COPPA ITALIA, MOGGI: «IL NAPOLI DOVRÀ GIOCARE IN MANIERA DIVERSA, ALTRIMENTI VINCERÀ LA JUVENTUS»


La squadra di Mazzarri è nella condizione di poter vincere una coppa, e dovrà farlo, altrimenti la stagione diventerebbe non troppo positiva
tempo: 38ms
RSS
18/05/2012 -

A Radio Crc nella trasmissione Si gonfia la rete è intervenuto Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus: La coppa Italia? Me la immagino come ogni finale. La Juventus viene da tanti festeggiamenti e psicologicamente non sarà con la mente lucida ma è importante che il Napoli non si presenti all`Olimpico come si presentò allo Juventus Stadium. La Juventus non scenderà in campo per perdere per cui gli azzurri non avranno sconti. È necessario vedere un Napoli diverso. La squadra di Mazzarri è nella condizione di poter vincere una coppa, e dovrà farlo, altrimenti la stagione diventerebbe non troppo positiva, non avendo raggiunto nessun obiettivo. Se non si vincerà la coppa Italia, la delusione sarà completa. È tutto nei piedi del Napoli. Poi, alla Juventus mancherà un calciatore importante come Chiellini e se il Napoli non ne approfitterà è chiaro che sarà un Napoli deludente in tutto e per tutto.
Sarebbe un errore far partire Lavezzi dalla panchina. Che poi andrà via, è un altro discorso. Ma farlo giocare contro la Juventus è un obbligo. Quasi sicuramente il Pocho andrà al Psg.
Cavani? Il Napoli ha vinto anche senza Cavani o senza Lavezzi. Ma nelle partite importanti ci vogliono calciatori di altrettanta importanza. Lavezzi salta l`uomo, crea spazi e diventa una pedina essenziale nel match contro la Juventus di coppa Italia.
Insigne? È un calciatore in proiezione futura. È uno di quei napoletani che è destinato a fare carriera, è destinato a diventare un campione. Ha doti tecniche non indifferenti. Jovetic, Giovinco e Insigne però non mi sembrano calciatori che possano stare bene con Cavani. Jovetic e Giovinco non sono calciatori risolutivi, credo ci voglia un calciatore diverso da affiancare a Cavani. L`uruguagio ha fatto benissimo insieme a Lavezzi e credo che le caratteristiche migliori di Cavani emergano quando è affiancato da calciatori che prediligono il contropiede.
Mazzarri? Resta in funzione di un contratto. Nessuno parla di Mazzarri, nonostante a Napoli abbia fatto bene. Fossi nell`allenatore azzurro, rinnoverei il contratto col Napoli.
Ricordo quella coppa Italia vinta col Napoli contro la Juventus ma lì non c`era storia perché il Napoli era troppo superiore. Parlare di quella squadra è sempre un piacere. Adesso, con tutto il rispetto per chi gioca, sono tutte riserve di quei titolari del Napoli.
Maradona? L`ho visto ed ha Napoli nel cuore. Ha fatto tutto il possibile per arrivare in Italia ma con il fisco non c`è stato un accordo. Quando parla di Napoli, negli occhi emerge la voglia di ritornare.

IlCalcio24 Redazione