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-spagnola-giornata-16-derby-andaluso-siviglia-malaga-1009661.htmSi100427901,02,03010208
2201009659NewsCalcio EsteroBundesliga, 17a giornata: pareggio Bayern, oggi tocca al Leverkusen20121215085912Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Pareggio casalingo a sorpresa per la capolista Bayern Monaco. Incontro più difficile del previsto per la capolista che trova davanti a sè un Borussia ordinato e solido. Dopo un buon avvio di gara bavarese grazie ad uno scatenato Ribery, gli ospiti trovano il vantaggio su rigore per un fallo di mano di Boateng da un cross proveniente dalla sinistra. Nella ripresa il Bayern va vicino al gol del pareggio e solo un po' di sfortuna e gli interventi strepitosi del ventenne portiere Der Stegen glielo impediscono. La svolta arriva con l'ingresso di Shaqiri che dà vivacità alla manova e sfrutta al meglio un assist di Ribery e insacca il gol del pari.<BR><BR>Il Leverkusen ha, dunque, la possibilità, di ridurre di due punti l'attuale distacco, ma prima deve battere tra le mura amiche il pur sempre ostico Amburgo,&nbsp;che è&nbsp;in netta ripresa dopo un inizio di stagione in sordina. L'Eintracht Francoforte, terzo in classifica, se la dovrà vedere con il Wolfsburg, che&nbsp;attualmente appare come&nbsp;la squadra che appare più&nbsp;forma. Cercheranno punti che serviranno per raggiungere l'obiettivo Europa lo Schalke 04 in casa contro il Friburgo e lo Stoccarda sul campo del Mainz.<BR><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Marx(BO) - 59'Shaqiri(BM)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Fortuna-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Eintracht</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Friburgo</STRONG><BR><BR>Domani <BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia D.</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Norimberga</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-17-pari-bayern-oggi-tocca-al-leverkusen-1009659.htmSi100427901,02,03010192
2211009658NewsCampionatiSerie B - Livorno-Ternana, le pagelle. Top Siligardi e Fazio. Flop Maniero20121214224319serie b, livorno, ternanaLivorno Ternana PagelleFinale 2-1 (p.t. 1-1): 24' Fazio, 44' e 78' Siligardi (L)<br><br> ammoniti: Siligardi, Ciofani, Fazio, Miglietta, Dianda&nbsp;&nbsp;&nbsp; espulsi:<br><br> Livorno (3-4-2-1): Fiorillo 6.5, Bernardini 6.5, Emerson 6, Lambrughi 6, Salviato 6 (66' Meola 6), Luci 6, Gentsoglou 6.5 (88' Molinelli s.v.), Gemiti 6.5, Belingheri 6, Siligardi 7.5 (82' Dionisi s.v.), Paulinho 6 All.: Nicola 6.5<br><br> Ternana (3-5-2): Brignoli 6, Ferraro 6, Brosco 5.5, Ciofani 6, Fazio 6.5, Dianda 6, Miglietta 6, Ragusa 6, Vitale 6 (81' Dumitru s.v.), Maniero 5 (59' Nolé 5.5), Alfageme 5.5 (88' Sinigaglia s.v.) All.: Toscano 5.5<br><br> <BR><STRONG><EM>Top Livorno</EM></STRONG><br><br> Siligardi: doppietta decisiva, che porta al successo i suoi.<br><br> <STRONG><EM>Flop Livorno</EM></STRONG><br><br> nessuno<br><br> <STRONG><EM>Top Ternana</EM></STRONG><br><br> Fazio: oltre alla rete tanto sacrificio.<br><br> <STRONG><EM>Flop Ternana</EM></STRONG><br><br> Maniero: poco propositivo in avanti.<br><br>C1007651adm001adm001siligardi.jpgSiNserie-b-livorno-ternana-pagelle-top-flop-risultato-marcatori-1009658.htmSi100075501,02,03030270
2221009657NewsCalcio EsteroLIVE ILCALCIO24 - Bayern-Borussia M`gladbach 1-1: Guarda il video del gol di Shaquiri20121214203531BundesligaBayern Monaco Borussia MoenchengladbachOspiti in vantaggio con un rigore trasformato da Marx al 21' per fallo di Boateng.<BR><BR>Clicca qui per vedere la rete 0-1&nbsp;<A href="http://www.youtube.com/watch?v=XFvk-Q1x-LA&amp;feature=youtu.be">http://www.youtube.com/watch?v=XFvk-Q1x-LA&amp;feature=youtu.be</A><BR><BR>Clicca qui per vedere la rete 1-1 <A href="http://www.youtube.com/watch?v=VaeMWbGZ5TM&amp;feature=youtu.be">http://www.youtube.com/watch?v=VaeMWbGZ5TM&amp;feature=youtu.be</A><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>Monaco di BavieraFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbayern-borussia-1-1-marx-shaquiri-1009657.htmSi-01,02,03010164
2231009655NewsCampionatiSerie B, le magnifiche tre mettono a rischio gli spareggi promozione20121214171819serie bSerie BIl precedente è illustre, di quelli che non si dimenticano facilmente. Era la stagione 2006-2007 e probabilmente, anzi sicuramente, quell’anno la seconda divisione divenne molto più popolare e affascinante. Merito di tre squadre, merito di scandali, merito di chissà cosa.<BR>Juventus, Napoli e Genoa conquistarono la promozione, calcando l’onda di un campionato dominato e strameritato. Appunto, la prima (e unica) Serie B a concludersi senza lo svolgimento dei play-off, il mini torneo composto da semifinali e finali disputate dai team classificati dalla terza alla sesta posizione. Ci credono e ci sperano, le nuove magnifiche tre.<BR>Dopo diciotto giornate d’intense domeniche è giunta l’ora di compiere il primo bilancio, la prima panoramica di una stagione complicata ma interessante. In testa a guardare tutti dall’alto al basso c’è un tale Eusebio di Francesco. Proprio lui: l’ex calciatore di Lucchese e Roma, da poco, ormai, allenatore. Se l’esperienza pugliese sponda Lecce non è andata come le previsioni, tutto, ma proprio tutto, a Sassuolo sta funzionando. Un primo posto conquistato con impegno sul campo, dove i verdenero hanno sempre dimostrato il loro strapotere. A seguire gli emiliani a soli tre punti di distacco ecco i toscani di Davide Nicola il quale merita tutti i complimenti per essere riuscito a compiere qualcosa in cui tanti prima di lui hanno fallito: riportare il Livorno a un ottimo livello. La squadra granata continua a macinare punti su punti, soprattutto grazie a due ottimi interpreti: l’italo-brasiliano Paulinho, già finito nella mente di mister Zeman, e soprattutto Siligardi, ex primavera nerazzurra.<BR>Il giovane Luca potrebbe davvero diventare un grande e grave grattacapo per la società di Moratti che non sarebbe nuova ad aver ceduto, ancora, il giovane sbagliato. Ultimi, non per importanza ma per classifica, Andrea Mandorlini e i suoi amati Mastini della Scala. Dopo la delusione varesina dello scorso anno in semifinale play-off, lasciata da parte qualche incertezza, i veneti sono ripartiti bene e ora non intendono arrestare la loro marcia trionfale.<BR>Quindi, ricapitolando: Sassuolo 42, Livorno 39, Hellas Verona 35. E dopo? Il vuoto?<BR>Non proprio, ma ci siamo vicini. Non poteva che esserci il Varese di Castori al quarto posto: proprio quel Varese che ormai da due anni continua a stupire e a smentire l’opinione pubblica, centrando in due anni di serie B, due volte i play-off, ma uscendone sempre con le gambe rotte. Ebagua e compagni sono riusciti a totalizzare fino a questo momento 29 punti, sei in meno della terza. Ne basterebbero solo altri quattro a Mandorlini. Ma ovviamente, in un campionato composto da ventidue squadre e quarantadue giornate è ancora precoce fare valutazioni definitive Una cosa è certa però: meglio di così, le fantastiche tre, non potevano proprio iniziare.C1007651FL0882FL0882168397hp2.jpgSiNserie-b-le-magifiche-tre-mettono-a-rischio-gli-spareggi-promozione-1009655.htmSi100877901,02,03,06,08030260
2241009641NewsCalcio EsteroBundesliga, 17a giornata: stasera in campo il Bayern contro il Borussia M.gladbach20121214090440Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Il Bayern Monaco ospita il Borussia Moenchengladbach nell'anticipo della 17° e ultima giornata del girone d'andata di Bundesliga. I bavaresi, primi in classifica e già campioni d'inverno,&nbsp;hanno la possibilità di allungare ulteriormente&nbsp;sulle inseguitrici. Per il Borussia l'impresa di portare punti a casa appare piuttosto ardua. <BR>Il Bayern Monaco è saldamente primo in classifica, con 11 punti di vantaggio sul Bayer&nbsp;Leverkusen, ed ha perso solo una volta in stagione, proprio contro il Bayer in casa per 2-1 lo scorso 28 Ottobre. <BR>Il Borussia Moenchengladbach occupa l'8° posto in classifica, ed è reduce dalla vittoria casalinga per 2-0 sul Mainz, e da 4 risultati utili di fila. La zona Champions dista solo 3 punti, mentre quella Europa League 1 punto.&nbsp; <BR>I precedenti tra le due squadre vedono in vantaggio il Bayern Monaco,&nbsp;che ha vinto&nbsp;16 volte&nbsp;e perso&nbsp;8 contro il Borussia Moenchengladbach. L'ultimo precedente&nbsp;tra le due compagini finì&nbsp;4-2&nbsp;per i&nbsp;bavaresi&nbsp;e risale allo&nbsp;scorso Marzo in Coppa di Germania.<BR><BR>Il programma completo della 17a giornata<BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia M.</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Fortuna-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Eintracht</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Friburgo</STRONG><BR><BR>Domenica<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia D.</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Norimberga</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-17-bayern-borussia-m-gladbach-1009641.htmSi100427901,02,03010181
2251009594NewsCampionatiBundesliga, il Bayern Monaco è imprendibile20121211150128bundesliga, bayern monacoIn 16 giornate di campionato i bavaresi hanno totalizzato 13 vittorie 2 pareggi e una sconfitta Un rullo compressore. Parliamo del Bayern Monaco di Jupp Heynckes. In 16 giornate di campionato i bavaresi hanno totalizzato 13 vittorie 2 pareggi e una sconfitta con 43 gol fatti e appena 6 subiti. Una vera macchina da guerra che ha già ipotecato il Meisterschale prima della sosta natalizia. Tutto questo senza il loro panzer Mario Gomez che per un infortunio è stato fermo fino a poche settimane fà. Ma bisogna ammettere che l'attaccante croato Mandzukic non ha fatto rimpiangere il titolare della nazionale tedesca, realizzando 9 gol in 14 partite.Sarà forse per il desiderio di rivalsa per la finale di champions persa l'anno scorso in casa contro il Chelsea, ma il Bayern di quest'anno sembra davvero altra cosa rispetto a quello della scorsa stagione. I dirigenti bavaresi hanno puntellato la squadra dove serviva acquistando un giocatore importante per ruolo ( Dante per la difesa, Javi Martinez per la linea mediana e Mandzukic per il reparto avanzato). Anche in Champions i tedeschi non hanno avuto problemi a qualificarsi in un girone abbordabile dove l'unica insidia poteva essere il Valencia che però nn sembra più la formazione di qualche anno fà. Sicuramente a febbraio quando ricomincerà la champions il bayern avrà la testa solo proiettata alla conquista del titolo di campione d'europa avendo già chiuso i giochi in campionato e sarà un osso durissimo per chiunque dovesse trovarsela davanti. La vendetta dei bavaresi è pronta per essere servita.<BR><BR>Orlando Cacciotti<BR><BR>adm001adm001ribery.jpgSiNbundesliga-il-bayern-monaco-e-imprendibile-1009594.htmSi100075701,02,03030221
2261009579NewsCalcio EsteroBundesliga 16a giornata:Bayern saldamente in testa, cade il Bayer Leverkusen20121210091722Bundesliga16a giornata&nbsp;<br><br> Con la maggior parte degli incontri giocati sabato che hanno sancito ancora una volta il netto predominio del Bayern Monaco, la domenica di Bundesliga ha confermato che i bavaresi non hanno rivali capaci di impensierirli. Brutta sconfitta per il Leverkusen sul campo dell'Hannover. Un 3-2 che fa perdere terreno al Bayer nei confronti della capolista Bayern Monaco. In vantaggio con Castro dopo soli due minuti di gara, il Bayer ha subito la rimonta dei padroni di casa, che hanno ribaltato il risultato coi goal di Husztli su rigore e Diouf. Kiessling ha poi trovato il pareggio per gli ospiti, ma ancora un rigore siglato da Husztli a venti minuti dal termine ha sancito la vittoria dell'Hannover.<br><br> Giocata&nbsp;Venerdi <BR><BR><STRONG>Amburgo-Hoffenheim 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 27'-74'Rudnevs</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Friburgo-Greuther 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 15'Caligiuri</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Bayern Monaco 0-2&nbsp;&nbsp; 40'Muller-63'Gomez</STRONG><BR><BR><STRONG>Norimberga-Fortuna&nbsp;2-0&nbsp;&nbsp; 27'Polter-90'Feulner</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Borussia D.-Wolfsburg 2-3&nbsp;&nbsp; 6'Reus-61'Blaszczykowski(B) - 36'Diego-41'Naldo-73'Dost(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Schalke 3-1&nbsp; 2-38-61'Ibisevic(ST) - 12'Marica(SC)</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Werder Brema 4-1&nbsp;&nbsp; 47'Meier-62'Scwegler-63'Aigner-90'Inui(E) - 54'Petersen(W)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Borussia M.-Mainz 2-0&nbsp; 58'Hanke-63'Arango</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Bayer L. 3-2&nbsp; 2'Castro-58'Kiessling(B) - 20'-69'Huszti-57'Diouf(H)</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Bayern 41<BR>2)Bayer L. 30<BR>3)Borussia D. 27<BR>4)Eintracht 27<BR>5)Scalke 25<BR>6)Stoccarda 25<BR>7)Amburgo 24<BR>8)Borussia M. 24<BR>9)Friburgo 23<BR>10)Hannover 23<BR>11)Mainz 23<BR>12)Werder 21<BR>13)Norimberga 19<BR>14)Wolfsburg 19<BR>15)Fortuna 18<BR>16)Hoffenheim 12<BR>17)Greuther 8<BR>18)Augsburg 8<BR><BR><BR><BR><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-16-cade-il-leverkusen-1009579.htmSi100427901,02,03010147
2271009578NewsCalcio EsteroLiga 15a giornata:Messi da record, Falcao ne rifila 5 al Deportivo20121210090135Liga 15a giornata&nbsp;<BR><BR><BR>Ennesima serata da raccontare ai nipoti&nbsp;per Lionel Messi e Radamel Falcao. Il Barça&nbsp;conserva l’imbattibilità in campionato espugnando per&nbsp;2-1 il Benito Villamarin del Betis con una doppietta dell'argentino che arriva a quota 86 reti in un anno superando definitivamente il precedente record detenuto dal tedesco Gerd Muller.&nbsp;Anche l’Atletico Madrid, contro il Deportivo La Coruna, ha celebrato tutta la forza del colombiano Radamel Falcao. 6-0 il punteggio finale con 5 gol di Falcao che sale a quota 21 in 15 partite. Nelle altre sfide domenicali della 15a giornata della Liga spagnola, poker convincente del Levante al Maiorca che si porta, così,&nbsp;al sesto posto in classifica a -1 dal Malaga quarto mentre il Bilbao batte 1-0 il Celta Vigo grazie ad un gol del solito bomber Ariz Aduriz allontanando la zona retrocessione.<BR><BR>Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Siviglia 2-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 13'Verdu-60'Simao(E) - 24'Rakitic-90'Negredo(S)</STRONG><BR><BR>Giocate&nbsp;Sabato <BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Getafe 1-1&nbsp;&nbsp; 86'Lafita(G) - 90'Martinez(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Granada 4-0&nbsp;&nbsp; 27'Joaquin-33'Saviola-75'Camacho-86'SantaCruz</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Madrid 2-3&nbsp;&nbsp; 7'-22'Manucho(V) - 12'Benzema-45'-72'Ozil(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Valencia 0-1&nbsp;&nbsp; 56'Soldado</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Levante-Maiorca 4-0&nbsp;&nbsp;43'Martins-49'Navarro-55'Garcia-58'DeLaFuente</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Celta 1-0 33'Aduriz</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Deportivo 6-0 23'Costa-28'-42'-64'-68'-71'Falcao</STRONG><BR><BR><STRONG>Betis-Barcellona 1-2 16'-25'Messi(BA) - 39'CastroMartin(BE)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><STRONG>Rayo-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Barcellona 43<BR>2)At.Madrid 37<BR>3)Real Madrid 32<BR>4)Betis 25<BR>5)Malaga 25<BR>6)Levante 24<BR>7)Getafe 23<BR>8)Valladolid 21<BR>9)Real Sociedad 21<BR>10)Valencia 18<BR>11)Rayo 19<BR>12)Siviglia 19<BR>13)At.Bilbao 18<BR>14)Real Saragozza 16<BR>15)Celta 15<BR>16)Osasuna 13<BR>17)Maiorca 13<BR>18)Granada 12<BR>19)Deportivo 11<BR>20)Espanyol 11<BR><BR><BR><BR><BR><BR>FL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-15a-giornata:messi-da-record-falcao-ne-rifila-5-al-deportivo-1009578.htmSi100427901,02,03010168
2281009568NewsCalcio EsteroBundesliga 16 giornata:tutto facile per il Bayer, ko casalingo per il Borussia20121209105319Bundesliga16a giornata&nbsp;<BR><BR>Spietato il Bayern Monaco che, potremmo, dire, ha ucciso "qualsiasi tipo" di concorrenza per la vittoria finale. E' vero che manca molto alla conclusione ma non&nbsp;emerge nessuna squadra che possa avere la continuità necessaria per dare&nbsp;del filo da torcere ai bavaresi.&nbsp;Nel frattempo, però, arriva una tegola:recuperato Robben dai problemi al ginocchio, questa volta è la schiena a bloccare il talento olandese. A questo punto il suo rientro è difficle da prevedere, probabilmente per la fase finale della stagione.<BR><BR>Tra gli altri incontri, risultato a sorpresa a Dortmund, anche condizionato dall'operato dell'arbitro:&nbsp;il Wolfsburg espugna il Westfalenstadion per 3-2. L'arbitro Stark concede due rigori alquanto dubbi ai "Lupi"&nbsp;e, soprattutto,&nbsp;obbliga il Borussia a giocare in inferiorità numerica per 65' minuti a causa dell' espulsione ai danni di Schmelzer in occasione del primo rigore. <BR><BR>Ne approfitta l'Eintracht che, con la vittoria casalinga per 4-1 contro il Werder Brema, raggiunge proprio il Borussia Dortmund in terza posizione. Oggi pomeriggio il Bayer Leverkusen, impegnato sul campo dell'Hannover potrebbe legittimare ulteriormente l'attuale seconda posizione.<BR><BR>Giocata&nbsp;Venerdi <BR><BR><STRONG>Amburgo-Hoffenheim 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 27'-74'Rudnevs</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Friburgo-Greuther 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 15'Caligiuri</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Bayern Monaco 0-2&nbsp;&nbsp; 40'Muller-63'Gomez</STRONG><BR><BR><STRONG>Norimberga-Fortuna&nbsp;2-0&nbsp;&nbsp; 27'Polter-90'Feulner</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Borussia D.-Wolfsburg 2-3&nbsp;&nbsp; 6'Reus-61'Blaszczykowski(B) - 36'Diego-41'Naldo-73'Dost(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Schalke 3-1&nbsp; 2-38-61'Ibisevic(ST) - 12'Marica(SC)</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Werder Brema 4-1&nbsp;&nbsp; 47'Meier-62'Scwegler-63'Aigner-90'Inui(E) - 54'Petersen(W)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Borussia M.-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Bayer L.</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411muller.jpgSiNbundesliga-giornata-16-bayern-vince-ko-borussia-contro-il-wolfsburg-1009568.htmSi100427901,02,03010165
2291009567NewsCalcio EsteroLiga spagnola 15a giornata:Real soffre ma vince a Valladolid, doppietta di Ozil20121209103321Liga spagnola15a giornata&nbsp;<BR><BR>Partita emozionante e ricca di gol quella vista ieri sera al Josè Zorrilla di&nbsp;Valladolid. L'abbiamo già scritto in più di un'occasione che, per essere soltanto una matricola della provincia, il Real Valladolid esprime un calcio che potrebbe fare invidia anche e persino a squadre più blasonate. Alla fine l'ha spuntata e ha fatto la differenza la maggiore qualità tecnica del Real Madrid, la precisione di Benzema e Ozil, l'intelligenza tattica di Di Maria, i contropiedi velocissimi di Ronaldo e sicuramente la maggiore esperienza di tutta la squadra madrilegna.<BR><BR>Neglia altri incontri da segnalare la goleada casalinga del Malaga sul Granada, che la rilancia nei piani alti della classifica e, soprattutto, l'esordio positivo di Valverde sulla panchina del Valencia, che espugna lo stadio Regno di Navarra dell'Osasuna grazie a un gol del solito Roberto Soldado.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Siviglia 2-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 13'Verdu-60'Simao(E) - 24'Rakitic-90'Negredo(S)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri <BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Getafe 1-1&nbsp;&nbsp; 86'Lafita(G) - 90'Martinez(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Granada 4-0&nbsp;&nbsp; 27'Joaquin-33'Saviola-75'Camacho-86'SantaCruz</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Madrid 2-3&nbsp;&nbsp; 7'-22'Manucho(V) - 12'Benzema-45'-72'Ozil(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Valencia 0-1&nbsp;&nbsp; 56'Soldado</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Levante-Maiorca</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Celta</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Betis-Barcellona</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Rayo-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411ozil.jpgSiNliga-spagnola-giornata-15-real-vince-soffrendo-a-valladolid-1009567.htmSi100427901,02,03010177
2301009549NewsCalcio EsteroBundesliga 16a giornata:testa-coda Augsburg-Bayern Monaco20121208094996Bundesliga16a giornata&nbsp;<br><br> Nell'anticipo di ieri l'Amburgo ha la meglio sull'Hoffenheim, Con un goal per tempo di Rudnevs la squadra di Fink coglie un'importante vittoria interna e conquista tre punti che le permettono di portarsi in zona europea raggiungendo, momentaneamente l'Eintracht a quota 24 punti. Al 28'&nbsp;Rudnevs sblocca il risultato con un colpo di testa su assist di Diekmeier e&nbsp;nella ripresa chiude la partita con un forte tiro sugli sviluppi di un calcio da fermo.<br><br> Oggi scenderà in campo l'incontrasta, fino ad ora, capolista Bayern Monaco che visiterà il fanalino di coda Augsburg. Il Dortmund di Klopp, in casa contro il Wolfsburg, cercherà di mantenere salda la terza posizione.&nbsp;Per la zona Champions&nbsp;interessante sarà anche Stoccarda-Schalke. Infatti, se lo Stoccarda dovesse vincere raggiungerebbe in quarta posizione proprio lo Schalke&nbsp;in quarta posizione. Ne potrebbe approfittare, quindi,&nbsp;l'Eintracht Francoforte, che, però, non avrà vita facile in casa contro il Werder Brema. Importanti sfide in chiave salvezza&nbsp;saranno quelle tra&nbsp;Norimberga e Fortuna Dusseldorf e tra Friburgo e Greuther Furth.&nbsp;&nbsp;<br><br> Giocata Ieri <br><br> <STRONG>Amburgo-Hoffenheim 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 27'-74'Rudnevs</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Friburgo-Greuther</STRONG><br><br> <STRONG>Augsburg-Bayern Monaco</STRONG><br><br> <STRONG>Norimberga-Fortuna</STRONG><br><br> <STRONG>Borussia D.-Wolfsburg</STRONG><br><br> <STRONG>Stoccarda-Schalke</STRONG><br><br> <STRONG>Eintracht-Werder Brema</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Borussia M.-Mainz</STRONG><br><br> <STRONG>Hannover-Bayer L.</STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-16-testa-coda-augsburg-bayern-1009549.htmSi100427901,02,03010131
2311009548NewsCalcio EsteroLiga spagnola 15a giornata:Real impegnato a Valladolid20121208092914Liga spagnola15a giornata&nbsp;<br><br> Nell'anticipo di ieri sera di Liga, valevole per la 15a giornata, protagonista assoluto, nel bene e nel male,&nbsp;è stato l'arbitro M.Fernandez che ha decretato due rigori nell'arco di 23 minuti. Giusta la decisione in occasione del primo a favore dei padroni di casa; incredibile, invece, in occasione del secondo visto che si tratta di una caduta in area di due giocatori del Siviglia che incespicano tra di loro. Comica anche l'espulsione di Reyes del Siviglia per doppio cartellino giallo. In pratica Reyes batte un calcio di punizione prima del fischio dell'arbitro, che, così, lo ammonisce per la seconda volta. Peccato però che le immagini mostrano chiaramente che l'arbitro in effetti aveva fischiato la ripresa del gioco.<br><br> Tra gli incontri che andranno di scena oggi occhi puntati su tre della spagnole di champions. Il Malaga cercherà i tre punti in casa contro il Granada e il Real in casa del Valladolid. Non dovrebbero essere impegni particolarmente difficili per entrambe. In serata toccherà al Valencia, che dovrà dimostrare che il cambio d'allenatore è servito a qualcosa. Giocare e vincere a Pamplona, però, non è mai facile e il Valencia quest'anno in trasferta è stato capace solo di racimolare qualche punto, troppo poco per le ambizioni del club levantino.<br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Espanyol-Siviglia 2-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 13'Verdu-60'Simao(E) - 24'Rakitic-90'Negredo(S)</STRONG><br><br> Giocano Oggi <br><br> <STRONG>Real Sociedad-Getafe</STRONG><br><br> <STRONG>Malaga-Granada</STRONG><br><br> <STRONG>Valladolid-Real Madrid</STRONG><br><br> <STRONG>Osasuna-Valencia</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Levante-Maiorca</STRONG><br><br> <STRONG>At.Bilbao-Celta</STRONG><br><br> <STRONG>At.Madrid-Deportivo</STRONG><br><br> <STRONG>Betis-Barcellona</STRONG><br><br> Lunedì<br><br> <STRONG>Rayo-Real Saragozza</STRONG><br><br>SpagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-spagnola-giornata-15-real-impegnato-a-valladolid-1009548.htmSi100427901,02,03010128
2321009538NewsCoppeEuropa League, Gruppo J: Maribor-Lazio i biancocelesti giocano per il primo posto20121206102558Europa League Gruppo JProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Nel Gruppo J l'unica certezza è il passaggio alla fase successiva della Lazio, che affronterà gli sloveni del Maribor per mantenere la prima posizione del girone. Il secondo posto se lo giocheranno il Tottenham e il Panathinaikos. Inglesi favoriti sia per il fattore campo sia per i due punti di vantaggio sui greci, che,quindi,sono obbligati a vincere.<BR><BR>In casa Maribor, Milanic dovrà rinunciare a Mejac, squalificato,&nbsp;e con molta probabilità anche a&nbsp;Martin Milec e Mitja Viler, infortunati. Il modulo dovrebbe essere il&nbsp;4-2-3-1 con Ibraimi, Tavares e Mezga a fungere da trequartisti alle spalle di Beric. A centrocampo spazio a Filipovic e Mertelj ma anche Dodlek e Cvijanovic sperano di trovare spazio nell'undici titolare.<BR><BR>I biancocelesti, come già detto, vanno a caccia del primo posto nel girone ma senza patemi d'animo. Infatti, Petkovic&nbsp;non ha convocato i suoi uomini più rappresentativi come&nbsp;Klose, Marchetti, Konko, Dias, Zarate e Brocchi; mentre Hernanes andrà in panchina.<BR>La Lazio, per l'occasione, dovrebbe schierarsi&nbsp;con il 4-4-2: davanti ci sarà la coppia formata da Floccari e Kozak,&nbsp;a centrocampo spazio a Lulic e Ederson sulle fasce, con Onazi al centro insieme a Ledesma. Difesa inedita con Cana&nbsp;e Ciani centrali e Cavanda e Scaloni sulle fasce. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>MARIBOR(4-2-3-1): Handanovic - Potokar&nbsp; - Rajvecic - Arghus - Trajkovski - Filipovic - Mertelj<BR>Mezga - Tavares - Ibraimi - Beric<BR><BR>LAZIO(4-4-2): Bizzarri - Cavanda - Cana - Ciani - Scaloni - Lulic - Ledesma - Onazi - Ederson<BR>Floccari - Kozak<BR><BR>Classifica<BR><BR>Lazio 9<BR>Tottenham 7<BR>Panathinaikos 5<BR>Maribor 4<BR><BR>MariborFL0411FL0411petkovic.jpgSiNeuropa-league-gruppo-j-maribor-lazio-probabili-formazioni-1009538.htmSi100427901,02,03010175
2331009516NewsCoppeChampions League, Gruppo E: Juventus, un punto per gli ottavi20121205084651Champions League Gruppo EProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Nel Gruppo E il match clou di stasera sarà quello che si giocherà tra lo Shaktar e la Juventus. Con gli ucraini già matematicamente qualificati, ai bianconeri manca solo un punto per formalizzare il passaggio agli ottavi di finale, con una vittoria sarebbe primo posto e ciò consentirebbe ai torinesi di evitare potenze calcistiche come il Barcellona o lo United. Ma, a questo punto della competizione, poco importa perchè tutte diventano avversarie temibilissime.<BR><BR>Lucescu dovrà rinunciare a Luiz Adriano squalificato. In avanti come unico&nbsp;attaccante ci sarà il brasiliano naturalizzato croato Eduardo.&nbsp;Il modulo dovrebbe essere il solito&nbsp;4-2-3-1, con Stepanenko al posto di Hubschmann al fianco di Fernandinho e il trio di trequartisti formato da Texeira, Willian e Mkhitaryan. In difesa dovrebbero esserci i veterani Rat e Srna.<BR><BR>Conte, invece, dovrà rinunciare allo squalificato Marchisio e&nbsp;dovrebbe sostituirlo&nbsp;con Pogba, che affiancherà quindi Pirlo e Vidal in regia. Sulle fasce ci saranno Lichtsteiner e Asamoah. In difesa c'è fiducia riguardo al recupero di Chiellini, come esternato da Alessio in conferenza stampa. In avanti la coppia dovrebbe essere quella formata da Vucinic e Giovinco.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>SHAKHTAR(4-2-3-1): Pyatov - Rat - Kucher - Rakytskyi - Srna - Stepanenko - Fernandinho<BR>Teixeira - Mkhitaryan - Willian - Eduardo<BR><BR>JUVENTUS(3-5-2): Buffon - Chiellini - Bonucci - Barzagli - Asamoah - Pogba - Pirlo - Vidal - Lichtsteiner - Vucinic - Giovinco<BR><BR>Arbitro:Eriksson (SVE)<BR><BR>L'altro incontro sarà, presumibilmente, una formalità per il Chelsea. La formazione allenata da Rafa Benitez&nbsp; è obbligata a vincere se vuole sperare di accedere agli ottavi di finale di champions league e, al contempo, sperare in una sconfitta della Juve. Gli inglesi, con il tecnico spagnolo subentrato a Di Matteo, ancora non hanno vinto. In attacco Benitez si dovrebbe affidare ai trequartisti Mata, Hazard e Oscar dietro&nbsp;a FernandoTorres.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>Chelsea(4-2-31): Cech - Azpilicueta - Ivanovic - Cahill - Cole - Mikel - Ramires - Mata - Hazard - Oscar - Torres<BR><BR>Nordsjaelland (4-2-3-1): Hansen - Parkhurst - Okore - Runje - Mtiliga - Stokholm - Adu - Lorentzen - Christensen - John -&nbsp;Beckmann<BR><BR>Arbitro:Nijhuis (OLA)<BR><BR>Classifica<BR><BR>Shaktar 10<BR>Juventus 9<BR>Chelsea 7<BR>Nordsjelland 1<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>EuropaFL0411FL0411asamoah-juventus-napoli.jpgSiNchampions-league-gruppo-e-probabili-formazioni-1009516.htmSi100427901,02,03,06010208
2341009513NewsCampionatiJuventus, Napoli, Inter: un campionato di sorprese, conferme e segnali20121204160668Ci siamo. <BR>Il tormentone è iniziato e non si placherà fino a maggio. <BR>In settimane in cui l’opinione pubblica si spreca a cercare quale realmente sia l’anti Juventus, tanti, quasi tutti, dimenticano fattori importanti, tralasciando un’analisi approfondita. <BR>In che senso?<BR>Poco meno di un mese fa i nerazzurri sembravano poter competere con l’armata di Conte dopo l’esaltante vittoria torinese. <BR>Poco meno di un mese fa i più guardavano, storcendo il naso, la squadra di Mazzarri, reduce da prestazioni poco convincenti e da pareggi tutt’altro che soddisfacenti.<BR>Ora, trascorse alcune giornate fatte di cadute di Stramaccioni e di successi di Cavani, la convinzione è cambiata: è il Napoli che può impensierire i campioni d’Italia. <BR>L’impressione immediata è che il pensiero pubblico si sposti dove soffia il vento, vento rappresentato in questo caso dai fatidici tre punti. <BR>Procedendo passo per passo si arriva a una riflessione compiuta.<BR>Juventus: c’è chi dice che una sconfitta comporta un’altra sconfitta. La squadra di Torino ne è la prova: quarantanove turni dopo l’ultima caduta, prima l’Inter, poi il Milan hanno incrinato le certezze del pubblico. Ma non c’è da preoccuparsi, il caso fisiologico è normale e i successivi trionfi ne sono la prova. I bianconeri restano la squadra da battere sia per il fatto che i campioni in carica rimangono sempre i favoriti sia perché la superiorità dell’organico è evidente: in un campionato come quello italiano, la forza e la potenza del centrocampo sono fondamentali, se non vitali. Se esistono delle anti-Juventus solo il tempo ce lo mostrerà, nel frattempo si può sostenere che il problema maggiore del team di Agnelli potrebbe essere interno: la Champions porta via tante energie e il Milan dell’anno scorso ne è la testimonianza. Le competizioni europee oltre a sottrarre forze fisiche, crea un deficit anche nella testa e nel morale dei giocatori, ovviamente nel caso di una delusione. E anche in questo caso il Milan del Camp Nou ne è una prova lampante.<BR>Intanto, spazio al campo dove la formazione bianconera dimostra sempre una potenza e una forza strabiliante.<BR>Napoli: i rumors di questi giorni dicono che i partenopei possano puntare allo scudetto senza problemi. I rumors di un mese fa, dopo la sconfitta allo Juventus Stadium firmata Caceres-Pogba e dopo il pareggio interno contro il Torino, dicevano il contrario. <BR>Quindi? Qual è la verità?<BR>La verità è che gli azzurri della Campania hanno avuto una crescita esponenziale strepitosa, mostrata soprattutto dalla differenza dei punti rispetto agli anni passati. Alcune scelte sono poi state fondamentali: Mazzarri ha subito chiarito che al campionato sarebbe stata data la precedenza, mettendo chiaramente in secondo piano l’Europa League, competizione in cui comunque Cavani e compagni sono riusciti a passare il turno. <BR>Altro attestato di stima sono i segnali, quelli importanti, quelli, appunto, da scudetto. Che cosa si intenda per segnali scudetto è presto che fatto: partite in cui, pur non giocando al massimo e al meglio, si torna a casa con la pancia piena di tre punti. Un esempio? Certamente, anche più di uno. L’ultimo per ordine di tempo è ovviamente quello di Cagliari, dove i partenopei, pur non disputando una partita egregia, per un episodio o per altro sono riusciti ad abbattere il muro avversario. <BR>Altri segnali sono vincere due volte su due al Ferraris di Genova, impresa non da poco: questo è, infatti, uno dei campi più difficili in cui giocare e poche sono le squadre al top che riescono a fare il bis ligure durante la stagione. <BR>Insomma, pur non avendo una rosa così ampia e completa, i detentori della Coppa Italia in carica possono ambire a posizioni alte, quasi vertiginose.<BR>Inter: in sponda nerazzurra vale l’esempio opposto del Napoli. Da incredibilmente forti e coraggiosi, a piccoli e ridimensionati. E anche qui bisogna scavare per scoprire la verità. Le ultime due prove della stagione sono state probabilmente fra le peggiori mai viste quest’anno. Ma in un momento di calo comprensibile e di preoccupazione per l’inevitabile caso Sneijder, quasi giunto al termine, i tre punti contro i rosanero di Gasperini sono da acciuffare al volo, mettere nel taschino, chiuderlo con forza e riprendere a lavorare. Consideriamo anche un’altra cosa importante: Stramaccioni e l’Inter non possono fare a meno di Antonio Cassano, diventato una pedina fondamentale per gli equilibri e soprattutto per la fantasia di una squadra spaesata e senza idee. L’altra cosa positiva è che manca solo un mese a gennaio e i rinforzi sono obbligatori: fondamentale è un sostituto naturale di Milito che non vede mai la porta, se non è in giornata. Resta la convinzione che il perfetto cambio sarebbe un connazionale che ha un nome e un cognome: German Denis sarebbe congeniale per le caratteristiche del team di Moratti che non dovrebbe nemmeno bucarsi le tasche per portare a casa un giocatore tanto, ma tanto sottovalutato. <BR>L’altro obiettivo resta un regista-trequartista, cioè almeno un giocatore di spiccata qualità in mezzo al campo che ispiri idee e assist e crei giocate. <BR>Resta il piccolo sospetto che i nerazzurri siano bene indirizzati anche in Europa League, dove nel doppio scontro la squadra milanese possa essere davvero temibile e sicura.<BR>Si, si può tranquillamente pensare che queste tre squadra, le prime tre in classifica, ci possano regalare un campionato bello e lungo, con una corsa interminabile a tre.<BR>E si, si possono tralasciare le restanti, nel senso che per un motivo o per l’altro Fiorentina e Lazio, aggiungendoci pura una Roma in crescita, non possano avere i mezzi sufficienti per combattere per quello che è l’obiettivo più duraturo, estenuante e complicato dell’anno. Sognare non costa niente, è vero, ma essere realisti è d’obbligo. <BR>Poi, certo, un conto è parlare di scudetto, un altro paio di maniche è pensare alla possibilità di qualificarsi nell’Europa che conta e quindi arrivare almeno fra le prime tre.<BR>Tra sorprese quali Fiorentina e Lazio, la conferma della super Juve, e i segnali importanti di Napoli e Inter: meno male che è gennaio e che questa stagione non è nemmeno alla metà di quello che ci potrà ancora offrire.FL0882FL0882marotta.jpgSiNjuventus-napoli-inter:-un-campionato-di-sorprese-conferme-e-segnali-1009513.htmSi100877901,02,03,06,07,08030179
2351009503NewsCoppeChampions League, Gruppo B: Schalke e Arsenal, sfida a distanza20121204091234Champions League Gruppo BProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Anche nel Gruppo B è quasi già tutto deciso. Manca solo sapere chi arriverà primo nel girone e stasera si sfideranno in un duello a distanza lo Schalke o4 e l'Arsenal. <BR><BR>I tedeschi andranno sul campo del Montpellier, già eliminato. I biancoblu di Stevens&nbsp;vanno in Francia&nbsp;per conquistare gli ultimi tre punti necessari a garantirgli&nbsp;di chiudere la prima fase a gironi con il primato solitario. Il tecnico dello Schalke probabilmente farà giocare tra i pali l’esperto Hildebrand, coadiuvato da una difesa a quattro guidata da Howedes e Matip in mezzo e con Uccida e Fuchs ai loro lati. Centrocampo&nbsp;solido con Jones e Neustadter e fantasioso con Holtby che agirà dietro all’unica punta Huntelaar. Sugli esterni agiranno i soliti Draxler e Farfan. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>MONTPELLIER (4-2-3-1): Ligali - Congre - Yanga-Mbiwa - Hilton - El Kaoutari - Saihi - Estrada - Utaka - Belhanda - Cabella - Camara <BR><BR>SCHALKE 04 (4-2-3-1): Hildebrand - Uchida - Howedes - Matip - Fuchs - Jones - Neustadter -&nbsp;Farfan - Holtby - Draxler - Huntelaar<BR><BR>Arbitro: Lahoz (SPA)<BR><BR>Nell'altro incontro è l'Arsenal, se vuole arrivare primo,&nbsp;che deve vincere in casa dell'Olympiakos e sperare che lo Schalke non faccia lo stesso in Francia. L'Olympiacos, ormai ufficialmente terzo nel girone e "retrocesso" in Europa League, vuole chiudere l'esperienza in Champions con un risultato positivo davanti ai propri sostenitori. Nell'Arsenal, forse, ci sarà un mini turnover: In avanti Wenger dovrebbe proporre tra i titolari Gervinho, Podolski e Arshavin.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>OLYMPIAKOS(4-4-2): Carroll - Torosidis - Papazoglou - Modesto - Holebas - Machado -Fuster - Greco - Abdoun - Mitroglou - Djebbour<BR><BR>ARSENAL(4-3-3): Szczesny - Jenkinson - Mertesacker - Vermaelen - Gibbs -&nbsp;Ramsey - Arteta - Wilshere - Gervinho - Giroud - Podolski<BR><BR>Arbitro_Mallenco(SPA)<BR><BR>Classifica<BR><BR>Schalke 11<BR>Arsenal 10<BR>Olympiakos 6<BR>Montpellier 1<BR><BR>EuropaFL0411FL0411Jack-Wilshere-FA-Youth-Cup-final.jpgSiNchampions-league-gruppo-b-probabili-formazioni-1009503.htmSi100427901,02,03010179
2361009502NewsCoppeChampions League, Gruppo A: Psg-Porto, il primo posto in palio20121204084328Champions League Gruppo AProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Ancelotti, la cui panchina inizia a scricchiolare,&nbsp;potrà&nbsp;contare&nbsp;sui rientranti Sirigu e Verratti, che molto probabilmente partiranno&nbsp;dal primo minuto.&nbsp;Potrebbe essere titolare anche Sissoko nel trio di centrocampo insieme allo stesso&nbsp;Verratti e Matuidi. Non è escluso, però, l'impiego dall'inizio&nbsp;del talento&nbsp;17enne Rabiot. In avanti, con l'insostituibile Ibrahimovic,&nbsp;potrebbe trovare&nbsp;spazio il brasiliano Nene. A completare il tridente ci sarà un&nbsp;ballottaggio tra Lavezzi e Menez. Psg obbligato a vincere per rimontare il punto che lo separa dalla capolista Porto.<BR><BR>Non&nbsp;dovrebbero esserci&nbsp;particolari problemi di formazione per il tecnico del Porto Vitor Pereira. Tra i pali il titolare sarà Helton. A sinistra nel quartetto di difesa ci sarà come di consueto il parigino Mangala e, con lui, probabilmente saranno&nbsp;confermati Ba, Otamendi e Danilo. Centrocampo affidato alla classe di Joao Moutinho e all'esperienza di Lucho Gonzalez, davanti il tridente&nbsp;dovrebbe essere formato da Rodriguez, Martinez e Varela. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>PSG(4-3-3): Sirigu - Van der Wiel - Alex - T. Silva - Maxwell - Verratti - Matuidi - Sissoko - Nene&nbsp;&nbsp;- Lavezzi(Menez) - Ibrahimovic<BR><BR>PORTO(4-3-3): Helton - Danilo - Otamendi - Ba - Mangala - &nbsp;L. Gonzalez - Defour - Moutinho -<BR>Varela - J. Martinez - J. Rodriguez<BR><BR>Arbitro:Thompson (SCO)<BR><BR>L'altro incontro del girone vedrà di fronte la Dinamo Zagabria e la Dinamo Kiev. Partita che non desta particolari emozioni visti i 4 punti che separano i croati dagli ucraini. Dinamo Kiev, quindi, già sicura di trasferirsi in Europa League.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>D.Zagabria(4-2-3-1): Kelava - Vrsjalko - Vida - Simunic - Pivaric - Kovacic - Ademi - Beciraj -Brozovic - Halilovic - Sammir<BR><BR>Dynamo Kiev (4-2-3-1): Shovkovski - Silva - Mikhalik - Khac’di - Taiwo - Vukojevic - Veloso - Mehmedi - Garmash - Raffael - Brown<BR><BR>Arbitro:Todorov (BUL)<BR><BR>Classifica<BR><BR>Porto 13<BR>Psg 12<BR>D.Kiev 4<BR>D.Zagabria 0<BR><BR><BR><BR>EuropaFL0411FL0411verratti-psg.jpgSiNchampions-league-gruppo-a-probabili-formazioni-1009502.htmSi100427901,02,03010154
2371009498NewsCalcio EsteroLiga spagnola, 14a giornata: esonerato Pellegrino del Valencia, finito anche il ciclo di Mou20121203094133Liga Spagnola14a giornata&nbsp;<BR><BR>Incontri di secondo piano nella domenica della 14a giornata di Liga. Spicca la vittoria in trasferta del Betis per 3-2 contro il Deportivo. I betici di Siviglia fanno un balzo in avanti anche in classifica e si piazzano al quarto posto solitario. <BR><BR>Attenzione particolare merita l'argomento allenatori. Il Valencia ha esonerato mister Pellegrino dopo la batosta ricevuta a domicio dalla Real Sociedad. Il cammino altalenante della compagine valenciana, nettamente inferiore alle aspettative di inizio stagione, ha incrinato il rapporto tra il club e il tecnico. Adesso il club cerca un tecnico spagnolo che accetti un contratto fino a fine stagione o che, almeno, possa guadagnarsi il rinnovo in base ai risultati che, eventualmente, otterrà sia in champions league sia in campionato. Il favorito sembra essere Ernesto Valverde, il quale,però, chiede due anni di contratto. Decisive saranno le prossime ore di trattativa.<BR><BR>Capitolo Mourinho: secondo quanto informa Marca, Josè Mourinho non sarà l'allenatore delle merengues nella prossima stagione. A quanto pare il portoghese e il club hanno già trovato un accordo per chiudere il rapporto lavorativo&nbsp;a fine stagione. <BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Granada-Espanyol 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Betis 2-3&nbsp;&nbsp; 39'-55'Castro Martin-76'Campbell(B) - 56'-60'Sanchez Riki(D)</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Levante 1-1&nbsp;&nbsp; 37'de Lucas(C) - 90'Salvador(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca Real Saragozza 1-1&nbsp; &nbsp;16'Postiga(R) - 85'Victor(M)</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Osasuna-Rayo 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 5'Sola</STRONG>&nbsp; <BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Getafe-Malaga 1-0&nbsp;&nbsp; 57'Lopo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Sociedad 2-5&nbsp;&nbsp;2'-73'Soldado(V) - 44'De la Bella-57'Gonzalez-64'Ifran-83'Agirretxe-90'Vela</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-At-Bilbao 5-1&nbsp;&nbsp; 22'Pique-25'-69'Messi-45'Adriano-57'Fabregas(B) - 66'Gomez(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-At-Madrid 2-0&nbsp;&nbsp; 16'Ronaldo-66'Ozil</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Siviglia-Valladolid</STRONG><BR><BR>Classifica<BR><BR>1)Barcellona 40<BR>2)At.Madrid 34<BR>3)Real Madrid 29<BR>4)Betis 25<BR>5)Malaga 22<BR>6)Getafe 22<BR>7)Levante 21<BR>8)Real Sociedad 20<BR>9)Rayo 19<BR>10)Valladolid 18<BR>11)Siviglia 18<BR>12)Valencia 18<BR>13)Real Saragozza 16<BR>14)Celta 15<BR>15)At.Bilbao 15<BR>16)Osasuna 13<BR>17)Maiorca 13<BR>18)Granada 12<BR>19)Deportivo 11<BR>20)Espanyol 10<BR><BR><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411JOS-MO~1.JPGSiNliga-spagnola-giornata-14-esonerato-pellegrino-valencia-finito-ciclo-mourinho-1009498.htmSi100427901,02,03010185
2381009496NewsCalcio EsteroBundesliga, 15a giornata: Risultati e Marcatori20121203090518Bundesliga15a giornata&nbsp;<BR><BR>Cambia poco in Bundesliga dopo la 15a giornata.Bayern Monaco sempre e saldamente in testa dopo il pareggio casalingo di sabato contro il Borussia Dortmund. Ne approfitta solo il Bayer leverkusen che rosicchia due punticini battendo tra le mura amiche il Norimberga grazie a un gol di Kiessling in evidente posizione di fuorigioco che nè l'arbitro, nè il guardalinee vedono. Adesso sono 8 i punti di vantaggio del Bayern Monaco, già laureatosi campione d'inverno, sul Bayer Leverkusen.<BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Werder 1-4&nbsp;&nbsp; 21'Prodl-29'73'79'Arnautovic(W) - 50'Salihovic(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Amburgo 1-1&nbsp;&nbsp; 26'Beister(A) - 68'Kjaer(W)</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Fortuna-Eintracht 4-0&nbsp;&nbsp; 38Reisinger-42'Fink-58'Rafael-85'Bellinghausen</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Greuther-Stoccarda 0-1&nbsp;&nbsp; 45'Okazaki</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Friburgo 1-1&nbsp;&nbsp; 10'Werner(A) - 29'Schmid(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Hannover 2-1&nbsp;&nbsp; 10'Muller-89'Szalai(M) - 28'Schulz(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 62'Camargo(B) - 86'Draxler(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Norimberga 1-0&nbsp;&nbsp; 37'Kiessling</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia D. 1-1&nbsp; 67'Kroos(BM) - 74'Gotze(BD)</STRONG><BR><BR>Classifica<BR><BR>1)Bayern 38<BR>2)Bayer L. 30<BR>3)Borussia D. 27<BR>4)Scalke 25<BR>5)Eintracht 24<BR>6)Mainz 23<BR>7)Stoccarda 22<BR>8)Werder 21<BR>9)Amburgo 21<BR>10)Borussia M. 21<BR>11)Friburgo 20<BR>12)Hannover 20<BR>13)Fortuna 18<BR>14)Norimberga 16<BR>15)Wolfsburg 16<BR>16)Hoffenheim 12<BR>17)Greuther 8<BR>18)Augsburg 8<BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-15-risultati-marcatori-classifica-1009496.htmSi100427901,02,03010146
2391009492NewsCalcio EsteroBundesliga, 15a giornata: finisce in parità Bayern-Borussia20121202132729Bundesliga15a giornata&nbsp;<BR><BR>Poche emozioni nel match più atteso della odierna giornata di Bundesliga disputata all'Allianz Arena tra le due compagini certamente più forti di Germania; gara più&nbsp;divertente nella ripresa vivacizzata dalle marcature di Kroos da un lato e Gotze dall'altro. In virtù di questo risultato rimane invariato il distacco in classifica di 11 punti fra i bavaresi e i campioni uscenti.<BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Fortuna-Eintracht 4-0&nbsp;&nbsp; 38Reisinger-42'Fink-58'Rafael-85'Bellinghausen</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Greuther-Stoccarda 0-1&nbsp;&nbsp; 45'Okazaki</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Friburgo 1-1&nbsp;&nbsp; 10'Werner(A) - 29'Schmid(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Hannover 2-1&nbsp;&nbsp; 10'Muller-89'Szalai(M) - 28'Schulz(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 62'Camargo(B) - 86'Draxler(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Norimberga 1-0&nbsp;&nbsp; 37'Kiessling</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia D. 1-1&nbsp; 67'Kroos(BM) - 74'Gotze(BD)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Amburgo</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-15-pari-bayern-borussia-1009492.htmSi100427901,02,03010148
2401009491NewsCalcio EsteroLiga spagnola, 14a giornata: derby da incubo per l`Atletico20121202130519Liga spagnola14a giornataIl Real fà suo il derby di Madrid grazie ad una eccezionale prestazione di Ronaldo autore di un gol e un assist. Incontro non particolarmente spettacolare come i derby del passato.&nbsp;Tutto ciò avvantaggia l'irresistibile rullo compressore Barcellona che allunga ulteriormente, batte tutti i record possibili che resistevano da decenni e avvicina ancora di più Messi verso la leggenda. Negli altri incontri giocati ieri da sottolineare l'ennesima deludente prova del Malaga in trasferta contro il sorprendente Getafe, mai così in alto. Disastrosa anche la prestazione del Valencia che subisce 5 gol in casa dalla Real Sociedad, che così lo scavalca anche in classifica generale. <BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Osasuna-Rayo 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 5'Sola</STRONG>&nbsp; <BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Getafe-Malaga 1-0&nbsp;&nbsp; 57'Lopo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Sociedad 2-5&nbsp;&nbsp;2'-73'Soldado(V) - 44'De la Bella-57'Gonzalez-64'Ifran-83'Agirretxe-90'Vela</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-At-Bilbao 5-1&nbsp;&nbsp; 22'Pique-25'-69'Messi-45'Adriano-57'Fabregas(B) - 66'Gomez(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-At-Madrid 2-0&nbsp;&nbsp; 16'Ronaldo-66'Ozil</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Granada-Espanyol 0-0 parzialeal minuto 60</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca Real Saragozza</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Siviglia-Valladolid</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-spagnola-giornata-14-derby-da-incubo-per-l-atletico-1009491.htmSi100427901,02,03010141
2411009478NewsCampionatiLIVE - Serie B: risultati e marcatori20121201163552serie bSegui gli aggiornamenti su IlCalcio24.comSegui su IlCalcio24.com le partite della diciassettesima giornata di Serie B. Match ore 15.<BR><BR>Finali<BR><BR>Bari-Sassuolo 3-3 (p.t. 2-2): 18' Missiroli, 34' Romizi (B), 36' e 60' Galano (B), 37' Catellani, 67' Terranova<BR><BR>Brescia-Hellas Verona 2-0 (p.t. 1-0): 44' De Maio, 92' Scaglia&nbsp;&nbsp; espulsi: Jorginho (V), Caracciolo A. (B)<BR><BR>Empoli-Spezia 2-2 (p.t. 1-2): 25' e 41' Sansovini, 36' Saponara (E), 68' Tavano su rigore (E)<BR><BR>Juve Stabia-Cittadella 1-1 (p.t. 1-1): 5'Pellizzer (C), 21' Caserta<BR><BR>Lanciano-Cesena 3-3 (p.t. 1-3): 5' 28' e 44' &nbsp;Succi (C), 28' Fofana, 48' Falcone su rigore, 91' Falcinelli<BR><BR>Livorno-Grosseto 4-0 (p.t. 1-0): 28' Paulino, 50' Siligardi, 81' Meola, 83' Belingheri<BR><BR>Modena-Novara 1-0 (p.t. 0-0): 94' Ardemagni<BR><BR>Padova-Ascoli 1-1 (p.t. 0-0): 82' Soncin, 92' Raimondi (P)<BR><BR>Varese-Ternana 1-0 (p.t. 0-0): 54' Ebagua<BR><BR><BR>C1007651adm001adm001tifosi.jpgSiNlive-serie-b-diciassettesima-giornata-risultati-e-marcatori-1009478.htmSi100075501,02,03,06030435
2421009473NewsCalcio EsteroBundesliga 15a giornata:tocca al Dortmund fermare il Bayern20121201091990Bundesliga15a Giornata&nbsp;<BR><BR>Sarà il Borussia Dortmund&nbsp;a tentare&nbsp;di riaprire la corsa al campionato tedesco. Il Bayern Monaco è capolista, attualmente, con dieci punti di vantaggio sulla seconda (il Bayer Leverkusen) e si è già laureato campione d'inverno (Herbstmeister) con tre giornate d'anticipo. Klopp, per&nbsp;cercare l'impresa all'Allianz Arena e rimettere in gioco il campionato,&nbsp;potrà disporre di&nbsp;Hummels e Goetze.&nbsp;Il Bayer Leverkusen è chiamato a confermarsi contro il Norimberga e&nbsp;allo stesso tempo ricevere&nbsp;buone notizie da Monaco di Baviera. Impegno ostico per lo Schalke, che ospita il Gladbach.&nbsp;L'Eintracht, che avrebbe dovuto riavvicinarsi alla vetta, nell'anticipo di ieri sera, ha preso quattro&nbsp;sberle dal Fortuna Dusseldorf,<BR><BR><BR>Ecco il programma completo della 15a giornata di Bundesliga.<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Fortuna-Eintracht 4-0&nbsp;&nbsp; 38Reisinger-42'Fink-58'Rafael-85'Bellinghausen</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Greuther-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Friburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Norimberga</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia D.</STRONG><BR><BR><STRONG>Giocano Domani</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Amburgo</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-15-spicca-bayern-monaco-borussia-dortmund-1009473.htmSi100427901,02,0301093
2431009472NewsCalcio EsteroLiga BBVA, 14a giornata: spicca il Derby di Madrid20121201085143Liga BBVA14a giornataGiocata Ieri <BR><BR><STRONG>Osasuna-Rayo 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 5'Sola</STRONG>&nbsp; L'Osasuna ha battuto di misura il Rayo grazie ad un gol nei primi minuti di gioco di Kike Sola&nbsp;e si tira fuori, almeno momentaneamente dalla zona rossa della retrocessione. La squadra di Pamplona sembrano aver recuperato solidità e ha concesso davvero poco a un Rayo ambizioso ma con poche idee. Tre punti, però, che sono costati carissimi visti gli infortuni di 4 dei giocatori più importanti per il l'Osasuna:Cejudo, Sola, Sisi e Joseba Llorente.<BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Getafe- Malaga</STRONG>&nbsp; Il Malaga farà visita al Getafe con la speranza e l'intenzione di rompere la maledizione&nbsp;delle trasferte: non vince fuori dalle mura amiche dall' 1 settembre. Dal canto suo, il Getafe affronta un buon momento di forma e viene da due vittorie consecutive; una terza potrebbe addrittura far cambiare gli obiettivi della stagione agli uomini di Luis Garcìa.<BR><BR><STRONG>Valencia-Real Sociedad</STRONG>&nbsp;&nbsp;&nbsp; Il punto di forza del Valencia di questa stagione si chiama Mestalla ed anche oggi pomeriggio cercherà la vittoria che potrebbe far avvicinare la parte alta della classifica. Di contro, la Real Sociedad non ha nulla da perdere, anzi, in caso di vittoria supererebbe in classifica proprio il Valencia.<BR><BR><STRONG>Barcellona-At.Bilbao</STRONG>&nbsp;&nbsp; Il Barça sembra ormai avulso dal resto della Liga, sembra quasi che giochi per battere i vari record del campionato spagnolo e per regalare un'altra grande gioia personale alla sua "pulce", Lionel Messi. Addirittura potrebbe aumentare il vantaggio sulle altre a seconda del risultato che verrà fuori dal derby di Madrid. <BR><BR><STRONG>Real Madrid-At-Madrid</STRONG>&nbsp;&nbsp;&nbsp; L'Atletico non vince contro il Real da 14 anni e un mese e dopo tante stagioni lontano dai posti che contano tutta la tifoseria "rojiblanca" sogna una rivincita con la consapevolezza,&nbsp;finalmente, di avere una squadra quasi allo stesso livello degli eterni rivali. Il Real, però, deve riappacificarsi ancora una volta con la propria tifoseria e Mourinho non rinuncerà a schierare il suo 11 migliore per l'occasione.<BR><BR>Giocano Domenica<BR><BR><STRONG>Granada-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Celta-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca Real Saragozza</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Siviglia-Valladolid</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-bbva-giornata-14-spicca-il-derby-di-madrid-1009472.htmSi100427901,02,03030349
2441009458NewsCampionatiBologna, la partita piu` importante è sempre la prossima20121129192024Bologna-AtalantaDomenica 2 dicembre, ore 15, stadio Renato Dall'Ara. Queste le coordinate spazio-temporali di un match che vale un pezzo di salvezza. In campo&nbsp;Bologna e Atalanta, due squadre&nbsp;caratterizzate da tratti comuni&nbsp;ma anche&nbsp;palesemente opposti.&nbsp;Reduci&nbsp;entrambe da&nbsp;una sconfitta in campionato&nbsp;contro le squadre liguri, i due team vivono tuttavia situazioni di classifica diverse: relativamente tranquilli i bergamaschi (forti di un +7 sulle terz'ultime, fra cui compare anche il Bologna), e ,appunto, piu' in affanno gli emiliani, obbligati alla vittoria. L'ultimo scontro al Dall'Ara fra queste due squadre risale a piu' di una anno fa: allora prevalsero i padroni di casa per 3 a 1, grazie alle reti di Di Vaio, Ramirez e Loria. E proprio i primi due mancano tanto a questa squadra, ovvero un bomber di razza (nella speranza che Gilardino trovi continuità e che si sostituisca presto a "super Marco"), e un fantasista, un funambolo, ovvero un giocatore capace di rappresentare quel "quid" in piu' e in grado di fare la differenza. Per quanto concerne le prime news, relativamente al capitolo formazioni, Pioli sembra intenzionato a schierare Diamanti dietro a Gilardino&nbsp;e a Gabbiadini, mentre Colantuono dovrebbe recuperare Cigarini.C1007650FL0761FL07611458879-34ad6442743e8dcc8db85af4fefe6858.jpgSiNbologna-la-partita-piu-importante-e-sempre-la-prossima-1009458.htmSiT1000020100844901,02,03030161
2451009455NewsCampionatiPallone d`Oro, ecco i finalisti20121129160554Nessun italiano nella top 3Nessun italiano nella Top 3La Fifa ha reso noti i nomi dei 3 giocatori che si contenderanno il più ambito premio individuale del vecchio continente.<BR>Se le candidature di Lionel Messi e di Cristiano Ronaldo potevano apparire scontate, suscitava curiosità e incertezza la scelta del terzo giocatore che li avrebbe affiancati.<BR>La scelta è caduta su Andrès Iniesta, centrocampista del Barcellona, che andrà a completare un podio che per il terzo anno consecutivo sarà prodotto esclusivo della Liga Spagnola.<BR>Andrès era già stato inserito nel terzetto finale nel 2010, anno in cui un suo gol allo scadere dei tempi supplementari, permise alla Spagna di trovarsi per la prima volta sul tetto del mondo. In quell'occasione ,però, per molti ingiustamente, il centrocampista arrivò a sorpresa dietro il compagno di squadra Messi, che portò a casa il secondo dei tre&nbsp;premi attuali.<BR>Staremo a vedere ,dunque, se quest'anno verrà messa in atto una sorta di compensazione a favore dello spagnolo, per cancellare lo "sgarbo" di due anni fa, o se a trionfare sarà ancora la "Pulce" argentina, che centrerebbe un poker che non è mai riuscito a nessun altro nella storia del calcio. <BR>Come si è visto, le speranze di vedere almeno&nbsp;un calciatore italiano nei primi tre&nbsp;dopo il 2006 sono ancora svanite. Non ce l'hanno fatta Buffon,Pirlo e Balotelli che erano stati precedentemente inseriti nella lista dei 23, ma che possono nutrire speranze per far parte del miglior Top 11 dell'anno.<BR>Per quanto riguarda le altre nominati