MILAN: VIA ALLA RIVOLUZIONE. RITORNA KAKÀ?


In difesa si stringe per Rolando
tempo: 41ms
RSS
14/07/2012 -

Archiviata la cessione di Ibra e Thiago Silva, il Milan adesso, con i 62 milioni incassati dalla trattativa coi parigini, può pensare a fare mercato e a sistemare una squadra che ha perso i due giocatori più forti, che tra l'altro si aggiungono all'addio della vecchia guardia. A questi tra l'altro nei prossimi giorni potrebbe aggiungersi Robinho.

Allora: nell'ordine al Milan serve...mezza squadra!

Servono un terzino sinistro, un centrale di difesa e qualche buon attaccante: si parlava di Balzaretti (ma lui vuole il Psg o il Palermo) e di Dossena. Quest'ultimo sembra in forma smagliante in questa prima parte di ritiro e Mazzari non è proprio propenso a cederlo: però si sa, in tempi di crisi..

Per il centrale Galliani ieri sera ha chiamato Davide Lippi, agente di Rolando del Porto, e la trattativa si può fare partendo da una base di 8-10 milioni. Non è Thiago e non lo sarà mai come lui, ma sul mercato non sembra esserci di meglio.

Capitolo attaccanti: anche il Milan adesso sfoglia la margherita. Sui petali compaiono i nomi di Edin Dzeko, Carlitos Tevez, Mattia Destro e Giampaolo Pazzini. L'ad rossonero ha da sempre un debole per i due giocatori, e l'apache, se Pato andava al Psg quest'inverno, a quest'ora sarebbe stato già rossonero. Carlos però è rimasto, ha ricucito il suo rapporto con Mancini, con la squadra, col pubblico, e adesso non vuole saperne di andarsene. Tra l'altro l'argentino costa quanto Ibra (20milioni) e prende quanto percepiva Thiago Silva (9 milioni): alla faccia del risparmio. Poi c'è Dzeko: l'ostacolo principale per il bosniaco è il posto da extracomunitario: siamo sicuri che Galliani voglia occuparlo? Mancini, al di la delle dichiarazioni di circostanza, non si opporrebbe più di tanto alla cessione e ne approfitterebbe per chiedere a Mansour Van Persie. Capitolo Destro: la Roma ieri ha incassato i 13 milioni di Borini e sta stringendo i tempi per chiudere subito anticipando così il Milan. Le possibilità che, oggi o al massimo domani, si chiuda sono abbastanza alte. Infine c'è Pazzini: l'Inter lo vende, lui ha bisogno di giocare per riguadagnarsi la nazionale e con 10 milioni si potrebbe chiudere.

Discorso a parte invece merita Kakà: al Real ormai sembra esiliato, specialmente adesso che sta per arrivare Modric. Mourinho medita di lasciarlo fuori squadra per ragioni societarie e gli stanno cercando, a dire il vero ormai da due anni, una squadra. In Spagna As ieri ha titolato "Adesso il Milan ha i soldi per Kakà", che tradotto può anche significare "finalmente ve lo potete venire a prendere", sintomo di come anche l'ambiente iberico si sia stufato del brasiliano. Al Milan ferito, orfano della vecchia guardia e dei due top player, serve uno che ha fatto la storia, serve Kakà. Costa, ma non troppo. Uno strappo si può fare.

 

Luca Bonaccorso


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.731 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210805' or (data='20210805' and ora<='011846'))
    and id_arg = 1006497
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11006497NewsCalciomercatoMilan: via alla rivoluzione. Ritorna Kakà?20120714105016In difesa si stringe per Rolando<P>Archiviata la cessione di <STRONG>Ibra</STRONG>&nbsp;e <STRONG>Thiago Silva</STRONG>, il Milan adesso, con i<STRONG> 62 milioni</STRONG> incassati dalla trattativa coi parigini, può pensare a fare mercato e a sistemare una squadra che ha perso i due giocatori più forti, che tra l'altro si aggiungono all'addio della vecchia guardia. A questi tra l'altro nei prossimi giorni potrebbe aggiungersi<STRONG> Robinho</STRONG>.</P> <P>Allora: nell'ordine al Milan serve...mezza squadra! </P> <P>Servono un<STRONG> terzino sinistro</STRONG>, un centrale di difesa e qualche buon attaccante: si parlava di <STRONG>Balzaretti</STRONG> (ma lui vuole il Psg o il Palermo) e di<STRONG> Dossena</STRONG>. Quest'ultimo sembra in forma smagliante in questa prima parte di ritiro e Mazzari non è proprio propenso a cederlo: però si sa, in tempi di crisi.. </P> <P>Per il centrale&nbsp;Galliani ieri sera ha chiamato Davide Lippi, agente di <STRONG>Rolando</STRONG> del Porto, e la trattativa si può fare partendo da una base di 8-10 milioni. Non è Thiago e non lo sarà mai come lui, ma sul mercato non sembra esserci di meglio.</P> <P>Capitolo attaccanti: anche il Milan adesso sfoglia la margherita. Sui petali compaiono i nomi di <STRONG>Edin Dzeko</STRONG>, <STRONG>Carlitos Tevez</STRONG>, <STRONG>Mattia Destro</STRONG> e <STRONG>Giampaolo Pazzini</STRONG>.&nbsp;L'ad rossonero ha da sempre un debole per i due giocatori, e l'<STRONG>apache</STRONG>, se Pato andava al&nbsp;Psg quest'inverno, a quest'ora sarebbe stato già rossonero. Carlos però è rimasto, ha ricucito il suo rapporto con Mancini, con la squadra, col pubblico, e adesso non vuole saperne di andarsene. Tra l'altro l'argentino costa quanto Ibra (20milioni) e prende quanto percepiva Thiago Silva (9 milioni): alla faccia del risparmio. Poi c'è <STRONG>Dzeko</STRONG>: l'ostacolo principale per il bosniaco è il posto da extracomunitario: siamo sicuri che Galliani voglia occuparlo? Mancini, al di la delle dichiarazioni di circostanza, non si opporrebbe più di tanto alla cessione e ne approfitterebbe per chiedere a Mansour <STRONG>Van Persie</STRONG>. Capitolo <STRONG>Destro</STRONG>: la Roma ieri ha incassato i 13 milioni di <STRONG>Borini</STRONG> e sta stringendo i tempi per chiudere subito anticipando così il Milan. Le possibilità che, oggi o al massimo domani, si chiuda sono abbastanza alte. Infine c'è<STRONG> Pazzini</STRONG>: l'Inter lo vende, lui ha bisogno di giocare per riguadagnarsi la nazionale e con 10 milioni si potrebbe chiudere.</P> <P>Discorso a parte invece merita<STRONG> Kakà</STRONG>: al Real ormai sembra esiliato, specialmente adesso che sta per arrivare<STRONG> Modric</STRONG>. Mourinho medita di lasciarlo fuori squadra per ragioni societarie e gli stanno cercando, a dire il vero ormai da due anni, una squadra. In Spagna As ieri ha titolato <EM>"Adesso il Milan ha i soldi per Kakà</EM>", che tradotto può anche significare "finalmente ve lo potete venire a prendere", sintomo di come anche l'ambiente iberico si sia stufato del brasiliano. Al Milan ferito, orfano della vecchia guardia e dei due top player, serve uno che <STRONG>ha fatto la storia</STRONG>, serve Kakà. Costa, ma non troppo. Uno strappo si può fare.</P> <P>&nbsp;</P>1007858FL0141FL0141adriano_galliani_milan_new.jpgSiNmilan-via-alla-rivoluzione-ritorna-kaka-1006497.htmSi100205001,02,03010474

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013