COLPO DI SCENA: CHIESTO PER CONTE UN ANNO E TRE MESI


Agnelli: «E` un sistema dittatoriale»
tempo: 46ms
RSS
02/08/2012 -

Stefano Palazzi ha annunciato che l'ipotesi di patteggiamento per Antonio Conte e Angelo Alessio è caduta definitivamente. Lo stesso procuratore federale ha chiesto anzi un anno e tre mesi di squalifica per entrambi, che ora dovranno difendersi dall'accusa di doppia omessa denuncia.

Ecco la risposta della Juve, attraverso un comunicato emesso sul sito internet bianconero e firmato da Andrea Agnelli:

«Constato che la Federazione Italiana Giuoco Calcio e la sua giustizia sportiva continuano a operare fuori da ogni logica di diritto e di correttezza sostanziale. Per molto tempo e con grande senso di responsabilita' la Juventus e i suoi tesserati hanno mantenuto un atteggiamento sereno e coerente rispetto alle Istituzioni e rispetto ad atteggiamenti che, fin da subito, suggerivano che fosse in atto un nuovo attacco ai suoi danni e ai danni dei suoi tesserati. Le risultanze dei vari deferimenti dimostrano enormi contraddizioni e volgono alla tutela esclusivamente di chi gli illeciti li ha commessi. Questo è paradossale e non può essere accettato. La decisione di ieri della Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC, che ha opposto un non motivato rifiuto al patteggiamento gia' ponderato e sottoscritto dal Procuratore Federale, è la testimonianza della totale inadeguatezza del sistema giuridico sportivo e della Federazione in seno a cui opera. Rilevo nuovamente l'incapacita' di interpretare le moderne esigenze del professionismo di alto livello. Anche avendo scelto, contro ogni istinto di giustizia e con una logica di puro compromesso, la strada del patteggiamento per poter limitare i danni di una giustizia sportiva vetusta e contraddittoria, ci si scontra con un sistema dittatoriale che priva le Societa' e i suoi tesserati di qualsivoglia diritto alla difesa e all'onorabilita'. La rispettabilita' dei singoli è messa a repentaglio ed è quindi a loro che spetta la parola finale sulle decisioni da assumere, con la consapevolezza che la Juventus li sosterrà in tutti i gradi di giudizio. Sarà una stagione complessa ed impegnativa, ma la concentrazione sulle prestazioni in campo della squadra da parte di tutto il nostro ambiente rimane alta con l'obiettivo di confermarci vincenti a maggio 2013».

 

 

Luca Bonaccorso

Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 0.767 ms
Record Count: 1
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210918' or (data='20210918' and ora<='014345'))
and id_arg = 1007140
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11007140NewsCampionatiColpo di scena: chiesto per Conte un anno e tre mesi20120802163026conteAgnelli: «E` un sistema dittatoriale»Stefano Palazzi ha annunciato che l'ipotesi di patteggiamento per Antonio Conte e Angelo Alessio è caduta definitivamente.&nbsp;Lo stesso procuratore federale ha chiesto anzi un anno e tre mesi di squalifica per entrambi, che ora dovranno difendersi dall'accusa di doppia omessa denuncia.<BR><BR>Ecco la risposta della Juve, attraverso un comunicato emesso sul sito internet bianconero e firmato da Andrea Agnelli:<BR><BR><EM>«Constato che la Federazione Italiana Giuoco Calcio e la sua giustizia sportiva continuano a operare fuori da ogni logica di diritto e di correttezza sostanziale. Per molto tempo e con grande senso di responsabilita' la Juventus e i suoi tesserati hanno mantenuto un atteggiamento sereno e coerente rispetto alle Istituzioni e rispetto ad atteggiamenti che, fin da subito, suggerivano che fosse in atto un nuovo attacco ai suoi danni e ai danni dei suoi tesserati. Le risultanze dei vari deferimenti dimostrano enormi contraddizioni e volgono alla tutela esclusivamente di chi gli illeciti li ha commessi. Questo è paradossale e non può essere accettato. La decisione di ieri della Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC, che ha opposto un non motivato rifiuto al patteggiamento gia' ponderato e sottoscritto dal Procuratore Federale, è la testimonianza della totale inadeguatezza del sistema giuridico sportivo e della Federazione in seno a cui opera. Rilevo nuovamente l'incapacita' di interpretare le moderne esigenze del professionismo di alto livello. Anche avendo scelto, contro ogni istinto di giustizia e con una logica di puro compromesso, la strada del patteggiamento per poter limitare i danni di una giustizia sportiva vetusta e contraddittoria, ci si scontra con un sistema dittatoriale che priva le Societa' e i suoi tesserati di qualsivoglia diritto alla difesa e all'onorabilita'. La rispettabilita' dei singoli è messa a repentaglio ed è quindi a loro che spetta la parola finale sulle decisioni da assumere, con la consapevolezza che la Juventus li sosterrà in tutti i gradi di giudizio. Sarà una stagione complessa ed impegnativa, ma la concentrazione sulle prestazioni in campo della squadra da parte di tutto il nostro ambiente rimane alta con l'obiettivo di confermarci vincenti a maggio 2013».</EM> <BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>FL0141FL0141sdpojw.jpgSiNcolpo-di-scena-chiesto-conte-un-anno-e-tre-mesi-1007140.htmSi100205001,02,03010330

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013