BERLUSCONI STRIZZA L`OCCHIO AGLI INVESTITORI STRANIERI: «LE PORTE SONO APERTE»


«Ibra? non ci mancherà»
tempo: 42ms
RSS
31/07/2012 -

Silvio Berlusconi non parla quasi mai di calcio, ma quando lo fa non dice mai niente a caso: intervistato da Milan Channel l'ex presidente del Consiglio affronta tutti i temi riguardanti la sua squadra.

Berlusconi inizia parlando della crisi: «In passato si potevano comprare grandi giocatori. E' arrivata una crisi senza precedenti e oggi non è più possibile per la mia famiglia versare come fatto ogni anno 50 milioni nel calcio. Non possiamo farlo per il Milan che è una società di entertainment. Anche per questo  non potevamo rifiutare l'offerta del Psg per Thiago e Ibra anche se da tifoso mi piangeva il cuore. Con questo sacrificio i nostri conti saranno a posto per 3-4 stagioni».

Il discorso poi passa alla trattativa che ha portato alla cessione di Thiago Silva e Ibra: «Non volevamo cedere tutti e due e quando Leo ci contattò, dicemmo di no. Poi hanno continuato a insistere e abbiamo pensato che era l'ultimo anno in cui poteva essere avanzata un'offerta del genere. Davanti abbiamo cinque campioni che nessuno può annoverare: Robinho, Cassano, El Shaarawy, Pato e Boateng che per me può fare la punta. Non sentiremo la mancanza di Ibra. In difesa invece crediamo in Acerbi». 

Messaggio del Presidente agli investitori: «Vedo che le squadre che spendono molto sono fuori dal sistema europeo. I loro proprietari vengono dagli Emirati, ma anche per loro arriverà il momento in cui non potranno più spendere. Per quanto riguarda il Milan, le porte sono aperte a chiunque volesse dare una mano alla nostra squadra. Ben vengano gli investitori stranieri».

Battuta finale dedicata alle ambizioni scudetto e, soprattutto, a Kakà: «Scenderemo in campo per essere padroni del campo e del gioco. I nostri tifosi non si vergogneranno della squadra e non è giusto che dirigenza e società non debbano avere la fiducia dei tifosi. Kakà? Non lo escludo ma solo a determinate condizioni. Lui ha fatto la storia del Milan e sarebbe ben accetto se tornasse. Non è detto che chi spende tanto poi vinca. Guardate Abramovic, ha vinto solo quest'anno dopo anni di spese folli».

 

Luca Bonaccorso

Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 0.724 ms
Record Count: 1
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210805' or (data='20210805' and ora<='010100'))
and id_arg = 1007072
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11007072NewsCampionatiBerlusconi strizza l`occhio agli investitori stranieri: «Le porte sono aperte»20120731164121berlusconi«Ibra? non ci mancherà»Silvio Berlusconi non parla quasi mai di calcio, ma quando lo fa non dice mai niente a caso: intervistato da Milan Channel l'ex presidente del Consiglio affronta tutti i temi riguardanti la sua squadra.<BR><BR>Berlusconi inizia parlando della crisi:<EM> «In passato si potevano comprare grandi giocatori. E' arrivata una crisi senza precedenti e oggi non è più possibile per la mia famiglia versare come fatto ogni anno 50 milioni nel calcio. Non possiamo farlo per il<STRONG> </STRONG>Milan che è una società di entertainment. Anche per questo&nbsp; non potevamo rifiutare l'offerta del Psg per Thiago e Ibra anche se da tifoso mi piangeva il cuore. Con questo sacrificio i nostri conti saranno a posto per 3-4 stagioni». </EM><BR><BR>Il discorso poi passa alla trattativa che ha portato alla cessione di Thiago Silva&nbsp;e Ibra: <EM>«Non volevamo cedere tutti e due e quando Leo ci contattò, dicemmo di no. Poi hanno continuato a insistere e abbiamo pensato che era l'ultimo anno in cui poteva essere avanzata un'offerta del genere. Davanti abbiamo cinque campioni che nessuno può annoverare: Robinho, Cassano, El Shaarawy, Pato e Boateng che per me può fare la punta. Non sentiremo la mancanza di Ibra. In difesa invece crediamo in Acerbi».&nbsp; </EM><BR><BR>Messaggio del Presidente agli investitori: <EM>«Vedo che le squadre che spendono molto sono fuori dal sistema europeo. I loro proprietari vengono dagli Emirati, ma anche per loro arriverà il momento in cui non potranno più spendere. Per quanto riguarda il Milan, le porte sono aperte a chiunque volesse dare una mano alla nostra squadra. Ben vengano gli investitori stranieri». </EM><BR><BR>Battuta finale dedicata alle ambizioni scudetto e, soprattutto, a Kakà: <EM>«Scenderemo in campo per essere padroni del campo e del gioco. I nostri tifosi non si vergogneranno della squadra e non è giusto che dirigenza e società non debbano avere la fiducia dei tifosi. Kakà? Non lo escludo ma solo a determinate condizioni. Lui ha fatto la storia del Milan e sarebbe ben accetto se tornasse. Non è detto che chi spende tanto poi vinca. Guardate Abramovic, ha vinto solo quest'anno dopo anni di spese folli». </EM><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>1007858FL0141FL0141berlusconi.jpgSiNberlusconi-strizza-l-occhio-agli-investitori-stranieri-le-porte-sono-aperte-1007072.htmNo100205001,02,03010180

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013