COMPETENZA TECNICA E LEGGEREZZA DI SCRITTURA. QUESTO ERA MARCO ANSALDO


Grande tristezza per la scomparsa della prima firma sportiva de La Stampa
tempo: 40ms
RSS
Torino, 17/10/2014 -


E’ morto Marco Ansaldo, una grande firma sportiva de La Stampa di Torino. Ci ha lasciato a 58 anni d’età colpito da un infarto durante una passeggiata con i suoi amici in provincia di Asti. Ad un tratto il suo cuore ha smesso di battere e la sua penna, che per anni ci ha deliziato della sua grande professionalità, resta la metafora di una carriera esemplare per tanti giovani che desiderano intraprendere il mestiere di giornalista. Ansaldo è stato alla Stampa fin dal 1991, dedicando la sua passione per lo sport in genere, il calcio, il ciclismo e la scherma in particolare. Giornalista attento, di poche parole, andava al sodo descrivendo i fatti sportivi con assoluta minuziosa capacità. Ricordo ancora quel suo pezzo scritto in occasione della conquista di Coppa del Mondo di calcio. Era il 10 luglio 2006 e l’Italia si era appena laureata Campione del Mondo. “Sembra incredibile, tanto che stentiamo a raccontarlo per il timore che qualcosa non torni, che il penalty di Fabio Grosso, una faccia dell’Italia modesta, sia da ripetere, da ribattere, da sbagliare, e quello di David Trezeguet da ripetere, da ribattere, da segnare perché non è possibile che gli azzurri abbiano vinto la Coppa del Mondo ai calci di rigore, la cosa che mai nessuno ha insegnato a calciare quando i nervi devono restare gelidi. Campioni del Mondo, non come l’ultima volta, con l’urlo di Tardelli, ma con il rantolo della fatica”. Marco scriveva così, emozionava e al contempo descriveva fedelmente ciò che i suoi occhi avevano visto  e il suo cuore aveva percepito. Ci siamo incontrati più volte nelle varie conferenze stampa cui abbiamo assistito per scrivere di calcio. Non ci conoscevamo personalmente, ma io leggevo sempre cosa egli scriveva. Era armonica la sua scrittura e soprattutto lo trovavo competente in larga misura sui giochi olimpici, sui quali riusciva a informare correttamente sia di ciclismo, scherma, pallavolo, canottaggio e tanti altri sport legati al mondo olimpico. Una grande capacità professionale che faceva la differenza, una differenza descritta con la D maiuscola. Un esempio per tanti pseudo informatori che badano alla fretta senza appurare la veridicità della notizia. Eppure si finisce così. In un attimo vanno in fumo anni di sacrifici, di incazzature, di piccole soddisfazioni, di ricerca affannosa di dimostrare attraverso la propria professione, che il sacro fuoco che si ha dentro per il proprio lavoro è qualcosa da mettere al servizio degli altri e non tenerlo egoisticamente per sé stessi. Grazie Marco, per quello che mi hai insegnato.

Salvino Cavallaro   



Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.646 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210804' or (data='20210804' and ora<='232024'))
    and id_arg = 1013007
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013007NewsCampionatiCompetenza tecnica e leggerezza di scrittura. Questo era Marco Ansaldo20141017161541Grande tristezza per la scomparsa della prima firma sportiva de La Stampa<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E’ morto Marco Ansaldo, una grande firma sportiva de La Stampa di Torino. Ci ha lasciato a 58 anni d’età colpito da un infarto durante una passeggiata con i suoi amici in provincia di Asti. Ad un tratto il suo cuore ha smesso di battere e la sua penna, che per anni ci ha deliziato della sua grande professionalità, resta la metafora di una carriera esemplare per tanti giovani che desiderano intraprendere il mestiere di giornalista. Ansaldo è stato alla Stampa fin dal 1991, dedicando la sua passione per lo sport in genere, il calcio, il ciclismo e la scherma in particolare. Giornalista attento, di poche parole, andava al sodo descrivendo i fatti sportivi con assoluta minuziosa capacità. Ricordo ancora quel suo pezzo scritto in occasione della conquista di Coppa del Mondo di calcio. Era il 10 luglio 2006 e l’Italia si era appena laureata Campione del Mondo. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Sembra incredibile, tanto che stentiamo a raccontarlo per il timore che qualcosa non torni, che il penalty di Fabio Grosso, una faccia dell’Italia modesta, sia da ripetere, da ribattere, da sbagliare, e quello di David Trezeguet da ripetere, da ribattere, da segnare perché non è possibile che gli azzurri abbiano vinto la Coppa del Mondo ai calci di rigore, la cosa che mai nessuno ha insegnato a calciare quando i nervi devono restare gelidi. Campioni del Mondo, non come l’ultima volta, con l’urlo di Tardelli, ma con il rantolo della fatica”. </b>Marco scriveva così, emozionava e al contempo descriveva fedelmente ciò che i suoi occhi avevano visto<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>e il suo cuore aveva percepito. Ci siamo incontrati più volte nelle varie conferenze stampa cui abbiamo assistito per scrivere di calcio. Non ci conoscevamo personalmente, ma io leggevo sempre cosa egli scriveva. Era armonica la sua scrittura e soprattutto lo trovavo competente in larga misura sui giochi olimpici, sui quali riusciva a informare correttamente sia di ciclismo, scherma, pallavolo, canottaggio e tanti altri sport legati al mondo olimpico. Una grande capacità professionale che faceva la differenza, una differenza descritta con la D maiuscola. Un esempio per tanti pseudo informatori che badano alla fretta senza appurare la veridicità della notizia. Eppure si finisce così. In un attimo vanno in fumo anni di sacrifici, di incazzature, di piccole soddisfazioni, di ricerca affannosa di dimostrare attraverso la propria professione, che il sacro fuoco che si ha dentro per il proprio lavoro è qualcosa da mettere al servizio degli altri e non tenerlo egoisticamente per sé stessi. Grazie Marco, per quello che mi hai insegnato.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711foto-ansaldo.jpgSiNcompetenza-tecnica-e-leggerezza-di-scrittura-questo-era-marco-ansaldo-1013007.htmSi100451001,02,03030676

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013