PALERMO, STORIA DI UNA CESSIONE MAI AVVENUTA


La società rosanero resta ancora in mano a Zamparini.
tempo: 40ms
RSS
Palermo, 01/07/2017 -


Era nell’aria il mancato closing che avrebbe dovuto sancire il cambio di proprietà tra Zamparini e l’ex Iena Baccaglini. “Non ci sono le garanzie sufficienti” dice Zamparini che afferma pure di non volere lasciare il Palermo al primo pretendente che passa per strada. Sembra un esito scontato, visto il dilungarsi del tempo in cui Baccaglini avrebbe dovuto presentare le dovute garanzie per acquistare il Palermo e, soprattutto, lo scetticismo creato nei tifosi dopo l’avvento del nuovo allenatore Bruno Tedino e del Direttore Sportivo Fabio Lupo scelti dallo stesso Zamparini. Una trattativa crollata sul valore complessivo della società di calcio e sul denaro mai arrivato. Adesso Zamparini si rifugia nei soliti proclami di riportare immediatamente il Palermo in Serie A, tuttavia, qualora dovessero arrivare i quattrini promessi, si potrebbe riprendere il discorso interrotto per la vendita della società. Dunque, Zamparini continuerà ad avere il pieno controllo sul Palermo, dando il segnale di non volere fare sconti a nessuno. Nei programmi dello scorso febbraio, si parlava di un accordo per il passaggio della società rosanero per 150 milioni di euro, dei quali 40 nel club e 110 per gli impianti sportivi. Ed è proprio sui 110 milioni di euro destinati agli impianti sportivi che Zamparini non ha ritenuto sufficienti tutte le garanzie legate a questo particolare punto. Certo, tenuto conto che al momento la vendita del Palermo appaia come capitolo chiuso, restano grandi spiragli di volontà di Zamparini di voler passare la mano qualora dovessero esistere garanzie atte a definire l’accordo. Per il momento il presidente rosanero si rivolge ai tifosi che lo contestano inviando loro dei messaggi, quali: “ Grazie Palermo di esistere. Grazie di avermi sopportato come presidente. Vi voglio bene”. Ipocrisia? Chissà!

Salvino Cavallaro   

Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.677 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210925' or (data='20210925' and ora<='104443'))
    and id_arg = 1013280
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013280NewsEditorialePalermo, storia di una cessione mai avvenuta20170701154157La società rosanero resta ancora in mano a Zamparini.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Era nell’aria il mancato closing che avrebbe dovuto sancire il cambio di proprietà tra Zamparini e l’ex Iena Baccaglini. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Non ci sono le garanzie sufficienti”</b> dice <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Zamparini </b>che afferma pure di non volere lasciare il Palermo al primo pretendente che passa per strada. Sembra un esito scontato, visto il dilungarsi del tempo in cui <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Baccaglini </b>avrebbe dovuto presentare le dovute garanzie per acquistare il Palermo e, soprattutto, lo scetticismo creato nei tifosi dopo l’avvento del nuovo allenatore <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bruno Tedino</b> e del Direttore Sportivo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Fabio Lupo</b> scelti dallo stesso Zamparini. Una trattativa crollata sul valore complessivo della società di calcio e sul denaro mai arrivato. Adesso Zamparini si rifugia nei soliti proclami di riportare immediatamente il Palermo in Serie A, tuttavia, qualora dovessero arrivare i quattrini promessi, si potrebbe riprendere il discorso interrotto per la vendita della società. Dunque, Zamparini continuerà ad avere il pieno controllo sul Palermo, dando il segnale di non volere fare sconti a nessuno. Nei programmi dello scorso febbraio, si parlava di un accordo per il passaggio della società rosanero per 150 milioni di euro, dei quali 40 nel club e 110 per gli impianti sportivi. Ed è proprio sui 110 milioni di euro destinati agli impianti sportivi che Zamparini non ha ritenuto sufficienti tutte le garanzie legate a questo particolare punto. Certo, tenuto conto che al momento la vendita del Palermo appaia come capitolo chiuso, restano grandi spiragli di volontà di Zamparini di voler passare la mano qualora dovessero esistere garanzie atte a definire l’accordo. Per il momento il presidente rosanero si rivolge ai tifosi che lo contestano inviando loro dei messaggi, quali: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“ Grazie Palermo di esistere. Grazie di avermi sopportato come presidente. Vi voglio bene”. </b>Ipocrisia? Chissà!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Palermofl0711fl0711foto-zamparini.jpgSiNpalermo-storia-di-una-cessione-mai-avvenuta-1013280.htmSi100451001,02,03030300

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013