BARCANOVA, LA STORICA SOCIETÀ DI CALCIO DI TORINO SI RINNOVA.


Il vulcanico Presidente Enea Benedetto, sogna di far rinascere il Barcanova stando però con i piedi per terra.
tempo: 22ms
RSS
Torino, 19/09/2021 -

Il merito è tutto del Presidente Enea Benedetto, un cuore granata che ha preso a curare le sorti del Barcanova, la storica soietà di calcio piemontese che intende risorgere con stile ed entusiasmo. E non è certamente un caso che il presidente rossoblu abbia annunciato da poco il nuovo Direttore Tecnico del Settore Giovanile Giuseppe Pallavicini che proprio con il Torino vinse lo scudetto del 1976. «Una figura importante» dice il presidente Enea Benedetto «per rilanciare lo spirito dei vecchi tempi, per aiutare il Barcanova a tornare a essere esempio di filiera positiva del nostro calcio e della nostra città». Parole chiare e inconfutabili che non sfuggono alla precisa volontà di prendere a cuore il calcio dilettantistico di quel Barcanova che negli anni ha lanciato fior di campioni. Prova ne è che nell'allestire un organigramma di qualità, il presidente ha annunciato oltre la sua vice Rosa Racioppi, anche lo staff composto da Giorgio Trombini nel ruolo di Direttore Generale, Livio Manzin quale responsabile tecnico della Scuola Calcio e Alessio Billia che ricopre l'incarico di Tecnico di Prima Squadra e Under 19. Cose fatte per bene, con oculatezza e massima attenzione nell'inserire nomi che diano la massima garanzia in un calcio che ha bisogno di pochi evanescenti orpelli e tanta concretezza di crescita effettiva. Per questo il presidente Enea Benedetto, pur con tutta l'empatia e l'entusiasmo del quale facevamo cenno pocanzi, ha studiato attentamente come completare un assetto societario in grado di far rinascere la gloriosa storia del Barcanova. Un modello di conduzione calcistica capace di rispettare i cento anni di storia e costumi che ricorda i fasti dell'allora portiere del Barca Enea Benedetto ai tempi di Giorgio Lovato ed Ercole Rabitti. E chi oggi conosce la storia, non solo del Barcanova ma anche quella delle più antiche società di calcio piemontesi, sa che certi nomi sono legati a un pallone giovanile di grande qualità nel fornire fucine di giovani campioni per le società professionistiche. E' una sorta di ritorno al passato attraversando un presente falcidiato da mille problematiche economiche e sociali, che sono state acuite dalla pandemia da Covid. Tuttavia, è bello sentire il profumo delle gesta vulcaniche e appassionate del presidente Enea che è capace di coinvolgere tutti nell'intento di fare innamorare i tifosi. Attenzione però, abbiamo detto «Innamorare» e non «Illudere», perchè le due parole hanno un diverso e sostanziale significato. Sì, perchè nel calcio sono tanti i costruttori di castelli in aria, capaci di incrementare i sogni dei tifosi e poi farli sciogliere come neve al sole. Questo non ci sembra il caso del Presidente del Barcanova che afferma: «Sognare si, ma rimanendo coi piedi per terra». Ecco, diremmo proprio che questo sia il miglior biglietto da visita che Enea potesse fare come sua presentazione fatta di entusiasmo concreto ma, soprattutto, di grande stile nelle affermazioni citate. E allora, non ci resta che augurare a questo simpatico presidente di riuscire davvero nell'intento di far rinascere quei colori rossoblu così legati alla lunga storia del Barcanova.

Salvino Cavallaro




    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.404 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20211207' or (data='20211207' and ora<='165607'))
    and id_arg = 1013821
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013821NewsEditorialeBarcanova, la storica società di calcio di Torino si rinnova.2021091914:14Il vulcanico Presidente Enea Benedetto, sogna di far rinascere il Barcanova stando però con i piedi per terra.<p>Il merito &#232; tutto del <strong>Presidente Enea Benedetto</strong>, un cuore granata che ha preso a curare le sorti del Barcanova, la storica soiet&#224; di calcio piemontese che intende risorgere con stile ed entusiasmo. E non &#232; certamente un caso che il presidente rossoblu abbia annunciato da poco il nuovo <strong>Direttore Tecnico del Settore Giovanile Giuseppe Pallavicini</strong> che proprio con il Torino vinse lo scudetto del 1976. <strong>«Una figura importante»</strong> dice il presidente <strong>Enea Benedetto «per rilanciare lo spirito dei vecchi tempi, per aiutare il Barcanova a tornare a essere esempio di filiera positiva del nostro calcio e della nostra citt&#224;».</strong> Parole chiare e inconfutabili che non sfuggono alla precisa volont&#224; di prendere a cuore il calcio dilettantistico di quel Barcanova che negli anni ha lanciato fior di campioni. Prova ne &#232; che nell'allestire un organigramma di qualit&#224;, il presidente ha annunciato oltre la sua <strong>vice Rosa Racioppi,</strong> anche lo staff composto da <strong>Giorgio Trombini nel ruolo di Direttore Generale, Livio Manzin quale responsabile tecnico della Scuola Calcio e Alessio Billia che ricopre l'incarico di Tecnico di Prima Squadra e Under 19.</strong> Cose fatte per bene, con oculatezza e massima attenzione nell'inserire nomi che diano la massima garanzia in un calcio che ha bisogno di pochi evanescenti orpelli e tanta concretezza di crescita effettiva. Per questo il presidente <strong>Enea Benedetto,</strong> pur con tutta l'empatia e l'entusiasmo del quale facevamo cenno pocanzi, ha studiato attentamente come completare un assetto societario in grado di far rinascere la gloriosa storia del Barcanova. Un modello di conduzione calcistica capace di rispettare i cento anni di storia e costumi che ricorda i fasti <strong>dell'allora portiere del Barca Enea Benedetto ai tempi di Giorgio Lovato ed Ercole Rabitti.</strong> E chi oggi conosce la storia, non solo del Barcanova ma anche quella delle pi&#249; antiche societ&#224; di calcio piemontesi, sa che certi nomi sono legati a un pallone giovanile di grande qualit&#224; nel fornire fucine di giovani campioni per le societ&#224; professionistiche. E' una sorta di ritorno al passato attraversando un presente falcidiato da mille problematiche economiche e sociali, che sono state acuite dalla pandemia da Covid. Tuttavia, &#232; bello sentire il profumo delle gesta vulcaniche e appassionate del <strong>presidente Enea</strong> che &#232; capace di coinvolgere tutti nell'intento di fare innamorare i tifosi. Attenzione per&#242;, abbiamo detto <strong>«Innamorare»</strong> e non <strong>«Illudere»,</strong> perch&#232; le due parole hanno un diverso e sostanziale significato. S&#236;, perch&#232; nel calcio sono tanti i costruttori di castelli in aria, capaci di incrementare i sogni dei tifosi e poi farli sciogliere come neve al sole. Questo non ci sembra il caso del <strong>Presidente del Barcanova che afferma: «Sognare si, ma rimanendo coi piedi per terra».</strong> Ecco, diremmo proprio che questo sia il miglior biglietto da visita che <strong>Enea</strong> potesse fare come sua presentazione fatta di entusiasmo concreto ma, soprattutto, di grande stile nelle affermazioni citate. E allora, non ci resta che augurare a questo simpatico presidente di riuscire davvero nell'intento di far rinascere quei colori rossoblu cos&#236; legati alla lunga storia del Barcanova.</p><p><strong>Salvino Cavallaro</strong></p>Torinofl0711fl0711enea_benedetto.jpgSIncalcio-1013821.htmSI01010165n

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013