MANDI SCUFFETT...ANZI NO, CHE SORPRESA!


Da settimane tiene banco il caso Scuffett, voluto dall`Atletico Madrid ma troppo importante per l`Udinese. I tifosi protestano e sembra che poco fa qualcosa si sia finalmente sbloccato.
tempo: 38ms
RSS
Udine, 17/07/2014 -

Neanche a dirlo, la trattativa Atletico Madrid-Scuffett è ormai diventata il tormentone di questo luglio friulano e c'è da aspettarsi che continuerà almeno per parecchie settimane ancora, a meno che non ci siano imminenti svolte tra i club dei Pozzo e i "Colchoneros". 


Oggetto di tanto interesse da parte della squadra allenata dall'ex Inter e Lazio Simeone è il baby-fenomeno bianconero Simone Scuffett, rivelazione nell'ultima parte dello scorso campionato e uscito direttamente dal vivaio udinese. Un autentico gioiellino che nel capoluogo friulano ha difeso i pali con incredibile sicurezza nonostante i suoi appena 18 anni e corteggiato da tantissime squadre. 

Alla porta dello stadio Friuli aveva già bussato tempo fa la Juventus, ricevendo per risposta un no secco che avrebbe dovuto essere da monito anche per gli altri interessati. Invece ai vice campioni d'Europa è andata diversamente, avviando una trattativa con uno dei club più attivi nel calciomercato di quest'estate. Con un'offerta neanche tanto imperdebile, con 5/6 milioni sul piatto che poco valgono in confronto al probabile futuro del numero uno di Remanzacco, da molti esperti considerato come il futuro portiere della Nazionale

Qualche anno fa i Pozzo fecero spallucce a quasi 40 milioni del Bayer Monaco per Alexis Sanchez, lo stesso che poi finì al Barcellona per qualcosa di più, per cui ora c'è veramente da stupirsi se la storica famiglia udinese pensa di cedere il baby-fenomeno per così poco e presto. 

Pare che tra Atletico e Udinese sia già tutto fatto, ieri doveva esserci l'incontro decisivo e la palla è nei guantoni soltanto di Simone adesso. Lasciare casa o andare in uno dei club più forti d'Europa? Bella domanda, cattivi quelli che gliel'hanno fatta. A Madrid guadagnerebbe 3 volte quanto ora a Udine, ossia 900 mila euro a stagione, ma le speranze di vederlo titolare sono molto vane. Sarebbe rischioso mettere tra i pali un ragazzo di diciotto anni alla sua prima esperienza in Europa e probabilmente andrebbe in prestito al Granada (satellite friulano in Spagna) o alla stessa Udinese per un anno. 

Sembra veramente un ironia del destino che, con l'arrivo di un tecnico tanto attento ai giovani come Stramaccioni, sia proprio la speranza italiana di domani per sostituire Buffon a partire. Ma, c'è un ma, non tutto sembra perduto. Poco fa, infatti, "Tutto Mercato Web" ha rivelato che l'affare sarebbe sfumato e che il giocatore resterà quindi a Udine. Amor di patria dei Pozzo o paura dei tifosi inferociti?

Timothy Dissegna