TORINO, UNA VACANZA ESTIVA PER I GIOVANI TRA FONDAMENTALI DI CALCIO E FORMAZIONE


Non c’è presente e futuro senza il passato, così nella vita come nel calcio
tempo: 30ms
RSS
22/03/2013 -

Non c’è presente e futuro senza il passato, così nella vita come nel calcio. Tra i tanti incontri interpersonali capaci di arricchire e dare risposte a domande che talvolta ci poniamo con curiosità, c’è la conoscenza di personaggi leggendari la cui storia va sempre a beneficio dell’informazione. Il calcio, questo straordinario mezzo di aggregazione sociale, questa insostituibile opportunità di relazioni e conoscenze che si integra perfettamente al gioco del pallone che ci fa spesso arrabbiare, penare, soffrire, andare in escandescenze, abbatterci e poi gioire, sognare e abbracciarci per un gol, ha un significato profondo legato a una storia dalle origini molto lontane, che ci è stata tramandata da tante generazioni. Una storia fatta di calcio, quella della famiglia Gabetto, una leggenda che comincia con Guglielmo, prosegue con il figlio Pier Luigi (da tutti conosciuto con il nome di Gigi) e continua ancora con il nipote Guglielmo. E chi meglio di loro può insegnarci la passione e i segreti del pallone? Nessuno. Il dr. Pierluigi Gabetto, figlio del mitico Guglielmo Gabetto, centravanti della Nazionale e della leggenda rappresentata dal “Grande Torino”, nel 1982 fonda a Torino una delle prime scuole calcio italiane di grande spessore tecnico e organizzativo mirata soprattutto alla formazione dei giovani, intesa più come fatto educativo di correttezza e rispetto dell’avversario che come agonismo vero e proprio. Nascono così nel 1985 gli stage estivi, vere e proprie pietre miliari delle vacanze dedicate al calcio, che è il fulcro e il motivo trainante di aggregazione e divertimento. Un progetto che ha immediatamente riscontrato un boom di iscrizioni e di adesioni partecipative dei migliori istruttori di calcio quali, Agroppi, Benetti, Bagni, Rampanti, Salvadore, Fossati e Lido Vieri, subito coordinati dal presidente dell’attuale Summer Sport dr. Gigi Gabetto. Manager sportivo laureato in Scienze Politiche, calciatore professionista di Juventus, Perugia, Cesena, Arezzo, Frosinone e Novara, Gabetto è stato dirigente accompagnatore della Prima Squadra del Torino calcio e poi responsabile del Settore Tecnico Giovanile della stessa società granata dal 1994 al 1999. Un periodo storico eccellente per il Torino calcio, che vantava il miglior settore giovanile di tutta Italia. E, grazie anche all’indiscussa esperienza conseguita nel seguire ed educare i giovani calciatori del Torino, Gigi Gabetto ha incrementato e perfezionato l’organizzazione dei suoi stage estivi, dove hanno partecipato giocatori quali Nesta, Di Vaio, Balzaretti, Possanzini, Grabbi, Faraoni. Ma oltre al calcio, per potere privilegiare anche la parte femminile nella vacanza estiva degli stage, si è pensato di organizzare anche corsi di tennis, volley, basket, equitazione, danza e multisport, coordinati da tecnici specializzati. Quest’anno, Summer Sport è giunto alla sua 29ma edizione con un successo di adesioni che, anno dopo anno, ha determinato l’innegabile qualità d’insegnamento nella formazione di ragazzi che amano divertirsi giocando insieme non solo a calcio. Tre sono le località dove dal 23 giugno al 4 agosto 2013 i ragazzi si troveranno per trascorrere allegre settimane estive fatte di gioco e spensieratezza: Oulx e Sauze D’Oulx in provincia di Torino e poi a Roccaraso in provincia dell’Aquila, dove però sono previste soltanto due settimane di stage. Ma, a riprova del sempre maggiore impegno e successo ottenuto in tanti anni dai soggiorni estivi giovanili di Summer Sport, oggi c’è pure CITY CAMP G.Gabetto. Un altro fiore all’occhiello, un altro progetto di attività sportive per giovani, la cui fascia d’età va dai 6 ai 18 anni, creato appositamente per coloro i quali per comodità o perché non possono, preferiscono restare tra le mura della bella città di Torino.  Basket, volley, danza, multisport, tennis, calcio e tanto divertimento, per un periodo che va dal 17 giugno al 2 agosto 2013. I centri estivi sono dislocati presso il Centro Sportivo Salus Cup, via Gottardo 10 a Torino e il Centro Sportivo Atletico Gabetto, Strada delle Cacce 38/22 Torino. Coloro i quali volessero avere maggiori informazioni possono visitare il sito www.summersport.it . Per quanto ci riguarda, possiamo dire di essere testimoni della forte crescita avuta negli anni dagli stage estivi organizzati da Summer Sport e dal suo presidente Pier Luigi Gabetto. Una qualità professionale indiscutibile che, come dicevamo, è la garanzia della lunga storia generazionale della famiglia Gabetto, capace di tramandare e mettere al beneficio dei giovani la lunga esperienza di seri professionisti maturata nel settore dello sport.  E’ un sentire comune, quello della famiglia Gabetto, quasi fosse una missione da compiere nel contribuire in modo fattivo nella crescita sociale dei giovani. Un pallone che rotola nel rettangolo verde del campo di calcio o il suono ovattato di una pallina da tennis che sbatte tra due racchette, può significare molto, anche l’allontanamento da certe tentazioni di avvicinamento alla droga, capaci di manifestare tutta la fragilità umana soprattutto nella fase di crescita fisica e mentale dei ragazzi. Una filosofia, dunque, capace d’impartire ai giovani l’importanza dello sport inteso sì, come gioco e spensieratezza, ma anche come formazione e crescita personale nell’approfondire i segreti dei fondamentali del pallone e della vita. Tutto questo al Summer Sport si trova, perché questa è la vera casa degli stage estivi.
 
Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro