TRA LACRIME E MOMENTI DI GIOIA


Quando il calcio mondiale è vera emozione
tempo: 40ms
RSS
Brasile, 11/07/2014 -


Ci sono storie nel calcio che colpiscono per la loro capacità di assomigliare alla vita. Sentimenti ed emozioni s’intersecano visibilmente al gioco del pallone che, rotolando in mezzo al campo, sprigiona la magia di un mondo che spesso vediamo in maniera superficiale. Tutto si sviluppa tra passaggi, cross, calci d’angolo e gol. Le tecniche e le tattiche di gioco fanno sbizzarrire allenatori, giocatori e addetti ai lavori, mentre il pubblico e lì, a fare il tifo e a vivere gli oltre novanta minuti di passione. Il campionato mondiale do Brasil che stiamo vivendo sera dopo sera da un mese a questa parte, non fa emergere soltanto questioni tecniche e non fa discutere soltanto di eterne ingiustizie, sviste arbitrali, colpe e meriti di vario genere. Il pallone mondiale ha sviscerato sentimenti profondi che, talvolta, commuovono per una contemporaneità di sentimenti che si contrappongono in maniera crudele. Dai quarti di finale in avanti e fino all’attesissima finale, lacrime di disperazione e gioie sfrenate si contrappongono tra di loro al fischio finale dell’arbitro come fosse normalità, come se ci fossero occhi, cuore e anima capace di partecipare soltanto con la gioia dei vincenti, dimenticando il dramma di chi ha perso forse la partita più importante della loro vita. Il match di semifinale tra Argentina e Olanda, non ha avuto spunti tecnici e tattici degni di nota, anzi, se vogliamo, è stata una partita dai connotati noiosi. Mai un affondo capace di sollecitare l’adrenalina dello spettatore, mai una stimolante azione da gol degna degli altisonanti nomi dei campioni in campo. Da Messi a Higuain, piuttosto che da Robben o Van Persie, non si è mai visto nulla che fosse in grado di tenerci svegli, vista anche l’ora tarda in cui sono trasmesse le partite a causa della differenza di fuso orario tra Brasile e Italia. Così, tra uno sbadiglio e l’altro, Argentina e Olanda terminano i tempi regolamentari e supplementari sullo 0 a 0. Si va dunque ai calci di rigore che premiano l’Argentina per effetto di due penalty sbagliati dagli olandesi. Adesso, dopo tanta attesa, c’è finalmente un timido accenno all’emozione. Da una parte la gioia sfrenata degli argentini che già gustano l’idea della finale contro la Germania e, dall’altra, le lacrime e la disperazione degli olandesi che, per l’ennesima volta nella storia dei campionati mondiali, si vedono estromessi e mai vincitori della tanto ambita coppa. Ma c’è un particolare che è davvero degno di nota, ed è la corsa emozionante dell’olandese Robben verso sua moglie e suo figlio che, visto l’insuccesso di papà, è scoppiato in un incontenibile e disperato pianto. Vani sono stati i tentativi di Robben di rincuorarlo, ma ciò che ha fatto più tenerezza è stata questa partecipazione del bimbo alla delusione cocente di papà. Brucia dentro la sconfitta, ancor più nella gioia legittima dell’avversario che festeggia la sua vittoria. E’ il calcio, ma è anche la vita, con le sue contraddizioni e con le sue regole da rispettare. C’è chi vince e c’è chi perde. D’altra parte, al mondo non esistono soltanto i vincitori e neanche soltanto i perdenti. Gli uni hanno bisogno degli altri, in un gioco spietato che si ripete sempre con lo stesso iter. Adesso aspettiamo la finale tra Argentina e Germania, sono assicurate lacrime, abbracci di gioia ed emozioni. Ciò che non è garantito, almeno in partenza, è lo spettacolo del pallone che, attanagliato com’è dall’alta posta in palio, è spesso penalizzato. Comunque, come sempre, vinca il migliore. Noi italiani guarderemo la finale con altri occhi e un pizzico d’invidia, perché il nostro sogno è già svanito sul nascere.

Salvino Cavallaro



Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.631 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210925' or (data='20210925' and ora<='121018'))
    and id_arg = 1012904
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11012904NewsEditorialeTra lacrime e momenti di gioia20140711142884Quando il calcio mondiale è vera emozione<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Ci sono storie nel calcio che colpiscono per la loro capacità di assomigliare alla vita. Sentimenti ed emozioni s’intersecano visibilmente al gioco del pallone che, rotolando in mezzo al campo, sprigiona la magia di un mondo che spesso vediamo in maniera superficiale. Tutto si sviluppa tra passaggi, cross, calci d’angolo e gol. Le tecniche e le tattiche di gioco fanno sbizzarrire allenatori, giocatori e addetti ai lavori, mentre il pubblico e lì, a fare il tifo e a vivere gli oltre novanta minuti di passione. Il campionato mondiale do Brasil che stiamo vivendo sera dopo sera da un mese a questa parte, non fa emergere soltanto questioni tecniche e non fa discutere soltanto di eterne ingiustizie, sviste arbitrali, colpe e meriti di vario genere. Il pallone mondiale ha sviscerato sentimenti profondi che, talvolta, commuovono per una contemporaneità di sentimenti che si contrappongono in maniera crudele. Dai quarti di finale in avanti e fino all’attesissima finale, lacrime di disperazione e gioie sfrenate si contrappongono tra di loro al fischio finale dell’arbitro come fosse normalità, come se ci fossero occhi, cuore e anima capace di partecipare soltanto con la gioia dei vincenti, dimenticando il dramma di chi ha perso forse la partita più importante della loro vita. Il match di semifinale tra Argentina e Olanda, non ha avuto spunti tecnici e tattici degni di nota, anzi, se vogliamo, è stata una partita dai connotati noiosi. Mai un affondo capace di sollecitare l’adrenalina dello spettatore, mai una stimolante azione da gol degna degli altisonanti nomi dei campioni in campo. Da Messi a Higuain, piuttosto che da Robben o Van Persie, non si è mai visto nulla che fosse in grado di tenerci svegli, vista anche l’ora tarda in cui sono trasmesse le partite a causa della differenza di fuso orario tra Brasile e Italia. Così, tra uno sbadiglio e l’altro, Argentina e Olanda terminano i tempi regolamentari e supplementari sullo 0 a 0. Si va dunque ai calci di rigore che premiano l’Argentina per effetto di due penalty sbagliati dagli olandesi. Adesso, dopo tanta attesa, c’è finalmente un timido accenno all’emozione. Da una parte la gioia sfrenata degli argentini che già gustano l’idea della finale contro la Germania e, dall’altra, le lacrime e la disperazione degli olandesi che, per l’ennesima volta nella storia dei campionati mondiali, si vedono estromessi e mai vincitori della tanto ambita coppa. Ma c’è un particolare che è davvero degno di nota, ed è la corsa emozionante dell’olandese Robben verso sua moglie e suo figlio che, visto l’insuccesso di papà, è scoppiato in un incontenibile e disperato pianto. Vani sono stati i tentativi di Robben di rincuorarlo, ma ciò che ha fatto più tenerezza è stata questa partecipazione del bimbo alla delusione cocente di papà. Brucia dentro la sconfitta, ancor più nella gioia legittima dell’avversario che festeggia la sua vittoria. E’ il calcio, ma è anche la vita, con le sue contraddizioni e con le sue regole da rispettare. C’è chi vince e c’è chi perde. D’altra parte, al mondo non esistono soltanto i vincitori e neanche soltanto i perdenti. Gli uni hanno bisogno degli altri, in un gioco spietato che si ripete sempre con lo stesso iter. Adesso aspettiamo la finale tra Argentina e Germania, sono assicurate lacrime, abbracci di gioia ed emozioni. Ciò che non è garantito, almeno in partenza, è lo spettacolo del pallone che, attanagliato com’è dall’alta posta in palio, è spesso penalizzato. Comunque, come sempre, vinca il migliore. Noi italiani guarderemo la finale con altri occhi e un pizzico d’invidia, perché il nostro sogno è già svanito sul nascere.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Brasilefl0711fl0711robben.jpgSiNtra-lacrime-e-momenti-di-gioia-1012904.htmSi100451001,02,03030337

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013