URBANO CAIRO, UN AMMINISTRATORE PERFETTO


Grandi meriti vanno al presidente del Toro, dopo la sentenza del governo del calcio europeo che boccia il Milan nel fair play finanziario.
tempo: 39ms
Giovedì, 10 Giugno 2021
Comincia il sogno azzurro    Leggi
Sabato, 05 Giugno 2021
Maledetto razzismo    Leggi
Sabato, 29 Maggio 2021
   Leggi
Mercoledì, 26 Maggio 2021
L`inguaribile romanticismo del tifoso di calcio    Leggi



RSS
Torino, 02/07/2019 -


Tenere i conti in ordine, essere oculati nelle spese, stare sempre allerta sull’acquisizione delle plus valenze societarie, è il primo pensiero nella buona conduzione di un’azienda. Urbano Cairo, presidente del F.C. Torino calcio, di RCS, di Cairo Communication e dell’emittente televisiva La 7, è sicuramente ai vertici nazionali della buona gestione aziendale. “Vincere lo scudetto del bilancio è sicuramente un valore” afferma il presidente Cairo, che fa della saggezza dei conti l’ordine mentale per investire senza tanti squilli di tromba. Così nel F.C. Torino, così a La 7 e così pure in RCS e Cairo Communication. Sempre parsimonioso, sempre attento e ordinato in ogni particolare che si riferisca alle mille voci di un bilancio che non deve mai chiudersi in rosso, ma che al contrario deve brillare per la crescita attiva. E in tutti questi anni i risultati gli hanno dato sempre ragione, nonostante i tifosi della sua azienda granata del Toro lo abbia tacciato di “braccino corto”. Ma Cairo risponde sempre con i fatti e i successi dei conti visti e rivisti forse anche in maniera maniacale ma con grande senso del rispetto, anche per le persone che lavorano nelle sue aziende. Sì, perché il segreto di salvaguardare il proprio posto di lavoro in un’azienda, sta proprio nel successo amministrativo che resta sempre il primo obiettivo da raggiungere. E adesso che il suo Toro è stato ufficialmente promosso a partecipare all’Europa League 2019’20 al posto di un Milan sicuramente impreparato nella buona gestione dei suoi bilanci che sono stati bocciati dal Fair Play Finanziario, ebbene, anche questa volta il Presidente Cairo ha avuto ragione del suo modus operandi. Non vince lo scudetto (almeno, fino a oggi) ma è premiato per la sua lungimiranza contabile. Lui è il primo direttore delle sue aziende, l’amministratore delegato per eccellenza, la figura carismatica cui attingere la metodologia economica e finanziaria di un’azienda. Certo, in tutto questo saggio operare aziendale, c’è sempre la capacità di sapersi avvalere dei personaggi giusti, capaci e soprattutto simili in una forma mentis che debba necessariamente avvicinarsi a quella del presidente. Ecco, diremmo proprio che se c’è un segreto in tutto questo successo, è anche da ricercarsi nella collaborazione di professionisti preparati e capaci di alzare il livello aziendale. E questa partecipazione del suo Toro nella competizione Europea del calcio dopo tanto tempo di assenza, certifica quanto di buono ha saputo fare il presidente Cairo in questi anni in cui, seppur sbagliando qualche scelta tecnica, è arrivato là dove altri hanno fallito. Dunque, se è vero che il Toro ha meritato di entrare nell’Europa del pallone per meriti acquisiti sul campo, è altresì vero che l’orgoglio dei suoi bilanci ordinati e perfetti hanno saputo fare il resto.

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.651 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210617' or (data='20210617' and ora<='035632'))
    and id_arg = 1013593
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013593NewsCoppeUrbano Cairo, un amministratore perfetto20190702073617Grandi meriti vanno al presidente del Toro, dopo la sentenza del governo del calcio europeo che boccia il Milan nel fair play finanziario. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Tenere i conti in ordine, essere oculati nelle spese, stare sempre allerta sull’acquisizione delle plus valenze societarie, è il primo pensiero nella buona conduzione di un’azienda. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Urbano Cairo,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">presidente del F.C. Torino calcio, di RCS, di Cairo Communication e dell’emittente televisiva La 7</b>, è sicuramente ai vertici nazionali della buona gestione aziendale. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Vincere lo</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">scudetto del bilancio è sicuramente un valore”</b> afferma il presidente Cairo, che fa della saggezza dei conti l’ordine mentale per investire senza tanti squilli di tromba. Così nel F.C. Torino, così a La 7 e così pure in RCS e Cairo Communication. Sempre parsimonioso, sempre attento e ordinato in ogni particolare che si riferisca alle mille voci di un bilancio che non deve mai chiudersi in rosso, ma che al contrario deve brillare per la crescita attiva. E in tutti questi anni i risultati gli hanno dato sempre ragione, nonostante i tifosi della sua azienda granata del Toro lo abbia tacciato di “braccino corto”. Ma Cairo risponde sempre con i fatti e i successi dei conti visti e rivisti forse anche in maniera maniacale ma con grande senso del rispetto, anche per le persone che lavorano nelle sue aziende. Sì, perché il segreto di salvaguardare il proprio posto di lavoro in un’azienda, sta proprio nel successo amministrativo che resta sempre il primo obiettivo da raggiungere. E adesso che il suo Toro è stato ufficialmente promosso a partecipare all’Europa League 2019’20 al posto di un Milan sicuramente impreparato nella buona gestione dei suoi bilanci che sono stati bocciati dal Fair Play Finanziario, ebbene, anche questa volta il Presidente Cairo ha avuto ragione del suo modus operandi. Non vince lo scudetto (almeno, fino a oggi) ma è premiato per la sua lungimiranza contabile. Lui è il primo direttore delle sue aziende, l’amministratore delegato per eccellenza, la figura carismatica cui attingere la metodologia economica e finanziaria di un’azienda. Certo, in tutto questo saggio operare aziendale, c’è sempre la capacità di sapersi avvalere dei personaggi giusti, capaci e soprattutto simili in una forma mentis che debba necessariamente avvicinarsi a quella del presidente. Ecco, diremmo proprio che se c’è un segreto in tutto questo successo, è anche da ricercarsi nella collaborazione di professionisti preparati e capaci di alzare il livello aziendale. E questa partecipazione del suo Toro nella competizione Europea del calcio dopo tanto tempo di assenza, certifica quanto di buono ha saputo fare il presidente Cairo in questi anni in cui, seppur sbagliando qualche scelta tecnica, è arrivato là dove altri hanno fallito. Dunque, se è vero che il Toro ha meritato di entrare nell’Europa del pallone per meriti acquisiti sul campo, è altresì vero che l’orgoglio dei suoi bilanci ordinati e perfetti hanno saputo fare il resto.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711urbano-cairo.jpgSiNurbano-cairo-un-amministratore-perfetto-1013593.htmSi100451001,02,03030304

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013